Skip to main content

Full text of "Protocollo della Repubblica romana. Collezione degli atti, indirizzi e proteste trasmesse all'Assemblea ed al governo dopo l'invasione francese"

See other formats


image 

not 

a va il ab le 



Digitized by Google 


Oigllized by Google 


PROTOCOLLO 

•• 

DELLA 

REPUBBLICA ROMANA 


COLLEZIONE 

DEGLI ATTI INDIRIZZI E PROTESTE 

TRASMESSE 

ALL’ASSEMBLEA ED AL GOVERNO 


DOPO L’mVASIONE FRANCESE 



Digitized by Google 



A CHI LEGGERA’ 



Al primo annuncio che un’armata straniera col ba- 
cio della fratellanza, avea violato il territorio della 
Repubblica; al primo grido d'allarme mandato dall’ As- 
semblea e dai Triumviri concordi nel protestare con- 
tro a codesto abuso della forza, a codesto oltraggio re- 
cato alla buona fede del popolo; da tutte le parli del- 
lo Stato sorse un fremito d’indignazione, contro l’in- 
vasore, e una parola d’aflcllo verso il Governo che 
s’apprestava a combatterlo. 

i Municipj di recente costituiti dal voto popo- 
lare, provocali, o con mene secrele, o con aperta vio- 
lenza a separarsi dal Governo della Repubblica, e a 
dichiararsi per una ristaurazione papale, congregali 
in Consiglio, quali per invito de’lVesidi , quali per 
proprio istinto, rogarono la loro adesione alla Repub- 
blica accompagnandola colle più calde proteste di voler 
accettare qualunque sagrilicio, e aflrontare per essa 
qualunque pericolo. 

Le milizie Nazionali de’varj paesi fecero lo stes- 
so; e s’ aflrcltarono a correr su Roma per avvalorar 
le parole co’ falli. Non parliamo dei Circoli che fu- 
rono sempre il centro delle più generose risoluzioni, 
e il focolare dc'più nobili eccitamenti. 1 loro indirizzi, 
varj di stile e di forma, ma unanimi nel concetto , 



IV 


attestano ad un tempo l'ardore repubblicano e la col- > 

tura di un popolo sorto gigante dall’abiezione di tanti I 

secoli. i 

Oltre ai corpi collcttivi, alcune province , come i 
quella di Viterbo e di Camerino, vollero far atto di 
adesione più esplicita sottoscrivendo una formola di 
giuramento, e mandando numerose liste di nomi, senza 
pensare, o meglio senza curare, che il Governo ebe si 
tentava restaurare le avrebbe considerate come al- | 

treltante tavole di proscrizione. Abbiamo fra questi 
centinaja di nomi femminili, più notabili in questa cir- 
costanza, perchè attcstano in modo solenne lo spirilo 
universale e quanto profondamente si è radicalo fra 
noi lamore delle libere istituzioni. 

Codesti alti onorevoli di mano in mano che 
giugnevano a Roma, si lessero all’ Assemblea e si ^ 

stairijiarono sul Foglio ulliciale : ma il loro nuniei o 
veniva di giorno in giorno crescendo per modo, che 1 

il foglio era bieve, e angusto il tempo delle torna- ! 

le per esaurirli. Di qui nacque l’idea di raccoglierli 
insieme, c compilarne un volume col titolo di Rro- , 

tocollo della Repubblica. Il quale Ib’otocollo noi oppo- •! 

niamo a quelli della Diplomazia europea congiurata 
a calunniare le nostre popolazioni, per di.sporre di esse 
come di una mandria di pecore, a prolitto del di- 
spotismo dinastico e clericale. 

I protocolli diplomatici sono orditi a Gaeta, tra 
i vecchi agenti dell’ assolutismo , e i successori di 
RulTo. 1 protocolli diplomatici sono meditati nel se- 
creto e nell’ ombra, come si conviene ad un’ opera i 

delle tenebre, e ad un patto liberticida. 1 nostri sono ^ 

emessi alla luce del sole , e labi, a nelle pubbliche 
piazze, come i liberi plebisciti di Roma; i nostri si 
dettarono solfo la pressio»)c del pericolo, sotto la 
minaccia austriaca e borbonica, la vigilia dell’ inva- \ 


Digìtized by Google 


V 


siane, al suono dell artiglieria nemica che s’appres- 
sava. Nessun pontefice , nessun re potè vantare al- 
trettanto, nè pure ai tempi più cavallereschi c più 
ligi alla Curia romana. 

Quando, pochi dì sono, un invialo straordinario 
di Francia gingneva desideralo fra noi, ad appurare 
i falli, che la calunnia aveva si stranamenle Iravolli, 
e riferire sulle vere condizioni dello Sialo Uoinano, 
il Triumviro Mazzini gli accompagnò con una sua 
noia ammirabile per franchezza e per senno politico, 
la lista di questi preziosi documenti , i quali baste- 
rebbero soli a mostrare di quanti si compone quel 
pufftio di faziosi contro i quali si leva l’Europa, qual 
è lo spirilo delle nostre popolazioni, e quali i suoi 
sentimenti, sia per i! governo decaduto, sia per quello 
che fu inaugurato sulle sue sanguinose ruine. Citia- 
mo le sue parole : 

c Oscure minacce, e difetto sopratutlo d’educa- 
zione politica, arca distolto un certo numero di elet- 
tori dal contribuire alla formazione dell’ Assemblea : 
il che parve ad alcuni indebolisse l’espressione del 
volo generale. Ma un secondo fallo caratteristico ven- 
ne a sciogliere in maniera irrefragabile questi dub- 
bi. Poco innanzi alla istallazione del Triumvirato, fu- 
rono rieletti i Municipj. E lutti volarono. Ora i Mu- 
nicipi rappresentano sempre e da per tutto l’elemen- 
to conservatore dello stato; onde v’ebbe luogo a teme- 
re che potessero rappresentare fra noi l’elemento re- 
trogrado. Ebbene. Il turbine era scoppiato ; 1’ inter- 
venzione iniziala. Si sarebbe detto che alla repub- 
blica pochi giorni di vita ornai rimanevano , ed ec- 
co i Municipj cogliere questo momento per far attp 
di adesione spontanea alla forma proclamala dall’As- 
cemblea. Negli ultimi giorni d’Aprileenei primi di 
Maggio agl' indirizzi de’ Circoli e della Guardia nazio- 


Digitized by Google 



VI 


naie s’' aggiunsero ; salvo poche eccezioni , quelli di 
tutti i Municipj ; ed eccone la lista , o Signore , che 
ini fo un pregio di porvi sott’ occhio. Tulli ad una 
voce proclamano la Repubblica , tutti riconoscono in- 
compatibile r unione dei due poteri. E questo , Si- 
gnore , è un fatto capitalissimo : è una controprova 
legale che conferma la prima e consacra il nostro 
diritto nel modo più esplicito ed assoluto. « 

Queste verità , ebbero nei fatti darmi die ven- 
nero appresso , nello slancio unanime ed eroico delle 
popolazioni una testimonianza, c come un suggello di 
sangue, che Najioli e Francia e l’Austria medesima, re- 
spinta per otto giorni dal popolo inerme deirinfelice Bo- 
logna, non oseranno impugnare. Ma i fatti d’armi, fa- 
vorevoli o tristi , sono sovente paralizzali da una vit- 
toria 0 da un disastro liliale. £ quel tesoro di valo- 
re che abbiam dispiegalo, forse potrà tornare inefii- 
cace contro ai nemici affratellati e molli. Il piede 
straniero , e la vendetta prelatizia potrà forse con- 
taminare por poco questo sacro terreno bagnalo dal 
sangue di tanti martiri : ma questo libro starà, que- 
sto libro dove stanno consegnali i nostri diritti , e i 
nostri voleri , sofl'ocati dalla violenza , e compressi 
daU’arini congiurate delle potenze cattoliche; ma non 
dimenticabili dalla storia , c semenza immortale di fu- 
turo trionfo. 

Ma se r Europa gitlcrà uno sguardo su que- 
sti protocolli d’un |iopolo libero , se la luce del vero 
si farà strada , non dirò fra i gèlidi gabinetti , ma 
al cuore e ali’intelietlo de’popoli ,, l’Europa smette- 
rà Tarmi fratricide, e noi avremo vinto. Ee nostre sor- 
ti si stanno agitando nell’ urna della Provvidenza. Noi 
ci presentiamo con questi documenti in una mano, 
colla spada sguainata nell’altra. La giustizia e la ve- 
rità polrapno venir ecclissate, ma non già spente per 


Digilized by Googlc 


VII 


sempre. Noi vinceremo , o almeno avremo lasciato 
a’ nostri nepoti un testamento d’onore, un patrimo- 
nio di libertà da rivendicare quando che sia. 

Roma 23 Maggio 1 849. 


F. DALL’ONGARO 

RAPPRESENTAVATE DEL POPOLO 




AVVERTENZA 


L’urgenza di presentare in qualunque modo riuniti 
questi documenti, nei quali sta la più forte c la più legit- 
tima confutazione della politica cattolica riguardo a noi, ci 
ha fatto passar sopra all’eleganza della forma, c alla possi- 
bile integrità della collezione. Molti atti non ci sono perve- 
nuti, alcuni forse ne avremo omessi. 

I Munici})) che avessero qualche reclamo a fare, qual- 
che lacuna a riempiere, possono farlo, giacché ci proponia- 
mo di fare una seconda edizione , meno affrettata e cor- 
redata d’altre illustrazioni intorno agli Alti più vitali della 
nostra Repubblica. 


Digitized by Gdogle 


ROHÌA 

E 

COIIABCA 






Digitized by Google 

i 


( 3 ) 

COMUNE DI ROMA 


8. P. Q. R. 


iSi certifica dal sottoscritto Segretario del Comune di Roma 
che nella tornata del nuovo Consiglio municipale dei di 26 Apri- 
le 4849, il Consigliere cittadino Cesare Agostini fece la seguente 
proposizione : 

,, Che il primo atto della Municipalità romana sia dichiara- 
,, re che si fa interprete della volontà del popolo, aderendo alle 
,, generose risoluzioni prese dai poteri costituiti per difesa del- 
,, l'onore e della libertà del popolo, e questa dichiarazione sia 
,, parte integrante del programma municipale da farsi e pubbli- 
,, carsi subito. „ 

La quale proposizione posta a partito fu approvata alla una- 
nimità. . 

La Magistratura incaricata della compilazione del program- 
ma volle associarsi a tale effetto i Consiglieri Agostini, Scifoni 
e Sani; . e stabilito che quest' atto sarebbesi pubblicato nel giorno 
di domani, radunanza venne dìsciolta. 

In fede ec. 

Dal Campidoglio, il 22 Maggio 4849. 


Giuseppe Rossi Segretario 


a 2 


Digìtized by Google 



( 4 ) 

S P Q R 


ROMAÌNI 


La prima parola che vi (lirij'c il vostro ^riinicipio è pa- 
rola di Ki>al‘ludiiic. Noi vi siamo rir.onoscenli di averci cre<luli 
degni di rapprescnlare gl’ inleressi di questa inclita Città in tali 
momenti, die sembrano destinali da Dio a renderla nuovamente 
gloriosa fra tutte le città della terra. 

Noi dal Campidoglio abbiamo volto lo sguardo sui grandi 
monumenti che lo circondano, e abbiamo compreso, clic le sante 
memorie dei padri nostri sono ben più che un ricordo d’inge- 
gno e di arte ; essi sono una istoria, una ispirazione. 

Noi abbiamo veduto la concordia fia voi, c abbiamo preso 
fidanza che serbandola sempre, tulli quanti verranno migliorali 
gl’ inleressi morali ed economici del Popolo. 

Noi abbiamo udito la voce del POPOLO colla quale rispon- 
ilesle alle generose risoluzioni prese dai Poteri costituiti della 
Repubblica per difesa dell’ ocor vostro c della vostra libertà. 

Fu quella una voce concorde la rpialc. ben rispose alla ca- 
lunnia che vi lanciavano gli stranieri, che voi vi trovaste im- 
mersi nell’anarchia. Nell’anarchia? Il vostro ?Iunìcipio, dichia- 
ra innanzi al Mondo che il Popolo Romano è stato sempre, ed 
è nell’ Online c nella concordia. 11 vostro Municipio, tutore del- 
l’onor vostro, lo ripete ; l’accusa è una calunnia; mai corsero 
per Roma gioimi più tranquilli in mezzo a difficoltà di cui noa 
ebbe mai le maggiori. 

ROMANI pei'severatc ! 

Dal Campidoglio il 27 Aprile 1849. 

VIVA LA REPUBBLICA 


Francesco Sturbinetti Senatore 
Lunati Giuseppe 
Gallieno Giuseppe 
Galeotti Federico 
De Andreis Antonio 
Piacentini Giusei>pe 
< 01 boli Curzio l 

Fcliciani Alceo t 

Tittoni Angelo i 

Giuseppe Hossi Segretari» 


> Conservatori 


Digitized by Coogle 



REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

AI RAPPRESENTANTI DEL POPOLO 
DELL’ASSEMBLEA COSTIIDENTE ROMANA 


I Componenti il Municipio, la Guardia Nazionale, ed il 
Popolodi MAGLIANO IN SABINA, fermi, e consegnenli ai 
principi di amore e di attaccamento verso il Governo della 
REPUBBLICA ROMANA, prestano pienissima adesione alla 
protesta contro l’inva-ione Francese, emanata dall’Assem- 
blea Costituente Romana nel giorno aS Aprile 18^9 in pub- 
blica seduta, ora una pomeridiana. Ciò dichiarano solenne- 
mente, e con animo deliberato, e pronto a sostenere e di- 
fendere i propri diritti, e la REPUBBLICA. 

NEMESI ANO MASINI Cove natore 

VALENTINO ORSOLINI Gonfaloniere 

Giovanni /Omerici At ziano, e Capitano Aiutante Mag- 
giore Membro dei Comitato 
Francesco Moretti Anziano , e Tenente Qnartier Ma- 
stro del 5. Battaglione Sabino^ e membro del Comi- 
tato di pubblica sorveglianza 
Giacomo Manzoni Consigliere 
Jìitore Serafini Consiglure 
Giuseppe Fatati Consigliere 
Enrico Sabatini Consigliere, e Milite Nazionale 
Gio. Filippo Consigliere^ e Membro del Comitato 
di pubblica Sorveglianza 
Francesco Mela Consigliere e Milite Nazionale 
Giuseppe P anetta Consigliere e Milite N azionale 
Gio. Battista Attili Consigliere e milite Nazionale 
Giuseppe Bnrtoli Segretario Comunitalivo 
Angelo Orsolini Tenente Colonnello del 5. Battaglione 
Sabino , e membro del Comitato di pubblica Sorve- 
glianza 

Angelo Paoletti Tenente 

Stefano Leti Tenente^ e Membro del Comitato di pubblica 
sorveglianza 
Antonio Dosio Sergente 
Giuseppe Reali Sergente 

a 3 



Pietro Ava ini Caporale 
Clementi Carlo Caporale 
M. picchi Officiale Sanitario 
Marzio Martini Caporale 
L> Beninense Ufficiale Sanitario 
Monconi Pietro Caporale Nazionale 

Visto per la legalità delle suddette firme. 

Magliano liag Aprile i84g. 

V.^LENTIifO ORSOLIiNI Gonfaloniere 


MAGISTRATURA CIVILE 
E GUARDIA NAZIONALE DI CORI 

i aderendo pienamente ai sensi espressi dall’ As- 

sembleo Costituente nella Protesta del i:5 Aprile anno corrente 
contro l’invasione Francese del Territorio della Repubblica , 
giurano seppellirsi fra le rovine della Patria, anzi che nuova- 
mente piegare il collo all' abborrito gioco, che lo Straniero 
Torrebbe imporci. \'"iva la Repubblica. 

Cori 27 Aprile 1849. 

CaiK Cataldi Passoni Gonfi, e Direttore de! Circolo 

Fabrizio Pasquali Anziano 

Ignazio Pasquali A iziavo 

l.orenzo Masalai Consigliere 

J.uigi M. Zampini Cons. 

Angelo Manari Consig. 

Francesco Caniessali Consig. 

Saverio Coronali Consig. 

Giacomo l'onìinasi Consig. 

Francesco Chiari Consig. 

! Stefiano Marroni Consig. 

Ignazio Caucci Malora Consig. 

Costantino Zampini Sergente 
Alessandro Cataldi Passoni Penente della Nozion. 
Carlo Conti Penente della Guardia Nazionale 
Giovanni Cataldi Penente 
Giuseppe Manari Sotto Tenente 


Digitized by Googl 


(7 ) 

'Antonio Sneider Capitano 
Antonio Locali 

Marco Cariai Malora Capitanq 

Prancesoo C'iacaacci 
Pietro Bernardi „ ^ 

Vincenzo Diomcdi Governatore 
Michele Ve Bossi Cancelliere 
Filippo facoangeli Cancelliere 
J'ommasa Chiarì 
Francesco or) 

Pietro Tornassi 
Antonio Anelli Milo 

Cro'^ce di Càmponelli Bitsebio Carabinier , 
Lprenv'rii Cesare Carabiniere 
Croi^ce di Ruga Giuseppe Carab- 
Crocee di Nepili Bonaventura Carab. 

Pietro BaJJì 
^arcq M. Zamoini 
ffomenico Corradini 
Luigi Lucati Custode 
Giuseppe Corradini Sergente 
Fedeiico MolgiU 
Qiuseppe Cfiiappara- 


♦,)! / 


AGLI STUDENTI 
PELLA REPUBBLICA FRA?^CESE. 

GLI STUDEÌSTI 

DELLA REPUBBLICA ROMA>A 


, U Oi pTle’ Stórni nS 

Cipalroenle ma-^-iorf riconobbero auspicii cd amli 

Stona. Da ^ ,.nnrAfle Tonpressorc tedesco, e per fon- 

• ner cacciare da queste con ^ PP i’.,rr>orc della liberlà che 

e difendere siali ^ihcn pop l. • temporale dei papi, 

; fervea 11’ Jn am co’ re vostri, seppero 

la quale sali, np^nHo^nalori delle sue franchigie. Ma dal 

farsi credere al P®P® J^i„po”<»iarono all’impero, onde la Lom- 

^ rS. aeU'offico ...n. 


Digitized by Google 


tuale, tinto più parve non essere in loro possibile il princi- 
pato civile. 

La virtù e g|i sforzi stupendi della gloriosa Firenze non 
valsero contro il furore ed il numero ; ma si potè fin d’allora 
prevedere, che se mai fosse venuto il tempo della riscossa non 
javremmp avuto posa finché non fpsse tolta via la doppia ca- 
gione della nosti’a dipcndcn;ui. Il tenipo venne, c da voi ne 
sorse l’aurora di un lurninosissimo giorno, che cadde ad infe- 
lice tramonto. A voi dobbiamo saper grado dell’ averne gene- 
rosamente riportati i semi della iibertà ; vi è noto come fos- 
sero accolti, e coinè fruttificassero in (juesta terra nostra. En- 
trammo dietro voi ad una vita nuova di operosità ; ci seppe 
bello farci col sangue nostro partecipi delle vostre glorie , e 
rannodare sui campi di battaglia i legami di fratellanza. Ma 
quando la fortuna vi si yplse in contraria, e alfa proscritta 
inonarchia vi rispgcltò la prepotenza straniera, quanto più dura 
non fu la nostra sorlp? Guardammo intorno, e ci pesò sul- 
l’anima la vista delle ruine di <jue’ tre ultimi tcmph> ove sul 
lido adriatìco, e sul tirreno» e per me^zp aU’amcnà pianura ir- 
rigata dal Serchio, solco ardere la sacra fiamma di libertà, la 
quale avrebbe potuto quando che fosse, ravvivarsi, e diffondere 
la sua luce dall’Alpe al Lilibèo. L’Aquila grifagna , si ghermì 
ne’ suoi artigli la parte più ricca c più forte del nosliH) paese ; 
coperse sotto alle nere sue ali tutto all’intorno, ed a sua voglia 
fè strazio dcH’universa nostra famiglia. Vi levaste contro l’ope- 
ra della prepotenza straniera ; in tre di la disfaceste ; c noi spe- 
rammo, che dovess’ essere per sempre disfatta anche per noi. Ma 
il re sorto dalle vostre barricate per assicurare la pro[)ria dina- 
{Stìa si patteggiò coi vostri, e coi nostri nemici, e sul Tal lare che 
egli intitolò della pace, ma che dovea dirsi piulloslo della re- 
gia viltà, immolò l’Italia, immolò la Polonia , c fè ricadere 
sulla Francia i’onla di aver assistilo coU’armi in braccio al mi- 
serando spettacolo del sacridcip dpllP sue sorelle. INon patiste a 
lungo l’abbiczionc, al}a quale quel perfido vi avea condotti; crol- 
laste il trono da vpi mcdpsimi malauguralaincnle crollo : vi ri- 
vendicaste in piena libertà. Dalla vostra tribuna mosse una voce 
di conforto per noi ; ma ben tosto riioasc soffocata, e per poco 
pon afibianio a temere che alle vostre promesse riescano affatto 
pontrarj gli clfetli. A voi pi vplgiaqiQ, p giovani, a’ quali la co- 
munanza delle discipline ci fà concittadini d’una medesima Ue- 
pubblipi: a voi, che per gli studj vostri siete la mente, per 
l’età siete ja forza della nazione : a voi, che ne’voslri consi- 
gli cercate quel che è bene comunemente, non quel ch’è utile 
per voi stessi: a yoi, cui palpila in petto un cuor franco t 


generoso : a voi che vi siete consacrali al trionfo di un princi- 
pio, che ben intendete non potersi consolidare se non per mie 
cospirazione universale di popoli. Sostcrrelc voi che la Francia 
Repubblicana più che nelTalleanzii de’popoli anelanli a libertà 
si confidi nelle pratiche cogli oppressori perpetui della libertà 
vostra c di tulli i popoli ? Soslcrrele voi che la vostra repub- 
blica fra tanto coininuovcrsi ed agitarsi di genli per risorgere 
a nazionalità, dimentica della propria virtù, non curante de’suoi 
alti destini, non pigli roccasionc che la fortuna ora le offre di 
acquistarsi il glorioso titolo di redentrice deiruinanilà? Facendo 
dai nostri ragione dei vostri sentiinenti, non possiamo ciò cre- 
dere di voi. F per ciò che risguarda noi specialmente , non ci 
cape nell’animo, che possiate mai consentire, che abbiamo a ser- 
bare più grata memoria, e più desiderio della vecchia Francia 
reale, che della nuova repubblicana. Ouindi non dubitiamo, che 
voi non siale per porre ogni opera, allinchè al sospiralo conse- 
guimento deirindipendenza, e della libertà della Patria non ci 
fallino quc’validi aiuti, che c'imprometliamo dalla vo.stra na- 
zione, nella quale, mercè relTicacia dell’ opera vostra, prevarrà 
ad ogni altro men nobile affetto, il giusto orgoglio della ge- 
nerosità Francese, c la pietà ricordevole delle comuni sventure. 

Bologna il 26 Aprile 1819. Anno 1. della Repubblica Ko- 
vnana. 


Per gli Studenti del Circolo Unieersitario-Democrulico 
di Bologna 


Quirico Pr. Filopanti Presidente 
Giulio Doti. Carini Vice-Presid, 
Ermocrate Sarti ì 

Rodolfo ab. Fellini ) 

Marco Claudio Ballelli ) 

Alfredo Baccarini ) Consiglieri 

Luigi Doli. Corozza ) 

Nircola Brunetti ì 

Luigi Calderoni Orioli ) 

Lodovico F'oresti Cassiere 
Domenico IManiini Economo 
Stanislao Giacchieri 
Riagio Malagola 
Milziade Mazzocchi 
Gaetano Brussi 

a 5 


Segretari 


Digitized by Google 



f 10 ) 

Per gli Siudenti del Circolo Repubblicano di Ferrara 

Carlo Balboni Presidente 
Pietro Zeni f^ice- Presidente 
Gaetano Forlani ) ^ • 

Federico Zuff, ( Cons.ghen 

Antonio Lcati Segretario ' 


Per gli Studenti del Cìrcolo Unieersitarlo di Rom-i 
Giuseppe Prof. Soldini Presidente 
Carlo Masc^erpa ì rice- Presidenti 


Giuseppe Grossi 
Luigi Alibrandi 
Enrico De-Povèda 
Pietro Adami 


Segretari 


Per gli Studiati del Circolo Repubblicano di Urbino 
Pompeo D. INatalucci Presidente 


Consiglieri 


Luigi Gbirlandi Braccini 
Giuseppe Corbucci 
Giov^anni Paolucci 
l*aolo lialducci 
Mauro Maccarelli Cassiere 
Angelo Primavera Segretario 

Per gli Studenti dell /Associazione Universitaria di Perugia 
Lorenzo Prof. ]\Iassini Presidente 
Francesco Pr. Cartoli Vice-Pres. 

Cherubino Darj 
Raffaele Prof. Marchesi 
(xiuseppe Sani Terzi 
Silvestro Prof. Valerj 
Carlo Rottari 
Tommaso Bruschclli 
Alessandro Ansidei Segr. della 
Direzione 

Alfonso Carlo Palomba Segreta- 
no delle Adunanze 
Francesco Trinci Vice-Segretario 
Cesare Danzetta Economo-Cassiere 


Consiglieri 


Per i>.\ Commissione REOATmiCE 
PROF. FRANCESCO ROCCHI RELATORE. 


Digitized by Google 


( W ) 

COMITATO DEI CIRCOIJ DI ROMA 
DI PUBBLICA SORVEGUAISIA 

Circolare 


Fralelli 

Capitolata Bologna, raustriaco sebbene con poche forze sem* 
bra voglia dilatarsi nelle llomague: le truppe repubblicane di 
ristretto numero in quelle proviiicie se non sono coadiuvale dal 
popolo non possono fargli fronte, d’altronde esse devono essere 
concentrate in punti strategici — 

Qualunque città, paese, villa che non potendo i*esislcre alle 
orde nemiche da esse fosse occupata, presenti il magnifico spet- 
tacolo del dimettersi d'ogni funzionario: municipali, governa- 
livi, amministrativi impiegati rinurizino; se sono privi di pane 
i facoltosi li alimentino: cosi ben meriteranno della patria: 
sarà piccolo sacrificio e di breve durata — 

Le guardie nazionali ed ognuno che abbia un arme o sia 
capace impugnarla si ritiri verso questa capitale, o nei luoghi 
destinati per convegno d’armati : non dispiaccia lasciar per poco 
la casa natia i i repubblicani hanno la patria, ove è libertà — 
Così operando mostreremo all’Europa che se siamo costretti a 
cedere a forza materiale, la volontà nostra è costante nella scelta 
forma di governo — 

Roma sarà la Debreczin dell’Italia, e con forza eccentrica da 
^ssa partirà il nazionale vessillo per fermarsi solamente alle Alpi 
^d al Peloro — 

A voi affidiamo l’esecuzione di- questo suggerimento — Cr 
r*Aggio e la vittoria è del popolo — 

Salute, c fratellanza 

Roma. 22 maggio I849 ;n 


Ptr il Presidente 
GAJASSI 


( 12 ) 

INDIRIZZO 


DEI CITTADINI FRANCESI RESIDENTI IN ROMA 

al corpo di spcdiiione comandalo dal Generale Oudinol 
in Civitavecchia 

‘ Citl3(lini Soldati 1 

Un Ministero bastardo c spergiuro yuoI disonorarvi e ren- 
dervi i soldati del dispotismo. 

, Soli corsi appena venti giorni da che l’ Italia venduta e 
tradita a INovara dimandava si eseguissero i jiatti sacrosanti 
della Francia repubblicana, e sollecitava' il suo appoggio fra- 
terno. Il (ioverno allor non aveva soldati per un jiopolo che 
preferisce i dolori dell’esilio alla vergogna del giogo austriaco. 
F.d ora ([iiesto stes.so Governo, rinnegando assolutamente la ori- 
gine sua , attuando alleanze coi re contro i popoli, si fa il so- 
stegno della ristorazione la più dispotica, quella dei preti e dei 
nobili, ed a voi, o soldati repubblicani , è serbata la vergogna 
di dar ruUinio colpo alla democrazia italiana, divenendo i car- 
nefici della Uepnbblica. 

(yitladini soldati! Occorreva forse operare tre rivoluzioni , 
lasciar jiartire neiravviliinento tre dinastie , salutare con entu- 
siasmo la elevazione della itcjnibblica France.se per venir oggi 
qui a ristorare il dispotismo il ]>iù tirannico, il teocratico? 

Oh! no. Cotesta trista pagina non insudicerà la istoria del- 
l’armata IVanccsc. I repubblicani Ilomani sono i nostri fratelli, 
e voi non sapreste riloglier loro colla forza il diritto di esser 
liberi al pari di voi. La guerra verso cui vi sospingono è un’ 
em|)ia guerra , liberticida. E se la ilepubblica Romana dovesse 
.soccornlierc sotto ai colpi del fratricida cannone di Francia , i 
nemici che avreste a combattere non sarebbero soltanto italiani, 
ma alle prime file trovereste i vostri compatriotti che dimora- 
no in Roma. 

Soldati di un’ idea c non d’un uomo , della rivoluzione e 
non di una dinastia, essi difenderebbero sino alla morte i loro 
])i'incìpii che debbono essere anche i vostri. 

1-1 Costituzione ha stabilito che Farmata francese non com- 
batterebbe giammai contro la libertà dei popoli! Se il Ministe- 
ro viola il giuramento, non fate vostra una tanta complicità sa- 
crilega , e rammentalcvi che la insurrezione ò il più santo dei 
diTveri per abbattere la tirannide. 


Digitized by Google 



( 13 ) 

Allor gl’ Italiani tì accoglieranno, come hanno pur noi 
ricevuto , a modo di fratelli , e la libertà vi proclamerà i 
benemeriti suoi, 

VIVA LA REPUBBLICA FRAINCESE! 

VIVA LA REPUBBUCA ROMANA! 

I Membri del Comitato 
Laviron, Presidente 
Marton, Ardillon, Vice-Presidenti 

Terrus, Segretario 

Di Rom> 35 Aprile 4849, 


AU NOM DU PEUPLE ROMAIN 
A LA FLOTTE FRANgAISE DE CIVITA VECCHIA 

Dans les circostances présentes le Peuple Romain emù, 
mais non découragé et toujours ferme dans les résolutions pre* 
mières; — à l'apparition d’une force fran^aise dans les eaux 
de Civita-Vecchia, sans avoir connaissance ni des motifs, ni 
des intentions qui l’ont conduite et qui Tanimcnt; voyant 
tout à coup le calme qui re'gnait encore hier dans son scin 
et accompagnait ses journalières actions altere par 1’ effet 
immédiat de cette apparition, et se refusant d’ ailleurs de 
xroirc : qu’ entro ces deux peiiples^ FRANgAlS ET ITA- 
' LIENS, tous deux constituc's cn RÉPUBLIOIJE et prenant 
pour garantle de lours actions le nom de DIEU et du PEU- 
PLE, tous deux compagnons d’ armes , ayant partagc avec 
un cg^l amour la gioire et Ics revers des combats sous le 
m/ìm Drapeau et pour la méme cause ; — il puisse exi- 
ster dès. sentimens qui nc soicnt amicai et d’ aulres ide'es 
, que cclles qui mènent au méme but, c’esl-à-dire à la con- 
servation réciproque dès deux penples et à la défense des 
proprcs instilutions politiques ; teiid unc maio amie à la 
gcncreuse nation francaise, tristement abuséc sur la condui- 
le du peuple Romain que l’on traile d’anarchiqne, et pro- 
clame haulement que dans le cas oìi il trouvera sympa- 
thie de cause dans le peuple francais , il renonce à toute 
idee de soupcon à toute maligne inlerprèlation qui pour- 
rait tomber sur le compie- du peuple man^ais; dans le cas 


Digitized Dy Google 



. . ( 44 ) 

U se «rcpare par la forca à défendrc contre la. 
?inviobb?lilc de £s institntions , qui soni la vive 
wprwsion de la volente d’une population eritière. 

VIVE LA REPLBLIQUE I , 

Piuma Vangelisti 


UBERTÉ EGALITÉ FRATERMTÉ 
ClTOYE^S 

Vnns ivez clé indignement trompés. On yous a dii que 
Vous avez c P .itòire d<ì la Rcpublique Romaine 

^otre l’\rdre.\’ ordre le plus 

etait necessaire p . ^ . n-inc ce bui donc volre presen- 

isójrnoiis deshoQorèrions en face de l'E»ropc. 
« 'f„rm me^ vou° .looa accuacrice de lichcté si noas 
el vous mane Icrriloire. Oui nous aimons la 

frant cepSSanT n^us " taire nos synipa.hies 

Trance, c P • oulrancc si vous nous y forciez pouf 
&" Gouver„e„.c„. c,„ì ,s. co«.m. 

le TÙlre le résuUal du suffrage universel. 

Tal vous Francaìs, vioudrca voos avcc.le drapeau de 
la RéqubUque comballic nolic di-ancau qui est I® 
w i\c4 H • irt,, r^riirlo cinnult*Tnc eie In Conslilulioft 
,F.end.™.voas V.0 « “ vi.ndrea-voos 

SJllS^rltesies Wl.«Flica'’i»s?!Sou, no pouv.no 
pas Y croirc , 

\I\’E LA REPDBLIQUE 

La Municipalitc de Rome 
La Carde INalionale , 

Le Cornile Ccnlral des Ccrcles de la Republique 


I lo 


Digìtized by Google 


De Texpedilion Franfaise 

Frangais ! le Icrrein que vous foulcz est encore mar- 
qiié des traces de vos glorieux ancétres: mais ceux là y por- 
lòrent la libcrté, vous’ IcscrA agc. 

En tuanl la Ilépublique IVomaine, vous tuez votre Ré- 
publiquc, et vous serez cri méine Icmps des fratricides et des 
suicides. 

Quelle houle ! Vous n’avcz eu qu’im sourire moqueur 
pour Ics raalheurs de la Lombardie; vous n’avcz pas dai^uó 
prononcer un mot d’encouragement pour le Picinont: voire 
presse vendue, lance des colomnics et des blasphòmcs coiilre 
ìes efforts hcroTques de la Hongric: aujourd’ bui avec urie cf- 
fronlerie inouVe vous venez éeraser la liberte Uomainc. 

Frangais ! voire Gouvernemenl loujours enconlradiction 
flagranlc avec lui mème vous lait subir la plus ?;randc des 
infamies, vous l’nil allei’ à la rcrnorque du despolisme et de 
1 imposlure, il fait de vous l’arrièrc gardc des Cróalcs eidos 
Cosaques. 

Elcs-vous des soldals ? Eh bicii choisisscz un enncini di- 
gne de voire com a ge: nc venez pas déficr Ics forces naissaulcs 
d’un petit Etat; si vous voulez vous hallre con Ire des ar- 
niées républicaiiies, cessez d'aboid dèlie républicaius vous 
luèuics, ou bieii avouez que vous ètes Ics satellitcs de la Ij - 
raunie cl de riiypociisic. 

Francais,dcciiirez le voile de votre politiqucet repondez. 

Qui voulez vous rainencrau pouvoir ? Les prélres, celle 
race, obsliiiée qui couta tant de sang et lant de mallicurs à 
la Francc. lìelisc; voire Iiisloii c cl vous vcrrcz quel beau ca- 
deau vous nous prò parez. 

Sachez-le bien une fois pour loutes; chez nous Ics enfans 
aussi bieii que le vicillards déleslent la gouvernemenl des 
prólrcs. Fous nous Ics remlez par force: vous nous ineltez 
dans rhorriblc ]iosilion de devoir mandirla destinée qui nous 
lil naìlre sur ce sol. iNous sommes malheureux, parccquc nous 
sonimes le joiiet des puissances; nous le soninies encore plus , 
piirceque nous sommes vilipendés ct.foulés aux pieds parla 
nailon vers laqiiel lo nos espèrances et nos illusions se soni 
loujours dirigées. 

Frangais, avanl d’accompHr une oeuvre aussi cxócrablc , 
interrogez ce del d’azur qui est sur voùs, ces tapis de flcurs 


(16) 

que rous foiilez, ces "lorioux moiiumenls que voiisadmir ez , 
cl ils voiis (lii'oiit qu’ils onléteassC''. lonj; temps souillcs par 
Ics iiifamies .sacerdolales et par Ics liorrciirs de laiil de siècles. 
Interrogcz celle jcuncsse florissante, ces femnics admirables 
el vous saurez la serie sans fin de l iininoralilé, des séduclions, 
des violciìccs , de ceiix-!à el le inarclié lioiileiix des conscieu- 
ces cxcrcé saiis auciinc piidtur par lene caste al)oiiiinable.Diles 
au colon pour qui use t il sa vie? pour Ics prclres. Dc- 
inandez rjui apparlienl la cinquiòme parliedes biens de 1’ Etal? 
aux pròlres, Deinandez à qui soni Ics demeurcs Ics plus con- 
forlabics, à qui Icsdiners Ics plus rechcrchés, a qui obeit une 
miriade d’esclaves? aux pròlres, anx pnHres ! aux prclres ! 

Fraiifais, votre niission est une oeuvre d'oiifer; la bontc 
qui vous eri revient esl inralculable, voire gioire passce ne 
peni pa's la iMclielcr. Aujourd bui, aujourd bui inòme, vous 
perde?, toule voire gioire guerrière; Ics fil> des vainqueurs 
u’Arcol et de Marengo soni devenus Ics janissaircs de la sacri- 
slie, el Ics defenscurs de la ibiilre. 

Mauditsoit ccluiqui loucra une Ielle enlreprisc ? 

LES ROMAIAS 


ALL’ARMATA DI SPEDIZIONE FRANCESE 

Francesi ! questa terra che or voi preme’e è ancor se- 
gnata delle orme de’ vostri gloriosi maggiori : ma quelli vi 
recarono la libertà, voi le catene. 

Uccidendo la repubblica romana , voi ucciderete la 
vostra , e sarete ad un tempo fratricidi con noi , con voi 
suicidi. 

O vergogna ! V'‘oi avete gittato un riso beffardo sulle 
sciagure di Lombardia: non avete onorato di una confor- 
tevole parola la caduta del Piemonte: agli eroici sforzi del- 
r Ungheria lanciano calunnie e blasfemi i vostri venduti 
scrittori ; oggi con una slrootalezza inaudita venite ad ap- 
prestar la bara alla romana libertà. 

Francesi ! il vostro inesplicabile governo vi soggetta al- 
la suprema delle infamie , vi spinge al rimorchio del dis- 
potismo c dell’ impostura, alla retroguardia del croato e del 
cosacco. 

Siete voi soldati ? Ebbene sappiate sciegliervi un ne- 
mico degno del vostro coraggio : non venite a disfidare le 


Digitized by Googic 


( 17 ) 

nascenti forze di an piccolo Stato: se volete combattere con» 
tro le armi repubblicane , cessate pria di esser repubblicani 
voi stessi y o confessate ebe siete altrimenti i satelliti della 
tirannide e della ipocrisia. 

Francesi ! spezzate il velo della politica e rispondete. 

Chi volete ricondurre ai seggio del potere ? I preti , 
quella razza ostinata che costò tanto sangue e tanti pati» 
menti alla Francia stessa. Rileggete la vostra storia y e co- 
noscerete qual fatai dono ci apprestate. 

Sappiatelo una volta per sempre : noi dai teneri fan- 
ciulli alla decrepita età detestiamo inesorabilmente la sa- 
cerdotale potenza. Voi ce la rendete a forza : ci mettete 
nella condizione dei popoli cbinesi y nella disperazione di 
maledire quel destino che ci fè nascere in questa suolo, 
noi siamo iiiteliciy perchè bersagliati dalla violenza dei po- 
tenti, infelicissimi perché vilipesi e calpesti da quella stessa 
nazione che fu sempre 1* illusione dei nostri pensieri, e l’au- 
rora delle nostre speranze. 

Francesi ! pria di compiere un* opera esecranda , inter- 
rogate questo azzurro cielo che vi ricuopre , questi tappeti 
di fiori che calpestate, questi gloriosi monumenti che am- 
mirate, e vi risponderanno che abbastanza furon contami- 
nati dalle sacerdotali nequizie ,e dagli orrori di tanti seco- 
li. Interrogate questa fiorente gioventù , queste ammirabili 
donne , e apprenderete da esse la interminata serie di eco- 
sliiniatezze , di stupri, di seduzioni, e l’assiduo mercato 
(Ielle coscienze esercitato sfrontatamente dal nero sciame 
clericale. Dite al colono per chi logora la sua vita? pel pre* 
te. Chiedete a chi appartiene un quinto dello Stato ? Ai 
preti. Addimandate di chi sono i più agiati soggiorni , per 
chi fuman le orientali mense, a chi obbedisce una miriade 
di servi? Ai preti, ai preti , ai preti ! 

Francesi ! la vostra missione è opera '^’inferno : il vi- 
tupero che ve ne torna , non ha misura : la gloria passa- 
ta non basta a compensarlo. Oggi , oggi stesso perdete 
tutto il vostro orgoglio guerriero: i tigli dei vincitori di 
Arcete e di iVlarengo son fatti i giannizzeri deljA''ssgresl'a e 
propupatori della stola. ’ ^ 

Sia maledetta la lingua che loderà la vostra impresa ! 

Roma Aprile 1849. 


I ROMAKl 



Digitized by Google 


I*KOVli^CaA 

DI 

bolo&aa 


Digitized by Google 



Digitized by Google 



( ii ) 


BOLOGNA 


CONSIGLIO MUNICIPALE DI BOLOGNA. 

% 

Sesiiorie del i Maggio. 

Nell» sala del consiglio sono raccolti consiglieri , il 
che porta I' adunanza quasi alconipletu, non mancando che 
quelli , che sono assenti o notoriamente infermi. Noi ci 
spieghiamo questo zelo di consiglieri dall’essere stato il con» 
siglio radunato in ria d’ urgenza per delegazione governativa 
c dall’ essersi subodorata 1 ’ importanza della materia , che 
in esso si doveva trattare, tuttoché non precisamente inx 
riicata nell' invito . Cittadini con grandi curiosità riempiono 
il recinto destinato al pubblico. 

Il Senatore dichiara al consiglio che dovendosi trattare 
una discussione politica , la magistratura reputando la ma* 
tcria della massima gravità per una rappresentanza am- 
ministrativa , ha creduto giusto titolo applicare l’articolo 
del regolamento, che le dà facoltà di chiedere che sia tenuto 
in comitato segreta , in seguito di die il Senatore inviti 
gli uscieri a fare sgombrare il recinto dal popolo. Il recinto 
viene sgcmlirato col massimo ordine e nel più alto silenzio. 
Le porle della sala sono tuttavia aperte , e si può ancora 
sentire dal di fuori quello che dentro vi si tratta. Uu con- 
sigliere s’ alza a domandare la parola. Il Senatore avverta 
che 1.1 sessione non essendo per anche aperta non può con- 
cederla. Indi sì volge ai segretari del mnuicipio ed intima 
loro d’ uscire e d’ aipettarc al difiiori gli ordini del consìglio; 
altrettanto comanda agli iiS'Mcri ed alle fazioni civiche. Si 
chiudon le porte. Dieci minuti dopo i segretari soli sono 
iriclii-iinali , evidentemente perche il consiglio avrà risoluto 
che possano assistere alla seduta secret». 

Le porte restano chiuse lìiiu alle due c o, minuti pome* 
ridiane, allora escono alla spicciolat.1 pr^sochè tutti i con- 
ciglieri: ì molti , che sono al difnori apprendono da alcuni 
di essi che la sessione c stata sorpesu fiiiq alle quattro , e 
seiilotio confermata .la publica congettura essere oggetto del- 
la sessione un indirizzo all’ A.*scniblea di Francia ed al gen. 
Oudiuot sul cempiuto intervento ii ilitare nel nostro Sta* 

b 


Digitized by Google 



.( 22 ) 

to: il con*igIio avere nominato una commistione per csfcn- 
derlo , sedata stente , composta degli onorevoli Uiima , 
Martinelli « ed Audinot. 

Alle quattro e un quarto , rientrati i consiglieri, le por- 
te della sala sono chiate di nu.ovo.' 

Alle sette e venti minuti il recinto del publico è ria- 
perto di nuovo e tosto riempiuto. I consiglieri in N. di 55 
seggono ai posti che occupavano dianzi , ad eccezione degli 
onorevoli Alessandrini , Bajetti e Berti ( Avv. Gio. Gaetano ) 
che tengono il luogo di squiltinatori della sessione alla sini- 
stra del Magistrato. Il primo ban'to presso loro é occupato 
dalla Commissione dell' indirizzo. Il Senatore commette al 
consigliere Audinot relatore della Commissione di leggerei’ 
indirizzo come è stato votata dal consiglio. Il relatore legge 
l'indirizzo a voce spiccatissima e con grande espressione. 
Il publico non ostante ravviso alfìsso alle poite della sala 
non sa tenersi dal dare vivi segni d'approvazione. Vediatno 
che il Senatore fa ripetati cenni colla mano perchè la let- 
tura non sia io (questo modo interrotta. Terminata la Iet> 
tura il Senatore dichiara immediatamente sciolto il consiglio. 

REPUBBLICA ROMAiVA 

All* Assemblea Costituente della Repubblica di Francia 
e al Generale ODDliNOT 
Comandante il corpo d’ occupazione 

’ IL CONSIGLIO MUNICIPALE DI BOLOGiVA. 

L’ ingresso delle truppe francesi nel territorio della Ro- 
mana Republica si presenta in aspetto d’invasione. Incombe 
perciò a tntte le rappresentanze legali di questi popoli il 
debito di alzare la voce e di protestare contra la minaccia 
d’ imporre al paese un reggimento politico qualunque. 

Il diritto di costituire il governo ò diritto iniprescrit> 
tibHe ed inviolabile di ciascun popolo. Ogni offtSa a questo 
diritto, è quindi olpesa al diritto delle genti. 

Il Consiglio Municipale di Bologna non sa persuadc.si 
che la Francia, contra i principii proclamati dal generoso 
suo popolo , consacrati nella Costituzione fondamentale 
della Repubblica, difesi e propugnati cui sangue, voglid 
conculcare , a nostra ingiuria , il più sacro de’uaturali diritti. 

Il Consiglio Municipale di Bologna anzi confida che la 
occupazione, per parte dell’ armata di Francia, di una Pro.a 


Digitized by Google 



( 23 ) 

TÌncia d’ Italia y non venga determinata che da pericoli che 
sovrastino all’ indipendenza di Lei. 

Nondimeno le dichiarazioni ripetute nell’ Assemblea 
Francese intorno alle esigenze di alcnni fra i potentati cat- 
tolici , la pretesa opportunità di garantire il libero esercizio 
dell’ autori k spirituale del Pontefice con temporale governo , 
gli accordi che si affermarono stabiliti fra gli stessi poten- 
tati nella grave questione ì Iu susseguente occupazione france- 
se, inducono in questi popoli I’ amaro sospetto che si tenti 
imporre lóro quel governo universalmente riprovato dall’ 
esperienza , come ostacolo a nazionalità e ad incivilimen- 
to; il governo clericale. E sembrerebbe anzi che in questo 
secolo di civiltà e di politiche rivoluzioni la Diplomazia 
credesse pure possibile di formare col fatto , di un popolo 
di tre milioni d’ uomini , un popolo di vassalli , sbandito 
dal diritto comune delle genti, e quasi feudo soggetto alla 
volontà e agl’interessi delle potenze cattoliche. 

Per le quali cose il Consiglio Municipale di Bologna 
facendosi interprete dei bisogni sentiti dai cittadini , mentre 
da nn Iato protesta contro la violenza e contro 1 * abuso del- 
la forza, dall’ aliro intende solennemente fin da ora dichia- 
rato che una ristorazione clericale impedirebbe qui, come 
altrove nello Slato, il mantenimento di uno stabile ordine 
e della pubblica tranquillità. L’istoria e la naturale ragione 
hanno dimostrato , anche ai meno veggenti , la Teocrazia es- 
sere ornai divenuta governo inconciliabile colla libertà de’ 
governati, collo sviluppo pacifico e progressivo delle mo^. 
derneistituzioni politiche e civili , e colla nazionale indipen- 
denza. 

Coscienza di cittadini ci chiama a questa franca di- 
chiarazione. All’onore e alla lealtà della Repubblica France- 
se la difesa degli eterni principil. 

Votato in Seduta del Consiglio Municipale il i. di 
Maggio 1849. 

11 Consiglio Municipale A. Zanolini Senatore. 

R. Aldini Conservatore. 

b 2 


Digilized by Google 





; ,(.24 > ... 

REPUBBLICA ROMANA ‘ ' 

COMUNITA’ SECONDARÌa Di’sAN NICOLO’ oik ? 

. ‘ {-. n t, I*. 'f.T 

N«lla Residenza Comunale ! ii ; 

Oggi giorno 3 o Aprile 18(9 ore 9. ant. c*" 

Visto quanto portano >, il foglio del Cittadina Priore di s 
Argenta N. 71Ì. delli a8. corrente; 2. I’ inserto foglio del 
Cittadino Governatore di detto Lungo, N. 18.L datatogli aS; 
stesso; 3 . L’altra in copia del Triumvirato di Roma senza , 
numero datato li 2.4. pure cadente, clie; il tutto insieme 
notifica esservi alla presenza del Porto di Civita Veccliia una- 
Avangiiardia di una Divisione Francese senza aver dato al- 
cuna communicizione alla Rcpnb blicaiRomana. . \ 

' *11 CittadinoSilidaco ha con foglio N. 3 v 5 -.radunalo ilCon- 
siglio in via d’urgenza composto come segue. . 

1. I),’ Vincenzo SalvadorI Sindaco , ' ..1, ..i,,.. 1. 

2. -Piacentini Pietro Anziano . , V n - ‘ ’ :■ ' 

3 . Manini Girolamo Cons. r .. * . 

4. Stecchi Stefani Gì nseppe Cons., 1 :• , 

b. Agnelli D.’Franccspò Cons.,,, - 

6 Mallini Germano Cons.. ... ■ . • •. .t • v >.*■ .■ 

Mancante Carlo D. Nlgrisolli Anzi mo perchè assente ( 
Presenti, li suddetti, il Cilladino Sindaco quale Presiden- 
te, avendo aperta la Sessione, ha ordinato la lettura ad alta 
eJ 'ofelligibile voce delle sudJ. lettere.’ , n- ■■ ì'-ì 

Fatte diverse discussioni sull’oggetto. 

.Il Gansiglio ha di unanime consenso dichiarato dovorc il 
Governo per quantoàin lui aderire al .pubblico Voto, che è 
di respingere qualunque intervento armato per qualsiasi ti- 
tolo, iiou essendo decoroso alla Repubblica, che v'abbia ad 
essere nello Stato, Stf.miero Presidio, certo coi» tale solenne '■ 
manifestazione di corrispondere ni Voto del Popolo. 

Non essendovi altro oggetto che interessa, sono passati 
a firmare il presente. 

Fatto letto e chiuso il giorno suJd. alle ore 11. anteme- 
ridiane &c. 

Il Sindaco Pres. 

Vincenzo D. Salvadori 
Piacentini Pietro Anziano 
Gìrol.imo Manin» 

Doli. D. Francesco Agnelli 
Giuseppe Stecchi Stegan» 

Germano Maniui 


Dìgilized by Coogic 



( ) 


Sedute straordianrie de* Consigli Municipali della Provin- 
cia di Bologna , in causa dell’ingresso delle truppe Fran- 
cesi nel territorio della Repubblica. 

BUDRIO 

Si è radunato il Consiglio il primo corrente maggio , coll* in- 
tervento di trentadne votanti. 

Letta la circolare de* Triumviri aprile 1849- 
II Consiglio per unanime acclamazione ha dichiarato 
doversi protestare contro l’atto d* ingresso delle milizie di 
Francia, e mantenere fermile per sempre,! diritti e la 
dignità del paese nelle sue leggi , e ne’ suoi Rappresentanti 
dal voto comune sancite , e liberamente eletti. Venga d’uo- 
po del braccio e della vita per sostenere la Repubblica , e , 
viva Dio , Budrio non sari ad alcuno secondo. 

Firqiato a forma dell* Art. 86 del Decreto 3 i. gennaio 
scorso. 


POGGIO RENATICO 

i 

Poggio Renatico - Si è radunato il Consiglio il primo cor- 
rente maggio , coll* intervento di 21 votanti. 

Letta la circolare ec. 

I radunati rappresentanti interpreti de* sentimenti della 
popolazione si alzano unanimi e dichiarano di associarsi al 
voto degli altri Municipi! in quanto che restino inviolati i 
suoi diritti della Repubblica , ed applaudono quindi a quan- 
to il Governo ha operato e saprà e potrà fare provvidamen- 
te per garantire il territorio della medesima da qualunque 
aggressione esterna , e reazione interna,' disposti a qualsia- 
si sagrifìcìo che valga a salvare la Romana indipendenza. 

Firmato da tutti gl’intervenutt 


GUARDIA NAZIONALE DI BOLOGNA 

Ordine del giornd 
Militi Bolognesi 

Onore al valore Italiano ! Armi italiane hanno vinto sot- 
to le mora di Roma un temerario straniero. Seda ciò deb- 

A 5 


DIgitized byGoogle 


( *6 ) 

nc , sìa mille volte benedetto quel sangue y nel quale la 
Patria nostra abbia trovato un nuovo ed efbcace battesimo. 

Commilitoni ! vi invito a presentarvi domani sotto le 
armi. Il vostro Generale , la Città intera desidera vedervi, 
c confortarsi nella vostra presenza per tutte le evenienze co- 
si interne che esterne, nelle quali siano per avvolgerci gli 
avvenimenti. 

' A domani , o Compagni , all’ ora di mezzo giorno in 
Piazza d'Armi. 

Dal Comando generale 3 maggio 1849 

Il Generale 
C. BIGNAMI 


REPUBBLICA ROMANA 
Guardia Nazionale di Bologna 
Al TRIUMVIRI 

Voi sosteneste P onore italiano ; Voi mostraste che ge- 
nerosità e coraggio non sono privilegi di veruna Nazione, 
insegnaste a liberi stranieri che anche in Italia il popolo li- 
bero è eroe . Infiammati di santo amore d* indipendenza , 
noi riconoscenti , noi plaudenti ci dichiariamo solidali dei 
nostri fratelli, i Romani; in nome loro chiamateci , e ac- 
correremo : .con loro ci affidate la difesa della patria , e 
vinceremo. - Moriremo almeno da« forti , Noi baluardo 
della Romana Repubblica contro P Austria , non ismentire- 
rao che fummo gli uomini delP otto agosto. 

Chiunque invade il nostro suolo è straniera, e al suo 
insulto va protestato coll’ armi • E poiché i francesi vollero 
insultarci , bene sta che ne avessero danno e vergogna. 

Ma prima, per Dio! che questi , cui tante simpatie 
pur sempre ci legano , ritentino l’ opera dell’ austrìaco , pri- 
ma che al tutto meritino dalla storia fama di PretoriaiTi 
del Governo Clericale, cittadini Triumviri , rammentate lo- 
ro in nostro nome le nostre tradizioni comuni ; rammen- 
ate il sangue italiano sparso per U reciproca gloria in tan« 
te campagne in eterno memorabili ; rammentate loro quei 


DIgitized by Google 


principi! eh* essi consacrarono in benefìcio della amanità . 
e^del progresso , nel cui nome scossero tante volte il 
mondo, e che non pertanto oggi, repubblicani , a nostro 
danno conculcano. - Essi vedranno , se già noi videro , qua- 
le ridcToIe ed atroce missione fosse imposta ai discendenti 
della grande armata - e tosto torceranno T armi contro al 
loro vero , unico , e pur nostro nemico - 1 ’ Austria. 

Noi volentieri , dimenticando I’ ingiuria della com 
messa invasione, esulteremo di combattere anche nna vol- 
ta con loro, ma non col ferro fratricida , coll’ eroica emu- 
lazione dei forti . Che , sebbene fiaccata e guasta da infi- 
nite sventure , questa infelice Italia ha pur tali figliuoli , 
di cui ogni più illustre Nazione si potrebbe gloriare. 

Viva l’Ungheria, Viva la Repubblica. 

Bologna, il 6 maggio 1849. 

Per la Guardia Nazionale - H Generale C. Btgnami. 

( Seguono le firme dei Deputali d' ogni compagnia della 
Guardia. ) 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 


CITTADINI 

Domani il Generale della Guardia Nazionale vi [chiama 
a fare un atto degno di Voi, a mostrare che Roma ha la 
fede italiana, e che ha dato principio alle nuove sorti della 
nostra conculcata Nazione. 

Perché nessuno manchi all’appello, tutti i negozi, tutte 
le officine saranno chiuse dalle 11. antimeridiane alle 2. po- 
meridiane. 

Il trionfo di Roma è una vittoria campale ; se l'Italia 
ora sarà vini a noi sarà disonorata, e ninno potrà distruggere 
la pagina di quésta storia. I vili solo ei tristi potranno sco- 
noscerla; i magnamini grideranno come della Polonia : peri, 
ma valorosamente ; la prepotente forza la sopraffece; perché 
la diplomazia trasse in inganno i popoli. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 


Bologna 3 . Maggio 184.9. 




Il Preside 
O. BIANCONI 


Digitized by Google 



( 28 ) 

* * ' 

/ 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
CITTADINI 

A festeggiare il grande avvenimento di Roma, i pnb» 
blici Stabilimenti saranno questa sera illuminati. 

Imitino Tesempio i Cittadini 

Bologna i Maggio 1849. 

Il Preside 

0 . BIANCOLJ ■ 


CIRCOLI DI BOLOGNA 

AL TRIUMVIRATO 
ED ALLA' COSTITUENTE 
REPUBBLICA ROMANA 

Cittadini ! 

La Repubblica, il governo di tutti sotto la Direzione dei 
migliori , è uno de* mezzi necessari! a conseguire lo scopo 
degli umani consorzii la maggior possibile felicità. ' 

Chi avversa la Repubblica, avversa il ben comune : è 
nemico della Patria , nemico della Società. Nè importa se 
illuso o sciente; sarà sempre nemico dannoso. 

Lode a Voi, o Cittadini Triumviri , e Deputati , che 
fedeli ai principi! eterni di ragione, venite di proclamare : 
La Repubblica asilo e propugnacolo delV Italiana liberiàynon 
cederà nè transigerà giammai» 

A chi cedere? con chi transigere ?0 Repubblica oTeo- 
crazia. Non v’ha scampo per noi ; o il migliore de* governi 
o fra i cattivi il pessimo , qual è il Papato. Egli staziona- 
rio , nemico de* lumi e d’ogni invenzione , che proscrisse 
perfino le strade ferrate , l’innesto del vajolo , la libertà del 
pensiero , dono di Dio ; egli alleato naturale del dispotismo, 
che consacrò e santificò sacrilegamente il principio il più umi« 
liante e fatale ai popoli; Il diritto divino nei Re ! 


DIgitized by Google 


Stiano i Papi alla direzione degli apiritiy al reggimen- 
to delle anime , ecco l’alta sfera e l’orbita di loro azione. 
Non s'occupino delle cose di questa terra , che li deturpano 
e li stolfouo dalla loro divina missione. 

Roma, centro del cattolicismo) vuole esserlo pure del* 
l’incivilimento. I Papi non saranno onorandi nè indipenden- 
ti che sotto la Repubblica. 11 sappia il mondo : ed imponga 
silenzio una volta agl’ipocriti sofisti. 

Votato ad unanimità neH’adunanza del ao Aprile 1849 

PEL CIRCOLO NAZIONALE 
Il Vice Presidente Francesco Santamaria 

PEL CIRCOLO POPOLARE 
Il Vice Presidente Dott. A. Zappoli 

PEL CIRCOLO UNIVERSITARIO 
Il Vice Presidente Giulio Carini 


Ò 5 


Digitìzed by Google 



( 30 ) 

CITTADIM TRIUMVIRI 


In questo giorno , o Cittadini Triumviri , il nostro Paese 
si è riconfortato dell’opera sua, quando elesse il novello Consi- 
glio Comunale, Noi troviamo eh’ Egli non tradisce la fiducia 
che in lui riponemmo- Noi ravvisiamo nella piena adesione a 
quanto Voi operaste , l’immagine del nostro cuore, l’ interprete 
fedelissimo della nostra unanime volontà. 

Il Circolo Popolare DI MINERlìIO dicendo parole di lode al 
suo Municipio pel mandalo che energicamente compiva, dichia- 
ra di appoggiarlo, c protesta di conservare intatti i proprii di- 
ritti ad ogni costo , c tenere per unico suo governo legittimo 
quello che il Popolo ha istituito, il GOVERNO UEPUBlìLlCANO. 
Chiunque non voglia riconosccic la vostra Autorità, o tenti op- 
porsi al libero corso delle vostre lieudiche azioni , lo tratterem 
da nemico ; e adopreremo le nostre forze, qualunque sieno, con- 
tro chi cercasse rapirci la nostra libertà. VIVA lA REPUBBLI- 
CA ROMANA. 

Approvalo per la acclamazione nella straordinaria Seduta la 
sera 2 Maggio -ISSO anno Repubblicano. 

Per il Circolo 

Doti. Giovanni Saltari Prc.sidcnte 

Gaetano Pelagatti Vice Presidente 

Dolt. Giacomo Valenti Consigliere 

Cesare Roversi id. 

Doli. Severino Zanardi id. 

Doti. Filippo Martinelli id. 

Gaetano Pezzoli Cassiere Economo 

Luigi Soverini ) 

Leopoldo Zarri ) 


Digitized by Google 



PROVINCIA 

DI 

FERRARA 


Digitìzed by Google 



I 




C 33 ) 

FERRARA 


INDIRIZZO AL TRIUMVIRATO 

Votato ad unanimità di voti con applauso generale del 
Popolo dal Consiglio Municipale della Città di Fer- 
rara nella straordinaria sessione tenuta in via d’ur- 
genza nella sala maggiore del Palazzo Comunale il 
giorno 30 Aprile I8i9. 

Cittadini Triumviri 

tTn Governo più legale e legittimo di quello eletto a 
mezzo del suffragio universale^ non è possibile. 

Voi dal libero Sovrano voto del Popolo investiti d’ il- 
limitati poteri, senza minirnamenle revocare in dubbio la 
validità ed estensione del vostro mandato , per viò meglio 
confutare le calunnie dello Straniero che ci accusa di anar- 
chia, chiedete un atto istantaneo e spontaneo di adesione 
al vostro operato. 

IVoi lutti eletti dal Popolo, ed in forza delle sue leggi 
qui evocati, njcnlre dichiariamo che la calma, l’ordine, il 
rispetto alle leggi ha sempre regnato, e regna, protestiamo 
soicnnercentc contro qualsiasi intervento, e violenza, e ci 
dichiariamo pronti a coadiuvare il Governo con tutti i 
mezzi che sono in nostro potere. 

VIVA L’I^DIPL^DE^ZA ITALLOA 


AI RAPPRESEISTA?iTI DELLO STATO ROMA?ÌO 

Il Consiglio Municipale di Massalombarda vivamente pe- 
netralo dai gravi e solenni momenti in cui trovasi la Re- 
pubblica Romana nella sua seduta d’oggi ha unanimamen- 
te risoluto di prestare piena adesione all’indirizzo de’suoi 
Rappresentanti airAsscmblea Costituente, volalo nella sedu- 
ta del giorno t5 cadente Mese. Indirizzo che sotto ogni 
rapporto sostiene i diritti , la dignità, c la indipendenza, 
e fa aperto che il Regime Repubblicana non fu opera di 


Digitized by Coogle 


( 5 *) 

pochi faEÌosi , ma Ja espressione vera e concorde del Po- 
l^lo, che da tanto tempo anelava all’ esercizio dì quella 
tjovranilà che da Dio gli venne concessa. Qualunque at- 
tentalo pertanto agli accennali diritti non potrebbe riguar- 
darsi che per un atto di usurpazione, tanto più indegno, 
quanto se esercitalo da ISazione che professi le medesime 
istituzioni. Per lo che il Patrio Consesso come ripone in- 
tera fiducia ne’ suoi legittimi rappresentanti, così è pronto 
in ogni evento a concorrere con intensità di volere, e di 
azione alla difesa delle guarentigie ottenute, alla salvezza del 
Paese. 

Massalombarda li 50 Aprile 1849. 

Per il Consìglio Municipale 
Gaetano Torchi Priore 
Luciano àlaccaferri 
Paolo Ricci Signorini 
Gaetano Raravclli 
Giacomo Raspadorì. 

REPUBBLICA ROMANA 
Municipio di Argenta 

Nel giorno di lunedi 30 dello spirante mese di A- 
prile, si è radunalo in questa Residenza Municipale , in 
seguito d’unico invito in via di urgenza , il Consiglio di 
questa Comune di AIU'.ENTA, colla presidenza del Cittadino 
Priore Apollinare LoHi, e sono comparsi i Cittadini 
Appolinarc Lolli Priore 
TNiccolò Scacchi Anziano 
Giacinto Forti Anziano 
Giuseppe Doti. Vandìni 
Ignazio Gattelli 
Ermenegildo Cobianchi 
Tommaso Roverali 
Luigi Bellini 
Bonifacio Mazzanti 
Clemente Gibcrli 

Giocondo Bacilieri Segr. 

Essendo mancati i Cittadini » Dioli Luigi » Roiti Gi- 
rolamo » Cantelli Alessandro v Bernardi Giovanni » perchè 
assente ; non che Lelmi Antonio » Crispini Gaetano » Lolli 
Alberto » Succi Vincenzo » Cogolli Giuseppe » Aleotti En- 
rico > Cobianchi Giovanni > Mazzolani Dott. Massimiliano, 
e Scacchi Giuseppe. 


Consiglieri 


Dìgitized by Google 



( ) 

Dichiarata legale la seduta a termini deH'art. 90. del 
decreto 51 Gennajo pros.pas. e perchè d'argenza , la Magi- 
stratura ha fatto leggere ad intelligibile voce tanto copia di 
Circolare del Romano Triumvirato delli 24 spirante mese, 
quanto lettera di questo Governatore supplente delti 28. 
detto, l’una, e Taltra riferibile alla presentazione l'ecente 
nelle acque di Civitavecchia dell’Avanguardia di nna Divi- 
sione Francese, senza preventiva comunicazione alla Giostra 
Repubblica. 

Quali però siano le intenzioni della Divisione predet- 
ta è un mistero ; ina essendosi in qualche avvertenza che 
tale spedizione straniera provenga dal ritenere eh’ essa fa , 
che il Nostro Stato sia oppresso dalla più grave anarchia, 
e che il Regime attuale Repubblicano non sia l’espressione 
vera del volo unanime Popolare; fa duopo che si convinca 
del contrario, ed occorre che i Comunali Consigli concon 
demente manifestino, siccome voce , o rappresentanti del 
Popolo, essere la proclamata Repubblica non istituzione , 
non pensiero di pochi, bensì volontà, e desiderio di tutti : 
volontà, desiderio intimo, d’intimo convincimento di mi- 
gliori leggi, di miglior avvenire. 

L’uomo nasce sempre a perfezionarsi. £ perchè l’Ente 
creatore empiva il Mondo di maraviglie, e dava all’uomo ad 
un tempo la scienza d’investigarle, di conoscerle, di vene- 
rarle ? Ei non Io volle ammiratore stupido del creato per 
lui, noi volle .schiavo contemplatore della sua potenza. Mol- 
to meno lo destinava a piegare il collo per secoli alle stra- 
nezze, al capriccio, alle disposizioni d’altr’uomo. INatura ten- 
de sempre al meglio, a quella felicità più possibile che è 
sperabile in questa terra, e tale felicità non potrà sperarsi 
giammai, quando le leggi de’ Potenti non si adattino pru- 
dentemente all’educazione delle umane generazioni. 

Per più di tre secoli questa Provincia ha provato la 
debolezza, l’incocrenza, Pinosservabìiità delle leggi del Pon- 
tifìcio Governo. Cittadini adunati, v'ha forse alcuno di ì\oi 
che non si sia lagnato della mollezza di dette leggi nell’as- 
sicurare le vite, e le altrui proprietà contro gl’impuni per- 
versi ? Che non le abbia accusate di pusillanimi , indiffe- 
renti nel reprimere il libertinaggio, il vagabondaggio , il 
debosciamento di tanti, che l’opera giornaliera consumano 
di continuo nelle taverne, senza recare un obolo alla que- 
stuante propria famiglia? . . V’ha fra di Noi chi non abbià 
chieste, o sentito chiedere riforme di leggi nel politico, nel 
civile, e nel criminale: che non le abbia imprecate, maledet- 


Digitlzed by Google 



( ) . 

te , e per rimpunilà de’Malvivcnli, e per retcrnilà de’giu* 
dicati, e per la venalità delle procedure, e per 1’ ingiusta 
forza del pecunio, e delle proiezioni contro tante giuste do- 
mande ? 

Cittadini, noi eravamo tenuti in ispinosissima culla > 
stretti a gridare, od invocare provvidenza da chi ci vole- 
va oppressi senza pietà, e sempre fanciulli. Ciò era contro 
al fatto subbiime di nostra creazione , e natura. Dio si 
sdegnava , e ci apriva campo a rigenerarci col mez- 
zo stesso deirAugusto Capo della sua Chiosa : di quel Capo 
che incominciava il nostro riscatto e quello d'Italia, poi 
gli mancava cuor di finirlo. 

Ben avversi di ripudiare la religione, noi l’adoriamo 
anzi tutti. Ben lontani di far onte al Pontefice, noi anzi 
tutti lo veneriamo. Base de’governi ò la religione, e sia 
essa con noi. Letizia del Cristiano è il Pontefice, c sarà 
nostro gaudio per sempre, ma quando non altra Autorità 
egli indossi che quella di Pietro dì cui è Successore. 

Intanto a persuadere e convincere l’armata Francese, 
ed ogn’altra Potenza, che il Governo ch’ora ci guida sor- 
geva per volo de’PopoIi e per nostro volo, facciamo so- 
lenne dichiarazione che lo pioclamainmo a Repubblica di 
nostro libero assenso, e con nostra piena adesione, non da 
altro spinti che dalla prepotente necessità di miglioramen- 
to di leggi, e dall’assoluto bisogno di scioglierei alfine dal 
dominio feudale di quella Casta, che Dio istituiva soltan- 
to per l’Altare, per la spirituale istruzione e salvezza delP 
Universo. 

Sentita dai Cittadini adunati la lettura della proposta 
cui sopra, concordemente hanno fatto plauso alla medesi- 
ma, e ad unanimità di voti e di espressioni l’hanno ap- 
provata intieramente in ogni sua parte, perchè basata so- 
pra fatti e ragioni ineluttabili. A conferma peraltro di ciò 
vengono tutti a rinnovare e confermare la protesta e di- 
chiarazione di loro spontanea e lìliera volontà, come in- 
tei preti e rappresentanti del Popolo di questa Comune , 
che la proclamazione della Rortìana Repubblica è stata cf* 
fello dell’universale pensiei'o, desidcM'io, e volo della Popo- 
lazione intiera di questa medesima .Comunità avendolo an- 
che provato il concorso numeroso de’Votanli nella circo- 
stanza delle nomine de'Deputali spediti a Roma per quel- 
PAssemblea Nazionale. 

A nome quindi deH’ìntìero Popolo che rappresentano* 
per loro proprio convincimento solennemente ora 


Dichiarano 

» 

di non riconoscere altra legittima forma di Governo che quel- 
la della Repubblica Romana ; di protestare contro qualsia- 
si intervento che. venga per; abbattere l’attnale ordine di 
cose, con animo di diinellcrsi dalle cariche Municipali nel 
caso che colla forza venisse imposto un diverso Governo 
non voluto dai Popoli. 

Aderendo pienamente il Municipio alla premessa di- 
chiarazione: e pubblicazione della medesima, come si riterrà 
opportuno, si è chiuso e sottoscritto il presente verbale nel 
giorno, mese ed anno tui sopra alle ore undici antime- 
ridiane. - -I ; 

Ì ..LollifAppollinqre Priore , 

Scacchi INiccxjla Anziano r. • . ; ' ' 

Giacinto Forti Anziano . 

Giuseppe Vandini m , ‘ 

elemento Gibevti' SI.. .. r , j *- 

Tommaso noverati I . i. - >• 

j Ignazio Gatlellii: ■ .i ' - . ‘■ 

.Luigi Bellini 
Bonifacio Mozzanti 
Ermenegildo Cobianchi ’ -, 

G. Bacilieri,;Scgrct. Comunale 

• -.•-.v , , ' .Por copia conforme 

, C.Bacilieri Segrct. 


REPUBBLIC.i ROM.\NA 
In ?iome di DIO e del Popolo 
Comune dì Filo 
Questo dì 30 Aprile 18i9. 

In esecuzione di quanto ordinava il Cittadino Priore 
di Argenta, e dietro invito del Cittadino Sindaco si è ra- 
dunato d'urgenza il Consiglio Coiminale di questo Comune 
di Filo nella Residenza di S. Biagio per deliberare su ciò 
che il Cittadino Preside di questa Provincia propone a mez- 
zo del Cittadino Governatore di Argenta. 



C 38 ) 

Si è aperta la sedala Consigliare essendo presentili 
Cittadini 

Eleonoro Banzi Sindaco 
CaJegari Antonio ) i • • 

Soragni Vincenzo ) ‘™**«‘'** 

Cobianchi Giovanni 
Ancarani Domenico | Consiglieri 
Vistoli Gaspare 
Coatti Luigi 


Previa lettura dei ricordati Dispacci dei Cittadini Prio- 
re e Governatore di Argenta, e della Circolare del Trium- 
virato si è messa a scrutinio la proposta di solenne, c for- 
male adesione per parte di questo Municipio aU'attuale For- 
ma di Governo. 

Si sono dispensati i voti colla solita formalità, e quin- 
di con avviso che chi intende di aderire dia la palla bian- 
ca, c la nera chi opina per il contrario. 

Baccolti i voti, c fatto esame dei medesimi si è avu- 
to per risultato che questo Municipio aderisce ad unani- 
mità di voti alla Repubblica Romana. 

Il presente Verbale si è redatto alla presenza dei Citta- 
dini Sindaco, Anziani, c Cousiglicii, dai quali tutti viene 
firmalo. 

Eleonoro Banzi Sindaco 
Antonio Calegari Anziano 
Vincenzo Soragni Anziano 
Giovanni Cobianchi Consigliere 
Ancarani ‘Domenico Consigliere 
Gaspare Vistoli Consigliere 
Luigi Coatti Consigliere. 


Digitized by Google 


( 39 ) 

REPUBBLICA ROMANA 


In Nome di DIO e del Popolo . • 
Comune di Copparo 


L’anno primo 1. della Repul)l>lica» Dell’Era volgare 1849 
mille otlocenta quaranta nove » il giorno \ primo Maggio* 
V Nella Sala comunale delle Sedule Consi gliarì di Copparo. 

Chiamato il Capo della Magistratura della Comune sud- 
detta con dispaccio Governativo del li 27 Aprile prossimo 
scorso N. 5488 a convocare il Consiglio affinchè sia dal mede- 
simo manifcsUito il suo voto formale per l’adesione alla 
Romana Repubblica proclamata dall’Assemblea Costituente, 
come pure all’Indirizzo . dalla medesima votalo il giorno 
•IH Aprile stesso ai Governi di Francia , e d’ Inghilterra ; 
ed infine alle determinazioni prese in argomento dal 
Triumvirato, 


tura a mezzo del suo Capo il Citta- 
Li gl’invili ai Consiglieri per la loro 


Ri stessa Magistratur; 
dillo Priore ha diramali 
convocazione. 

Siccome per altro in questa Comune non è ancora 
islallalo il nuovo Consiglio a seconda della Legge 31 Gen- 
.iiajo prossimo scorso ( benché sia stato eletto legalmente col 
volo universale del Popolo per mezzo del Collegio Eletto- 
rale ) il Capo della Magistratura ha interpellalo il Preside 
di V orrara, quale dei due Consigli abbiasi ad adunare, cioè 
se il preesistente, o quello stalo nuovamente eletto dal Po- 
polo; ed avendo il Preside prenominato con suo Dispaccio 
28 Aprile IN. 5580 ( trovando ragionevole il dubbio presen- 
tatogli 'i ordinalo che siano convocali insieme ambidue i 
Consigli, così sono stali invitati i Membri dei due Consi- 
gli, e sono intervenuti li seguenti Cilla.lini sotto la Presi- 
denza del Capo della Magistratura. 


Saratclli Giuseppe Priore 


Membri del Consiglio 
presisienle 

4. Garjgnani Gius. Cons^ 
2. Mari Giuseppe Cons. 


Membri del nuovo Consiglio 
eleni dal Popolo 

I 

\ , Bignardi DoU. Saverio 
2. Mantovani Giovanni 


DIgitized by Google 


3 . 

4 . 

5 . 

6 . 

7 . 

8 . 
9 . 

40 . 
44 . 
42 . 
4 3 . 
44 . 


( 40 

GuidaboniBr. PaoloCon. 
Chittò Luigi Cons. 
Magnoni Scipione Cons. 
Covi Luigi Cons. 
óiretli Luigi Anziano 
Campana Frane. Anz. 
Cavallari Silvestro Cons. 
Capatti Pasquali Cons. 
Baruffa fiatale Cons. 
Tumiali Luigi Sin . di Boi . 
Mistri Antonio Cons. 

Palli Crescenzio Cons. 


) 

5. 

4 . 

5 . 

6 . 
1 . 
6 . 
9 . 

4 0. 
44. 
42. 
4 5. 

44 . 

45 . 

46. 

47. 
4 8. 
49. 


Montanari Sebast. Aixìpw 
Duo Giovanni 
Pieooli Luigi 
Ruggieri Doti. Luigi 
Marchi Battista 
Pcrelli Pietro 
Del Mancino I^orcnzo 
Lazzari Alessandro 
Lazzari Pietro 
Pasquali Giovanni 
Scala Luigi 
Pellizzola Gaspare 
Pavanelli Antonio 
Ghiozzi Giusej>pe 
Baraldi Antonio 
Turra Francesco 
Pavanelli Dolt. Luigi 


Burini Bartolomeo Segr. Comunale 

Fallosi l’appello degli Adunali risulta che del Con- 
siglio preesistente sono intervenuti num. 4 3 membri com- 
preso il Priore Presidente, e del nuovo Consiglio n. 4 9 in 
totale n. 34 Irentaquallro. 

Quindi dopo lettura di lui lodò ebe concerne Toggetto 
da trattarsi come sopra , si è falla dal Presidcnle la pro- 
posizione che segue : 

Se si aderisca formalmente alla Repubblica Piomnna 
proclamata dall’Assemblea Cosliluenlc, allesochò è decaduto 
di fatto colla fuga del Principe il Governo Pontifìcio pi'c- 
cedentc ? . . 

Se si aderisca pur anche alP Indirizzo volalo dalla sic.ssii 
Assemblea nella sua Tornala del 4 8 Aprile scorso pei (io- 
• verni di Francia e d’Inghillorra, di cui si è falla lettura 
per esteso? 

E finalmente se si aderisca alio Determinazioni preso 
dal Triumvirato della Repubblica colla sua Circolare a stam- 
pa 24 Aprile suddetto? 

Essendosi pertanto dai Consiglieri adunali esternato 
P unanime loro volo favorevole di adesione alla fatta pro- 
posizione, dichiarano di confermarla per alzata e seduta. 

Perciò essendosi ognuno alzalo dal proprio seggio, ni li- 
no eccettuato, viene universalmente confci iiiato quaulo fm 
-proposto col grido: «Viva la Repubblica Romana,, , 


DIgitized by Google 


Dop 0 di che si è chiuso previa lettura , il presente 
Verbale, che viene firmato da tutti gli intervenuti , per 
farne trasmissione al Preside della Provincia. 


Firmati nell’ originale 


Giuseppe Saratelli Presid. 
Luigi Garetti Anziano 
Francesco Campana Ani. 
Giuseppe Garignani 
Giuseppe Mari 
Paolo Dott. Guidoboni 
Luigi Chittò 
Scipione Magnoni 
Luigi Covi 
Silvestro Cavallari 
Pasquale Capatti 
W. Baruffa 
L. Tumiali 
Antonio Mi.stri 
Palli Crescenzio 
jMantovani Gio. 

Sebastiano Montanari Anz. 


Duo Giovanni 
Piccoli Luigi 
Buggeri Dott. Luigi 
Marchi Gio. Batt. 
Pietro Pcrelli 
Lorenzo Dclmancino 
Lazzari Alessandro 
Lazzari Pietro 
Pasquali Giovanni 
Scala Luigi 
Pcllizola Gaspare 
ravanelli Antonio 
Giuseppe Ghiozzi 
Barabii Antonio 
Dott. Turra Francesco 
ravanelli Dott. Luigi 


Bartolomeo Burini Seg. Com. 

Per copia conforme 
11 Segr. Comunale 
B. Burini 


Digitìzed by Google 



( 42 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
In Nome di DIO e del POPOLO 
BONDENO 

Nella Residenza Manicipale questo giorno sq Aprile |846 
alle ore ii antemeridiane 

In seguito degli inviti diramati jeri d'argenza ai singoli 
componenti il Consiglio Municipale , ed ai Membri della 
Magistratura, come risulta dal Protocollo d’ufficio al N. Sto 
delti 28 corrente, si è il Consiglio medesimo convocato sot- 
to la Presidenza del Cittadino Priore in virtù dell’art. 82 del* 
l’Ordinamento dei Municipi pubblicato dalla commissione 
Provvisoria di Governo li 5 i Gennajo 


Membri intervenuti 


1 Bottoni Dr.Giuseppe Priore 

2 Cotica Dr. Giuseppe 1 

5 Fioroni Giovanni f 

4 Bottoni Dr. Francesco i 


Anziani 


Consiglieri 

1 Robi Giovanni 

2 Bonatti Alfonso 

3 Forti Carlo 

4 Felicioli Luigi 

5 Gailini Custode 

6 Nadi Bartolomeo 
f Mattioli Luigi 

8 Graia Luigi 

9 Guidoboni Antonio 

10 Cotica Gaetano 

11 Sani Gherardo 

12 Pancaldi Giuseppe 

1 3 Altieri Gaetano 

1 4 Zamboni Francesca 
ib Bergamini Clodoveo 


Digitized by Google 



( « ) 

j6 Giunta Pio 

17 Galiini Francesco 

18 Vacchi Luigi 

jg Torri Luigi 

so Pironi Giovanni 

21 • • • • 

22 , . . . 

23 • • • • 

24 • ' - • 

Visto pertanto che mantunque 1’ Art. 9o dell’ ordina* 
mento dei Municipj dichiari sufficiente nei casi d’urgenza 
qualunque numero d’intervenicnti, pure questi superano i 
due terzi) l’adunanza viene dichiarata legale, ed intraprende 
quindi ad esaurire l’unico oggetto domandato alle sue deli- 
berazioni, rimanendo avvertito che questo fu precedente- 
mente comunicato nei fogli d’invito, e nell’ avviso pubbli- 
cato. 

Premessa la dichiarazione della proclamata nrgenza in 
base del dispaccio N. B4S8 delli 27 corrente del Preside di 
Provincia di cui vien fatta partecipazione al Consiglio. 

Comunicato, e fattane chiara lettura ai Congregati Con- 
siglieri tanto delP indirizzo ai Governi, e ai parlamenti di 
Francia , e d’ Ingliilterra votato dall’Assemblea Costituente 
Romana nella Seduta ddii j8 corrente, non che delle de- 
terminazioni teste prese dal Triumvirato, cd espresse nella 
circolare delli si detto, vengono invitati ad esporre se sì al 
primo e se alle seconde danno piena adesione. 

Al che unanimemente corrispondendo si fanno a di- 
chiarare come il Regime Repubblicano sancendo l’indipen- 
denza, la l\azionul là , e la Libertà sia l’espressione pura , 
e libera di questo Municipio, il quale essendo l’emanazio- 
ne del voto popolare, non tarda a proclamare, che tale e 
non altrimenti è l’espressione di questa Popolazione, per cui 
tutti, niuno eccettuato, i Consiglieri presenti fanno atto so- 
lenne di adesione all’indirizzo sudetto , non che alle deter- 
minazioni del Triumvirato portate dalla Circolare delli 24 
corrente. 

Si dichiara per la dorata intelligenza che il Consi- 
gliere Francesco Toni è infermo, che il Cons. Carlo Pironi 
è fuori di paese, che il Cons. Feliciano Farolfì è a Ferrara, 
che il Cons. Canonici Girolamo sta ostaggio per la città di 
Ferrara in mano degli Austriaci » Notasi infìne che il volo 
suindicato ò stato espresso mediante volontaria alzata, e seduta. 

C 2 



) 

Esaurito per tal modo I oggetto pel quale venne convo* 
calo Todierno Consiglio, prima del suo scioglimento procede 
tutto intiero a firmarle il presente Verbale. 


Mattioli Luigi 
Grata Luigi 
Guidoboni Antonio 
Gaetano Cotica 
Giuseppe Pancaldi 
Gaetano Altieri 
Francesco Zamboni 
Bergamini Clodotreo 
Giunta Pio 
Gailini Francesco 
Vacchi Luigi 
L. Torri 
Gio.'Pironi 
Bodoni 
Gius. Cotica 
G. Fioroni 
F. Bottoni 
Giovanni RobI 
Alfonso Bonati 
Carlo Seni 
Felicioli Luigi 
Gherardo Sani 
Custode Gailini 
Vadi Bartolomeo 


Furari Segr. Munic. 


Digitized by Google 


( 4 » ) 

REPUBBLICA ROMATSA 

IN NOME 01 DIO , E DEL POPOLO 

PROVINCIA DI FERRARA 

Allo Consigliare — Seduta Straordinaria 
della Comunità di Codigoro 


Nel giorno di Domenica 29. Ventinove del corrente Mese 
di Aprile ed anno -1849. quarantanove. Nella Sala Munici- 
pale si è adunato straordinariamente il Consiglio della Co- 
munità di Codigoro , per deliberare sopra di un inte- 
ressante oggetto , venendo presièduta l’Adunanza dal Se- 
condo Anziano in mancanza e del Priore defunto e del 
primo Anziano impedito — Membri intervenuti 


Cittadini — Antonio Gallottini Anziano Presidente 


Antonio Gurrctti 
Giuseppe Gallottini 

4 Raffaele Beltramini 

2 Cristofaro Scalambra 

3 Vincenzo Telloli 

4 Giacomo Tagliati 
b Niccola Pandolfi 

6 Valentino Scalambra 

7 Francesco Tovauerchi 

8 Niccolò Orlandi 


^ Anziani 


II Segretario La dichiarato aperta la Seduta , e trat- 
tandosi di affare urgente , qualunque sia il numero degl’ 
intervenuti , avrà ciò non ostante luogo la deliberazione , 
luir appoggio dell’ Articolo 90. dell’Ordinamento sulli Mu- 
nicipi 3t Ciennajo corrente anno. 

Letto, per me Segretario la Circolare del Triumvirato 
in data 24. corrente colla quale dà notizia dell’arrivo di 
un’ Avanguardia di una Divisione Francese in presenza del 
Porto di Civitavecchia senz’ essersene premessa comunica- 
zione di sorte per parte del Governo Francese a quello della 
Repubblica Romana ; nè sapersi quali siano le intenzioni 

c 3 


Digitized by Google 



( ^6 ) 

di quel fiovcrno ; e soggiugne , che importa molto alli 
Municipi , che ris])ondino degnamente con solenni dimo* 
strazioni al Voto de’ Popoli onde sia salvo l’onore Italiano. 

Letto pure il foglio del Preside di questa Provincia in 
data 27. corrente IN. S488. col quale inculca ogni energìa in 
tanto emergente ; e che li Municipali Consigli protestino 
contro ogni ingiusto Straniero insulto , ed aderire quanto 
saprà adottare il Triumvirato a bene della Repubblica. 

Letto finalmente il Foglio di questo Cittadino^ Gover- 
natore in data di jeri IN. 533. col quale trasmise in Copia 
li riferiti Fogli del Triumvirato e del Preside 

11 Cittadino Presidente ha proposto, -che in base alle 
fatte comunicazioni, è chiamata que.sl’ Adunanza ad appro- 
vare quanto il Governo delia Repubblica Romana saprà adot- 
tare a difesa de’ diritti del Popolo , e protestare , e a un 
tempo stesso rintuzzare ogni qualunque ingiusto Straniero 
insulto a salvezza e per l’onore del Popolo Italiano. 

Posta ai Voli una tale proposta , e colla avverlenra , 
che a chi pare , e piace ammetterla ponga nel Sì e chi al 
contrario nel No. Distribuite le ballottole, ed apprestato il 
Bussolo. Risultato nel Si Num. IO. e nel No Num. t. 

Approvata in tal modo la proposta ■— Evviva la Re- 
pubblica. 

Nuli’ altro essendovi da risolvere , si e chiuso il pre- 
sente Verbale , da rassegnarsi al Preside colla posta di do- 
mani , c viene firmalo dai singoli adunali e da ine infra- 
scritto Segretario essendo le ore Undici della Mattina, pre- 
via lettura. 


Firmati 


Antonio Gallotlini Presidente 
Giuseppe (ìallottini Anziano 
Antonio Ferretti Anziano 
Giacomo Tagliati 
Vincenzo Telloli 
Niccola Pandolfi 
Francesco Tovanerchi . 

Niccola Orlandini [ Consiglieri 
Cristoforo Scalambra 
Valentino Scalambra 
R. Cap. Beltrani 

Angelo Solimani ^grelario 


Per Copia conforme al suo Originale 
Angelo Solimani Segretario 


Digitized by Google 



(. 47 ) 

Io Nome di DIO e del POPOLO 

L’anno primo della Repubblica Romana, e dell’era volgare 
1819 milleottocentoqnarantanove 

Questo giorno di Lunedi 3 o del mese di Aprile 

In Comacchio 

In seguito dell’ invilo stradato nel giorno di jeri, e sot- 
to il n. 776 del Protocollo Comunale ad ogni e singolo com> 
ponente il consiglio Municipale di questa Città per la sua 
Convocazione ad urgenza nel giorno d’oggi all’uopo di eva- 
dere alle superiori Ordinailze in detto invito annunciate ; si 
è oggi stesso il Consiglio medesimo raccolto in questa Re- 
sidenza Municipale c composto de’ seguenti Cittadini. 

Guido D. Guidi Gonfaloniere e nella qualità di Presi- 
l’art. ^2 del Decreto sull’ ordinamento de’ Mu- 
nicipi 3 i Gennajo pp, 

Antonio Patriguani ) 

Avv. Vincenzo l’ozZiti ) .Anziani 

Massimiliano Civulieri ) 

Indisposto l’altro Anziano Celeste Bonnet 
Gaetano Av. Mioni 
Carlo Cavalieri Ducati 
Antonio Cavalieri d’ Oro 
Carlo Tornasi 
Grò. Uallist.i Puzzati 
Francesco D. Lugarcsi 
Luigi Carli 
Vito D. Felletti 
Gioacchino Bonnet 
Luigi Diirelli 

Francesco Maria Patrignani 
Edoardo Cusatilli 
Gaetano Telletti 
Luigi Farinelli 
Stefano Primo Gradata 
legittimamente impedito Alfonso De Carlf 
assente Gaetano Stecchi 
non intervenuto Calisto Fogli 
Dichiarata pertanto aperta la seduta, la Magistratura esi- 
bisce un faglio del locale Governo segnato in protocollo 
Comunale al n. 770 in data a8 cadente segnato n- 190 nel 

e 4 


Digitized by Google 



( ^8 ) 

quale sta Irascriito Oispaccio del Preside dtll» Provincia *7 
dello tì. 5488 con cni sianti le disposizioni avuie dal Tiiii. i- 
viralo della Repubblica con Circolare detto unita in co- 
pia al foglio medesimo ordina , che il Comunale Co.i- 
•iglio sia convocalo ad urgenza per delibeiare sull’ 
indirizzo della Roniana Coililneiitc votato nella seduta 
de! giorno 18 dello mese; ed alle determiiuzi mi prese dal 
Triumvirato espresse nella Ciicolare zi A|jrile succitata, 1 ^ 
quale ncll’anniiiiciare che I’ av.-ngnaidia di una divisionu 
Francese in presenza del Porto di Civilavicchl.i , dichiara eli 
protestare colla forza contro ogni offesa :d diritto, e alla di- 
guiti del paese. 

Letto quindi il foglio «ndetio, dispaccio e circolare suc- 
citati. 

Letto egualmente nella Cazzctla di Bologna al n. 96 - 
P Indirizzo del qoaU sopra, s'invituno gli adunati Cittadini 
ad esprimere il loro voto. 

Dietro di che gli adunati tutti per alzata e seduta , e' 
con acclamazione ii.innu diclii tiaio rii aderire nel modo pili 
solenne alP indirizzo votelo dall’assemblea Costituente il 18 
Aprile ai Governi e Parlamenti Francoso ed Inglese, ed ■•Ile 
determinazioni prese dai Ifiumviri per la sa'vezzi della pa- 
tria j protestando, che la legittima forma di Governo Repub- 
blicano sorta dal ve>t > unanime dei Popoli Colla consenaziu- 
ne inviolata del pubblico ordine In dato uno svihippo cosi 
possente alle franchigie e agl’interessi morali e civili «lei pae- 
se da formare la speranza c il desiderio di noi tutti Italiani 
decisi perciò di difenderla con animo risoluto contro qualun- 
que attentato agi’irnprescrittibili diritti del Popolo, 

Viva l’ Italia ! Viva la Romana Repuirhlica! 

Nnll'altro rimanendo da operarsi dal Comunale Consi- 
glio nella presente Seduta si è lutto; e chiuso il verbale alle 
ore II antemeridiaiie, fìrmandosiqui in fine tutti gP inier— 
Tenuti, ^ 

Dr. Guido Gnidi Gonfaloniere Presidente 
Antonio Patrignani Anziano 
Pificenzo Pezzati Anziano 
Massimiliano Cavalieri Anziano 
Pi. Cavalieri d’ Oro 
C. Cavalieri Ducati 
C. Tornasi 
G. Bonnet 


Digitized by Google 



(49) 


Luigi Carli 
Gaetano Mioni 
Gaetano Felletii 
Edoardo Cusatelli 
G. Battista Bozzati 
Frane. M. Patrignani 
Vito Or. Felletti 
Luigi Farinelli 
Francesco Lugaresi 
Stefano Primo Gradara 
Luigi Durelli 

Lodovico Cavalieri Segrct 
Comacchio So Aprile 1849 
Per copia eònforme 
Il Segretario Municipale 
Lodovico Cavalieri 

REPUBBUCA ROMARA 

PROrtNCIA m FERRARA 

ATTO CONSIGLIARE 

Velia Comunità di Voghiera Appodiato 
, di Portomaggiore . 

OGGETTO 

Unico = Pronuncia di adesione alITndirizzo votato dal- 
la Costituente Romana nel giorno i8. or ora spirato Apri- 
le e alle determinazioni prese dal Triumvirato , e da questo 
espresse in sua Circolare del giorno dello stesso mese . 


Componenti la Magistratura 
Totale Nuni.3. j Intervenuti Num. i. 

Consiglieri 

Totale Num. 4» | Intervenuti Nam. a. 


L’ Adunanza Consigliare ha avuto Luogo in seguito di 
un Unico Invito in via d’ Urgenza da equivalere ai tré , e 
per ordinazione del Cittadino Preside della Provincia . 

c 5 


Digitized by Google 



( 50 ) 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO . 

Oggi Primo Maggio del Mille ottocento quarantanove 
1849. seguito di un Unico Invito fatto in via di Urgen- 
za , si è radunato nella Residenza Municipale il Consiglio 
della Comunità di Voghiera sotto la Presidenza del Cittadina 
Sindaco Paolo Fabbri . 

Membri intervenuti 

I. Cittadino Sindaco 

s. Cittadino Gaetano Medini Consigliere 

5 . Cittadino Giovanni Rei Arcip. Consigliere 

Il Cittadino Sindaco ha fatto lettura di un Dispaccio 
del Cittadino Priore di Porlomaggiore in data del 28 Aprile 
di questo corrente anno i 84 g e di una Circolare del Citta- 
dino Preside di questa Provincia N. 5488 di Seg. Gen. dei 
27 Aprile anno suddetto non che di una Circolare del Trium- 
virato dei 24 Aprile medesimo ; E dal tutto insieme si è 
rilevato , essere il Municipio richiesto di adesione formale 
sull' Indirizzo della Costituente Romana votato nella seduta 
del giorno 18 or ora spirato Aprile , ed alle determinazioni 
e misure prese dal Triumvirato , e da questo espresse nella 
succitata Circolare del 24 Aprile. 

Dietro alcune brevi e calme osservazioni fattesi dai ra- 
dunati in Consiglio si è convenuto di estendere il seguente 
Atto da indirigersi al Cittadino Preside di nostra provincia , 
e mezzo suo , a chiunque possa spettare. 

CITTADINO PRESIDE 

L’ Atto solenne di formale adesione all’ Indirizzo della 
Costituente Romana , e alla Circolare del Triumvirato che 
nella vostra segnata N. 5488 di Seg. Gen. sotto li 27 Apri- 
le or ora spirato , che P uno e P altra ne accenna ci richie- 
dete per quanto è del fatto nostro , vogliamo che a vostro 
mezzo , Cittadino Preside , la Repubblica e quei che la rap- 
presentano sieno pienamente assicurati , che P emetterlo l'ab- 
biamo, nonché conveniente, doveroso in istrettissimo senso , 
e P uno e P altra riceviamo ed approviamo interamente ed 
assolutamente appoggiandoli in tutte e singole le parti loro, 
in tutto quello che in alcuna maniera può da noi aelle 


Digiiized by Google 



emergenze dipendere . Checché però gli altri Consìgli Mu- 
nicipali della nostra Repubblica possono opinare nella biso- 
gna , la Costituente e il Triumvirato nella loro saviezza non 
ci vorranno far carico , se quanto alla Popolazione dì que- 
sto Appodiato diamo luogo ad una franca parola che ci è 
spinta sul labbro da un intimo e profondo convincimento. 

Fummo eletti a rappresentare questo Comune nelle so« 
le cose che rìsguardano i privati ed interni suoi interessi » 
senza rapportarci a quanto è fuori di eseo , tranne i giustis- 
simi riguardi che la logge l' impone di avere ai diritti di 
altri Comuni e alle Leggi organiche universali dello Stato: 
Egli è non pertanto da ritenere positivamente che , come a 
tutto il giorno d’ oggi anche questa Popolazione ha piena- 
mente aderito a quante Leggi e Ordinazioni e Decreti d'ogni 
sorta sono stati emanati o dalla Costituente , o dai Trium- 
virato , o dai vari Ministeri , cosi vorrk ora aderire alle 
Risoluzioni , che sonosi prese , o si prenderanno appresso 
in qualsivoglia caso ; che la Repubblica è un fatto che an- 
che qui si rispetta , e per Essa ì suoi Rappresentanti e gli 
Atti loro j e che si abbore ogni idea* ed attentato diin»- 
vazioni , venga dall' interno , o dall* esterno , come qual 
che altri mai si possa fìngere male » o disastro più gravei 

Questo è quanto gradite. 

L' Accordo in questi sensi per parte degli intérvenutì 
è stato pieno. 

£’ letto il presente atto Consigliare si sono firmati . 

Paolo Fabbri Sindaco 
Gaetano Medini Cons. 

Fey Gio. Consig. 



( 52 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
COMUNE DI VIGARANOE MAINARDA 

Oggi primo Maggio 1SÌ9 alle sette della mattina 

In esecuzione del Manifesto a stampa del Cittadino Pre* 
side S7 spirato contenente il dispaccio del Triumvirato , che 
nel mentre avvisa della presenza dell’ Avanguardia France- 
se al Porto di Civitavecchia dispone , che le Rappresen- 
tanze Municipali rispondano con solenni manifestazioni al 
voto dei popoli. 

Coerentemente al foglio del Cittadino Gonfaloniere z 8 
caduto N. I7&7y&22 che ne ordina in via d’urgenza l'unio* 
ne del Consiglio, onde pongansi ad effetto tali disposizioni. 

Preceduto l’invito a tutti i componenti il Municipio di 
questo Appodiato , si è oggi all’ora sudetta adunato il Consi- 
glio , ed aperta la seduta sotto la presidenza del Cittadino 
Sindaco in questa dì lui Residenza , ove tutti intervennero ; ed 
informati dell’oggetto , che doveva trattarsi colla lettura della 
stampa del Cittadino Preside sudetto , convenendo , che in 
questo Comune siavi sempre stata la quiete , 1 ’ ordine , e la 
sommissione alle Leggi , dichiararono unanimemente di pre* 
stare eziandio per l’avvenire la dovuta obbedienza alte me* 
desime. 

Il presente fu letto ad alta voce ai convocati » e da essi 
firmato sciolta l’adunanza. 

Pietro Cariani Sindaco 
Francesco Toselli Anziano 
Cristino Soriani Anziano 
Antonio Antolini Consigliere 
Pietro Frabetti Cons. 

Massimiliano Franchini Cons. 

Giuseppe Chiarabelli Cons. 


Digitized by Google 



( 55 ) 

repubblica roimana 

Quirtesvna oo Aprile i 84 g 

Il Municipio in adempimento di qilanto prescrive l’or- 
dinanza dei Triumviri della RepnbLItca corrente e per 
Tosservunza dell’analoga disposizione ili questo Preside della 
Provincia , comunicateci dal Gonfaloniere col N. 1755/522 
»8 corrente sonori uniti in seduta straordinaria li Cittadini 

Marangoni Dottor Girolamo Sindaco 
Del Secco Dottor Antonio Anziano 
Girelli Luigi Consigliere 
Polli Giuseppe Consigliere 
Girelli Giictnno Consigliere 

quali avendo presa ad (Same la volontà dei Triumviri 
espressa tjeH’ordinartza stessa, e dovendosi da noi risponde- 
re degnamente con sulem.i manifc^tazion^ al voto dei Po- 
poli , dichiariamo di concorrere in tutto ciò che Verrà sta- 
bilito per massima da questo Comune principale nelle suo * 
relative deliberazioni , e che sarà per noi un pregio l’esem- 
piarsi al Municipio di Ferrara nella presente circostanza , e 
per quanto sarà sul j roposito prr stabilire. 

Fatto chiuso si è firmato 

G. Marangoni Sindaco 
Antonio Dal Secco Anziano 
Girelli Luigi Consigliere 
Giuseppe Polli Consigliere 
Gaetaoo Cirelti Consigliere 


Digitized by Google 



( 54 ) 

RAPPRESENTANZA MDNICIPALE DI PIEVE 


Questo giorno di marie II primo i. del Mese di maggio 
millcottocentoquarantanove alle ore tre pomeridiane. 

Di seguito a lettera del Cittadino Governatore di Cento 
in data del 28 , pp. Aprile n. 616 . al Prot. Comunale n. 
553 . e d' appresso analogo Proclama del Preside di Provincia 
in data 27. ventisette jeri pervenuto a questo Uffizio sorto 
il nurn. 559. è stato subito pubblicato nei soliti luoghi 
delle stampe , l’una e l’altro risguirdanti la Divisione Fran- 
cese presentatasi al Porto di Civitavecchia , ed eccitanti le 
Comunali Rappresentanze e far subito solenni ed unanimi 
manifestazioni ed aperta adesione aH’indinzzo della Costi- 
tuente del diciotto 18. detto passato mese non che alle de- 
terminazioni del Triumvirato onde smentire le calunnie 
colle (juali vorrebbesi coonestare un intervento straniero , 
sono state diramate jeri in via di urgenza le lettere d’ini- 
vito ai singoli di questa Municipale Rappresentanza per una 
Convocazione sull' oggetto in juesto giorno come alla let- 
tera al Prot. n. 553 . e premesso fin da que-ta nia'tina il 
suono della Campana maggiore sono comparsi nella solita 
Camera del Comunale Palazz » li Cittadini seguenti 

1. Cresciir.beni Gio: Gaetano Priore. 

2 . Riguzzi Cip. Raffaele Consigliere. 

3 . Rizzoli Francesco Anziano. 

4. Gtiidiccini .Angelo. 

5 . Gambelini Antonio 

6. Melloni Pasquale. 

7. Roversi Michele 

8. Bassi, Gaetano 

9. Govoni Virgilio 

10. Cossarini G ovanni 

11. Riguzzi Antonio 

12. Roversi Carlo 

1 3 . Guidiccini Emanuelle. 

Il Consigliere Govoni Luigi Ambrogio ha scritto lettera 
al Priore in data di jeri colla quale si scusa di non essere 
oggi in Paese e quindi di non potere intervenire alla Sedu- 
ta con suo dispiacere. Essa lettera si legge ed è protocol- 
lata sotto il N. 567. 

Sono suonale le ore quattro ed è il Priore Presidente. 

Visto r Articolo del Decreto degli Ordinamenti su i nin- 
nicipii u. 90. dichiara legale , aperta e pubblica la Seduta ed 


Consiglieri 


Digitized by Google 



. ( ) 

laTOcato il divino alato colle solite preci , propone alla 
deliberazione degl' intervenuti 1’ oggetto s<^r’ indicato e già 
pronunciato nell’ Invilo. 

e Adesione ali' indirizzo della Romana Costituente vo- 
tato nel giorno dieciotto i8. ed alle determinazioni del Trium- 
vir a 0 a 

_tSi leggono detta lettera del Governatore e Proclama del 
Preside sucitato 

Si è letto da poi l' indirizzo della Costituente portato 
nella Gazzetta privilegiata di Bologna del 23 . prossimo pas- 
sato al n.96. 

E tutto ponderato nel suo vero senso c fatta dal Priore 
Presidente la proposizione se vogliasi aderire in tutto e per 
tutto al detto indirizzo e manifestazioni dei Triumviri sic- 
ché si conosce che è ferma e decisa volontà di questa Rap- 
presentanza di avere per propri i sentimenti in esso indi- 
rizzo e circolare del 24. manifestati , tutti li Cittadini pre- 
senti per acclamazione unanime hanno dichiarato di ade- 
rire , e fatta la prova per alzata e seduta^ indicando 1’ al- 
zata l'adesione , tutti, niuno eccettuato , si sono alzati e cosi 
hanno aderito ^ 

Dopo di che il Presidente dichiara sciolta 1 ’ adunanza 
essendo le ore cinque 5 . pomeridiane « Letto il presente 
Verbale che sì firma dal Priore e da due Consiglieri 

Gio. Gaetano Crescimbene Priore 
R. Riguzzi 

I 

Gaetano Bassi 

B. Melloni Segr. 

Per Copia conforme 

Rivelltmi Segr. 



( 56 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Pro V inda di Ferrara 

IN Nome di dio, e del popolo 

Atto Consigliare della Comunitk di Porto Maggiore 
Oggetto 

Approvazione unanime di un indirizzo al Triumvirato 
della Repubblica Romana contenente l'adesione piena ed in- 
tiera di tutti gli atti , ed operato fin qui dal Governo , ed 
all' indirizzo votato nel giorno i 8 Aprile prossimo passata 
dall’ Assemblea Costituente Romana ai Parlamenti d'Inghilter- 
ra e di Francia. 

Numero dei componenti la Magistratura 

Totale Num. B. 

Intervenuti Num. 4* 

Numero dei Consiglieri della Comunità 

Totale N. 

Intervenuti Num. i 8 . 

N, B. La convocazione ha avuto luogo dietro invito 
d’urgenza a termini di Legge dietro la Circolare del Citta- 
dino Preside delle Provincie Num. 4488 delli ^7 Aprile ulti- 
mo scorso. 

Anziani, e Consiglieri mancanti 

i.° Aventi Ignazio Anziano = Esiste 1n atti lettera di 
giustificazione per la di Ipi mancanza nella quale esprime il 
suo voto favorevole a quanto dal Governo si richiede. 

i.° Righini Dot. Eugenio Cons. stante gli attuali avve- 
nimenti di Ferrara della quale Città è Gonfaloniere sebbene 
non abbia fatto presentare alcun documento giustificativo , 
gli viene condonata la mancanza , perché costa non potere ab- 
hondonare il suo Posto. 

a Eggi Carlo = senza giustificazione 
3 Fioravanti Dot. Giuseppe Cons. id. 

4 . MalusardiDot. Antonio Cons. 

£ Bellocchio Antonio Cons. id. 


Digitized by Google 



( 57 ) 

6 Silvestri Giuseppe Cons. = Certificato medico dal qua- 
le emerge essere esso esibente affetto dalla malattia detta 
Orecchioni 

Oggi primo Maggio mille ottocento quarantanove in se- 
guito della Circolare del Cittadino Preside della Provincia 
delli *7 Aprile ultimo scorso Num. 5488 Segreteria Gene- 
rale si è in via d’urgenza radunato in questa Sala Comuna- 
le alle ore dieci antimeridiane il Consiglio della Cornunilli 
di Portomaggiore coll' intervento delli seguenti Cittadini 

1 Federici Federico Priore Presidente 

2 Marzola Marco Maria Anziano 

3 Gulinelli Domenico Anziano 

4 Forti Giovanni Anziano 

1 Vaccari Nicola Cons. 

2 Mezzogori Pietro id. 

3 Marzola Giovanni id. 

4 Forti Dot. Giuseppe id. 

5 Federici Napoleone id. 

6 Mazzolani Carlo id. 

7 Contarini Luigi id. 

8 Miseri Giuseppe id. 

9 Scabbia Antonio Cms. 

10 Saraceni Dot. lìrcole id. 

1 1 Cavallari Luigi id. 

12 Vaccari Vincenzo id. 

1 3 Imperiali Giesuè id. 

1 4 Forti Domenico id. 

1 5 Angelini Doti. Antonio 

16 Cinti Tommaso 

17 Imperiali Antonio 

18 Ma'^esta Giorgio 

Esaurito l’appello nominale e trovalo esservi presente il 
numero legale tanto dei Magistrati che dei Consiglieri , do- 
po avere fatto in margine l’annotazione dei mancanti con 
o senza aver prodotte le loro giustificazioni , fu dal Citta- 
dino Presidente dichiarata aperta la seduta 

Prendendo quindi la parola lo stesso Cittadino Presiden- 
te t e fatta una breve esposizione dell’ oggetto importante 
sul quale si richiede l’adesione dei Comunali Consigli quai 
legittimi Rappresentanti del Popolo , ordinò la lettura della 
Circolare del Triumvirato delli 24 prossimo passato Aprile , 
e dell’ altra del Cittadino Preside di Ferrara diretta ai Mu- 
nicipi in data 27 detto Nnin. 5{.88 colla quale viene ordi- 
nata la convocazione dei Comunali Consigli in via d’urgen- 


DigitiZed by Google 


. . .c 58 ) 

*a , come pure dell*' indirizzo votato dall Assemblea .Costi- 
tuente Romana nel giorno i8 Aprile suddetto diretto ai Go- 
verni e Parlamenti di Francia ed Inghilterra col quale si 
prova a quei Governi ed all' Europa il diritto legittimo che 
dessa aveva di adottare quella forma di Governo più credeva 
convenirle 

Dopo ciò fu proposto al Consiglio di determinarsi in 
proposito. 

Scambiati vari schiarimenti richiesti , fu convenuto di 
■ mettere ai voti il seguente indirizzo al Triumvirato della 
Repubblica Romana 

= Alli Triumviri della Repubblica Romana = 
•Cittadini Triumviri 

L’ordine e la calma che regnano nello Stato della Ro- 
mana Repubblica , ed il rispetto che la Popolazione man- 
tiene verso le Leggi , è un fatto così positivo , che smenti*- 
sce per se stesso le calunnie di cui ci regalano gl’ ingannati 
Governi Stranieri. 

« Noi quindi come legittimi Rappresentanti di questa 
» Popolazione da cui fummo liberamente eletti , in faccia alla 
» medesima emettiamo atto solenne di adesione all’ operato 
!» sin qui dal Governo , all’ indirizzo votato dall’ Assemblea 
Costituente Romana nel giorno i8 Aprile scorso, ed appro- 
viamo quanto in esso si espone ai Parlamenti di Francia ed 
Inghilterra , pronti dichiarandoci a sostenere i diritti della 
Repubblica Romana e l’inviolabilità del suo Territorio con- 
tro l’invasione straniera con tutti i mezzi che sono in nostro 
potere. 

Viva l'indipendenza Italiana 
Viva la Romana Repubblica 

Udita la lettura del proposto indirizzo furono distribuiti 
i voti colla solita dichiarazione che il voto in sì approva 
l inrlirizzo di cui ec. e quello in nò lo disapprova , raccolti 
i suffragi furono trovati favorevoli tutti , e quindi all’ una- 
nimità approvato con plauso generale della Popolazione. 

Fatto , chiuso , e letto il presente atto alle ore undici 
antimeridiane venne firmato dalli Cittadini e Priore sottoscrit- 
ti cc. e da me Segretario controfirmato ec. 

f Federico Federici Priore 
p. . ( Giovanni Marzola Cons. 
irma i . Giuseppe Doti. Forti Cons. 

( Antonio Scabbia Cons. 

O. Altieri Seg. 

Per copia conforme d’ufficio 
0. Altieri Seg. Coni. 


Digitized by Google 



( 59 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
PROVINCIA DI FERRARA 
MUNICIPALITÀ* DI OSTELLATO 
ATTO CONSIGLIARE 
Oggetto Unico Urgente 

Lettura di una Circolare Governativa su la venuta di ^ 
una Divisione Francese nelle acque di Civitavecchia e vota- 
zione corrispondente al caso d’invasione pel sostenimento 
dei diritti dello Stato della Repubblica Romana. 

Num. dei componenti il Magistrato 3 . 

Intervenuti z. 

Num. Totale dei- Consiglieri i 4 - 

Intervenuti N. 7. 

Nel giorno di Mercoldl due del mese di Maggio dell’ 
anno 1849 seguito di primo invito fatto d'urgenza, si è 
radunato nella sala Municipale di Ostello il Consiglio a ter- 
mini dell’ordinamento 3 i Gennaro 1849 quale sono com- 
parsi i seguenti Cittadini 

1 Carlo Sarti Priore Presidente 

2 Filippo Fabri Anziano 


CONSIGLIERI 

1 Giulio Stoppioni 

2 Antonio Fogli 

3 Cesare Palermi 

4 Angelo Forlani 

B Agesilao Montagnani 

6 Pietro Bellatti 

7 Antonio Gherardi 

La Seduta è aperta. 

n Priore Presidente rende ostensibile al Consiglio un 
dispaccio Circolare del Preside in data 27. Aprile p. p. di 


Digitized by Google 



. ( ) 

N. 5488. S. G. avuto in copia dal Governo di Porto Mag- 
giore ricevuta ad ore quattro pomeridiane del dì 49 detto 
col quale ordina sia immediatamente ed in via di urgenza 
convocato il Consiglio Comunale il quale con una determi- 
nazione corrispondente alla quantità dei tempi, ed alla inco- 
lumità dei nostri diritti si mostri degno figlio d’ Italia , e 
Rappresentante sincero del Governo della Repubblica. Legga 
pure e renda ostensibile la copia della Circolare del Trium- 
virato dì Roma in data 24 detto N. . . della quale ap- 

parisce che l’avanguardia di una Divisione Francese é in> pre- 
senza del Porto di Civitavecchia. Che il forte è apparecchia- 
to alla difesa. Che nessuna comunicazione è stata fatta dal 
Governo Francese alla Repubblica Romana. Che l'Assemblea 
e il Governo della Repubblica sapranno compiere il dovere 
loro protestando colla forza contro ogni offesa al diritto e alla 
dignità del Paese , ma che frattanto importa che le rappre- 
sentanze Municipali rispondano degnamente con solenni ma- 
nifestazioni al voto del Popolo. 

Ed è per tale motivo che il predetto Cittadino Priore ha 
oggi chiamato il Consiglio a deliberare su tal proposito. 

Accettando il Consiglio di occuparsene ha dato luogo a 
varie discussioni , ed ha dichiarato quanto segue. 

Ch iarnali ad esternare la nostra opinione diciamo una- 
nimemente , che Italiani come ci vantiamo di essere non 
potiamo simpatizzare con qualunque soldato straniero che 
voglia intervenire nelle cose nostre; Sappiamo dalle Storie 
che anche sotto pretesto lusinghiero mostrarono sempre tutti 
col fatto essere stati mossi da avarizia e da spirito di patro- 
neggiarvi per smugnere queste contrade. 

IVoi speriamo del resto che la sapienza degli Eletti alia 
Assemblea Costituente vorrà non illudersi ; che prenderà 
norma dalle circostanze , piucchè dalla voce di faziosi che 
rovinano la bella causa Italiana con intempestive massime e 
dannósi scritti. INoi abbencbè semplici di costumi , ed av- 
vezzi a giudicare dai fatti più che dalle opinioni sappiamo che 
non si vìncono le armate nè con le preghiere, nc con le 
ingiurie dei giornali , che non si persuadono i popoli colla 
voce di gente priva di virtù Cittadina ; Che un Governo qua- 
lunque deve avere a ministri persone ineccezionabili , severi 
osservatori dello spirito delle Leggi; nessun Governo può es- 
sere amato senza proteggere il pacifìco Cittadino e in ispecie 
dal Ladroneggio che ora sembra perfino favorito dall’ incuria 
della Polizia , e peggio dal raggiro degli Avvocati, di questa 
peste della società a cui si permette ancora di servirsi della 


Dìgitized by Googic 



( 61 ) 

cabala per combatlcre colla forma Io spirito della Legge che 
dovrebbe pur esser scnjpre quello di far giustizia puneiulo 
il delitto. 

Noi desideriamo che il nostro stato abbia per iscopo di 
ottenere un buon ordinamento di cose veramente Italiane 
senza l’umiliazione» fi il danno gravissimo di uh intervento 
straniero. 

£' tale dichiarazione c stata approvata ad unanimità di 
Voti. 

jVon essendovi altro da discutere la seduta è sciolta ri- 
tirando a validità le firme seguenti. 

firmali ;= Carlo Sarti Priore 

Filippo Fabri Anziano 

Antonio Fogli Coni. 

. , Cesare Palermi Cons. ■' 

Giulio Stoppioni Cons. 

Agesilao Montagnani Cons. 

Pietro Bellatti Cons. 

Antonio Ghepardi Cons. 

Angelo Forlani Coni. 

Per copia ad uso d'Ufficio 
Gio. Fogli Segret. 


Digitized by Google 





(62 0 

1 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
ATTO CONSIGLIARE DI FUSIGNANO 
del 1 Maggio 1849 
OGGETTO 

Voto di adesione al Governo della Repubblica Romana, 
al contenuto della Circolare dei Triumviri Aprile 
pas. 

Nella giornata di Martedì I. Maggio 1849. Nella solita 
Municipale Residenza si è radunato il Consiglio di Fusi- 
guano. 

MEMBRI INTERVENUTI 


Grossi Demetrio Priore 
Armandi Doti. Giuseppe 
Martini Giuseppe 
Grossi Dolt. Francesco 
Piancastelli Dolt. Giuseppe 

Barittoni Dott. Luigi 
Grossi Giuseppe 
Loti Giovanni 
Barittoni Giovanni 
Baldruti Bartolomeo 
Bcllaspica Battista 
Santoni Luigi 
Minguzzi Antonio Maria 
Gasparoni Ludovico 
Colla Dottor Giuseppe 
Santoni Dottor Pietro 
Caroli Francesco 
Comucchia Cesare 
Spadaxzi Dott. Pio 


I Anziani 


Consiglieri 


Digitized by Google 



, . ( <53 ) , 

Interviene per la prima volta in Coimglio il Cittailino 
Ballotta Silvestro successo nella Rappresentanza Consigliare 
al Cittadino Dott. Primo Monte Cessato dall' Uf6cio di Con- 
sigliere in base del Decreto' 3 i Gennajo 1849. stili' Ordina-* 
mento dei Municipi §. 57. Art. 2 e §. 60. 

La presente adunanza è stata presieduta dal Cittadino 
Priore. 

Il Governatore Distrettuale di Lugo con suo Dispaccio 
Num. 224. delii 28 Aprile 1849. trasmetteva al M.igistrato 
una Circolare dei Triumviri delli 24 del sudetto Mese ac- 
compagnata da lettera del Preside della Provincia 27 successi- 
vo N. 3488. 

La Circolare dei Triumviri dava notizia , che 1 ’ avan- 
guardia d’ una Divisione Francese era in presenza del Porto di 
Civitavecchia , e come nessuna comunicazione fosse stata fatta 
in antecedenza al Governo Repubblicano. Soggiungeva infine 
ritenere quest’ ultimo di opporsi protestando colla forza contro 
ogni offesa al diritto , e alla dignità del nostro Paese. Essere 
perciò di necessità che le Rappresentanze Municipali rispondes- 
sero degnamente con solenni manifestazioni al voto dei popoli, 
ed al fatto dei Triumviri. Il Dispaccio del Preside inculcava 
maggiormente a dar evasione alia Circolare, dei Triumviri nel 
senso il più ampio. 

Data lettura dei suddetti tre Dispacci al Consiglioyil Magi- 
strato onde obbedire agli ordini tanto del Triumvirato, che del 
Preside, e del Cittadino Governatore Distrettuale di Lugo ha 
presentato al Consiglio la seguente proposizione. 

o Chi intende di aderire al Governo della Repubblica Ro- 
M. mana, ed al contenuto della Circolare dei Triumviri che que- 
ll sta rappresentano in data s 4 Aprile 1849 dia il voto bianco, 
>* e chi nò nero n . 

Dispensati e raccolti si sono verificati 
Bianchi N. 19. 

Neri N. i. 

Quindi la proposizione ammessa, e dichiarata perciò l'ade- 
sione per parte di questo Municipio al Governo della Repub- 
blica Romana , ed al contenuto della Circolare dei Triumvi- 
ri sopraricordati. 

Si sono resi mancanti alla presente adunanza Ubaldo Gio- 
vennardi assente, e Giovannardi Federico assente per motivo 
di salate , non che Emaldi Francesco. 

nulla più rimanendo a trattarsi l’adunanza è stata dichia- 

d2 



.( 6 * ) 

rata sciolta « previa la redazione del presente verbale, che viene 
firmato da latti gl' intervenuti. 


/ 


Dom. Grossi Priore Possidente 
Giaseppe Armandi Anziano 
Francesco Grossi Anziano 
Giuseppe Piancastelli Anziano 
Giuseppe Martini Anziano 
Grossi Giuseppe 
Bellaspica Battista 
Pio Spaduzzi 
Luigi Barittini 
Giovanni Loli 
tiOdovico Gasparoni 
Antonio Minguzzi 
Silvestro Ballotta 
Giovanni Barittoni 
Luigi Santoni 
Bartolomeo Baldruti 
Francesco Caroli 
Cesare Cornacchia 
Colla Dott. Giuseppe 
Pietro Dott. Santoni 


I 

) Consiglieri 


Per copia conforme ec. 

L. Martini tC. di Segretario. 



bigitized by Google 



REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Atto Consigliare delia Comunità di Cotignola 


Nel giorno di martedì primo di Maggio dell’ anno 
1849 naille ottocento quarantanove alle ore io antimeridia- 
ne , previo il suono della Campana della pubblica torre , 
si è radunato nella sala Municipale il Consiglio della Co- 
munità di Cotignola invitato d' urgenza per ordine del Cit- 
tadino Preside di questa Provincia di Ferrara . comunicato 
dal Cittadino Governatore di Lugo con Dispaccio N. 
del giorno 18 Aprile p. p. onde risolvere se vogliasi ade- 
rire all’ allocuzione diretta ai Governi ed ni Parlamenti di 
Francia ed Inghilterra dall’ Assemblea Costituente degli Sta- 
ti Romani e da lei votata nella sessione del giorno 18 A- 
prile 1819. 

Fatto 1' appello nominale si trovarono presenti all’ a- 
dunanza gl’ infrascritti Consiglieri 


Bennoli Giovanni Priore Presidente 


Vanni Vincenzo 
Zannoni Giovanni 


Anziani 


CONSIGLIERI 


Emiliani Dottor Emiliano 
Moni Angelo 
Spada Giacomo , 

Signani Giuseppe 
Cattaui Paolo 
Calderoni Antonio 
Cnnnattieri Stefano 
Grilli Antonio 
Petrocini Dottore Sante 
Golminelli Antonio 
Emiliani Carlo 

Tarlazzi Antonio d 3 



( 66 ) 

COXSIGLIEUI 


Essendo il Consiglio invitato d' urgenza e potendosi de- 
liberare con qualunque numero d» membri intervenuti , il 
Cittadino Presidente invocato il Divino Ajuto ha aperto la 
sessione , informando gli adunati che il nostro Stato vuoi- 
si invadere da eserciti stranieri sotto pretesto di venire a 
spegnere l’anarchia, il qual pretesto perchè apparisca fal- 
so, è d’uopo che i Municipi degli Stati Romani, e quindi 
anche quello di Cotignola dichiarino che qui v’ ha Gover- 
no , e che regna 1’ ordine e la pubblica tranqiiillitk , e 
protestino contro la violazione di qualunque intervento , 
appoggiando col loro voto i Rappresentanti del Governo ed 
il loro operalo , onde salvare la libertà e la patria. 

Dopo di ciò si è data lettura della Circolare 21 corren- 
te diretta dai Triumviri al Cittadino Preside di Perrara ; 
dell’ altra Circolare 27 detto N. 5488 concai il lodato Pre- 
side invia quella al Governatore di Logo , e finalmente 
della lettera del Governatore a questa Magistratura , dalle 
quali scritture 'appare documentato quanto il Cittadino Prio-‘ 
re ha esposto al Consiglio. Appresso si è lettoli Proclama 
che r Assemblea Costituente degli Stali Romani ha diret- 
to ai Governi ed ai Parlamenti di Francia ci Inghilterra , 
in data 18 Aprile p. p. ed il Cittadino Presidente ha invi- 
tato gli adunati a pronunciare se quel proclama ossia in- 
dirizzo vuol dal Consiglio approvarsi proponendo che chiun- 
que lo a|)prova si alzi in piedi . Allora tutti i Consiglie- 
ri presenti »U' adunanza si sono con acclamazione alzati , 
e r indirizzo è stato ad unanimità approvato. 

Non essendovi altro oggetto da trattare si è sciolta la 
sessione alle ore 11 antimeridiane. 

Atto fatto letto e chiuso nel dì ed anno suddetti e fir- 
mato dai membri della Magistratura presenti all' adunanza 
e da due Consiglieri in fede ec. 

Giovanni Bennoli Priore 


Giovanni Zannoni 
Vincenzo Vanni 


Anziani 


Paolo Gattam ^ • i* • 

Sante Dr. Petrocini ) 

Per Copia Conforme 

Aristide Spada Scrittore Conile 


Digitized by Google 



( 67 ) 

fDdirizzo rotato a pienezza di in (Trag) dalla RTagritratn» 
in del Comune Appodlato di PONTE LAGO-SGURO ai Citta- 
Df Triumviri 


Il di l. Maggio l84g> 

CITTADINI TRIDiMVIRI 

Quando ■nn Governo viene eletto a mezzo dell’ un? ver* ■ 
«ale suffragio , non può essere che il più legale ; e legit- 
timo. 

Il Sovrano libero voto del Popolo vi comparti poteri il- 
limitati , senza mettere in dubbio la validità, ed estensione 
del vostro mandato; e perciò, mentre, a meglio confuta* 
re tutto quanto di che ci da calunnia lo Straniero accusan- 
teci di Anarchia, ci fate domanda di un atto d’ instaotanea, 
e spontanea adesione al vostro operato. Noi che nominati 
fummo dal Popolo , e qui radunati in forza delle sue Leg- 
gi , dichiariamo che la quiete , l’ordine, e P obbedienza 
alle leggi avendo sempre regnato, e regnando, cosi prote- 
stiamo energicamente contro qualsiasi intervento , e vio- 
lenza. 

VIVA L’ INDIPENDENZA ITALIANA 


REPUBBLICA ROMANA 
PROVINCIA DI FERRARA 
COMUNE DI MIGLI ARO 
Oggi 1 Maggio iS-ig Ore 9 antemeridiane 

Io eiccuzione del foglio del Presidente di Prorinc/a-del 
sf prossimo passato Aprile Num. 4488 , e della Circolare del 
Triumvirato della Repubblica Romana a4 corrente senza nu-* 
mero diretto al Preside di Provìncia , ricevuti per organa 
del Cittadino Governatore di Codigoro con suo foglio s8. 
prpis, pass. Aprile num. &35. il Cittadina Priore Giovanni 
Piclro Motta ha tosto diramati il di sS detto mese d’Apri- 
le gl'inviti a’ singoli Anziani, e Consiglieri perchè in via 
d’ urgenza si radunino nel giorno sq in questa Residenza 
Municipale per l’oggetto di cui nei succitati fogli, avver- 


.( 68 ) 

tendo nello stesso invltoy che quante Tolte non avesse luogo I« 
GonTocazione nel giorno 29 s’ intendevano invitati per la se* 
conda , e terza chiamata ai successivi giorni 3o Aprile scorv 
• 0 , e primo corrente. 

E quindi non avendo avuto effetto nei giorni 29 e 5 o 
■corso Aprile 1 ’ adunanza per mancanza del numero legale 
de' Consiglieri, e previo il suono della Campana maggiore 
di terza chiamata a seconda del succitata invito si sono re* 
cati in questa Residenza Municipale li Cittadini 

k Magistratura 

Motta Giovanni Pietro Priore 

Consiglieri 

Forti Domenico 
Mazzolani Giuseppe 
Cinti Gio. Battista 
Colevati Carlo 
'Soratelli Dottor Germano 

Ed avendo ognuno proposto il Cittadino Priore Gio. 
Pietro Motta non ostante il piccolo numero d’ inlcrvenuti 
essendo di terza chiamata, ha dichiarata aperta la seduta, 
ed ha proposto, dopo fatta lettura dei succitati dispacci ad 
■Ita, ed intelligibil voce, che 1’ adunanza debba 

Aderire all’indirizzo della Romana Costituente votata 
nella Seduta 18 prossimo passato Aprile, ed alle prese de* 
terminazioni del Triumvirato espresse nella Circolare 
detto mese ; protestando contro qualunque invasione atra* 
niera , mentre l’ ordine , ed il rispetto alle leggi ha sempre 
regnato, e regna nello stato. 

Il sottoscritto Segretario ha dichiarato che la seduta à 
aperta , ed in primo luogo dal Cittadino Presidente viene 
eseguita la estrazione a sorte dei due Consiglieri arringato* 
ri del futuro consiglio , e sortirono li Cittadini Antonio Ma* 
rinelli, e Vincenzo Bighi. ludi Io stesso Cittadiuo Presi* 
dente ha estratti ajtri due Consiglieri nominandoli scruta- 
tori del presente Consiglio, e sortirono li Cittadini Bigotti 
Alfonso , e Bigoni Giuseppe* 


Digitized by Google 



1 


( 68 ) • 

Invocalo il Divino ajnto 

Il Cittadino Presidentè ha dichiarato che la pre=cnTc 
convocazione ha luogo in via d’ urgenza per l’ oggetto por- 
tato dalla Circolare del Triumvirato datila in Roma li zi 
andante di c«ii ne ordina a me segretàrio la lettura : in pa- 
ri tempo sì è data lettura dall’ altra Circolare del Cittadino 
Preside di Provincia in data srj suddetto num. &:i88 e si- 
milmente della lettera del Cittadino Governatore di Godi- 
coro in data di jeri num. 555 colla quale accompagnava a 
questa carica le suddette Circoldri inculcando Cunione del 
presente Consiglio. 

Riconosciuto di urgente interessnnza P oggetto , sì è 
preso in considerazione $ e per primo si é osservato per quan- 
to riguarda questa Comune che il motivo della spedizione 
Francese dimostrato nelle discussioni avvenute in queH’ As- 
semblea Nazionale non può essere che strategico pretesto , 
mentre si ravvisa alieno dall’Anarchia questo Paese, e d’ 
altra parte si prova che il Regime Repubblicano é pura- 
mente l’espressione vera , e spontanea del voto popolare. 

Considerato che non essendo avvenuta nessuna comu- 
nicazione per parte del Governo francese a quella della 
nostra Repubblica non può ritenersi che per contraria , ed 
ostile P avanguardia dì quella Divisione che presentasi nel 
Porto di Civitavecchia, 

Ritenuto che quand’anche non fosse tale, qualora un 
intervento straniero arbitrasse imgombrare il nostro terreno 
macchierebbe il candore alla nostra indipendenza, ledereb- 
be l’incolumità dei nostri diritti, toglierebbe la dignità del 
nostro paese, e l’onòre nazionale. 

Il Cittadino Presidente ha per primo manifestata la sua 
contrarietà all’ Intervento Francese, protestando formalmen- 
te e rigorosamente contro qualunque ingiusto straniero in-, 
sulto, ed attentato a danno della nostra Repubblica , e di- 
chiarando espressamente di aderire all’ indirizzo dell’ As- 
semblea Costituente votato nella seduta del giorno i8 cor- 
rente mese , ed alle determinazioni del Triumvirato espres- 
se nella Circolare del zi sud. ed in ogni altro modo. 

D’ Appressa tale manifestazione lo stesso Cittadino Pre- 
sidente»ha interpellati il parere dei due Arringatori li Citta- 
dini Menegattì Giuseppe , e Bigoni Giuseppe sull’ oggetto 
di cui trattasi , e questi esternarono di concorrere piena- 
mente nella emmessa dichiarazione del Cittadino Presidente 
accopìando ad essa le piu risolute espressioni di protesta y 

d 5 


^ DIgitized by Google 


( ^0 ) 

e contrarietà all’ Intervento Francete per 1' integrità dei di- 
ritti , e conservaùoDe dell’ attuale nostro Governo. 

Dopo di ciò ai è richiamato •dallo stesso Cittadino Pre* 
sidente il parere dell’ intero Consiglio a eoi rispose ona* 
nimameote con eguale dichiarasionef e vigorosa protssta 
nei modi espressi come sopra. 

£ quindi sottoposta la proposizione a votazione con os- 
servazione cbe li voti nel Si intenderanno approvare la sti- 
delta proposta dd Cittadino Priore , e nel No rigettarla. 

Dispensate le palle , e raccoltale è ri uscita con voti £i- 
VorevoliiVam. 6 Coutrarì oum. o. 

Per cui ad unanimità di voti è stata approvata la sud. 
preposta , e cioè di protestare contro qualunque intervento 
straniero , siccome così hanno protestato. 

Fatto, letto f e chiuso il presente atto il giorno, Mese 
ed anno sudette riportandone in 6ne a sua validità le fir- 
me del Cittadino Priore Presidente e dei Cittadini Conii- 
glieri intervenuti assieme a quella di me Segretario 

Gio. Pietro Motta Priore 
Germano D. Saratelli Cous. 

Domenico Forti affermo 
Carlo Colevati affermo 
Gio. Battista Ciati affermo 
Giuseppe Mazzolar! 

Gregorio Ciuti Segretario 

Per Copia Conforme all’ originale in atti 

Gregorio Ciuti Segretario 


Digitized by Google 



( 71 ) 

IW NOME DI DIO , £ DEL POPOLO 
L’AMNO PRIMO DELLA REPDBLICA ROMANA 
Dell’Era volgare 18^9 il gioroo «9 Aprile 
Atto Consigliare della Comanità di Lago Santo 
OGGETTO 

Protesta contro P interento Fraacese 
Totale della Magistratura 

Nam. 5 . 

lotervenuti, Nam» a 
Totale dei Consiglieri 

Num. IO CI' 

Intervenoti Num. 10 

Nel giorno 39 Aprile dell* Anno 1849 in seguito della 
prima chiamata spedita per urgensi a termini della Circo- 
lare del Triumvirato datata in Roma li a 4 corrente » ed 
altra Circolare del Preside di Provincia Num. 1488 delli 27 
sud. si è radunato in i|uesta sala Municipale il Consiglio > 
e Magistrato colla Presidenza del Cittadino Verecondo Pi- 
ra siccome Provetto t ed in assenza dei Cittùlino Priore 


Consiglieri Intervenuti 

1 Pira Verecondo 
a Bigoni Ant. 

3 Sctiiavoni Raffaele 
4. Gaietti Angelo 
& Bigoni Alfonso 

6 Chiodi Venanzio 

7 Bigoni Giuseppe 

8 Marinelli Antonio 

9 Finessì Calisto 

lo Rinieri Francesco 
] 1 Mengatti Giuseppe 
la Bighi Vincenzo 


Digilized by Google 



( 72 ). 

Per Io che il Cittadino Presidente a più valido esperi- 
mento di concorde adeaione ha ordinato per scruttinio se- 
greto la votazione , con dichiarazione che a chi piace con- 
fermare la espressa protesta , e manifestazione contraria all’ 
intervento Francese ponga i Voti nel Si , e chi è d’ opposto 
parere ponga i Voti nel IVò. 

-Dispensati i Voti, e raccolti si sono rinvenuti nel SI 
V’^oti num» la e nel No o. 

Finalmente il Cittadino Presidente ha esposto non es- 
servi altri oggetti da trattarsi nella presente adunanza , e 
quindi ha ;C8tratli due Consiglieri per firmare il presente 
Processo Verbale , e sortirono Giuseppe Menigatti , e Vin- 
cenzo Bighi. 

Fatto , letto , e chiuso il presente Processo Verbale nel 
giorno , mese ed anno sud. con dichiarazione che il pre- 
sente Consiglio ebbe principio alle ore olio Antemeridiane, 
e venne terminato alle ore undici Antemeridiane snd. ec , 
quindi firmato come segue 

( Verecondo Pira Presid. 

J Antonio Bigoni Anz. 

' Firmati ( Raffaele Schiavoni 

) Giuseppe Mengatli Cons. 

( Vincenzo Bighi 

Ant. Bigoni Seg. 


Protocollo Nnm. «68. 

Per Copia conforme all’ Originale in atti esistente che 
si trasmette al Cittadino Governatore di Codigono 

Dalla Residenza Municipale li 39 sud. 


Digitìzed by Google 



(73) 

AIX’ASSE1\IRLEA COSTITUEINTE ED AI TRIUJIVIRl 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 

^ La Rappresentanza Comunale di Bagnacamllo 

La notizia dello sbarco di una Divisione Francese in Ci- 
vitavecchia senza preventiva comunicazione al Governo del- 
la Repubblica Romana, non poteva non essere dovunque 
sentita con sorpresa, e nel tempo istesso con indignazione. 

Conscie diÌTatti le popolazioni degli Stati Romani dell* 
imprescrittibile loro diritto di reggersi nella forma più con- 
facente alle loro tendenze , ai loro bisogni ; e proclamato 
per ciò dal suffragio universale il Governo Repubblicano , 
non avevasi ragionevole motivo di temere qualsivoglia in- 
tervento straniero , molto meno da parte della Francia ; 
dalla quale costituita Essa pure in Repubblica, ed obbliga- 
ta pel suo Statuto a rispettare la Nazionalità si doveva an- 
si attendere un trattamento piuttosto da sorella , che da 
nemica. 

Ben faceste adunque a protestare contro tale invasio- 
ne, siccome contraria al diritto delle genti ; e questa Rap- 
presentanza Comunale, per quanto è nelle sue attribuzioni, 
vi presta la sua piena adesione , pronta ognora a secon- 
darvi nel vostro proposito con tutU quei mezzi, che saran- 
no in suo potere. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 


Bagnacavallo dalla Residenza Municipale 50 Aprile I84S. 

Per la Rappresentanza Comunale 

i 

Gr Incaricati della Redazione del presente At^ 

Gajano Gajani Gonfaloniere 
Paolo Dragoni ) 

Filippo Tallandini ^ Anziani 
Felice Tamburini 1 


Domenico Botti ) 
Francesco Mazzetti ) 


Consiglieii 


Benedetto^ Cegr. 


Digitized by Googk 



REPUBBLICA ROMANA 
COTONE DI MESCLA 
IN NOxME DI DIO E DEL POPOLO 
Invocato fl NomeSSmo di DIO colle solite Preci 


, Nel giorno del mese di Aprile dell’anno iSig in *e- 
g^ifo di straordinario invilo sì é radunalo nella Sala Mani- 
crpale il Consiglio della Comunità di Mescla colla presiden- 
M del Cittadino Stefano Penolazzi Priore , autorizzato a ciò^ 
dan Art. 82. del Decreto sull’ordinamento de iMiinicìpi in da- 
t« 01 Cennaro 1 843. , 


MEMBRI INTERVENUTI CITTA DlNI 

Barbieri Francesco 1. Anziano 
Borelli Francesco 2. Anziano 
Diio Francesco o. Anziano 
Barbieri Vincenzo 4 * Anziano 


CONSIGLIERI 

' I Cancalteri Alessandro 

* Roma Carlo 
5 Ca vallari Giovanni 

4 Torola Antonio 

5 Scarpa Luigi 

6 Marabini Antonio 

7 Benazzi Benvenuto 

‘ B Penolazzi Antonio 

9 Penolazzi Pietro 

10 Melloni Giuseppe 

ri .Mantoyani yincenzo • 

15 Remy Odoardo 

l 3 Cam allori Luigi * - 

11 PenolazarGaetanp 
i 5 ZIgiolti Girolamo. * 

n Presidente ha dichiarato che U seduta é pubblica. 

Lo stesso Priore Presidente ha esposto quanto segue : 

La seduta straordinaria di quest’oggi -nel richiamare tut- 

Consiglieri, com- 

pie jin oggetto di tanta importanza , c dal quale iuteramen- 
te dipender potrebbe non solamente lindipendeiua depista- 
ti della Repubblica Romana, ma ben- anche lottar Nazionale 


DIgitized byGoogle 


Dalle Circolari del Triumvirato, del Preside della no- 
stra Provincia , t* del Govcmalore di Codigoro apprcuderele 
abbastanza che 1’ avanguardia di una Division Francese é 
giunta in presenza del porto di Civitavecchia , é come il 
Governo della Repubblica si sia apparecchiato , in appoggio 
delle deliberazioni dell’Assemblea , a protestare e resistere 
colla forza contro ogni olTesa al diritto ed alla dignità del 
Paese. Quale ne sia' per essere, o Cittadini Consiglieri, la 
natura dell’intervento , ancor non si conosce ; sembrerebbe 
ragionevole il presupporre , che le discussioni avvenute in 
queU’Assemblea Nazionale di Francia , portassero il pretesto 
che i Nostri stati fossero da tempo travagliati dalla più so- 
verchia e pericolosa Anarchia , e che il Governo della Ke- 
publica Romana non fosse l’espressione vera, sincera, e ma- 
nifesta del volo de’ Popoli. A distruggere cosi puerile illu- 
sione , ed a provare alla Francia , ed aU’Furopa tutta come 
la grande famiglia sia intieramente contraria ad un Governo 
assolutista , é necessario che voi oggi , come emanazione del 
voto generale del nostro Comune , forti del mandato, e del 
vostro ben noto patriotismo, facciate un’Atto di formale ade- 
sione all’Indirizzo della Costituente Romana volato nella se- 
duta del giorno i8. cadente mese , ed alle prese determina- 
zioni del Triumvirato espresse nella sopra citata Circolare. 

In questi solenni momenti , o Cittadini Consiglieri , la 
Patria esige da Voi grandi prove. Sareste rei del più nero 
tradimento in faccia a Dio, ed alla società, se nei momen- 
ti del pericolo cercaste di mancare a quel sublime mandalo 
che trasse origine dal libero voto del Popolo , e dal quale 
dipendono le future sorti nostre , e le sorti dell'intero Pae- 
se. Pensate che Voi siete i tutori dei diritti del Popolo , i 
difensori della libertà nostra , ministri di tutta la Sovranità 
Popolare ; Voi in una parola siete la stessa persona del Po- 
polo , cui sul fondamento della umana giustizia, la Provvi- 
denza oggi vi chiama a pronupziare in nome del Popolo i- 
stcsso una nobile e generosa pròtesta contro qualunque stra- 
niero attentato che si avesse a manifestare verso la Repub- 
blica Romana, ed a pregiudizio della Sovranità del Popolo. 

Risolvete adunque, o Consiglieri, non perdete tem[)o , 
mostratevi degni figli d'Italia, sinceri rappresentanti del Go- 
verno della Repubblica Romana. Per tal modo farete alla 
Francia , ed all' Europa tutta francamente conoscere che il 
Paese Vostro è già maturo alla vita Nazionale, e che de- 
ve partecipare al moto intellettivo delle altre parti Sorelle. 
Per cui quando l'intelletto ed il cuore si dilatano ad un mi- 
glior avvenire , quando gli spiriti assopiti si risvegliano > e 


Digilized by Google 



( T6 ) 

giujuio riva luce , si può tenere per fermo , che quel Popo- 
lo non può più oltre tollerare un metodo di amministraiio- 
ne nou più conforme per ogni parte ai bisogni ed al genio 
de’ tempi che corrono , e che convicn surrogare al vecchio 
Ceppo, un ramo giovane e novello. 

Vi sovvenga , o Cittadini, del passato. Roma la più bel- 
la , più ricca, più maravigliosa Città del Mondo, ridotta a 
condizioni umilianti per colpa della Edilità. Una popola- 
zione infelice , le Campagne incolte e deserte , l’aria mici- 
diale. Uno stato desiderato di tutte quelle istituzioni , di tut- 
ti quei mezzi che la civiltà va ogni giorno trovando , e 
moltiplicando per ispargere in ogni dove la istruzione e la 
prosperità. Una selva di abusi, una popolazione priva d’ogni 
libertà e di ogni diritto , che non sa come il ben’ essere e 
r agiatezza sia frutto del lavoro , che non può guadagnarsi 
il pane se non mendicando , o prestando ai ricchi serviggi 
puerili, o vergognosi ; questa è la Roma del jiassato . La 
cosa è di tale evidenza , o Cittadini Consiglieri che nes- 
suno per retrogrado eh’ ei sia , proporrà che le cose tor- 
nino come per lo addietro. Ad un passato cosi urtante, che 
non v’ Ila persona la quale voglia certo ritornarvi , contra- 
ponete il presente. Il Governo dietro 1’ espressione manifesta 
della opinione pubblica, e del voto deliberativo de’ Suoi rap- 
presentanti , ha assunto il glorioso Nome di Repubblica 
Romana. Le sue Leggi furono prontamente introdotte , la 
vita c le sostanze dei Cittadini sono garantite, le opinioni 
sono -libere , il Commercio e l’ industria presentano iin fio- 
rito avvenire, i Dogma della Nostra Religione sono gnaran- 
titi c rispettati da per tutto , il diritto di petizione e di ac- 
cusa è libero per qualsivoglia , libera la Stampa , 1’ istru- 
zion pubblica ovunque si svolge con rapidità , la Legge è 
.sacra ed inviolabile per tutti , e finalmente la Guardia Na- 
zionale , Baluardo della nostra Indipendenza , mantiene in- 
tegerrima la quiete c la tranquillità pubblica in ogni pun- 
to della Romana Rnpnbblica. E dal confronto di tutto que- 
sto , decidete pure liberamente, o Cittadini Consiglieri , se 
qualunque Straniero Intervento ha ragione; si deve conside- 
rare per nn’ offesa al diritto ed alla dignità del Paese ; è 
per conseguenza nostro preciso dovere di protestare solen- 
nemente ed in ogni miglior modo e forma, come una vio- 
lazione al diritto naturale delle Genti. 

Terminata la proi)osizione fatta dal Ciitadino Relatore , 
il Sogrct. Com. diede lettura ai tre citati Dispacci , nonché 
all’ Indirizzo già indicato nella Circolare al Governatore di 
Codigoro N. 5ò§8. dcili * 7 . spi-'-aiite. 


Digitized by Google 



( 7T ) 

n Cittadino Antonio Marabini Consigliere dopo intesa 
la lettura degl’ indicati Dispacci ed Indirizzo dèlia Costi« 
tuente Romana i8 cadente, non solamente approva e con- 
ferma tutto ciò che è stato eoa ragioni giuste ed inviolabili 
manifestato e descritto dal Priore Presidente , ma intende di 
protestare solennemente e con tutte le sue forze qual Rap- 

F iresentante del Popolo , ed in nome del Popolo, contro qua- 
unque straniero insulto contrario al diritto proprio e delie 
genti , dichiarando di aderire formalmente tanto all'Indirizzo 
deU’Assemblea Costituente del i8 cadente mese come alle 
già prese determinazione del Triumvirato. 

Il Cittadino Alessandro Camatturi ripete, conferma, ed 
appoggia tutto ciò che é stato osservato dal Cittadino Anto» 
nio Marabini , anzi si raccomanda al Governo che in caso di 
minacciato Intervento , si debba in qualunque modo insiste- 
re forza con forza , per aver salva l'indipendenza e l'onor Na- 
zionale. 

I Cittadini Roma Carlo , Camattari Luigi , e Reìny 0< 
doardo , nel sanzionare tutto ciò che è stato su tale propo- 
sito dai Cittadini Antonio Marabini , ed Alessandro Camatta- 
ri dichiarato , nel dare la sua formale adesione tanto all'in- 
dirizeo della Romana Costituente come alle deliberazioni del 
Triumvirato espresse nella sopra citata Circolare , fanno os- 
servare che ogni Municipio della Romana Repubblica in caso 
di qualunque Straniero insulto al diritto Sacro delle genti 
protestando solennemente in faccia aH’Europa tutta , raerita- 
rebbe 1' approvazione generale , e 1' appoggio delle Nazioni 
tutte , tanto per una consimile violazione , mendicata da fol- 
le pretesto, quanto per l’esecuzione di un atto , del più 
vergognoso ed abominevole dispotismo, contrario alla natu- 
ra della Rivoluzione la più Sacra del Mondo qual fu quel- 
la di Roma , e diametralmente opposto alla odierna civi- 
lizzazione d'Iialia non solo , ma della stessa Nazione Fran- 
cese , la quale deve ricordare che non l’Anarchia , ma l’or- 
dine , la quiete , "e la tranquillità regnano concordemente 
negli Stati della Romana Repubblica, e che la Repubblica 
Francese ora non volendo conoscere negli Stati Romani un 
Governo libero sotto specioso pretesto d’ Anarchia, vorrebbe 
invaderli. 

Il Cittadino Giovanni Cavallari approva e conferma , e 
cosi l’intero Consiglio per acclamazione prestava tutta la sua 
adesione al Governo della Reppubblica Romana come una 
emanazione del voto universale del Popolo, nonché all’in- 
drizzo della Romana Costituente votato nella seduta come 
sopra , ed alle prese determinazioni del Triumvirato espres- 



le nella sua ricordata Circolare , protestando con una uni' 
formità di modi , parole , e proteste contro qualunque Stra- 
niero insulto in pregiudizio della Sovranità popolare , c del 
Governo della Romana Repubblica , al quale prestava l’intie- 
ro Consiglio tutta la sua particolare adesione, fiducia, e per- 
suasiva. 

£ finalmente avendo il Cittadino Priore Presidente di- 
chiarata pubblica la Seduta Consigliare accoglieva in unio- 
ne airintero Consiglio la piena soddisfazione di molti altri 
del Popolo spettatore delle deliberazioni prese , dichiarando 
che tutto ciò che era stato discusso e deliberato nella pre- 
sente Seduta Consigliare , altro non era che il voto sincero 
c manifesto di tutta la Popolazione , la quale alle proteste 
del Consiglio contro qualunque insulto alla incolumità de' 
propri diritti , vi univa parimenti le sue non riconoscen- 
do di fatto e di diritto che il solo Governo della Repub- 
blica Romana , e come si rileva più difusamante daH'cstratto 
che si annette in copia. 

Viva ritalia. 

Viva la Repubblica Romana: 

Dopo dì ciò con evviva unanimi si è terminata la Ses- 
sione alle ore 5. pomeridiane , rendendo grazie all'Altissimo. 

Fatto, letto, e chiuso il Presente processo Verbale nel gior- 
no, ed anno suddetto. 

Il Priore Presidente 

Stefano Penolazzi ) 

Francesco Barbieri Anziano J 
FrancesoBorelli j Firmati 

Vincenzo Barbieri 
Francesco Duo 

Reny Odoardo Consigliere 
Alessandro Camattari 
Melloni 
Montorani 
Benvenuto Benazzi 
Antonio Marabini 
Per copia conforme 
Calen Segr. 


Giuseppe 

Vincenzo 



Digitìzed by C^oogle 



( 79 ) 

Triumvirato e Rappresentanti 
della 

REPUBBLICA. ROMANA 

Za Guardia Nazionale ed il Circolo Popolare * 
del Territorio di 

ARGENTA 

DIO y e POPOLO 
, Cittadini 

Ai Governi liberi di Europa avete svolto col diritto e con 
argomenti, quello che il Popolo col fallo, c con laconiche 
parole aveva dichiarato. Alla minnccia di un’ intervento ar- 
mato avete esposto in modo franco la nostra condotta e i 
nostri diritti; avete giurato di opporvi alla ristorazione del 
Papato, perchè quello non è il governo del Popolo. Le vo- 
stre parole sono l’espressione del volo universale di tre mi- 
lioni di uomini che disdegnano la schiavitù; voi l’avcle de- 
gnamente interpretata* Noi pure uniamo la nostra protesta 
a quella del Nostro Municipio di non volere riconoscere al- 
tra forma di Governo che la Repubblica proclamala dai no- 
stri legittimi Rappresentanti, e così la popolazione intera 
del Territorio Argentano mostrasi unita in questa sacra 
idea. E’ nemico nostro e della libertà quel Popolo che sotto 
qualunque bandiera a noi si presenta per farci nuovamente 
assoggettare al dominio Sacerdotale. Abbiamo voluto la liber- 
tà e sapremo difenderla; Se da forza brutale vinti dovremo 
cadere, facciamo in modo di salvare l’onore per potere risor- 
gere sollecitamente e più gloriosi. Proseguile adunque nejr 
intrapreso camino, noi sapremo seguirvi e sostenervi. 11 Po- 
polo vuole, Dio l’ajuteràl 

Viva la Repubblica. 

Argenta adì 30 Aprile 1849 

Votato in Adunanza Generale e ad unanimità 

Per il Circolo il Presidente 
Vandini Dr. Giuseppe 

Per la Guardia Nazi anale 
Il Teatute Colonnello > Ignazio GaUilii 



AI TiuuMvmr 

ED AI II A PPIl esentanti 
DEL POPOLO ROMANO 


Un gnjlo di meravijrlia e indignazione s’innalzava 
spontaneo cd unanime da iulie le i’opolazioni Romane all’ 
annunzio d’iin inatteso intervento armato nei nostri Stati 
per parte della llcpiibblica Francese ; dj ijnel Governo, che 
in seguito di gloriosa Hivoluzione proclamava comune 
a tutti 1 iopoli della terra il diritto di Nazionalità e d’In- 
dipemlonx;*. 

Cillà, mossa da 


Mnlimoolo di |.a,rio |,a dolihcrnm dMirm”.», 

\i dichiara, Cittadini Iriumviri c Rappresentanti, di ade- 
iire pienamente al Decreto 9 Febbraio deciirsp , e di a^ 
vare tulli gli Alti da Voi emanati nella circostanza della 


nre 
prov, 

straniera invasione : c rimane coiroffei irvi la sua più vi- 
gomsa ed energica coopcrazione per la difesa deg ’imnre- 
scTiUibil. e sacrosanti diritti del Popolo Romano, coltra 
chiunque osasse alteiitarvi. ? v mie» 

VIVA LA REPUnRLICA ROMANA 


Volalo alla unanimità dal Corpo dei Graduati nell’ A. 
«uuanza tenutasi a tale oggetto. 

Ragnacavallo i Maggio t849. 

Gl Incaricali della Redazione 

Ver lo Stalo Ulag^ìore 



G- JI^J)otl. Annichilii Sotto- Tenente 
L. Savorini Sergente Maggiore 

Coniai ini .ijutantc Sotto Uffic. Redall. 


Digitized by Google 



‘( 81 ) 

CIRCOLO POPOLARE 

ferrarese; 

ALL’ ASSEMBLEA COSTITUEINTE ROMANA 


Cittadini 

11 dignitoso vostro indirizzo del t8 corrente, ai Go- 
verni e Parlamenti di Francia e d’Inghilterra esige da noi 
che pienamente dividiamo i vostri principii, dandovi esplici- 
ta, e solenne adesione. Adesione non di sole parole, di simpa- 
tia, e di speranza, ma di opere risolute, audaci, irremovibili, 
quali Voi le volete , e quali si convengono per sostenem 
fino all’estrerae prove la nostra Repubblica, e con essa l’in- 
dipendenza d’Italia. Dall’ esprimervi questa indissolubile 
fraternità, e concomitanza d’alTetti, c di destini, non ci 
trattengono nè il nemico che qui abbiamo minaccioso e 
presente, nè le recenti avversità che a mano a mano si 
aggravano sopra di noi, nè la presentanea spedizione di 
Francia che sembra prendere a scherno i diritti, e le parole 
nostre. Ingrata sorella che si farebbe lecito d’insultarci ed op- 
primerci per paura di venire in dispetto del nostro nemico, 
e per serbare con lui una pace obbrobriosa a costo della 
nostra esistenza, Ma non importa. ÌNoi abbiamo rotto i cep- 
pi di per noi stessi e sapremo mantenerli spezzati contro 
chiunque ci attenti. Guai alla Francia se per consei’varsi 
il nome della Repubblica è costretta a far la guerra in fa- 
vore della schiavitù. INoi vinceremo anche di essa. Sì lo 
ripetiamo. E’ piena e solenne l’adesione nostra alle parole, 
e sarà pronta, immanchevole, e consona l’opera nostra ai 
principii, ai bisogni del vostro indirizzo. 

Votato all'unanimità neH’Adunanza Generale del Circolo 
questo giorno 27 Aprile 1849 , 

Per la Direzione 
LORENZO LE ATI Vicc-Pre^s. 
AiM’OMO DE LUCA Consig. 

V. BOARI Consig. a Pesaro Segr, 
ANTONIO MANFREUINl 
Ranuzzi Segretario 

t 


Digitized by Google 



C S2 ) 

cmÀDIKI CONSlGLfERI 

Noi del popolo impavidi spettatori delle vostre delibe- 
razioni p nell’ attendere tranTuilli c coraggiosi i nuovi av- 
venimenti che stanno maturando , conrermìamo concordi 
tutto ciò òhe é stato da voi <liscusso in questa straordinaria 
seduta , come un' espressione sincera e nianilcsta del voto 
c dei desideri del Parse. 

Nel prestare tutta la nostra ades'one al Governo della 
Repubblica Romana c a tutte le deliberazioni fin qui ri- 
portate tanto dall' Assemblea Costituente Romana , quanto 
dal Triumvirato, si uniamo di buon grado a voi Consi- 
gliere , per protestare solennemente in faccia all' Europa 
tutta contro qualunque insulto straniero interno od ester- 
no, che in modo qualunque tentasse pregiudicare I’ inco< 
luojità de' nostri diritti e delle nostre franchigie iibcrali. 

Per la Popolazione di Mescla = fìrmati 
Dr. Luigi Penolazzi 
Giuseppe Minguzzi 
Gaetano Merighi 
Giovanni Foli 
Napoleone Marchetti 
Pietro Borghi 

Lodovico Reali ; ; • 

Gabriele Barbieri 
Girolamo Zigiotti • 

Carlo Barbieri 
Valentino Atanzi 
Alfonso Pnngetti 
Vincenzo Bataglia 
Mescla 5 o Aprile 1845. 

Tet copia conforme 
Calen Segr. 


Digitìzed by Google 



( 83 ) 

* I 

REPUBBLICA ROMAIVA 

11 Consiglio (li pubblica Sicurezza 
di Massa Lombarda , Consclice e Sanl'Jguia 

Ad unanimità e per acclamazione aderisce all’ indirizzo 
della Romana Costituente, volalo nella seduta delii ts pros- 
simo spiralo Aprile; non clic alle determinazioni prese dal 
Triumvirato, ed espresse nella Circolare del giorno 24 det- 
to Aprile. Conseguentemente ha protestato c protesta con 
tutta la forza del sentimento, contro airol'fesa fatta al po- 
|mIo dalla nazione Francese, la quale non provocata , osò 
di entrare ostilmente con armi e Soldati nel Territorio 
della Repubblica, allegando il vano pretesto, che la dichia- 
razione -della decadenza del potere temporale dei Papi e 
l’adozione da noi fatta del governo repubblicano , non fu- 
rono legittimamente consentite dalla universalità dei Citta- 
dini. Contro al quale pretesto , sta il fatto comprovante il 
voto libero dei Cittadini che crearono l’Assemblea Costi- 
tuente ; fatto che fu ed è convalidalo dalPadcsionc esp ressa 
pacifica e spontanea di tutto il popolo, al nuovo ordine 
dì cose. ‘ 

Considera pertanto iT Consiglio che lo stesso Governo 
Francese non può essere in buona fede, per due principa- 
li motivi ; l’uno è l’affctlala ignoranza delle suddette con- 
dizioni, nelle quali si trova il popolo della Repubblica Ro- 
mana , non essendo credibile che la diplomazia Francese 
non gettasse fin da principio fra noi una turba di esplo- 
ratori : l’altro è che il governo Francese non può senza 
sua propria onta, simulare ignoranza intorno alla impos- 
sibilità di accoppiare il governo teocratico al sistema co- 
stituzionale. Consistendo in fatti questo sistema nella di- 
visione e 'cessione che fa il Principe ai Sudditi, di una 
parte dei poteri Sovrani, e dall’altra essendo la podestà 
teocratica di sua natura indipendente da ogni influenza uma- 
na, ne segue che il Papa non possa senza abjurare il prin- 
cipio della teocrazia , riconoscere in elTelto e cioè sul se- 
rio, nei Cittadini , alcun diritto Sovrano. E il governo 
Francese avrebbe dovuto , se non altro per il fatto delle 
recenti comunicazioni diplomatiche della Corte dì Gaeta, 
apprendere questa verità ineluttabile. 

L’aggressione adunque della Francia si vede diretta 
al fine di rimettere e mantenere con la forza, il popolo 

e 2 


Digitized by Google 



( 81 ) 

dell. ha“gU vcdu? irVC'r™o'Fr"n- 

lico dei l’api- snijfae questo nobile e generoso 

''■rr„oX jl o a ■■.nderlo viuima di 

popolo ad uno uu , l’abuso ( di cui la sto- 

un '^uiporanfa uà ila. Inliiiiti esempi ) di un 

“"‘misteriu» i Lmeudo ; oppure ad uno sialo per- 
potere raisieiiosw ^ „ ,i: ,.;volie^ 

manente di il Consiglio di pubblica si- 

Per le quali cose nocessaVio alla fc- 

curczxa « a^c di Europa ed anche al ben esseie 

licita nostra, P“. che rilnanga estinta I’ automa 
della Cattolica UeUoi Peterna Roma sia per sempro 

tempacale cd*^\l^ Palladio della libertà e della indipendenza 

ùraiajdaTMassio 18 <». 


Gio. Venturini Gov. Pi eaid. 

iwnardoAvogli Trotti Capii. 

Luca Baocarini 
Giovanni Tellarini 
Marco Magni 
Pietro Negri 

Pasquale Manaresi Tenente 
Luigi Cocchi Tenente 
Ulisse Maccaferri Sotto-Ten. 
Carlo Gieri Capitano 


Ferdinando Foresti Capitano 
Ricci Giovanni Sotto-Ten. 
Ricci Biagio Sotto Ten. 

Luigi dall’Oppio Sotto Fen. 
Farnè Vincenzo Tenente 
Gaetano Torchi Capitono 
Dom .M. Campagnoli Sot, Fen . 
Luciano Maccaferri 
Martino Vacchi 
Martoni Luigi 


AI triumviri ed ALL’ASSEMBLEA 

AI romana 

Il Cìrcolo Popolare di Massa Lombarda 

... 

noi anelavano il god diritti concessi da Dio 

no il proprio per^uesto dobbiamo inchinarci al- 

priucipu eh. abb..- 


Digitized by Google 



( ) 

ino giuralo «li tlifcndcrc e di scslcticrc col sacrificio del- 
la vita. 

Voi, o CiUadini prolrslaslc all’ udire che la Francia 
spediva le sue legioni sii questo sacro suolo per ritornarci 
all’antica schiavitù, e fremeste cpiando con insolente auda- 
cia pronunciava che questo Stalo era in preda airanarclna, 
e che il (iovcrno della llejuihhlica era il (Governo di pochi 
faziosi. La vostra protesta, il vostro fremilo trovarono un 
eco nei nostri cuori, ed nuaninie fu il desiderio di far pa- 
lese alla ^azionc rr.iucese che invano si tentava di calun- 
niare, e di strascinare «jnesli Fopoli nella guerra civile. 

L’adesione nostra sii’ Indirizzo di questa Municipale 
Rappresentanza volalo per acclamazione e con assentimento 
del Popolo è una nuova conrerma , un nuovo giuramento 
che per noi si emette alla conservazione della Repubblica , 
ed è la più solenne mentila a chi ha preteso calunniarvi 
in faccia airEnrojia. 

Perseverato nel vostro zelo ; rendetevi superiori alle 
circostanze; annalevi di coraggio, e salvate la Repubblica. 

Votato per acdaniazionc nella seduta straordinaria del- 
li 30 Aprile 1849. 

LLIGI MARTOM Prcsid. 

EUGEMO RONVICINl Vicc-Prcsid. 

Rolierto Gabbioni ) 

Luciano Maccaferri ) Consiglieri' 

('.irlo Quadri ) 

Gaetano Baravclli Economo Cassiere 

Geminiano Aobili ) ^ 
Giuseppe Jlalpczzi ) ” 



( 86 ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUEINTE ED AI TRIUMVIRI 
DELLA REPUBBLICA ROMA?iA 

Il Circolo Popolar* 

DI BAGNACATALLO 

Cittadini ! 


Quando Voi gihstamenle protestaste contro l’intervento 
armato della Francia nei nostri Stati , e generosamente giu- 
raste di voler salvare la Repubblica, o morire sotto le sue 
ruine ; Vi moslcasle certo que’ uomini che Vi giudicò il 
Popolo affidando nelle vostre mani il suo decoro , ed i 
suoi diritti. 

Se noi adunque gridammo — Viva la Repubblica — 
quando essa veniva da Voi Legalmente proclamala; il gridia- 
mo pur ora che v’ ha sospetto si voglia attentare alla sua ca- 
duta , ed il grideremo sempre , anche quando estremi 
dovessero correre i pericoli : perchè sappia ogni gen- 
te , che le nostre azioni non furono mai dirette da fana- 
tismo, nè da spirilo di parte ; ma bensì dal desiderio dell’ 
ordine , e della lineria , che noi nelle circostanze in che ci 
trovi.amo , confidiamo poter solo godere in quel Governo , 
che Voi ci deste , e che con V'oi vogliamo sostenci’c. 

Proseguito adutique , o Magnanimi Cittadini , ad agire 
con c|uella energi.a che sarà voluta dallo sviluppo delle circo- 
stanze , ben sicuri che il popolo sarà sempre con Voi : poiché 
esso potrà forse essere infamemente schiaccialo dall’ Kgoisino, 
e dalla prepotenza ; ma non avverrà giammai che egli voglia 
suicidersi. 

.» 


Viva la Repubblica 


Digitized by Google 



( ) . 

DAcretato a pieni voti in numerosissimi adunanza straordi» 
naria la sera de» 29 Aprile 1849. — ^ Pel circolo Popolai'f 
la Direziono. 


PAOLO DRAPOA’I Vice — Presidente 


Padre lionavenlura Du Maino 
Agostino C'ipia 
Francesco Diversi 
Felice 'l’am!)iirini 
Michele Doli. IMingarclli 
Lodovico Avv. (’eccaroni 
Irancesco Hedeschi Feonomo 
Francesco Ma/zolli Cassiere 

Luigi Savorini Segr. 


Consiglieri 


Vincenzo Longanesi ) 
Giovanni Longanesi ) 


Segr. Agg. 


CIRCOLO POPOLARE 

Di bagnacayallo 

Cilladini ! 

Dal mentitore c sleale Straniero , dal Francese venirà 
violato il sagro suolo della Repiiljblica. Il cannone già tuona 
vittorioso dal Cimpiduglio. I fratelli di Roma lecer salvo l’o- 
nore. Il nemico è sialo respinto, ma può ritornare più terri- 
bile all'attacco. Noi giuracnmo difendere cou tutte le forze i 
nostri diritti, i diritti di mi popolo che senio il bisogno di e- 
manciparsi. Cittadini I il Comamlu Nazionale vi chiama .... 
Sorgete.... I m ovi destini d’iialia, e del mondo civile sono 
fidati a Roma, e Irioiiroramio. Sorgete... vitale al rinforzo 
de’nostri Fratelli. La lolla è decisiva, fiuale noa si traila 
di vanti o di corone .' la c|uist'oiie è di principio. Eleggete 
fra la REPUBBLICA od il l’HKriSMO. Rammentate i tanti 
ed infausti conati. Il sospiro di tanti anni sia finalmente ua 
fatto. Coraggio c fe>li‘,- e la Repubblica é salva. Mostriamo 
all’Europa, e al Mondo che ue siamo degni. E se ( eba Dii» 

e i- 


Digitized by Googk 



( 88 ) 

Fpcrda rauj^ufio) frpraffalli dal Numero doTessiiiio anco scc- 
comberc, la nostra caduta sia onorata , c nuora infamia al 
falso 'Oppressore. 

VIVA LA IIEPUBELICA ROMANA 

Decretalo a maggioranza la sera delli 4- Maggio iSAg. 

Per la Direzione 

11 Vice Presidente 
Paolo Dragoni 

G. Longanesi Segr. Agg. 



Digitized by Coogle 



PBOVIIHCIA 

DI 

UAVENiVA 


I 



DIgitized byGoogi 


(•91). 

RAVENNA 


Ravenna 39 /iprite ^849. 

AL TRIUMVIRATO DELLA REPUBBUCA 

( ROMA ) 

La vostra Circolare, illoslri citladuù, che mi pervenne a 
mezzo di apposita staffetta nella mattina del 27 spirante, che 
portava Favviso che l’avanguardia di una Divisione Francese 
era in presenza al Porto di Civitavecchia, venne tosto da me 
diramata ai singoli Magistrati, e Governatori della Provincia. 

Da alcuna delle rappresentanze municipali, compresa la gra- 
vità della cosa, e riflettuto alla manifesta violazione del dirit- 
to delle Nazioni pM' parte del Governo della Francia, rispon- 
dendo degnamente al voto de’popoli, si è tosto decretato un 
indirizzo a Voi, Illustri Gttadini, col quale mentre si conviene 
pienamente nel vostro operato, vi si rendono eziandio quegli 
elogi di cui ne siete ben meritevoli. Le Rappresentanze che 
per le prime hanno ciò fatto, sono quelle di Ravenna, e di 
Faenza, ed eccovi qui uniti i di loro indirizzi. 

Io ho creduto bene di portare a cognizione delle altre Rap- 
presentanze della Provincia lo indirizzo di quella di questo Capo 
Luogo, e sono certo che da ciascuna sarà per essere imitato. 

Voglio sperare che il mio operato non sarà per dispiacervi, e 
così altro non restami che salutarvi distintamente 

Per il Preside 
DOMENICO BOCCACa 


Digitized by Google 



{ 92 ) 

IL MTOiaPIO DI FAEISZA AI TRIUJIVIRI 
Cittadini Triumviri 


Voi giuraste, non ha guari di salvare la Repubblica, ed. in- 
contro al pericolo sovrastante già intraprendete Tadempimento 
del solenne mandato. All’arbitrio incomprensibilc di un Gover- 
no Repubblicano, Voi opponeste dignità e fermezza , e serba- 
ste incontaminato l’onore nazionale. Qual cuore può non com- 
muoversi, qual labbro non plaudire a si generoso operato ? 
Woi perciò interpreti del volere de’nostri concittadini vi esor- 
tiamo a perseverare ne’magnanimi sentimenti, e quanto possono 
c patria carità, e amore di viver libero, e risentimento de'lesi 
diritti Vi offriamo. Possa il grido d’indignazione, che ovun- 
que dal suolo Romano s’innalza, ripercuotere sulla Senna e de- 
starci colà un eco tremendo, che il libero Popolo Francese riscuota 
e confonda gli artefici delle sue vergogne. 

Faenza 29 Aprile 4849. 


VIVA LA REPUBBUCA ROMAISA 


Girolamo Tempieri 
Girolamo Strocchi 
Sebastiano Rossi 
Giuseppe Galancini 
Domenico Zauli Naldi 
Antonio Morri 
Carlo Sjiadini 
Domenico Natali 
Giacomo Calelesi 
Francesco Zambrini 
Pietro Cicognani 
Scipione Paionili Zanelli 
Paolo Alberghi 
Vincenzo Muldini 
Antonio Coati 
Paolo Milzetti 
Annibaie Fenniani 
Caldesi Vincenzo d’ Antoni 
Stefano Acquaviva 
Ignazio Menzolini 
Luigi Marcucci 
Emanuele Pasini 


A. Bruni 
A. Gesti 
Carlo Santi 
Nicola Morini 
Federico Bucci 
Giuseppe Zocchini 
Sebastiano Borghesi 
Giuseppe Rossi 
Marri Clemente 
Ignazio Tincomini 
Tommaso Ballanti 
Gaetano Tasignani 
Gaetano Cai uri 
' Giovanni Zauli 
Luigi Zanca 
Gius. Grnari 
Giovanni Chinassi 
-Antonio Balesi 
A. Carlo Ballanti 
Lodovico Ricciardelli 
Novelli Achille 
Antonio Zambi 


DIgitized byGoogle 


( 93 ) 

AI TRIUMVIRI E RAPPRESEISTAKTI 
DELLO STATO ROiMAl^O 

Repubblicani ! 

Voi avcle giuralo la integrila della Repubblica nostra , are- 
le giurato di non transigere inai— Co<lesto giuraineiito non fa 
per voi profferito sullo altare della Patria nei giorni sorriden- 
ti , quando è facile il volo c lontana l’ora della prova — Voi sa- 
cramentaste quando il tempo volgea grave ; fra traditori e ne- 
mici — . 

Italia v’ha intesi c Europa — oggi Italia c Europa intendano 
■n eco al vostro patto! — è il nostro — o Repubblica o Morie.— 
Faenza 28 Aprile 18 59. 

Pel Consiglio Municipale 
11 Gonfaloniere Girolamo Tampieri 


Per la Guardia iVazionale 
Conti Antonio Maggiore ff. di Tenente Colonnello 


Pel Circolo Popolare 
Dionigi Cav. Strocebi Presidente 
G.alamini Doti, (iiuseppe 
Minardi (iiuseppe 


Vice-Presidenti 


La Commissione Redattrice 

Rosi Vitimio ^ i 

Della ^alle Eugenio 

Drudi Amìouìo ' . ; 

Sangiorgi Antonio 
Bertoni Augusto Redattore 

. / Segntar/ 
Rosi Doli. Antonio 
• , Moiini Nicola 


La Città di Faenza inoltro inviò al Governo una copia del- 
la protesta dell’ Assemblea emanala li 23 aprile ricoperta di 
2078 firme. 


Digitized by Google 



(94) 

REPUBBLICA RO:\IAISA 
In Nome di Dio, e del Popolo 
Comune di Gabice 
Verbale 

Previo regolare avviso, in via d’urgenza, si riunì a Con- 
figlio <^uesto Municipio, a cui intervennero li ([iii soUoscrilti 
Consiglieri, ed alcuni altri, onde sentirsi parere circa il mi- 
nacciato intervento Francese, fattasi lellura della Circolare de' 
Preside di questa Provincia delli 26 Aprile INiiin. 4926, non 
che della Circolare del Triumvirato delli 2 i del mese suddetto ; 
conosciutosi il presenle oggetto , dopo varie rillessioni venne 
d’unanime parere concluso — (die se il Governo Francese non 
vorrà dare causa d'oslililà, vedesi imlispcnsaliile, che esterni i 
motivi, c ragione di tale suo intervenlo — Posto ciò a segreta 
votazione ne risnllarono tutti li voti favorevoli. 

Fatto, letto il presente Verliale in questo giorno 29 Apri- 
le (849 in questa Sala Municipale alle ore 19, c quindi dai 
ficguenti firmalo. 

1 Matteo Franchini Priore 

2 Francesco Baldassarri Anziano 

3 Vincenzo Berardi 

4 Francesco Franchini 

5 Croijtcc di Matteo Gaudenzi illetterato che non creder 

segnarsi. 

6 Crocce di Giuseppe della Santina illetterato 

C. Tonnini Segretario 

Per copia conforme 
Il Priore Comunale 
Matteo Franchini 


Digitized by Google 



V 


( 93 ) 

REPUBBLICA ROMAICA 

In Nome di Dio e del Popolo 

Provincu di Ravenna— Governo di Castel’ Bolocnesè 

MUiMCIPIO DI BAGISARA 

Oggi primo Maggio ^849 alle ore 6 pomeridiane 
Consiglieri IV. ^0. 

t Consiglio Municipale dietro invite ec 

composto delli Cittadini 


Consiglieri 

j • T, . /Èssenti 

Lazzari Raffaele Priore 

Zaffagnini Dot. Domenico Anz,, 

Morsiani Giovanni id. 

^ Bcllosi Francesco 

2 Cantagalli Carlo 

3 Antonini Francesco 

4 Zaccherini Pietro 

5 Guerrini Luigi 

6 Sgubbi Pietro 

7 Zaffagnini Antonio 

8 Giuliani Girolamo 

9 Morsiani Pietro 

■*9 ^ , Mpngolini Baiasse 

Presieduto dal Cittadino Priore Raffaele Lazzari 

Con Circolare Dispaccio del Triumvirato datato a Roma li 
24 Aprile anno corrente, viene partecipato a questa Magistratu- 
ra che l'Avanguardia di una Divisione Francese è in presenza 
del Porlo di Civitavecchia. Che ninna comunicazione è stata fatta 
dal Governo Francese a quello della Rejiubblica Romana. 

E che d altronde non conoscendo c|nali siano le intenzioni 
straniere verso il (roverno della Repubblica protesta colla forza 
contro ogni olfesa al diritto, ed alla dignità del Paese. 

Oic tale manifestazione alla Rappresentanza Municipale vie- 
ne ricercata per conoscere il Voto della Popolazione. Successi- 
vamente con Dispaccio delli 29 detto Mese dal Cittadino Presi- 
de di questa Provincia viene richiamato l’ adempimento del 
citato Ordine Circolare non solo, ma ben anche la Uisoluzioue 
Coiubcliare in proposito. Dietro la quale esposizione il Citta- 


Digitized by Google 



( 06 )■ 

ilino Priore mediante lellnra ha dalo comunicazione di quanto 
è stalo determinalo dàl Municipio di llavenna nella Seduta 
delli 28 scorso Aprile. 

Considerando la Maj^istratura stessa che la risoluzione del 
Municipio, di Ixavonna tende ad aderire all’ attuale (Governo, e 
con essó alla salvezza dell’cnore Italiano, cosa che merita lutto 
l'appoiigio di chi Ijcn sente per la Patria. 

Quindi il Cittadino Priore Presidente ha dimandalo ai Con- 
siglieri Congregati di esternare il loro parere in proposito, sa 
di che non essendovi veruna opposizione ha ordinalo; al Se- 
gretario. Municipale di emettere il seguente parlilo. 

A chi pare, e piace di aderire alla Risoluzione presa dal 
Municipio di llavcnna dia il suo voto affermativo, e chi nò»^ 
lo dia negativo. 

Dispensali e raccolti i voti si trovarono tulli undici fa- 
;\’orevoli. 

Fatto e chiuso il giorno, mese ed anno suddetti, 

Raffaele Lazzari Priore 
Giovanni Morsiani Anziano* 

Doli. Domenico /.affagiiini Anz. 

I 

CONSIGLIERI 

Francesco Rellosi Girolamo Giuliani 

Antonio Z-alfagnini Francesco Anlullini' 

Pietro Naccherini Luigi (iuerriiii 

Pietro Sgobbi ^ - 

Ballista Maltcìicci Seg. Comunale' 

Per copia conforme 
Rallista Matleucci Seg. Comunale ‘ 

REPUBBLICA ROMANA 
Jn ÌSome di Dio e del Popolo 
Mumcipio di S. Giorgio 
Oggi 5 Maggio 1849. 

D’ordine del Cittadino Priore è stato oggi convocato il gè- 
nerale Consiglio ad urgenza dietro 1’ invito e solito suono 
campana, intervennero alla presente adunanza i Cittadini 


( 97 ) 


1 Francesco Maria OUaviani 

2 Lui;ji Tomassini Anziano 

3 Domenico Evangelisti iti. 

4 Pietro Tomassini 

5 Giuseppe Evangelisti 
G Benedetto Evangelisti 
7 Pietro (iornaccliini 


Priore Presidente 

8 (ìiuseppe Sallucci 

9 Pielio Faecnda 
tO Fortunato Italtisli 
4 I Ascanio Bissoni 

1 2 Pietro Carloni 

■I 3 Giuseppe Cornacchini 


Fattasi lettura della venerala Circolare del Cittadino Pre- 
side 26 Aprile prossimo possalo numero -i92C, e dell’altra del 
Triumvirato in data del 24 detto, il Cittadino Priore Munici- 
pale fece la seguente 


PROPOSTA 

Se piaccia ai Cittadini Congregati, che resti mantenuta l'at- 
tuale forma di Governo, affidandosi alle provvide cure dell’As- 
semblea della Repubblica Romana, cooperando per quanto è dato 
al mantenimento deU’ordinc, e della jpubblica tranquillità. 

Uditosi la sudelta proposta (che fu di pieno aggradimento ) 
i Cittadini Coadunati esternarono unanimemente il loro sen- 
timento nei seguenti termini — di stare al fatto , che piacerà 
disporre al presente Governo, assoggettandosi in pari tempo a 
quelle leggi che verranno emanale, e cooperando di difender- 
le per cj^uanto sia possìbile, onde serbare la pubblica quiete, e 
tranquillità. — 

Messasi a squitlinio di voti la presente deliberazione ri- 
portò voti tutti favorevoli in numero di 43. 

Sull’altro essendovi da trattare fu sciolta l’adunanza. 

Francesco Maria Ottaviani Priore 
Giuseppe Evangelisti Consigliere 
Pietro Carloni Consigliere 

< Per copia conforme 

-I . Gio. Antonio Sardini Seg. interino 


Digilized by Coogle 



( 98 ) 


. REPUBBLICA ROMANA . 

,Jn ISome di Dio e del Popolo 
Provincia di Ravenna — Comune di Cervia 

• Oggi 50 del mese di Aprile dell’anno 4 849. 
alle ore W antimeridiane 

Si è convocato in virtù dell’ invito, straordinario diramato 
atteso il caso, d’urgenza nel giorno di jeri, e precisamente ore 
24 prima a forma dell’Art. 90 Titolo IX del Decreto 31 Gen- 
naro 4 849 sull’ordinamenlo de’ Municipi il Consiglio di questo 
Comune col personale intervento de’Citladini 

4 Carlo Ghiselli Gonfaloniere 

2 Carlo Gnocchi ) 

3 Antonio Pignocchi ì Anziani 

4 Alberico Guazzi ) 

Assente tuttora l’Anziano Leonardo Monti per la sua mis- 
sione a Roma 

CONSIGLIERI 

42 Pietro Paci 
4 3 Antonio Baracchini 
4 4 Michele Fahbianini 
4 5 Angelo Sevcroli 
4 6 Eugenio Rossi 
4 7 Enrico Ghirelli » 


Assenti Battista Lugaresi, Medardo Capitano Ferranti per 
legali motivi 

Non intervenuto Ruffillo Romini per giustificato impedi- 
mento di salute, e Luigi Ridolh per cause legittime. 

Non comparso Antonio Forlivesi sebbene legittimamente in- 
vitato. 

Presieduto dal Cittadino Carlo Ghiselli Gonfaloniere giusta 
l’Art. 82 del succitato Decreto, quale riconobbe essere i Congre- 
gati in numero legale per deliberare in appoggio all’Articolo 84 
dello stesso Decreto. 

Il Cittadino Preside della Provincia dopo avere diramata a 
questo Municipio la Circolare del Triumvirato dei 24 cadente 
sull’apparizione nell’acque di Civitavecchia d’una Flottiglia Fran- 


5 Luigi Guidi 

6 Giuseppe Bellucci 

7 Tommaso Neri 

8 Pietro Rigbini 

9 Agostino Pagliarani 
4 0 Aniceto Arfelli 

4 4 Filippo Turchi 


Digitized byGoogle 


r 9!> ) 

tese sensa alcuna preventiva comiinicaiione per parte del Go- 
verno di Francia a quello della ilepubblica Romana torna col 
foglio Circolare a stampa indirìtto a tutte le Comuni in data 
di jeri suirargomenlo medesimo facendo apprendere I’ impor- 
tanza dell’espressione dello stesso Triumvirato in essa Circolare 
contenuta^ cne cioè le Rappresentanze Municipali abbiano in 
momenti si gravi a rispondere con solenne manifestazione al 
voto de’ Popoli. 

A tale cITetto il Preside sullodalo trascrive 1’ indirizzo vo- 
tato dal Municipale Consiglio di Ravenna, di che si dà lettu- 
ra ai Cittadini Consiglieri per norma della deliberazione loro 
in proposito, tale appunto essendo lo scopo di questa riunione 
che il Magistrato straordinariamente credette ad evasione, degli 
Ordini Superiori di convocare per questo giorno , ed ora li 
Cittadini adunati, sentita la mozione della Magistratura , fu- 
rono penetrati deU’evento a lor notizia dedotto , e concorde- 
mente dichiararono di aderire alPindirizzo votato dal Consiglio 
Municipale di Ravenna, e di concorrere interamente nc’ sen- 
timenti in esso manifestali, cosi richiedendo l’importanza del- 
l’oggetto, e la gravità della circostanza. 

Del qnale atto di adesione, onde pubblica ne apparisca la 
testimonianza, proclamatone il partito colla distribuzione dei 
voti, e questi raccolti ne risultarono favorevoli numero 17 e 
quindi a pienezza de’ medesimi venne approvata la proposta 
da comunicarsi tostamente al Cittadino Preside in Ravenna 
a cura del Magisti'ato. 

Il Gonfaloniere Presidente 
- Carlo Ghiselli 

Antonio Pignocchi ) 

Carlo Gnocchi ) Anziani 

Alberico Guazzi ) 

. Luigi Guidi 
Pietro Righini 
M. Fabbianini 
Eugenio Rossi 
Antonio Baracchini 
F. Turchi 
Enrico Ghìrelli 
Agostino Pagliarani 
Aniceto Arfelli 
Tommaso ISeri 
Angelo Severoli 

Copia conforme ad uso interno d’uflicio 

Il Gonfaloniere 
Carlo Ghiselli 

Digitized by Google 




( ^00 ) 

REPUBBLICA R03IANA 

In nome di Dio e dei Popolo 


PnoviNciA DI Ravenna — Comune di Alfonsine 
og^i trenta Aprile ^849, 


l'iella Comunale Residenza si è convocalo slraordinariatnen*’ 
te il Consiglio generale di questo Comune , invitato jeri in- 
via d’urgenza con Biglietto N,* 252., all’oggetto di delibera* 
re intorno alle manifestazioni che crede opportune adottare in^ 
ordine alla comparsa dell’avanguardia di una divisione Francesó* 
nel Porlo di Civitavecchia, comunicata dal Triumvirato con Cir«' 
pòlare del 2i cadente, con intervento de'Citladini 


Lngarcsi Pietro Priore Presidente 
Lamonelli Dott. Achille 
Gorelli Camillo 
Samaritani Vincenzo 
Fiorentini Vincenzo 


Anziani 


CONSIGLIERI 


4 Foschini Camillo 
2 Gorelli Angelo 

5 Plazzini Domenico 

4 Salvatori Carlo 

5 Lanconclli Sebastiano 

di Luigi 

6 Fagioli Battista 

7 Rambelli Giacomo 

8 Gagliardi Doli. Paolo 


9 Isani Luigi 
40 Pasotli Domenico 
44 Mascarzoni Cirillo 

42 Camerani Matteo 

43 Bendazzi Giovanni- 
4 4 Gagliardi Antonio' 

4 5 Lanconelli Sebastiano 
di Carlo 

46 Dall’Ara Dott, Medorq 


Lugarcsi Giuseppe Segretario Comunale 

Essendo l’Adunanz;i nel numero legale, il Cìtta<tino Priore 
Presidente ha dichiaralo potersi devenire alle analoghe dulibe-< 
razioni. ^ 

Il 3Iagislrato ne fa la seguente proposizióni- ] 

Il Triumvirato sedente alla C.apitale dello Stato, annuncia-^ 
va ai Presidi delle rispettive Provincie, con Circolare del 24 ca-> 
dente la comparsa avanti ai Porlo di Civitavecchia dell' avai\-> 


Di .itized by Google 



( 40 <) 

guardia di una Divisione Francese, senza alcuna preventiva co* 
inufiìcazione per parte di quel Governo a quello della Bomana 
Repubblica, e senza conoscersi lo scopo di tnlo spedizione. 

Invitava quindi le Rappresentanze Municipali a rispondere 
degnamente con solenni manifestazioni al voto de' Popoli per la 
salvezza dell' onore Italiano. 

11 Preside di questa Provincia, mentre con sua Circolare di 
jeri riferiva all' esecuzione della relativa ordinanza, trasmetteva 
iJ voto esternalo dal Municipio di Ravenna su tale proposito, 
di cui se ne dà comunicazione per le deliberazioni che si cre- 
deranno del caso. 

Primieramente il Magistrato interpella il C« nsiglìo se trovi 
giusto e ragionevole l'emettere formale protesta contro qualun- 
que straniera invasione potesse aver luogo, e precisamente per 
parie della Francia come sembra in oggi minacciarsi, tendente 
a ledere i diritti territoriali di questi Stati, viene ad unanimità 
ammessa. 

Fatto quindi correre lo sqnittinio secreto su tale proposi- 
zione, si ottengono voti affermativi ventuno, contrai] nessuno. 

Procedutosi indi a ripetuto ed accurato esame del voto dì 
cui sopra, e riscontratosi di generale soddisfazione, se ne fa qui 
• letterale trascrizione. 

. IL MUlSICIPIO DI ALFOXSIISE 

r 

ÀI TRlLi^IYIRI IN ROMA 

» La Francia è intervenuta a Civitavecchia. Qualunque sia per 
essere la natura di questo intervento, Noi prendiamo atto dalla 
sua passata condotta, con che ci diede l'esempio del diritto che 
ha un popolo di costituirsi. La iVancia non può disconoscere 
in Noi il principio, che, con Essa, tutta TEuropa Civile accolse 
e proclamò. Teniamo alto. delle parole dei Magistrati Francesi; 
e se dall' una parte dovremo essere grati del fraterno soccorso, 
dall' altra, forti come siamo del nostro diritto, che si avvalora 
dall' esempio Francese, protestiamo al cospetto di tutte le Na- 
zioni civili,, quando disconoscendo i nostri principj, che sono 
i suoi, ponga la Francia la mano sopra quel diritto esercitato 
da Noi, che solo può dare prospero incremento agl'interessi mo- 
rali c materiali di un popolo, che garantisce le personali fran- 
chigie senza le quali cade sotto la dura esperìmentata fatalità del- 
l’arbitrio e dell' oppressione. Se la Francia calpestasse le basi del 
Repubblicano Governo che il popolo si è posto, sarebbe troppo 
manifesta e grave l'offesa al gius delle genti, all'onore Italiatio, 
che si deve fino all’ estremo difendere. 

/ 


DIgItized by Google 


( ^02 ) 

Questa è la protesta che il Municipio pone in faccia alle ag>; 
gressioni ed alle violazioni, che la Francia potesse commettere 
sulla terra d'Italia. » 

Dopo di ciò il Presidente fa correre lo squittinio secreto stil- 
la seguente proposizione. A chi pare e piace di ammettere adesio* 
ne al r Indirizzo votato dal Municipio di Ravenna sopra trascritto, 
dia il voto bianco, e chi nò nero. Raccolti i voti si hanno affer- 
mativi venti IS. 20., negativi uno N. t. 

Il generale Consiglio aggiunge essere di sua volontà, che l’at- 
to presente venga in copia conforme indilatamente mandato al 
Preside della Provincia, con preghiera d’immediatamente inol- 
trarlo al Triumvirato in Roma. 

Sono mancati alla presente straordinaria convocazione li due 
Consiglieri Gessi Michele, e Mascanzoni Ermenegildo. 

Previa lettura dell’atto riportate le firme, sì è dichiarata 
sciolta l’Adunanza. 


Anziani 


firmati «P. Lugaresi Priore 

Camillo Corelli ] 

Vincenzo Samaritani 
Achille Lanconelli ( 

Vincenzo Fiorentini J 
Gagliardi Dott. Paolo Consigliere 
Lanconelli Sebastiano di Luigi Consigliere 


Lugaresi Giuseppe Segretario Comunale 


Per copia conforme ad uso d’Uf&cio - 

Giuseppe Lugaresi Segretario 



Digitized by Google 



0 * 03 ; ) 

. '' ^ / 

. ' t . * ' • • 

REPUmiU ròuana 

f ^ • 

Pronncia di Baderna — Comune di Solatolo — 

Governo di Cflslel Bolognese. 

Oggi giorno di Martedì 2 Maggio \ 849. 

Si è radunato in questa Residenza Comunale in virtù d' io^ 
▼ito diramato ieri in vìa d^urgenza il Consiglio Cneaerale dei 
Municipio di Solarolo composto dei Gttadini 

Presenti Mancanti 

I 

4 Midiele Sangiorgi Priore 

2 Lega Marco Anziano 
9 Mariani Francesco Anziana 

4 Màinardi Angelo Anziano 

5 fgnaaio Sangiorgi Anziano 

4. Minriani D. Giuseppe 

2 Luigi Sangiorgi 

5 Amadci Guido 

4 Cortaldi Rugero 
Frontali Federico 

6 Frontali Gregorio • • 

7 Mingozzi Pietro 

8 Rivalta Biagio ’ 

9 Toni Giuseppe _ 

i9 Gallenti Giuseppe 

44i Frontali) Lodovico 
42 Nonni Antonio 

• 45. ■ 

44 Fasi; Sebastiano 
4 5 Moninschi Pietro 

• 4 Q. Mingozzi Giuseppe. 

47 * Sampieri Francesco 
48 Penazzi. Agostino 

• t 

Presieduto dal CiltadinOi Francesco Mariani Anziano* fL di 
Priore;. 

^ RìconoscintoM- dal, Presidente; che ii numero dei. Congra- 
X gali è legale per deliberare ai sensoi del Decreto 3.4. Gennaro 
proesnno passato, suirordinamento dei Municipj quindi invo< 

• cato> il Divino ajuto>ha ordinalo, che.sia data Lettura del BlglieUo 
d' invito, portante la discussione della seguente proposta. 

/2 


DIgitized 


( ■) 

Indirizzo ai Triumviri in Roma diretto a manifestare i 
sentimenti di disapprerrasione sull* mterveoio della Francia a 
Civitavecchia contro il diritto delle genti. 

ì)TSCUSStÒ?^R 

< 

Jeri pervenne a questo Magistrato una Grcolare del Trium- 
virato delia Repubblica Ronuna, non che altra Circolare 29 
scorsa Aprile del Preside di Ravenna, mediante le quali vie- 
ne partecipato che PAvanguardia d'una Divisione Francese era 
in presenza del Porto di Civitavecchia senza avere preventi- 
vamente data comunicazione al Governo della Repubblica Ro- 
mana. INon può certarilcnte non addolorare l’imprevisto inter- 
vento di una Inazione senza conoscersi la natura del medesi- 
mo, però si propose al Consiglio un indirizzo <Ia inviarsi ai 
Triumviri in Roma, onde manifestare ai medesimi che alta- 
mente si disapprova Patto della Francia. Il Magistrato quindi 
Ila fatto leggere Piiulirizzo già votato li 28 Aprile del Muni- 
cipio di Ravenna, quale essendo riuscito di sommo gradimento 
il Consiglio ad unanimità di voti ha adottato ii medesimo , 
e vuole che sia qui sottoscritto , c diretto al Supcriore Go- 
verno. 

IL MGMCIPIO DI SOLAROLO AI TRICMmi PN ROMA 


La Francia è intervenuta a Civitavecchia, Qualunque sia 
per essere la natura di questo intervento, ISoi prendiamo at- 
to della sua passata condotta con che ci diede l’esempio del 
diritto che ha un Popolo di costituirsi. I.a Francia non può 
disconoscere in INoi il principio , che con Essa tutta P Europa 
Civile accolse e proclamò. Teniamo atto delle parole dei Mani- 
festi Francesi, c se dall’una parte dovremo essere grati del fra- 
terno soccorso, dall’altra forti come siamo del nostro diritto 
che si annullava dall’esempio Francese, pure testiamo al cospet- 
to dì tutte le Nazioni Civili , quando disconoscendo i nostri 
principi, che sono i suoi, ponga la Francia la mano sopra quel 
diritto esercitato da noi, che solo può dare prospero incremen- 
to agl’ interessi morali c materiali di un Popolo che garantisce 
le personali franchigie senza le quali cade sotto alla dura , e 
sperimentata fatalità delParl)itno, e dell’oppressione; che la Fran- 
cia calpestasse le basì del Repubblicano Governo, che il Popolo 
si è posto, sarebbe troppo manifesta, e grave PoResa al Jus del- 
le Genti , all’oaore Italiano che si deve bno alP «stremo difen- 
dere. 


Digitized by Googl 



Questa è la Protesta che il Municipio pone in faccia alle 
aggressioni, ed alle violazioni che la Francia potesse commettere 
nella Terra d’Italia. 

Atto fatto, letto, e chiuso questo dì mese ed anno suddetto 
essendo le ore 7 antimeridiane. 

Francesco Mariani Anziano 
Marco Lega Anziano 
Angelo Mainardi Anziano 
Mariani Giuseppe 
Pcnazzi Agostino 
Kugero Certaldi 
Uiagio Rivalla 
I^iovico Frontali 
Gregorio Frontali 
Toni Giuseppe 
Mingozzi Pietro 
Nonni Antonio 
Amadei Guido 
Sampieri Francesco 
Frontali Federico 
Monluschi Pietro 
Pasi Sebastiano 
Mingozzi (Giuseppe 
Gallenti Giuseppe 

M. Sgubbi Segretario 

Per copia conforme 

Il Segretario Comunale 
M. Sgabbi 


/ 3 


Digitized by Google 



( 406 ) 

Al TRIUMVERI E RAPPRESEMAISTl 


DELLO 

STATO ROMANO 

All’annunzio, che un inlcrvcnlo Sti-aniero minacciava l’in- 
violahilità (Iella nostra Repubblica, noi rivolgemmo con ansia 

10 sguardo alla Gita Regina, aspettando da Lei una voce di 
conforto per noi, di maledizione, c di guerra a chiunque at- 
tentasse alla nostra Libertà. 

Questa parola fu da. Voi pronunziata, c fu quella, che sì 
conveniva ai figli di Roma, ai Rappresentanti di un Popolo, 
che vuol essere libero ad ogni costo. 

Quel giuramento, che noi proferimmo all’ inaugurazioim 
della Romana Repubblica , prostesi sull’altare della Palii.a lo 
rinnoviamo oggi in nome di 1)H1 , c del Popolo, decisi di 
seppellirci sotto le mine delle‘ nostre case, anzicliè soltornel- 
lerci di nuovo ad un Governo, che per tanti secoli è stato 

11 flagello d’Italia — VIVA J-.V RLl'L LliLIGA — . 

Pel Municipio di CasU?l Rolognese 
Domenico Panni 

A. Cavai lazzi Segr. 

Per il Comando Nazionale 
dio. Antonio Emiliani 

Per il Circolo Popolare 
Ant. Gamberiai Presidente 

Volato ad acclamazione dal Consiglio c «lai Circolo Popolare 
di ('.aslel Uologne,se nella Seduta del 1. Maggio l.s4'J. 


Digitized by Google 



( ) 

IL MUNICIPIO DI BRISlGIIELLit 
AI TI\IU]\IVmi 

Qualunque sia la forma di Governo, colla quale si rcpjgonn 
questi Popoli, qualunque Taspclto sotto cui si presentino stra- 
nieri e non invocati soccorsi, la presenza loro è da riputarsi av- 
versa ed ostile alT Italia. Care ci sono le alTezioni amichevoli de’ 
Francesi, ingrate le Armi, nè colle Armi vuoisi fra amici deci- 
dere una qiiistionc. Sallo Polonia di quale conforto siale stata 
cagione la Francia, salselo il generoso Piemonte, che diiraìiien- 
1c geme. Questo Municipio tenuissima parte d’Italia indigna- 
to sorge ora come sempre a protestare contro qualunque Stra- 
niero, che non chiamalo vi porli il piede, protesta altamen- 
te, che per pigliare quelle deliberazioni, che alla condizione 
sua c dei tempi si confanno, non ha di mestieri che di se 
stesso, e chiede in cosj)ello di Dio c degli uomini che lo stra- 
niero non venga a turbarlo. 

Ilrisighella 29 Aprile tyiO.- 

jUario Lega Priore 
Giuseppe Uracchini Anziano 
Girolamo Carroli Anziano 
(Giovanni Lega Anziano 
Antonio jMclelli Anziano 
Enrico Lega Consigliere 
Silvestro Lega Consigliere 
Giulio llicciardelli idem 
Giovanni Livarzani Consigliere 
Domenico Ceroni Consigliere 
Ortensio della Valle Consigliere 
Geremia Valcasali Consigliere 
Sebastiano Sf)ada (Consigliere 
Antonio Malpczzi Consigliere 
Giusej)pc Monti Consigliere 
(Carlo hard uzzi Consigliere 
Annibale Pondi nini Consigliere 
!MicIje!e ^lisirox^clii Consigliere 
(iiusepi e Treno (Consigliere 
Antonio Valcasali 
Antonio liassani Consigliere 


( <os ) 

IL MUNICIPIO DI nUSSI 


AL TIUUM VIRATO ED ASSI'Al ELEA 
DELI.A llEPUlìIiLICA ROMANA 

La lìomana Hopnltldlca csisle pel liLero volo di mi 
l'ojiolo, tlic a se poteva, c \olie dare tal foi iiia di n'g^imcii- 
lo ; od il principio che iirodamò deve essergli sacrosanlo , 
coiiservaiulo, e difeiideiido le sue liherlà. Ogni civile Nazio- 
ne senio in se stessa ed il diritto di costituirsi, ed il dovere 
di piopngnarlo con tutte le sue forze. 

Voi, o degni r>a])prcsentanti di libero Popolo, ben pro- 
testaste contro l’ intervento fra noi della Francia, che de- 
rogando alle sue istituzioni aciidira accorrere anzi che sorel- 
la, nemica. 

La vostra protesta è la nostra. Noi vi aderiamo ; che 
eterno è nei Popoli il santo diritto di vivere e di costi- 
tuirsi. 

Russi 50 Aprile 18-49. 


Pel Municipio 
Il Priore 

DOMENICO MAZZOTTl 


« 


Digitized by Google 



( <09 ) 

GUARDIA NAZIOISALE DI RAVENNA 

Al TRIUMVIRI IN ROMA 

La Guardia Nazionale di Ravenna profondamente compresa 
dai liberi e magnanimi sensi espressi dal iM unicipio locale con- 
tro l’invasione francese nel suolo Repubblicano , aderisce alle 
energiche proteste emesse dal medesimo , asseverando e rijic- 
tendo , che troppo manifesta , troppo graee è l'onta fatta al gius 
delle genti , ed all'onore Italiano , quale debbesi coslanlemcnle Jì- ' 
no all’estremo difendere. 

Forte questa guardia Nazionale nell’ inconcussa rellitiidine 
di tali principii , dichiara altamente d’essere pronta a sostenere 
i diritti della Nazione , ed offre al Triumvirato ed airAssemblea 
Ogni sua cooperazione jìcr mantenere incolume dalle straniere ' 
invasioni la territoriale integrità della Romana Repubblica. 

Ravenna li 4 .Alaggio 1849, 

Alberto Lovatelli Colonnello Comandante 

Roccaccitii Gregorio Capit. Ajut. Alagg. di Ordinanza 

Donati Gio; Giustino Capitano Segretario Redattore 

Boccaccini Pietro Tenente Colonnello del 4. Battaglione. 

Raspolli Gaetano Maggiore in 2. 

Venturi Tommaso Capitano Ajutante Maggiore. 

Orioli Antonio Tenente Quarticr Mastro. 

Rasponi Romano Sotto-Tenente Porta Bandiera. 

Malagola Dottor Luigi Aledico Ajutante Alaggiorc. 

Fuschini Dottor Luigi Chirurgo Ajutante Maggiore. 

Brasy Giuseppe Ajutante Basso Ufficiale. 

Pasolini Paolo Armiere. 

Minghelli Antonio Sergente Tamburo. 

Nabruzzi Ingegnere Francesco Capitano in 2, 

Baldi Ingegnere Pio Capitano in 
Dalla Torre Achille Capitano in \ , 

Rosi Leonardo Capitano in 2. 

Lovatelli Giulio Capitano in \ . 

Montanari Giovanni Tenente Colonnello del 2. Battaglione. 

Cavalli Vincenzo Maggiore in t. 

Cappi Alessandro Alaggiore in 2. 

Runcaldier Licurgo Tenente Quarticr Mastro. 

Bondoli Dottor Luigi Chirurgo Ajutante Maggiore. 
Minghelli Augusto Caporale Tamburo. 

/5 


Digitìzed by Google 



( ) 

Guerrini Aw. Giulio Capitano in 
Polctli (iiovanni Capitano in 2. 

Pasolini Avv. Gio: Jlaltista Capitano in 4- 
Dalla Valle Antonio Capitano in 2. 

Morigi Lorenzo Capitano in -I . 

Santucci Giovanni Capitano in 2. 

Muratori Lorenzo Capitano in 2. 

Grandi Pietro Capitano di Compagnia. 

Vicari Sebastiano Capitano idem. 

Lovatclli Luigi Capitano idem. 

Ginnasi Giuseppe Capitano idem. 

Gliigi Antonio Capitano idem. 

Serra Saverio Capitano idem. 

Cauierani Lorenzo Capitano idem. 

Gabici Luigi Tenente. 

Montanari Achille idem. 

Dalla Scala Paolo Emilio idem. 
Ruggini Agostino idem. 

Gabici Vincenzo idem. 

Malagola Dott. Torquato idem. 

Gabici Achille Sotto-Tenente. 
Raspolli Gioacchino idem. 

Armuzzi Giacomo idem. 

Rasponi Cesare idem. 

Ronelli Vincenzo idem. 

Lovatclli Giuseppe idem. 

Polelti Arlidoro idem. 

Miccoli Doti. Pietro Tenente. 
Montanari Dott. Giuseppe id. 
Canierani Paolo idem. 

Lillà Ing. Massimo idem. 

Radessi Francesco idem. 

Orioli Ing. Luigi idem. 

Ruffa Stefano idem. 

Ghetti Luigi Sotto-Tenente. 

Pettini Federico idem. 

Dalla Valle Rruto idem. 

Runcaldier Ciro idem. 

Magni Marco idem. 

Riancani Ercole idem. 

Romanini Luigi idem. 

Villa Francesco idem. 


Digitized by Google 



( ) 

ROMAISI 


Voi voleste una pagina gloriosa nelle istorie del Mondo, 
altri la volle d' infamia. Alla memoria, alle virtù, al valore 
dei grandi Avi vostri avete solennemente risposto. La Bandiera 
della Libertà voi piantaste ove stava la verga del tiranno — là 
sul Campidoglio, c là a prezzo di morte la piantaste, la mante- 
neste, la manterrete. I Sepolcri di Bruto, di Catone ebbero il 
vostro giuramento; sentirono il tocco delle vostre spade, e la 
vittoria fu vostra. Benedetto sia il vostro sangue col quale ba- 
gnaste la terra Romana — sia benedetto! baciatelo o Vecchiardi, 
o Donne, o Fanciulli — esso è sangue dei vostri Figli— dei vo- 
stri Mariti dei vostri Amanti dei vostri Padri. — Benedicilo, o 
Dio ! esso è sangue dei Martiri tuoi — Martiri della Libertà. 

Popolo di Roma, chi sono i nemici tuoi? 

Spezzate la gleba funeraria, o Prodi di Marengo, d’Ai'celo 
che non siete più — Sorgete, mirate e maledite— INon più la tre- 
menda Marsigliese tuona sul labbro de'forti, ma vi mormora 
il lamento deU’ipocrita nenia dei neri d'ignazio di Lojola — Il 
colore della loro bandiera non è più trino — è moltiforme, e 
oggi è giallo e nero — la loro fede è rinnegata. 

L’epilalìio del loio governo è Repubblica, ma è Pepitaflio 
del sepolcro dello usurajo che dice — fu Prodigo. — 

Sorgete e maledite ! 

Romani, noi siamo con voi — L’ora è solenne — Ell’è un’ora 
in cui il codardo scompare, un’ ora in cui non si mente — 
Siamo con Voi — Lo sacramentiamo alla Repubblica, a Dio. 

Suonate la vostra tromba — chiamateci — sarà come il suono 
dello Arcangelo al giorno finale — Suonate, e irromperemo — ir- 
romperemo drappello della morte, liberi ardenti. — E se morre- 
mo ? Se morremo, che monta ! sia salva Roma ! All’ Armi 
Air Armi! 

Faenza 5 l'aggio '1849. 

I ROMAGNOLI 


Digilized by Google 



( ^^2 ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITTIEINTE ROMANA 
ED Al TIULMVIIU 

Il Circolo Popolare di liaccnna 

Prolcslammo coU’atlo dclii 2S aprile p. p. contro la invasio- 
ne Francese, e ad unanimìlà di senliinenlo dichiarammo di vo- 
lere con tulli gli sforzi lino all Vsl remo , ed a prezzo del san- 
gue , c della vita , difendere in farcia ad ogni allentato le libe- 
rali nostre instiluzioni , le personali francbiggic , ed il repub- 
blicano nostro Governo. A quella solenne dimoslrazionc volen- 
do aggiungere una sempre più certa , ed induùilata prova del 
sentimento profondo , e decisivo , in cui sianio di non perdere 
ne^ur uno de’ nostri sacrosaiili diritti , diamo piena , ed iu- 
tiera adesione alla protesUi del nostro Municìpio , in data del 
ricordato giorno , non per approvare solamente , ma per far no- 
stre le parole , ed i sensi .della ])rolesta stessa. Così a que’ gran- 
di obblighi , che abbiamo verso la patria veniamo noi soddisfa- 
cendo , offrendo di sagrilìcare tutto per essa , non vi avendo sa- 
grificio che valga lo impareggiabile prezzo della libertà , che 
abbiamo ; noi questa solamente , e con essa 1’ onore Italiano , 
e la Repubblica abbiamo in cuore ; d’ altro non curiamo , per- 
chè con meno , d’ Italiani non avremo che il nome. 

Ravenna 5 maggio 4 859. 


Pkl Circolo 
■ I Vice Presidenti 
V. Cavalli 
G. M. Pasolini 

C. D. Fusconi Vice Segretario 
CITTADINI RAPPRESENTANTI 

Non sì tosto ebbe il vostro ordine circolare 24 corrente 
chiamati i Municipi ® solenni dimostrazioni , che degna- 
mente rispondessero al volo del Popolo sulla comparsa di una 
Squadra francese nelle acque di Civitavecchia senza preventiva 
comunicazione di quel Governo che ne spiegasse se amico , o nej 
mico , fosse per essere rintervento , sebbene per tutte ^ ragioni 
ne giovi sperare , che la Francia non sia per accingersi ad una 
impresa opposta a libere instiluzioni , e contraria a que’ prin- 
cipi » fi"® ®*'® E®®* inspirati , e protetti , pure que- 
sto Circolo ha sentito il debito di venire in ajuto del Governo, 
e nella sua straordinaria seduta delti 27 corrente per accla- 


Digitized by Google 



ì 

mazione ha volalo d» rimcllersi a qiianlo Voi , Cilladlni ranprp 
SOM lai! Il , sarde per delihcrare sulla emergenza , nella rortezzà 
che iarde il meglio. Itiollre il Circolo fu di unanime senlimenio 
di protcsiare conlro quakinque allenlalo , rhc per avvenliira rm- 
lesse violare il diritlo delle genti , e compromeltere la fli>«-uilà 
del paese : fu di senlimento di conservare le franchigie, od"i di'- 
riiti garantili dalla santità della Causa , c di dare per la conser- 
vazione di quelli , ove il bisogno , o la necessità lo riciiie^M 
anche il sangue , sicché in faccia all’ Europa appaja manitésla- 
mcnle , che ahhiani dovuto, quandoché sia , cedere alla Forza 
ma non siamo mai discesi alla rinuncia delle liberali no^liè 
convinzioni. 

Salute c fratellanza 


Ravenna 28 aprile 1849 . 

Pel Circolo 
La Direzione 
G. M. Pasolini 
. V. Cavalli 


ClRCOL-ARK 

AI CIRCOLI COISViaM 

Circolo Popolare dì Faenza 

Nel rimettervi l’ indirizzo qui unito vi confortiamo ad imi- 
tare il nostro esempio per mostrare al Generale Comandante la 
spedizione militare di Francia , che non una mano di pochi fa- 
ziosi , come SI va spacciando da’ nostri nemici , è stata quella 
che ha proclamato in Roma il Governp Repubblicano , ma che 
questo invece è stato il voto di ogni Popolo dello Stato 
Salute e Fratellanza. 


Dalle Sale del Circolo 
Faenza il t. Maggio 1849 . 


Il Vice-Presidente 
Giuseppe Galamini 


Digitized by Coogle 



( m ) 

AtJ CITOYE> GÉ.NÉUAL 

COMM\?IDAXT I.’exPÉDITION MII-ITAIRE FRAJfCAISp; 

DA:^fS r,F.S FTATS ROMAIAS 

OUDINOT DE REGGIO 
G^:^ÉRAL’ 

Parmi Ics lois sacrcos, qui formciit le gòuvcrnemeiit ró- 
|)ul)licain de France, il cri csl ime très-saerée, qui dii, que Ics 
liaVonncttes francaises ne se sernicnl jamais lounuVs coni re un 
Peujilc, qui aree des sacrifircs iniinenscs, et par un hajilèinc <3c 
leiialitc' parviut à obteiiir sa rédeniption. ?\nus soimnes re 
inème peuple, qui secouait le joug de fer , sous le quel il 
courhait son con depuis l»ien des aniires. — I,e nu'me IVn- 
ple qui ne teiera pas davanlage, que P Eprc fòt jninle au ,I'a- 
storal , et que la voix des Loix releutit jiarnii Ics psalinodics 
du Gliociir. General ! Quel IVnple se rédinia i>!us Irg.ilrment, 
plus legilimctncnt que noiis ? E’Urue de nos desliiis resta ou- 
verlc dans des Sales publiques; 

Le Peiijile libre, et de sei inè.iic , y déjvisa le vocìi le 
jihis ardenl de soit Goeur, — le Aoeudera l.iijerté 1 — Nos l',n- 
neinis noiis -ont appelé un polii nomlire de rarliciiv, «p.ii avec 
beaiiconp d’andare opprimànies la inajorllé d s Vile ca- 

Itìiimie ! On’on jetic un renard au v drnombreìrLrnis pii soni 
ivrils Ics lìoms dn Peuple, qui vòtait pour Sa I!!ì','ra(inn , et 
qui pour elle inoiirra, et on verrà rpae le voen i'ùt uni%erseF , 
et digne de la France. Nos Knneinis onl dii , que panni nous 
rógne l’anardiie. Geiiéra! 1 vous «jui vons trouve/, cliez nons , 
viles-vons jamais un Peuple plus tranquille, unc paix plus profon- 
de ? Nous soinnics régénérés sans versar ime seti le gonlle de saiq; 
— point de réaction inleruc — paini de Eoi violec-*-l*ar tmil, Por- 
drc, el la libcrle. 

Generali Que direz vons aux fraiirais de nousI' One-vous direx 
à eux des caloinnies de nos Ennemis ? Geiiéral !- Vouj éles uii 
liomrae de Guerre, le Drapeau de la France vous fili con»- 
luis, Drapeau de la lilierlc, el volre parole sera libro, et sin- 
cère. — Di Ics d One à la France, qu’EIlc rcconnais.se nòlre llc- 
publiquc, parceqiP Elle fòt sanclifice par de grands marlyi*es, 
et que Dieu la bèiiil — Diles Lui, qiPclle la reconnaisse, où 
qu’elle renverse avec notre Uépublique le Clirisl des ses Aulcls, 
car alors scraicnt finis Ics teuips de la Foi. 


Digitized by Google 



( ,) . 

Vote par unanimllc de suffrages dans la puLlìque Assci»- 
bice populaire. 

Faenza 30 avril ISSO. 


La Comniission de TAdresse 
Victor liosi 
Antoinc Drudi 
Engène Dcllavalle 
Anloine Sangiorgi 
Eiuìlc Einiliaiti 
Auguste llcrtoni Rodaclcur 
Pour le Conscil 3huiicipal 

Le (ionl’alonicr Jerome Tauipicri . 

Pour la (lanlc ÌNational 

Le Major Antoiue Conti ff. de Lieutenant Colonel 
Pour l’Asset)i!)U’c l*opulaire 
Le Prcsideut Denis Strorrhi 


Les Vicc-Presidcnts 
Les Secretai res 


Joseph Calaniini 
Joseph Minardi 


Antoiue Rosi 


Psicolas Morini 


AL COMA?xDA>TE 

LA Srr.DlZIONE rUANCESE NEGLI STATI UOMANI 

GEM'IULE OUDIAOT DI REGGIO 


GEAEraLE! 

Fra le sante leggi che compongono il Governo di Francia 
Repubblicana una ve n’ha santissima, la quale dice, — che le 
baionette Francesi non si apjuinlerebbero giammai contro un 
popolo, che per immensi sacrilìzj, che per liattesimo di legalità 
ebb& conseguita la sua redenzione — INoi siamo quel desso — sia- 
mo quel popolo, che scosse il giogo di ferro, che gli gravitava 
da lunghissimi anni sul collo ; quel popolo, ’che non pali più 
oltre, che la spada fosse brandita insieme al Pastorale— e che il 
tuono della legge s'alzasse fra le salmodìe del Coro — Generale! 
quale popolo più di noi si redense legalmente , legittimamei»- 
tc ? — L’Unia delle nostre sorti fu aperta al popolo nelle puh- 


Digitized by Google 



Llichc Aule — il popolo libero, e spontaneo in quella depose il 
palpito più ardente dei cuore — il volo della Libertà.— I nostri 
nemici ci hanno j;ridati pochi biziosì , i quali per molto ardi- 
mento opprimemmo la maggioranza de’ Buoni — Vile calunnia! — 
Si gilli uno sguardo sui noveri , ove stanno scritti i nomi del 
j)opolo, che volava per la sua liberazione, e vedrassi universa- 
le il volo e degno di Francia. — 1 nostri nemici hanno detto che 
qua regna ranarchia! Generale! Voi siete fra noi! — vedeste 
mai Popolo più tranquillo; vivere più riposato ? — ISoi ci sia- 
mo rigenerali senza spargere una sola goccia di sangue — non 
una reazione inlestina — non una legge violala — Tutto è ordine 
e Libertà. 

Generale! che direte ai Francesi vostri di noi? — Che*' dire- 
te Loro delle calunnie dei nostri nemici? — Generale ! Voi siete 
guerriero — la Bandiera di Francia vi fu ceduta — la Bandiera 
lidia Idberlà — e la vostra parola sarà verace e libera — Genera- 
le! dite a Francia, che non sconosca la Repubblica nostra, poi- 
« bè Fir è sanLilicala da grandi martirj e benedetta da Dio — 
Ditele che non la sconosca, o rovesci anche colla nostra re- 
pubblica il Cristo da’ suoi Altari, perchè allora il tempo della 
fede sarebbe iìiiilo. — 

N otato all’unanimità dal Circolo Popolare 

Faenza li 30 Aprile 


La Commissione dell’ Indirizzo 
Vittorio Bosi 
Antonio Drudi 
Fugenìo Dellavalle 
Antonio Sangiorgi 
Emilio Emiliani 
Augusto Bertoni Redattore 
Pel Consiglio Municipale 

Il Gonfaloniere Girolamo Tampicri 
Per la Guardia INazionale 
Il Maggiore Antonio Conti ff. di Tenente Colonnello 
Pel Circolo Popolare 
Il Presidente Dionigi Strocchi 

I Vice Presùlcnli «!"s*ppe Galamini 

Giuseppe Minardi 

I Segreta rj 
Antonio Bosi 
IViccola Monili 


( ) 

ROMANI 


L'antico Governo sacerdotale, che grande appariva sotto il 
nome di Pio, oggi chiede sangue per erigei'si di bel nuovo in 
Trono, onde eternare il suo rimorso, e abbandonarsi alla ver- 
gogna nello sdegno del Ciclo. Ei spera, nel violato Calice, che 
all’Austi'ia, ad un Oudinot, ad un Ferdinando aflìdava,' lam- 
bire il sangue dei Popoli Romani : Idea nefanda, che al con- 
fronto scema Tinfamia di quel Re maledetto 1 Scema Tinfamia' 
del Tetlesco, che da tanti anni manomette atrocemente i nostri 
averi, le vite, i sacri Templi l — Ma intanto Voi, Romani, alla 
gloria dell’antica Città, altra aggiungeste e grande, e degna del 
nome vostro. Voi insegnaste ad ana Francia, che la nascente 
Repubblica può dare esempi di valore. — ^Vinceste, e tornerete a 
vincere, perchè il Popolo, col quale sta Iddio, è forte, invul- 
nerabile. — Romani, lo stesso Iddio vi donava un Garibaldi, pro- 
de Guerriero , che già nei Campi della Palestrina copriva dì 
gloria le Repubblicane schiere — uccise — fugò — sperdè. 

Romani, le magnanime vostre gesta il mondo ammira, e la 
pietà, cui affidate i Feriti, e la libertà, che restituite ai Pri- 
gionieri imprimono un carattere divino alla novella Era Re- 
pubblicana. ^ 

Romagna s'informa di Voi, c Bologna tuttora bombardata 
altamente ne risponde. 

Romani, come i Crociati pugnarono per la Tomba di Cri- 
sto, noi pei suoi Altari, per le >sue Leggi, per 1’ Albero della 
Vita; e fia il nostro grido di guerra — ROMA. 

Faenza 15 Maggio 1849. 


I ROMAGNOLI 


Dìgilized by Google 



'(^< 8 , ) 

AL TRimiVIRATO ED ALLA ASSEMBLEA 
DELLA REPUBRUCA ROMANA 

IL CIRCOLO POPOLARE m RUSSI 

Cittadini! Voi avete bene meritato A^lla Pa,lria,— Le gra- 
vi proteste con cui siete opposti al ooo avvisato intervento 
francese mostrano che sentite tutta T importanza, del mandato 
di un Popolo.-^Rammentatc il giuro di salvar^. la RepubbRca 
che questo è il solo voto del nostro Quore.. 

Votato per acclamazione nella Tornatù dclU 99 Aprile: 1849. 

Carlo Sintoni ) 

Oio. Battista Ghelli ) Moderatori. 

Francesco Bolognesi }, 


I Segretari 
Yaleria.qo Rarbetti 
Luigi Bruuetti 


Digitized by Google 


• 



PBOVmClA 


DI 


FORLÌ 



( ) 


FORLr 


CITTADINI TRIUMVIRI 

Noi Rappresentanti del Municipio Forlivese, dietro ufli- 
ciale contezza della vostra Circolare del 24 corrente, che an- 
nuncia la presenza deU’avanguardia di una divisione Francese 
nelle acque di Civita-Vecchia senza alcuna preventiva comu- 
nicazione al nostro Governo , solennemente dichiariamo di 
volere inviolati , ad ogni prezzo, il diritto, e la dignità di 
questo libero Paese. 

Questo diritto, questa dignità sono un sacro patrimonio 
in faccia ad ogni Popolo civile. 

Noi vi affidammo il mandalo di tutelarvi. Forti della 
nostra fiducia , imponete , e tutti saremo con Voi ad ogni 
prova. 

Dio è col Popolo, e trionferemo. 

Forlì 27 Aprile I 849 . 

' • Pel Consiglio' 

LA MAGISTRATURA 

Giovanni Romagnoli f. f. di Goafaloniera 
Gaetano Lovatelli 
Luigi Spadoni 
Alessandro Mazzoni 
Cesare Gnocchi 
Scipione Ghinozzi 
Domenico Amadorì. 

Votalo alla unanimità nell’adunanza Consigliare convocMa 
in via di straordinaria urgenza nel suddetto giorno. 

£ 


Digiti. " 1 , Cìoosic 


( 12 * ) 

MUNICIPIO DI SANT’ ARCANGELO 

CITTADINI TRIUMVIRI 

Il Consiglio Municipale Santarcangiolese commosso nel- 
I* interno del cuore dalla vostra Circolare 24 corrente an- 
mmciante il prossimo pericolo di una invasione Francese a 
danno della Repubblica, e vivamente animato dal senti- 
mento profondo di patria liberià, quale leggittimo Rappre- 
sentante del Popolo in questa Città e Comune, per univer- 
sale acclamazione e ad unanimità di suffragi solennemente 
dichiara, di aderire pienamente alle magnanime vostre in- 
tenzioni, e di essere perciò pronto a spendere la vita e le 
sostanze per mantenere l’indipendenza della Patria, l’invio- 
labilità dello Stato , e difendere la Repubblica contro lo 
Straniero invasore che volesse offendere i diritti e la di- 
gnità del paese. 

Questa risoluta, ferma, e doverosa deliberazione vi sia 
documento e pegno della fiducia che questo Municipio ri- 
pone nelle vostre virtù e in quelle dell'Assemblea Nazio- 
nale, e dell’amore intensissimo che nutre inverso al Go- 
verno della Repubblica. 

Votata la presente dichiarazione ad unanimità nella 
straordinaria Consigliare Sedata del 28 Aprile i 84 o. 

R, Avv. MAZZOTTI Gonfaloniere. 

G. Lombardini Anziano. 

C. Lombardia! Anziano. 

A. Bizzocchi Anziano. 

B. Galliadi Anziano. 

Felice Orlandini. 

Giuseppe Galliadi. 

Antonio Lombardini. 

Ubaldo Casalini. 

Giacomo Stargiotti. 

Filippo Zampieri. 

Luigi Roccari. 

Lorenzo Molari. 

Eugenio Marini. 

Domenico Guidi. 

Giovanni Macrelli. 

Francesco Bartolini. 

Gioacchino Zavagli. 

Ifegotaate Volt. 'Albini Segr. Provv. 


Digitized by Google 


liàS) 

LA RAPPRESENTANZA COMUNALE 
DI CORIANO 

Dichiara che il roto di questa Popolazione si é , che 
gP interessi dello Stato venghino trattati come di presente, 
dai Rappresentanti eletti per libero suffragio Popolare , an* 
zichè dalla intrusione e soperchianza delli Stranieri ; Fro> 
testando al cospetto della Giustizia Divina ed Umana, ed 
innanzi al Giudizio inesorabile dell'Opinione Pubblica, e 
delle Generazioni viventi , e nasciture che riterrà per una 
znaniresta violazione del Diritto internazionale , e della no* 
atra indipendenza qualunque attentato al diritto stesso per 
parte di qualsiasi Straniero, e sotto qualsivoglia pretesto* 

Approvato a pieni voti in generale adunanza dal Coa< 
tiglio Comunale di Coriano li So Aprile 184.9 

Il Popolo presente applaudendo alla Consigliare rito» 
lozione , e volendo addimostrare la propria adesione al Vo- 
to Consigliare con un fatto contemporaneo, innalzò un nuo- 
vo Albero della Libertà sulla Piazza maggiore del Paese, 
rame risulta dal relativo verbale da cui si volle a popolare 
icchiesta che apparisse» 

' IL PRIORE 
FORTUNATO RIGHETTI 

V < 

Il Segretario 
UGO AGAR 


i * 


Digitized by Google 



< l*i ) 

REPDBBLICA ROMANA 
COVERNO DELLA CITTA* DI SARSINA 

i 

PROTES T A 

CONTRO L’ INTERVENZIONE FRANCESE 

La Francia di San Luigi, la Francia Cristianissima , la 
Repnbblicana Francia , quel'a Nazione civile, religiosa, pa- 
cifica e bene ordinata, spedisce una schiera de’ suoi armati 
ad invadere il nostro territorio. Lo scopo della spedizione è 
di proleg"t;re il Capo del Cristianesimo , di saldare la ci- 
viltà, di difendere la Religione , di ricondurre la pace fra 
noi, di fondare la vera libertà , di fare sparire l'anarchia » 
di risparadare il sangue dell'umanità , di opporsi ad una 
violenta reazione , e di togliere ogni pretesta ali' Austria di 
intervenire co’ suoi Croati. Lode ai discenilenti dell’ultimo 
Capete: Lode ai Cristi.inissimi Francesi del filosofodi Ferney: 
Lode all’Eroe di Boulogne, e di Civitacasttllana : Lode ai 
patriotti di D’Alembert: Lode alla Culla dell’ F.nciclopedia : 
I.ode agli Adoratori del Tabernacolo dello Ragione , del 
Tempio della Giustizia, e dell’altare della Verità: Loie agli 
incruenti Sigrific otori del Carmelo : Loda ai Seguaci del 
Santo Vescovo Gregoire: Lode al Pacificatori e Co iciliatorì 
della Vandea. Lode iii tr.anquilli ed umaiiissimi coocitt.idini 
di Robespierre : Lode ai protettori dei Pontetici Pio VI, c 
Pio VII. Lode ai devoti di Considcrant, di Prou Ihon, e dei 
Falasteriani : Lode infine alla Omeopitica Politica di Rairof, 
di Falloux, e di Fauclicr, che sanno impedire gli interventi 
colPintervenirc, sanno indebolire la reazione col rinforzarla, 
sanno fomlarc le vere libertà colla distruzione delle Repub- 
bliche : Lode Aia per Dio, fino a quanto i 

popoli saranno il bersaglio dell’impostura, dell’ ipocresia , e 
della Tirannia Dimplornatica ? Quando nella sua nudità ap- 
pariranno le cose; e la verità risplenderà in tutta la sua 
bellezza, come l’errore in tutta la sua deformità ? 0 Voi 
che di Francia reggete le cose ; itif.imi Diplomitici , spo- 
gliatevi delle ponipose apparenze, palesate i vostri piani in- 
lern.T^i, e cessate una volti di essere il flagello della nma- 
nità ! A che parlar di Repulaiatica voi che non potete amara 
se non il Dispotismo ? A che pirlar di Religione mentre 
liete tutti Atei? A che pirlir di civiltà mentre il vostro 


Digitized by Google 



( 1 * 5 ) 

ciieft dt|kènae dalU brutalità dei popoli ? A che parlar 
di Crittianesimo mentre dubitato «u Criato aia stalo mai al 
Mondo come nomo ? A che parlar di proteggere il Capo 
della Chiesa, mentre quando vi tornava a profitto Io aveta 
anche imprigionato? A che parlar di ordine, di pace, di 
libertà, di risparmio del sangue, di ostacolo ad intervento , 
di umanità ? Il vostro ordine è quello di Varsavia, di Vienna, 
di Milano. La vostra pace è quella dei Sepolcreti. Lo ri» 
«parraio del Sangue lo proclamate, per avere la compiacenza 
di versarlo voi ilesii. Lo intervento dei Croati lo impedite 
per fare voi stessi le loro veci come Alleati dell'Austria. 
La umanità dite di proteggerla, per opprimerla a rilento, e 
darle a sorsi la morte. Con maligne esageraaioni avete fatto 
ricadere su tutto il nostro popolo l’esorLitanze commesse da 
pochi. La morte di un individuo sotto i colpi di un. pu- 
gnale d’ un cittadinoi anziché della scure del Boja , quan» 
lunque con marcata ditaprovazione del Governo vi ha ri* 
colmati di scandali-, ed a piena gola avete gridato a Repub* 
blica d'agsassini, anarchia, anarchia = quandoché la vostra 
Repubblica del 17K9 conti centinaia di migliaja di assassini, 
t quandoché gli assassini stessi si assidono oggi nei scanni 
della vostra Camera. La stona, dolorosa rammenta la vo- 
stra epoca del Terrore, quando progettaste di uccidere tutti 
quelli che avevano oltrepassali gli anni sessanta , e quando 
puniste quelli che erano sospetti, egualmente che i veri rei. 
.Vergognatevi pertanto d.i attribuir? agli altri a delitto , 
quello che con proporzione mille volte maggiore voi stessi 
avete commesso. Le grandi fasi umanitarie, i gran cataclismi 
politici, le rivoluzioni definitive non possono per la loro na- 
tura ordinaria andare esenti dalle esorbitanze. La nostra ri- 
volgaione' ha ! questo di mirabile, di ! straordinario , e quasi 
direi di divino, che nel mentre segna uno dei più gran fatti 
umiinilafi , quale é la decadenza dal potere temporale dei 
Papi; ha camminato sempre nelle vie dell’ordine possibile, 
della purità, e della giustizia, e se- vi si scorge macchia di 
qualche eccesso, è congiunta per ora all’individuo, e non al 
popolo ; che anzi le provvide misure già adottate dal Go- 
verno faran si che anche di questa macchia si terga ogni 
individuo. • , . 

Ma se voglia vi trasporta, d' impedire gli assassini , di; 
fondare vera libertà, di risparmiare , il sangue italiano, di 
opporvi all* intervento Croata ; nelle Insubri pianure voi 
avete ben d'onde appagare i vostri desideri. Quella é l’aoica 
contrada dove il vessillo Francese può sventolare edue a#*;. 


Digitized by Google 



gnaU di ordine, di libèrti^, di utnaaltà.' Nilo Sfato ftn-* 
mano d’altronde la bandiera della Francia che ebbe ribrezzo 
incrociarsi colla bandiera della Casa di Savoja per scacciare 
i barbari daH’Ilalia , e che doyunq*>e sventolò si ritenne 
sempre per sinjbolo dj liberfà ai popoli, c di spavento ai de- 
spoti, invece si incrooerà, per coadiuvare la reazione, colla 
bandiera di Mastro Felice della Spelonca Capo dei Brigati' 
faggio nelFAscolano. 

0 popolo Francese, se l’arte de’ tuoi Governanti non è 
giunta al punto di sradicare dal tuo petto quei sensi di li- 
bertà, di onorp nazionale, di pudore piantati da Dio, sorgi 
dal tuo sepolcro oye sei condannato y'VO a giacere ed emetti 
quel ruggito spaventevole che sei solito ad emettere quando 
la tirannia F invilisce, ti opprime, ti degrada. Al solo Go- 
verno di Luigi Bonaparte era riserbufo di renderti un por 
po|o Sagrestano. La stirpe Borbonica in tanto squallore giam- 
inai noti ti travolse. Sta oggi jn tuo potere, se vuoi, il fare 
avverare più in un modo che nell’altro la grande profezia 
del Prigioniero 4 > S, pienti s L' liqropa o tutta Cosacca, o 
tutta Repubblicana s Se ami di addivenire Cosacco siegui h 
•yia che ti qpreQdi|lon Barrot e Compagni, e fra poco vedrai 
INicolao a Parigi a ricondurvi la pace, l'ordine e la vera li- 
pertà. Se ami la Repubblica, quella forma di Governo, in cui 
trionfa la giustizia degli uomini e di Dio, tergi la ruggine 
da quella scure' che adoprasti nel 1793- L'unico raggio (}• 
speranza a tutti i poppji dell’Europa balena da quplla, scure. 
Il tuo Governo coll’ opprimere i popoli ftaliaùi , opprime 
gl’ istessi popo|i Francesi. Gli uni p gli altfi sono Fratelli fra 
foro. Nei campi di Marengo, dj Lipsia, di Dresda, di .Auster.? 
|ifz sta registrata |a |orp tì’atellanza. Quelli che tu oggi vieni 
A combattere sono i figli' stessi, j figli dj quelli che' pngn.r^ 
fono e morirono per la gloria della Francia. Nes«ino pot^v'à 
inai immaginare' che tq avessi dimenticato il coirtuné- btil« 
tesìmo. ■ ■ / ' • I - 1 

Quando i tuoi soldati tpccpfpnq il snolo Italiano di Gi- 
yitavecchia, i bambini tratlj irresistibile forza volevano 
avviticchiarsi ai loro piedi, le spose non credevano offendere 
la loro- castità , né le vergini il loro pudore collo starnpare 
dei baci snlja loro fronte j | cadenti genitori tendevano lorq 
brancolanti le mani, tutti volevano dare e viceveve l’amplesso 
fraterno. Ma i tuoi soldati, guardaronpi tacquero e passarono 
avantii ® solo il loro ostile contegno ha riyelato l’ignominioso 
divisamento. Essi sono venuti a ribadire le nostre catene, a 
ficondurci l’abbominato Govèrnp dei Papi. Questo fu il gridq 


Digitized by Google 



( \*1 ). 

di tutti. Quel Gorarno che ai figli toglierà i genitori, ai ge- 
nitori i figli ; alle spose strapperà gli amanti, alle mogli ì 
mariti, qurl Governo che in ogni piazza alzerà roghi, forche, 
patiboli ; c!itì ogni strada tingerà di sangue cittadino, che 
ogni città convertirà in una prigione : tjiiel Governo male- 
detto da Dio, maledetto dagli uomini , esecrato nel Cielo, 
esecrato nella terra, esecralo anche ne/l’ Inferno. Quel Gi>- 
remo il qua'e non si pascerà di altro desiderio se nonché tutto 
il genere umano cit ile e liberale abbia una sola testa per re^ 
ciderla con un solo colpo. 

Koi facciamo forza a noi stessi per credere che i Gover- 
nanti di Francia siano giunti a tanta insania, a tanta impu- 
denza, a tanta soelleratrzz.i ; e che quella invitta nazione sia 
caduta cosi in basso da soffrire un governo illiberale, degra- 
dante, scimunito. Noi ancor milriuino la speranza che lo 
sventolare della banrliera francese nelle nostre rive abbia di 
mira la salvezza rlell’Cnropa liberale nel gran vortice delle 
cose che si maturano al Gabinetto di San Petersburgo. Che 
se mai fossimo costretti a perdere anche questa scintilla di 
speranza, e realmente la Francia fosse condannata a coprirsi 
d’infamia col distruggere lo nostre istitiizarni , quali sono 
pure le sue, e ricondurci in Roma il Papato, e le papali scu|- 
leratezze. Noi protcsiiamo fm da questo momento innanzi 
al Tribunale dell' Finte Supremo, giacché nel mondo e f a 
gli uomini é morta ogni giustizia, noi protestiamo di re- 
spingere la forza colla forza, di edoprare tutte le nostre po- 
tenze fisiche e morali per resistere alla straniera invasione, 
e per addimostrare qoi fatti se siamo una maggioranza u una 
minoranza. Noi siamo tre milioni di Qristiani che vogliamo 
emanciparci dai Preti Farisei, e vivere secondo i precetti del 
Cristo Redentore. Il separarsi dall’unità della Chiesa noi lo 
crediamo male senza line, poiché ci gloriamo di essere Cat- 
tolici, Apostolici, Romani ; ma se potesse farsi paragone fra 
un male finito, ei{ infinito, e se colle pene eterne non fosse 
punito questo |iensiero, noi azzarderemmo di dire esser quasi 
di minor danno il separarci dal Capo Visibile della Chiesa, 
an^iobè ricadere sotto il dominio temporale dei Preti. La san- 
guinosa storia dei Re- Pontefici è svolta fino all'ultima pagina. 
La loro scienxa governativa era troppo decrepita. £' più facile 
pertanto che Luigi Filippo torni alle Tuillieries, di quello 
che un Re-Pontefice sul Quirinale. I popoli dello Stato Ror 
mano sono decisi a tutto sacrificare dall’ultimo obolo, fino 
all’ultima stilla di sangue per conservare quella forma di Go- 
verno che liberamente si sono scelta. Noi taglieremo tutti i 

S k 


( ) 

ponti, troncheremo tutte le strade, incendierenio le nostr« 
case, ridurremo in poirere le nostre città , romperemo le 
dighe dei mari, e dei fiumi, spianteremo tutti gli alberi dal , 
suolo per dare all’ Europa il luttuoso esempio della dispera- 
zione di un popolo che sa perdere sostanze, figli e vita per 
difendere la patria, la libertà, l’ iudipendeoza. Dal Dio di 
Abramo invocheremo la fermezza a consumare l’ultimo sa- 
crificio di immolare sull'altare della patria i nostri teneri 
figli, che non saranno capaci a difendersi , e che sarebbero 
costretti cadendo in potere dei vincitori a sbramare le in- 
gorde voglie di sangue. Io una parola i cocchi Cirdlnaliz/ 
dovran passare stritolando le nostre ossa. Il Re -Pontefice 
dalla vetta del Quirinale non dovrà scorgere che una fiu- 
mana di sangue, ed un ammasso di rottami. La ferocia 
clericale non potrà esercitarsi che sopra i lupi, i serpenti, e 
le altre belve, che inorridite si terranno nascoste nei loro 
covili fra i crepacci delle rupi, e le scrupolatiu’e dei Monti ; 
Piede umano non stamperà più orma sul terreno. 

Allo smarrito, ed attonito Viaggiatore poi una colonna 
monumentale di marmo nero con indelebili cifre sangnioue 
indicherà = QUI FU ROMA PROPUGNACOLO DI LlBHl- 
TA’ E SINONIVIO DI REPUBBLICA. QUI I BARBARI 
DI FRANCIA TENTARONO DISTRUGGERE LA LI- 
BERTÀ’ E LA REPUBBLICA. QUI FINIRONO INSIEME 
ROMA , I romani, la LIBERTA’ E LA REPUBBLICA 
ORA NON VI SONO CHE BELVE E PRETI =. 

PIO, SALVI LA FRANCIA, V ITALIA E LA RE^ 
LICIONE DI CRISTO. 

Palla Residenza Goi>ernatitfa di Sarsina li 3o Aprite 

Il Governatore 

ALESSANDRO Avv. BELLUCCI. 


Digitized by Google 



REPUBBLICA ROMANA 
GUARDIA NAZIONALE PI FORLÌ ^ 

Io eiecuzione dello itabilito ieri nell' adunanza dells 
UlYiciaUtil di questo battaglione nel relativo prò* 

cesso Verbale y c dietro 1’ Ordine del giorno di questo Co* 
mando ieri pubblicato con le stampe , il sottoscritto Te* 
nente Colonnello Comandante il predetto battaglione si è 
recato nel Quartiere di S« Francesco doye avendo trovati 
riunii} ) militi del battaglione senz’armi» ha data ad essi 
lettura dell* indirizzo fatto dal Monicipio Forlivese ai Trium* 
l'iri della Repubblica in data del >7 corrente nella circo* 
stanza della presenza di una divisione francese nelle acque 
di Civita Vecchia } ed ba quindi interpellati i militi sum- 
mentovati ad esprimere il loro libero vptp sulla loro ade- 
sione all’ indirizzo sopra indicato » invitando quei militi 
che intendono di aderirvi» ad alzare >1 lofo cappello. 

Al quale invito tutti i militi presenti unanimamente 
hanno alzato il loro cappello, prorompendo }a grida repli- 
cate di s VIVA LA REPUBBLICA = . ' , 

£ con ciò essendosi a vota' la prova della loro adesio» 
nc » si è chiuso I’ atto prasenie che ò stato sottoscritto dal 
prefato Tenente Colonnello, . 

Forlì oggi jtprih 184$ eid un ora pomeridianct, 
Sottoscritto ad originale « F. BENZI 

Per Copia cooforme ad uso d' Ufficio 
11 Segretario del Tenente Colounello 
G. B. Masoui 



( i3o ) 

REPUBBLICA ROMANA 
ALLA GUARDIA NAZIONALE DI FORLÌ’ 

IL TENENTE COLONNELLO COMANDANTE 
MILITI CITTADINI 

L’atto della solenne vostra adesione all’ indirizzo del 
Monicipio sulla ribottante soperchieria dello straniero è 
già in Mmmino verso i Triurtiviri. Voi jeri corrispondeste 
perfettamente alla mia aspettazione, ed^ io ve ne rendo gra- 
zie. Secondati , come mi compiaccio di credere , da tutti i 
battaglioni di Guardia Nazionale della Repubblica , noi mo- 
streremo alla Francia e al resto d* Europa, che conosciamo 
i nostri diritti, e che chiamati a difenderli, non verremo 
meno nè al nostro dovere nè alla fiducia riposta dal Gover- 
no nella nostra cooperazione. Accada che può, l’onore stia 
innanzi a tutto : ma la giustizia è con noi , e Dio la pro- 
teggerà. Unione , perseveranza , e maledizione a chi si av- 
vilisce nel cospetto del prepotente ! 

VIVA LA REPUBBLICA ! 

Forlì 1 Maggio i84g. 

FRANCESCO BENZI 


CITTADINI TRIUMVIRI 

IL CIRCOLO POPOLARE DI PORLI’, nella sua tor- 
nata straordinaria di questa sera, frequente di mollissimo 
Popolo, ha udita con la più viva soddisfazione la Ietterà 
dell’ indirizzo che la nostra Rappresentanza Municipale que- 
sta mane a Voi, Cittadini Triumviri, unanimemente votava. 

CoU’esprimervi quella fiducia, e quegli energici sensi 
che si convengono ad un Popolo degno di viver libero , 
essa si è mostrata meritevole del mandato a lei conferito. 

Questa solenne dichiarazione c l’eco fedele delle con- 
vinzioni e de’voti del Circolo. Quindi ha pur esso delibe- 
rato alla unanimità, fra clamorosi c ripetuti plausi, che per 


Digitized by Google 


? »5l ) _ 

nostro mezzo vi lia fatta manifesta la toH piena adesione 
al magnanimo e dignitoso atto della Rappresentanza Ma<^ 
nicipale. 

Nel compiere questo gradito ufgcìo vi diciamo sala» 
te e fratellanza ' 

Dalle Sale del Circolo Forlì aj ^rile l8ig, jj 

Pel Circolo Popolare di po'*!! 

Il Presidente ff. 

TOMMASO ZAOLI SAJANl 


CONSIGLIERI 


AGOSTINO ROSSI 
GIOVANNI ROMAGNOLI 
EUGENIO ROMAGNOLI 
DOMENICO AMARORI 


GAETANO CHINASSI 
GIUSEPPE ZATTONI 
SCIPIONE CASALI 
SCIPIONE GHINOZZI 


DECIO VALENTI NI 

LIVIO MIN GUZZI Segretari (L 

LUIGI GHINOZZI 


CITTADINI RAPPRESENTANTI 

• ^ 

La popolazione di Cesena 

riunita riclle Sale delCircolo Popolare la sera del ugeorren» 
te, fra I gridi unanimi di Viva la Kepitbblicahn decretato quest’ 
Indirizzo a Voi per aderire solennemente alla vostra protesta 
contro l'ostile intervento Francese. La nostra Repubblica è sor» 
ta dal suffragio universale debitarnenie consultato; e non è per» 
ciò ragione che un Governo nato dagli atessi principi venga a 
porne in dubbio la legalità e i diritti, Voi ormai soli rap- 
presentanti del principio democratico, in Italia dovete alme- 
no Bastenere U dignità e l’onore. Consultate le grandi me- 
znoria dei monumenti che ci circondano, e imparerete che 
8* addica ai rappresentanti d’ un popolo risorto a libertà e 
sedenti presso il Campidoglio, Resistete alle armi liberticide 
di Francia: forse agli eredi dei guerrieri di Montenotte, e 
di Arcole ripugnerà di piantare le spade nel petto dei loro 
fratelli che con loro hanno comuni la fede, e principi. Re- 
Mietete ; le Legioni di Francia si coprirebbero d'infamia get- 


^ ! ( t5a )V ■ ' -, ^ . 

tondo lo bombo tulio X^Utò 5anta.$ lollo CiUò dei repub* 
blicani eterni monumenti. Questo é il grido , questo è ^1 
yat& della pdpalazionó di questa Città pronta ad avvalorarlo 
coll* opera energica , e perseverante. Che se è dettino che 
si cada màno di .chi dovrebbe esserci Aulico ^ se i fìgh 
di Francia raggirati da un Governo spergiuro vorranno con- 
sumare il fratricidio^ moatriamó all’ Europa civile che nel 
sostenere i nostri diritti abbiamo Coraggio eguale alla tati* 
|ità della nostrà 

yi7A LA RJEPPBBLICA ! 

: Cés^rtà 5o ^prilé J84$ 

PEL CIRCOLO POPOLARE 

IL CONSIGLIO blRÉTTi VÓ 

Nwi Fi'e^# 

L. Visanutb' 

Gio: Gisci Gonsig* 

Andrea Pio ^ 

Benedetto Pasini Cont. 

FrailCétcb Tutoli Cotilig, „ 

Agostino Ottoni Cassiere 
paladino . PUaltri 

G. Finali Scg. 

'Et Manaresi V. Segt 
^ P» A* Geoffroy V*. Stg« 


( 135 ) 

CIRCOLO POPOLARE DI SAVIGNANO 
CITTADINI TRIUMVIRI 

L’ attentalo del Governo Francese alla Indipendensa 
dello Stato Romano accese l’animo vostro 'di qael gene» 
roso sdegno, che vi dettò il grande giuramento DI COM» 

Fiere il dov^er vostro opponendovi colla 

FORZA CONTRO OGNI OFFESA AL DIRITTO ED ALLA ' 
DIGNITÀ’ DEL PAESE. Voi Rdaste nel Voto delle Po- 
polazioni , le quali corrisposero ben tosto alla fiducia , che 
in esse Voi riponeste. E questo Circolo Popolare di Sa- 
vignano radunata in straordinaria seduta la sera del 28 ' 
Aprile corrènte, nel concorso di numeroso Popola delibe- 
rava una piena adesione al magnanimo Atto del Governo, 
e dell’ Assemblea contro la invasione Francese, che il di- 
ritto delle genti , e la inviolabilità del Territorio della Ro- 
mana Repubblica ledeva. Protestava volersi stringere a Voi, 
che le nostre sorte reggete, onde cooperare e colle esorta- 
zioni , e coi fatti , e qujnd’ anche occoira , colle armi at- 
P eseguimento di ogni ordine vostro, che sia diretto a tu- 
telare la nostra Indipendtnza , e a far salvo P onore del 
nome Italiano. Quindi per unanime acclamazione decretò 
che noi v’inviassimo questa solenne dichiarazione, che al 
desiderio della Municipale Rappresentanza si conforma , e 
ad essa unito un atto di adesione firmato da più centinaia 
di Cittadini , che ci facciamo debito di presentarvi. Salute 
e Fratellanza. 

Dalla Sala del Circolo Popolare di Savignano .Apri- 
le 1849. 

PEL CIRCOLO POPOLARE 

Il Presidente LUIGI GIORGIETTI 
Il Vice-Presidente ALESSANDRO ULIVETI 

CONSIGLIERI 

Giovanni Turchi 
Marco Fabbrini 
Pietro Amaduzzi 
Camillo Bertoni 
Michele Berardi 

Ercole Fantozzi Segretario 
Pietro Bertozzi V,ice«Segretario 


Digìtized by Google 



C I3ib 

AL POPOLO ROMANO 
DOPO IL MEMORANDO 3o APRILE 
IL CIRCOLO POPOLARE DI PORLI’ 

Popolo che torni t|ual fosti, che col tuo trionfo tanto tì 
«levi, quanto pareva cariota in basso la fortuna d’Italia, a 
te il sorriso di Dìo, il plauso del mondo , la vergogna di 
Francia ! 

Popolo di redivivi Bruti e Scipioni, tu hai veduto lo 
(palle dei terribili Bersaglieri dell’Allrica , tu hai licaccia- 
ta nella gola dei Badetski di Francia una belf.irda parola , 
Risponda nei secoli la tua vita novella all'aurora di qtie-’ 
sto giorno ! 

Popolo (Iella (iitià eterna, esulta di te niedesinio ; da 
Te la piena rcdenzioiie d'Italia, da tc i dentini d' Europa • 
Tu vincerai i Farisei di Parigi se la Hepubolica Frau..tìsa 
non vuol rimanere qual ora ó la più grande delle cnen- 
aogne. 

Commosso, esultante, rapito all’esempio , ecco il voto 
di questo popolo, che ti sente, e di esser tuo nella rcpub* 
blìcana anima si onora. 

PliL CIRCOLO 

Il Presidente ff. TOMMASO ZAULI SAJANI 
CONSIGLIERI 


AGOSTINO ROSSI 
GIOVANNI romagnoli 
ECGEIMIO romagnoli 
PO tlENICO AMADOiU 


GAETANO GHINASSI 
GIDSFPPE ZATTONI 
SCIPIONE CASALI 
SCIPIONE GHINOZZt 


DECIO EALENTIISI 
LIVIO MliSGUZZl 
LUUfI GJUrfOZZI 


Sfgrelar'ì 


Digilized by Coogle 


• '0 i3p ) 

repubblica. UÓMANA 
j' Sayignanq 29 Aprile 18^9 

ATTO pi ADESIONE ■ 

I «oltosGrilti desiderosi di esprimere il loro Voto di 
fiducia al Governo della Repubblica ^dichiarano di ade- 
rire, come aderiscono pien^pienle qllà protesta dell’ As- 
semblea Costituente Romana decretata il giorno *0 
corrente in seduta .pubblica all’ un’pr^ pon^eridiana. 

'...IL/sLuigi Falzaresi; , 

». f,?ì;.Enea ^Trebbi. t ;> 

Dotnenic.o. iVlont4n?tL ^ 

4 Camerini Augusto. 

5 Seqjprìni Francescq j 

6 Leontgildo Amati .o-? 

7 CeccareH.it Luigi - i..* 
i8\S(jo)prini. Luigi 

Da.yàcI / ; . •:) i V 
i,j,;ioJBar|>e.rini Michele /r ^-3 
nJA;)§ernprinj Leopoldp— 

Bert.a*ai.JSi4gÌQj>,'. j.^ tv! 
iq.iCtijTìpcdiQlli Ediwrdqj 

Paplo: 

,:ijtàTG^v9rHìi.Za,mpanèU(:‘ 

76 jAIicliql.e CapcKin; t i t. 

17 Marco Capelli •t; -.c 

18 Vicino;'Amali < - t 

19 G. B. Montesi .. . » » t 

20 B. Rocchi. . . . ■ i 

21 Evjgenw Ahtonìoli S «;> 

22 Cro^ce-di Bis-acchi Sedvetore iUett' 

23 Cru)^ ce di .Gio.Trebbi illett» 

2Ì AndreoU Celso ~ ' 

2& Gasperoni;Giuseppe ••. f. 
sS Onofri RalTaele.. , ? . ^ 

37 Crocce di AppoHinàre Qtìideri illett, 

28 Trebbi Giusto[>pe f . ,.r ' 

JI9 Pascucci Angelo' ; ... - 

5p Talciopi Ferdinand^ ■' 

Michpìa L«ga. , • 


DIgitized byGoogla 


( i3C) 

32 ' Domtnico S«mpmi ^ 

33 Crol^ce di Ricci Rjc^****®/ mi 
S i Croj^^ce di Scmpnni Angelo ili. 

S > Cro>];^ce di Menghi Giuseppe lUcU* 

36 Giovanni Ruidiai 
5 r L uccarelli Guise pp,® 

38 Pompeo V^acelUni 

39 Abbati Ercole 

10 Bonaglì Giuseppe 

11 Topi Luigi 
Oirojamp Nardi 

i 3 Andrea Sapignoli 
ii Balestri Sante , / « 

iò Croscè di Abbondania Luifti 

46 Cro)55^ce di PedrelliGaetano 

47 Crocce di 2ani Ferdinand^ 

48 Carlo Scarpellini 

49 Squadrani Odoardo 

5 0 Antonio Ronchi 

bt Zan» Giacomo . , \ 

b« Cro) 55 <ce di BaldocciLu’S' di. 

Crp^JCce di Coli Napoleone 
54 Crocce di Mengbi Giovanni 
f>o Crocce di BerUiccioli Luigi 
Crocce di Fantoazi Savljgnanu 
67 CrojJ^ce di Ghìderl Luigi. 

58 Grp)J(cedi Marconi GioFànni 
65 Cr()>j^Gedi Ugolini Giovailftit 
60 Bertani Giovanni 

^1 Camillo 

6a Antonio Squadran» 

63 Massa Francesco 

64 Goti Sebastiano 

65 Baldinini Aleisandr» 

66 Èvaristo Soldati 

67 Bicacchì Luigi 

68 Ernesto Massari 

69 Lorenzo Ricci 

70 Lanzi Luigi 

71 GioTauni Cagnacci 

7j Clemente Galli ^ 

73 DemetrioRicialdini . 

74 Sebastiano Evangelisti ' 

76 Cro ce di Campana Giuseppe ilU 


( ì37 ) 

j6 Cro'^ce di Njn:>l Sebastiano HI, 

77 har^itiloni Ooinenico 

78 Cr.)^ e di Abbondanza Clemente 
7g Sei'ufìiia Lonedei 

80 Pietro Berlozzi 

81 Enrico iVIussiiri 

8a Cru)^te di PedcelliPaolo 

83 Scarpell ni Pietro 

84 - Crocce di Benvenuti Giovanni 

85 Pai i (ìer vusio 

86 Cro )J5( ce di Giovanni Betti 

87 Celarosa Al.n-ino 

88 Cro»J(ce di Precconi Giuseppe 

89 Croijicedi Maccori Luigi 

90 Balzani Luigi 
gi Barlolini Luigi 
ga Nardi Achille 
g 5 Lombardi Pietro 
g 4 Vlichele Pari 

gb Paolo Tognacio 
g6 Guglielmo Bertozzi 

97 Lroj^ce dìBisacchi Baffaele 

98 Cro)^ce di Croatli Fortunato ili, 
gg Cro)^ce di Accidci Sebastiano 

100 Trebbi Giuseppe di.Vlicliele. 

101 Domenico Guidi 
J02 Luigi BtIIoni 

io 3 Crocce di Porzi Pietro iilelt. 

10^. M'cliele Antonioli 
ao 5 Eartolomeo Bassi 

106 Luigi Neri 

107 Anionclli Antonio 

108 Cro)j^ce di Antonio Mattoni ili. 

109 Luigi O.iofri 

ijo Campiidelli Giuseppe 
111 Cfo)J^Ce di Camillo iMaffi ili. 

1J8, Pascucci Andrea 

il 3 Cro:$^ce di Luigi Tacciai ili. 

Ji4 Gj-illi Giovanni 
.1 15 Antonio B^rtolini 
u6 Dindi Emanuele 

117 Cro>5gt 3e di Nicola Leoni. 

118 Campedelli Adiiano 

119 Giosauni Bissi 



(»38) 

ISO Onofrio Baidinini 

imi UsualdoAmati 

ima Giuseppe Buttagli 

123 Giacobbe Donati 

ia4 Gregorio Ferri 

laB CroJ^ce di Matteo Gan* 

ia6 Croce di Paolo Grilli 

127 Cro ce di Gioranni Gori 

126 Crocce di Giacomo Soriani. 

129 Cro)J(ce di Luigi Preconi 

130 Berlini Davide 

131 Croce di Angelo Laghi. 
i3a Croce di Gio. Nardi. 
i33 Massa Antonio. 

1S4 Macori Giuseppe. 
l35 Croce di Faccini Paolo; 
l56 Sebastiano Galli. 
j 37 Rocco Sapignoli. 
i38 Allessi Domenico. 
iSg Allessi Nicola. 

140 Pietro Amadazzi. 

141 Nardi Angelo. 

142 Benedetto Ortolani. 

143 Squadrani Luigi. 

144 Angelo Trevisani. 

146 Croce di Antdnio Gatti. 
j 46 Croce dìDionaedeNardi. 

147 Francesco Amadazzi. 

148 Giuseppe Moroni. 

149 Calimero Zarnpanelli. 

160 Saverio Gatti, 
ibi Bcrtozzi Sante. 

1&2 Giuseppe Capelli. 
i53 Luigi Acidei. 

1B4 Croce di Bisacchi Loca. 

l5b Cesare Ricci. 

i56 Croce di AntonioAniidei. 

IÒ7 Berlozzi Lorenzo. 

158 Sapignoli Tabbelloni. 

159 Barberini Battista. 
j6o Guidi Bario. 

161 Corazzi Cristofaro. 

162 Rossi Innocenzo. 

163 Luigi Giorgetti. 


Digilized by_ Googlc 



( 1 ^ 9 ) 

Croce di Antonio Facinù 
i6È> Matteo Muntesi. 

166 Sbambazzi Lodovico. 

167 Marco MaUunarù 

168 Giuseppe Plachei. 

169 Marcbettì Giovanni^ 
a 70 Gasperonì Raffaele. 

171 Antonio Capelli. 

172 Luigi Pedrelli. 

175 Luigi Gessi 

174 Angelo Pedrelli. 

176 Francesco Petrelli. 

176 Menghi Lorenzo. 

177 Montani Marco., 

175 Giuseppe Zani. 

179 Angelo Pompieri. 

180 Luigi Gioseppe., 

181 Mauro Tognani. 

182 Pietro Tognani. 

1 83 Pascucci Pietro. 

•a 84 Gasperonì Luigi. 

1 85 Giovanni Spradraor* 

186 Giovanni Spadazzi. 

187 Baldinini Luigi. 

188 Angelo Semprini. 

)89 Pagliarani Giuseppe. 

190 Croce di Ronci Rocco., 

191 Luigi Alessi. 

192 Abbati Luigi. 

193 Abbati Antonio.. 

194 Grò ^ cedi Ginlio Mela*. 

19& Onofri Gaglaclano. 

196 Croce di AntonioSajeati.. 

197 Giuseppe Frisoni. 

198 Stefano Drudi». 

199 Salvatore Ricci., 

200 Croce di Angelo Guidi. 

201 Croce di Galli Michele*. 

202 Giuseppe Vincenzi. 

2 0 3 Vincenzo Rachi. 

204 Croce di GasperoniNdtale.^ 

205 Abbati Pietro*. 

206 Barbiiini Cesare*. 

«07 Croce di£maQt|eleTaccìai^ 


(i 4 o) 

ao8 Giuseppe Claudi* 
aoQ Pelopida NorI, 
aio Giovanni Sivitti, 
su Amadori Federico. 

SIS Croce di MargelloniLorenzo* 
si 5 Luigi Frisoni. 

Zìi Giovanni Turchi, 
sib Ercole Avv. Fantozzi. 
zi 6 Lorenzo Dott. Abbati* 

517 Palazzi Luigi* 

518 A. Oliveti. 

s’9 Fellini Edoardo, 
sso Luigi Vendemini. 
ssi Giuseppe Gamberi* 

222 Muntesi Righetti, 

223 Giulio Abbati. 

224 Carlo Ferri. 
ss 5 Luigi Amadori. 

226 Camillo Bertoni. 

227 Guglielmo Drudi, 

228 Luigi Nardi. 

229 Giuseppe Fonari. 
s3o Giacomo Giorgetti. 
s 3 i Faccioni Annibaie. 
s3s Solfanelli Vincenzo, 
s 33 Mamara Giuseppe, 
s 3 i Guinazzi Gio. 

a36 Guerra Giuseppe. 
s 3 S Pareli! Carabi. 

237 Gambini Luigi. 
s38 Marco Fabrini. 

239 Francesco Fasanelli, 

240 Terenzio Betti. 

zìi Croce di' Gio. Gemini. 

242 Antonio Menni. 

243 Apollinare Garavelli. 

244 Saracini Carlo. 

S4& Francesco Travisani. 

2^.6 Filippo Amati. 

247 Antonio Trevisani. 

«48 Croce di Abbondanza Francesco; 
249 Croce dìGius. Galeffì. 
sbo Abbondanza Giuseppe: 

«^1 Massa Vincenzo. ^ v 


(UO 

sBi Croce dì Adamo CfetciaA* 

aà 3 Callo Veti( 

aB4 L. Galeffì. 

aùò Ettore Mennìf 

X&6 Giulia Menni. 

aEi? Celeste Amati. 

Oornir)ìconi Ralfaelef 
X&9 Abbondanza Andrea. 
x6o Croce di Abbondanza 
oSi Domenica Gresciani. 
n6a Rtlfaele Massa. 
xGS fiinibanti Gaetano. 

96Ì Ciro iMcnni 
s6ó Ricci Raffaele 
^65 Carlo Gliise)li 
«67 Giuseppe Cerellì 
a»6S Pferj Giuseppe 
s6q Cristoforo Broccoli 
270 Samuele Morigi 
aji Vincenzo Lasagui 
«72 Pietro Amati 

273 Geremia Lasagn! 

274 Leonida Gardini 
270 Marconi Loren?o 

276 Croce di l^nigi Oamenieonif 

277 Giuseppe Dorneoiconi 

278 Croce di AbbondanzaAqgelt) 

279 Domenico Mezrotti" 

280 Luigi Gardini 

281 Agostino Gazi 

282 Pietro fampani 

283 Pezzati! Sebaitiaa^ 

284 Ridolfo Calalini 

285 Gozi Qinseppe 

286 Onuri Luigi 

287 Lodovico LÌanedef 

288 Casaliui Lodovico 

289 Antonio Gazi 

290 Salvatore Guerra 

291 Giuseppe Fantini 

292 Giuseppe Guerra 

293 Lodovicbelti Pietro 

294 Croj^ce di Sante Bartolinf 
Croì^ce di Luigi Faatiot 



(u*y „ . . 

^96 Croi^ce 4i G*etano Ropiitli 
^97 CroJ^ce di Luigi Battistini 
299 Angelo Gozi 

299 Leopoldo Guerra 

300 Àgoatino Bartolini 

3 01 Crojjccc di Rocchi Michele ^ 
3 o* CrojJ^ce di Giuseppe Comini 
3 o 3 Luigi Casalini 

3 p 4 Biagio Abbondanza 
’ 3 j& Emidio Bertani 

3 0 6 Crocce di Giuseppe Battistini 

307 Michele Pascucci 

308 Federico Rayegnani 
509 Natale Magniani 

3 10 Pietro Guidj 

3 11 Lonadei Pietro ^ 

3 1 2 Cro)J(ce di Micalucci Pietro 

3 1 3 Cro)^ce di Luigi Casalini 
3 ii Giovanni Pirozzoni 

3 1 5 Crocce di Antonio Tonini' 

3 1 6 Luigi Cortelli v * 

317 Amaducci Domenico 

3 1 8 Giuseppe Franciosi ' ♦ 

319 Egisto Lunadei 

320 Giuseppe Guidi ' - ^ 

3 zi Gobbi Felice /' * 

3^a Crispino Montanari - - ' ' 

3^3 Biagio Magnani ' - 

32 Ì Giacomo Guidi ' - 

325 Giuseppe IV^ontanari ^ - 

326 Giuseppe Batistini ‘ p - 

327 romeso Spinelli 

328 Tomaso Pascuci 

329 Sebastiano Casadie 

33 0 Luigi Pascuci • 

33 1 Biagio Sbrighi - 

53 a eleo Patrio ' • 

533 Giuseppe Pascmi : ' 

534 Mortani. Benedetto f ^ 

335 Lorenzo Farabegoli 

536 Giovanni Mòltani 
337 Domenico Lunedei - * " 
^58 .Giuseppe Lunedei - • > 

339 Adorardo Camajeti , • , " 


(i43) , 

54o Ferrante Pascncci 
Sii .Giuseppe Sbrig.hi‘- ' 

5^2 Ti boni. Giuseppe 
543 Baltista Ortolaui 
34 f Luigi' Lama 

345 Crocce di Giovanni: Medri 
546 Cro>J<f;e, di Seltimio Scala 
347 Cro)^ce di Gioviiiìiit »Mara|di 
3t8 Angelo Lombardi 
3Ì9' Laudi FroncescQi 

350 Adone Soldati 

351 Annibale Birloli 
553 Massiniino Bactoli' 

353 Beda Lan^oni 

354 Crocce di Gio. Seti ni 
3&5 Gatlazzini Tommasa 

356 Epifanio Pagliarioi 

357 Brigidi Giovaunv 
3ò8 Cavinu Antonio 

359 Girolamo BeiHiccr 

360 G ioyaniv Bertozzi 

361 Lorenzo Gavina 
36a Angelo Balestre 

565 Cro)^ce di Sante Zanottj 

364 Paolo llamberti 

365 Cesare Masinl’ 

366 Luigi Pozzi 

367 Mauro Faedi 

368 Croj^ce di Adamo Brigidi 

369 paolo Brigidi 

370 Antonio Brtzzi 

371 Cro)^ce di. Girolamo Bettucci ili. 

372 CrojJcce di Gori Flaminio 

373 Cro)j(ce dì Gip. Bardacci 
3y4 Soldati Fausto 

376 Eliseo Guidi ' 

376 Ercole Guidi 

377 Andrea Guidi 

378 Alessio Nini 

379 Croce di Cipriano Grassi 

380 Polcherio Brigidi 

38 1 Cro)^(ce di Angelo Tiboni 

582 Crocce di Borghesi Giuseppe 

583 Gro>J(cp di Giuseppe Lanzoni 

h a 


{ ^U) ■ 

584 Cro)^ce di Benedetto Ventori 
38 'i Crc)J(ce di Andrea Masti 
5‘6 Giovanni Lnzzi 
387 Croj^ce di Giovanni Buldrini 

588 Sebastiano Pagliarani 

589 Antonio Balducci 

590 Cro)J(ce di Agostino Senni 
091 Crocce di Lnigi Benvenuti 
592 Cro)j^ce di Giulio Neri 

393 Gaetano Gridelli 
391 F. Bianchini 
390 INoè Balestra 

596 Giuseppe Pasolini 

597 Gualfardo Giannini 

098 Croj^ce di Felice Chiicchi 
399 Cro)J<ce di Felice Medri 
4 ''o Bertozi Luigi 

4oi Giovanni Brigidi 
4«2 Felice Bellanlia 
4 o 5 Antonio Balestri 

404 Giuseppe Fomagari 

4 0 5 Pasquile Amati 
4 u 6 Pasquale Catloli 
407 Gattoli Michele 

Carl9 Gecc^reUi 


Digitized by Googic 



PROVl!V€lA 

DI 

IJRBIIVO E PESARO 


Digitized by Google 



Digitized by Google 


. c ) • , - • 

URBINO E PESARO 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL rorOLO 
Connine di Ti.ipge 

i ^ cl giorno (li marli’tU primo del mese di Al;i 'gin del- 
l’anno 1819, si è adunalo a termini delle R(“[ndd)lii:3ne vigenti 
Leggi , il Consiglio della Comunità di Piagge , composto 
degl'infrascritti Cittadini 

Tommaso Patrignani Priore 

Niccola Umorosi , e ) 

l'iancesco lomassmi Rista ) ^ 

Francesco Tomassiiii Benaviato , Vinccm.o Caneslrari , 
Paolo Garnaroli , Giacomo Caneslrari , Lodovico Farri, Giu- 
seppe Caneslrari ,, Giacomo Facchini, e Giuseppe Agosti- 
nelli Segr. Comunale, essendo mancali i (Atladini 1). l’aolo 
Trigi , Tommaso Fabhri , e Pas([uale Ccccarclli. 

Il Consiglio 6 presieduto dal Cilladiuo Toaiinaso l’.ilri- 
gnani Priore Comunale. " 

Proposizione unica « Si legge una Circolare dei 'l'rium- 
viri di Roma del 2 4 perduto Aprile, cd altra simile del 
Preside di questa Provincia datata li 20 detto N. -492!) , e. 
perciò risolvino. Terminala la lettura , prese la paróla il 
Cittadino Francesco Tomassini Benaviato , il (|uale disse 
« Noi ci troviamo in dovere di esternare sinceramente il no- 
stro desiderio per la continuazione dell’attuale Governo Re- 
pubblicano , perchè da questi abbiamo ricevuto grandi van- 
taggi, per l’abolizione del Dazio macinato, e per la minorazio- 
ne del prezzo dei Sali, cd altri più che vistosi ci vengono in 
appresso dal Governo stesso assicurati , per cui dobbiamo al 
med. la più alta gratitudine, e riconoscenza, e (quando gCal- 
tri Cittadini Congregati vi convengono , sono in parere di 
addimostrare il più vivo desiderio, che si manlenghi l’attuale 
Governo nel suo esteso potere, essendo questo anche il voto 

A i 


Digitize(t by Google 


( «^8 ) 

eemune del Popolo, afTidandoci alle savie leggi, e provide di- 
sposisioni dell'assemblea della Romana Repubblica, sulle di 
cui traccie per quanto le nostre facoltà il permetteranno, fa- 
remo ogni sforzo per mantenere 1' ordine pubblico. Piacque 
agl’ altri Cittadini Consiglieri l'esternato parere del suddetto 
Tommassini , al quale tutti si uniformarono. Dispensati 
quindi, e raccolti i suffragi sull’aringo di cui sopra si vid- 
dero nel si N. 9., enei nò IN. t. e fattasi lettura del pre* 
sente verbale , fu sciolta l’adunanza , dopo che i Cittadini 
Consiglieri letterati erano passati a firmarlo 

Il Priore 

Tommaso Petrignani 
Tomassini Benaviato 
Giacomo Canestrari 

Per copia conforme 
Giuseppe Agostinelli Segi. 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
MUNICIPIO DI S. COSTANZO 

Oggi B. Maggio 1849. ore i4> lA italiane invitato 
ad urgenza perla seconda volta, essendosi al primo invito 
presentato nn solo Consigliere del Comune, ed uno dell’Ap- 
podiato Stacciola col suo Sindaco si è radunato il Consiglio di 
questo Municipio composto delli Cittadini 

1. Leonardo Balducci Priore 

2. Gio: Antonio Fronzi Anziano 

3. Ilario Vici Consigliere 

Girolomo Bella-Gamba Consigliere di Stacciola 

B. Giuseppe Parcolini Cons. 

6. Francesco Ferretti Cons. 

7. Gabriele Antonelli Cons. 

Amato Balducci Seg. Int. 

Mancarono al presente Consiglio li Cittadini Pietro Costa 
attualmente dimorante in Roma , Giuseppe Marini spatriato , 
e quantunque invitati Michele Schiavini Anziano assente, Gi* 


Digitized by Google 



rolohfjo Fronii Anziano, essendo testé morto i altro Anziano 
Antonio Ambrosini , Antonio Ferraguzzl c Filippo Leoni, am- 
bedue malati, Luigi Tomassini , Don Marco Marebiui , Don 
Giacomo Fraccalossi , Perfetto Scolti, Giuseppe lleltini , Gia- 
como Bettini , Wcncislao Spinaci , Giovanni Sorcinetti. Seba- 
stiano Rossi , Ubaldo Mirchini , Gio: Battista Sora, Filippo 
Sorcinelli , Giovanni Vitali , Paolo Diotallevi , Sebastiano Hot- 
lacchiari , Giovanni Giorgetti , Benedetto Spadoni Sindaco c 
Pasquale Travaglini , e Don Giuseppe Porfiri Consiglieii di 
Cerasa , Andrea Morenzetti Sindaco , e Fortunato Romanelli 
Consigliere di Stacciola. 

Qual Consiglio composto di Niim. 7. individui fu pre- 
sieduto dal Cittadino Priore Leonardo B ildncci. 

Il Segretario Comunale d’ordine del Cittadino Priore die- 
de lettura della Circolare dei Cittadiiii IViumviri zf. Aprile 
prossimo passato , non che della Circolare del Cittadino Pre- 
side del 26. detto iVum. 4gsG. 

Non essendo stata ancora approvata dal Cittadino Presi- 
de la nomina fatta dal Popolo delli 17. rapp: esentanti que- 
sto Municipio, il Cittadino Priore interpellò il Cittadino Go- 
vernatore di Mondolfo se doveva invitare li nuovi rappre- 
sentanti ele’ti dal Popolo , ovvero li vecchi , ed il Cittadino 
Governatore rispose non esservi alcun dubbio doversi convo- 
care li vecchi rappresentanti, de’quali fogli si da lettura del 
tenore seguente: 

MUMCinO DI S. COSTANZO 
Cittadino Governatore 

Nuni. 207. 

o La Circolare del Priore dei 26. corrente Num. 492. 

>' si esprime che esso attende le risoluzioni dei Consigli elet- 
« ti dal Popolo sulla minacciata integrità del suolo Repub- 
i> Llicano . Siccome in questo Municipio non si é del tutto 
» istallato il sudetio Consiglio , mentre si è verificata ia so- 
51 la nomina dei Consiglieri eletti dal Popolo , la quale ele- 
zione COI) li antecedenti relativi atti c con mio officio dei 
» ventisette corrente Num. 204.. Irò inviato al Cittadino Pre- 
51 side con alcune osservazioni , per le quali prima d’ inti- 
5> mare la riunione degli eletti Consiglieri per la nomina 
51 della Magistratura attendo le sue deliberazioni possa anzi 
51 debba invitare i Consiglieri di questo Comune , che vaii- 
55 no a cessare , non che quelli delli Appodiati per 1' adu- 
55 iianza in via d’ urgenza , che vorrei destinare per merco- 

h 5 


Digitized by Google 



.< '^o 

n I«dl due entrante maggio , quante volte piaccia a voi ; o 
w Cittadino Governatore , pervenire a preaiederla. 

t» Nel manifestarvi questo mio divisamento vi prego su 
i> ciò esternarmi il vostro apprezzabile parere , e quante vol- 
» tc non vi conveniste sarei a pregarvi caldamente a indi» 
i> carmi il modo come contenermi per dare evasione alla 
» succennata ordinanza del Preside . 

•t Con distintissima stima vi auguro salute e fratellanza. 

S. Costanzo 20. Aprile 1849- 

Leonardo Balducci Priore . 

» Al Cittadino Governatore . 

MONDOLFO 


Num. 566 . P. G. $ 

Cittadino Priore 

n A mezzo del vostro straordinario messaggio mi k per* 
venuto d’ uffìoio Nam.207. , col quale mi chiedete se do* 
X vcte o no convocare il Consiglio attuale , ovvero il nuo-* 
rt vo eletto, di cui pende appo il Superiore Governo della 

7 Provincia la relativa sanzione . A tutta risposta vi dico 

» che non può cadere in dubbio che dobbiate convocare il 
<• Consielio attuale , poiché il nuovo eletto a termini della 

v legge 3 i. Gennaio prossimo passato non è stato peranche 

» istallato , nè posto all' esercizio dei propri incombenti , nè 
tampoco creata dal proprio seno la nnova Magistratura , 
» che lo devo presiedere . Assecondate dunque col cono- 
» scinto vostro zelo patrio le vedute del Governo , e fate 
n che cotesto Consiglio Comunale sia al più presto potsibì- 
» le convocato per deliberare in oggetto di si grave impor* 
*> taosa , 

H Tanto doveva , mentre mi compiaccio dirvi salute 
» come a fratello . 

Mondolfoai 3 o. di Aprile i 84 q* 

il Governatore 
G. A. Avvocato Cavalletti . 


Digitized by Google 



» Al Cilladino Priore Comunale 
n di S. Co( (31120 . 

n Cittadino lUrio Vici Cons. Arringatone espreise il 
suo parere in iscritto del seguente tenore . 

CITTADINI 

>1 Chiamato ad esternare il mio parere e dai TriomTÌ- 
» ri • e dal Preside , come da Circolare dei primi del ea'. 

» Aprile prossimo passato , ed in quanto al secondo- dei sG. 
n Aprile prossima passato Numero 4926 . , come arringatone • 
» sono di parere , per quanto lo comportano le nostre for* 

» se , come sudditi della Repubblica Romana , di difender* 

» la protestando contro l' invasione straniera. 

Ù intera Assemblea Consigliare approvò a levata in pie- 
di la protesta del Consigliere Cittadino Vici . 

Atto fatto, letto e chiuso -nel di come sopra alle ore 
quattordici e tre quarti nella Sala Municipale e che fu fir- 
mato da tutti li Cittadini Consiglieri intervennti , tranne 
Girolamo Bellagamba , che dichiarò di non saper scrivere . 

Firmati = Leonardo Balducci Priore . 

Gk): Antonio Bronzi Anziano . 

^ IlarrO Vici Arringatore- 

Gabriele Antondli . 

Giuseppe Pascolini. 

Francesco Ferretti . 

Amato Balducci Seg. Int. 

Per copia conforme d' officio 

Amato Baldecci Seg. Int 

Particola Consiliare del Conaune di Scheggia sulla Pro- 
tetta contro qualunque invasione Straniera nel nostro Stato. 



( » 5 « ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Comune di Scheggia 

Nel giorno di Domenica 6 del mese di Maggio 
dell’ Anno 1849 

Vista la Circolare del Cittadino Preside di Provincia in 
data di Pesaro 26 Aprile scorso N. ^926, che ordina in via 
d' urgenza la riunione del Consiglio Municipale per dichiarar- 
vi in pubblica Seduta 1 ' Amor l’atrio, e rintercsse di unirsi 
col Governo della Repubblica contro qualunque invasione stra- 
niera , che ha giù minacciata 1’ integrità dei suolo Repubbli- 
cano , si sono da questa Pubblica Rappresentanza fatti invita- 
re tuu’ i membri appartenenti a questo Municipale Consiglio, 
c sono intervenuti quelli come appresso numerali , cioè. 

Cittadini 1. Ubaldo Scarinci Priore Comunale , e Presi- 
dente del Consiglio. 

2. Ferdinando Andreoli , e 

3 . Giuseppe Adami Anziani di Magistratura. 

4 . Francesco Rosati 

&. Salvatore Barbini 

6. Luigi Baldini 

7. Girolamo Fanucci 

8 . Domenico Barbini 

=. Paolo Andreoli Assente 

=. Pietro '1 orcolini Assente 

=. Natale Bartolini Incomodato di salute 

=. Giuseppe Lucarelli Assente 

9. Eugenio Donati Consiglieri , e formanti tut- 

ti quelli come sopra numerati il numero 
legale di questo stesso Consiglio. 

Intesosi dai Cittadini coadunali il motivo della presen- 
te riunione , e compresa col mezzo di lettura fattane le Cir- 
colari della Repubblica Romana in data 2.i Aprile scorso , 
nonché P altra sovracitata del Preside di Provincia , ha l’in- 
tero Consiglio unanimemente dichiarato di protestare , con- 
forme protesta contro qualunque invasione straniera , che pe- 
netrasse nel nostro Stalo. 


bigitized by Google 



( i53 ) 

E cosi fu votalo , seduta stante , e deliberato per accla- 
maxione in pieno consiglio nella Sala Municipale di Scheg- 
gia nel suddetto giorno. 

Ubaldo Scarinci Priore 
Ferdinando Andre ^li Anz. 

Giuseppe Adami Anz. 

Francesco Rosati Cons. 

Luigi Baldini Cons. 

Eugenio Donati Cons. 

Salvatore Barbini Cons. 

Domenico Barbini Cons. 

Girolamo Fanucci Cons. 

Cosi è Angelo Fierboni Segret. Municipale 

Per Copia conforme all’ Originale ad uso d’ ufficio 
Il Priore Municipale >* A. Scarinci 
Ang. Pierboni Seg. Munic. 


ALL’ASSEMBLEA COSflTUENTE E TRIUMVIRI 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 
IL MUNICIPIO DI FOSSOMBRONE 

Questo Municipio che tenne il mandato dal libero suf- 
fragio del Popolo s’ inaugurò nel reggimento repubblicano. 
Questa forma di Governo fu l’unanime bisogno di un popolo 
per tanti secoli oppresso, e che oggi si sente maturo a piena 
civiltà. Il Consiglio Municipale per profondo convincimento 
di coscienza, per rispondere lealmente alla volontà di chi lo 
creava , solennemente protesta contro alla straniera inva- 
sione. La Francia, o chi la governa, non richiesta, non pro- 
vocata mandando sul territorio della Repubblica navi e sol- 
dati ha violato il diritto delle genti. I nostri Rappresentanti 
furono benemeriti della Patria, obbedirono al loro dovere con 
protestare alla novella ingiuria. Questo Municìpio si aggiun- 
ge all’operato della Costituente , ed innanzi a DIO ed al Po- 
polo , innanzi a quei generosi di tutta Europa , che di li- 
bertà non fanno un nome vuoto di senso, che rispettano il 
dirfitto più della forza con tutto l’animo suo si richiama. Dio 


Digitized by Google 



c ) 

salvi Italia , benedica i Popoli generosi e perfidamente ca- 
lunniati , ed operi il trionfo di nostra nazionalìlk e libertà. 

Volato ad acclamazione nella tornata del Consiglio Mu- 
nicipale il 2Q Aprile 1849. 

Luigi BulToni Gonfaloniere 
Anziani 

Raffaele Avv. Brunetti 
Alessandro llebecchini 
Antonio Chiavarelli 
Filippo Gasoli 

Consiglieri 

Angelo Moci 
Lorenzo Dr. Speranzini 
Camillo Boldrini 
E. Ercolani Capalti 
Ferdinando Monacelli 
Gaetano Ricetti 

Pier Luigi Cenciatti , 

Andrea Oberholtzer 
Angusto Girelli 
l’ietro Cesa ri ni 
Antonio Galli 
Luigi Bracci 

M. Doti. Bertinelli Scg. Munic. 


Digilized by Google 


( >55 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
CoiTuinith dalla Terra di Piandimeleto 
O^gi giorno di Lunedi 7. Maggio i8ig. 

Dopo procedutosi alla nomina della nuova Magistrata-* 
ra Municipale, risto in alti, che il cessato Capo della Ma- 
gistratura aveva invitato per questo stesso giorno il Consi- 
glio ad urgenza per trattare in ordine a quanto veniva in- 
giunto dal Cittadino Preside della Provincia col rispettato 
di lui dispaccio 26. Aprile prossimo passato num. 49^6. 
sulla minacciata invasione dello Stato di Truppe estere , ri- 
uniti i Consiglieri per la suddetta nomina nelle persone sol- 
tanto dei Cittadini 

1. Marino Ravogli Priore 

2. Giuseppe Ubaldi Anziano 

3 . Don Francesco Giannotti 

4 - Fabio Capitano Rosaspina 

5 . Tommaso Severi 

£ sebbene assenti i Cittadini Giuseppe Agostini = Gin^ 
seppe Rosaspina incomodato in salute a Domenico Severi 
= Angelo Luccirini = Arcangelo Scagli = Ottavio Dini s 
Curzio Curzj = Gaspare Santi ; il prefato Cittadino Marino 
Ravogli novello Priore nella sua qualifica di Presidente nella 
Seduta presente, in Nome di Dio, e del Popolo ; ha prer 
so a dire cosi. 

Poiché vi ha piaciuto, 0 Cittadini, di addossarmi P in- 
carico certamente superiore alle mie forze, di Priore Comu- 
nale , io non sò resistere al voto de legittimi Rappresentan- 
ti del Popolo , e confido che vorrete eziandio essermi pro- 
dighi di consigli , e sostegno nella per me difficile impresa. 
Protesto di nulla fare senza di Voi , ed avrò per sommo fa- 
vore se mi richiamarete ogni qualvolta mi trovarete discosto 
da questo principio. 

Intanto, valendomi della favorevolé circostanza di tro- 
varvi qui adunati debbo comunicarvi 1 ’ ossequiato Dispaccio 
dell’ ottimo Cittadino Preside di questa Provincia n. 49*6. 
del a6. passato Aprile , dal quale rilevarete quanto il 


Digitized by Google 



( *r.6 ) 

Goserno si ri|)roniella dall' amor l’aliio dei Mnmopj tieni 
dal voto popolare sul grave emergente che J’ integri à del 
suolo Repubblicano è minacciata da una Divis one Fian ese. 
In quanto a me vi propongo , che salvo sia l’onore Italia- 
no, e che dalla vostra libera espressione sia decretata una 
degna riparazione all' onta solFerta. 

Ciascuno dej Congregati ha aderito al roto espresso del 
Cittadino Priore, ed unanimemente hanno approvata la ri- 
soluzione presa dall' Assemblea, e dal Governo della Repub- 
blica di rispondere anche colla Forza contro ogni offesa al 
diritto, cd alla dignità del Paese. 

£ non essendovi altro da trattarsi si è disciolta U Seduta. 

Firmati f A’Iarino }lavogli Priore f Giuseppe Ubal- 
^di Anziano. 

Atto fatto, letto , e chiuso nella Municipale Resideo- 
za di piandimcleto i suddetti giorno , mese, ed anno. 

S ittosc. = Cosi è Marco Severini Segret. 

Per copia conforme al suo originale gd uso della 
Superiorilà- 

M> Ravoglì Priore 


DRBAiNIA So APRILE iSa'g. 

A termine del Tit. IX. della Legge 5i Gennajo ai è oggi 
'adunato il generai Consiglio della Città di Urbaoia composto 
‘ come appresso 

Fatto Pappello nominale si trovarono presenti 

Della Magistratura 

Giuseppe Materozzi Gonfaloniere 
Pietro Tagliaboschi 
’Fincenzo Albertucci 
Filippo Baldoni 
Lorenzo Marsili 

Del Consiglia 

1 Marsorj Dr. Agostino 
u Penini Raffaele 

5 Bonatti Dr. Ortensio 
4 Tacchi Benedetto 

6 Salurelll Francesco 


6 Kegront Francesco 

7 Muscinelli Cristofaro 

8 Mignini Enrico 

9 Bigini Giovanni, 

IO Cionini Luigi 


Digitized by Googl 


( >57 ) 

Mancarono 


I I Leonardi Pietro 
12 Cucchi Pietro 
IO Gostoli Agostino 
14 Paldasseriui Eulampio 


ih Pierpaoli Osvaldo 

16 Pigl imi Mariano 

17 Orlandi Gaetano 

18 Gostoli Luigi 


Risultando dai Verbali delle precedenti Adunanze che 
i Consiglicii Leonardi Pietro, e Pigriini .Mariano manca- 
rono^ a tre Sessioni consecutive seiiza legittima causa , e 
perciò che i medesimi sono e si debbono ritenere per de- 
caduti dall’ UfTìcio de' Consiglieri a tenore dell’ Art. bj. della 
Legge Municipale; 

Costando dal V erbaio delle elezioni Municipali che ninno 
dei noniinati , oltre i ventitré inclusi , riportarono il numero 
legale de voti come all’ Art. 46 - dr'ila stessa Legge: per la 
qual cosa è necessario venire all’ elezione nuovamente ; 

Costando dell’ impedimento fisico del Citi. Pietro Trun- 
chi , e dell assenza del Citt. Dr. Osi aldo Pierpaoli., 

Si dichiara presente il numero legale, e viene aperta la 
seduta . 

Il Gonfaloniere fa dar lettura di Circolare di questa 
Presidenza di Urbi no c Pesaro e di altra simile del Trium- 
virato relativa all' arrivo di una spedizione Francese a Ci- 
vitavecchia, e contenente un invito a tutti i Mnnicipj 
ad emettere sull’ istante una manil'cslazione libera e solen- 
ne di principi. 

L Anziano Taglialiosclii propone anche dietro 1 ’ esem- 
pio di altri Municipi , che si dia piena e semplice adesio- 
ne alla protesta eincssa d.ill’ A-scniblea Costituente Roma- 
na nella Sessione del 2.%,. corrente , come quella che con- 
tiene 1 espressione della volontà nazionale : essendo ope- 
ra dei legittimi rappresentanti del popolo eletti con suffra- 
gio universale. 

Questa proposizione viene approvata dall’ unanime con- 
senso dell’ intero Consiglio , e riporta tutti i voli favorevoli, 
Giuseppe Matcrozzi Gonfaloniere 
Marforj Agostino , 

Bonalti Ortensio 

Per copia conforme ad uso d’ Ufficio 
Urbauia li do. Aprile 1849. 

< A. Gigli Pro-Segret. 


Digitized by Google 



( i5«) 

BEPOBBUCA BOMANA 
IN NOME p[ PIO E PEI. POPOLO 
Comupe di Coitaccìar^ 

Nei giorpo prìmo del Mese di Maggio dell’ Anno iSilg 
ti è adunato ad urgenza a termini del l'itolo IX. Articolo 90. 
il Consiglio della Comanitii di Costacciurp , nel quale inter- 
vennero gl'Infrascritli Cittadini 

1. Sante Mannoni Priore 

2. Vincenzo paLiani Anziano 

5. Ferdinando Chemi 

4.. Biagio Bartoletti 

B. Ermenegildo Bugliesi 

6. Luigi Bartoletti 

7. Domenico Rughi 
Clemente Cambncci 

yincenttq Chemi Segretario 

Presieduto dal Cittadino Sante Mtnnoni Priore per di» 
tcutere sopra il seguente oggetto, 

Quindi Vincenzo Chemi Pubblico Segretario d' ordine 
di questa Magistratura le»e ad alta , ed intelligibile voce la 
Circolare del Triumvirato in data 2.i perduto Aprile , e Tal- 
Ira del Presile di questa Provincia del di 26 detto Mese am- 
bedue dirette ai Munioipj della Provincia 1 con le qu.ali si 
manii^esta , che V Avanguardia di uua divisione Francese tro- 
vasi in presenza del Porto di Civitavecchia , e che minaccia 
V integriti del Suolo Repubblicano , per cui conviene , che 
r onore Italiano , e gT interessi Nazionali siano salvi. Spet- 
ta a Voi Cittadini di manifestare in proposito i vostri $$nti- 
menti. 

Terminata una simile lettura , e proposta il Cittadiuo 
Eliodoro Bartoletti Anziano si esentò dalla Sala , ed i Citta- 
dini Consiglieri dichiarano quanto appresso, 

Questo Consesso non ha potuto non partecipare alla com- 
mozione eccitata generalmente daH aununzio dell' entrata nel 
nostro Stato di un' .Armata Francese , ignorandosi lo scopo 
vero , che questa si propone raggiungere , ed osservando d'al- 
tronde essersi presentata con apparato di ostilitlt contro il di- 


Conslglidf 


Digitized by Google 



/ • 


( To9 ). 

ritto delle Genti pel timore , che qnesta mossa possa essere 
cagione di danni rilevanti alle condiaioni dello Stato, ii Con- 
siglio Costacciarese ha credulo suo debito manifestare pub- 
blicamente la sua costernazione, ed avversione per un simile 
attentato, votando in Seduta straordinaria la presente dichia- 
razione. - 

, Dopo di che dispensati i voti e raccolti si trovarono nel-.. 
Si N. 8 , e nel Nò nessuno , cosi fù a pieni yofj deciso per 
r approvazione di detto voto. 

Fatto , e chioso il presente Atto in Costacciaro «Ile ore 
i& Oli del di primo del Mese , ed Anno sud. 

Sieguono le Firme 

3. Mannoni Priore 
.. V. Fabiani Anziano 

Biagio Barlolelti , 

F. Chemi 

Clemente Gambocci 
Luigi Bartoletti 

Cro>ì(ce di Domenico Bughi Consigliere illetterato. 
Ermenegildo Bugliosi • 

Cosi è Vincenzo Chemi Segretario Pubblico. 

Per copii conforme ad oso d’UfRcio salvp sempre ec. 

Il Priore Municipale 
S. Mennoni 

y. Chemj Seg. 


Digitized by Google 



( ’.6a ) 

REPOBLICA ROMANA 
MUNICIPIO DI ACQUALAGNA 

fn adempimento del Di>paccio del Preside 56. decorso 
Num. 49^ adnnutosi 11 Consiglio Municipale il di 1. Mag- 
gio 1849. ha emessa la seguente Protesta. 

*» La Nazione Francese senza neppure addurne i moti- 
T? , è venula ad invadere a mano annata il Territorio della 
Repubblica Romana . Frammezzo alla sorpresa ed all’ oscu- 
rità in cui è ravvolto per noi questo dolorosissimo fatto, sia- 
mo concordi nel dichiarare di rimetterci a quanto l’ Assem- 
blea Nazionale giudicherà utile nell' attuale supremo mo- 
mento. »» 

Atto fatto , letto e chiuso nell’ Aula Municipale giorno, 
mese , pd anno di cui sopra. 

S Girolamo Mazzi Priore Coftle . 

Francesco Muretti Anziano 
Domenico Capannc'li 
Firmati T Pietro Sanchini 
( Domenico Gini 
f Domenico Mazzaephera 
{ Peride Ragnetti 
( Filippa Babucci Segret. 

per Copia conforme d' Ufficio 
R Priore Comunale 
piorul. Mazzi 

f, 


) 

I Consiglieri 
) 


Babucci Segretario. 


Digitized by Google 



C >6i ) 

REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

CONSIGLIO MUNICIPALE DI FANO 

Nel giorno di Sabato aS, Aprile i84o. in seguito dell* 
Ano di Convocazione del 37. detto e della lettera d* invito 
trasmessa al domicilio di ciascun Consigliere si è radunato 
straordinariamente e per urgenza nel Palazzo Comunale il 
Consiglio di questo Municipio , premesso il suono d'orain* 
nanzi della Pubblica Campana Maggiore. 

Preso posto dalla Magistratura, e dai Consiglieri nella Sala 
delle sedute nei rispettivi Luoghi destinati si è proceduto al- 
r appello nominale , e si è yeriheato esservi intervenuti i se-: 
guenti Cittadini. 

I Avv. Pacifico Gabrielli 
a Giuseppe Benini 

3 Giuseppe Fabbri 

4 Biagio Simoncini 

5 Tommaso Zambonini 

6 Corbelli Francesco 

7 Filippo Nardelli 

8 Enrico Ripari 

9 Augusto Petrolati 

10 Saverio Calibani 

1 1 Eugenio D- Rossi 
le Francesco Fardini 

1 3 Vincenzo Ceccarint 

14 Paolo Giovanelli 
ib Gio Batta Sensi 

16 Giuseppe Maccaroni 

17 Filippo Soldini 

18 Giuseppe Diambrinl 

19 Giovanni Lana 
so Luigi Magini 

21 Andrea Gìacomini 

22 Luigi Dini 
a 5 Gregorio Caprini 
ai Ulisse Regnoli 

25 Stanislao Leonardi Silvi 

26 Giovanni D. Pasqualucci 

i 



Digitized by Google 



( i 62 ) 

£7 Domenico Tomassoni ) 

28 Aco^tino Antonelli . ) 

29 Serafino Serann) ì 

Uiconosciiilo il numero legale degl’ Intervenuti si è di- 
chiarata aperta 1 ’ Adunanza alle Ore 4 § pomeridiane sotto 
la Presidenza del Cittadino Avv. Pacifico Gahrielli Gonlalo- 
niere per discutere sopra il seguente Oggetto. 

Il Cittadino Goiitaloniere espose = rraltandosì di Con- 
siglio di urgenza , qualunque numero de’ Consiglieri sareb- 
bc leg-de. Ali compiaccio però di vedervi in buon numero, 
e baitaiUe per le Adunanze ordinarie della prima chiamala, 
mentre con ciò dimostrate l’ ottinia vostra volontà e l' .amo- 
re di patria. 

L’oggetto della odierna convocazione è il seguente. 

ieri per mezzo del Circolo Popolare mi fu communi- 
cata Copia eli un Dispaccio del 'J riti mv irato del 24 corrente 
sulle disposizioni iire.-e dal Governo della Repubblica in se- 
guilo della presenza al Porto di Civitavecchia dell’ Avanguar- 
dia di una Divisione Francese, di cui sentirete lettura. 

Letto il citato Dispaccio ec. lo stesso Gont'aloiiicre sog- 
giunse - ieri sera a mezzo del nostro Governatore ebbi egua- 
le partecipazione dal Preside della Piovincia che m’ invii.iva 
di riunire sull’oggetto il Consiglio per urgenz.a , che già era 
stato da me conrocato sino dalla mattina, prevenendo cosi 
la volontà del Governo. Ora dopo averne tenuto proposito 
colla Magislr.itnra , si è redatto un breve Indirizzo relativo 
alla solenne manirostnzione che si crederebbe doversi fare da 
«(Licsto Consiglio sull’ .argomento , del tenore come appresso: 

„ Il Gcn-iglio Generale del Municipio di Fano convocato 
il ad urgenza , penclr.ito dell’ obbligo in cui è ogni Popolo, 
M (juando uc abbia i mezzi, colle forze fisiche, e quando 
M queste non siano corrispondenti , almeno 'colla forza rno- 
« rale, c colle riservo del buon diritto , di sostenere la pro- 
» pria indipendenza , e la propria libertà , ove sussista, che 
ìi per parte dello- Straniero i|ualsiasia veniamo minacciati. » 

,, Dicliiara, che per quanto lo comportino le sue forze , 
« e la topografica posizione del Paese , sarà pronto ad ogni 
H sforzo per opporsi a qualsiasi intervento diretto a distnig- 
5» gere presso noi le liberali istituzioni ,, . 

Dopo ciò furono invitati i Consiglieri dal Cittadino Gon- 
faloniere di esprimere Uberamente i loro pareri sid detto In- 
dirizzo , e quando nulla vi fosse in contrario, sarebbe stato 
sottoposto ai Voti.spgreti. 

Passali alcuni minuti senza veruna osservazione,' fu rì-v 


Digìtized by Google 



( ) 

j^uta U Iattura dell'Indirizzo stesso, e continuando gene- 
rale silenzio fu posto il Partito per 1 ’ approvazione , raccolti 
i Voti si eWjero s Palle Bianche Ventisei a6 

Palle Nere '1 re o = ; e 

però il medesimo a quasi unanimità rimane acconsentito. 

Non essendovi altri affari da discutere fu sciolta la se- 
duta alle Ore 5 § pomeridiane. 

Fatto , chiuso , letto c sottoscritto il presente Atta nel 
giorno , mese , ed anno come sopra. 

Fimi. = Pacifico Avv. Gabrielli Gonfaloniere 
Enrico Ripari Consigliere 
Augusto Petrolali Consigliere 

Paolo Cardclla Segretaria 
Per Copia Conforme 

Paolo Cardella Segretario 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Comune di Novilara 

Nel giorno a Aprile 1849 si è adunato ad urgenza U 
Consiglio del Comune di Novilara cpmposto dei Cittadini 
I Pietro Gaj Priore 
X Mazzetti Giovanni 

3 Guerrini Domenico 

4 Geminiani Antonio 

Non essendo intervenuti gli altri Consiglieri sebbene 
previamenté invitati, per discutere il seguente oggetto 

11 Seg retarlo Comunale espone che la Presidenza di que- 
sta Provincia con rispettato Dispaccio del 26. Aprile N. 4926. 
domanda, che il Consiglio sia convocato in via di urgenza 
per deliberare se nell’ attuali circostanze d’ invasione stranie- 
ra convenga resistere con tutti quei mezzi che sono in no- 
stro potere alla detta invasione. 

Il Priore propose di essere consentaneo a quanto aveva 
saviamente deliberato il Consiglio del Capo luogo della Pro- 
vincia , ed ottenuto 1 assenso degl' altri tre Consiglieri com- 
mise al Segretario di stendere un atto conforme , il quale 
seduta stante fu redatto nelle seguenti parole. 

I X 


Digitized by Google 



( ‘60 

H Consiglio Municipale di Novllara invitato con di- 
«paccio del Preside delle Provincia N ad «rueitcre una 

manifestazione del voto del popolo intorno all' intervento 
Francese ne' dominj della Repubblica Romana dichiarò , che 
ì suoi sentimenti sono simili a quelli espressi dal Municipio 
Pesarese protestando egualmente contro qualsiasi intervento 

straniero. ^ -i n 

‘ Atto fatto nella Segreteria Comunale di PJovilara alle ore 
10 Antimeridiane, c firmato dai Cittadini intervenuti 
Pietro Gai Priore 
Antonio Geminiani Cons-gliere 
D. Guerrini Consig. 

G. Mapzetti Consigliere ■ > ; . 


REPUBBLICA ROMANA (• 

IN NO.ME DI DIO , E DEL POPOLO 

' Comune di Monteroccio 

Inerendo al Circolare Dispiccio della Presidenzi di Pro- 
vincia 26. p. p. Aprile Nuni. 4926, che si lejgc del teno- 
re ec. , si à ad urgenzi riunito il generai Consiglio , a cui ^ 
intervenne.'o i seguenti Cittadini 

Consiglieri 

1 Masini Gaetano Priore 

2 Boni Pietro Anz. 

3 Oitavio Giammariini 

IV Vagiti Luigi ... I', \ 

5 Boni Fraticesco 

6 Bertuccioli Giovanni 

7 Del Monte Vcdasie 

8 Boni Oreste 

9 Boni Leonardo 

Maltei Felice Segretario Comunale 

INVOCATO IL NOME SANTO DI DIO 

Fù aperta la Seduta 
Fatto r Appello degli Intervenuti 
Si icontr.arono assenti i Cittadini Guidi Pietro Anziano, 


Digilized by Googlc 



(i 65 ) 

Guidi Domenico , Masini Modesto , e Olirà Francesco Consi- 
glieri. 

Letti li Dispacci 26 suddetto , e analogo Allegato della 
Repubblica Romana 24 dello stesso Mese. 

Letta in fine la deliberazione presa dal Consiglio di Pe- 
saro , i Cittadini Intervenuti penetrati dell* importanza grave 
dell' oggetto ; il Cittadino Consigliere Francesco Boni prese 
per primo parola , e senti di confermare il sentimento dei 
Popoli dello Stato Romano della Repubblica spiegato di man- 
tenere illesa la massima di libertà tanto pienamente unisona 
ai diritti naturali degli Uomini. 

In fine soggiunse , che questo partito fosse deliberato 
per acclamazione , non lasciando di rimarcare , che la ri- 
strettezza del nostro Comune , ha pari angusta influenza 
nell’ estesa diiTusione della cosa, ma che pur non dimeno 
si spiega consentaneo , ed adesivo nel riconoscere con gli 
altri Municipi dello Stato 1 ' invasione operatasi dalla Nazio- 
ne Francese abusiva, e dispotica , siccome quella, che tra- 
disce gfl -stessi principi Nazionalità* 

Fermo , che tutte le franchigie per ciò che riguarda 
lo Spirituale siano al Pontefice mantenute , per generale 
alzata fù a viva voce accettata la massima, e così restò sciolta 
la Seduta. 

Fatto , chiuso , e letto il presente atto nella solita Sala 
Comunale di Mombaroccio alle ore cinque circa pomeridiane 
del giorno , mese, ed anno suddetto ec. 

SOMMARIO 

Risoluzione del Consiglio Comunale di Mombaroccio, 
che esterna il suo voto in favore della Republica Romana. 

Per copia conf. ad uso d’ Amm. 

Il Priore 
Gaetano Masini 




Djgitized by Google 



(i66) ... . - 

REPUBBLICA ROMANA 
py NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
Comune di Finigli 

Nel giorno 3 del mese di Maggio dell' anno sopra 

apposito avviso del Capo della Magistratura si è riuniio stra- 
ordinariamente il Consiglio Municipale della Comunità di Fi- 
digli compostp dei Cittadini 

1 Bigonzi Giuseppe Priore 
a Giuliani Giuliano Anziano 

Mancante l'altro Anziano Cittadino Merolli Ubaldo 
. ■ 3 Bessi Domenico ^ 

4 Luzj Francesco J 

3 Merolli Giovan Battista ^ Consiglieri 

6 Rovelli Pietro ) 

7 Rossi Vincenzo ) 

Mancanti li Cittadini Rovelli Antonio, Solazzi Francesco, 
pini Luca, Berardi Biagio, Solazzi Paolo. 

Presi^uto dal Priore Comunale sudctto , il quale rese 
^nifesto un* circolare dispaccio del Triumvirato di Roma 24 
Aprile prossimo passato, di cui è stata fatta lettura pel Se- 
gretario Comunale, insieme ad altra Circolare della Presiden- 
za 26 detto N- 4926., colla qiiale è ordinata la riunione del 
presente consiglio, entrambi ricevuti il 29 dello stesso mese, 
c per li quaU si apprende, che una Avanguardia Francese è 
in presenza del Porto di Civitavecchia, senza verun avviso 
per parte del Governo Francese a tinello della Repubblica Ro- 
piana , onde li Municipi manifestino il loro divisamento sul 
particolare. 

Presa parola un dqpo. l’altro li adunati esposero, che 
PAsséroblea costituita dai voti del Popolo, la sapienza, e sag- 
giezza del Triumvirato, in cui stà il Potere, del quale è cen- 
tro Roma, siano per adottare misure confacenti a sostegno 
,dei legittimi diritti del Popolo, e delle libere istituzioni del 
Governo j Ed esposero , che nell’ essere di questa piccola Co- 
mune non ponno farsi più utili, e sincere manifestazioni del 
|uo desiderio, affatto contrario a qualsivoglia abolizione delle 
Messe istituzioni. 


Dìgilized by Google 



n che ottenne ahresl la piena adesione coU'alsata diJ re* 
apeltiyo scanno. 

Dopo di che c stata sciolta |a seduta. ^ 

G. Bigonzi Priore 
Q. Giuliani Anziano. 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
PROVINCIA DI URBINO , E PESARO 
COMUNE DI FERMIGNANQ 

Nel giorno di domenica 29 del mese di Aprile dejl'anr 
no 1849; previo invito ad urgenza, diramato ai Cittadini An- 
ziani, e Consiglieri di questo Comune , e suono della pub- 
blica campana, un’ora prima che vanisse aperta la presente 
Seduta, eh’ è stata pubblica , per ciascuno dpi popolo^ che 
voglia intervenire; a Torma de'veglianti Rcgolamenli in corso, 
ed in evasione, dell’ordinanza del Cittadino Preside di questa 
Provincia z 6 languente N. 4926. P. di Pesaro , qui perve- 
nuto il giorno 28 suddetto e Registrata .al N. 193., si alle 
ore 19 radunato questo pubblico Consiglio composto de’ Cit- 
tadini 

Consiglieri Presenti 

1 Ubaldo Piccini Priore Comunale Presidente del 
Consiglio a senso dell’Art. 8z. 

a Giuseppe Antonelli Anziano 

3 Vitale di Luigi Piccini 

A Crescentino Gortoli 

5 Giuseppe Arciprete Paolini 

' 6 Crescentino Lunghi . 

Consiglieri Assenti 

1 Paolo Pagnani Anziano 

2 Massimiliano Clementi 

3 Vitale di Domenico Piccini 

4 Girolamo Piccini 

6 Domenico Capanna 

6 Domenico di Luca Piccini 

7 Marino Arciprete Careni 

Implorato il diviqo ^juto cq|1c solite preci &<>. 

« 4 


( *68 ) 

Il Cijladiao Prior Conuinale ha esposto che rAssemblea 
Naaionale Romana, ha emessa la sua Protesta concepita nei tèr- 
mini seguenti _ , 

»» L’Assemblea Romana commossa dalla minaccia d’ inva- 
n sione del Territorio della Repubblica; conscia che quest’in- 
»» vaslone, non provocata dalla condotta della Repubblica ver- 
n so l’Estero, non preceduta da communicazione alcuna, da 
n parte del Governo Francese, eccitatrice di anarchia in un 
11 Paese tramnillo, e ordinato , riposa sulla coscienza de’ propri 
11 diritti, e nella concordia de’Cittadini, viola ad un tenmo il 
>1 diritto delle genti, e gli obblighi assunti dalla Nazione Fran- 
ti cese, nella sua Costituzione, e li vincoli di Fratellanza, che 
fi dovrebbero naturalmente annodare le due Repubbliche ; 
Il Protesta in Nome di Dio, e del POPOLO, contro Pinattesa in- 
M vasione, dichiara il SUO FERMO PROPOSITO DI RESI- 
II STERE, e rende malleyadrice la Francia di tutte le cou- 
« seguonze i> . 

Ropia *p Aprile 1849 

Il Presidente dell’Asscniblea 
A. Saliceti 

I Segretari 

Fabbretti 

Cocchi e Pennacchi 

Dopo di che 1 q stesso Cittadino Prior Comunale ha pro- 
ppsto, secondo che sarebbe opinione della Magistratura, che 
pon conoscendosi per quali motivi, siano intervenuti kil no- 
stro spolo i Francesi , pè sapendosi per quale scopo , o fine 
siansi introdotti, ma solo da quanto si esprime la sopradetta 
ProtestadeirAssemblea, sembra che ciò sia per nostra maggior 
disgrazia, ccome disturbatori della pace, c tranquillità nostra, 
ed oppressione dc’PppoIi, col far nascere anche un anarchia, 
perciò spndi parere dichiarare, che amiamo il tatto proceda con 
perfetta tranquillità , e senza danni del pubblico , e privato 
interesse, e quindi son d’opinione, che il Consiglio, si uni- 
sca alla suespressa Protesta dcirAssemblea. 

I Cittadini Consiglieri, acconsentirono pienamente a qqaiVi 
tp è stato esposto dal Cittadino Prior Comunale. 

Si è fatta pertanto la presente proposizione. 

Chi vuol unirsi alla Protesta dell'Assemblea Romana^ cont 
tro l' invasione del spo Territorio, nei termini suesposti ^ dù 
ja palla nel sìj phi non vuole la dia nel nò. 


Digilized by Googk 



( ) 

Dispentate , é qnindi rascolte le Palle , ai rinvennero 
Ramerò cinque favorevoli nel si , ed una contraria nel nò. 

Non essendovi altro da operare rese le dovute grazie 
all' Altissimo Iddio , fù disciolta la presente adunanza al- 
le ore 22 . 

Fatto letto ) e pubblicato il presente Verbale nella Sala 
Comunale di Femignano il giorno , mese , ed anno sud- 
detto. 

Ubaldo Piccini Priore 
Giuseppe Antonelli Anziano 
Io Giuseppe Paolini Consigl. 

Vitale Piccini Consigl. 

Crescentino Longhi Consigl. 

A. Rossi Pro Segretario Comunale 

Per copia conforme al suo Originale 

Agapito Rossi Pro Segr. Comunale 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
Municipalità di Lunano. 

Oggi giorno di Venerdì quattro ( 4 ) Maggio i$49. si è 
riunito il Consiglio della Comunità di Lunano , al quale sono 
intervenuti i Cittadini 

1 Marino Ravogli Priore 

2 Sante Crinelli Anziano 

3 Angelo Santini ' 

4 Sebastiano Mauri 
B Giovanni Mauri 

6 Domenico Riminùcci 

7 Domenico Guazzarri 

8 Francesco Guazzarti 

9 Francesco Oorbolotti 

Assenti Travagliai Antonio Anziano Alegretti Luigi » 
Tani Adeodato » Piastra Giuseppe. 

Presieduto dal Cittadino Mar* io Ravogli attuale Priore 
Municipale , che in nome di Dio , e del Popolo ha preso a 
dire , come appresso. 



( I/O ) 
CITTADI^’I ! 


Vi ho convocati ad urgenza per parteciparvi , che T in- 
tegrità del Suolo Keptiliblicano è minacciata da una Divi- 
sione Francese. Tutto ciò mi risulta dall’ o-sequiato Dispac- 
cio del Cittadino l’residc di questa Provincia i6 p.p. Apri- 
le N. 4926. che vi comunico , e dal quale di leggieri ap- 
prenderete quanto il Governo si riprometta dall’ amor pa- 
trio dei Municipi eletti del voto popolare. In quanto a me 
vi propongo , che salvo sia l’ onore Italiano , e che dalla 
vostra libera espressione sia decretata una degna riparazio- 
ne all’ onta solTerta 

Ciascuno dei Congregati ha aderito al voto esternato dal 
Cittadino Priore , e 1 unaaimamente , mediante levata han- 
no approvato la risoluzione presa dall’ Assemblea Costituen- 
te , e dal Governo della Repubblica di rispondere anche col- 
la Forza contro ogni olTesa al diritto ed alla dignità del 
Paese. E non essendo altre» da trattarsi si è disciolta la se- 
duta. Firmati « Mirino Ravogli Presidente ** Sante Crinelli 
Anziano. 

Atto fatto , letto , e chiuso nella Municipale Residen- 
za di Lunano i suddetti giorno , e mese , cd anno. 

Sottosc. »i Così è « Marco Severini Segretario 
Per copia conforme al suo originale ad uso della Supe- 
riorità. 


Marino Ravogli Priore 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
Sasso Feltrio 3 Maggio 1849 

Il Triumvirato con Circolare a 4 perduto Aprile ha di- 
chiarato ai Presidi delle Provincie , che 1 ’ avanguardia di 
una divisione Francese è alla presenza di Civitavecchia , ma 
che il forte , ed il Governo sono pronti alla difesa , e che 
a noi incombe di eseguire 1 ’ esempio del Governo stesso. 

Invitati perciò i Consiglieri di questo Comune Princi- 
pale , e suoi appodiati straordinariamente a senso dell’ Art. 90. 
Tit. IX. del decreto 3 i Gennaro ultimo annunciata l’ adu- 
nanza col snono della Pubblica Campana un ora avanti all’ 


Digilized bv Gì ’oK 


( > 7 ' . 

ora della unione et ibilita ai Consiglieii giusta 1 art. 27 1 it. 
17 , del sndetto Decreto. 

Adunati i Consiglieri , Letto l’ atto di convocazioni 
fatto r appello nominativo degl’ intervenuti si trovarono pre- 
senti i Cittadini 

1 Ermete Pasqii.ili Priore 

2 Francesco Sensoli 

3 Giuseppe Filippi 

4 Angelo Renzini 
& Giuseppe Franci 

6 Ubaldi^ Perazini Sindaco dell’ appodiato Valle S. Ana- 
stasio. 

7 Giuseppe Ceccoli di Alessandro 

8 Giuseppe Ceccoli di Luigi 

9 Antonio Putti 


Mancanti 

10 Felice Gaspari 

11 Filippo Scusoli 

12 Domenico Antonio Bartolotti ' 

1 3 Giuseppe Crudi Anziano 

1 4 Domenico Morri Anziano 

l& Tomasso Crudi 

16 Lorenzo Rinaldi 

17 Marino Montanari 

18 Marino Giacobbi di Valle S. Anastasio 

19 Mattia P'antlni 

. 20 Luigi Gaj 

21 Sebastiano Brandi Sindaco dii' appodiato Cosso 

22 Francesco Prete Forlani 

23 Pasquale Rinaldi anziano 

24 Giovanni Rinaldi 

2B Pasquale Masini Anziano 

26 Pasquale Zamboni 

27 Giuseppe Tomasetii 

Ignazio Mancini Segretario Comunale 

Ciò eseguitosi il Cittadino Priore propose è di fermo parere 
di sostenere i suoi diritti, e del Popolo invigilando , e far al- 
trettanto eseguire per mezzo di spionaggi , ed altri per qual 
sia reazione, che 'potesse insorgere in questo Comune, e 
nel caso alFermativo , cosa che non dubita, conoscendo l'at- 
taccamento di questi miei Amministrati al Governo Repub- 
blicano , farò di tutto , e col mezzo di questi Nazionali di 


Digitized by Google 



parvi freno , per conservare l’ ordine pubblico , e ne darò 
immediato raporto di qual sia trama che potesse insorgere 
cohtro la Repubblica Romana. 

Interpellati i Cittadini Consiglieri applaudirono la pro- 
posta. Insorse il Cittadina Consigliere Francesco Scusoli , ed 
ha letto il seguente Indirizzo , che si copia per esteuso. 

cittadini 

La Francia , quella Francia , che per due fiate dette alla 
-propria terra col sacrificio dei suoi figli la forma Repubbli- 
cana , e molti anni sono mandava Soldati Francesi in Italia 
a proclamare Repubbliche , oggi minaccia la nostra Demo- 
crazia , e vorrebbe incatenare , come inceppa i Repubblicani 
di Francia , non riconosce in Noi quel diritto , che in se 
riconosce, quel che è onesto in Francia , pessimo è per i 
Francesi in Italia. 

Intromettersi nelle nostre faccende io nome dell' ordine 
siccome vorrebbe far credere la Francia medesima , è il fine 
che si è proposto quel anti-Repubblicano Regime con l’ in- 
tervento m Civitavecchia. Noi però al cospetto di Europa 
dichiariamo , ebe 1’ ordine non richiede nulla da colui. 

La simulazione del Rappresentante di quella bugiarda 
Repubblica , e dei di Lui iniqui Ministri , è tale , che Fran- 
cia dovrà arrossirne, e la spedizione in Civitavecchia è vio- 
lazione del diritto delle Genti , che dovrà tremendamente 
espiarsi. 

Mostriamo Noi colla testimonianza di fatti , e col no- 
stro vivere Civile, che la violenza, e audacia è nei Fran- 
cesi che ci hanno assaliti , e che fra noi non esiste , che 
Legalità anziché disordine , siccome piacque con si fatto pre- 
testo coprire il reo fine , onde i Francesi si sono spinti in 
Italia a commettere nuove violenze, nuovi furti, nuove rapi- 
ne , e nuovi sacrilegi , e nuovi stupri a monomettere la no- 
stra Libertà. 

Ma meglio con parole, le quali non fruttano libertà , ri- 
spondiamo al Nemico invasore coti’ opere, organiziamoci in 
massa e ad un cenno dei nostri Triumviri insorgiamo for- 
ti del nostro diritto contro queste Orde di Ladroni , e mo- 
stramo loro , che Italia non è terra dei Morti , ma altresì 
tomba di Francesi , che congiurano Colla Tiranide , e dis- 
pregiano i liberi Popoli. 

Protestiamo in fra tanto contro la violente occupazione 
di Civitavecchia : Che in Roma è legitimo il Governo, per* 


Dìgitized by Google 



.( 173 ) 

£lié da noi creato, e chi è più Sovrano del Popolo ! L' At- 
aemblea Romana respinga colla forza , la forza di quel -fe- 
difrago Governo , il quale colla sua Costituzione /\rt. V. , 
dichiarava che gilt mai le Truppe di Francia sarebbero im- 
piegate contro la {libertà degli altri Popoli. 

Noi cooperamo per qvianto é in noi a cpmuni sforzi , 
contro i Ristauratori del dispotismo , p dell' pdiato teocrati- 
co Governo. 

Francesco Sensoli 

Il Cittadino Priore ha ordinato la Votazione per leyata, 
e perciò chi crede aderire quanto è ytato proposto si alzerà, 
e chi non approva stia a sedere. Quale risultò la Votazione 
completa essendosi tutti levati , e c^-l approvarono quanto 
fù sopra esposto. 

Popp di che il Priore Presidente dichiara sciolta la 
sedata , nominò a hrmane il presente Verbale. Atto fatto , 
letto il giorno, mese ed anno suddetto all' ore 17. Ita- 
JianCf • 

Tirinati s Ermete Pasquali Priore. 

Giuseppe Filippi Consigliere 
Francesco Sensoli Consigliere 
tJ baldo Perazini Sindaco 
Giuseppe Franti Consjgliere 
Angelo Rénzini Consigliere 
Giuseppe Ceccoli Consigliere 

per Copia conforme a| suo Originale 

Il Priore 
E. Pasquali, 


REPUBBLICA ROMANA 
Presidenza di Urbjno e Pesarq 
Municipio Forosempronese 
Questo di 3 Q Aprile 181(9 

Un grave caso ha obbligato la convocazione del Gene- 
tale Consiglio nella massima urgenza . Furono perciò coì 
giorno di jeri diramati i soliti biglietti d'invito, ed oggi s» 
Ttunìrono in questa Sala pubblica all' ora indicata dòpq jl 



( «70 . 

mono della Campana e trombe i qui noUti Cittadini Coit«^ 


^iglieri. 


Luigi Buffoni Gonfaloniere 
D. Ayr. Kaff. Brunetti Anaiaao 
Antonio Chiavarelli Anziano 
J^ilippo Gasoli Anziano 
Alessandro Rebccchrnì Anziano 
Angelo Moci Consigliere 
p. Lorenzo Speranzini Consigliere 
Camillo Boldrini Jd. 


Antonio Capati i Id. 
Ferdinando Monacelli Id. 
Gaetano Ricetti Id, 

. Fier-Luigi Cenciatti Id. 
Andre? Oberolitzer Id. 
Augusto Girelli Id. 
l’ietro Cesarini Id. 
Antonio Galli Id. 

Luigi Bracci Id, 


Quindi si propedette alla lettura dell' unica proposta 
phe provocò la riunione in via d' urgenza della Generale 
Adunanza 

Troposta 

A voi onorevoli Cittadini , d' ordine del Magistrato , si 
legge il Dispaccio della Presidenza di Urbino e Pesaro , co- 
pie pure quello che viene diretto dal Triumvirato della no- 
stra Repubblica ; il Magistrato ben vede che dalla mente 
dei medesimi apprenderete in quale importante e perigliosa 
situazione si trovi oggi la esistenza della nostra libertà , 
quanto vilipesi siano i diritti del Popolo; a quale ruinasi 
voglia immantincufe trarre colla irragionevole prepotenza 
della forza la nostra Patria . A questo terribile annunzio , 
Egli pposiegue , qon può essere ebe voi caldj di tutto P a- 
mop Patrio , sinceri sostenitori di principii democratici e re- 
pubblicani non fremiate di sdegno , e pon cospiriate non 
alla vendetta, ma alla inviolazionc del nostro suolo , su cui 
tuttora spiega libero il yolo l’Aquila Emblema delle glo- 
rie dei nostri avi . Il vostro senno pertanto si rivolga tutto 
intero all’ allo pensiero di deliberare sul modo di provve- 
dere alla difesa delle nostre libertà , che il Magistrato vor- 
rebbe che rasiasserp sempre serbate intatte, cd inolfcse , 


Digilized by Goo^le 



( I7& ) 

RISOLUZIONE 

SuIU proposìrione del Doti. Lorenzo Spcranzini fu u- 
nanimemente deliberato di lormulare una risposta , la qua- 
le esprioiesse la volontà, e le intenzioni de' Condunati dan> 
done incarico ai Cittadini componenti la Banca Munici- 
pale. t 

Allora il detto Avv. Brunetti seduta stante formulò T 
accennata risposta , la quale dopo essere stata letta agli adu- 
nati , e di avere riportato la piena adesione , ed approvazio- 
ne fu trascritta nel presente verbale , perchè facesse parte 
integrale di esso. 

Il Municipio Forsempronese che tenne il mandato dal 
libero^ suffragio del Popolo , s’ inaugurò nel Rcgimento Re- 
pubblicano . Questa forma di Governo fu 1’ unanime biso- 
gno di un Popolo per tanti secoli oppresso , e che oggi si 
sente maturo a piena civiltà . 11 Consiglio Municipale per 
profondo convincimento di coscienza per rispondere lealmen- 
te alla volontà di chi lo creava solenneimnte si protesta 
contro alla straniera invasione. 

La Francia , o chi la governa non richiesta , non pro- 
vocata , mandando sul Territorio della Repubblica nav.i , e 
soldati ha violato il diritto delle genti . I nostri Rappresen- 
tanti furono benemeriti della Patria , obbedirono al loro do- 
vere con protestare alla novella ingiuria . Questo Municipio 
si aggiunge aU’ operato della Costituente ed innanzi a Dio 
ed al; Popolo , innanzi a quei generosi di tutta Europa che 
di libertà non fanno un nome vuoto di senso che rispet- 
tspo il diritto più della forza con tutto 1' animo suo si ri- 
chiama . Dio salvi 1' Italia , benedica a popoli generosi c per^ 
fidamente calunniati , ed operi il trionfo di nostra nazionali- 
tà e libertà. ; 

Dopo letto r indirizzo all’ Adunanza , la medesima lun- 
gi dall addottare il voto segreto , dove è pubblica la liber- 
tà delle opinioni approvò il medesimo per acclamazione ed 
in testimonio del loro esternato parere tutti singolarmente 
si sottoscrissero , « disciolsero 1' Adunanza. 

Atto fatto , letto , chiuso e sottoscritto il sudelto. 
giorno , mese , ed anno &c. In fede &c. 

Firmati &c. 

Luigi Buffoni Gonfaloniere 

RaffaeMe Avv. Brunetti Anz. 

Alessandro Rebecchini Anz. 


Digilized by Google 



( 176 ) 

Antonio Chiavarelli Anz. 

Filippo Gasoli Anz. 

Angelo Moci Consigliere 
Lorenzo S|>eranzini £d. 

Cannilo B )ldrini Id. 

Hercolani Capalti Id. 

Ferdinando Vlonacelli Id. 

Gaetano Riccetti Id. 

Pier Luigi Cenciatti Id. 

Andrea Oberolitzer Jd. 

Augusto Girelli Id. 

Pietro Cesarini Id. 

Antonio Galli Id. 

Luigi Bracci Id. : ,, 

D. Matteo Beriinclli Segretario Conile 
Ber copia conforme d’ Ufficio 

D- Bertinelli Segretario 


REPUBBLICA ROMANA 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE E TRIUMVIRI 
Jl Municipio di Cagli 

La Repubblica Francese rinegando senza pudore i tuoi 
principii, da cui Essa trae vita, ed esistenza, ha spedito una 
Flotta con subdoli , ed ambigui proclami ad invadere in 
Civitavecchia d' integrità della Repubblica Romana senza pre- 
ventive communicazioui, senza provvocazione alcuna, e sen- 
za vernno di quei titoli , che giustificar devono al cospetto 
della civiltà del secolo XIX. la condotta delle Nozioni. 

Solo Essa non occulta che il suo interesse la guida ad 
un passo cosi inatteso , ed inaudito , per cui non arrossisce 
nel degradarsi alla condizione dei Filibustieri per sue mire 
particolari. ‘ 

Quest'intervento a mano armata non richiesto, né pro- 
vocato dalla nostra condotta , è avverso alla vantata civiliz- 
zazione del Popolo Francese, è contro il diritto delle genti , 
é riprovevole , ed esecrando come quello dell’ Austria , che 
qual Ladrona più yolte irruppe nel nostro Territorio. 

Quindi é che noi , conoscendo l'illegalità di simil atto, 

• ravvnande i danni, che immensi sono, ed inseparabili de 


Dìgitized by Googic 



. ^ *77 T 

quaUiasi itraniera invasione fatta senza titolo , e senza gna> 
ran'igia delle liberali istituzioni , e fermi nei santi diritti 
delle genti, protestiamo in Nome di Dio, e del Popolo con- 
tro quest’alto prepotente , dichiarando il nostro férmo pro- 
posito di resistere con tutti i mezzi disponibili , e renden- 
done mallevadrice la Francia intera di tutte le conseguen- 
ze , al di cui buon senso , ed onoratezza ci appelleressimo 
pur anco, se da questo fitto non apparisse , ebe ne è pri?a 
pel vii mercato de' suoi interessi a prezzo dell’ onore. F.ic- 
ciansi adunque concordi, ed energici voti afQucIlè se la Gal-, 
lia ha sj)edito un nuovo Bremio al Cimpidoglia, 
sti trovarsi a fronte di un novello Camillo. 

Redatto seduta stante, ed approvato in pieno; Consigli» 
il giorno trenta Aprile 1849. 


( Antonio Castracane Gonfaloniere 
Firmati f Francesco Agost ni Zamp’roli Conìigliere 
( RalTaele M uscineUi Consigliere 

Per Copia conforme *, 

Il Gonfaloniere 
Antonio Cistracane r 


Il Capitano della Prima C)m )agnia del B ittaglione Na - 
zinnale di Cagli Br.aucati G an Giuseppe aderisce alla detta 
protesta. 1 

li 1 eneiite flf. di Cip. M. Tocei aderisce alla rctrosc.-itt* a 
Protesta. ■ 

Il S)tt> Tenente Alessandri IdelCanso aderisce alla re-; 
troscritta Protesta. . L 

Luigi B irbadoro Sotto Tenente aderisce come sopra. 1 
I Carlo Ugol inucci Sotto Tcm. 

• Antonio Brancuti Tenente Colonnello del Battaglione del 
Circondario aderisce come sopra. 


. j 


Digilized by Googlc 



C »?8 ) 

REPUBBUCA ROMANA 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Comune dell’ Isola del Piano 

I 

Nel giorno di Lnnedl 3o del mese di Aprile dell’ An.» 
no i 849> dietro invito fatto ad urgenza si è adunato il 
Gontigiio della Comunità dell’ Isola del Piano composto dei 
seguenti Cittadini . 

.• I. Natale Patrizi Priore 

а. Cristoforo Gentili Anz. 

• 3. Cristoforo Taddei Anz. 

4- Giovanni Bartolini > 

5. Fortunato Morosini ' . 

б . Callo Nardi 

n. Odoardo Macci 

8 . Antonio Taddei 

9 . Niccola Bartolini 

10. Domenico Bartomioli 

11. Celeste Francini 

la. Giuseppe Amicncci 

, Biagio Federici Segret. 

Mancante il Cittadino Domenico Bonetti per essere at->' 
sente. 

Apertasi la aessione presieduta dal Capo della Magistra- 
tura ha il medesimo ordinata la lettura della Circolare del 
Triumvirato in data ai corrente, con la quale fà conosce— ' 
re, che un’ Avanguardia di Divisione Francese è in presen- 
za del Porto di Civitavecchia. Un tale annunzio non può 
essere indifferente per Noi , e perciò vi ho fatti qui. con- 
vocare ad urgenza, perchè l’intero Corpo Municipale pren- 
da in seria riflessione la cosa , facendo solenne manifesta- 
zione "all’ oggetto di allontanare da Noi qualunque invasio- 
ne , qualora questa fosse diretta a procurarci dei mali , e 
privarci di quelle libertà , e di quelle guarantigie , che ci 
sono state concedute daU'attnale Governo. 

Vari Cittadini Consiglieri si espressero nel modo seguen- 
te. Nell’oscurità in cui ci troviamo intorno allo stato delle 
cose di sopra esposte , diressimo , di riportarci interamente 
a quello, che su questo particolare verrà fatto, e risoluto 
dai Consigli delle primarie Città di questa nostra Provin- 


Digitized by Google 



. . , .C >79 ) 

CI.1 , I quali essendo più illuminati di Noi, sapranno me- 
glio corrispondere allappello, che ora ci vien fatto dal Go- 
verno. Questo parere lù abbracciato dall’intero Corpo Mit-I 
nicipale , per cui di unanime consenso risolvettero di ad- 
dottarlo a preferenza di qualunque altro,- per la qual cosa 
passarono a convalidare il presente atto con le firme di 
tutti i componenti la presente Adunanza. Su di che &c. 

Natale Patrizi Priore 

Cristoforo Gentili Anziano 

Cristoforo Taddei Anziano 

Carlo Nardi Consigliere 

Gio. Bartolini Consigliere 

Fortunato Morosini Consigliere ' 

Eduardo Macci Consigliere j 

Alesio francini Consigliere 


REPCBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
Comune di Mondolfa 

Nel giorno 3 o del mese di Aprile deU'Anno iS-fg si é 
ad urgenza adunato a termini del Tit. IX. della Legge 3 i 
Gennaro 1849 il Consiglio della Comunità di Mondolfo com* 
posto dei Cittadini 

1 Bartolomeo Mobili Priore 

2 Geremia Manna Anziano' 

3 Paolo Cavallari Anziano 
i Enrico Barulli Anziano 

5 Giuseppe Bianchi 

6 Lodovico Galluccì , 

7 Vincenzo Natali > 

8 Luigi Mencucci -■ - • = . 

9 Domenico Allei ' 

10 Emidio Manna r 

1 1 Gaetano Spinaci 

12 Giuseppe Ponfirj - • - 

1 3 Oniobono Piccioli 


Digitized by Google 



( i8o ) 

Non acssndo intervenuti, benché debitamente invitati 
li Cittadini 

1 Niccola Agostinelli Anziano 

s Vittorio Mei 

3 Domenico Ascani 

4 Pasquale Sora 

& Giuseppe Felicetti 

6 Antonio Boroni 

7 Crescentino Campanelli 

8 Pietro Costa assente 

9 Pietro Silvcstrini 
tu Domenico Braceschi 

Presieduto dal Cittadino Bartolomeo Mobili Priore Co- 
munale per discutere sul seguente oggetto in via d’urgenza. 

Si legge Circolare del Preside di questa Provincia del- 
ti s6 Aprile i 849 > con la quale ci fa conoscere, che l’ in- 
tegrità del suolo Uepubblioano è minacciata , per cui il Go- 
verno si ripromette dall’ amor Patrio dei Municipi quanto 
il Triumvirato si esprime nella sua Circolare delli *4. mese 
suddetto, che pure si legge, per salvare e difendere l’ono- 
re , e gl’interessi nazionali. 

Il Cittadino Giuseppe -Bianchi prese la parola , ed espo- 
se nel modo seguente 

Il Municipio di Moudolfo protesta formalmente contro 
Pinvaiione Francese nel suolo dello Stato Romano , inva- 
sione inattesa , e non richiesta , dichiara inoltre di non al- 
lontanarsi dai principi fondamentali assentati dall’attuale Go- 
verno , onde conservare i diritti del Popolo , e la libertà 
del medesimo , al di cui effetto il Municipio stesso non 
mancherà di cooperare dal suo lato co’ mezzi legali , che 
sono in suo potere. 

Tutti grintervenuti Consiglieri convennero pienamente 
col potere esternato dal Cittadino Giuseppe Bianchi ; quale 
parere passato a partito dei Voti segreti , risultò ammesso 
a pienezza de’ Suffragi favorevoli , niun voto contrario. 

Atto fatto , letto , e chiuso in questa solita Residenza 
Comunale alle ore 1 1 antimeridiane del giorno , mese , ed 
Anno suddetti. 

Firmati ^ Priore 

rirmati ^ y 

h> Mencucci Consig. 

G. Natali Segretario. 

Per copia conforme all’originale 
C* Natali Seg. 


Digitized by Coogle 



t i80 

REPUBBLltìAr 

IN NOME DM>IO E DEly PÒPOI.» 

Gorautfe dfi Micefdtd Fdt^ia 

■ Nel g?drirà 3 o A[Jr 1 Ie‘i 8 i^ in éorriegdórt 4 ^,V d'iH’^ìW? 
ramali a termini dell’ Ari. 9»' del B^crefd^ éiill’ tì^ditiaWéWlo» 
dei Municipi in data fiettliart)' ff. è' àdimato ad ur- 
gènza ff Co*n'5Ìglicy dèlia Coffltanitìt di’ MacetattìfeltHa' ^m- 
prfsto dei- sb’guenti- Cittadini 

i- Scipidilb Mdffèi Fèiypé' 

Tduytsaso' ItefóWil AàjilflW 

i l ' '' * 

5 Carlo Paolini 

• 4 CrfstoRftW Mai'tftP 

5 Giovanni Sab&tt*itìf 
• - , 6= Baffeèlè^ Pi 4 l-Ì 2 ^yH‘ 

f OaVWéhifco* PaètìélF ' . > 

8 Benedetto Giannini 

9 Luigi Matt-in? 

Seguono gli assenti 

10 Filippo l^lf Adtitttìo^ 

1 1 Giot^àtiWF MoifèS? 

J2 Luigi Facci 

l 5 Francesco' Perttìfik 

Antonio Fabrizioli Segretario 

Presieduto a termini deW^ èitisto Decreto dal 

Cittadino Priore Municipale ^pWd^ Itfdffei , il quale 
manifestò quanto appresso. 

i> ieri sull’imbrunire defitf' édri^ èieWèli^ a mezzo di 
11 questo Cittadino Governato^è llH^èiSf^'f^iÒ del Preside di 
n Pesaro sotto data 26 cadente Nurf^. 4 ì>^® Rt-èui eravene in- 
M eluso' dllpo dbl ‘JViBfWi\'(ftiPò’’ col quale annun- 
!> eia che l’avangtttirtlia^ di-' rftwf DP^iéione Francese è in pre- 
si senza del Porta dii' Gioita VèÉ’èÉia*, minacciando d’ inva- 
li dere il suolo delli? Hè^idfl>Htìà?' Romana. Per tale inaspet- 
»> tato proc 5 e®mdnto' tftth Revocato dalla condotta del nostro 
51 Governo verso quella Potenza , c non preceduto da alcu- 
5» na comunicazione, l’Assemblea ed il Triumvirato protc- 

h 


Dìgitized by Google 



c '8* ). 

„ stano di resistere contro l'invasione sudetta , e di difen- 
<1 dere i diritti e l'onore del Paese. In questa contingenza 
« il prefalo Preside mi ordina di riunire ad urgenza il Con- 
M liglio , onde sulle cose esposte avere le sue deliberazioni. 
M A questo effetto adunque io vi ho oggi adunati , Cittadi» 
» ni Consiglieri , e conscio del Vostro patriottismo , sono 
n certo che risponderete all' invito , e vi mostrarete degni 
n di quella fiducia che la Patria si ripromette da Voi nelle 
n presenti calamitose circostanze. 

Firmato = Scipione Maffei 

Esposta io questi termini dal Cittadino Priore la pro" 
posta , il Consìglio all’ unanimità decise di aderire piena- 
mente alle misure adottate dall' Assemblea e dai Triumvi- 
rato di resistere contro l'invasione dell' armata Francese , e 
di concorrere con tutti i mezzi possibili alla d ifesa dell'ono- 
re , e deU'incolumità della Hepubblica Romana. 

Tale proposizione mandata a segreto partito, ottenne la 
pienezza dei suffragi. 

Non rimanendo altro a discutersi , venne sciolta l'adu- 
nanza e licenziato il Consiglio. 

Atto fatto , e Ietto nella Municipale Residenza il gior- 
no mese ed anno sudetto alle ore 7 pomeridiane. 

Firmati 

Scipione MaCfei Priore 
l'ooimaso Berardi Anziano 

Consiglieri 

Cristofaro Martini 
Giovanni Sabattini 
Benedetto Giannini 
Luigi Martini 
Domenico Farneti 
Raffaele Fabrizioli 
Carlo Paolini 

Antonio Fabrizioli Segretaria Municipala 
Per copia conforme 
Il Priore Municipale 
Scipione Maffei 

A. Fabrizioli Seg. 


Digitized by Google 


( >85 ) 

Repubblica romana 

nf NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
il Municipio di'Piorenxola . 

Consideranda l' invasione del snolo della Repnbblicia 
Romana fatta dalle Armi Repubblicane di Francia essere stata, 
eseguita senza diritta, e preventiva provocazione per parte 
di Roma. —Che un tale procedere della Francia è ostile, e 
offende l’ integrità del nostro paese, e gl’interessi nazio- 
nali. — Che U Francese Repubblica invece di stendere la 
inano amica alla ilomana , e concordare pienamente nei di- 
ritti , cd interessi delle due nazioni, porta sugli Stati della, 
nostra Repubblica la face della discordia , e dell’Anarchia , 
mentre tranquilla , e > pacifica gode della libertà , che si è 
acquistata. 

Il Consiglia Municipale di Fiorenzuola eletto dal libero 
voto popolare protesta solennemente in Nome di Dio e del 
Popolo contro si turpe attentato , ed unisce il voto a quello 
dell'Assemblea di resistere, qon fermo proposito a. qualunque 
nemico intervento. 

Fatto in pieno Consiglio nell’Anla Municipale di Fioren- 
inola questo di veatinove Aprile i8 quarantanove alle ore tre 
pomeridiane. 

Il Priore Comunale < 

Ftuncasco, Looli 

Ftlkt Pacchiani Segretario- 



» » 


Digitized bv Google 


( 184) 

REPUBBLICA ROMANA 
JN NOME DI DIO E DEL POPOLO ' 

Processo Verbale 
Esercizio 1849 
Comune di Graderà 

I 4 

Atto Consiliare portante la protesta corttro V InvasioD® 
prancese sugli Stati della Repubblica Romana. 

Nel giorno di MercoldJ due z Maggio dell' anno t849 
previo regolare invito , ed jn conformità ai vigepji Regola- 
pienti si è adunato ad prgenza il Consiglio della Copi unità 
di Gradare , e per l'atto seguente soltanto anche poi pop- 
porso dei Rappresentanti deU'Appodi^tp da GranaroU si lupaie 
fono Intervenuti li Cittadini. 

1. Remigio Gradasi Priore 

2. Antonio Monoripi Anziano . ' ’ . . 

3. Luigi Tausapi Anziano ■ ■ . 

4. Giuseppe Borelli 

&. Cesare Vesii) 

6. Carlo Brig} . 

7. Antonio Qlmeda , e 

8. Giacopio piìyipri Consiglieri 

, 9. Giuseppe Lugli Sindaco di Granarola 

io. Giovanni Berrozzi Consigliere come sopra. 

Non sono intervenuti sebbene invitati tutti li altri Con- 
siglieri. 

presieduto dal Cittadino Remigio Gradari attuale Priore 
Comunale in forza del diritto che io detta sua qualifica gli 
viene attribuito dall' Art. 82, Tit. IX. del Decreto di Governo 
5i Gennajo anno corr. 

Data quindi lettura al Dispaccio del Preside in data dei 
26 perduto Aprile N. 4926 pop che alla Circolare a stapipa 
del Triumvirato dello Stato jp data dei ai Mese sud. , la 
Magistratura propose di emettere per parte di questa Comu- 
ne la seguente protesta da innoltrarsi con apposita copia al 
Preside della Provincia , salvo il parere , e l'adesione dei sin- 
goli pubblici Rappresentanti inlcryenuti come sopra alla pre- 
fcnte Consiliare Adunanza. ^ 


Digitinoci by Google 



c i 85 > 

REPUBBLICA ROmNA 
Manicipio di Gradara 

» Una ingiusta invasione comandata dal Governo di quel- 
li la stessa Francia , che proclamava la indipendenza delle 
»> Nazioni , e la Sovranità dei Popoli , minaccia le Provincie 
» deir Italia centrale , e Roma. Deboli ancora per la lunga 
» inerzia cui da secoli fu condannata 1 ‘ antica Dominatrice 
)) del Mondo , ma consci! dei diritti che ad ogni popolo si 
aspettano, noi protestiamo contro la minacciata violenza , 
n e dalla decisione del Governo di Francia appelliamo al giu* 
n dizio de'popoli , e della stessa Nazione Francese. Ilammen- 
« talevi Francesi che dopo lunghe lotte e sanguinose rivo- 
» luzioni foste restituiti alla dignità di Nazione libera perchè 
n fra Voi si alzò l'onnipossente grido dei Popoli. Questo gri- 
»* do medesimo oggi fra noi s' inalza meno rimbombante si , 
« ma potente egli pure , poiché la voce dei Popolo é la voce 
>1 di Dio ». 

Redatto seduta stante , e volato per nnanirnith nella Sala 
Municipale li 2 Maggio 1849 

In fede di che si è redatto il presente Processo Verbale 
letto in piena adunanza chiuso alle ondici e mezza circa del 
giorno , mese , ed anno sud. , c quindi firmato dai singoli 
pubblici Rappresentanti presenti come sopra. 

R. Gradaci Priore. 

A. Marini Anziano 
Luigi Tausani Anziano 
Giuseppe Sorelli Consigliere 
Vesin Cesare Consig. 

Erigi Carlo Consig. 

Antonio Olmedi Consig. 

Crotjtce di Giacomo Olivieri Consig. illctt. 

Giuseppe Lugli Sindaco di Granarola 
Cro>ì<ce di Giovanni Bertozzi Consigliere illetterato di 
Granarola. 

Cosi è Ermenegildo Guidi Segrctat io comumale. 

Per copia conforme &c. 

Il Priore Comunale 
R. Gradaci. 


Digitized by Google 



C «86 ) 

REPUBBLICA ROMANA 


PROVINCIA DI URBINO , E PESARO 
Comune di San Leo 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 


In seguito di Circolare a stampa diretta dal Cittadino 
Preside a tuli’ i Municipi della Provincia , datata in Pesa- 
ro li 26 cadente Num. 49^6 , il Cittadino Gonfaloniere di 
questa , Città ha riunito ad urgenza pel giorno d’ oggi , al- 
le ore 9 antimeridiane , il Consiglio di questo Comune a 
fine di deliberare sull’ atto di protesta da emettersi contro 
r invasione del suolo della Repubblica , già consumatasi 
da una divisione Francese, a senso di quanto ne viene 
ingiunto , tanto con la Circolare anzimentovata , quanto 
con altra Circolare precedente del Triumvirato Romano in 
data dei cadente Aprile. 

Fattosi quindi 1 ’ Appello nominale si è verificato trovarsi 
presenti li seguenti Consiglieri, cioè 


t Nardini D. Francesco Gonfaloniere 
a Broccoli Lodovico ) 

3 Ccccovilli Girolamo ) 


Consiglieri 


4 Cucci Ignazio 

5 Masini Alessandro 

6 Santucci Giuseppe 

7 Stacciavini Giambattista 

S Benedettini Giulio 

9 Mariani Francesco M. 

10 Scavolini Lodano 

Visto essere legale il numero de’ Consiglieri interve- 
nuti a termini del disposto dall’ Art. 80 del decreto dell’ 
ordinamento de' Municipi in data 3 i Gennajo prossimo pas- 
sato, e più anche a senso di quello contenuto nell’ artico- 
lo 90 attesa 1’ urgenza , il suddetto Cittadino Gonfaloniere 
come Presidente' del Censiglio dichiarò aperta la seduta, e 
perciò farsi luogo alla discussione sui premesso argomento , 
che ha dato motivo alla presente adunanza. 


Digitized by Google 



( t87 ) 

All ora i Citudini Consiglieri di comnne accordo de- 
cisero di devenire alla èmissione della Prolesta in discor- 
so. Dopociò il Cittadino Gonfaloniere propose la nomina 
di u aa Commissione di cimpae individui presi dal 'celo 
di questo Consiglio per redigere l’atto di Protesta di cui sopra. 

Interpellati i Cittadini Consiglieri, se le nomine deb> 
bano farsi per maggiorità assoluta, o vero relativa, furo- 
no i Consiglieri stessi di sentimento, che debba prescegliersi 
il secondo partito. 

Fattesi quindi le schede > ed apertesi si rlovennero eletti 
i Cittadini 

I Nardini Dr. Francesco con Schede Num. Nove g 

a Broccoli Lorenzo con Schede Num. Nove g 

3 Saniucci Giuseppe con Schede Num. Nove g 

4. Cucci Ignazio con Schede Num. Otto 8 

' B Masini Alessandro eoo Schede Nam. Set 6 

Formatasi pertanto una tale Commissione' , e ritiratasi 
questa in luogo separato concepì il suddetto' atto di Protesta 
nel modo seguente. 

II Municipio di San Leo , adesivamente alle superio- 
ri d'sposizioni , ed in conformità ai sensi espressi nella 
Protesta votata dall’ Assemblea Romana nella tornata del 

cadente Aprile, crede di dichiarare, che la seguita In- 
vasione del Territorio della Repubblica per parte di una 
divisione Francese , senza che nemeno si conosca , quali 
cagioni possano averla prowoc.ita , è un atto , che grave- 
mente lede r onore , e la inculumìlà della Repubblica stes- 
sa , e che in pari tempo offende il diritto , e la dignità 
del Paese , e conseguentemente intende di protestare , co- 
me difTatti solennemente protesta contro silTatta inattesa , 
ed arbitraria invasione , chiamando la Francia stessa a rIf,>on- 
dere di tutte quella triste conseguenze , che da un tale fatto 
derivare potrebbero. 

Nulla essendosi obiettato per parte dei Consiglieri con- 
tro i sensi , ed i termini , ne’ quali è stata concepita la det- 
ta Protesta , fù proposto di sottoporla alla votazione segre- 
ta a forma dell' art. g 3 della legge in vigore , con avver- 
tenza, che chi intende di approvarla, ponga la palla nel 
Sì , e chi al contrario intende di escluderla ponga la palla 
nel Nò ; dispensate qaindi le palle , e poscia raccolte fu- 
rono ritrovate numero nove 9 nel Si , ed una nel Nò , e 
cosi venne approvata a maggioranza de’ suffragi. 

i 4 


Digitized by Google 



( > 88 ^ 

Nian* altro oggetto essendovi dj trattare fu sciolta la 
.seduta. 

Fatto, letto, pubblicato, e chiuso il presente atto a 
San Leo questo di trenta 3 o Aprile mille ottocento qua- 
rantanove 1849- 

F. iVardini Gonf. 

L. Broccoli .^nz. 


IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

- • - REPUBBLICA ROMANA 

- - - 

, ; Municipio di Sahara 

- Oggigiorno di Domenica zq. Aprile 1849. alle ore 9. an- 

timeridiane si è riunito in questa Sala Comunale dietro invito 
'fatto ad urgenza il Consiglio Municipale di questa Terra com- 
.posto dei Cittadini i 

' Renzoni Pietro Priore 
Omicioli Biagio .Anziano 
Capalti RatTaele Anziano 
Bartolncci Domenico Consigliere 
Radi HafTaele Consigliere 

. . . Andrcoli Paterniano Consigliere > - 

Fabbrili! Giuseppe Consigliere 
Corsaleiti Dott. Santo Consigliere ; 

.. . . Gucrri Ignazio Consigliere 

Vitali Andrea Consigliere 
, • . . ; L. Imperatori Seg. Int. 

.Mancarono alba piesenlc adnnanz.a , sebbene invitali , ì 
ConsiglÌEri Diambri Andrea , Diambri Antonio , e Tonchi 
Cesare . . ^ 

- ' Qual Consiglio fù presieduto dal Cipo della Magistra- 
tura Rurriferito , che in tali termini si fece a parlare. 1 . 

ieri mi giunsc’uua Circolare del Preside di Provincia in 
Mita i6. cadente Nnm. 4926. , con cui mi ordina di riunire 
ad.' urgenza il Consiglio iMimicipale , perchè il medesimo ri- 
sponda segnatamente con solenni manifestazioni al voto del 
Pdpolo , ora che un intervento straniero minaccia il Territo- 
rio della Repubblica . Udite pertanto il tenore della Circolare , 
e del foglio alla medesiuia unito . 


Digitized by Google 


(.'*? ) , 

E lettasi da me Segretario d’ ordine ec. la Circolare , e fo- 
glio di cui ec. ) e da tutti betie ec. conforme ec. 

Il ripetuto Priore riprese così a dire : 

Dalla seguita lettura avete abbastanza compreso ciò che 
il Governo si ripromette dall’ amor patrio de’ Municipi eletti 
dal voto popolare, per cui a nome di questo Popolo Salta- 
rese , di cui sua mercè siamo legittimi Rappresentanti , dob- 
biamo protestare , siccome protestiamo di esse|e decìsi , e 
pronti a sostenere e difendere contro qualunque intervento' 
straniero che senza preventiva , e legale intelligenza venisse 
a ledere i diritti del Governo della Repubblica costituito co- 
me emanazione del Popolo abbandonato a se stesso , ed al 
pericolo massimo dell’ anarchia , e quindi restituito a suoi 
primitivi diritti , rimettendoci anche a qualsiasi altra protesta 
emessa in proposito dal Municipio di Fano . 

Quindi ninno degli Adunati avendo interloquito in con- 
trario alla SLiespressa protesta , fu la medesima messa a par- 
tito d’ ordine ec. , e riportò N. 9. voti favorevoli ed un solo 
contrario . 

Dopo di che il mentovato Priore dichiarò sciolto il pre- 
sente Consiglio . 

Sopra le quali cose ec. 

Atto fatto , letto , e chiuso nel locale sudetto alle ore 9. ^ 
antimeridiane del giorno , mese , ed anno di cui sopra , pre- 
senti ec. che sì sottoscrissero ad eccezione di Domenico Bario- 
lucci che si dichiarò illetterato . . 

Firmati Pietro Rcnzoni Priore 
B. Omicioli Anziano 
R. Ercolani Gapalti Anziano 
Fabbrini Giuseppe 
Raffaele Radi 
Andrea Vitali 
Paterniano Andreoli 
Ignazio Guerci 
5 . Corsaletti 

L. Imperatori Seg. Int. 

Per Copia pienamente conforme all* Originale salvo ec. 

Cosi è L. Imperatori Seg. sud. . 


: 

k 5 


Digitized byGoogle 


( > 9 ® ) 

REPUBBLICA ROMAWA 

Comune di Pergola 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

Nella Sali Comunale oggi 28. Aprite alle ore 3 . 

pomeridiane *i è adunato il Consiglio, e diètro invito fatto 
avere al domicilio di ciascun Consiglile 6. óre innanzi per 
urgenza onde esaurire il Circolare Dispaccio dei 26. mese 
corrente Num. 4926. in data di Pesaro questa mattina per- 
venuto , intervennero li Cittadini eostitnenti la Magistra- 
tnra 

1 Cameletti Giannicola Gonfaloniere 

2 Domenichelli Secondo Anziano 

3 Bcrtibocci Vincenzo Anziano 

4 Brilli Alessandro Anziano 

5 Vitali Pellegrino Anziano 

E li Cittadini Consiglieri 

1 Bonacci Luigi 

2 Soave Andrea 

3 Salvadori Francesco 

4 Roccetti Secondo 
B Scoppà Carlo 

6 Ginevri Gaetano 

7 Angeli Giovanni 

8 Cartoni Giulio 

9 Camerini Jacob 

10 Lattanzi Carlo 

1 1 Massani Gaetano 

12 Lazzari Filippo ■ 

1 3 Casaccia Sabbatino 

1 4 Mantelli Mariano 
iB Giannini Pietro 

16 Merolli Antonio 

17 Picinetti Francesco 

Manca 1 Marini Giovanni Forastiere 

Presiede al Consiglio il Cittadino Cameletti Giannico- 
la Gonfaloniere; ed essendo sufficiente a deliberare il nu- 


Digitized by Google 



( « 9 .» ). 

mero de' Contiglieri intervenuti , ci trattò e ricolvetfe quan* 
to siegue : 

Proposizione unica 

Si fa lettura della stampa dei mese , che corre del 
Presidente dell’ Assemblea in Roma Cittadino' Saliceti , dalla 
quale si apprende , che una spedizione Francese minaccia di 
violare il nostro Territorio Romano , e la protesta , che 1 ’ As- 
semblea fà contro l’ inattesa invasione. 

Egualmente si legge altra Stampa sotto la medesima data 
del Triumvirato , che riferisce al medesimo articolo. 

Lo stesso si fà del Circolare 24. mese sudetto dello stes- 
so Triumvirato, diretto al Preside della Provincia, e dell’ 
altro Circolare 26. detto N. 49^6. del Preside della nostra 
Provincia diretto a tutti li Municipii , col quale esponendo , 
che r integrità del suolo Repubblicano è minacciata , ordina 
la riunione per urgenza del Consiglio onde trattare sù tale 
articolo. 

Dopo lette ad alta voce le Stampe, e Circolari sndette , la 
Magistratura si rivolse ai Consiglieri dicendo : 

Cittadini Consiglieri 1 

Da Truppe Straniere è minacciato il Territorio della no- 
stra Repubblica. Vorrebbero esse colla loro presenza susci- 
tare frà noi 1 ’ Anarchia , e turbarci quella pace , che al pre- 
sente godiamo, per assoggettarci di nuovo ad uri dominio , 
che dall' unanime consenso di tré migtioni d’uomini venne 
concordemente ripudiato. 

Spetta pertanto a noi , a noi eletti dal Popolo , a noi 
interpetri de’ suoi Voti , e de' suoi affetti dà mostrarci oggi 
degni del nome , che noi portiamo , di fare atto di som- 
ma giustizia , alzando unanimi la voce contro l’ infrazio- 
ne de' nostri diritti , contro 1 ' abuso della Forza a danno della 
nostra più cara libertà , e de’ nostri eterni principii. 

Ed è perciò , che il Magistrato di questo Municipio v' 
invita o Cittadini Consiglieri , a protestare con tutta 1 ’ ener- 
gia dell’ Anima sull' intervento delle Armate Francesi , 0 di 
qualunque altra Potenza , diretto a distruggere tra noi quella 
forma di Governo , che noi stessi volemmo , cioè a dire la 
Repubblica , essendo noi tutti pronti a far sacrifìcio anche 
della vita per essere, e per morire Repubblicani , secondando 
cosi le proteste già emesse dall' Assemblea Costituente , come 
rilevasi dal foglio, che si è letto , e munendo il presente Voto 
colle singole firme degl’ Intervenuti. 


Digitized by Google 



C .’9* ^ 

L Assemblea alzandosi in piedi , nessuno eccettuato y ha 
ad alta voce applaudito all’ Invito della Magistratura , ed ha di- 
chiarato di ampiamente approvarlo . 

Fallo , e chiuso il presente Verbale nella Sala Muni- ' 
cipale di Pergola questo di ;ìo. Aprile 1849. ^lle ore 5 . po- 
meridiane . ^ 

Giannicola Cameletti Gonfaloniere 
Vincenzo Bertiboni Anziano 
Pellegrino Vitali Anziano 
Alessandro Brilli Anziano 
Secondo Domcnichelli Anziano 
Gaetano Ginevri Consigliere 
Carlo Lattanzì Consigliere 
Merolli Antonio Consigliere 
Mariano Mantelli Consigliere 
Francesco Salvadori Consigliere 
Carlo Scoppa Consigliere 
Gaetano Massani Consigliere 
B. Soave 

Filippo Lazzari Consigliere 
Achiv. Giacob Camerini Consigliere 
Sabbatino Casaccia 
Secondo Roccetti Consigliere 
Picinetti Francesco Consigliere 
Bonacci Luigi 
Giannini Pietro 
Angeli Giovanni 

^ Annibaie Malazampa Seg. Comle 


Digitizod by GuOgle 



( 195 ; 

KEPUB 3 LICA ROMANA 


IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 


Mondavio oggi Sabbato 28 Aprile 18^9 alle ore 21 


Previo il suono della campana maggiore , e 1 ' osservan- 
za del disposto del decreto 5 i Gennajo 1849 sull' organizza- 
zione dei Miinicipii , si è riunito ad urgenza il Consiglio 
del .Comune di Mondavio , composto dei sottonotati citta- 
dini. * 


I. Giorgi Gaspare Priore 
z. Proni Francesco ì 

3. Pasqualucci Francesco j 

4. Giorgi Mario 

5 . Marchetti Girolamo 

6 . Spinaci Pietro 

7. Luzi Benedetto 

8. Desanctis Nicola 

9. Panaroni Luigi 

i : ‘ .10. Pancotti Bonifazio ■ . 
11. Barbaoi Giovanni 
I 9.. Dominici Sebastiano • ■ 

, l 3 . Guiducci Giovanni • 

Gigli Vincenzo Segret, 


Anziani 


) 



Essendo il niimero legale fu. dichiarata aperta la seduta 
ed in seguito della lettura della Circolare a stampa della Pre- 
sidenza di Pesaro delzG'Aprilc ntim. 4926 relativa al dispaccio 
del Triumvirato sull’ arrivo delle truppe francesi a Civita- 
vecchia e dell'indirizzo ricevuto dal circolo Mondaviese , 
portato a cognizione degli adunati , si propose dal cittadino 
presidente se piaceva doversi. mantenere-i fatti compiuti, e 
raffidarsi in quanto provvidamente sarebbe per determinare 
r Assemblea della Repubblica Romana , cooperando per quan- 
to è dato al mantenimento dell’ ordine c della pubblica tran- 
quillità ; al che unanime fu la risposta. 

Posta la mozione all’ esperimento di voti segreti , furo- 
no rinvenuti nel numero di tredici favorevoli , e ninno con- 
trario , dal che ne conseguita che venne ammessa in ogni 
parte. 

Nuli’ altro essendo a discutersi, fu sciolta l’adunanza 
coi ripetuti gridi di Viva la Repubblica Romana. 


Digitized by Googli 


Fatto e chiuso 11 prpseute verbale a Mondavio il giorno, 
mese ed anno sud. alle ore at circa. 

Tenore dell’ Indirizzo del Circolo Mondavicse 

Air onorevole consiglio comunale di Mondavio 

Cittadini •* All' invito straordinario di chiamata , radu- 
natosi questa mane il circolo Mondaviese e conosciuta la en- 
tità dei fatti risguardanti l'approdo nelle acque di CivitaTCC- 
chia' delle truppe francesi , a corrispondere per quanto é in 
lui a quasi unanimità di snfFragii decretava doversi inviare 
al generale consiglia un' indirizzo pcrclié coerente ai princi- 
pi! spiegati dal q Febbraio in poi, volesse mostrarsi nelle deli- 
berazioni da prendersi verace italiano , sostenendo per quanto 
è dato r onore della patria nazionalità. ' 

A porre in alto questa delibera furono i sottoscritti Ono- 
rati della fiducia del circolo stesso , c a sdebitarsi dell' ob- 
bligo loro ingiunto, fidenti che i Padri della Patria non sa- 
pranno mancare al debito loro affidato , vorranno attenersi 
alla risoluzione prese nel sB corrente mese dal' Comitato dei 
Circoli Centrali di Koma , avvisano doversi accordare il voto 
di fiducia a prò del rriumviraio romano , per la difesa cioè 
da ogni estera ed interna ossidione per parte de’ malinten- 
zionati , sostenendo per quanto, puossi il principio della vera 
democrazia, ' 

In questa fìduci.i si riprotcstano col fraterno saluto. 

Da Mondavio il 28 Aprile 1849 

Giorgi Piesid. 

F. Pasqualucci Anz. 

Ci Marchetti Cons, 

.Vincenzo Gigli Segretario Comun. 


Digitized by Google 


fJl, 


18' 

il 

sin 

■i» 

ìili* 

'i' 

B.» 

•ir! 

j2 

it 

i.'f 

ifA' 

|.V 


t 


( >93 ) 

REPUBBLICA ROMAIN^A 
NEL NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Municipio di Urbino 

Nel giorno di sabato ; 2% di aprile 1849 « ^ adunato 

ad urgenza il Consiglio della Comunità di Urbino composto 
dei Cittadini. 

1. Crescentino Avv. Pasquafìni Gonf. malato 


Anziani 

2. Ercole Ing. Salmi 1 

5 . Federico Giammartini 2 

i- Crescentino Prof. Grifoni malato 

5 . Luigi Dr. Alippi 3 

Consiglieri 

6. D. Tommaso Avv. Pagnoni non int. 

7. Spiridione Tom masoli id. 

8. Bernardino Staccoli Castracane 4 

9. Giovanni Ceccaroli 5 

10. Giuseppe Ciccolini non int. 

11. Luigi Mazza 6 

12. Nicola Guerrieri 7 

1 3 . Valentino Dr. Balducci 8 

14. Federico Felici Giunchi g 

i&. Giona Dr.Tonj 10 

16. Francesco Ing. Caltabini assente 

17. Liborio Dr. Bartolomei non int. 

18. Coriolano Ligi- 11 

19. Domenico Dr. Dini malato 

20. Giuseppe Dr. Rondini non int. 

21. Giovanni Dr. Fabrizj assente 

22. Girolamo Amantini 12 

23 > Elio Ing. Pcrotti i 3 

24. Crescentino Dr. Valenti non int. 

2&. Giambatta Avv. Vivarelli i 4 

26. Aldebrando Fumerà i 5 

27. Arcangelo Lazzari 16 

28. Giovanni Alippi 17 

29. Raffaele Amadio 18 

Dattor Vincenzo Romani Segr. 


Implorato dee. 


Digitized by Google 


( >96 ) . 

La Seduta é pubblica 

£* stala letta la Circolare del Triumvirato in data del 
24 Corrente , diretta ai Presidi della Provincia cosi espressa: 

*» Cittadino Preside - L’ avanguardia d’ una Divisione 
» Francese è in presenza del Porto di Civitavecchia. Il for- 
« te è apparccciiiato a difesa. Nessuna comunicazione è sla- 
M ta fatta dal Governo Francese a quello della Repubblica 
»» Romana. Quali che siano le intenzioni straniere a nostro 
« riguardo , l' Assemblea e il Governo della Repubblica sa- 
V pranno compiere il dover loro , protestando colla forz.i 
>1 contro ogni offesa al diritto e alla dignità dal Paese. A 
n voi incombe di cooperare con risoluto animo all’ adeni- 
» pimento della missione comune. Importa che le Rappre- 
» sentanze Municipali rispondano degnamente con solenni 
5> manifestazioni al voto dei Popoli. Sia salvo l’onore del 
» nome Italiano = Roma 2+ aprile 1849 = I Triumviri Car- 
»» lo Armellini = Giuseppe Mazzini - Aurelio Saffi - . 

Di poi è stata manifestata l’ altri del Preside , in data 
dei 26 N. 4926, diretta a tutti i Municipi della Provin- 
cia con cui si ordina la riunione del Consiglio Oil urg'cnza, 
onde = 1 ’ onore Italiano trovi ncila libera espressione dei Mu- 
»> nicipj della Repubblica una degna riparazione = . 

L’Anziano ff. di Gonfaloniere ha detto che l’Assemblea 
Nazionale Romana ha già emessa la sua protesta, concepita nei 
termini seguenti : 

u L’ Assemblea Romana , commossa dalla minaccia d’ ia- 
s* vasione del terribario della Repubblica , conscia che que- 
»> sta invasione , non provocata dalla condotta della Repub- 
*> blica verso l’estero, non preceduta da comunicazione al- 
»’ cuna da parte del Governo Francese , eccitatrice di anar- 
II chia in un Paese che tranquillo e ordinato riposa nella co- 
•-» scenza dei proprj diritti c nella concordia dei Cittadini , 
u viola ad un tempo il diritto delle genti , gli obblighi as- 
» sunti dalla Nazione Francese nella sua costituzione , c i 
’> vincoli di fratellanza che dovrebbero naturalmente anno- 
dare le due Repubbliche , protesta in nome di Dio e del 
» Popolo contro 1 ’ iimntesa invasione , dichiara il SUO FER- 
» MO PROPOSITO DI RESISTERE , e rende mallcvadrice 
u la Francia di tutte le conseguenze ~ Roma ab aprile 1849 = 
u Fatta in seduta Pubblica ora una antimeridiana = II Pre- 
I» sidente dell’Assemblea = A. Saliceti s I Segretari! Fabbretti, 
" Cocchi, Pennacchi - 

Dopo di che lo stesso IT. di Gonfaloniere ha proposto, 
sccondochè sarebbe opinione della Magistratura , che il Coo- 


Digitized by Coogld 


•iglio ci unisca alla suespressa protesta dell* Assemblea : e 
tutto il Comizio ha unanimemente dichiarato, ohe si. Si è 
fatta pertanto la seguente proposizione : 

Chi vuole unirsi alla protesta delV Assemblea Romana, 
contro 1' invasione del suo territorio , secondoché ha opinato, 
la Magistratura , dia la palla nel sì ; chi non vuole la dia 
nel n0\ 

Firmato Ercole Salmj ff, di Gonfaloniere 
’ E tutte le diciolto palle si sono raccolte alTerraative. 

Dopo di che sono stati invitati tutti e singoli gli An- 
klani e Consiglieri qui adunati a soscrivere il presente pro«.^ 
cesso verbale. Fatto chiuso e letto, alle ore cinque etre qnart^‘ 
pomeridiane del giorno mese ed anno suddetti. , 

Firrn;, Ercole Salmi Anz. IF. di Gonf. 

Federico Giammartini Anz* 

Luigi Alippi Anz. 

Bernardino Staccoli Castracane Cons. 

Giovanni Ceccaroli Cons. 

Luigi Mazza Cons. 

Nicola Guerrieri Cons. 

Valentino Balducci Cons. 

Federico Giunchi Cons. 

Giona Jonj Cons. 

I Girolamo Amantini Cons. 

peroni Elio Cons. , , i. . 

Giambattista'Vivarelli Cons. 

Aldebrando Fumeri Cons.'" 

Giovanni Alippi Cons. 

Arcangelo Lazzari Cons. , ; . ' ' 

Raffaele A.madio Cons. 

Per copia cont'orn|e .all’ originalo. . 

Vincenzo Romani Segretai;ÌQ, 



Digitized by Google 



I 


( igS ) 

AI aiTADINI TRIUMVIRI 
NEL NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
- REPUBBLICA ROMANA 

Municipio di Sioigaglia 

Oggi giorno di Sabato yentotto aprile 1845 quapanta- 

pove. 

Per affare urgentissimo il Cittadino Gonfaloniere ha in- ^ 
fitato il Corpo Consigliare a straordinaria Seduta per oggi al 
mezzo giorno. 

Previo pertanto il sueno della pubblica Campana sonosi 
provati presenti in questa grande Aula del Palazzo Munici- 
pale quelli fra i Componenti il Corpo Municipale che veq- : 
l^oqo ora contradistinli col numero progressivo I 

I Centoscudi Giuseppe Gonfaloniere | 

a Antonietti Giuseppe 

3 Lndovisi Francesco 

4 Battaglioni Pietre 
B Morandi Luigi 

6 Monti Giuseppe 

7 Ridolfi Francesco 

ponsiglicri 

8 Simonetti Girolamo 

- Fantini Luigi 

- Fabbroni Mario 

9 Cenni Ippolito 
IO Tamburi Cesare 

II Farina Mariano 
ijt Mescolini Luciano 

- Cattabeni Pietro 
|3 Natalucci Giuseppe 

- Sbriscia Francesco 

14 Giovanelli Leopoldo 

1 5 Ferretti Telesforo 

16 Baldncci Bernardino 

- Sforza Gaspare 
r Francesconi Gasparo 
t pecchi Gaetaqo 


t 

Anziani 1 

i 

; 


Digitized by Google 


• n . ( '99 ) 

17 Tizi Domenico 
lé Giustini Celeste 
89 Biacchini Giovanni 
so Sassetti Beniamino 
SI Vianelli Salvatore 
ss Montefìori Giacobbe 
s 3 Rosi Domenico 
s 4 Carletti Luigi 

sB Battaglia Pietro ~ 

s6 Piantanelli KafTaele 
S7 Cerroni Omobono- 
s8 Semenzati BatTaele 
- Fierfederici Gaspare 
sg Giorgi Alessandro 
5 o Battistelli Pio 
3 i Manfrini Andrea 
Sa Tranquilli Paolino 

33 Margotti Saverio ’ 

34 Renzi Domenico 
» Pacchetti Claudio 

L'adunanza è presiedute dal Cittadino Gonfaloniere , a for« 
ma di Legge. 

Fece egli quindi la seguente Proposta 
Proposta Unica 

1 

Usando le parole del Preside della nostra Provincia dob- 
biam ripetere , o Cittadini , che il suolo della Repubblica è 
minacciato. 

Il suo Circolare Dispaccio , e quello del Triumvirato , 
che a Voi si leggono, esprimono che una Di* isioiie Fiauce- 
se si è presentata al Porto di Civitavecchia , per il die te- 
mesi che sia per esserne offeso il diritto e la dignitfi del Tae* 
se. -Il Governo attende dalla espressione dei A/lunicipii quei 
p^rovvedimenti che siano convenienti in emergenza si grave. 

questo l'oggetto pel quale siete ad urgenza invitati a con- 
gresso. ' 

Il Magistrato vi partecipa che in seguito della comuni* 
cazione jeri fattagli dal Cittadino Comandante il Battaglione 
riazionale del Dispaccio Circolare del Triumvirato , dispose un 
appesito Verbale che leggesi. 

i.” Che nel caso di bisogno dovesse chiamarsi alle ar- 
mi la Truppa nazionale, sia per provredere a quanto possa 


Digitized by Coogle 



( ) 

interessare la nostra Citlìi , sia per niobillzzare npa o due 
Compagnie da inviarsi ove le circostanze csiggesscro. 

2° Che nella ipotesi dell' accennata mobilizzazione 
siano qui concentrati e ricliiamali i Distaccamenti di Guardie 
jVazionali esistenti nel Circondario esterno della postra Co- 
mune. 

Nessun altra disposizione si stimò necessaria pel mo- 
mento. 

Siete ora invitali , o Cittadini « a deliberare spi propo- 
sito ciò che Vi sembra opportuno , c corrispondente alla circo- 
stanza. 

ì» La sottoscritta Commbslone relatrice dichiara il suo 
j> parere che oltre le disposizioni adottate jeri dal Migistra- 
}> to, non sia per ora a prendersi altro provvedimento. 

»* Aggiunge poi essere a sua notizia che jl Cittadino Te- 
si nenie Colonnello Comandante il Battaglione Nazionale ha 
Sì già fatto a| l’rcside della Provincia la generosa ed ntilissi- 
» ma offerta di due pezzi di Caunouc , c di un sufficiente 
» numero d| Artiglieri, non senza accennare ancora che se 
Sì il bisogno lo richiedesse iiiviterà altri Militi a mobilizzarsi 
1» per formar parte del BitUiglioue Provinciale. - QuesU cin' 
P costanze valgano sempre più a franijuillizzarvi. - ^ 

I Componenti la Commissione relatrice 

Paolino Tranquilli 
,* . Mariano Farina 
(lelcslc Giiistini 

Nessuno avctido presa la parola si mandò al partilo* s^*- 
greto dei voti li parere dalla Commissione relatrice di sopra 
espresso , avvertendo che dia il voto nel si chi creda di ap- 
provarlo, e noi nò chi dissente,- c raccolti i suffragii se iléS 
rinvennero nel sì treiitaquattro , e nessuno nel nò , conehtf 
rimase pienamente approvalo il parere della Commissronc. 

Sopra ^mozioni di alcuni Consiglieri il Corpo Mnnicipsi*» 
Te è stato invitato a prestare un solenne giuramento d'? di- 
fendere la Patria in'tanta gravilji di pericolo con tutti i «Wzai 
possibili. ' . ■ 

flutti gli ^diinatT con gridr coiwordl hanno pronlàtlieh- 
td' risposto = Giurianio di difendere la nostra PaVria'con fWtr 
i mezzi possibili = 

Aulì altro essendovi a trattare , si é scuiltà l adunanz^i 


Digitized by Google 



( aoi ) 

•ulla qu.»lc é stato- compilato il presente Verbale, che viene 
firmato come appresso. 

t 

O. CentósCudi Gonfaloniere 
F. Ludovisi Anziano 
Cesare Tamburi Consigliere 
Alessandro Giorgi Consigliere 

‘ Candido Bon-apera Segretario. 

* 

Fer Copia conforme ad uso d’Ufficio •• • 

Il Gonfaloniere 
G. Cenioscudi 


REFDBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLÒ 
Comune di Monie-Cicardo 

Conosciutasi col mèzzo del Superiore Governo l’invasio- 
ne Francese sul suolo dello Stato Romano; questo Munici- 
pio mosso da presentimento , che dalla medesima derivare 
potrebbe un’ immensa ‘sventura al Paese ; ha tosto radunato 
ad urgenza a pubblico Consiglio i suoi Rappresentanti sotto 
il giorno 4. Maggio 1849, al quale , dietro invito fatto a 
tulli i medesimi Rappresentanti , sono intervenuti soltanto 
I Cittadini I Antonio Giungolicci Priore 

2 Giovanni Fradelloni Anziano 
3 , Francesco Lorenzini Consigliere 
4 Domenico Crescentini Consigliere 
. Giuseppe Astolfi Segretario Comunale 

E siccome le deliberazioni de’ Consigli radunati ad ur-« 
geriza , sono valide con qualunque numero degli individui 
intèrvenuti ; Così i medesimi i quali sono intervenuti , senza 
esitanza alcuna , ad unanimità , e per acclamazione hanno i 
protestato, e protestano contro una tale invasione straniera , 
appunto perché può essere, che dalla medesima lo Stato ne. 
risenta un gravissimo danno: 

Atto fatto, letto , e pubblicato a Monte Cicardo nella 
Sala Comunale .sotto il di 4 Maggio i $49 come sopra. 

' Antonio Giungolicci Priore. 

Giovanni Fradelloni Anziano 

Giuseppe Astolfi Segretario Comunale. 

l 


DIgitized byGoogle 


( 202 ) 

: . ' ' REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
Comune di Banchi. 

Oggi 29. Aprile 1849. 

Dietro invito ad urgenza latto presentare a tutti i Con- 
siglieri , ed Anziani di questo Comune fìno dal giorno 28. 
corrente , per la convocazione del Cònsiglio nel giorno d'og- 
gi per l'oggetto di cui tratta la Circolare del Triumvirato 
del 24 spirante acconipagnnta da altra del Preside della Pro- 
vincia num. 4980 dei 26 detto , si viddero comparire alcu- 
ni Municipalisti nella Sda del Comune alle ore 20 italiane. 

Fattosi dal Segretario l'appello nominale gl' intervenuti 
furono i Cittadini. 

1. Lenti Glambatista Primo Anziano ff. di Priore. 

2. Evangelisti Carlo secondo Anziano. 

5 . Briganti Mobili Lelio Consigliere. 

■ > L Bartoli Bartolomeo Idem. 

ò. Cecncci Luigi Idem. 

; 6. Marcaccini Vincenzo Idem. 

< 7. Lenti Luigi Idem. 

I. Avendo mancato i Consiglieri Evangelisti Giuseppe, Fu- 
riassi Ubaldo, Cristofanelli Giovanni, Clementi Don Antonio, 
sebbene debitamente invitati, e si fece avvertenza, che il 
Consigliere Lorenzo Romiti esercitando provvisoriamente in 
questo Comune 1 ' Ufficio di Segretario per cui non fu com- 
preso nel numero dei Consiglieri. 

' Presieduto dal Cittadino Giambattista L<’nti primo An- 
ziano- facente funzione di Priore pel Cittadino Francesco . 
Mobili Briganti, che risiede in Mondavio come Giudice 
supplente per discutere sopra il citato oggetto. , 

(«>< Dopo l'invocazione del Divino ajulo mediante la re- 
cita delle solite preci si passò all’ estrazione degli Arringa» 
lori per la prossima adunanza , e sortirono i Cittadini ; 

Pel primo = Bartoli Bartolomeo. 

Pel secondo = Evangelisti Giuseppe. 

£ poscia il Presidente ordinò aperta la seduta, e fece dare 


Digitized by Ooogle 



( )_ 

lettura delle due Circolari, e quindi presentò un foglio di 
proposta espresso nei termini che siegue. 

Primo , ed unico oggetto. 

Voi o Lihfii Cittadini rappresentanti del Municipio Bar- 
cliiese in .questa adunanza convocata ad urgenza in forza 
delle già communicatevi Circol iri del Governo dovete mo- 
strarvi degni di f|uclla fìlucia che questa Popolazione in 
voi ripone , col fare conoscere all’ Italia , e all’ Europa che 
volete sacri i diritti d. l Popjlo , protestando altamente in 
l'iccia a Dio , ad agl’ Uomini di non acconsentire giammai 
che qualunque straniero venga a conculcare le libertà e fran- 
cìjigic che ora p)-sede'c, nè di voler permettere più mai 
u essere il vile trastullo di chi tentasse di opprimerci. 

La Fi ancia , qnelh che a prezzo di-sangue infinito cac- 
ciava i Ke dalle sue Terre proclamava libertà assoluta , e 
prometteva il suo sostegno a Popoli tutti che volessero spez- 
zare le catene del servaggio . oggi invia sulle nostre acque 
rimpetto a Civitavecchia una Flotta senza averne fatta com- 
nounicazione alcuna al Nostro Governo , che disconosce le 
intenzioni straniere. Se mai il Governo Francese volesse ro- 
vinare la Romana Repubblica , e spegnere le utili istituzio- 
ni che vanno tutto di migliorando , Noi dobbiamo prote- 
stare contro quest’atto di violenza, e altissima offesa al 
diritto, ed alla dignità del P.iese , e mostrarci fermi di vo- 
ler cooporire a far fVonte ad ogni costo a qualsiasi aggres- 
sione , che mentre disoiiorarcbbe fortemente la Francia , sa- 
rebbe , se tacesse, di più vile obbrobrio all’ Italia. Pensate 
all'onore del nome Italiano , pensate agl’ interessi della Na- 
zione, alla libertà che potressinio perd- re , al novello giogo 
straniero die potrebbe pesarci sul collo , e dopo ciò , o li- 
beri Cittadini risolvete. 

Dopo tale discorso che fu letteralmente inserito nell’at- 
to presente , i Consiglieri Carlo Evangelisti , Lelio Mobili 
Briganti, e Luigi Lenti fecero plauso alla parlata dell’An- 
ziano facente funzione di Priore , e dichiararono doversi 
concordemente mostrare fedeli alla Repubblica Romani per 
l’onore della Nazione Italiant , al che fecero e o in gene- 
rale tutti gli altri Congregati. 

Ad e'peri.mentare l’ unanimità dai pareri il Presidente 
<’cl Consiglio ordinò , die per alzati, e seduta si facesse la 
conferma dì questa dichiarazione , e tutti si levarono di as- 
soluta , e libera volontà. 

l 2 


Digitized by Google 



( ) 

Atto fatto nella Sala Co miniale , e chiuso alle ore 3ti. 
italiane previe le necessarie firme. 

G. Lenti Anziano ficenle funzione di Priore. 

Lelio Nuliili Briganti Consigliere. 

Luigi Lenti Consigliere. 


ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE E TRIMVIRI 
DELLA REPUBBUCA ROMANA. 

Municipio di Ginestreto 

La Francia che prometteva mediante la sua costituzio- 
ne , che la sua armata non combatterebbe giammai contro 
la libertà dei Popoli , oggi manda nella Nostra Repubblica 
navi , e soldati per ricondurci sotto il giogo del dispotismo. 
Questo fatto offende altamente l' onore c gl' interessi nazio- 
nali ; e r intervento non richiesto , nè provocato dalia ho> 
atra condotta viola il diritto delle genti ^ e noi perciò prò* 
testiamo 1n nome di Dio , e del Popolo contro 1’ inattesa 
invasione , dichiarando di resistere fermamente con tutti quei 
mezzi che possono essere in nostro potere rendendo malle- 
vadrice la Francia di tutte le conseguenze. 

Redatto , seduta stante , e votato per acclamazione in 
consiglio il giorno 3. Maggio i84g. 

Firmati s Giuseppe Betti Priore. 

Gaetano Mancini Anziano. 

Pietro Lazzari Consigliere. 

Non si sono firmati i consiglieri Eugenio Ardniai e 
Tommaso Angelini siccome illetterati. 

Per copia conforme ad uso d’ Ufficio. 

Il Priore Giuseppe Betti. 

Gio. Dormi Segretario. 


I 


Digitized by Google 


( ao5 ) 

' REPUBBLICA ROMATf A 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Comune di S. Lorenzo in Campo 
Oggi 3 o. Aprile iSig. 

A senso del Decreto della Commissione proTTisoria di 
Governo sull’ ordinamento de' Municipi del 3 i Gennajo i849* 
Tit. IX. art. 77 si è adunato in via d’urgenza il Consiglia 
di questo Comune di S. Lorenzo in Campo , composto de’ 
seguenti Cittadini : 

Francesco Amatori Priore. • ‘ 

Bartolomeo Paci Anziano. « 

Luigi Coli Anziano Assistente. 

Luigi Duranti Consigliere. 

Luigi Amatori Idem. 

Andrea Cali Idem. 

Ubaldo Coli Idem. 

Luigi Kabrizi Idem. 

Giovanni Persi Idem. 

Giovanni Antonietlì Idem. 

Giuseppe Galli Mancante. 

Gaetano Filippini Mancante. ’ 

Antonio Aguzzi Mancante. 

Lettesi le Circolari tanto de’Triumviri in data zi Apri- 
le 1849. diretta ni Presidi delle Provincie , come l'altra del 
Preside di Provincia del 26. detto mese num. 49^6 relati- 
vamente all’ invasione delle Truppe Francesi nel suolo Ro- 
mano , prese parola il Consigliere Luigi Amatori , e disse 
di protestare energicamente contro P invasione Francese , se 
viene come nemica , non essendo stata chiamata dalla Re- 
pubblica Romana,, come dalle dne Circobari' sopradette ren- 
dendone strettamente garante , e responsabile di qualunque 
attentato la Repubblic<\ Francese stessa. 

Noi obbediamo alla Legge , questo d obbligo di so- 
cietk. 

Fu approvata la suddetta parola , convenendovi per 
levata. 

Atto fatto questo di, mesa, ed anno soddetto. 
firmati = Francesco Amatori Priore. . 

Bartolomeo Paci Anziano.' 

i 3 - 


Digitized by Google 



( 206 ) 

IL MUNICIPIO DI S. LORENZO IN CAMPO 
Ha volato ad unanimità questo 
INDIRIZZO 

Ogni cuore Italiano , ogni CiUidino della Repnbblica 
Romana palpita e freme; giura , e protesta contro il viola- 
to dii'itlo delle genti dalla Repubblica Francese , che in op- 
posizione al suo statuto interviene armata mano nel nostro 
patrio suolo: cosi ancor noi figli di una istessa Famiglia so- 
lennemente protestiamo contro la minacciata invasione Fran- 
cese , c contro qualunque altra Nazione a noi nemica; sen- 
za alcun titolo di provocazione per parte nostra. 

Più scusabile sarebbe stato se i vicini Governi , segna- 
tamente Cattolici , fossero intervenuti al momento dell' ab- 
bandono del Pontefice per una supposta temuta anarchia ; 
ma quando un Popolo dopo le dovute sommessioni a un Prin- 
cipe , che parte , torna ad emanciparsi , e si costituisce , ad 
onta di un dispotico intrigo , in un libero Governo Repub- 
blicano , quali ripieghi « quali scuse , o Francesi vi diCTen-* 
deranno ? 

» Quello , che non piace a se non fare ad altri » Que- 
sta massima sola basta a far conoscere all' Europa intera , 
che la Repubblica Francese si renderebbe odiosa a tutte le 
genti. 

I Popoli della Repubblica sanno di esser liberi , e ri- 
conoscendo la Religione del Vangelo , rispettando il libero 
esercizio spirituale del Pontefice non temano della giusta 
loro causa. Iddio ci proteggerà , e noi uniti forti nei nostri 
doveri , sebbene inferiori di numero faremo conoscere , che 
siamo Romani ancora. 

S. Lorenzo in Campo 3o. Aprile i8Ì9> 

Francesco Amatori Priore 

Luigi Coli Cons. 

Bartolomeo Puci Cons. 

Luigi Amatori Cons. 

Andrea Coli Cons. 

Luigi Amatori Consigliere. 

Ubaldo Coli. 

Luigi Duranti. 


Digitized by Google 


( io7 ) 

Andrea Coli. 

Giovanni Antonietti. 

Luigi Fabrizi. 

Giovanni Persi. 

Per copia conforme ec. 

Il Priore Comunale 
Francesco Amatori. 


ALLA ASSEMBLEA COSTITUENTE 
E TRIUMVIRI 
della 

REPUBBLICA ROMANA 
n Municipio di Pesaro 

La Repubblica Francese nata come la nostra dal voto 
universale predicava amore e fratellanza fra tutti i popoli, 
e prometteva appoggio e protezione a quelli , che tenuti 
schiavi del giogo del dispotismo rivendicassero i loro dirit- 
ti. E noi, che li rivendicammo, ci vediamo ora minac- 
ciati da quella stessa Repubblica., o' suoi Governanti , ì 
quali ci mandano navi e soldati per ridonarci all' arbitrio 
del passato Governo , non potendo Noi illuderci alle fìnte 
parole della Diplomazia , ed alle ingannevoli sue proteste 
di amicizia. Se il Governo Francese intervenisse come ami- 
co per esser pronto a garantirci dalla forza brntale dell’Au- 
striaco e del Borbone , che ci minacciassero , unico caso 
che ci porrebbe in qualche perìcolo , avrebbe cominciato 
dal riconoscere la nostra Repubblica . L’ intervento non ri- 
chiesto nè provocato dalla nostra condotta , è contro il di- 
ritto delle genti ; e noi perciò protestiamo in nome di Dio 
e del Popolo contro l'inattesa ed ingiusta invasione , dichia- 
rando il nostro fermo proposito di resistere con tutti quei 
mezzi che possono essere in nostro potere , rendendo mal- 
levadrice la Francia di tutte le conseguenze. 

Redatto, seduta stante, e votato per acclamazione in pie* 
no Consiglio nella Sala Municipale lì 28. Aprile 1849. 

V. Hondedei Germani Gonfaloniere. 

/ 4 


Dìgitized by Googic 



Pietro Scaccini 
Andrea Ricci 
Cesare Stefani 
Alessandro Scalcucci 
Pietro Romei 

Consiglieri 

Antaldi Carlo 

Belluzzi Ludovico 

Betti Venanzio 

Bianchi Antonio 

Carnevali Remigio 

Cecchi Abdon 

Celli Giuseppe 

Mengaroni Pietro 

Pantaleonì Paolo • • * • 

Faolini Giovanni 
Fichi Pico 
RafTaelli Giovanni 
Riffelli Tommaso 
Ronconi Francesco 
Ceracchi Alessandro 
Fazj Antonio 
Fattori Domenico 
Foligno Prospero 
Gaj Camillo 
Gianoli Luigi 
Meli Emilio 
Rosà Antonio 
Schiavini Giulio 
Schiavini Giovanni 
Serra Carlo 
Sorchiotti Raffaele 
Spada Adolfo 

Odoardo Barilari Segretario 


( «o8 ) 
Anziani 


Digitized by Google 



( ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE , B TRIUMVIRI 

della . V 

REPUBBLICA ROMANA . . 7 
IL MUNICIPIO PI CANPELARA 
• PROVINCIA PI PESARO 

* ■ ' ■ ‘ 

La nostra posizione non é ponto dissimile da quella ,, 
In cui si rimane il Municipio Pesarese ^ che fìancbeggia ìt 
nostro Territorio. Ci è nota la protèsta da quel Municipio 
omessa solennemente nella Seduta del s8 stante centro Tina* 
tesa , ed inginsta invasione Francese del nostro ;uolo Re- 
pubblicano. Noi non possiamo » ne dobbiamo altrimenti 
operare;perchè l’intervento di questa Nazione non solo non fii 
richiesto , ma neraeno provocato dalla nostra condotta , e 
perciò contrario al diritto delle genti. Nell’ uniformarci 
pertanto alle deliberazioni prese dal Municipio Pesarese in 
quella Seduta , protestiamo in Nome di Pio « e dei Po- 
polo contro tale invasione , dichiaraqdo il nostro fermo pro> 
posilo di resistere con tutti quei mezzi , che possono esse* 
re in nostro potere ^ rendendo mallevadrice la Francia di 
tutte le conseguenze. 

Redatto , Seduta stante , e volato per acclamazione in 
pieno Consiglio nella Sala Municipale M 3o Aprile i849 
Giacomo Merli Priora 
Giuseppe Benucci Anziano 
‘ - Giovanni Ridolfì Anziano .. . 

CONSIGLIERI ' 

Giampaolo Angui! 

Ferdinando Giovanelli 
Bernardino Cecchini 
Celestino Gennari 
Giuseppe Ballarini 
Per Innocenzo Patrignani e 
Pionigio Stgnorelli illetterati 
Celestino Gennari di commissione 
Terenzio Rocchi Segretario 

. / 5 


Digitizod by Google 



( »10 ) 

repobblica romana 

Municipio dì Montemaggiore 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Previo invito ad urgenza per dare evasione al disposto 
nella venerata Circolare del Preside N 49*6 del a6 
te nel giorno di Lunedi 3 o Aprile »849 
ridiane si è adunato il Consiglio Municipale di Montemag* 
I^obO composto dei Cittadini 

j. Pierpaoli Angelo Priore 

а. Bartolucci Francesco ) /^Q^jani 

3 . Belli Giuseppe ) 

4 . Ricci Giuseppe 

&. Giammadei Mariano 

б. Londei Angelo 

74 Ordonselli Antonio 

8. Bartolucci Gabriele 
Cenarelli Sabatino 
)Q. Occhialini Luigi 
' li. Radi Pietro e 

la. Nori Giuseppe ^ 

Francesco M. Grigi-Pellegrini Segretario 

Mancò quantunque invitato il Coni. Fraticelli Pietro. 

L’Adunanza é presieduta dal lodato Priore Municipale. 

Si dichiara aperta la Seduta. . j 1 

Proposizione Unica s Lettasi la venerata Circolare del 
Preside di Provincia N. 4926 del 26 cadente con coi è stato 
accompagnato unDispaccio delTriomvirato in data 24 andante, 
il Priore Comunale ha invitato i Congregati ad esternare il lo- 
ro sentimento sull’oggetto da discutersi ; " 

Consigliere Ricci ha detto che essendo informato delle de- 
terminazioni prese dal Cornane di Mondavi© Capolnogo di 
Governo di dichiarare cioè affezione aU’attnale forma di 
eime, aducia nell’Assemblea della Repobblica 
ogni impegno pel mantenirneoto dell’opdine e della pubbli- 
ca tranquillità, gli piacerebbe che venisse nella stessa gmia 
risposto ai V‘’ti dell attuale Governo. ^ 

Il Cittadino Priore esternò convenire pienamente nella 
suenunciata mozione interessando i Congregati ad ammette- 


■Digitized by GoogU 


fili) 

re la proposta, che posta a partito fa lanzìonata con Voli 
farorevoli N. ii e uno contrario. 

Dopo di che si sciolse il Consigliò. 

Atto fatto, letto e chiuso il di ed anno sud. alle ore io 
antimeridiane. 

A. Pierpaoli 

Fimi. Giuseppe Ricci 
Angelo Londei 

F* M. Grigi-Pellegrini Segrel, 

Per copia conforme 
Il Priore 
A. Pierpaoli 

REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

MUNICIPIO DI CARTOCETO 

Nel giorno di Domenica Tentinove 29 del mese di 
Aprile dell'anno 1849 ^®tti precedere i soliti biglietti di 
cinamata a tatti gli attuali Consiglieri in via d'urgenza si é 
radunato il CoQiìglici di questo Municipio , composto dei 
Cittadini 

Alessandro Ottaviani Priore 
Serafìno Innocenzi Anziano 

3. Lorenzo Agostini 
2 . Giuseppe Cinesi 
5 . Angelo Biagini 

4. Mariano Boncj 

5 . Sabbatino Meogarini 

< 6 , Bartolomeo Bavagli 

7. Stefano Costantini 

8. Antonio Rondini 

9. Angelo Donini 

3o. Francesco Ambrosinì 
li» Vincenzo Chiandoni 
12. .Marco Carluppi 

L' onore della presidenza fu data all' attuale Priore 
Alessandro Ottaviani Bertozzi , quindi fu .aperta la pubblica 
Seduta ove si trattò qu<into siegiie. 


Proposta Unica 

■ Il Cittadino Preside di Provincia con sao circolare Dr- 
ipaccio N. 4926 del giorno 26 corrente mi ha dimostrato « 
che l’integrità del Suo'o Repubblicano è minacciata ond'é 
dell’onore c dell’ interesse di tutti di fare ogni sforzo per 
•al varia , e difenderla. Mi rimette in parilempo un Ordine 
Circolare del Triumvirato dove si addimostra, che la Van- 
guardia dì ana divisione Francese è in presenza del Porto 
di Civitavecchia , che il Forte è apparrecchiato a difesa ; 
che nessuna comunicazione è stato fatta dal Governo Fran- 
cese a quello della Repubblica , che quali che sieno le 
intenzioni straniere a nostro riguardo T Assemblea , ed 
il Governo della Repubblica sapranno' compiere il dover 
loro , protestando anche con la forza contro ogni offesa 
al diritto ed alla snbblimità del P«i€3c , e che incombe a 
tutti di cooperare con an'mo risoluto all’ adempimento 
della missione comnne. 

Quindi fù data lettura della Circolare del Preside in 
data 26 Aprile, deH’ordtne del Triumvirato In data sti detto ' 
delia Protesta dell* Assen»blea Romana in data Aprile ‘ 
18X9 e di 'onà lettera del Circolo Popolare Fanese -IV. 09 
del 29 Apvile corrente» 

Inseguito progredì il Cittadino Priore in questi ter- 
mìni s Roma o Cittadini, nello spazio di ore riuni il 
voto dell’assemblea del Governo, della Guardia Nazionale, 
del Popolo , ed espresse questo voto con ogni calma , so- 
lennità, e dignità propria del Popolo Romano. Tocca ora \ 

a noi tutti di seguire 1 * esempio dell’ eterna Città per far | 

vedere che siamo degni di portare il Nome Italiano. Chitin- ; 

que rifiutasse di prestar adesione all’ attuai forma di Go- . [ 

verno tradirebbe certamente quel solenne mandato che ! 

gli venne affidato dal Popolo quando io elesse a pubblico ! 

Municipale Rappresentante. Noi pure , che all’ alto dell’ j 

Assemblea Costituente per la nomina dei Rappresentanti ' 

abbiamo da^o un documento pratico della nostra fede poli- ì 

tica oggi siamo chiamati a rispondere degnamente e con j 

libere espressioni al volo del Popolo. Quindi invito Voi f 

tutti o Cittadini a fare la manilestazione solenne del vo- ! 

Siro voto che deve essere degno di un vero italiano: e in ta- 
le occasione disidercrei d’intprpellare subito questa compagnia 
Nazionale e pf>r essa il suo Comandante onde assieme con 
Noi sull’ esempio di Roma solennemente esprima la sua 


DIgitized by Googl* 


( sj3 ) 

volontà di adesione verso i! Governo della Repubblica 
per difesa della Patria degli Stati Romani , e della nostra 
libertà. Su tutto ciò vengono pregati ad esporre il loro pare* 
re tutti ì Congregati perchè io posso formulare la relativa 
proposta 

Il Gittadino Lorenzo Agostini prese parola nei segueQ>^ 
ti termini s Se lo scopo dell’intervenlo Francese è diretto a 
ripristinare il Governo temporale Clericale, io protesto for> 
malmente contro questo intervento s 

Stefano Costantini domandò la parola , e dichiarò di 
uniformarsi intieramente alT opinione esternata nella sua 
arringa dal Priore, nel cui sentimento convennero tutti i 
Congregali , per cui il Cittadino Priore fìi invitalo a for- 
mulare la proposta , che espresse in questi termini: 

Se piaccia , o no di aderire alla protesta emessa 
dair Assemblea Romana , ed essere pronti con ogni forza 
morale , e materiale , per quanto è in nostro potere a difen« 
dere la indipendenza nel presuposto pericolo dMnvasione, 
e fare qualunque sforzo per sostenere la nostra libertà , ed i 
diritti del Popolo. 

La proposizione venne approvata per acclamazione , e 
per levata generale. 

11 Popolo intervenuto applaudì clamorosamente , e 
fra gli Evviva alla Repubblica Romana si allontanò dalla 
Sala. 

Dopo ciò si è terminata la Sessione i e sciolto il Con- 
siglio. 

Fatto, letto, e chiuso il presente atto in Cartoceto alle 
ore venti del giorno , mese , ed anno suddetto. 

A. Ottaviani Priore, e Capit. della Guardia Naz. 

S. Innocenzi Anziano 
Mariano Bonci Consigliere 
Marco Cariucci Consigliere. 

Per copia conforme d* Offìcio. 

INiccoIa Perozzi Segretario Pubblico 


’( ^'4 ) 

ALL' ASSEMBLEA COSTITUENTE ROMANA 
IL POPOLO URBANIESE 


L'inaspettata invasione Francese del territorio della no- 
stra Repubblica in onta al diritto delle Genti e della Libertà 
di un Popolo concorde e civile , ha vivamente commosso ed 
indignato ogni ordine di Cittadini . Le armi della generosa 
Nazione Francese sempre adoperate a sostegno della umanità 
e dei Popoli , vengono ora tramutate in istromento di rea- 
zione e di dispotismo. Voi, Cittadini Rappresentanti prote- 
staste nella seduta del giorno zb aprile contro silTatto inter- 
vento : la Vostra voce ripercosse da un capo all' altro del no- 
stro Stato , e tutti fremono contro l'indegno attentato , che 
mira a rialzare il tirannico dominio dei Preti , ed a distrug- 
gere una Repubblica , la quale ad imitazione di quélla di Fran- 
cia , sorti dal suffragio spontaneo ed universale dei Cittadini. 
Quindi noi pure intendiamo di pienamente aderire alla Vo- 
stra protesta , e di essere parati a tutto per sostenerla anche 
coi fatti e con ogni sorta di sagrificj : mentre il mandato , 
che vi venne conferito non fu opera di una minorità , ma 
dell’ universale del Popolo ; e la forma di Governo , che 
proclamaste nel memorando giorno 9 febbrajo era nel voto 
di tutti. 

Votato all’ unanimità dal Circolo Popolare nella gene- 
rale sedata del 29 aprile. Dal Consiglio Municipale nella tor- 
nata del So. Dalla Guardia Nazionale nella pubblica adunanza 
dello stesso giorno. 

Pel Consiglio Municipale di Urbania 


La Magistratura 
Giuseppe Matarozzi Gonfaloniere 
P. Tagliaboschi 
V. Albertucci 
F. Baldoni 
L. Marsili 


Anziani 


Per la Guardia Nazionale Pel Circolo Popolare-ll Comitato 


Gesualdo Bonucci Tenente 
Colonnello 

Agostino Marforj Capitano 


Luigi Cionnini 
Tacconi Mariano 
Bigini Giovanni 


Digìtized by Google 



( aiS ) 

GUARDIA NAZIONALE 
BATTAGLIONE DI FANO 
Compagnia di Cartoceto 
CITTADINO PRIORE 

In riscontro al Tostro foglio d’oggi stesso ; noi qoi sot- 
toscritti ufficiali di questa Guardia Nazionale vi dichiaria- 
mo di esserci pienamente occupati d’interpellare questi sotto 
Officiali, graduati, e comuni , se volevano uniformarsi 
alle proteste emesse dall’Assemblea Costituente in data ei. 
Aprile 18Ì9 coittro qualunque invasione straniera . Questi 
pienamente vi aderirono , di più sì esternarono essere di 
deciso volere difendere colla forza materiale y e morale i 
diritti dei Popolo , e della Repubblica Romana , promet- 
tendo di mantenere l’ordine , e la pnbblica tranquillità. 

In questo incontro mi ha sommamente piaciuto ma- 
nifestarvi tali loro , e nostri vivi sentimenti , nel mentre, 
che con particolare stima, vi rendiamo il salato della fra- 
tellanza. 


1 Cittadini 

Giuseppe Costantini Tenente ff. dì Capitano 
Pompilio Tonelli Tenente 
Zeffirino Giommi Sotto Tenente 


Digitized by Google 



\ 




(516) ■* 

REPUBBLICA ROxMANA ^ 

f 

GUARDIA NAZIONALE DI PESÀRO ! 

t 

La nostra istitozione viene dalla Nazione , c la nostra 
Arma ne porta il some. Quindi difendere la indipendenza del- 
la Patria dallo straniero , conservare i diritti riconquistati | 
dal Popolo è nostro sacro dovere. Ed ora che dalla Francia i 
vengono armati ad occupare le terre .che rivendicammo alla 
, libertà , noi accesi dall’ amore di Patria , dall* onore di 
quest’ Arma che imbrandiamo , facciamo alta protesta 
avanti a DIO , avanti agli Uomini liberi contro 1* ingiusto 
attentato che minaccia le libertà nostre e la nostra indipen- ] 

denza. Potrà vincerci la forza , ma sopprimere \ nostri di- j 

ritti non mai , e 1’ onte e le offese d’ un ingiusto Governo 
saranno vendicate dal Popolo della grande Nazione , c dal 
gìudicio deir Europa intera. ^ 

PESARO 28 APRILE 1849. 

Francesco Zanucchi Maggiore ff, di Tenente Co- ' 
’ lonello. ^ I 

Domenico Guerrini Capitano ff. di AjulanteMag- i 
giore. ‘ 

Luigi Matteucci Ajntante, Maggiore Sanitario 
Giacomo Asiari Chirurgo Aiutante Maggiore 
Gaspare Berteioni Capitano aggiunto allo Stato 

Maggiore 

Giovanni Marzetti Tenente Qnartier Mastro ' ? 

Giovanni Schiavini Sotto Tenente Porta bandiera 
Giuseppe Bruscoli Ajulanle, Sotto Ufficiale ! 

Gaetano Gavazzi Sergente Tarn burro 
Luigi Gelsi Capitano 

Antonio Fazì id. ^ j 

Giulio Schiavini id. . * 

Ernesto Ridolfi id. 

Cesare Vidin id. 

R. Rosaspina id. 

Giuseppe Marzetti Tenente '' 

Ferdinando Ciani Tenente 
Odoardo Barilari id. 

Ciro Antaldi id. 

Luigi Granosi id. 

Vittorio Meli id. 

Enrico Berarducci id. 


Digitized byGo< 


( ^17 ) 

Sante Zaghi id. 

Pietro Mongoroni sotto Tenente 
Gustavo Crescentini id. 

Luigi Asiarì id. 

Domenico Gradari id. 

Felice Sartini id. 

Antonio Bianchi id. 

Antonio Mazza id. 

Giuseppe Celli id. 

Pietro Lazzani id. 

Niccola Fuchetti id. 

Francesco Gennari id. 

Pesaro 28. Aprile i 849 « 

Visto perla verità delle firme 

II Preside 

A. M. CATTABEWI 


Pesaro 28. Aprile 

CIRCOLO POPOLARE DI PESARO 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO . 

Il Circolo Popolare di Pesaro radunato in generale adu- 
nanza la sera del 27. corrente aprile ha protestato alla pre- 
senza di Dio e degli Uomini contro qualunque attentato 
straniero verso il diritto è la dignità dello stato Romano . 
Come e perchè noi ci costituimmo in Repubblica è inuti- 
le ripetere t ora essa è un fatto voluto dal Popolo che ab- 
bandonati dal Principe scelse con suffi-agio universale que- 
sta forma di reggimento : è un fatto accettato dal Popolo 
che in onta alle arti della diplomazia non fé alcun tentati- 
vo per rialzare il caduto potere ; e il voto del nostro Po- 
polo , e le sue decisioni sono risepttabili e sacre al pa- 
ri di quelle dei Popoli più forti e temuti. Oggi in nome 
della libertà , e della pace la Francia che poneva il prin- 
cipio deir indipendenza e dell’ autonomia delle Nazioni ten- 
ta promuovere tra noi la reazione, e ricondurci sotto il go- 
verno dei papi . Ciò che il nostro Popolo debba al papato 
lo narra la storia di molti secoli, io dicano i sacrifici! lieta- 
mente incontrati da parecchie generazioni che s’immolarono 
per atterrarlo. 


j 

c 

Quanto esso sia incompatibile col progresso della ci- 
viltà , mo<trollo la trista prova di una costituzione che ap- 
plicava all’ ordinamento sociale il principio dell’ immobilità J 

della Chiesa. Noi non potevamo credere che la Francia vo- f 

lesse sconoscere la sovranità del Popolo rinnegando i prin- | 

cipj che essa h.i proclamati a prezzo di sangue tanti di ! 

tanti migliaja de’ suoi figliuoli noi non potevamo credere j 

che i soldati di una Nazione civile , di una Repubblica | 

pa;essero diventare gli oppressori della libertà , gli strumen- 
ti di una restaurazione, gl' sgherri dei preti. l 

Ma poiché questo fatto sta per consumarsi , innanzi j 

a Dio ed a tutte le Nazioni civili del Mondo , noi prote- 
stiamo contro r ingiustizia e 1’ iniquità di un tanto abuso 
della forza brutale , lasciando alla storia il giudizio di que- 
sta nuova vergogna dei governi francesi , al governo fran- 
cese la responsabilità di tutte le ctusegnenze che ne potes- 
sero derivare, al generoso Popolo francese li santa eredità 
di vendicarci. 

Votato ad unanimità li 27. A]}i ile iS.'ig. 

Pesaro 28. Aprile ' Bag- 
li Comitato Direttore del Circjlo | 

( Seguono le firme ) j 


IL CIRCOLO NAZIONALE URBINATE 

Una flotta Francese' stà innanzi al porto di Civitavec- 
chia ; e senza essere stata provocata dal Governo di Roma 
né da alcun pericolo di anarchia , senza aver significato il mo- 
tivo del suo intervento , minaccia d' invadere il libero territo- 
rio della nostra Repubblica . 

Nazioni tutte d’ Europa ! In nome di DIO SOLO P.A- 
DRONE NEL CIELO, e del POPOLO UNICO SOVRANO 
SULLA TERRA; 

In nome della dignità nazionale , del diritto delle genti , 
e dell'umanità, 

IL CIRCOLO URBINATE 

Protesta solennemente contro una tale invasione , ed alta- 
mente dichiara che non riconoscerà giammai vertin altro 


Digitized by Google 


■■( -219 ) 

Governo se non quello proclamato dai legiltlnii Kapp'reserì'- 
tanti delle Romane Popolazioni , e sarà sempre irremovibile 
nella coscienza e nella forza degli eterni diritti del Popolo. 

Votato ad unanimità la sera del 28. Aprile i849> ’ P^'mo 
della Repubblica Romana, 

Il Consiglio Direttivo 

» 

Crcscentino Prof. Grifoni Presidente , ! ' 

. Federico Giammartini Consigliere 

Vincenzo Dott. Romani Consigliere ' 

Elio Ing. Perotti Consigliere ; . 

Francesco Dott. Giammartini Consigliere . ' . 

Arcangelo Lazzari Consigliere 
Giambattista Prof. Pericoli Consigliere ’ | 

Tito Palma Cassiere 

Ni ccola Guerrieri Economo ' ' 

Luigi Dott. Alippi Segretario 
Francesco Massajoli Segretario 

Gaetano Duranti Vice Segretario l- 

Carlo Mcnghini Vice Segretario 

, « 

Il Municipio Urbinate , nella Sessione Consigliare del * 
Ji8, Aprile suddetto , si uni ad unanimità di suffragi alla ener- 
gica e dignitosa Protesta emessa dall’ Assemblea Romana nella 
Seduta del giorno 


CIRCOLO POPOLARE DI CAGLI 
^ PROTESTA 

L’ Intervento Francese testé avvenuto nella Repubblica 
nostra, é l’espressione di un fatto quanto .inaudito , ed ina* 
spettato, altrettanto violento, ed ostile. 

Quella Francia, che per erigersi in Repubblica .mise in 
Li'ga ùn Ré, e sparse fiumi di sangue non.aucoi^a rappreso,* 
mette oggi piede nostro suolo senza preventivo amiche- 
vole avviso, e senza avere voluto riconoscere in antccedeo* ‘ 
za i nostri Rappresentanti. La ^nostra . rì.vòluzìone , se cosi 
può dirsi, fu invece la conseguenza dell’ abbandono' sponta- 
neo di un Principe richiamato ai suoi primi destini ; e la 
forma del nostro Governo fu il risultato pacifico ngualriien' 



( «® ) , ; 

cha Itgal* del voto del Popolò, e comparativamente mag* 

fiore I quello della Francia istessa. IVoi adnnqae non,pofi* 
' fliamo avere in btiona parte questo modo di procedere del 
Governo Francese , come non siamo punto rassicurati dai 
suoi misteriosi discorsi. £ ben ci fk meraviglia, ed altamen- 
te ci sorprende , che chi doveva rispettare , e proteggere i 
aacri diritti delle Genti , pel primo li spezzi, e li conculchi. 
Ci giova lo sperare però , che la valorosa JVazione male in- 
formata dalla Diplomazia delle cose nostre, riparerk 1 ' onta , 
che ci vien fatta. I Diplomatici orgogliosi , e despoti , che 
sempre avversano la libertà dei Popoli , ci dipinsero alla 
Francia più studiosamente , che alle altre Nazioni come un 
pugno d‘ Insorti ^ e di Faziosi , provocatori di disordini , e 
di anarchia, e vi trovarono facile credenza , il perché fum- 
mo più volte tacciati di Demagoghi , anziché di veri Re- 
pubblicani. Ma or sappia il Governo di Francia , e tutta la 
sua generosa Nazione , e ben lo sappia per mezzo di quelle 
stesse Truppe , che ha qui inviate , per rimetterci sotto la 
servitù dei Papi , che non siamo altrimenti un pugno di 
Faziosi , o una Repubblica di Assassini , come impudente- 
mente asserisce il Signor Molé, ma un Po|k>Io maturo, uni- 
to, e compatto, che vuole essere libero ad ogni costo, per- 
chè tale é per natura, e quindi protesta in faccia a tutto il 
Mondo contro qualunque attentasse a quella Libertà , che 
Iddio ci ha data. 


Viva la Repubblica Romana 
Votata ad unanimità li 29 Aprile 1S49. 

Il Presidente 
A. Braiicuti 

Ugo David Segretario 


' ' . CIRCOLO POPOLARE IN FOSSOMBRONÉ 



: Quésto Circolo , che espriniè 1 ' opinione Utianimé leale 
• sincera dei buoni Cittadini , esultò alla inaugurazione dej- 
la Repubblica Romana , poiché per essa vide folta da Italia \ 
nostra la temporale potenza del clericafo , cbé cvesciuta ne' 
vizi fino dal secolo di Petrarca e di Dante fù pef istituto 
nemica costante di libertà é di nazionalità. , 

.Una Costituente scelta dal libero voto di Un pòpolo re- _ 
dento I adempì al suo mandato con riprendere dai papi quel 


Digitized by Google 



("* > , , 

potére che con arti crudeli nella ignoranza dei bassi tempi 
,ateTano. usurpato. 

La feliciili; nostra , i nostri voti , i nostri bisogni! , una. 
lacrimevole esperienza ci hanno per sempre separati dallo 
scettro terreno del ponteficale dominio. IN^oi raccapricciamo 
nel pensiero che una nazione generosa , la ^uale fra lotte 
di eangoe infranse il trono de'saot despoti, oggi mandi schle* 
re a violare il diritto delle genti . Iddio ci creava arbitri 
dei nostri destini , e noi vogliamo essere liberi : lo stra- 
niero non deve imporci patti crndeli e disonorevoli. La no- 
stra Costituente, i nostri Deputati hanno protestato contro 
alla violazione del dritto delle genti ; noi unanimi la no- 
stra alla loro voce aggiungiamo: noi siamo repnbblicani , 
lo saremo fino alla morte ; né 1' abborrito scettro Sacerdo- 
tale percuoterà mai in avvenire la dignità di Cittadini nel- 
le più vitali sne parti senza essersi per noi consumati tut- 
ti i mezzi di una generosa e disperata difesa . Per Dio ! 
bion siamb noi una fazione, tua siamo un popolo che una 
volta oppresso reclama contro ai violati imprescrlttìbiU di- 
ritti di libertà, e nazionalità. 

. Deliberato ad acclamazione unanime nella tornata 2 ?. 
ilpvile 1 849- 

‘Il Consiglio Direttivo 
Antonio Chisvarelli Presidente 


Pierluigi Cenciatti 
Luigi BofToni 
£rcole Hcrcolani Capali! 
Obcrhoitzer Andrea 
Augusto Girelli 
l’ilippo Casoli ' ' 
RafTaéle 


Consiglieri 


le i^vv.- Bt 


RafTaéle Avv.- Brunetti Segretario 
Gaetano Polidori ) è .» c 
Domenico Berardi ) 


J 

AL DEPUTATI DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE ROMANA 
l i <- 1 ;. [ i' IL CIRCOLO^^MONDAVIESE 

- ; : 1 - ' - 1 ; ■ r ' 

i tA 'loui i Miinicipii dello Stato i Tré che sceglieste al 
Governo ^élla cosa pubblica si volsero, al momento che. 
In straniera • invasione era per porre in periglio la nostra li- 
bertà,. addmvaiidando.che ogmmo rispondesse degnamente eoa 

m 




Digitized by Google 



(f aaa ) ^ 

solenni ■ manirestazioni al voto de* ropqli. Il nostro Circolo 
non frappose 'ritardo, decretando nel 28. Aprile nn'indirizza. 1 
al generale consiglio ,■ perchè coerente ai principi! spiegati j 

da! g. Fehbrajo in poi » volesse mostrarsi nelle dcliberazio-i I 

ni da prendersi verace italiano , sostenendo per quanto eras I 

dato r onore della patria nazionalità. Nel giorno stesso a tale 1 I 

invito fatta mozione' ai pubblici Rappresentanti , se piaceva' ' 

doversi inan'ienere i fatti compiuti e di raffi Jarsi in quanto < 
provvidamente sarebbe per determinare codesta Assemblea,' 
cooperando al mantenimento dell’ ordine e della pubblica . | 

tranquillità , unanime fù il responso dell’ Adunanza, sanzio* 
nato in ogni parte dal segreto sqnittLnio. Quello che le Pro- 
vincie hanno deliberato a parole, ne’ momenti stessi a prez- 
zo di sangue è stato da tuttp Roma suggellato co’ fatti , on- 
de il Circolo si vede in bisogno di esternare la propria ri- 
conoscenza alla generosa fermezza de’ figli di Bruto che nel. 
respingere dalle mura di Quirino 1 ’ ingannato Straniero han- 
no anche una volta- mostrato non esser spenta ne’ petti ita- 
liani la virtù romana. Abbansi dunque tutta la gratitudina | 

di che son mcvltevoli e che noi degnamente non abbianx S 

modo di offerirgli e Voi , impavidi Rappresentanti , mante- [ 

nete fermo , come faceste fin qui l’ onore nazionale. Certo i 

che altre prove e foiose maggiori verranno a cimentare l’aquì- i 

la latina sul Campidoglio, ma non deporrà essa il fulmine i 

se non quando i nemici dejla Patria, conquiU morderanno , 

la polve della sacra terra. Nói siamo pochi , Pad ogni appello 
volenterosi correremo contro le file nemiche a chiarire qual 
buon volere ne animi per la difesa della Repuhlica. Stanno 
a caratteri di fuoco registrate nel cap. 8 . del lib. l. dei Rè ^ 
le dissaveniure che conseguitano un governo dispotico: il 
profetante SacHuello , non potè 'vincere la caparbietà degli | 

Ebrei , ché‘' fatti cièchi, nel proprio desio , rifiutando la : 

teocrazìa , Voliera loro malgrado la regale dominazione e ti j 

ebbero Saul. E noi che abbandonati dal Rè Sacerdote , ri- ' 

masti in balia di un governo di fatto , evitata Dio merci I 

1' anarchia , giugnemmo a mezzo del voto universale a costi- 
tuirci r attuale governo-, inteso a rendere P eguagUanza frk i. j 
popoli', là’ nazionalità all’ Italia, 1’ attuazione de’ principii int- 
mortali del cristianesimo alla civile società , noi pìegaremo la , 
cervice ad una restaurazione clericale^ Mai nò , mai nò , fin- 
cliè Dio ne accorda di respirare quest’ aure del giardino di 
Europa! Clic anzi gridarémo vergogna a chi disertava la cau- 
sa santissima della indipendenza,, vergogna a chi non volle 
èsser figlio generoso dì Lei che le avea posta nn* aureola di '■ 


. Digitized by Coogle 


t • . . C ^23 ) 

g oria imperitura , vergogna a chi sconosce il proprlorfove- 
re , vergogna all Italiano che smentisce il nome Italiano, 
rorti del principio della Libertà , da Voi proclamata su i set- 
te colli , e che fino agli estremi dovete sostenere immaco- 
lata , Siam pronti ov’ occorra , a darle battesimo del nostro 
■angue. Imponetelo , e da questa pendice , chi ne sopravvi - 
va , ripeterà 1 anatema di Giulio Secondo contro chiunque 
sia amico o nemico , ne insidia ed avversa. 

Via lo Straniero 
f^iva r Assemblea 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 
J^iva r Italia. 

Votato per unanime acclamazione nella straordinaria tor- 
nata di Lunedi I, Maggio iSig. 

Gaspare Giorgi Presidente 
Luigi Giorgi Vice Presidente 
Giipeppe Giorgi Consigliere 
Luigi Betti Consigliere 
Cesare Malaguti Consigliere 

Vincenzo Gigli Segr. 


CIRCOLO POPOLARE DI S. ANGELO IN VADO 

Per rispondere alle calunnie di chi cerca pretesti per 
opprimere la Patria nostra , il Circolo Popolare Vadesc di- 
chiai-a innanzi al Mondo , che i POPOLI della REI’UBBLI- 
CA ROMANA , non ostante le difficoltà di cui non si eblicr 
mai le maggiori, sono stati semp u e toro 11’ ordine e 
nella concordia ; èd affidato nella coscienza e forza dei sacro- 
MiUi diritti del Popolo , ..solennemente protesta in nome di 
IO e degli UOMINI contro Tinattcsa invasione Francese , 
riportandosi interamente alla protesta fatta il giorno ab aprile 
corrente dall’ Assemblea Costituente eletta dal libero suffragio 
del Popolo , in cui riconosce il vero e legittimo Potere So- 
vrana. 

" Sia salvo l'onore del nome Italiano 

m z 


Digitized by Google 



( «24 ) 

V’^otato ad unanimità oeU' AssembU* generale del 3 o apri* 
le 1843 

IL COMITATO 

Giovanni Berardi Presidente 
Parmmio Amodei Deputato 
Berardo Berardi Deputato 
Gieuna Vicini Deputato 
BafFaele Ridarelli Segretario 
IViccola Bellocchi Esattore 


CIRCOLO POPOLARE CUPRENSE 

Nella tornata Straordinaria d' urgenza oggi tenuta , il 
Circolo ha preso unaniniamente quest' interessante risolu- 
zione. 

Il Circolo vista la protesta delf jUsemblea Costituente 
Romana del giorno 2& Aprile , e sul giusto esempio degli 
altri Circoli dello Stato , aderisce pienam ente alla suddetta 
protesta , dichiarando di voler concorrere per quanto è nelle 
sue forze, alla salvezza della Repubblica» 

VIVA Lk REPUBBLICA 


Dilla Sala del Circolo Popolare Cuprense 
Massaccio 2. Maggio i 849 * 


IL comitato 

LEOPOLDO DAVID PRESIDENTE 
RINALDO ANGELINI VICE-PRESIDENTE 

CONSIOLIERI 


GIUSEPPE SOUaNI 
AGABITO AGABITI 
DOMENICO VECCHIARELLI 
LEONARDO CERIONI 

Serafino Menicucci 
LUIGI bartolini 

ERMOLAO RINALDI Segretario 
ENRICO DOTTORI Vicc^egretarin 


Canierì 


Dìgitized by Googic 



( 2«5 ) 

PROTESTA DEL CIRCOLO DEMOCRATICO 
DI PERGOLA 

CONTRO L’INVASIONE FRANCESE 
NEL TERRITORIO 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 

Il Circolo Democratico di Pergola vivamente commosso 
dall’ invasione delle truppe Francesi sul territorio della Re- 
pubblica Romana , mentre dichiara , che non solo con tale 
atto viene a violarsi il diritto delle Genti , c la tranquillità 
del nostro Stato ; ma si eccita altresì alla discordia , cd all' 
Anarchia un Popolo , che vuò ad ogni costo o vivere , o mo- 
rire Repubblicano ; in nome di Dio , e del Popolo protesta 
contro la inattesa invasione, e dichiara di resistere con ogni 
forza , odi làr sagrificio anclie della vita per sostenere il Go- 
verno della Repubblica . 

Votato all’ unanimità nella seduta straordinaria fatta ad 
urgenza il di z8 Aprile 1849. 

Il Vice Presidente 
Vincenzo Bertiboni T. Col. 

Ascanio Sincosi Tenente Cons. 

Luigi Franceschini Consig. 

CarloMarini Consigi, del Circolo e Tea. 

Giuseppe Orsini Cons, 

Secondo Domenichelli Cons. 

Teopompo Briganti Cons. 

Francesco Salvadori Cons. 

Luigi Bonacci Consig. Economo 
Gabriele Fronduti Segretario 
Carlo Dr. Geronzi V. Segret. 

1 Carlo Lattanzi 

2 Ugo Oomcniconi 

3 Geronzi Modesto Caporale 

4 Paolo Ginevri Sargente 

B Merolli .Antonio Sargente 

6 Tutori Giulio Serg. Mag. 

7 Gasparini Francesco 

8 Filippo Fidani Sarg. 

9 Badiali Alessandro Cap. 

10 Bom prezzi Achille 

1 1 Santino Roja 

12 Ragni Girolamo Caporale 

1 3 Luigi Bianchi 

m 3 


Digitized by Google 



( ) 

1 4 Nicola Mol inari 

1 5 Ermenegildo Ginevri Possidente 

1 6 Biagio Ginevri 

37 Leondeo Droghini 

18 Gngliclmo Sensi ^ 

19 Giacomo Gianucci . 

20 Luigi Merolli Caporale 

21 Marchetti Laute 

22 Silvano Donino 

23 Mario Rinolfi 

24 Giuseppe Rufini ^ 

2& Pietro Specialbelli 

26 Domenico Barbanti 

27 Giusto Cappaniiii 

28 Orso Orsini 

29 Marco Piergiluca 

3 0 Ubaldo Orlandi possidente 

3 1 Nicola Orlandi poss. 

32 Sebastiano Belli 

33 Luigi Giannini Tenente 
54 Filippo Lazzari possidente 
3 d Sante Sabbattucci Artiere _ 

35 Vincenzo Sabbattucci artiere 

37 Emilio Primavera Possidente 

38 Alessandro Muzzi Possidente 

39 Fulvi Giuseppe Ajut. 

4 0 Gio: Batta Balduzi Possidente 

4 1 Latoni Orazio Tenente Civico 

42 Gio; Balta Pompei Orefice 

43 Mauro D. Leonardi Off. San. 

44 RalTaelle Mariniti 

45 Valerio Feduzj Artiere 

46 Domenico Ramajoli Capor. 

47 Giovanni Diamantini Caporale 

48 Paolo Franccschini 

49 Luigi Albatini Caporale 

bo Ercole Barbante 
5 i Giuseppe Marcelli 
&2 Pietro Rocchetti Possidente 

53 Luigi Verzolini 

54 Cesare Gentilin} 

55 Luigi Filippini Tenente 

56 Raftaelle Donsignori 
&7 Giovanni Conti 


Digitized by Google 



*8 Giacomo Magi 
69 Leopoldo Simili Sedente 
60 Natale Sebbri Possidènte 
01 Fazi Domenico Artiere 
oa Leone Pannefli 

ff Gioacchino SJpàcatelli 

«4 Giovanni Mariani 

65 Annibale Paoloni 

66 fto^ce di Giovanni ThaétlT 

67 Gio: Vallerani ^ ^ 

68 Agostino Bianchi ' 

Padovani caporale 

70 Gaetano Massoni 

71 Domenico Marchetti 

72 Francesco Domenichelli Gap. ^^,2 

73 Gaetano Gamberi 

74 Domenico Albertini 

75 Filippo Meschini 

76 Agostina Brunorj 

77 Gaggi Carlo 

78 Davide Pandini 

79 Angelo Valeniini negoziante 

80 Salvatore Stefanini possidente 

81 Moraschim Demetrio Ministro 

2 Pellegrino Vitali possidente 

00 Giovanni Feligelti 
84 Andrea Cherobini 

Cmsolani Negoziante 

86 Filippo Fratini Molinaio 

87 Mosi Camerini N.gozianle 

88 Gio: Battista Cameleiti 

89 Luigi Tonucci iVegoziantc 

90 Mantelli Mai iano Serg. Magg. 

91 Baldetti Ferdinando Caporale 

Francesco Sartore 

1 Ji' Bernardirfo Baldeitl ilhtt 

o5 Agabito 

95 Cro^ice dt Antonio Colombini 
G’ -DU Gnazzugli 

Tenente 

98 Norceri Raftaele Tenente 

Tcneate 

loo Venceslao Ceramicoia Sargente 
>01 Liberale Omini Sergente ” 


Digitized by Google 



( ) 

IO? Andre» Valentioi 

10 3 Nicola Fabbri Artiere 

10 4 Pietro Mozza 

ioE> Augusto Rossi Possidente 
iq 6 Giovanni Lombardi 

107 Carlo Mercuri Calzolaro 

108 Picinetti Francesco Capo di Bitteg» 
Alessandro Guazzagli Possidente 

”110 Gemini Pasijuale 
in Luigi Stella Possidente 
il? Secondo Paladini Possidente 
ii 3 Domenico TanganeUi poss. 

Santi Luigi 

1 l 5 Francesco Barbanti Possidente 
u6 Giuseppe Vici possidente 
“i Yy Vitaliano Scoppa Studente 
il» Annibaie Malazampa Scgr. Comun. 

I iQ Rossi Giovanni Possid. 

120 Secondo Bartoli Possid. 

121 Antonio Tomassetti Negoziante 

122 Batlaglini Antonio Possid. 

VaS Domenichelli Francesco 
I2Ì Agostino Romano 

12Ò Niccola Graderei Fattore 
126 Romualdo Magi Possidente 
Rosa Secondo Villico 
Crocce di Saccorotti Giuseppe Artista 
lag Franceico Cappannini Artiere 
T 3 o Carlo Giannini Possid. 
i 3 i Niccola Tcrardi Fattore 
Antonio Giannini 
i 55 Francesco Orici Possidente _ 
l 54 Secondo Casanova Facocchio 

1 35 Crocce di Venturi Filippo Artiere 

1 36 Alessandro Marini Tenente . • 1 

137 Marini Giovanni Sarg. Consigliere Municipale 
i 58 Clito Tonelli 

iSg F. Todani Cap. Ajul. Mag. 

\Jo Patrizio Filippini Possidente 

Giuseppe Francalucci Sarg. Mag. 
rji Rinaldo Natalini Sargente 
145 Luigi Castellani 

744 Giuseppe Maggi 

745 Andrea Viticelli Negoziante 


Digitized by ’joogle 


( 229 ) ' 

1^6 Vincenzo Colombari d} cappella 
1^7 Luigi Fulvj Sargente 

Gaetano Merolli ’ 

1^9 Marinelli Secondo ' 

* Raffini Secondo ferito in Lamlbardti ’ 
.t5t Ermenegildo EU>sa 
i&a Pietro Socj 

i 53 Secondo Albertini „• 

16 4 Pacifico Natalini 

J 55 Luigi Cannocci Sarg. Mag. 

»56 Pacifico Roselli 
15 ? Antonio Ubaldini 
i 58 Giuseppe Lazzari 
>59 Sabbatucci Sante ' ' ’ T 

Sensi Mattia 
161 Massiinino JFeduzI 
Francesco Bianchi 
|63 Paolo Nuzzi 
j 64 . Stefano Vici 

1 65 Giuseppe Orsini 
Filippo Giannini Sargente 
Giuseppe Fiorani 

»6S Francesco Bonoso 

*69 Rinolfi GlamLatlista 

170 Giacomo Pannelli 

YJJ Ponzo Natalia! Tenente 

i 72 Lnzi Gaetano Possidente 

* 7 ^ Giannini Pietro Consigliere Munipiple. 

> 7 i Francesco Orfei Artista 

175 Giuseppe Rinolfi 

176 Orsini Secondo Caporale 
> 77 Pietro Ciridonzi 

[il Tosti Ubaldo 
»79 Udoardo Sensi 
180 Michele Orsini 
»8i Raffaele Molinari 
i8j Gingolani Giuseppe 
>85 Annibaie Verzilli 
184 Mantelli Lnigi 
>85 Vincenzo Balduzi 
Ambrogio Marcelli 
•87 Croi^ce di Geremia Costantioi 
*88 Niccola Sabatucci 
«89 Giuseppe Pannelli 

m 5 


Digitized by Google 


190 Carlo CaldaMll! 

191 Duiiestante Sensi 
191 Bonacci Luigi 
J93 Mercuri Gianibat|ista 

Frau^sco Reggiani 
Luigi Rosi 
Francesco Salvadòri 

197 Gio. Ginevri Blasi Possid. 

198 Marco Fiticchj Botteg. 

199 Cappannini Demetrio Artiere 

200 Castellani Giovanni Lavorante 

201 Enrico Ortensi Fitturino 

202 Ipollito Natali 

203 Luigi Gereozi 

204 Crot^ce di Secondo Bottini 
20& Pietre Campolucci 

206 Crotìfce di Romualdo Scarpellini 

207 Felice Mariotti 

208 Antonio Bedini 

209 Alessandro Brilli 

210 Andrea Galiucci Artiere 

21 1 Luigi Bumhage Artiere 

212 Domenico Pietrelli Artiere 

2 13 Secondo Bombago Artiere 
21^ Crotjtce di Federico Ceci 

21 5 CroJjfce di Giovanni Archilei 

216 CroJjtce di Secondo Berbiconi 
2» 7 P. Andreoli 

218 Pi Prosperini 

219 Crotjtce di Casavecchia Gio. 

220 Giovanni Filippini Possidente 

221 Carlo Fiumicmi Possid. 

222 Paolo BrisighelU Possid. 

2t3 Niccola Marchetti Ort. 

224 Domenico Vincenzi Possid. 

22& Leonardo Fulvi Possid. 

226 Luigi Corradi 

2«7 Augusto Orlandi Ajutante Basa* UlT. 

228 Cmt^ce di .Adamo Toni illett. 

229 Felici Angusto 

200 Crotjtce di Sécondo Vitali illett. 

2Òt Gallano Ginevri Gros. Mag. i. 

2^2 Crocce ’di'Lnigi Vitali illett. , . 

203 Crocce di Ligi FrànceicoJIleU. . 



C ) . 

a 5 -i Crocce di Bnzigelii Pietro illett. 
a 35 Crocce di Albano Bianchi illett. 

236 Marchetti Gaetano 

237 Coci Domenico 

238 Crol^ce di Gaetano Rapini illett. 
a 3 g Tancredo Gentilini 

2^0 Antonio Franceschini 

24.1 Znccaroli Vincenzo 

2^2 Croì^ce di Mariano Valentin! 

243 Briganti Nicomede 

244 Crot^ce di Conti Filippo illett. 

245 Gaetano Ragni 

246 Secondo Orfei 

247 Pietro Brilli 
a 48 Ciro Norreri 
24 g Cesare Zardi 

260 Gasa Luigi Caporale 

261 Giovanni Vici 

262 Donzelle Barione 

2 65 Manlio Primavera Amministratore dèli’ ex Ap- 

pannaggio 

254 Agostino Simili Sargenle 

255 Nazzareno Albertini ' 

256 Gaja Bernardino 

257 Domenico Gregorj Calzolaio 
208 Giuseppe Gregorj Barbiere 
a 5 g Giuseppe Camilletti Calzolaio 

260 Croìjtce di Luigi Vitali Conciapel le illett. 

261 Ceneiticci Domenico Canino 

262 Secondo Guidabaldi Fornaro Cittadino 

263 Secondo Angelini 

264 Ubaldo Filippini Possidente 

205 Croȓtce di Endosio Attalevi illett. Falegnan.e 

266 CroJ^tce di Baratti Luigi illett. Conciapellc 

267 Crocce di Brunelli Domenico illett. 

268 RalTaele Oitaviani Studente 

269 Giovanni Ottaviani Possidente 

270 Raffaele Gasparini Caffettiere 

271 Giovanni Cherubini Possidente 

272 Crocce di Giovanni Rocchegiani Negozi.»* 

273 Giuseppe Viventi Negoziante 

274 Niccolò Casa vecchia 

275 Mariano Cecncci 

276 Ci o)J(ce di Michele Giubbi - 



( ) 

*77 Anicclo Federici 

*78 Giacomo Stcfaoellt 

*79 Domenico Rocch^iani Artiere 

s8o Tomcnaso Bucarelli 

*81 Giovanni Bucarelli Botteganle 

*8* Crocce di Luigi Fenteri Artiere' 

*83 Federico Campanelli Filarmonico 

*84 Crocce di Agoatino Ragni 

*8b Pasquale Berlicont 

286 Bartoli Raffaele Sarto 

*87 Croijtce di Pietro Camillori 

*88 Giuseppe Nori 

*89 Crocce di Luigi Cacciamani 

290 Giovanni Cingolani 

291 Croi^ce di Benedetto Albertini 
*9* Cro)^ce di Giovanni Grelli 
290 Croi^ce di Giovanni Berbiconi 
294 Angelino Ribaldi 

29Ò Giuseppe Zucparoli 

296 Francesco Spaccialbelli 

297 Cro)^(ce di Costantino Ligi 

298 Giovanni Giustini 

299 Domenico Capannini 

3 00 Gaetano PieraQtonio 

3 01 Paolo Pieraotonj 

302 Agostino Capannini 

3 0 3 Crot$tce di Francesco Casanova 
Sol Felice Fulvj Possidente 

Sub Stanislao Latanzi 

3 o 6 Crocce di \Siccola Nicolini 

507 Francesco Magrini 

5 0 8 .Croi^ce di Giacomo Staffieri 
309 Antonio Conta 

Sto Crotìtee di Antonio Ligi 
Si I Croìltce di Andjrea Ligi 
Si 2 Domenico Barboni 

3 1 5 Francesco Mancini 

51 4 VenceslaoFiduzi 

5 1 5 Fanucci Giovanni Possidente ' 

3 16 Celli Sante 

0 7 Raffaele Lazzari 

3 1 8 Ferdinando Bracci 

319 Achille Giubbi 
5*0 Giovanni Bambage 
3*1 Guglielmo Sabbatinì 



(^ 33 ) 

* * 

CIRCOLO POPOLARE DI SINIGAGLIA 

Da chi meno il potevamo pensare , la nostra Repub- 
blica è minacciala ! Le troppe Repubblicane Francesi ven- 
eono ad opprimere la Repubblica di Roma , vengono a re- 
staarare il dominio temporale dei Papi. Civitavecchia ha ce- 
pdto al losinghevol nemico ! ma Roma gli chiuderà le por- 
le ia sol viso : gli armati Romani combatteranno dalle mu- 
ra e dalle barricate , e ì Francesi vedranno , se gPIlatiani 
si battono per la loro libertà , s* è un pugno di faziosi che 
ha innalzato la bandiera della Repubblica. 

Intanto anche noi come protestiamo colla parolaxontro 
P ingiusta invasione > e l’indegno intendimento degl invaso- 
ri « cosi ci apparecchiamo a protestar con la forza. Il nostro 
Municipio ha solennemente giurato di difendere la Repub- 
blica : lo ha giurato il Battaglione IMazionale ; oro tutto il 
Popolo giura con tutta la forza dell anima dì^ voler esser 
sempre Repubblicano, Dalle mani del popolo Smigagliese si 
potrà forse togliere la bandiera della Repubblica, ma il 
sentimento del cuore non gliel potrà toglier nessuno. I forti 
possono per un .istante opprimerci , ma gli oppressi dopo 
brev* ora risorgono. Sulla nostra bandiera sta scritto — Dio 
c il Popolo - E Dio e il Popolo non hanno paura della rab- 
bia di pochi tiranni. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA ! 

Letto al popolo nella piazza del Municìpio il dì 29 Apri- 
le 1849 alle ore 11 antimeridiane» 

F. Dolt. LDDOVISI Presidenio 

GIROLAMO SIM 03 SCELL 1 Vice-Presidente 

deputati 

Caltabeni Pietro 
Cari etti Luigi 
Cenni Ippolito 
Fantini Luigi 
Monti Giuseppe 
Natalucci Giuseppe 
Tamburri Cesare 
Tizio Dmenico 

L. Prof. MERCANTICI Segretario 
CARLO LUCCI Vice-Segretario 


(*30 

RBOPOBBLICA BOlDIiyA# ' • ‘ 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
Nidastore questo di 3o Aprile 1849 

La Società Popolare di Nidastore nel più vivo ddli' ani» 
mo commossa dalla invasione delle Truppe Francesi sul Ter- 
ritorio della Repubblica Romana , mentre dichiara , che non 
solo con tale Atto si viene a ledere il diritto delle Genti, e 
la tranquillità del nostro Stato , ma si eccita eziandio alla di- 
scordia , ed alla Anarchia un Popolo , che vuò ad ogni co- 
tto o vivere o morire Repubblicano , in nome di Dio e del 
Popolo protesta contro 1' inattesa invasione , e dichiara di re- 
sistere con tutte le Forze , e col sagrifizio anche della TÌt« 
pér sostenere il Governo delia Repubblica. 

Deliberato ad unanimità nella tornata straordinaria del 
sodetto giorno 3o Aprile i849> 


Il Preiideate 
Marco Famelli-Monti 

Francesco Monti Consigliere 
Andrea Crocchi C. 

Giuseppe Ftimelli Monti CoQstg. 
Giambattista Tarducci Cons. 

Giovanni Monti Cataiere 

llario Lenti Seg. 


Digitized by ,GoogIe 



( ) 

PROTESTA 

DEL CIRCOLO PATRIOTTICO LAURENTINO 

Le armi della Nazione Francese , che eroicamente pu- 
gnavano contro il petto dei loro sleali fratelli ad abbattere 
la Tirannia per aquistare la libertà, oggi improvvisamente le 
vediamo , e a nostra insaputa , tra noi , onde tentare o rea- 
zione o anarchia perchè siamo concordi . • . Un popolo li- 
bero adunque a prezzo di sangue fraterno viene ad opprime- 
re un popolo libero per forza di concordia , e di pace , i>n 
popolo che forte in se stesso abbrutiva soltanto per 1’ am- 
bizione pretina,. Ed oggi che l'abbrutimento è cessato, 
che il sangue dei nostri martiri , i sagrifìcj di due gene- 
razioni son compensati , che siam liberi , che siam popolo , 
da una forza straniera , e libera al pari di noi , ci farem 
ricondurre alla schiavitù , all’ abbominato regime , aH’amal- 
gama mostruoso ?... Nò , consci dei nostri diritti , della San- 
tità di essi , della loro giustizia , in Nome di Dio e del Po- 
polo protestiamo contro l’intervento Francese, come contra- 
rio al diritto delle genti , come lesivo il suo statuto. E l'in- 
iame politica del Ministero Francese sappia intanto , che i 
ncpoti di Camillo , e di Bruto vinti soltanto cederanno alla 
forza , ma che anche caduti rammenteranno qual sia il di- 
ritto di un popolo , che istessa Francia ha insegnato alle 
Nazioni tutte. 

Votato ad unanimità nella tornata dei 89 Aprile 1849. 

Gaetano Bricci Presidente 
Luigi Amatori Vice Presid. 

Filippo Spaccidlbelli ^ 

Pietro Gii} ì 

Andrea Coli j ; Consiglieri 

Francesco Amatori 'ì 

Bartolomeo Paci ; 

Rodolfo Amatori Segretario Redattore 


Digitized by Google 



(. 36 ) 

CIRCOLO POPOLARE DI FANO 


Adananza straordinaria generale del giorno 27 Apri- 
le 1849. ^ pomeridiane 

IL QRCOLO POPOLARE FANESE 

Convinto della giustizia dei principii e fatti su cui è 
^basata la protesta dell'Assemblea Romana del sJò corrente, 
vi aderisce pienamente , e dichiara che sarà pronto a fare 
ogni sforzo per opporsi a qualunque straniero intervento di- 
retto a distruggere le libertà e i diritti imperscrittibili del 
popolo 

Pel Comitato dirigente 
C*. Angelo Gabrielli Presidente 

Girolamo Civilotti Segretario 


Digitized by Coogle 


PBOVlWCIil 

DI 

AWCOWA 



Digitized by Google 


( ) 

ANCONA 



REPUBBLICA ROMANA 


Presidenza di Ancona 

COMUNE DI MONTE ROBERTO 
Cittadino 

Cjon vera compiacenza ci é ciato parteciparvi | che que- . 
sto pubblico Consiglio nell'Adunanza straordinaria oggi ter 
nuta ha votato ali’ unanimità il seguente atto di adesione 
a^la protesta emessa dall’ Assemblea Costituente nella sedi>< 
ta del aS Aprile scorso. 

n Municipio di Monte Roberto 

• ^ 

n Letta , e considerata la protesta dell’Assemblea gèhe> 
s rale Romana del a 5 Aprile 1849., ^ -solenne atto di 

= adesione, dichiarandosi devoto al Governo della Repubblica ■. 

Salute , e considerazione. 

Monte Roberto S. Maggio 

La Magistratura.’ 

Benedetto Salvati Priore. 

Francesco Capitelli Anziano. 

Arcagelo Scarobolti Anziano. 


Digitized by Coogle 



C' aio > 

Cittadini Triunwiri 

Disconosceiì'lo t da Lei proclamati principi , la Francia 
ò intervenuta per opprimere la nostra libertà , ed indipen- 
denza. E questa una. troppo. grave olTesa al dritto delle gen- 
ti , all' onore Italiano , c ad un Popolo , che con tanta di- 
gnità si é saputo conservare nell' ordine , e nella moderazio- 
ne. Voi avete giurato di salvare la Repubblica , e già ave* 
te giustificato coi fatti il solenne mandato. I^pi nell' atto , 
che energicamente protestiamo contro il Francese , e contro 
ogni altro straniero intervento , facciamo plauso ai magna* 
nimi vostri sentimenti , ed a quelli di quei* prodi , che per 
salvare la patria Libertà , ridestato nel loro seno il non mai 
spento desio di gloria , impugnarono le armi , giurando di 
difenderla col proprio sangue , ed a nome deU’intero Popolo 
di questo Comune, di cui siamo i rappresentanti vi dichia- 
riamo di pienamente aderire ad ogni alto Governativo ten-- 
dente a salvare 1' onore , e la dignità della Repubblica 
Romana. ’ . . 

CASTIGLTONI COMOJiE appodiato di Arcevia oggi i3. 
Maggio , 

Luigi Giov.Tgnoli Anziano. ■ • ■ 

G. Francesco Anziano. 

Crocce di Donrenico Marsuccio. • 

Crocce di ?ifcoIa Barbarese. •- 
Croijfce di Giovannetti Giovanni. 

Crocce di Mondato Giòvanni. 

S. Felicetti Sindaco. 


Digitized by Google 



C ni ) 

REPDBBLICA ROMANA 


IL CONSIGLIO MUNICIPALE 
DI ANCONA 

Dichiari , che il regime Repubblicano creato dai Rap- 
presentanti del Popolo degli Stati Romani, eletti con oni- 
rersale e libero suffragio , e il Governo, che il Municipio 
di Ancona riconosce legittimo, perchè voluto dal Popolo, 
dal quale unicamente ogni Autorità legittima procede, e 
perchè il solo , pel quale possano questi Stati giungere al 
reale conseguimento della libertà, e validamente coopera- 
re alla rivendicazione della nazionale indipendenza. 

Che perciò ritiene violazione degli imprescrittibili di- 
ritti del Popolo qualunque atto di stranieri Governi , che 
direttamente, o indirettamente tenda a rovesciar quel re- 
gime. 

E che farà quanto è in esso per salvare la dignità , e 
l'onore Italiano offeso da siffatti abusi di forza, contro i 
quali protesta altamente innanzi agli uomini, e innanei 
a DIO. 

( F alato per tcriamazione , indi per scrutinio segreto 
all’ unanimità nell’ Adunanza Consigliare del a 
Maggio >8 {9. ) 

LA MAGISIRATURA 
N. Lainé 
G. Baliiffl 
N. Fanelli 
L. Euzeby 
G. Paradisi 

Il Segretario 
C. MAHIJSELLI. 


REPUBBLICA FRANCESE 
Signor Preside 

Ho P onore d’indirizzare qnl unita 'una copia della let- 
tera del Signor Ammiraglio DeRicaudy,di cui già, non ha 
guari, vi ho data communicazione , e che è relativa alla 
lettera che jeri voi mi scriveste. Dopo il nostro abbocca- 
mento di questa mattina , resta dunque fra noi convenuto 
che le cose si manterranno nello stato in cui ai trovano 

n 


Digitized by Google 



( 24 ^ ^ 

in questo momento , ohe il Solong non uscirà d«l Porto 
di Ancona, e che nel caso , Io che a , Dio non placca , 
che i Francesi fossero per alterare la quiete, oche voi cre- 
deste di veder sorgere delle nuove difacoltà , J.' ' 

piacerete di rendermi immediatamente informato di questo 

caneiameiito di circostanze. _ 

Colgo poi questa occasione per pregarvi caldamente , 
di nuovo di voler tr.-ismeltere gli ordini piu precisi affin- 
chè le nostre lande non siano più trattenute, oche don 
innanzi non venga posto alcun impedimento, gl or- 

no come di notte, alle commnnicazioni che le Uncie del- 
r Asmodeo c quelle di Solonc si trovano nella indispensa- 
bile necessità di fare fra i rispettivi loro bastimenli. _ 

Vo-liate aggradire, Signor Preside le assictyazioni del- 
l’ alta ccnsiderazionc con la quale lio l’onore di essere 
Ancona li 5o Aprile 1 8 Ì9 


Vostro Umo ed Obbmo Servitore 
Il Console della Repubblica Francese 

ARMAIN'D DUADLZ 


ASMODEO 

Ancona 29 Aprile tS49 

Signor Console . o- r- 

Ho ricevuto la lellera che vi ha scritto il Sig. Go- 
vernatore , il qu.le fondandosi sull’ entrata dei Francesi a 
Civitavecchia, dimanderebbe che il S’o/one uscisse dal tor- 
to. E’ di mesi ieri il tar osservare al Signor Governatore , 
che i Francesi sbarcati a Civitavecchia sono stati quivi .ac- 
colti come amici , che npn d à assolutamente impieg.ito 
mezzo alcuno di forza per mettere le truppe a terra ; Io 

non veggo adunque qual cosa questo fatto abbia di comuric col 

Salone, Olireacciò io vi prego di far osservare al Signor 
Governatore che il Salone è là per ricevere il Cons^ole c 1 
nostri jVazionali in caso di necessità. Io non posso adunque 
ricnoTcrlo fino a tanto che Ì1 Console non sarà invitato dal 
Governatore ad abbandonare il paese 5 e questa sarà una 
dichiarazione di guerra che farà Ancona alla Francia. Inol- 
tre io vi pre^o di dire al Signor Governatore che gli ai- 


Digitized by .Google 



( ^ 

ficiali e r equipaggio tlel Solone hanno ordine di non tne- 
fchiarsi per conto alcuno nella politica; che s’egli il vuo- 
le , io ordinerò al Capitano di non lasciar discendere al- 
cuno a terra ; e per verità ([uesto vapore è si poco imi- 
iiito d’ artiglierie cKe non può ispirare alcun timoie alla 
popolazione. D’altronde com’é mai possibile il pretendere, 
che na picciolo vapore come è il Solonc, resti al di fuori 
esposto al cattivo tempo che potesse aver luogo ? Ciò che 
vuole il Signor Governatore sarebbe una vera diebiarazio- 
ne di guerra, ed in questo caso, voi siete in diritto di 
chiedere il vostro pass.iporto , e di passar voi e la vostra 
famiglia a bordo. Il Signor Governatore porrà mente a tut- 
ta la gravità della rnisur» che ei provocherebbe. I Francesi 
non sono ponto gl’ inimici degli italiani ; essi sono al con- 
trario loro aniiei , quelli che li difenderebbero al bisogno, 
se gli Austriaci od altra potenzi volessero opprimerli. Mo- 
strate la mia lettera al Signor Governatore. Ditegli bene , 
che io vengo da Trieste , e da Venezia , che nulla, per le 
istruzioni che ho, può spingere cosi me, che il 5o/orae,ad 
essere ostile ad Ancona , ove io son venuto da amico. Se 
il mio governo m’ indirizzasse altri ordini , io dò la mia 
parola d’ onore che ne lo renderei consapevole. 

Vogliate , Signor Console , rendere ostensibile questa 
mia lettera al Signor Governatore; esponetegli gl’ iticon- 
venienti che deriverebbero dal rinvio del Solone , misura , 
che sarebbe un insulto per la Francia, e lascierebbe il Con- 
sole e i Francesi senza un asilo sicuro. In nna parola ciò 
che domanda il Signor Governatore non può aver luogo , 
se'prima il rappresentante della Kepubblica Francese ì suoi 
nazionali non saranno invitali ad abbandonare immediata- 
mente Ancona , misura grave ! di cui non vedo la neces- 
sità ; persuaso , come io sono , che nessun d’ essi sia ne- 
mico degli italiani , come vanno falsamente dicendo alcu- 
ni giornali male informati. 

Vogliate aggradire. Signor Console , le proteste della 
mia distinta considerazione. Vi prego di trasmettermi la 
risposta che vi darà il Signor Governatore in seguito dell® 
mie giuste osservazioni^ 

II Contr. Ammiraglio 
Pirm.-L.DERICADDir 


» A 


Digitized by Google 



(aU) 

REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

MUNICIPIO DI MONTENOVO 

Li 5 Maggio » 849 *aIIe ore B. pomeridiane 

Previo regolare invito , e per urgenza , si è oggi con« 
Tocato il generale Consiglio y a cui intervennero i seguenti 
Cittadini 

1. Leopoldo Bellini Priore 

а. Onorato Viali ) 

3 , Francesco Monti ) Anziani 

4 . Nicolò Cherubini ) 

&. Angelo Api Consigliere 

б. Sante Coreani 

7. Agostino Paoloni 

8. Leonardo Valenti ni 

9. Giovanni Segoni 

10. Luigi Fiorani 

11. Giovanni Berrettini 

12. Sante Punti 

j 3 . Ubaldo Ercolani 
i 4 > Raffaele Sebastianelli 

i&. Vincenzo Cascioni 

16. Nicola Tiberj 

17. Domenico Ambrosini 

18. Giovanni ZuHi 

ig. Bernardino Massi ' 

so. Domenico Puerini . . ^ 

Nf B. Mancarono ire Individui a completamento ‘del 
Corpo Municipale , cioè un’ Anziano ^ e due 
Consiglieri , perchè assenti dal Paese. 

Fatto r appello nominale dei Consiglieri intervenuti , e 
trovatone il numero legale, il Priore del Municipio ha or- 
dinato al Segretario che dasse lettura di una Circolare del 
Triumvirato, colla quale si ordina che tutte le Rappresea-> 
tanze Municipali protestino contro l’ ostile intervenzione 
Francese, A toì pertanto degni Rappresentanti del Popolo 


Digitized by Google 



Monienoves§ incombe il debito di alzare la voce» e di aU 
tamente protestare contro la invasione avvenuta nel sacro 
inviolabile spolo della nostra Repubblica. A voi incombe di 
f^r sentire a questa virtuosa e civile ^fazione, che il dirit'* 
to di costituire il Governo è diritto imprescrittibile ed in- 
violabile di ciascun popolo ; e che ogni offesa a questo di- 
ritto è quindi offesa al diritto delle genti ; e se così fu per 
essa, ed é per essa , esserlo debbe per noi eziandio. 

Dietro ciò vi presento Cittadini Consiglieri I’ Atto 
della protesta di cui è parola formulata da questo Magi-i 
strato 

Eccone il tenore 

PROTESTA 

REPUBBLICA ROMAIfA 
PROVINCIA DI ANCONA 
MUNICIPIO DI MONTENOVO 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Nói pieni liberamente dal Popolo d* Montenovo con 
numerosi suffragi , rappresentanti di Lui in questo Muni- 
cipale Consiglio , noi prqtestiamp avapti a Dio e all’ Italia 
e all'Europa e al Mondo tutto contro il Governo delja fran» 
eia che sotto pretesto di fratellevole amicizia , ha invaso 
ostilmente il Territorio delta Romana Repubblica; e pro- 
testiarno contro il Governo Clericale del Pontelìce Romano^ 
L>a protesta che f^tta è da noi , è quella di tutto il Popolo 
IVlontenovese , il quale nqniiaando i suoi Rappresentanti , 
ha eletto Consiglieri Municipali coloro , di cui esso conosce- 
va' il politico pensiero , ed in cui poneva tutta la sua fidu- 
~ eia che sinceramente lo rapppresentassero , come caldi , ed 
irnpayidi propugnatori della libertà e di quella Repubblica 
che P Assemblea Costituente aveva decretata. Troppo lunghi 
sono ststi i Secoli della nostra schiavitù; è giunto il tem- 
po di rompere le catene, delle quali sottq il dominio Tem* 
porale dei Papi eravamo barbaramente ricinti. Il Governo 
dei Preti è stato sempre e sarà sempre un Governo ipocri- 
ta « egoista, stupido, imbecille , tutto per loro e niente pei 
Laici f avverso ad ogni politica riforma , e ad ogni civile 
iilsCitu^ieoe reclamata nel suo progresso dalla società ; un 


Digitized by Coogle 



( ) ... 

Governo che non cura e punisce h scienza , e premia l'- 
ignoranza ; un Governo eminentemente despoticoj e tiran- 
nico ; un Governo che col manto dell' abusata Religione ri-, 
copre il, più sozzo interesse , la sete del comando , e le più 
turpi iniquità ; un Governo che atteggiato ancora a forma 
costituzionale , può ad ogni istante render vano qualunque 
Statuto il più liberale. ÌNoi veneriamo la Religione di Gesù, 
Cristo; Noi fermamente crediamo nella Cliiesa Cattolica che , 
è la depositaria dell* Evangelio ; Noi rispettiamo il Ponte- 
ficc Romano Vicario di Cristo ; Noi desideriamo che Pio, 
Nono torni a Roma sulla Sede dì Pietro come Capo della 
Chiesa. Noi però non vogliamo mai più riunite nella Per- 
sona del Papa la Potestà Spirituale , e la Signoria Tempo- 
rale; Non vogliamo più mai il Governo dei preti. Noi vo- 
gliamo la Repubblica, come quel Governo che solo è con- 
forme alla Dottrina di Cristo; e che solo può condurre ve- 
racemente un popolo alla sociale felicità. Traditi noi dal 
Papa , tradita tutta P Italia dai suoi rè , e dai suoi Prin- 
cipi , potremo Noi volere altro Governo che Repubblicano 
non sia ? Troppa ci sta a cuore la Patria , troppo cara ci 
è la libertà, troppo noi amiamo l'Italia, e la sua Nazio- 
nalità. E' questo il IToto di tutto Io Stato Romano ; e con 
qual diritto viene ora 11 Governa della Francia ad imporci 
la ristorazione del Governo Pontifìcio, che il Popolo in cui 
sta il diritto della Sovranità, ha dichiarata decaduto per , 
teretpre ? Quel diritta che ha avuto la Francia di rovescia- 
re il Trono di Luigi Filippo, non Io avevamo forse anche 
Noi di abbattere il Trono Temporale dei Papi ? 3>amo noi 
certi che la Nazione Francese, tanto gelosa del suo onore, 
protesterà energicamente contro il sacrilego operato del suo 
Governo ; siamo certi che la Repubblica Francese vdrrà non 
opprimere , ma difendere la Repubblica Romana, Che ss 
però la Francia manderà i suoi Soldati per opprimerci ) ed 
incatenarci di nuovo sotto il Governo dei Papi , sappia essa 
che noi siamo tutti decisi in ogni Città in ogni terra , in 
ogni angolo dello Stato di difendere la nostra democrati- 
ca libertà, di veisare per la Repubblica tutto il nostrq san- 
gue, di seppellirci sotto le rovine , piuttostochè vederci la 
mano avvinta dalle clericali Catene. Venga poi il Papa a 
regnare sulle squalìde nostre ossa , sui rottami dei nostri 
distrùtti Paesi, E sappia ancora la Francia, e il sappia ogni 
Potenza dì Europa che in nessuna parte della nostra Ita- 
lia potrà essere mai pace , se non quando P Italia sarà 
una , libera , e indipendente , sarà in somma Nazione. Vin- 


Digitized by Qoogle 



' . C ^•*7 ) 

fa rifalla per ora non la sarà per sempre. Tra breve tem 
po sorgerà più fiera e can sicura vinoria. Oh se la Francil 
conosce bene la missione che la Provvidenza affida a Le' 
in questi momenti solenni del riscatto di tutte le IVazio * 
di Europa, essa deve subitamente mandare il suo Eserci- 
to a cacciare al di là delle AIjjì gli oppressori Soldati dell” 
Austria , a soccorrere 1 ' Italia per P acquisto della tua Na- 
zionale unità, e indipendenza ! 


Viva r Italia 

Viva la Repubblica Romana 

Votata in pieno Consiglio alla unanimità, cioè con vo- 
ti favorevoli 20 , contrari nessuno, e con replicati fragorosi 
applausi del Popolo Monteuovese accorso in folla a quest* 
Adunanza. Dopo ciò il Professore di Belle Lettere Lniei 
Mancini , a nome del Popolo ha dichiarato alla Consi"Iiara 
Adunanza che dessa ha ben meritato della Patria. ** 


SEGUONO LE FIRME 

Leopoldo Bellini Priore Presidente 
Onorato Viali Anziano 
Francèsco Monti Anziano 
Nicolò Cbernbin! Anziano 
Domenico Puerini 
Bernardino Massi 
Domenico Àmbroiini 
Niccola Tiberj 
Leonardo Valentini 
Luigi Fiorani 
Ubaldo Ercolani 
GioTanni Segoni 
Raffaele Sebastianellì 
Giovanni Tollj 
^Giovanni Berrettini 
Sante Punti 
Vincenzo Cascioni 
Angelo Api 
Sante Coreani 
Agostino Paoloni 

Giovanni Fiori Segretario Municipale 
Per copia conforme ad uso d’ Ufficio 

Giovanni Fiori Segretario Municipale 

ni 


Digitized by Google 



( ) 

• repubblica romana 

IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
MUNICIPIO DI BARBARA 

La sotlowitta Rappresentanza Municipale, e gl’ infrascrìt- 

,ì cìlSi I .melile peoleiuno coni™ restile mler.en™- 

I^e Francese , e lU nn.l.iiiin. .11™ ‘>'-.n.er. nel no- 

ne l'r^nce-e i solemicmeiite di unirsi al 

Ce «nemlèT Sialo slcsso e di ri.,.eiur. 

Voto gener e tutte le Lecui , Disposizioni , e 

aempre, ed «S»' J^'^anaS dal della nos’tra 

gloSaTepuW^^^^ Romana, la quale semp.e, m ogni 
fempo il P%olo di Barbara sarà per diteuderla e colle io 

•tónze, e colla vita. . 

Barbara li o Maggio iSig- 
La Magistratura 

Girolamo Politi Priore ^ 

Giuseppe Maggioli Anzuano 
Tesifonte Lazzari Anziano 
Francesco Saccocci Segretario MunieipiU 
Giuseppe Leon.ardi , 

Gherardo Bacolini Consigliere 
Antonio Bacolini 

Isidoro Berlozzi , . 

Giuseppe Mozzanti 

Carlo Romani , 

Giuseppe Rozzi . . 

Giovanni Carboni 
'Federico Matlejo 
Nicola Periizzi 

Pacifico Cirioni ^ 

Ermenegildo Santini 
Luigi M<alpici 
Luigi Carboni 
Leone Maggioli ^ 

Paolino Tarducci 

Vincenzo Tombini 

Francesco Santarelli 

Ferdinando Giustiniani 

Sebastiano Maggioli Sotto Tenente 

Giuseppe Fiorani 


Digitized by Google 



( zi9 ) 

Lorenzo Tarducci Consigliere 
Domenico Mazzanti 
Nicola Fiorani Consigliere 
Tomasso Tombini 
Antonio Moreci Consigliere 
Girolamo Mattei Consigliere 
Giovanni Bacolini Consigliere 
Balduzzi Francesco 
Giuseppe Sacconi Consigliere 
Bacolini Domenico 
Carlo Mattei 
Carlo Lelj 
Crocesi Nivardo 
Romualdo Sebastianelli 
Vincenzo Mancini Farmacista 
Bendelino Bacoiini 
Zeifero Bevilacqua 
Crescentino Giannini 

Remigio Veneri ' .l 

Pietro Prete Bacolini Consigliere *. 

Viste vere le premesse firme . < jr 

11 Priore Municipale a Girolamo Politi 'f 


REPUBBLICA ROMANA 
PROVINCIA DI ANCONA 


Municipio di Castelplanio 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Nel giorno di Giovedì tre Maggio 1849 
italiane previo il primo invito fatto correre ad urgenza si 
è adunato nella pubblica Sala a Porte aperte il Consiglio 
del sud. Municipio composto dei seguenti Cittadini 
J. Gio. Battista Giovannini Aloisi Priore . 

Angelo Armanni Anziano 
3. Marco Felcini Anziano 
1. Francesco Saverio Mancini Consigliere 
a. Filippo Ferri id. 

5. Giacomo Ronchi id. 
i. Gioacchino Santelli id. . 

B. Giuseppe Montenoveti id. 

n B 


•WH 


. ( 2&0 ) 


6. Luigi Carioni id. 

7. Giuseppe Zenobi id. 

8. Raffaele Ragioni id. 

9. GioTaoui Costantini id. 

t 

Presieduto dal lodato Cittadino Priore ^ ed assistito dui 
sottoscritta Segretario Comunale per deliberare sul seguen- 
te unico Oggetto. 

?ion sono intervenuti a questa Adunanza i Cittadini 

1. Giuseppe Marini Consigliere 

2. Pacifico Grizi id. 

3 . Tommaso Chiorrini id. 

4. Pacifico Silvestri id. 

b. Pacifico Sacerd. Cardinali. 

Presosi dai Cittadini coadnuiti il posto a ciascuno com- 
petente si è proceduto a quanto sicgue : 

Il Circolo Popolare di Jesi con foglio dei 3 o p. ptq 
Aprile N. 678 invita il sottoscritto Priore a nome dei De- 
putati della Nostra Provincia all’Assemblea Costituente Ro- 
mana perchè sia convocato al più presto possibile questo 
Municipio, onde fare adesione alla protesta emessi dall'As- 
semblea medesima il di ab p. Aprile contro l'invasione 
Francese. Però il predetto Cittadino Priore si è creduto in 
dovere di convocarvi ad urgenza, o Cittadini Consiglieri nel 
giorno di oggi in riflesso della sollecitudine, clic ne ri- 
chiede l’oggetto, ed è perciò, che a Voi si propone di ap- 
provare, o nò il seguente indirizzo all’ Assemblea medesi- 
ma, il quale è del tenore come appresso: 

ALL’ ASSEMBLEA COSTITDE.NTE ROMANA 
Il Municipio di Castelpiano 
NELLA PROVINCIA DI ANCONA . ^ 

Adesione alla Protesta del zh Aprile i 84 d> 
contro l'invasione Francese. 

Dopo i lunghi anni del dolore, ne’ quali era pecca- 
to il proferir pure il nome di Patria, avevamo finalmente 
libera la speranza , e la gioja , e schiantato il 


Digitized by Google 



( *5» ) 

innesto , produsse soltanto usurpazioni « ed inti^rg^Iii , 
sulle puine del dispotismo erigevasi un Governo di demo- 
cratica indole, che tendeva a spegnere, quantopiù g*i tos- 
se possibile, la pe tifera influenza, e la memoria di tante 
cagioni della passata servitù. Ma quando la sorgente Re- 
pubblica forte del divino, ed umano diritta è unicamen- 
te intenta ad ottenere peso, e sta!)ilità, non solo viene com- 
battuta dal minegglo di qne’ molti, che s’impinguavano 
della tirannide, ma di fatto avversata eziandio dalla Nazio- 
ne Francese, che impudentemente si arrovella contro prin- 
cipi da lei stessa professati. 

Non è facile il dire quale profonda commozione ven- 
ga in Noi destata dal tristissimo dubbio sù le sorti della 
Patria; e conscii di Noi stessi, e testimoni! del generoso fre- 
mito, da cui tutta vedemmo compresa questa Popolazione 
all’annunzio del pericolo, a nome di fitti solennemente ade- 
riamo alla Protesta, che Voi, ottimi Cittsdini Rappresen- 
tanti faceste contro gli Siranieii, i quali ingiustamente in- 
vadono la nostra terra, la terra sacra alla libertà. E fosse- 
ro pur molte le forze nostre quant’ egli è il buon volere 
per la più efficace cooperazione! Ma qualunque esse sieno, 
ci dichiariamo pronti ad impiegarle per concorrere alla sal- 
vezza della Repubblica. 

Cosi, ne siam certi, farà lo Universale; e se male ci 
credessero educati alla Patria virtù, a questa stessa le Na- 
zioni di Europa riconoscano i Figli di Roma. E i Repub- 
blicat^i di Francia, elle mascherandosi ad infinti pretesti , 
vergognosamente immemori della propria libertà vengono 
ad oppugnare la nostra, imparino a nutrir seniiineàti, che 
li disonorino meno, e valgano una volta a cancellare dalla 
Loro frante le vive marche di altre nostre sventure. 

Ecco il. nostro voto, che confermiamo giurando per 
la dignità di un Popolo Rè , per il Governo più legittimo 
della terra, per la Repubblica. 

Lettosi l’indirizzo, si è dichiarato dal Cittadino Priore 
Presidente doversi il medesimo approvare , , o di<approvare 
per mezzo di levata, e seduta; il che è stato approvato me- 
diante levata ad unanimità di sulTragj, conforme di poi l’in- 
dirizzo medesimo riportando voti dodici favorevoli, e nes- 
suno contrario. 

E non essendovi ^Itro da trattare, il Priore Presiclenle 
ha dichiarato sciolta l’adunanza, previa lettura, ed appro- 
vazione del presente verbale, che si firma dal lodalo Prio- 
re, e da due Consiglieri. 


Digitized by Google 



_ ( s5a ) 

Fatto, pubblicato, e sottoscritto nella Sala Com. di Ca- 
stelplanio li 3 Maggio 18Ì9 suonate le ore quindici, c mea- 
TA italiane. 

Gio. Batt. Giovannini Aloisi Priore. 

Luigi Galloni Consigliere. 

Giovanni Costantini Consigliere. 

Cosi è Carlantonio Adami Segretario Com. 

Per copia conforme ad uso d’Dff. salvo &c. In fede &c. 

Cosi è Carlantonio Adami Seg. Com. 



REPUBBLICA ROMANA 
PROVINCIA DI ANCONA 
La Magistratura Municipale di Castelleone 
PROTESTA 

In nome di Dio, e del Popolo contro l’ostile interven- 
to delle Truppe Francesi nel Territorio della Repubblica 
Romana, violando con tale atto il diritto delle genti, e del- 
le libertà delle Popolazioni, che hanno creduto costituirsi an 
Governo a seconda del suo Nazionale incivilimento, senz’es- 
•ere affatto turbato l’ordine pubblico, per essere questo il 
volere delfiniere Popolazioni , e massime dì quella da Noi 
rappresentata , rendendone mallevatrice la Francia di tutte 
le conseguenze, che ne potessero derivare. 

In fede &c. 

Dalla Residenza Municipale di Castelleone li 4 
Maggio 1849» 

La Magistratura 
Girolamo Tesei Priore 
■ • Luigi Toraassini Anziano 
Antonio Tesei Anziano 


( *53 ) 

PROVINCIA DI ANCONA 
Comune di Castelfìdardo 
Cittadino ! 

Ricevuta appena la vostra dei z copp. N. 66o ci alanao 
congregali, onde deliberare sull'importantisjimo oggetto, cui 
quella riferisce. 

Penetrati pertanto dalla gravilà delle circostanze non 
abbiamo punto dubitato come non dubitiamo protestarci 
contro qualunque invasione straniera, e di ciò assicuratene 
pure il Cittadino Preside, onde ancbe dal canto nostra ap- 
prenda la consonanza di questa Terra con il principio delle 
altre Popolazioni. 

Abbiatevi anche in questo incontro il fraterno saluto. 

L 

Castelfìdardo 3 Maggio l84g. 

La Magistratura 

Firmati s Attilio Sciava Priore 

Pietro Frapcalancia Ane. 

N. Tomassini Anz. 

Paride Ghirardelli Anz. ' 

Per copia sìmile all’originale. 

Bruuori Tommasi Gov. 

Al Cittadino Gov. Dl^ di , • ' 

(Osimo) 


Digitized by Google 





^ ) 

AL TRIUMVIRATO ROMANO 
IL MUNICIPIO DI CORINALDO 


Ln generoi» Nazione Francese non solo coll’ appoggia 
tiioralc, ma dovrebbe colP invitte eoe armi soccorrere o- 
gni gente bramosa di libertà, sendo pienamente legittimo 
quel governo, cui la spontanea consente voluutù dei popoli. 
Or noi quali rappresentanti del Municipio in questa Città 
per rispondere al supremo appella del Romano Triumvira-. 
to solennemente innanzi alla Europa intera protestiamo con- 
tro Io straniero che volesse caU’argomento della forza, fat- 
tosi comulatora dei diritti agli uomini da Dio concessi, im- 
porsi servaggio, e dichiarando di volere esser noi liberi, ita- 
liani, indipendenti. 

Questa deliberazione è stata votata all* unanimità Della 
f/onsigliare adunanza del b. Maggio 1849. 

Firmati all'originale 

Mariano Paris Gonfaloniere 
Gio. Battista Orlandi t 
Niccola Amati l . . . 

Luigi Maria 
Francesco Ci| 

Luciano Venanzi 
Gaetano Tivali 
Stefanini Aristodemo 
Rossi Pietro 
Mariano Ballanti 
Luigi Angeloni 
Pietro Spadoni 
Giuseppe Frigeri 
Eugilberto Ridolfi 
Paolo Brunori 
Silvano Pasqualini 
' ' Clemente Rossi 

Engilberto Lattanzi J 
Clitofonte Ciani 


m 

ppitelli 


Anziani 


Consiglieri 


L. Orlandi Segretario ff. 


Digilized by Google 



l ^5 ) 

PR(jVINCrA. DI ANCONA 
Comune di Otimo 
CiuAio» Corernatore 

I Rappresentanti del Rfanicipio di Oaimo phiamati con 
Vostro Foglio a. corrente N. 660. ad esternare il loro sen- 
timento nelle dolorose circostanze, in cui versa la Patria 
dichiarano solennemente che ora, come sempre io passato 
questo Municipio non ismehtirà mai il suo vivo desiderio* 
la ferma sua volontà di sostenere ad ogni prezzo i diritti, e ^ 
le libertà nostre. 

Votato dal Consiglio Mnoicipale di Osimo neU’Adunaa- 
xa dei Maggio 184.9. 


Il Gonfaloniere 
Fir. P. F. Fiorenzi 

Per copia fedele xll'origiaale. 

In fede&c. 

Brunori Tommasi Gov. Dogenalé 


LA MAGISTRATURA 
P£L 

MUNICIPIO PI ORTEZZANO 


Sull’ invito del Cittadino Gonfaloniere di Fermo espresi 
■o con Circolare a stampa dei a8. Aprile 18^9, riunito col- 
legialmente nella sua Residenza oggi 3 Maggio i 84 q. alle ore 
o. antemeridiane, all’unanimità 


Pichiara 


Che si associa pienamente, e con viva pfÉmnra al vo- 
*0 emesso dal Consiglio generale di Fermo nella stpaordi- 
a tornata dei z 8 . Aprile i 849 - , e che in cons^uenza 


Digitized by Google 



■( aSS ) 

fiduciando nella , leaUà, e peli’ pnpre della Repubblica, e 
Waaione Francese spera, che le armi guidate dal Generale 
Oudinot pel nostro Tejritor'iQ lun^i ^all attentare alle no- 
atre libertà, ci saranno piuttosto di scudo contro le reazio- 
ni interne, e contro te aggressioni initni.che. Jn Jott altro 
caso, che i sottoscritti non vogliono, e non devono imma- 
ginare, protestano altamente a nome proprio, e di questa 
Popolazione, di cui sono l’pfgano legale. Contro hnfqun 
abuso della forza, se mai questa venisse adoperata per com- 
primere i diritti dei Popoli, e distruggere, o menomare le 

libere istituzioni. . 

' Dalla Residenza Municipale di OrtezzanO il giorno, mc- 

^e, ed anno sud. 

^ Giacinto Marcantoni Priore 

Giannangelp Giqlietti jPrimo Anziano mano pro- 
pria. 

JNjccola Marcantoni *. Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 

TRIUMVIRATO 

f Rappresenteuti Mpn|cipali dj MposapTito 
NELLA PROVINCIA DI ANCONA 

Interpreti dei sentimenti dell’intera Popolazione, |e 
quale per mezzo noilrp solennemente protesta contro le 
ostili minaccie della Nazione Francese , vi esterniamo in 
brevi accenti. Cittadini Triumviri , «sere voto universale, 
che lo nostra Repubblica sì consolidi , e si perpetui. 

• Che robustamente si difenda dif ogni nemica aggressione 
interna , ed esterna. 

Che si annichilisca a qualunque costo chi tenta Oppri- 
merla , e distruggerla. 

,E che ogni piena adesione si presti , conforme noi pre- 
stiamo a tutto quello , che nell’ alto vostro intendimento 
avute operato, ed operate per la salvezza della Patria, per 
)a conservazione dell’ indipendenza , Onore, c Dìguiti R“- 


Digitized by Google 



( 257 ) 

mana , e per il bene di tutti i Popoli alle voetre cure af-< 
fìdatii 

Fino all'ultimo respiro viva la Repubblica. 

Monsanvito 5 . Maggio 1849. 

La Magistratura 

Giuseppe Antonio Brecchi Priore. 

Camillo Procaccini Ricci. 

Ranieri Procaccini. 

Antonio Stoppani. 

Antonio Moriconi. 


CITTADINI TRIUMVIRI 

Quanto inaspettata , altrettanto ingiusta , e contro ìt 
Sacrosanto diritto delle genti pervenne negli Stati della Ro- 
mana Repubblica la Francese invasione , di quella Francia , 
dalla quale in ispecial modo sperava Italia salvezza ed ap- 
poggio. Quali siano i motivi, quali le ragioni, che a ciò 
1 ’ hanno indotta non sta in noi il decidere ; resterà però 
sempre a noi il diritto di reclamare, e protestare contro 
quest’ atto ostile , ed arbitrario . Se si alleghi il pretesto 
di reprimere l’ Anarchia , ciò non sussiste , mentre non 
può chiamarsi Anarchico un popolo , che ha saputo con- 
servare ovurtqùe , e nelle più solenni circostanze l’ordi- 
ne , e l’ obbedienza alle Leggi ; se quello di facilitare il ri- 
stabilimento del passato ordine di cose , ognuno vede , co- 
me il ritorno del Governo clericale sia in oggi inconcilia- 
bile colla opinione de’popoli, e colla civiltà, e progresso 
cui anela la Nazione. Dunque ingiusta , e contro ogni sa- 
cro dritto è la invasione Francese negli stati della Romana 
Repubblica. E Voi ben lo conosceste , o magnanimi , che 
oppofieftdo. tutte le forze , e tutto il coraggio de’ nostri pro- 
di , manteneste intatto ed illibato il nome di Roma , la glo- 
ria d'Italia. 

Grazie pertanto d’ aver cosi bene interpretato il volo 
dello intiero Stato , Arcevia non ultima vi tributa , e con 
.Voi si congratula , v’ applaude e v' invita a nuovi trionO^ 


, ( 2&8 ) 

proiettando anch essa in nome di Dio , e del Popolo contro 
la occupazione di un Territorio che è nostro, 

Arcevia y.'Maggio 1849. 

- Giovanni Simoncelli Gonfaloniere. 

Giulio Massi Anziano. 

Luigi Pellegrini Anziano, 

Niccola Zonghi Anziano, 

Medardo Rotati Anziano, 

Luigi Carlettis. 

Giuseppe Ungberini, 

Francesco Bruni. 

Giuseppe Niccolini. 

Germano Gambini, 

Marco Otiariani. 

Filippini Pietro.^ 

Pacifico Severini. 

Rafaelle Pagliarini. 

Gio: Battista Francescbini, 

Giuseppe Mengucci. 

Pietro Fulgenzi. 

Giuseppe Tarugli. 

Giuseppe Anseimi Gabbianelli. 

Antonio Tosi, 

GiuseppeaSperanzini. 

Lucio Simoncelli Manuele, 

Giuseppe Sinibaldi Segretario Comunale. 


Digitized by Google 


( «59 ) 

f 

REPU3BUCA ROMANA 

Municipia Mante C«raup 

IN NOME DI DIO B DEI. POPQBQ 

Oggi gìornq (li domenica 6, del nfje?q di Maggi<? dell’an- 
no 1849. invito diramato ad urgenza» e pmmesao 

il suono della oatnpana pubblioa , qella «olita sala di Re- 
sidenza Municipale accessibile a tutti «ì è adunato il Con- 
siglio di detta Municipio coll' intervenimento de’ Cittadini 

Memb-i deUa Magistratura 


1 Placido Oionisj Priore Presidente^ 
a Francesco Carrara i * • • 

3 Camillo Sforga } 


Consiglieri 

1 Albertino Petri 

2 Romualdo Teutelli. 

3 Luigi Trionfetti. 

4. Gherardo Crognaletti, 


StefanQ Cesari Segretario, 

*" i I 

Non essendo intervenuii sebbene invitati i Cittadini 
Consiglieri- 

I Baldoni Salvatore, ^ 

a Baldoni Domenico. : . . 

5 Baldoni Leone. 

... 4 - Solazzi Giovanni. 

5 Camiti Prete Pietro. / . 

6 Bucci Giuseppe. i > - 

7 BartoloiiI Ilario. ‘ 

8 Tommasetti Pietro, " ' ’ 

9 Garbini Niecolò. 1 

40 Prete Carlo Canonico Pelagalli, ^ *, 

Visto essere i Congregati in numero 7. 

Visto l’articolo 90. della Legge 3 i. Gennaro 1849. 
Vista r urgenza risultante dall' oggetto »te<4Q i che si 


Digitized by Google 



( aSo ) 

propone a trattare , già cnmiciata nell’ apposito biglietto 
d’ iarito diramato fin dall’ ore cinque pomeridiane del gior- 
no di jeri ai sìngoli Consiglieri. 

Si apri la sessione per deliberare legalmente sopra il 
seguente unico articolo. 

Dopo di che Ietto il Circolare del Triumvirato in da- 
ta * 4 - Aprile prossimo 'passato con che , si partecipa jifTi- 
cialmente l’ intervenzione ostile delle truppe Francesi nel 
Territorio della Repubblica Romana. 

Letta 11 Piotesta emessa il 20 mese stesso contro det- 
ta intervenzione dall’ As'emble» Coslitnente. 

La Mjgistrafura interprete de’ sensi della Popolazione 
da essa aniininistrala riconosciuti concordi alle dimostra- 
zioni degli altri Municipi dello Statò. 

Considerato che l’ intervenzione eli cui si tratta lede i 
dritti della Repubblica legalmente costituita , e ten le a 
turbar l’ordine ed a togliere alla Popolazione quelle Fran- 
chigie che gode sotto Fattuale regime formato dal voto 
Comune. 

In conseguenza di che riconosce opportuno cs,)edien»e 
di render noto al Governo die aiiche questo Municipio do- 
lente del sopruso die si pretende imporre Colla forza , e 
nell’ intenzione decisa di concorrere per quanto è in sua fa- 
coltà alla tutela e difesa della Repubblica stessa , c che 
applaudendo alla menzionata dichiarazione dell’ Assemblea 
Costituente presta alla medesima la sua piena adesione , 
ed unisce i suoi voti a quelli degli altri Municipj all’ og . 
getto che i Rappresentanti della Repubblica Romana umi- 
lio tutti i mezzi che sono in suo potere per respingere 
la forza colla forza come csigge F imperiosità «Iella circo- 
stanza a difesa e sostegno della Patrio, e della Causa co- 
mune. 

Discusse e ponderate le cose come sopra dedotte il 
Consiglio quindi per levata e per acclamazione unanime 
approvò Fopinameuto esternato dalla Magistratura. 

Alla quale risoluzione fecero eco e plauso i molti 
Cittadini intervenuti all’ Adunanza in numero straordinario. 

Atto fatto , letto , publicato , e sottoscritto a Monte 
Carotto nella Sala Municipale nel giorno, mese, ed an- 
tio suddetti alle ore 7. pomeridiane. 

La Magistratura 

' placido Dionisi Presidente. 

Francesco Carcera Anziaoo. 

Camillo Sforza Anziano. 


Digitized by Google 



( 2Gl ) 

I Consiglieri 

• 

Romaaldo Tentclli 
A. Pelri. 

Crognalelti Gherardo, 

Luigi Trionfelti. 

S. Cesari Segretario, 


REPUBB LIC A ROM AN A 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO ‘ 
COMUNE DI SANTANGELO IN FONTANO 
II giorno cini^ue Maggio mille oMocento quarantanore 
CONSIGLIO COMUNALE ' 

A termini delle disposizioni contenute dal Decreto sul-' 
r ordinamento dei Municipi del 3 i Gennajo J S49 , previo 
invito fatto correre col numero d’ Ufficio 5oi , si é in que- 
st’oggi adunato il Consiglio della Comune sudetta , compo- 
sto dalli Cittadini Spinosi Pietrangelo Priore , Boncori Luigi , 
e Brinciotti Domenico Anziani, 

CONSIGLIERI 

1 Farroni Ignazio 
a Vermiglia Minervo 

3 Aliciucci Dottor Giacomo 

4 Gentili Francesco 

5 Montanari Niccola 

6 Cimini Ermenegildo 

7 Disante Giuseppe 

8 Alontanari Mercurio 

9 Emiliozzi Bernardino 

10 Micalucci Arnolfo 

11 Bentirogli Fortunato 

12 Montanari Filippo 

1 3 Coccioletti Vincenzo 


Digitized by Google 



( z6a ) 

Mariano Sagripanti SegreiBiio Comiinale’, preiiedu- 
to dal iullodato Citliidiiio l’riore 51)111051 Pietrangelo nel- 
la qualifica di Presidente per |a discussione dei seguen- 
ti oggetti. 

Non è interrennto al Consiglio il Cittadino Consi- 
gliere Caldoni Vincenzo, 

L’ Albo dei Consiglieri è composto di H. i 4 
In seguito invocato il Divino ajutg fg incomincia* 
ta la discussione come appresso. 

Primo s II Cittadino Pieside della Provincia con suo ri- 
•pettato foglio dei 26 p. p^ Aprile jV. Sógi partecipa a que- 
•t’ Ufficio la Circolare del Triumvirato portante la data si 
detto mese , ed ordina di convocarsi ad urgenza i! Consi- 
glio per deliberare sul contenuto della medesima . non che 
sulla protesta emessa dal lodato Triumvirato , dichiarando 
di voler respingere con la forza contro ogni olTesa al di- 
ritto, ed alla dignità del Paese, conforme alli sudetti Di- 
spacci delli quali s» fan lettura per comun norma. T» Ma- 
gistratura propone pertanto , se pare di rimettere al Trium- 
virato un voto di fiducia , con il quale plaudendo a quan- 
to da esso è operato a difesa della Patria , e delle libere 
istitgziotii si prometta in tutto la nostra adesione. 

Dopo la sudetta proposizione il Consigliere Ignazio Far- 
ronì ba aderito pienamente a|la siidelta proposta , ed insi- 
ste perchè sia portata alla ballottazione , onde conoscere la 
mente publica. La Magistratura si è uniformata a quanto 
sopra. 

La maggior parte delli Consiglieri hanno convenuto nel 
Budello parere, ed il Cittadino Presidente ne ha ordinato la 
ballottazione. 

Sottoposta a partita la sudetta proposta mediante lo scru- 
tinio segreto, e raccolti li voti fu approvata con favorevoli 
sedici , contrari nessuno. 

Dopo di che rese grazie all’ Altissimo si è terminata U 
Sessione , e sciolto il Consiglio. 

Atto, fatto, e letto nella Sala Comunale alle ore dieci 
antimeridiane del giorno, mese, ed anno sudetti , e quin- 
di firmato dal Presidente, e dai due Consiglieri Farroni Igna- 
zio , e Vermigli Minervo , non die dal Segretario Comunale 
Mariano Sagripanti. 

Per copia conforme alPoriginale 

Il Priore Comunale 
Pigtrsngelo Spinosi 


Digitized by Google 



( 263 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 
MUNICIPIO DI MOSCIANO 

Nel giorno 8 del mese di Maggio dell’anno iSjg dietro la delerminazionc presa 
dal Primo Anziano f. f. di Priore stante la giustificata assenza del Cittadino Paolo 
Romagnoli nella seduta di jeri : e dietro invito ad urgenza fatto correre u for- 
ma deir art. 90 della legge 5 i Gennajo decorso sull’ordinamento de’ Municipi ' 
ad oggetto di prestare adesione alla protesta dell’ Assemblea Costituente Roman.i 
emessa il z 5 perduto Aprile sulla nemica mvasione Francese si è convocato il 
Corpo Municipale , e sono intervenuti come appresso. 


cl 

COGNOMI, E NOMI 


N. d’ord. 


g 

3 

25 

de’ 

MUNICIPA LISTI 

QUALIFICA 

Presenti 

Assenti 

OSSERVAZIONI 

l| 

’ 

Romagnoli Paulo 

Priore Mun. 

11 

1 

Trovasi da tre gior- 
ni in Scriigallia 
per importanti 
affari di famiglia 

2 

Bartcli Antonio 

i". Anz. f.f. 
di l’riore 

i 

n 


5 

Rosi Luigi 

Anziano 

2 

« 


4 

Dottor Pievano D.Gaspare 

Consigliere 

i 

» 


5 

Cinffololli Pievano D. Do- 
menico 

id. 

11 

1 

Assente per oggetti 
Parrocchiali 

6 

Pianetti A'Iarchese Settimio 

id. 

11 

2 

Dimorante in Jesi 

7 

Pace Fraocesco . 

id. 

2 

11 

8 

Romagnoli Giambattista 

id. 

>1 

3 

Trovasi in Tabano 
ad esercitare la sua 
Professione di Sar- 
tore. 

9 

Papalini Francesco 

id. 

» 

4 

Id. in Monsanvito 

IO 

Fabrizio Antonio 

id. 1 

•-r 

o 

11 


1 1 

Lombardi Domenico 

id. 

4 

11 


la 

Grassi Pacifico 

id» 

11 

5 

Id. alla Moglie di 
Majolati 

)3 

Braconi Sante 

id. 

B 

» 

s- 

Stante l’urgenza il 
numero si ritiene 
legale 


— ' RIEPILOGO DE’ PRESENTI, E VOTANTI ‘ oosi 

Componenti la Magistratura N. a. a Consiglieri Municipali N. 6. a Totale N. 7. 


. r 


(264) . . . 

Fatto l’appello, e presosi posta da ciascuno dei Coa> 
dunati, il f. f. di Priore Comunale ha indirizzato ad essi le 
seguenti parole. ' 

CITTADINI ! 

• 

11 Circolo popolare desino con gentil foglia 3o decorso 
Aprile N. 378 fece invito a questa Magistratura per 1’ ade- 
sione del Municipio alla protesta emessa dall' Assemblea Co- 
stituente Romana contro l’invasione Francese. Nulla sapeva 
allora il Magistrato dal Governo, e rispose che il Corpo Mu- 
nicipale si sarebbe tosto convocato , ove prevenisse una si 
fatta partecipazione interessante , affine di perndere una ri- 
soluzionedegna dell’imperiosa circostanza, e di questi su- 
premi momenti. Il 4 andante Maggio alle tré pomeridiane la 
Magislrrftura ha ricevuto il Dispaccio Governativo N. a3a. 
datato Io stesso giorno in cui si manifesta il desiderio del 
Governo , che tutte le Rappresentanze Municipali protesti- 
no contro r ostile intervenzione Francese , ed è trascritta la 
Circolare del Triumvirato 24 Aprile ripetuto. Da questa si 
conosce, che l’avanguardia di una Divisione Francese era 
in presenza di Civitavecchia , ma che nessuna comunica- 
zione si era fatta al Governo della Repubblica; sicché si sta- 
va allora nell’ incertezza di quanto i Francesi avrebbero ope- 
rato. Il susseguente giorno l'Assemblea Costituente della Re- 
pubblica Romana protestò contro l’ invasione 'della Francia , 
la riconobbe nemica , e responsabile di ogni funesta con- 
seguenza ne fosse derivata al Governo Repubblicano . Co-* 
munque sia la cosa stà però in fatto , che i Francesi sbar- 
carono a Civitavecchia , e nel 24 stesso Aprile diressero al 
Preside una dichiarazione , nella qnale il Corpo di Armata 
assicurava di rìspeltars il voto della maggioranza delle Po“ 
polazioni Romane. In questo aspetto la Repubblica Francese 
non sembra nemica alle Popolazioni degli Stati Romani , il 
cui voto di maggioranza vuol rispettare. Non é da dubi- 
tarsi, che una Nazione magnanima, generosa, e civilizza- 
ta come la Francia , gelosa del suo onore sia per mancar di 
fede alle sue parole. Ma noi siamo costretti ad unirci alla 
maggioranza del voto realmente conscienzioso de’ Popoli del 
nostro Stato , e ad un tempo a fìduciare sulla promessa ,* 
che i Francesi fanno nel porre il piede sull’ italico suolo. 
Che se la di loro venuta prendesse un aspetto diversa dal- 
le parole, e la Patria venisse in tale fiducia avvilita, ed op- 
pressa ò dover nostro difenderla. £ per questo y rispettabili 


Digitized by Google 



■( ai 65 ) 

Cittadiai , che siete chiamati ii» via d'iiig-iiza per una so- 
lenne, e degna determinazione. Ed imuuto vi si ricono- 
scere, che sì sarebbe formulata per parte di questo Muni- 
cipio la seguente protesta; , , ^ , 

5» Noi aderendo al desiderio dei Deputati dell Assera- 
j* blea Costituente protestiamo solennemente contro l’Inter- 
»> vento Francese , non rispettandosi, conforme è promesso, 
ti il voto libero , e conscienzioso della maggioranza delle 
M Popolazioni dello Stato ; e siamo pronti a difendere la Pa- 
• tria con tutto quanto è in nostro potere»’. 

Ora resta che voi dichiariate giusto il motivo della Con- 
vocazione ad urgenza in conformità del citato articolo 90. 
della ripetuta Legge ; ed approviate la Protesta formulata, 
se lo credete nei termini sudetti, il che vi si propone di 
fare per levata , c seduta secondo P art. gS. 

Letto quanto sopra tutti i Componenti P adunanza le- 
vatisi in piedi hanno dichiarato di conoscere giusto il mo- 
tivo di urgenza. 

Quindi con altra levata hanno pienamente approvato la 
Protesta formulata nei termini suespressi , ordinandosi la re 
dazione del presente Verbale munito di firma dal Magistrato 
e da due Consiglieri come all’ art. 86, 

Fatto, Ietto, e chiuso nella Residenza Municipale alle 
ore 2Ì italiane del giorno, mese, ed anno sudetti. 

1 Antonio Bartoli Anziano ff. di Priore 
Luigi Bosi Aoziano 
Antonio Fabrizj Consigliere 
Domenico Lombardi Consigliere 

Sottoscritto = Alberto Berli Segretario 

Per Copia conforme 

Alberto Berti Segretario 

Vista , e ve rificata 

Pel Priore Municipale assente 
Luigi Bosi Anziano 



( 266 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
MUNICIPIO DI SERRA DE’ CONTI 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO. 

Nel giorno di Sabato & Maggio i 849 io iegnilo del- 
rìnvito ad argenza si è adunalo nella pubblica Sala ilCoQ' 
figlio del suddetto Municipio composto dai Cittadini 

1. Stefano Albanesi Priore Presidente. 

а. Raffaele Malpici Anziano. 

3 . Giovanni Tabarrini Anziano. 

1. Francesco Brigatti Consigliere- 

2. Alesandro Ventura id. 

5 . Raffaele Briscoiii jd. 

4 * Angelo Durastanti id. 

5 . Giuseppe Marchetti id; 

б. Gio. Balt. Simonetti id. 

7. Raffaele Briscini id. 

8. Adriano Tomassini W. 

g. Gherardo Ubaldini id. 

■ IO. Gherardo Malpic't id. 

11. Antonio Montenovesi id. 

12. Giovanni Faini id. 

Non sono intervenuti a questa Sessione i Cittadini 

■ 1. Marco Palazzesi Consigliere 

2. Benedetto Silvi id. 

II Cittadino Presidente legge il circolare del Triumvi- 
rato del 24 Aprile prossimo passato relativo all' invasione del 
Territorio della Repubblica Romana per parte delle Truppe 
Francesi. Inteso il tenore del dello Circolare è insorto il Cit- 
tadino Francesco Brigatti Consigliere , ed ha Ietto il voto 
emesso dal Circolo Popolare di questo luogo nella seduta 
•traordinaria di jeri , il quale nel presente verbale si tra- 
scrive come appresso => Circolo Popolare di Serra de’ Conti s 
= I diritti dei Popoli sorsero eguali da Dio. La Forza, scudo 
n indegno dell’ ingiustizia, fù il mezzo, con coi le Dinailie 
a oppressero i Popoli, e lor diritti. Iddio se tace, e se per- 
e mette una violenza un* infrazione di quei conRoi, che de- 


Digitized by Google 



( *67 ) 

B stinò * segnale delle Nazioni, sa rendicare a suo tempo 
3 le onte. 11 Gorerno Francese, non il Popola Repubblicano 
B di Francia ci opprime in quei principii , che è obbligato 
3 garantire. La Nostra Repubblica è il voto della Nostra 
= Popolazione, come di tutto lo Stato. Noi adunque pro- 
a testiamo in Nome di Dio, e del Popolo, ci uniamo una- 
r nimi ai Nostri Rappresentanti, e Triumviri da Essi eletti, 
3 c siam pronti colle sostanze, e colla vita ad ogni bisogno 
3 della Patria. Votato ad unanimità nella generale straor- 

■ dinaria seduta del 4 tSv9> Viva la Nazione Fran- 

3 cese Repubblicana 3 Viva la Repubblica Romana. Il Co* 
* mitalo = Stefano Albanesi Presidente s Giovanni Tabar- 
B rini Vice Presidente s Consiglieri s Alcrano Girotti 3 Raf- 

■ faele Malpici 3 Antonio Montenovesi 3 Giovanni Faini s 
M Luigi Tartufari Cassiere s Pietro Tabarrini Segretario s. 
Iodi ha detto esser di sentimento, che l’adunato Consiglio, 
il quale avendo conosciuta il voto del Popolo espresso me* 
diante il Circola Popolare, e mediante il numero di quelli, 
che intervennero al Collegio Elettorale per la Costituente Ro- 
mana ad onta degli ostacoli frapposti , e finalmente dallo 
spirito generale verificatosi in più circostanze per le dispo- 
sizioni date dal Governo della Repabblica, ad unanimità e 
per acclamazione convenga nella protesta già letta, perchè 
portante il voto libero, ed assolato della Popolazione. Il sud- 
detto parere è stato approvato dal Consiglio mediante levata 
da sedere senza opposizione di alcuno. 

Il presente verbale è stato letto, ed approvato dalPAs- 
senablea, é si firma come siegue : 

Stefano .Albanesi Priore Presidente. 

Raffaele Malpici Anziano. 

Giovanni Tabarrini Anziano. 

Giovanni Faini Consigliere. 

Tomassini Adriano Consigliere. 


Montenovesi Antonio id. 
Francesco Brigatti id. 

Malpici Gherardo id. 

Brilupi Raffaele id. 

Angelo Durastants id. 

Raffaele Bristoni id. 


Pietro Tabarrini Segr, Munic. 


. o i 


Digitized by Google 



( *68 ) 


REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO. 

COMUNE DI MONTE ROBERTO ' 

Consiglio, in cui viene approvato ad unanimità un’atto 
di adesione alla protesta emessa dall’Assemblea Roman» 

nella Seduta del Aprile 1849. ^ 

Nel giorno di Giovedì 5 del mese di Maggio Anno 18*9 
dietro il primo invito, si è adunato ad urgenza in pubblica 
Seduta, secondo il Decreto 3 i Gennaro pp. il Consiglio Mu- 
nicipale di Monte Roberto coU’intervento dei Cittadini. 

1, Salvati Benedetto Priore. 

a. Capitelli Francesco Anziano. 

3 . Scarabotti Arcangelo Anziano. 

4. Meriggiani Dottor Eugenio Consigliere. 

b. Meloni Vincenzo 

6. Barcaglioni Settimio 

7. Pollonara Francesco 

8. Mosconi Domenico 

9. Mecarelli Giovanni 

10. Amatori Domenico 
n. Mecarelli Giuseppe 

Mancano i Cittadini Consiglieri 

1. Badiali Emidio. 

». Guglielmi Guglielmo. 

II Consiglio è presieduto dal Cittadino Benedetto Salvati 

Priore Com. ... . . 

Ordine del giorno = Adesione alla protesta emessa dal- 
l’Assemblea Romana nella Seduta del aS scorso Aprile contro 

l' invasione Francese. , • o o 

Di^iposla a termini di Legge TAdnnanza, il Segret. Cotti. 
le"ge la proposta della Magistratura del tenore, che segue: 
° Truppe Francesi invadono il Territorio della Repubblica. 
L’Assemblea Romana gelosa dell’onor Nazionale, e fedele al 
suo mandato- nella seduta del giorno 2& Aprile scorso ha pro- 
'testato contro questa violazione del diritto delle genti, ed ha 
espresso il fermo proposito di resistere colla Forza alle Armi 


id. 

id. 

id. 

id. 

id. 

id. 


Digitized by Google 



( ) 

•t^aniere. Cittadini ! E' qaedo il tapremo momento, che pu4 
decidere della aaUezza della Patria, ma si richiede energlj, 
ordine, unione. Stringiamoci tutti intorno al Vessillo Ke- 
pnbblicano, e giurando di difenderlo fin elio ci rimanga un 
soffio di vita, uniformiamoci agli altri Municipi, e conva- 
lidiamo anche del nostro appoggio 1» sublime decisione del- 
PAssemblea, cui il popolo affidò le sue sorti, h’ a queM» 
scopo, che Noi vi proponiamo neirodiérna Adunanza ad ur- 
genza convocata di approvare il seguente Atto di adesione. 

11 Municipio di Monte Roberto 

Letta, e considerata la protesta dell’Assemblea generale 
Romana del 2 ò Aprile iS^g, vi fa solenne Alto di adeiioi.e, 
dichiarandosi devoto al Governo della Repubblica. 

Firmati s B. Salvati Priore. 

Francesco Capitelli Anziano. 

Arcangelo Scarabotli Anziano. 

Terminata la lettura della proposizione, e della protesta 
emessa dall’ Assemblea generale Romana , il Presidente ha 
detto 3 Cittadini, volete votare per alzata, e sedata snll’att» 
di adesione? Chi vuole si alzi, chi non vuole resti seduto. 

Tatti si alzano, e viene ammessa la votazione pubblica. 

11 Presidente s Và a partito l’Atto di adesione alla pro- 
testa dell’Assemblea Romana formulato dalla Magistratura. 
Chi lo approva si alzi in piedi, chi non lo approva resti seduto. 

L* .Atto di adesione è approvato all’unam'mità, perché tutti 
si alsano. 

Dopo ciò non essendovi altro z trattare il Presidente di- 
ehiara sciolta U seduta. 

E redatto immediatamente sulle premesse cose il presente 
Processo Verbale, viene letto, ed approvato, e quindi firmato 
dalla Magistratura, e da due Consiglieri nei giorno surriferito 
elle ore undici antemeridiane. 

Frmati s B. S-ilvati Priore. 

Francesco Capitelli Ansiano. 

Arcangelo Scarabotti Anziano. 

Engenio Mariggìani Constgl. 

Domenico Mosconi Consigl. 

Barsinieo Bevilacqua Segr. 

Per Copia conforme d^Officio 
Bartimeo Bevilacqua Segr. 



/ 


( * 7 ® > 

REPUBBLICA ROMANA 
PRESIDENZA DI ANCONA 
COMUNE DI MONTE ROBERTO 
Cittadino 

Con vera compiacensa ci è dato parteciparvi, che que- 
sto Pubblico Consiglio nell’Adunanza straordinaria oggi te- 
nuta ha votato all'unanimità il seguente Atto di adesione 
alla Protesta emessa daH’Assemblea Costituente nella Seduta 
del Aprile scorso, 

= II Municipio di Monte Roberto = 

= Letta, e considerata la protesta delPAssemblea gene- 
n rate Romana del eh Aprile 2S49 vi fà solenne atto di 
= adesione, dichiarandosi devoto al Governo della Repub- 
s blica s . 

Salute, e considerazione. 

Monte Roberto 5 Maggio 1849. 

LA MAGISTRATURA 

f ^ 

Benedetto Salvati Priore. 

Francesco Capitelli Anziano. 

Arcangelo Scarabotti Anziano. 

AI Cittadino 

Presidente delPAssemblea generale. 

Roma 




Digitized byGoogle 


■( * 7 » ) 

REPUBBLICA ROMANA 
PRESIDENZA D’ANCONA 
MUNICIPIO DI JESI 


Cittadino 

Queita Magistratura intesa appena la minaccia deila 
Spedizione navale Francese d’invadere il nostro Territorio, 
e Ietta la dignitosa protesta della Generale Assemblea con- 
tro cotanto attentato , ha riunito oggi , in via d’nrgenza , 
il pubblico Consiglio per interpellarlo in proposito. Esso hi 
votata, all’unaninaità, la seguente proposta. 

IL CONSIGLIO MUNICIPALE DI JESI 

c Dà piena adesione alla Protesta fatta il aS Aprile per- 
,, duto dalla Generale Assemblea di Roma ai Comandante 
,, la Spedizione Francese per l’atto ostile pralticato sul Ter* 
,, ritorio della Repubblica. 

£’ pertanto, che i sottoscritti ve ne fanno istantanea 
trasmissione per provarvi che Jesi è con Roma , e che 
Esso si associa pienamente ai Voti dell’Assemblea, che so- 
no pure i desideri di tutti. 

Vi augurano intanto salute , e vi protestano la pih al^ 
ta considerazione. 

Jesi j« Maggio 1849' 

‘ Giacomo Ripentì Gonf. 

Settimio Pianetti Ani. 

Aurelio Ceruti Anz. 

Flaminia Ricci Anziano 

Ralfaelle Dominici Anz. 

Angelo Angeli Anziano 

Al Cittadino Presidenti dell'Aesemblei Generale degli 
Stali Romani. 

ROMA 


Digitized by Google 


( *7* ) 

* 

PRKSIDEKZA DI ANCONA 
MCNICIPIO DI MAJOLATI 
Onortvole Cittadino 

E' nn piacere inesprimibile qaesto di poterri manifc- 
atare, che il Consiglia Municipale di Majolati, Distretto di 
Jeai f Presidenza di Ancona , legalmente adunatosi ad or» 
genza nel giorno ? del corrente , come risalta dall’ atto 
Consigliare del giorno suddetto , depositato in questo Ar- 
chirio t rista e ponderata la Protesta emessa da codesta As- 
semblea nel di ab scorso Aprile , contro Tinaspettata in- 
vasione dell’armi francesi sul Territorio della Romana Re- 
pnhblica , con tutta l'ansia di veder salvi i diritti della 
Patria, e colla unanimità de'suffragj fra gli applausi degli 
astanti , solennemente ha aderito alla nominata Protesta , 
esibendosi pronto a qualunque sacrificio , che la lalrczia 
della Patria , e l'onore della Repubblica richiedessero. 

Accogliete pertanto quest’ Atto di adesione , col quale 
intendiamo , non polendo nuli* altro aggiungere alta ma- 
gnanimità de Romani , di unirci ad Essi col buon volere , 
e colla energia del desiderio. 

Salute , e verace rispetto. 

MajoUti li 3 Maggio 1849 

La Magistratare 

Amato Amatori Priore 
Giovanni Gaspari Aoz. , 

Rog. Colini Ani. 

All’onorevole Cittadino 
Il Presìdeote dell’ Assenablet Coititeente 

ROMA 


Digitized by Coogle 



C *73 ) 


• REPUBBLICA ROMANA 
NEL NOME DI DIO E DEL POPOLO 


Nel giorno tredel mese di Maggio dell’anno dietro 
invito diramato in via d’urgenza dal Prior Municipale nel due 
detto mese a ciascun componente la Magistratura e Consiglio 
Municipale, in forza delle facoltà attribuitegli dall’ Art. 90 del- 
la Legge 3 i Gennaio 184.9, si ^ a<^ODato il Consiglio di Majola- 
ti composto dei Cittadini 

Magistratura presente 

Priore Amato Amatori 
Anziano Giovanni Gaspari 
Anziano Ruggero Colini 

Consiglieri presenti 

I. Pietro Paolo Amatori 
IL Longhi Luigi 
III. Clemente Mingo 
IV". Vincenzo Valcliera 

V. Sinforiauo Mancia 

VI. Francesco Mingo 

VII. Luigi Corradiui 

Consiglieri Assentì • 

D. Giovanni Pier. Bordoni 
Giustiniano Colocci 
Augusto Amatori 

N. B. = Quest’ultimo giustificato dall’indisposizione di 
salute ha emesso il suo Voto in iscritto che si conserva coll’ 
originale del presente atto 

Leopoldo David Segr. Assis. 

Presieduto dal Cittadino Priore Municipale Amato Ama- 
tori a senso dell’Articolo 8a della cit. Disposizione 


Digitized by Google 



(rfi) 


La Magiatratora Manicipale eipon« e 

Che avendo ricevnto fin dal i. Maggio corrente un foglio 
del Circolo Popolare Jesino in data 5o Aprile spirato IV. 5y8. 
che vi si legge, e che appresso si trascrive, col quale viene in* 
vitata a seguir hi volontà espressa dei Deputati della nostra Pro- 
vincia coir aderire pienamente alla Protesta emessa dalla As« 
semblea Custituonic Romana fin dal 2*3 passato Aprile, e che 
trovasi riportata per disteso nel Giornale Officiale = II Monito- 
re Aomano N. 8a = , contro P inattesa invasione de'Francesi 
negli Stiti della Repubblica Romana ha creduto dovere indi- 
spensabile di convocare ad urgenza il Consiglio, onde in cosa 
di tanto momento possa prendersi la conveniente delibera- 
zione. 

Cittadini, sebbene la Magistratura sappia bene quali siano 
i nobili vostri sentimenti pei bene, e salvezza della Patria da 
voi nudrili ed atimentati, e quanto savie siano state sempre le 
vostre risoluzioni, pure si permette di manifestarvi alcune ri- 
flessioni in proposito. 

La protesta dell’Assemblea Costituente contro Tinvasione 
Francese tende a non permettere ebe i diritti dello Stato e della 
Repubblica si.mo lesi dalla invasione dell'estero non provocata 
dalla condotta della Repubblica non preceduta da comunica- 
zione veruna da p.irle del Governo Francese, e clic non ven- 
gano turbati il riposo e la quiete di un Paese, che tranquillo 
<d ordinato riposa nella coscienza de’proprj dirilti,e nell’ eserci- 
zio de’proprj doveri, il che forma la concordia de' Cittadini, 
non vengano turbati, dissi, da una invasione eccitatrice di 
anarchia. Tende ad impedire che non vengano violati i diritti 
delle genti, e le obligazioni assunte dalla stessa Francia nella 
sua Costituzione, e non permettere che vincoli di fratellanza, 
che dovrebbero annodare le due Repubbliche, si convertano 
in catcìte di prepotenza « di soverchieria. Tende in una paro- 
la a difender la Patria in pericola, e salvarla da questo. L’ade- 
sione pertanto alla quale Protesta è dovere di ogni cittadino che 
.sente amore alla libertà degli umani diritti alla salute della 
Patri.'), la quale come Aladre comune ha il diritto sulla nostra 
attività e sul nostro .vmore a costo ancora di grandi sacrifici. 

Quando però i Francesi fossero approdati nelle terre della 
Romana Repubblica per proteggere, difendere roniversalità c 
la maggioranza delle volontà, in tal caso con più di rapidità 
elle mai si segni l’adesione alla Protesta della Costituente Ro- 
m.ina, onde cosi far vedere e risultare universale la volontà per 


Digitized by Google 



la Rapnbblica ^ e sìaentire che nel nostro Stato vi règnino I* 
anarcnia, e la discordanza dell’opiaione relativa alla forma di 
Governo. 

L’esemplo de’Manicipj che cl hanno preceduto neiremet» 
tere tale adesione sia a noi di esempio, e di scorta. 

Inseguito per tanto delle suesposte riflessioni, dal Presi' 
dente si formula la seguente Proposizione. 

s II Consiglio Municipale di Majoluti vista la protesta emes> 
sa nel di ab Aprile 1849 dall’Assemblea Costituente Romana 
contro l’invasione dell’armi Francesi sulle Terre della Rcpab-> 
blica , aderisce pienamente a tale protesta dichiarando di far 
tutti gli sforzi per la salvezza della Patrias. 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
COMUNE DI MONTE MARCIANO 

Air annuncio che parte dell’Armata Francese sbarcata in 
Civitavecchia minacciava invadere il Territorio dello Stato Ro- 
mano, e perfinodi muovere ostilmente sopra la Capitale con il 
pretesto di ristabilire l’ordine nello Stato che dipingevasi ini 
preda all’anarchia, ognuno rimase terribilmente sorpreso per 
tanta ingiustizia, e per una cosi grande calunnia. E più che 
mai poi sentirono a mal’in cuore tali ingiuriose accuse gli abi- 
tanti tutti di qucstaTcfra di MonteMarciano antica sede di Go- 
verno, e centro del Battaglione Nazionale ; in quantochò in 
tutto il loro territorio, e prima, e dopo la proclamata Repub- 
blica Romana fino ad oggi non solo non ebbe mai a deplorarsi 
attentalo alcuno contro la publica tranquililà, a contarsi nn of- 
fesa, a verificarsi la più lieve dimostrazione in contradizione 
allo stabilito ordinamento politico, ma invece regnò più che 
nei passati tempi la pace, l’unione, la fratellevole concordia; 
E perciò che la sottoscritta Magistratura Municipale interpre- 
te del voto unanime dei suoi amministrati si riconosce nel più 
preciso dovere di protestare, conforme in proprio nome, e del 
suo Popolo alt imente protesta avanti a Dio, ed in faccia al 
Mondo contro l’occupazione di qn dunque parte del l'errìtorio 
della Repubblica Romana, dichiarando ingiusta la taccia di 
anarchico ad un Popolo che abbandonato a se stesso seppe di- 


l ) 

gnìlosamenfe conservare ovunque ròrdine,e Tobbedienza alU 
Leggi. 

E per Io scopo predetto dìrigge a Voi benemerito Preside 
dell’ Anconitana Provincia la presente protesta per quclPuso 
che slimarete più conveniente nel savio Vostro discernimento 
in difesa, e sostegno della nostra libertà Repubblicana, e dell* 
onore Nazionale. 

Atto fatto in triplice originale nella Municipale residenza 
oggi 3. Maggio j84g. 

La Magistratura 

Giovanni Santinelli Priore 
Cesare C. Corradi Anziano 
Giovanni, Ludolini Anziano 
Giuseppe Jacomini Anziano 
Leopoldo Dot. Frebbi Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 
MUNICIPIO DI CAMERATA 
Cittadino Preside 

Giuntaci a notizia l’infausta novella dell’ostile invasione 
Francese, il Municipio di Camerata gravemente si duole dell’ 
onta che vuol farsi al sacro suolo della Repubblica Romana, e 
solennemente protesta contro. 

In tale evenienza però ci è di non lieve conforto il vedere 
che questa Popolazione forte si mostri in tale traversia, e che 
per nulla paventi l’ostile attentato, conservando quel civile di- 
grnitoso coraggio proprio del nome italiano, posando sicura 
nell’energica attività e fermezza dell’attuale Governo. I senti- 
menti di questi Cittadini di cui ne siamo interpreti, consuona- 
no , o Preside, con quelli che degnamente, cd a pieno diritto 
si professano dagli altri popoli Romani, e pronti sarebbero a 
qnalnnque sacrifìcio per conservare tale forma di governo non 
solo, ma per vederlo sempre più fiorire e consolidare nel suo 
democratico principio ed universale essendo stato il voto per 
la proclamazione della Repubblica, non può essere a meno, 




Dìgitized by Goog 


^ *77 ) 

che vedendosi ciascuno contrastato nella propria opinione, non 
imbrandiscale armi per difenderla, e sostenerla dairiogiurio- 
sa e stolta oppressione straniera. 

Da noi attendetevi pure, Cittadino Preside, qaeirassisten* 
za, e cooperazione la più energica che farà d'uopo onde cor<> 
rispondere alle provvide intenzioni del Governo, e fate a lui co- 
noscere che ne saremo sempre i più saldi sostenitori , e che 
gli offriamo, nelle nostre ristrettezze, tutti que' mezzi onde 
concorrere alla salvezza della santa causa Repubblicana, 

Vi preghiamo, Cittadino Preside, di far noti all’ Eccelso 
Triumvirato i manifestativi sentimenti non infinti al certo, 
ma spinti da quel sentire che anima tutti j cuori che sentono 
della patria indipendenza. 

Al Cittadino Preside della Provincia di ANCONA 

Gradite che in tale incontro vi anguriamo salute 

Camerata 7 Maggio 1849- 

Dmi Obbmi 

Firmati ( Angelo Zeppi Brega Priore 
( M. Fabri 



Digitized by Google 



( a?8 ) 

COMOiNE DI STAFFOLO 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 


L'ANNO I. DELLA REPUBBLICA ROMANA 


DELL’ERA VOLGARE 1849. 

Nel giorno 6 Maggio 1849 alle ore due pomeridiane si 
è adunato al primo invito, e ad urgenza il Consiglio Co- 
niunale di StalTolo composto dei Cittadini 


Consiglieri 

1 Tito Bastucci Priore Co- 
munale. 

2 Pietro Caudini Anziano. 
S Pietro Colini Anziano. 

4. Saverio Pellegrini. 

5 Alessandro Lucagnini. 

6 Giovanni Giacobini. 

7 Alessandro Giacobini 


Consiglieri non inlerveniili 

1 Carlo Leoni. 

2 Niccola Pettinar!. 

5 Domenico Pagnucci. 

4 Leopolda Giacobini 
b Emidio Pasquale. 

6 Clemente Mangile. 

7 Michele Ccrcancclli. 

8 Bartolomeo Luconi. 

9 Giuseppe Bartellucci. 
Egidio Bartolini 


1 o 

Presieduto dal Cittadino Tito Basiucci Priore Comunale. 


Proposizione Unica 

II Cittadino Governatore Distrettuale di Jesi con dispac 
ciò 4 corrente N. 2Z2 ha invitato la Rappresentanza Comu- 
nale di questa Terra ad aderire alle cure di chi ci gover- 
na , contestando , che il voto di questa popolazione com- 
prova con quello delle altre Genti dello Stato Romano. 

II prelodato Governatore nel citalo dispaccio, che si 
legge , ha trascritto una Circolare del Triumvirato datata 
24 Aprile 1849 nella quale dopo aver fatto conoscere , che 
l’avanguardia della Truppa Francese si é presentata nelle 
acque di Civitavecchia senza alcuna manifestazione di vo< 
Ionia , e preventivo annuncio al Governo della Repubbli- 
ca , il quale ha protestato di resistere culla forza all’ingiu- 
sta invasione, si dichiara quanto sicgue ,, Importa, che 
le Rappresentanze Municipali rispondano degnamente eoa 
solenne manifestazicne al Voto de’Popoli 


Digitized by Co'ogle 



Dovendosi senzn indogio ris()ondcTe alle inierpellanze 
del Governo nelle attuali gra vissime cifCosiaiMie, nellrfcjtia- 
li si deve decidere dell» salute della uostnu i’a.t!-ia in vi- 
gore del disposto daH’Ait. 90 Titolo IX del Decreto 5i Gen- 
naio j 8(’9 è stalo convocalo ad urgenzo questo Consi"lio 
Comunale. ° 

In seguito di che li Cittadini componenti la Alagisfra- 
tnra di qii .>sta Terra , Tito Bastncci Priore , Pietro Gan- 
dini, e Pietro Corini Anziani lianno formulalo la proposta 
nel modo, che si trascrive. 

• I consiifue'nti il Governo della Repuhlica hanno fatto 
appello, a tutte Io rappresentanze Comunali perchè dicliia-»- 
rino il loro consiglio soprai fatti enarrati. l\oi non possia- 
mo opporsi alle proteste fatta contro P invasione Francese 
dal benemerito 1 riunivirato , come non possiamo non te- 
ner degni dello Stato e della Città F.icrna la opposizione 
fatta alla forza colla forza alle Truppe Straniere , che lianno 
leso il diritto , e la dignità del Paese, che vive sotto il 
Governo di una frauqnilissima pace. Ritnetltamo però ]Voi 
al pronunciare se intendete di aderirvi con i vostri liberi 
voti. Voi esporrete il vostro^ volere , e la Vostra dichia- 
razione sarà canonizzata dalia maggioranza de’vostri favore- 
voli suffragi. 

Sottoposta ai Voti la interpellanza di aderire .alla pro- 
testa di resistere colla forza all’ invasione Francese ha otte- 
nuto Voti favoreli sette, contrario nessuno si 7. no — e 
perciò adottata a pienezza di suffragi. 

Consiglieri estratti a sorte per firmar 1’ atto presente 
Alessandro Lucagnini 
Saverio Fellegrioi. 


Dopo di che si é terminata la seduta , e sciolto il Con- 
siglio. Fatto , letto , e chiuso il presente alto a Staffalo il 
giorno mese , ed anno suddetto alle ore s pomeridiane. 

Tito Bastncci Priore. 

Pietro Gaudinì Anziano 
Pietro Colini Anziano 
Alessandro Lucagnini. 


Digitized by Google 



(28 o ) 


i 


Saverio' Pellegrini. 

Massimo Malteucci $eg, Comunale. 

Per Copia conforme d’Cffieio 
Il Segretario Comunale dj Staffolo 
MA SSIMO MATTEUCCI. 

Al Preside della Provincia per lutti gli effetti di Legge. 
fi Se&>etarÌQ Comunale sucletlo 
M. MATTEUCCI. 


CITTADINI DELL’ASSEMBLEA COSTITUENTE 
» 

CITTADINI triumviri 

Non occorre clie usciamo da noi stessi per sapere quel- 
lo , che dobbiamo fare; ascoltiamo le decisioni del nostro 
cuore ) seguiamo il primo movimento della nostra coscen- 
za , e pigliaremo il partito pili conforme alla ragione , poi- 
ché la prinia impressione del cuore è sempre per la sere- 
riti della regola, e la nostra coscenza per tulio ciò, che 
si chiama buon diritto, e ragione = Voi ce ne porgeste non 
ila guari la prova nella cilnii dignitosa, con cui protestaste I 

contro riuvasione straniera ; lo aiitlim ostrasle nella fermez- 
za in ributtar la forza con la forza , diveniste superiori ad , 
ogni principio nella mo lei’aziotic della V’^itloria = Voi per- 
tanto Cittadini rappresentanti, CiUarìini Triumviri ben me- 
ritaste della Patria , c menile i Uiiiui Cormuii della Re- 
pubblica Vi rendono qiiest’.iHo di giustizia, tollerate , che 
anche la rappresent.inza Munieipale di Belvedere nella Pro- 
vìncia di Ancona , interprete dell’unanime voto del Popolo, 
ve lo conferma : con I nriiiltà, che si addice alla sua con- 
dizione , ma con la fermezza, che è propria solo delle ani- 
me forti preparate ad ogni sacrificio per il bene della Pa- 
tria , Vi dichiara esser pronta a tutto porre in opera per so- 
stenere i sacrosanti diritti di Nazionalità , e d’Indipeudea- 


Digilized by Google 



(*8i) _ . 

za 1 perché dono di Dio, ai coi diiegnl ii oppongono indarno 
le mene dei tristi, e dei despoti. 

BELVEDERE 3 Maggio 1849 

L« Magistratura 

F. Tucchini P. M. 

Vincenzo Woris Anziano 
Cesare Benvenuti Anziano 


REPUBBLICA ROMA^'A 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
PROVINCIA DI ANCONA 
Governo di Jesi 

MUNICIPIO DI SAM MARCELLO 

Quando Francia Repubblicana abiurando dalle sue Co- 
stituzioni , infrangendo il diritto delle genti , e segnando 
una pagina d’infatnia la più nera nella sua storia , minac- 
' ciò d’invadere il Territorio di una Repubblica Sorella, il 
nostro animo si vide compreso da viva , e profonda indi-< 
gnazione. 

Minima è la parte, che il Nos'ro Municipio sà di oc- 
cupare nell’armonica spinta da darsi al perfezzionamento 
delle nostre libere istituzioni , e quasi nulla perciò ricono- 
sce la voce , <chc osa in oggi levare. Mosso però dalla bra* 
ma d-i rappresentare al Mondo , che non ispirilo di parte , 
ma il Volo unanime delle masse gillò le fondamenta della 
Rpmana Repubblica, e confortato nella giustizia della cau- 
sa, nella speranza di quel braccio divina, che 1’ oppresso 
inalza , e l’oppressore atterra : con vera gioia, ed all’anani* 
mità aderisce alla protesta emessa dall’Assemblea Generale 
Romana contro la sacrilega Invasione Straniera , e pronto ai 
dichiara per quanto òdi se a concorrere con ogni sforzo, ed 
a prezzo di qualsiasi sacrifìzio onde mostrare alle Nazio- 
ni , che il Popolo Romano ò iipdegno di quelle sorti , che 

P. 




Digitized by Coogle 



ji’flsiolutìimo gli prepara ,y e che innanzi di piegare il capo àl- 
rinfame giogo del dispotico Glericato sa morire gridando: 

. Viva la Repubblica Komapa 

Dalla Residenza Municipale, Sammarcello. li m Mag- 
gio i8ì9. • 

Emidio Gregorini Priore 
Pietro Gregorini Anziano 

Zenone Veneri Segr, 


REPUBBLICA ROMANA 
COxMUNE DI CHIARAVALLE 
Cittadini Triumviri 

La Magistratura di Chiaravalle inteso appena che Posti- 
Je invasione dello Straniero aveva posto la Città eterna in 
atteggiamento di guerra , si riuni in corpo nella Residenza 
Municipale per dichiarare al Preside di Ancona (perchè non 
si vedeva la corrispondenza della Capitale) la più viva con- 
doglianza I e dichiararsi che voleva concorrere con tatti i 
mezzi che sono in suo potere alla salvezza dell* onore Ita- 
ilano. ^ ^ , 

Benché siavi certezza che il solertissimo Preside abbia 
a Voi partecipato questi sentimenti , tuttavia vuol prattl- 
carc anche con voi direttamente , onorevolissimi Triumvi* 
ri, una eguale manifestazione di animo, ed assicurarvi che 
il, voto del Popolo Chiaravallese consuona con quello delle 
altre genti dello Stato Romano ; che attende dalla fermez- 
za, ed attività Vostra la sua liberazione , e protesta solenne- 
mente contro ogni olTesa al diritto , e alla dignità del Paese. 

Salute, e prosperità. 

* V 

Chiaravalle h Maggio 18(9 

« 

^ . : La Maglstpalurà 

Giuseppe Cara vecchia Priore 


Digitized by Goog 


( 285 ) 

Antonio Luigi Caroli Anz. 
Gio: Carotti Anz. 
Francesco Gaimoni Anz. 

Ai Cittadini' Trinimiri 

Roma 


REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
Presidenza di Ancona 
COMUNE DI CASTELBIANCO 

Nel giornn 3 del mese di Maggio dell’anno 1849 in con- 
seguenza di avviso fatto correre antecedentemente ad ogni 
Consigliere) ai è adunato a termini dell’Articolo 90 Titolo IX 
del Decreto suH’Ordinamento dei Manicipi delia Commissio- 
ne ProTÌsoria di Governo degli Stati Romani , invia d’ ur- 
genza il Consiglio della Comunità di Gastclbeliino composto 
dei Cittadini 

Magistratura Presente 

Vincenzo Berarducci' Priore 

Giovanni Chiodi Anziano 

Giuseppe Lorenzetti Anziano 

Consiglieri Presenti 

i 

1 Serafino Chiodi 

2 D. Bernardo Pierano Moncolini 

3 Vincenzo Sassaroli 

4 Antonio Contadini 

5 Giuseppe Lattai 


V Consiglieri assenti 

Giuseppe Condi 
Eugenio Poloni 



(*8i) 

Girolamo Berarducci 
Antonio Berardncci 
Francesco CaTalieri 

Bernardino Berardacci Segr. Com. 

Fresiedato dal Cittadino Vincenzo Berardacci Priore in 
forza di legge ec. 

Il sullodato Priore Comunale hà esposto che l’Assemblea 
Romana commossa dalla minaccia d’invasione del Territorio 
della Repubblica, conscia , che questa Invasione non provo- 
cala dalla condotta della Repubblica verso l’Estero, non pre- 
ceduta da comunicazione alcuna da parte del Governo Fran- 
cese , eccitatrice di Anarchia in un Paese che tranquillo , e 
ordinalo riposa nella coscienza dei propri diritti, e nella con • 
cordia dui Cittadini , viola a un tempo il diritto delle genti, 
gli oblighi assunti dalla Nazione Francese nella saa Costitu- 
zione, e i vincoli di Fralellanza,che dovrebbero naturalmen- 
te annodare le due Republiche protestò in Nome di Dio , • 
del Popolo contro l'inattesa invasione, dichiarando il fermo 
suo proposito di resistenza , e rende mallevadrice la Francia 
di tutte le conseguenze. 

Il convalidare pertanto an si solenne atto, renderci degni 
del vero nome Italico, occorrebbeche ancor noi seguissimo que- 
sto nobile esempio concorrendo con tutte le nostre forze a 
sostenere le libere Istituzioni dataci da un Governo vera- 
mente legittimo, perché nato dalla libera volontà dei popoli 
per il che se ne ha la relativa proposizione ec. 

Terminata la quale essendosi dichiarata tutta la Magi- 
stratura , e Consiglieri intervenuti di essere di parer piena» 
mente conforme a quello del Cittadino Proponente, il Citta- 
dino Presidente hù decretato, chea termini di legge sia la 
proposizione stessa assoggettata a segreta Ballottazione, e ri- 
portando questa pluralità di voti favorevoli , s’intenda am- 
messa dal generale Consiglio rappresentante il voto, ed il pa- 
rere di tutta questa Popolazione ec. 

Dopo di che avendo i Sigg.Consiglieri esternato il parere 
di volerla approvare per acclamazione il Sig. Presidente con- 
discese alla richiesta, e per acclamazione renne approvata dal 
Generale Consiglio ec. 

Dopo di che rese le dorate grazie all’Altissimo si é termi- 
nata la sessione, e sciolto il Consiglio ec. 

Fatto, e chiuso il presente atto a Castelbellino alle ore 6. 
Pomeridiane del giorno 3 del mese, ed anno sud. 


Digitized by Google 


(* 85 )^ 

FirmatisVincenzo Bernardncci Priore, Bernardo Pieva- 
no Moncolini Consigliere, Serafino Chiodi Consigliere , Ber- 
nardino Berarducci Segretario Comnnale. 

Per copia conforme, come ec« salvo ee. 

Castelbellino dalla Residenza Comunale li 3 Maggio iS^d 

Il Priore Comunale 
Vincenzo Bararducci 


ALL’ ASSEMBLEA COSTITUENTE ROMANA 
IL MUNICIPIO DI CASTELPLANIO 
NELLA PROVINCIA DI ANCONA 

Adesione alla Protesta del Aprile 
contro r invasione Francese 

Dopo i lunghi anni del dolore , nei qnali era peccato 
il proferire pure il nome di Patria , avevamo finalmente 
libera la speranza e la gioja , e schiantato il fatalissimo in- 
nesto , che produsse soltanto usurpazioni ed intrighi , sul- 
le ruine del dispotismo erigevasi un Governo di democra- 
tica indole , che tendeva a spegnere , quanto più gli fosse 
possibile, la pestifera influenza, e la memoria di tante ca- 
gioni della passata servitù. Ma quando la sorgente Repub- 
blica forte del divino ed ornano diritto è unicamente in- 
tenta ad ottener peso e stabilità , non solo viene combat- 
tuta dal maneggio di que’ molti che s’impinguavano delia 
tirannide , ma di fatto avversata eziandio dalla Nazione 
Francese che impudentemente si arrovella contro principi 
da lei stessa professati. 

Non é facile il dir quale profonda commozione venga 
in noi destata dal tristissimo dubbio su le sorti della Patria 
e conscii di noi stessi , e testimoni del generoso fremito , 
da cui tutta vedemmo compresa questa popolazione all’ an- 
nunzio del pericolo, a nome di tutti solennemente aderta- 
tno alla Protesta che voi , ottimi Cittadini Rappresentanti, 
faceste contro gli stranieri , i quali ingiustamente invado- 
no la nostra terra , la terra sacra alla Libertà c fossero pur 
molte le forze nostre quant’ egli è il buon volere per la 



Ca86) 

più efficace operazione ! ma qualunque esse aleno , ci di- 
chairiamo pronti ad impiegarle per concorrere alla salvezza 
della Repubblica. 

Cosi , ne si, un certi , farà lo universale , e ae male 
ci credessero educati alla patria virtù , a questa stessa le 
Nazioni di Europ,i riconoscano i figli di Roma. E i Repu^ 
blicani di Francia, c’ie mascherandosi ad infinti pretesti, 
vergognosamente immemori della propria libèrtà vengono 
ad oppugnare la nostra , imparino a nutrir sentimenti che 
li disonorino meno , valgano una volta a cancellare dalla 
lor fronte le vive marche di altre sventure. 

Ecco il nostro voto , che confermiamo giurando per la 
dignità di un popolo Re, perii Governo più legittimo del- 
la terra , per la Repubblica. 

Votato ad unanimità nella straordinaria generale torna- 
ta del giorno 3 Maggio 1849 

Gio. Batt. Giovannini Aloisi Priore 
A. Armanni Anziano 
M. Felini Anz. 

I Consiglieri 

Francesco Saverio Mancini 
Filippa Ferri 
Luigi Carloni 
Raffaele Ragioni 
Ginseppe Zenobi 
Giuseppe Montanovesi 
Giovanni Costantini 
Giacomo Ronchi 
Gioacchino Santelti 


Digitized by Coogle 



( 287 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

In Nome di Dio e del Popolo 

COMUNE DI MONTE MARCIANO 

All’ annuncia che parie deH’Armata Francese shnrcaia in 
Civitavecchia miiiacci<na inva lere il Tei rilorio dello Siato 
Romano, e perfino di muovere ostilmente sopra la Capilaio 
con il pretesto di ristabilire l’oidine nello Sialo che c!i()itigc- 
vasi in preda all’anarchia, ognuno rimase terribilinenre sor- 
preso per tanta ingiustìzia, e per tma cosi) grande calunnia: E 
più che mai poi sentirono a malincuoie tali in{;il>rìo^e accu- 
se gli abituiti tutti di (jncsta Terra di Monte Marciano anti- 
ca sede di Governo, e ceiiiro del Battaglione Nazionale; in- 
qnantochò in lutto il loro territorio, e prima, e dopo la pro- 
clamata Repubblica Romana fino ad oggi non solo non ebbe 
mai a deplormsi attentato alcuno contro la pubblica tranqnii - 
lilà, a contarsi un ofTcsa, a verificarsi la più lieie dimostrazio- 
ne in contrarliziune allo stabilito ordinamento politico; main* 
vece regnò più che nei passati tempi la pace, l’unione. In fra- 
tellevole cono odia ; E’ perciò che la sottoscritta Magistratura 
Municipale interprete del voto mianiine dei suoi amministra- 
ti si riconosce nel più preciso dovere di protestare conforme io 
proprio nome, e del sno Popolo altamente protesta avanti a 
Dio, ed in faccia al Mondo contro l’occupazione di qnalnm|uc 
parte del Territorio della Repubblica Romana, dichiarando 
iogìustu la taccia di anarchico ad nn Popolo che abbandonato 
a se stesso seppe dignitosamente conservare ovunque l'ordine 
e l'obedieiiza alle Leggi. 

£ per lo scopo predetto dirigge a V'oi benenaerito Pre- 
side dell’ Anconetana Provincia la presente protesta per qtlel- 
r uso che stimarete più conveniente nel savio vostro discer* 
nlmento in difesa, e sostegno della nostra libertà Repubbli- 
cana, c dell’ onore Nazionale. ' 

Atto fatto in triplice originale nella Municipale residenza 

•ggi 3 Maggio 1849 

La Magistratura 

Giovanni Santiiielli Pres. 

Cesare C. Corradi Anaiano 

P i 


Digitized by Google 


( 288 ) 

Giovanni Ludolini Anz. 
Giuseppe Jacomini Anz. 
Leopoldo D. Trebj Anz. 

Gius. Breccioli Seg. Mun. 
Santinelli Nicola Cons. 

Luigi Serafìno Durani Cons. 
Giuseppe Cassoni Cons. 
Luigi SpacusiCons. 
Tommaso Gilj Cons. 

Gio. Batt. Mandolini Cons. 
Gitinipcro Giuliani Cons. 
Mariano Brinoni Cons. 

Lino Giuliani Cons. 
Giovanni Michelini Cons. 
Pacifico Andreanelli Cons. 
Luigi Michelini Cons. 
Giovanni Maraschi Cons. 
Luigi Marotti Cons. 

Roberto Cherubini Cons. 
Felice Marini Cons. 


LA GUARDIA NAZIONALE 
ed 

I CIRCOLI ANCONITANI 

La Repubblica Romana , succeduta a un Governo de- 
crepito , che abbreviò col suicidio la propria agonia , di 
cui niun Governo può vantar la maggiore. 

11 Popolo volle il regime repubblicano , perchè altri- 
menti vidde impossibile a sè il godimento di una libertà 
circondata da valide garanzie y impossibile il concorso alla 
restaurazione dell’ italiana indipendenza. 

Chi dunque s’ attenti di rovesciare quel regime è vio- 
latore de’ nostri diritti , è nemico nostro , è nemico d' I- 
talia : 

E di questi nemici ve n' ha molli. E primo a muover 
r armi fratricide si mostra quel Governo , il quale per i- 
dcntilà d’ origine avrebbe dovuto prestarci ajuto e difesa . 
La Francia non s’ avvede , che mentre il suo esercito pro- 
cede sù Roma , ella retrocede alla monarchia. 


. Digitized hy Google 



Koslro debito intanto è.di resister^ ; di suggellare col 
sangue il giuramento che denimo' di mantenere intatta la 
nostra Repubblica. Roma ci ha dato net So.Aprile un gran- 
de esempio . JVoi sapremo , se fìa d' uopo , imitarlo .. Dio 
darli vittoria al buon diritto. " 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA ! 

, l 

Guerra Implacabile ai suoi nemici ! 

Ancona 5 Maggio iS4g. 

PER LA GUARDIA NAZIONALE 

Ferdinando Cresci Colonnello 
Giovanni Bonarelli Fen. Col. 

Oliverotto Ferretti Ten. Col. ‘ 

Marino Ploner Ten. Col. 

Alessandro Bravura Maggiore ‘ ' 

Daniele Beretta Maggiore 

PEL CIRCOLO ANCONITANO 



Antonio Pennacchietti Vice-Presidente 
Niccola Laine ' 

David Almagik di M. P. 

Francesco Matteucci 
Federico Gulinelli 
Carlo Taich 
Francesco Balloni 
Pacifico Rossi 
Prospero Vondiere 
Clemente Marinelli Seg. 

Ciò: M. Bartoli Vice-Seg. 

PEL CIRCOLO POPOLARE 


) 


Deputati 


Sebastiano Bruni Vice-Presidente. 
Mattia Ciotti ) 

Domenico Clod! " 

Antonia Maccalerri 
Cesare Bastianelli ) Deputati 
Andrea Ciotti ' ' . ‘ 

Domenico Buglioni 
Sante Pullini 
Giorgio Schclini Vice-Segretarlaì; , 
■ " >’5 


/ » 

."J 


Dir,:;;, r..-; Iry Google 


( *90 ) 

CIRCOLO POPOLARE 

DI C ASTELFID ARDO j 

'Al Comitato dì Pubblica SoriKglianza in Roma- ( 

Cittadini Fratelli | 

n Circolo Popolare di Castelfìdardo nell'Adunanza del 27 
Aprile corrente anno , udendo il vostro appello , confermò 
quel vero amor patrio, cbe aveva gii! dimostrato contri- 
buendo a soccorso dell’ Eroica Venezia , e dando testé 29 Gio- 
vani alla Milizia della Repubblica. Esso rispose all' appello 
dictiiarando ad unanimità di volere unicamente riconoscere i 
il Governo delia Repubblica istituito con legittimo voto da 
fatte le Popolazioni degli Stati Romani , ed approvò piena- [ 
niente la Protesta con diritto emessa dall' Assemblea contro I 

l'invasione delle Terre della Repubblica per parte delle Trup- { 
pi Francesi, volendo rato e valido tuttoché a bene della Pa- | 
tria viene operato dai Rappresentanti del Popolo , nei quali j 
ripone piena , ed universale fiducia. ' 

Alla ferma volontà del Circolo si aggiunge quella del ; 
Municipio , e della Guaidia Nazionale, i cui Rappresentanti | 
pongono qui anche le loro firme. I 

Castelfidardo 2 Maggio i849> | 

Comitato del Circolo Popolare | 

Domenico De-Cupis Presidente ! 

Achille Sciava Vice-Presid. 

Cesare Sciava Deputato 
Fortunato Canonico Mordini Deputato 
Giuseppe Fiorani Deputato [ 

Gabriele Moreschi Cassiere I 

Fausto Festina Segretario | 

Rappresentanza Municipale | 

Attilio Sciava Priore . | 

Paride Ghirardelli Anziano | 

Pietro Francalancia Anziano 

I 

tl/ficiali della Compagnia Nazioimie 

Pietro Francalancia Capitano f 

Attilio Sciava Tenente t 

Odoardo Tomasini Tenente ‘ 

G. B Sciava Sotto-Tea. ! 

Lcr.’nzo Sciava Sotto-Tenente ^ 

( 


Digitized by Google 


'( * 9 » ) 

CITTADINI TRIUMVIRI 

* ♦ 

Il Circolo Democratico di Chiaravalle protesta contr (9 
qualunque iatervénto straniero $ che non avesse per iscopo 
di ^proteggere e difendere la Rjepnbblica Romana* Dichia- 
ra inoltre di aderire pienamente al Decreto dell’ Assem- 
blea Costituente dei 26 Aprile i$Ì9* 

Votato ali* unanimità nella seduta straordinaria dèi .2^ 
Aprile 1849 Anno 1 della Repubbiiea* 

IL COMITATO 

Giuseppe Giz^ardi Fresidente > 
Bruni Antonio Vice Presidente ' . 
Giuseppe BoccoHnt Deputato 
Vincenzo Bellotii Deputato / , 
Vincenzo Bernardini Deputato 
Gregorio Bernardini Segretario 
Assungehhg V, Segretario 


PROTESTA 

Emessa dall'Assemblea Costituente nella sednta del gior- 
no 2& Aprile 1849 contro la invasione Francese 

I» L’Asremblea Rcmana commossa dalla minaccia d'inva 
,, sione del territorio della Repnbblica « conscia che questa 
9, invasione , non provocata dalla condotta della Repubbli- 
,, ca verso Testerò , non preceduta da comunicazione alcu- 
yi na da parte del governo francese ^ eccitatrice di anarchia 
9, in un paese che tranquillo e ordinato riposa nella coscienza 
9, dei propri! diritti e nella concordia de* cittadini 9 viola a 
„ un tempo il diritto delie genti, gir obblighi assunti dalla 
99 nazione francese nella sua Costituzione e i vincoli di fra- 
•9 lellanza , che dovrebbero naturalmente annodare le due 
,9 Repubbliche 9 protesta in nome di Dio e del Popolo con- 
,9 tro la inattesa invasione , dichiara il suo fermo proposi- 
9, to di resistere 9 e rende malie vadri ce la Trancia di mite 
9» le conseguenze ‘ . 

Il Circolo Budiese 9 letto il tenore di questa protesta 
levò immediatamente un grido d'indignazione ' contro lo 
straniero 9 e nella seduta straordinaria di oggi ha formato 
il seguente atto di adesione. , . . 


f egà f 

II POPOLO di MONTALBODDO ha «oleimementè di- 
chiarato di non yolere riconoscere altro governo «e non qnel- 
lo che emana da Dio e dal Popolo , ed ha pienamente ade- 
ritò'V conforme aderisce per ispontanea acclamazione alla 
sroftesla emessa'dall’ Assemblea Romana nelPintero tenore 
popratrascrilta ,‘ed ha giurato di versare tutto il euo'cangùe 
e di eacrificare te proprie sostanze per la difesa del princi- 
pio professato , quale è quello della democrazia para e sem- 
plice dichiarando nel tempo stesso-, che chiunque atten- 
tasse contro il principio della sovranità popolare , sia na- 
zionale , o straniero dev^ ritenersi nemico della patria , e 
violatore del dirìtto‘delIe genti , e si chiama responsabile 
in faccia a'Dio ed al Popolo di tutte le conseguenze che ne 
possono derivare. • > 

Dalla Sala del Circolo Popolare di Montalboddo questo 
di ventinove (39) Aprile milleottocento quarantanove < 1849) 

Innocenzo Avv. Angelini Presidente 

■ » •'■- 3 *^ - iu 

Baldassarre Carati Segretario 


Jl C. Ellugari Socio del Circolo 
( Girolamo Gherardi Martinelli jSocio 

« r. n • . ^ T i 

il Corpo Municipale di Montalboddo ' 

Cfiii't pi3n'.!.if<;. s.’ì.'l: f.jr'i v'!/'- • c-'. "I 

r!\u E f ja Maglstratnra '• 

•-liijfjt; > •. v;;'_ . 

■L.ols - ‘disse' Antonini Gonf. • *> • ' .'i' 

,.;do^£.'u Claudio Mèrtchetli Cons. < f-i! ' > 
r..;r,j.!Dii ZDeaìaprìo; Lauri Anziano • a. 

Ai iloi’f r iRfiot.palae'z!- Anziano '■ ~ 
r-itif) ftniCòllàtì'nd Coletti A Anziano !" ^ - '■ 
'ii.t ih iiùonir 1 r* .ìn ■ ! ; j." ' jIa 

f i ot.ìboiFnfi CONSIGLIERI- ' ■' •-'!- 

-ath> 3 oloqo 1 icc a oiJ ;' :s j. 

.-rVoioiq Cfrólarrib Chèrardi - ^ 

i'iiv; ,b Gfdév'j^c'lDbi'ftd^ 

Giuseppe Ciampellini .< - 

L\ìl^frR^sri''’' 5 s? i'! ' 

;( o;Jvj:.cntofotìte'Sartini;-!'‘'': "'J-’fn. ir 

Ltìffl- Fedeli .b;,3 7i i.3u:-;..- .if.:. 

Clìtofonte Bracci ■ ? 



’i-, : ’• 

ii Uh 
. V-U 







Digi!ized by Googic 



( =93 ) 

Giambattista Antonini , 

Giovanni Maltempi 
Pasquale Bronzini 
Costantino Negri 
Vincenzo Cavallari 
Pasquale Rocchegiandi 
Pietro Mazzanti 
Giovanni Giacomctti 
Manchetti Clodoveo 
Vincenzo Pabbatini^ 

Bartolomeo Pettinar! 

Innocenzo Avv. Angelini Seg. 


Innocenzo Avv. Angelini Presidente del Circolo 
Francesco Santini Vice Presidente 
Vincenzo Cavallari Deputato , „ 

Ilario Palazzesi Deputato del Circolo Bo diesa 
Luigi Rossi Deputato 
Desiderio Lauri Deputato 
Giuseppe Ciampolini Economo 
Rufo Rossi Cassiere 
Baldassarre Carati Segretario 
Antonini Gaudenzio Vice Segretario 
Gilberto Alessandrini Socio del Circolo Bodiese 
Cro ^ ce di Lino Alessandrini socio illett. 
Alessandrini Mansueto 
Antelini Luigi socio . a- . 

Giambattista Antonini Capitano Ajutante Magg. 
Cirillo 'Antonini socio 
RalFaele Baldoni socio 
Giovanni Battistini socio 
Raimondo Bedini socio 
Benedetti Luigi socio . . 

Bagugnoli Francesco socio 
Bugugdoli Luigi socio 
Sirtini Cb'dofoQte Capitano 
Giuseppe Cecocelli socio 
Demetrio Cioccolanti socio 
Flavio Coacci socio 

Giovanni Corredini socio . ^ .. 

Chiodi Emidio Socio , e Tenente della Guardia Wa- 

Do*rnr^Gluseppe Socio , ed Ajutante sotto Ufficiale 
del Battaglione Nazionale 


Nazionale socio 



( *9i > 

Luzi Fedeli Cesare Socio Capitano della Nazionale 
Fattori Oomenico Socio 
Fattori Nicola Socio 
Ftorani Alusle Socio 

Croj^ju di Fiorani Aristide socio illetterrto 
t'ro^ce di Ferretti Domenico id. id. 

■ Domeuiconi Filippo 

Lorenzo Coresani Socio del Circolo 
Gagliiird ini Vincenzo Socio. 

Cr o)^ce di Domenico Giausauii Socio. 

Nicola Grilli Socio. 

Eugenio Mancinell! Socio. 

Filippo Mercurj Socio. 

Giuieppe Montanari Socio. 

Costantino Negri Socio. 

Nerino Negri Socio. 

Cro)j5(;edi Pietro Palletta Socio Éictto. 

Parariiiì Nicola Sicio reduceVicentinj. 

Paolocci Vincenzo Socio. 

Bartolomeo Petlinari Socio. 

Antonio Pettinar! 

Kenidio Pettinari Socio. 

Pasino Piaggesi Socio. 

Gabrielle Gozzariai Socio. 

Fiorani Domenico Socio. 

AlTuni Mario Socio. 

Nicola Benedetti Socio, 
fra Itesi Giovanni Socio. 

Croiìtce di Giovanni Traboni illetterato. 

CrojJce di Giuseppe Mandolini ifletteratd. 

Crojygcedi Santini Raffaele illefterato. 

Croj^ce di Bcrnacchia Oomenico illetteratd. 

Crocce di Baldassarri Emidio illettetralo. 

Luigi Periini. , 

Gioisce di Bedini Gaetano illetterato. 

Croi^ce diTincen^o MarCellìnì illetterata. 

Oie^ Longbi. 

Crocce diStaccioli Oiméppé. 

Cro)^ce di Bedini Angelo illetterato. 

Cro)^ce di Bedini Antonio illetterato. 

Croi^ce di Mezzanti Giambattista illetterato. 

Dott. Giuseppe Antonio Carati. 

Ciòri Francesco Caporale. 

Galli Giuseppe Caporale. 


Digitized by Google 



. ( 2g5 ) 

Lorenzo Ceresoni Socio. 

Domenico Odoardo. 

Dupini Osmondo Socio. 

. Paolucci Antonio. 

Crocce di Francesco Paolucci illetterato. 
Crocce di Bernacchia Vincenzo illetterato. 
Crocce di Antoncecchi Pasquale illetterato. 
Crot^ce di Cioci Domenico illetterato. 
Crocce dì Bedini Luigi illetterato. 
Raimondo Alesandrini. 

Pietro Sìmonetti. 

Santini Francesco. 

Paolino Martelli. 

Crocce di Vincenzo Discepoli illetterato. 
Cro)^ce di Fratlesi RalTaèle illetterato. 
Caporal Bedini Giuseppe. 

Ermenegildo Sartini Socio. 

Filippo Fronzi Sargente. 

Torquato Marchetti. 

Crocce di Giuseppe Bereltini. 

L. Manni Brig. 

Figini Pietro. 

Giacomo Brizzati Socio. 

Pasquale Boi zini Socio. 

Onnicidi Vincenzo. 

Claudj Antinuro. 

Crocce di Filippo Lazi illetterato. 

Crocce di Agostino Beni illetterato. 

Croijtce di Andrea Pettinelli illetterato. 
Cro)j5coe di Pietro Berti illetterato. 
Gioacchino Micci. 

Croi^cc di Giovanni Micci illetterato. 
Domenico Venturi. 

Luigi Raffici. 

Crocce di Saverio Giannini illetterato. 
Crot^ce di Tommaso Piaggesi illetterato. 
Giuseppe Foranì. 

Crocce di Bedini Tebaldo ) 

Cro)^ce di Pianelli Giovanni ) illetterati 
Cro)^ce di Vincenzo Mosca ) 

Pietro Bontema. 

' Cavallari Luigi. 

Antonio Mancini. 

Crocce di Rossi Girolamo Ilio Iterato. 


Digitized by Coogle 



V 


( 296 ) 

Cro]$'ce di Berta Angelo illetterato. 

Glo. Battista Dott. Frediani. 

Domenico Mariani. 

Antonio Antolini. 

Crocce dì Paolino Argentati illetterato. 
Crocce di Cipriano Giannini illetterato* 
Roma Leopoldo. - 
Bagoni Laigi. 

Pasquale Mencucci. 

Pennacchio Pasquale. 

Sante Mencucci. 

Vincenzo Olivi. 

Cro)$[ce di Costantino Olivi. 

Covoni Luigi Carabiniere. 

Dalatri Vincenzo Carabiniere. 

CroJ^Cce di Luigi Nerreitini illetterato. 
Cro)J^ce di Angelo Bigelli illetterato. 
Crocce di Domenico Rossi illetterato. 
Diomede Olivi. 

Cro)J(cedi Vincenzo Pettinelli illetterato. 
Crocce di Vincenzo Sdbbatini illetterato. 
Crocce di Luigi Bernacchia illetterato. 
Crocce di Pasquale Caicchi illetterato. 
Cro)^ce di Giovanni Donneili illetterato. 
Agostino Bonlerapi. 

Crocce di Pietro Frattesi illetterato. 
Angelo Santini. 

Cro)J^ce di Giuseppe Sebastianelli illetterato. 
Osmondo Pupi. 

Luigi Conlndinelli. 

Crocce di Emidio Bcdini illetterato. 

Clandj Antonio. 

Ballotta Antonio. 

Antonio Menotti. 

Mariotti Vincenzo. 

Bonafede Paolucci. 

Cro)J(ce dì Luigi Berrettini illetterato socio. 
Belisario Manchetti. 

Pacifico Coletti. 
tJldarico Bartolini. 

Pirro Coacci socio. 

Giuseppe Coacci. 

Calisto Venturi Socio. 

Cristoforo Pietrucci* 


DIgitized byGoogli 


Cro>)5(ce dì Filippo ChappeHa illetterato. 

Cro)i(ce d’Antonio Rustici Illetterato. 

Cro)j^ce di Vincenzo Redini Illetterato. 

Cro;^ce di Innocenzo Sopranzette Illetterato. 
Cro)^cedi Giovanni Giannini Illetterato. 

Francesco Agnoletti 
Tomasso Mancinclli. 

Cro)j^ce di Giuseppe Mancelli Illetterato. 

Cro)^ce di Luigi Curzi IlletCerato. 

Scollevio Alessandrini. 

Cro)jg(cedl Andrea Periini Illetterato. 

Giuseppe M. Domeniconi Socio. 

Ascenso Marini. 

Giuseppe Animali. 

Luigi Marini. 

Cro)^ce di Ciriaco Moretti Illetterato. 

Rossi Gregorio. 

Pietro Ceccacci. 

Giovanni Fagliani. 

Cro)j^ce di Saverio Bompadre Illetterato. 

Caudini Giuseppe. 

Cro)^ce di Vincenzo Magnani Illetterato. 

Luigi Turchi. 

Carlo Magrini. 

Cro)^ce di' Giovanni Mici detto Capocavia. 
Giovanni Riruralli. 

Vincenzo Ubaldo. 

Andrea Vuschi, 

Cro)^ce di Domenico Sabbatini Illetterato. 

F. Giacometti. 

Pietro Pranzetti. 

Crocce di Francesco Fazj. 

Ercolano Mercurj. 

Casimiro Santini. 

Alberto Cioccolanti. 

Crocce di Vincenzo Praggesi Illetterato. 

Niccola Gberardi Tenente Colonello Nazionale. 
Orazio Antonini. 

Crocce di Vincenzo Sabbatini detto Slragina il- 
lerato. 

Giuseppe Alessandrini. 

Paris Vincenzo. 

Antonio Cervani. 

Niccola Montanari 


Digiiized by Google 



( 298 ) ' 

Cro^fce di Carlo Cesario! lIIelLerato. 

Chicchini Vincenzo.. 

Pasquale ManottL. 

Giuseppe Mancini Plermajcci.. 

Cro)^ce di Angelo Fcssetti ilielieralo. 

Crol^ce di Casavecchia Amonio illetterato. 

Cro)^ce di Bedini Giovanni illetterato., 

Cro)^ce di Piacenti, Vicenzo illetterato.,. 

Croj^ce di Piermaria Olivi illetterato.. 

Crocce di Bassotti Vincenzo illetterata. 

Antinori Antonio. 

Sartini Giambattista. 

Bedini Pietro. 

Cecchetti Antonio. 

Cecchetti Domenico.. 

Crol^ce di Passetti Giuseppe illetterato.. 

Crocce di Pacinti Giuseppe illetterato. 

Croi^ce di Giuseppe Bajocctio illetteratoi. 

Gro)^ce di Mancini Autonio illetterato. 

Crocce di Olivetti Giambattista illetterato. 

Cro)^ce di Angela Sabbatini Uletlcrato. 

Crocce dì Sabbatini Sebastiano di Kiccola Illet- 
terato. 

Crocce di Micci GiusiCppe illelteratOv 
Giov anni Bedini. 

Lorenzo Mononi. 


Digitizedby Google 



( *59 ) 

CIRCOLO BODIESE I; 

Cltladino Presidente 

Il Popolo di Montalboddo, che in addietro era domi- 
nato da qaella servilità che l'aristocrazia ed il pretiscno 
infondevano nel cuore delle moltitudini per averle sem- 
pre ligie alle toro ambizioni di signoria e di predominio , 
appena gustò la dolcezza del vivere libero ed apprese il 
pregio delP umana dignità , si elevò d’improvviso all’emi- 
nente concetto del regime repubblicano • da rendersi tenas* 
ce partigiano di esso in modo veramente 'meraviglioso . 
Mi è quindi sommamente grato parteciparvi , Cittadino 
Presidente , il voto di questo Popolo per la sua piena ade- 
sione al principio repubblicano espresso nell’indirizzo che 
ho l’onore di presentarvi ; indirizzo tanto più valutabile , 
perchè parte da un popolo vergine al rei;imc democratico, 
c scevro da quelle improntitudini che ne disonestano altrove 
la religiosa professione. 

Accettatene quindi la ingenua espressione con qaella 
deibrenza che si merita un Popolo docile nella sua natu- 
rale bonarietà , ma fiero di conservare e difendere un prin- 
cipio politico compreso in tutta la bellezza del suo maestosa 
ed incontaminato sembiante . Chi vi parla non è Bodie- 
se. La esperienza di otto anni di dimora frammezzo questi 
buoni cittadini mi rende cara la loro patria , come se fosse 
mia propria. 

Degnatevi quindi di leggere aU’Assemblea l’espressione 
4el Popola Bodiese e di accogliere il mio fraterno saluto. 

Per il Comitato rappresentante 
Il Presidente del Circolo 
Innocenzo Avt. Angelini 

II Segretario 
Baldassarre Carati 

Al Cittadino Presidente dell'Assemblea 
Costitaente della Repubblica 

ROMA . . 


Digiti, ed by Google 


( 3 oo 5 

IL anCOLO BODIESE 


Tfella tornata straordinaria del ag cadente Aprile 
emanò la seguente dichiarazione. 

^ IN NOME DI DIO SIGNORE DEL CIELO 

E DEL POPOLO SOVRANO DELLA TERRA 

,, IL POPOLO DI MON TALRODDO solcnnenieate di- 
cliiara di non volere ricoiio-cere altro governo , se non 
,, quello che emana da Dio e dal Popolo, c pienamente 
,, aderisce per ispontanea acclamizione alla protesta emes- 
», sa dall’ Assemblea Costituente della Repubblica Romana 
,, nel giorno sb aprile 18^9 contro P invasione france- 
,, se , e giura di versare tutto il suo sangue , e di 
„ sacrificare le proprie sostanze per la difesa del princi- 
,, pio professato, quale è quello della DEMOCRAZIA PD- 
,, RA £ SEMPLICE, dichiarando che chiunque attentasse 
„ contro il principio della sovranità popolare , sia naziona- 
„ le o straniero , debba ritenersi nemico della patria , e 
„ violatore del diritto delle genti , e chiamarsi responsa« 
„ bile in faccia a Dio ed al Popolosi tutte le sinistre con- 
ff seguenze che ne potessero derivare. ' 

Questo alto, accolto ad unanimità , venne firmato dall' 
intiera adunanza , dal numeroso popolo intervenutovi, dal» 
la magistratura e consiglio municipale , dall’autorità go» 
vernativa del luogo , e dalla Guardia Nazionale. 

Montalboddo questo di 29. Aprile 1849. 

IL COMITATO RAPPRESENTANTE 

I. Avv. ANGELINI presidente 
F. SANTINI vice-presidente 

DEPUTATI 

V. CAVALLARI s I. PALAZ 2 ESI s L. ROSSI e D. 

LAURI a 

B. CARATI segretario 

G. D. AlSTOnirfI incesse greiar io ^ 


Digitized by Google 



AI TRIUMVIRI 

ED ALL’ASSEMBLEA COSTITUENrE ROMANA ' 
IL CIRCOLO POPOLARE DI CONSELICE 

La inopinata , ingiusta , aggrediva , proditoria invasio> 
nc Francese sol territorio dell.i Repubblica Romana u Ci- 
vitavecchia segna una pagina d'obbrobrio, di vitupero negli 
annali delle Nazioni incivilite.Uii Popolo, che si dichiara, che si 
vanta, che si proclama il p ù libero, il più eminentemente ci- 
vile d* Europa, cbe si fa oppressore, spegnitore della li- 
bertà , delle franchigie d' altro popolo fratello , con cui ha 
aiabilila solidarietà di principi politici; è la più mostruosa 
antilogia che si legga nella storia del pubblico diritto- Que- 
st’ atto è più oltraggioso «Ila umanità che non fu il con- 
ciliabolo Viiidoboiie?e del i8ib. Onta ed ignominia eterna 
a chi lo ha operato ! Noi abitanti di uu paese ulthno per 
importanza politica , per posizione geografica, ma non ul- 
timo per sentimento di patria carità , noi che per libera e- 
lezione , per maturo esame abbiamo scelto il regime De- 
.mocratico , come 1' unico legittimo , naturale , logico, con- 
seguente Governo possibile al mondo , protestiamo contro 
cotest’ atto attentalorio , anzi .violatore dei nostri diritti sa- 
cri ed imprescrittibili , prolssliioto contro cotesto fatto pro- 
prio di orde barbarica , anaiebà di iitut Nazione della età , 
che s’ intitola dei lumi , e della ragione del Secolo XIX. 
Protestiamo di usare ogni nostra possi fisica , e morale per 
conservare il sisteuia Democratico liberamente da noi adot- 
tato, c che siamo risoluti di mantenere per noi, e pei no- 
stri discendenti a costo di qualunque più gravoso sacrificio- 

Accogliete o Cittadini questa franca e leale espressione 
dei nostri politici sentimenti. 

Conselice li 3 Maggio i8»9 

•>»)■ • •• ( i! 

‘‘ Pel Circolo 

Ma’^co Magni Pres. 

Giuseppe Ing. Carassiti Segr. 


( 59S ) 

IN ADESIONE 

ALLA. PROTESTA DELL» ASSEMBLEA COSTITUENTE 

• 

E ALL’ INDIRIZZO DEI- COMITATO CENTRALE 
DI PUBBLICA SORVEGLIANZA 
Emanali in Romei il aò Aprile 
IL CIRCOLO POPOLARE MONSANVITESB 
AI CIRCOLI DELLO STATO 

InUmia , eterna infamia ai calunniatori! Il Cielo dcN 
la nostra Italia centrale non è ottenebrato da torbide nubi 
di Faaioai , di Abusi , di Anarchia. Egli an:i brilla paria* 
aimo y perchè purissimo è il raggio di Libertà » che Io 
avviva, come privilegio all’Uoin concesso dall' Eterno fin 
dal momento della sua creazione. SI , il nostro Stato gn* 
sta le dolcezze di un libera Governu ; il nostro Stato ai 
eresse , si sublimò a Repubblica , il die suona , a quella 
regolar forma di Regime , che è sola , unica , ed escinaì- 
va d’ un Popolo incivilito. Mentisce dunque, ed altamen- 
te mentisce chiunque grida regnar quivi il disordine , c 
il capriccio di alcuni Paziosi , invadendo intanto , quando 
men si attende , sotto questo mendicato pretesto , colle ar- 
mi alla mano, il nostro paci&co Territorio. Mene san que- 
ste o di retrograda , o di diplomatica genia , o a meglio 
dire d* entrambe , per rovesciare il famoso edilizio inoai- 
zato sulle avvilite teste degli Aspidi e de’ Basilischi , e ani* 
la conquisa forza de' Draghi, e de’ Leon!. Mj vìva Iddio ! 
riusciranno frustranei i loro conati, Roma ha già dichia- 
rato solennemente e con forza il suo volere, l! generoso 
esempio dell’ eterna Città ne sia dunque di emulazione. 
Sta a noi smentire le ingiuriose accuse. £' di noi mostra- 
re , che non capriccioso, non ristretto fra pochi, ma ve- 
rd , ma illimitato, ma universale è il voto di conservare 
durevole il Governo Repubblicano , e che di quest' ansia 
palpitano irrequieti i cuori di tutti i Buoni , che é quan* 
lo dire del maggior nnmefo, A ciò pertaulo si richiede 
1' alacrità , e 1' energia dei Circoli. Laonde, sebben fra gli 
ultimi , il Circolo Monsauvitese innalza la sua voce , che 


Dlgitized by Google 



' ( 3o3 ) 

è pur foce italiana, e alla Fratellanza di tutti vivamente 
fa appello , perche concordi ^ , fermi , indissolubili cooperi- 
no alla difesa delia Santissima Causa. 

Fratelli t 11 momeuto è supremo ; un solo istante d' iner- 
zia , o di esitanza , e noi siamo perduti. Chi sente perciò 
amor di Patria intraprenda, il nobile arringo , e U Kepub- 
blica fìu salva. 


VIVA L’ UNIONE ! 

, VIVA LA REPUBBLICA ROMANA ♦ 

j4pprot?ato ad unanimità per acclamazione nella 
Seduta Straordinaria del giorno i Maggio 1845 . 

IL comitato rappresentante 

DE* GRANDIS CALLISTO Presidente. 

' BACCARINI LODOVICO Vice-Presidente 

ANDREOLI GIACOMO ) 

BACCARINI Dottor GIUSEPPE ) Deputati 
^ FILIPPONI EMIDK) ) 

f 

. .GlOVANNljOTTALnPl St%. 
AMPELIO S PAVONI Vìca-Segr. 


( 5o4 ) 

CIRCOLO POPOLARE STAFFOLANO 
AL triumvirato 
ed ai cittadini rappresentanti 

DELL’ ASSEMBLEA GENERALE ROMANA 

rittadini ! Veniva minacciato la Patria da Straniera in- 
vasione, e Voi tutti pieni dell’amore di Lei dichiaravate 
nSla memoranda seduta del perduto Aprile d. difender- 
la con tutte le forze dello Stalo. Era Roma attaccata nel 
di .Ardello stesso, e Roma che bene aveva compreso 1 al- 
tezza de’ vostri sentimenti, e la fermissima rimluzione vo- 
stra si levò unanime con l’antica sua fierezza per salvare 
e sle a, c l’attaccata Repubblica. Fu combattuto , e v.n- 
o Era quindi strettissimo dovere d’ ogni Mmucp.o , di 
ceni Circolo dello Stato far plauso a tanta eroica protesta, 
ed al risorto Romano valore ; era pur anco duvtre a z e 
con Voi la voce , e maledire concordemente quella nnega- 

Parte dell’ Assemblea Francese , che per occidlc , ed an- 

itocratiche sue mire voleva invaso da Soldati Repubblica- 
ni il Territorio della nostra Repubblica, facendjci cosi con 
htrana maraviglia piombare addosso il male da quel 
lato appunto da cui anziosi attendevanio il bene, «d il do- 
Imo soccorso. Quindi il nostro Circolo insieme con guai- 
tri tutti aderisce ad unanimiti alla vostra cme.sa protest , 

■ ed è Pmnto all’ uopo per quanto il possa/, sosienerc I 
Gl)vefno della Repubblica. Nè si guardi f 
fé Sre forze , che per nulla certo varrebbero a 
liberi, 0 a ritornarci schiavi ; varranno bensì esse a 
girare a qualunque usurpatore straniero, che ampie Città , 
Piccole Terre , sono decisamente ferme d. conservarsi a 
nualunque costo quel regime di governo da loro 
Seamente scelto, e voluto, varranno a lar conoscere , che 
nel Governo della Romana Repubblica e msepar/ile la len- 
fata gue ra Civile. E che noi intanto miseri Italiani cosi 
nnuaSe traditi , e venduti, allieta mia sola speranza , 
che c->“ U Senerosa Nazione Francese con cu. in genera- 
le oer naturai simpatia fummo mai sempre collegati , e c a 
liuto sangue de’Prodi suoi Figli sparso per nvondicars, ,a 
liberV, e per opprimere il dispotismo, vorrà lavare l m- 
feme macchia di cui fu bruttala , nè vorrà con suo eterno 


Digitized by Google 


< ) 

disonare opprimere ime germana Repubblica. Che se il de* 
«tino par questo voltsie per noi di strano ^ cioè che la Fran< 
eia rinonciando all' oqor «ao » rinegando ai suoi proclamati 
principi) decretasse con soverebiante forza la nostra cadu- 
ta , oadreniQ si « ma co» il conforiu che obbrobrio , e ma» 
ledizione eterna rimanù i.1 prepotente Vincitore) mentre 
noi arreni salvo Tunico bene die avvauzi ad un ingiastamea* 
te oppresso Popolo , L’OjNORE, 

VIVA LA REPUBBLICA 

Votato ad unanimità nella Sala del Circolo Popolare, 
StalToIO B Maggio 1843- 

Il Coiiùia'a 

ANTONIO COPIM iVeiidente. 

LEOPOLDO GIACOBUVI V'ice Presidente. 

I Deputati 

FILIPPO COTIM 
ANTOMO GiACOBINl 
LUIGI FORLAiVI 
ENRICO GIACOBINI 

/ Segretari 


ALESSANDRO PETTINAR! 
AMORVENO GIACOBINI 


( 3o6 ) 

CIRCOLO POPOLARE JESINO 

cittadini ! 


Il Comitato si fa sollecito di pubblicare P interessante 
risoluzrione [rresamll' adunanza straordinaria o^gMenuta. 

Il Circolo sentita 'la' protesta delTassemblea generale Ro« 
mana del giorno ab. Aprile 1849. aderìsóé all' unanimità alla 
protesta suddetta , e si dichiara pronto a concorrere con tutte 
le sue forze a sostenere il Governo della’ Repubblica. 

Cittadini ! Ordine , calma , energia , e la nazione Fran* 
cese imparerà dal nostro contegno , e dalle nostre dichiara- 
aioni qual sia P irrevocabile nostra decisione. 

VIVA LA REPUBBLICA 


f 


Dalle Sale del Circolo Popolare. 

Jesi ag. Aprile i8ig. 

IL COMITATO 


AURELIO CERUTI PRESIDE.VTE prov. 
EUGENIO meriggiaci VICE PRESIDENTE pro>u. 

/ DEPUTATI 


Ilario Vitali 
Clitofoiite Polidori 
Gabriele Greppi 
Luigi’ Foschi ' 

Ltiigi Giorgi 
Gaspare Dunadoni. 

Francesco Lanari Cassiere 

Ferdiuandu Bartoliui IF. di Segretatio» 


- ori hv.Google 



AL PRESIDE 

Della Provincia di jineona . 

* ' ' • ' 

IL CIRCOLO POPOLAaE ARCEVIE§^ 

Cittadino ! 

L* annunjuo della inaspettata invasione francese nel Tert 
ritorio della Romana Rf^pubbiica, il contegno equivoco te<^ 
poto dal Gen.Oudinot , le bugiarde amicbevuli iattanze con<«> 
Iradette dai fatti , la marcia , e lo attacco contro la Capi<^ 
tale 9 ha 4 ^$tatp nel l’opoio Romano quei sanrissj/no «de- 
gno , e slancio nazionale 9 il qqale sorretto dalia G|qstizia9 
e daj djritto sacrosanto delle genti |o ha condotto in poco 
d* ora ad un completo trionfo. — -Il Governo della Repub- 
Llicp salvando Roma9 ha salvato l’onore d Italia tutta. 

Per la qual cosa |1 Circolo Popolare Arceviese nel men- 
tre che tributa a! Fratelli Romani un sentimento di fra- 
terna 9 e patria gratitudine» solennetnente protesta innanzi 
9 Dio 9 eo al Popolo contro la condo|ta del Governo Fran- 
cese 9 e deir operato de|la sua Armata inverso |a Re- 
publica di Roma , e prega Voi Preside Cittadino a rende- 
re consapevole i| Governo avere questo Circolo votato ad 
pnanimità il presente indrizzo. 

Salate » e Fratellanza 

0 àlla Sala del Circolo Popolare Arpevjeie li S. Maggio i 84 g* 

R. Franceschini Presidente. , 

& « * • * 

Criviieppe 3 p^P<iDziai Vice Presidente^ 


in Adesione 

alla protesta DELL’ assemblea COSTITUENTK 
E ^U'Iudimso del Gomitato Centrale di pubblica Sorvegliante 

V 

Emanati in Roma il Aprile. 
fi Circola popolare Monsapiense ^ 

AI CIRCOLI DELLO STATO 

Infamia , eterna infamia ai o.i1nnniatori ! II Cielo delta 
mostra Italia centrale non è ottenebrato da torbide npbi di 
fazioni , di Abusi , di Anarchia. Egli anzi brilla purissimo, 
perchè purissimo è il raggio di Libertà , che }o avviva, co- 
^e privilegio all' Uom c incesso dall’Eterno fin dal momen- 
to della sua creazione. Si , il ncstro Stato gusta le dolcet- 
te di un libero Governo, il nostro Stato si eresse , si sa- 
hlimò a Repubblica , il chè suona , quella regolar forma 
di Regime , chè è sola , unica , ed esclusiva d’ un Popolo 
jncivilito. Mentisce dunque, ed altamente mentisce ciiiunque 
grida regnar quivi il disordine, e il capriccio di alcuni Fa- 
9 ^Ìosi , invadendo intanto , quando men si attende , sotto 
questo mendicato pretesto, colle armi alla mano, 11 nostro 
pacifico Territorio. Mene soa queste o di retrograda , o di 
diplomatica genia, o a megWo dire d’ entrambe , per rove- 
sciare il famoso edifizio innalzalo sulle avvilite tcjte degli 
Aspidi- e de’ Brsiliscbi , e sulla conqu'isa forza de' Draghi, e 
de’ Leoni. Ma viva Iddio ! riusciranno frustranei i loro co- 
nati. Roma ha già dichiarato eolennenvente e eoa forza il 
fuo volere. Il generoso esempio deU’elerna Città ne sia dun- 
que di emulazioae. Sta a noi smentire le ingiuriose accu- 
se. E di noi mostrare, che non capriccioso, non ristretto 
fra pochi , ma vero , ma illimitato, ma universale è il vo- 
to di conservare durevole il Governo Repubblicano , e che 
di quest' ansia palpitano irrequieti i cuori di tutti i Buoni, 
phe è quanto dire del maggior numero. A ciq pertanto ti 
richiede l’alacrilà , e 1' energia dei Circoli. Laonde sebben frk 
gli ultimi, il Circolo Mondaviense innalza la sin voce, che 
è pur voce italiana ; e alla Fratellanza di tutti vivamente 
fa appello , perchè concordi , fermi, indissolubili conperiuq 
alla d>fo^3 della Santissima Caqsa, 


Digitized by Google 



f3o9)‘ 

F. ifclli ! Il momento è snpreiho : nn solo istante d't-» 
nerziii , o di esitanza, e noi slitTx) periioti. Chi sente per- 
ciò amor di Patria , intraprenda il nobile arringo , e la Re- 
pubblica fìa salva. 

l'Unione ! Viva la Repubblica Romana ! 

Approvato .ad imànimilà per .acclamazione nella Seduti 
Straordinaria del giorno i. Maggio i 84 (). 

Il Comitalo Rappresentante. 

De-Grandis Callisto Presidente. 

B.iccarini Lodovico Vice- Presidente. 

Andreoli Giacomo ) • 

Baccarini Ur. Giuseppe ^ Deputati 
Filipponi Kmidio ) 

Giovanni Oltaicvi Segretario 
Ampelio Spadoni Vice-Segr* 


CIRCOLO POPOLARE CUPRENSÈ 

^ - IVella tornata Straordinaria zT urgenza oggi tenntà , iì, 
Circolo ha preso unanimemente quest’ interessante risòlu-' 
«ione . .a 

Il Creolo vista la protesta dell' Assemblea Costituente 
Romana del giorno Aprile , e sul giusto esempio degli 
altri Circoli dello Sfato , aderisce pienamente alla suddetta 
protesta , dichiarando di voler concorrere per quanto è nel-^ 

^ le sue forze , alla snhietza della Repubblica. 

VIVA LA REPUBBLICA 


Dalla Sala del Circolo Popolare Cuprensé 
Massaccio z. Maggio i84d. 

Il Comitato 

Leopoldo David Presidente 
Rinaldo Angelini Vice ‘Presidente 
Coniglieli 
Giuseppe Soliani 
Agabito Agabiti 
Domenico Vecchiarelli 
Leonardo Cerioni 


Serafino Menicucci 
Luigi Bartolini 


Cassieri 

Ermolao Rinaldi Segretario 
Enrico Dottori Vice-Segretaria 
q 5 


Digitized by Google 



( 3io ) 

CIRCOLO POPOLARE 

01 

' M4J0LIKI MOSTEROBERTO E CASTELBELUNO 

'41 Ciuadmc PraidMc del ComlM di PuMìea Sicurezza 
^ ' in Roma. 


Cittadino Presidente 

Ode Venirne el Cerait.to di Pf 
ed nnenineili, , e fr. I.e 5”J? *'> r V.«> 1» RepubM.c. =. 

nella Tornata straordinaria di oggi. p e emessa dal- 
^ M II Circolo letta, e considerata la Protesta p 

„ l’Assemblea Costituente nclU T'";""‘“^-eiiapend^os devoto 
„ so , vi fa solenne atto di adesione , dicniaranao 

» alla Causa della Repubblica ». , , , ra- 

, La vittoria , che alle prime prove ha fatto fe ^ 

lòre Italiano, coroni in nome di Dio gli sforzi di P 

generoso Salute, e considerazione. 

r 

Monte Roberto 3 Maggio i84^ 


Il Comitato 

Eugenio Meriggiani Presidente 
Alessandro Cupitelli Cons. 
Antonio Berarducci Cons. 
Baldassarre Gentiioni Cons- 
Rug. Colini Consig. 

Benedetto Salvati Cons. 

Amatori Pietro Paolo Segretarie^ 
Barsimeo Bevilaci^ua Vice-Segr. 
puazzugli Lodovico Vice-Segr. 


Digitized by Google 



PROVINCIA 

DI. 

MACERATA 


Digilized by Google 



Digilized by Google 


( Zìi ) 

MAGEtlÀfà 



REPUBBLICA ROMANA 

. Il Consìglio Mumcipale di Macerata, 

Dichiara solennemente al Governo di Roma che U 
presentanza Mnnicip»!» di Macerata Cotnpresa dalla gravez» 
aa dèlie attuali emergenze intende di cooperare con tutti i 
■noi mezzi affinchè illése rimaiigano le nostre libertà , e l' 
onore del Nome Italiano sia salvo. 

Votato nella Seduta Consigliare adunatasi ad degenza 
aH Aprile iS4$ . 

Chiappini Carlo Confalonierei 
Pignotti Luigi ' 

Rossi Pietro 
Bianchini Tomasso 
Squarcia SebastiaoO 
Lauri Tommaso 
Compagnoni Giulio 

éONSlGLlERI 

Belardini Ernesto 
Bianchini Cesare 
Brunelli Carlo 
Campitelli Ruggero 
Carnevati Francesco 
Castelletti Giovanni 
Costa Andrea 
Cotoloni Antonio 
Graziani Domenico 
Lauri Inauro 

Lazprini Compagnoni Lorena* 

Lori Generoso 
Lupi Luigi Giacomo' 

Montecchiari Luigi 
Mucci Enrico 
Nardnoci Luigi' 

Pagamici Giuseppe 
Palmieri Francesco 
Peonat^ietti Luigi>^ 

Perozzi Emilio 
Piancsi Benedetta 



Digitized by Coogle 



picCo}otti ^Hlgl 
llotriàgnoli Lorenzo 
palustri Francesco 
Troll! Vincenzo . 

Ugolini Francesco 
Viscardi Antonio 
Ramponi Giuseppe 

REPUBBLICA ROMANA 
Municipio di Macerata 


CITTADINI ! 

, Udiste Voi come il generale Consiglio dal rostro suffra. 
ciò eletto facesse nella Seduta pubblica del zS testé decors(> 
Aprile solenne manifestazione AL GOVERNO DI ROMA 
CHE LA RAPPRESENTANZA MUNICIPALE DI MACERA. 
TA COMPRESA DALLA GRAVEZZA DELLE ATTUALI 
EMERGENZE INTLNDE DI COOPERARE CON TUTTI LI 
SUOI MEZZI AFFINCHÉ’ ILLESE RIMANGANO LE NO- 
STRE LIBERTA’, E L’ ONORE DEL NOME ITALIANO 

SIA SALVO. . . , ' , 

Eobene, eccoci alTatto !!! Le Armale della flepnbblica 
francese violarono il Territorio della Romana Repubblica , e 
olFesero già altamente la dignità , e T onore deU’Italia , e del 
Nome Italiano. 

Roma , la nostra Capitale , la Città eterna, al cui nome 
tremarono un giorno i Popoli di tutte le Nazioni , |e quali 
ne temono ristabilita la grandezza, è stata dai Repubblicani 
Francesi attaccata. Ammiriamola però nel valore , e nella 
virtù. Il suo eroismo , il bell’esempio della forza colla quale 
respinge la forza , ci sproni a darle prontissimo sòccorso. 

Armiamoci , e senza indugio corriamo inajuto de’nostri 
fratelli che gloriosi sostengono l’onore d’ItaUa, la salvezza di 
Roma , li diritti di. un Popolo indipendente. 

Non maiicliiamo al nostro dovere ; non ci fendiamo ia- 
degni di noi stessi ; facciamo vedere che non con vane paro- 
le , mi coi fitti .Vliceiata manifestò al Governo che IN- 
TENDE DI COOPERARE CON TUTU I SUOI xMEZZI AF- 
FINCHÉ’ ILLESE RIMANGANO LE NOSTRE LIBERTA’ , 
E IL NOME ITALIANO SIA SALVO. 

la questo Municipio è aperto già il Registro che segna i 
pomi del = cgual Ruplo è presso tutte le Contili 


Digitized by Google 



C3t5) _ 

nitk di questa vasta, e popolosa Provincia. A noi corre l’ob- 
bligo di dare il belPeseinpio , e di 6 gurar nella gara. S’im- 
pugnino dunque le armi , e si voli alla Capitale per salvare 
noi stessi , e qneU'Italia che tanto ci pregia e ci opora. 

Dalla Residenza Municipale 3 Maggio 1849 
CARLO 'CHIAPPINI Gonfaloniere 

Luigi Pignotti 
Pietro Rossi 
Tommaso Bianchini 
Sebastiano Squarcia 
lònimaso Lauri 
Giulio .Compagnoni 


-RPPCBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Comune ili Beìforie 

La bella , ed ammirabile nostra Italia risorta dall* antica 
oppressione in cui miseraménte giaceva ad una nobile, e 
gloriosa Indipendenza , formava le più ^ietc speranze non solo 
di conservarsi nét ■. florido' stato di sua nascente felicità , ma 
bensì di giungere fra non molto all’apice de’ suoi ardenti de- 
sideri , osil'r At- pieiio *, e pacifico godimento. del frutto delle 
sue liberali , c Repubblicane istituzioni. 

Att.iccila pèbalfró’ dàlia inattesa , ‘ed ingiusta aggressione 
della rilenuia Arnica , e Sorella la f^epubbljca Francese , se 
tal proditoriò ’ cólpo per "un momento la sorprese, e scon- 
volse , ricevette da esso nel tempo stesso un. vivo impulso 
al 'suo conge'àilo valore, ed alla sua gloria, ispirandogli una 
valida , ed onorata difese contro le Armi dell’ ingiusto In- 
vasore» ^ / ^ 

- <i ‘Lode somma pertanto all.i sua eroica risoluzione !!! 

. .Tùlti t!;b'àoaJ Itàliànì applaudiscono con ragione a tale 
atraordiuario.'èrolihni, ed i Rappresentanti del Popolo di Rei- 
forte nella. Provinéra di Macerata , 'animati aneli’ Essi d.iUe 
t>iù vìvo idee liberali, e Repubblicane , si pregiano ‘di fare 
a/^ali genor’àli 'plausi , dichiarando nel modo il più so- 
lenne la 'loro' piena adesione alla Repubblica Romana , di- 
sposti sempre a prestargli quel fedele servizio , che la liia 


I AnzUm 
) 


( 3i6 ) . . 

eiipreaìe circoslaiize ricbieggonp n «enso degli esternati vou 
del Ti’iimivirato, 

I 

Viva la Repubblica Romana. 

Beiforte li So Aprile i849 

Valentino Valentini Priore ^ ^ . , 

Giacomo Valentini Capitano della Nazionale 
Giacomo Luciani Anziano 
Giovanni Pellegrini Anziano ^ 

Pacifico Valentini Tenente dèlia Nazionale 

Filippo Moriebetti Consigliere , e sergente della IV a- 

z'ónale ,, . 

Agostino Trova] oli Consigliere , sotto lenente della 

Naz Oliale . n tm- 

Angelo Cordarelli Consigliere , e Tenente della Na- 
zionale 

Giovanni Caldarelli Consigliere ^ 

Croiìtce di Niccola Panelli Consigliere illetterato 
Domenico Sirappoliri Consigliere 
Mariano Griti Consigliere 


PROVINCIA DI macerata 
COMUNE DI S. ANGELO IN FONTANO 
IL MUNICIPIO SANTANGIOLESE 

AI cittadini triumviri 

Il Consiglio Municipale di Santatjgelo in Fontano nellk 
Frovintia di Macerata commosso iitU’ interno del cuore dal- 
la vostra Circolare dei 24 prossimo perduto Aprile y che an- 
nuncia il pericolo di una invasione Francese , come gik fatal- 
mente si è verificato , a danno della nostra Repubblica! ed 
animato dal prolondo sentimento di patria liberta per univer- 
sale acclamazione, e ad unanimità ai suffragi solennemente 
dichiara di aderire pienamente alle magnanime vostre inten- 
zioni , onde difender la Republica contro lo Straniero invaso- 
re , che volesse offendere i diritti , e La dignità dei Faese . 


Digilized by Googl 



Onesta ferma , e doverosa^eliberazione vi faccia documento, 
epe-Mio della fiducia, cjie questo Municipio ripone nelle vo- 
stre ^virtù, ed in quelle dell’ Assemblea Nazionale.. 

Volata la presente dichiarazione ad unanimità nella stra- 
ordinaria seduta Consiliare del giorno 5 Maggio 1849* 

La Magistratura 
Pietrangelo Spinosi Priore - 
Luigi Bo'ncori Anziano 
Do.nien co Bunciotti Anziano 


ALL’ assemblea COSTITUENTE 
ED AI TRIUMVIRI 
DELLA RErUBBLICA ROMANA 

Alle proteste volate nel generale consiglio del 20 il Mnnì^ 
cipìo di Loreto una più alla è piu solenne ne aggiunge ora 
che il previso disegno della Francia! è venuto m atto. 

Il Municipio Lordano vede che l invasore colla dichia- 
razione di voler consecrare ’il principio della maggiorità e 
comprimere , una sognata anarchia pretese la bicv^a mira di 
appoggiare una minorità già’ sconfitta e impotente , di ria- 
bilitare un Dolere esautorato , fomite di perpetue intestine 
discordie : e sente che l.. KOMANA REPUBBLICA non ha 
altra colpa che quella di non avere un esercito e un na- 
vilio, come la Francia. Ma sapendo che si può esser debo- 
li senz esser codardi, preferisce la resistenza all ignominia 
della resa , c di tutte le sciagure che il soldato della fran- 
cese libertà, fatto campione dei tiranni , è cagione a questa 
terra , prega vendetta da quel Dio che non misura la ra- 
gione dalla forza. 

Votato air unanimità per acclamazione mila Sala Ma^ 
nicipale li 3 o Aprile i 849 » 


( 5 . 8 ) 

I rappresentanti del municipio 
DI LORETO 


Valeri Filippo Gonfaloniere 

Valeri Valerio 

Bernardini Mariano 

Rossini Benedetto 

Bernardo Giosuè Dottor Mengos». 




Ansiani 


pignoni Giuseppe _ 

Chittaroni Luigi di Giuseppe 
Lunghi Domenico 
Pascucci Pacifico 
Gentili Daniele 
Borioni Fortunato 
Moriconi Sante 
Rossi Pacifico • 

Salvatori Enstacchio 
Pezzotti Enrico 
Novelli Angelo 
Piezzi Carlo di Antonio 
Bartoli Giovanni 
Gasparini Giovanni di Domenico 
jCastronari Antonio 
Santo'ri Eleodoro 
Colonnelli Pietro 
Moroni Giovanni 
Biondi Giuseppe 

Marini Enea Consig. Segretario iat«rioo 



Consiglieri 


Consiglieri 


Digitized by Google 



(' 3400 ^ 

REPUBBLICA, ROMAJJtA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
PROVINCIA DI MACERATA COMUNE DI MONT’ OLMO 
Quello di 28 Aprile iS43 

Adunatosi in questo Palazzo Comunale il Consigliq di_ annesto 
Municipio di M. Olmo a termini delle Superiori Dispo- 
sizioni c chiamato ad urgenza con Ordine dell’ Egregio 
Cittadino Preside della nostra Provincia portato dal suo 
Disp, N. 8Ò94 S, E. dei aS corc. xiene comporto dai 
Sig. Cittadini 


Magistratura 


1 Gio. Batta Ugolini Priore 
* Gio. Batta Natali ) An-ìanì 
3 Antonio Ffanchilucci } 


Consiglieri 


4 Alessio Calzecchi 

5 Francesco Castellani 

6 Antonio Kinaldini 

7 Domenico Nobili 

8 Francesco Ciarulli 

Consiglieri Mancali 

Luigi Nobili Tarquini 
Filippo Ciccioli 
Cario Procaccini 
Antonio De Angelis 
Luigi Spagnoli 
Carlo Firmani 
Antonio Clemente Ugolini 
Carlo Bartolazzi 
Luigi 'Forti 
Euigi Vico 

Vincente. Maria Dtacsnu 
Medeito Cacciurri 



Digitized by Google 



^ ( 3^0 )' 

Giosepp.e Blasì 

Domenico Tentella 

Militone Orsetti . , 

• , ^ • 1 »* 

G irolamo Bartolazzi 

Filippo.Bartolazzi „ , , ^ 

Benedetto Ugolini 

Essendo stati invitati nelle solite formo i Ddput. Ec- 
clesiastici, nessuno di essi è intervenuto. 

Presieduto dal Cittadino Avv. D. Pietro Giorgi Gover- 
natore. - . . 

'■ Estrazione degli Arringatori per la ventura seduta. 

■ 'Carlo Firmani 

* Carlo Procaccini 

Quindf venne letta la seguente proposizione. 

Con Circolare deirOnorevole Triumvirato in data di 
Roma dei zi corrente Aprile, che si legge, viene avveri ito 
l’Egregio Cittadino Preside delia nostra Provincia cfie 
l’Avanguardia dì una divisione Francese è. in presenza 
nel Porto di Civitavecchia , per cui il Forte é apparec - 
chiato a difesa qualora si manifesti inimica , stantechè 
non venne fatta alcuna comunicazione dal Governo di 
Francia a quello della nostra Repubblica. 

Degnatosi il lodato Ciltadino Preside di fatei comunica- 
zione del citato Dispaccio con suo foglio N.SSgi dei 26 and. 
che del pari si legge, secondo le espressioni del Trium- 
virato contemporaneamente invita ancora il nostro Mu- 
nicipio a rispondere degnamente con solenni manifesta- 
zioni al volo dei Popoli , facendo osservare che Tonore 
della Repubblica , vuole che si protesti solennemente 
contro di uria tale inattesa aggressione , se mai con- 
traria. 

Spelta a voi prescelti Cittadini adunali di corri- 
spondere col vostro voto a ciò che ci chiama il Gover- 
no della Repubblica, e con deciso animo aH’adempimen- 
to del comune interesse per cercare la salvezza della Pa- 
tria. 

Firmato = Gio. Ratta Ugolini Priore 

Sulla quale proposizione il Ci)nsuUore Francesco 
Castellani , mancalo Paltro Carlo Procaccini , cosi si e- 
spresse. 

Egli non può persuadersi, che la gloriosa Repubblica 
Francese ne spedisca sue schiere ad oppressione di Popoli , 
cui venne fatto dì conseguire quella stessa libertà, di cui 
essa gode Tinvitla Francia , ma che- in vece ospite ami* 


( 5*1 ) 

chevole ne stenda la destra per rendersi mallevadrice co' 
ano! Fratelli delie' gnarentigie ottennte , e di quella pa- 
ce e concordia, che mai fu turbata nel Territorio Ro- 
mano. . , 

Che se però benché Nazione la più colta, ed incivilita, 
omesse affatto le prattiche tutte di buon vicinato, e ri- 
guardi dovuti ad un Governo , ad un Popolo , che ri- 
posa tranquillo, e lieto nelle sue fondate istituzioni vo- 
lesse giungerne perturbatrice dell'ordine pubblico a sop- 
prìmerne i diritti ed i privilegii ; in questo caso aggiun- 
ge , esser di parere abbia a protestarsi solennemente pel 
sacro diritto delle Genti contro l'ingiusta aggressione, e- 
sternando la piena adesione verso del Governo, perchè alla 
forza venga risposto colla forza. 

Questa , propone, debba essere la solenne manife- 
stazione del voto pubblico Montolmese , e di quant'al- 
tri sono Cittadini del suolo Romano per la dignità del 
bel Paese, per l'onore, e per la salvezza della Patria. 

Firmato = 

Francesco Castellani Consigliere Consultore. 

Dopo di che per acclamazione i Cittadini congrega- 
ti approvarono per unanime sentimento la proposizione 
del Consultore Castellani , avendo tutti dichiarato di vo- 
ler firmare il presente Verbale. 

Dopo di che rese le dovute grazie all’Altissimo venne 
dimessa la presente adunanza. 

Firmati = 

Pietro D. Giorgi Governatore 

Gio. Batta Ugolini Priore 

Gio. Batta Natali Anz. 

Ant, Franchillucci Anz. 

Domenico Robili Benedetti Coni. 

Ant. Rinaldini Cons. 

Alessio Calzecchi Cons. 

Francesco Castellani Cons. Consultore 

Francesco Ciarulli Cons. 

Per copia conforme ad uso di Ufficio 

Ant. Casini Segret. Comunale 


r 


Digitized by Google 


( 3^0 

REPDBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
Tolentmo«7 Aprile 1849 ore dieci, e mezza antemeridiane 

In seguito al Dispaccio del Preside di questa Provincia 
in data di jeri Ni SSgi, fu invitato jeri stesso il Consiglio a. 
riunirsi ad urgenza questa mane: ed intervennero all’ora in- 
indicata i seguenti Cittadini. 

Filoni Avv. Niccola Gonfaloniere 

Brancadori Pietro ) 

Silveri Avv. Silverio ) Anziani 

Cagnaroni Giambattista ) 

Consiglieri 

1 Giorgini Francesco 

2 Pascucci-Soala Giuseppe 

3 Liviabella Vincenzo 

4 Micciani Giuseppe ’ 

5 Palazzesi Palazio 

6 Palletta Giacomo ^ 

7 Palmieri Benerletto 

8 Fabbri Venanzio 

9 Pucciarelli Niccola 

10 Ciardoni Eugenio 

11 Valerj Antonio 

12 Verdinelli Dr. Venanzo 

1 3 Catinelli Luigi 

Si lesse dal Segretario il Dispaccio surripetuto insieme 
alle stampe in quello contenute riguardanti la minacciata inva- 
sione Francese degli Stati della Romana Repubblica. 

Per unanime acclamazione venne accolto- dai Coadunati 
il partito in genere deU'cmissione della protesta dalla Supe- 
riorità insinuata , come al Dispaccio , e Stampe , di cui 
sopra. 

Quindi il Gonfaloniere invitò il Consiglio a nominare 
uni Commissione, che si occupasse immediatamente della 
compilazione di tal protesta da firmarsi dal Consiglio stesso 
per inviarla poi al Triumvirato a mezzo del Preside sullo- 
dato. In ordine a che propose il Consigliere Giuseppe Pa> 


Digitized by Google 


(3.3) 

scucci-Scala a conìporrc tale commissione di quaUro sog- 
getti , del Gonfaloniere, e dell'Anziano Avv. Silveri , s dei 
due Consiglieri Francesco Giorgini, ed Eugenio Ci.irdoni. 

]Von promuovendosi su ciò osservazioni in contrario dai 
Consiglieri interpellati , ordinò il Presidente Gonfaloniere , 
che per alzata, e seduta si sottoponesse a scrutinio di Voti cia- 
scuno di detti proposti soggetti. 

£d in primo la stesso Gonfaloniere riportò tutti voti favo- 
revoli nel N. di i6. Esso remoto. 

In egual modo furono separatamente approvati da tutti 
Voti favorevoli ciascuno degli altri tre membri della Com- 
missione Anziano Silveri , Francesco Giorgini , ed Eugenio 
Ciardoni. 

Dopo esaurito l’enunciato argomento prese parola il Cit- 
tadino Gonf.iIoniere , rimarcando l’urgenza di provvedere al 
decoro di questo Municipio con innalzare un decente .libero 
Repubblicano in questa Pt.izza maggiore , ove attualmente 
per tale emblema è collocato una ruvida Trave senza or- 
nato veruno. Interpellò quindi il Consiglio se volesse abili- 
tare la Magistratura ad occuparsi di simile emergente , che 
in Città di passaggio, come questa, non è di poco mo- 
mento ,'o ne ha avuto già Egli frequenti impulsi. Conven- 
nero su ciò unanimarnente i coadunati Consiglieri di confe- 
rirne opportune facoltà |lla ridetta Magistratura , quale dichia- 
rò di valprseqp itei limiti di una prudente economia congiunta 
alla pubblica convenienza. 

Fatto di poi il Bussolo dei Consiglieri intervenuti, si e- 
strassero due Nomi per la firma del presente Verbale, ri- 
sultati nelle Persone dei Cittadini Pallotta Giacomo, e Puccia- 
relli Nicola,=: 

IViccoIa Filoni Gonfaloniere 
Giacomo Pallotta Consigliere 
Piccola Pucciareili Consigliere 
. Per Copia conforme ad Uso d'Ufficio 

11 Segretario Comunale 
P. Gatinelli 



' (.5.40 

érflfADIM TRIUMVIRI 

I- rWp» esentanti del’ Popolo Tolentinate lungi dal ifop- 
nòrie U rinnovazione degli attentati dell’ invasione saracena' 
Mille soiau-e .Vlpdilerrance per profanare la:tomba^ diBrntoee- 
miellade primi martiri del (^^ristianeumo frem.ono nondmncua 
all’inaspeli.'ito annunzio tapto più, che U Governo di una 
dazione , che sì dice la più generosa e ly i>iù libei'ale c<mì- 
iVoddezza senza pari nella storia .senibCa inviai e armate 
FranceV? ad uccidere la l'ibertà Rc^nibblicana dèli’ Italia cen-' 
tral'é he péri) per mconcepibile stoltezza. dr quel Governo si 
cohsùma'sfe 11 nèfahdo attentato, la Municipale Kapprrsentan- 
za Bienamenle aderendo alle proteste dell’eccelso rnumvir^ 
IO e deir Assemlilea Costituente Romana soleniiemente jrt 
iaccià a Dio ed agli Uomini giura dì prestare ogni .possibile 
nnuo'éuio al Governo della Repubblica , ond.e emancipaTsi per 
lempre dal dispotismo clericale, e cogli averi, e col sangue di- 
fendere h- Sante dèniocraliche istituzipni. 

* 3egnoiio lé firme delia Magistratura, e Gortsigliert 

Per copia 0)11 forme ad uso d’UfT, 

^ ^egrio Cottile, 

I CatkieUi 



Digitized by Coogle 



( 


NEL NOME SANTISSIMO DI DIO É DEL POPOLO 
REPUBBLICA ROMANA 
Anno Primo 


. . . Comune di Monte ' Milane 

- - Nel giorno di mcrcoldi 2 Maggio corrente anno 
alle ore io tji del, mattino a termine dell’ Articolo 77 e 
iegnenti Tit. IX del Decreto sull’ ordinamento dei Munici« 
\pj 3 i, Gennaro anno detto in forza di Ordinanza urgentissi- 
ma del Preside di Provincia 20 prossimo passato Aprile Nù- 
mero 8094 *i è adunato il Consiglio generale'di quésto Mu- 
nicipio. Primieramente, è stato invocato il. Divino, ajuto colle 
•olile preci, quindi si è passato a^’ appello .nominale degli 
individui .componenti, la Magistratura,, e Consiglio, , , e.- sonosi 
^trovati i CitUdini . , . , . . 


- i* . 


; 




" r. . 






Masisiratura . . ., 




1 Domenico Marchetti . Procuratore. Presideote 
, 2 Giuseppe Lazzarini , / 

. 3 Gaetano N.arducci ' , . ‘ 

,■ i Angelo Lazzarini •' l 

5 Angelo Andreani . < 


i ». 


/ 


A . 




n:> 

; ^ "' 'li'*. 


Consiglièri, 

. t Marcello Assortati . 




..</r 


' I 


2 Vincenzo. Nczzi 
' -^0 V). ^ Giuseppe Nobili 

i Antonio Benedetti f ^ .. . .. .. , 

-, ,, T, , b Filippo Romagnoli. , . .■ 

/.*. . Luigi Agostini Segretario Municipale. 

-, A. termine del Titolo IX Articolo 90 del Decreto sull’ or- 
^dirtamento dei Municipi , invito i Cittadini coadnnati.di de- 
^ làbfi'Are spila, prima proposta ad urgenza ordinata con Cir- 
colare del Cittadino Preside di Provincia Nura. .. 8394 « -aS 
.,-Aj^rpIe prossimo passato che accludevala CircoraredelTrium- 
^y^rató senza' numero emanata peraltro* il di a4 Aprile pre- 
detto. Dichiaro poi che le susseguenti proposte gjk' date nel 
Biglietto d’invito pei 29 Aprile 18Ì9 portanti i numeri 2 , 

r 3 


Digitized byGoogle 


( 3.6 ) ^ 

3 4 , e 5 vcrriinno rimesse per la discassione e relative ri- 
suluzioni nei giorni già indicati nel predetto biglietto d'invi- 
to ; cioè nei giorni 3 , o 4 del corrente mese di Mag- 
gio i849- 

Il Priore Presidente = Domenico Marchetti 
Proposta Prima 

Con rispettato dispaccio del Cittadino Preside di Provin* 
eia datato 26 Aprile prossimo passato N. SSgi veniva rimes- 
so al Cittadino Priore Municipale il Circolate del Triumvirato 
senza numero emanato il dì 2Ì mese detto 1849. 

Nei predetti atti Superiori viene insinuata »> che le Rap- 
ii presentanze Municipali rispondino con solenni manifesta- 
li zioni del Governo n le quali risultano dai predetti atti , 
di cui si fa lettura per comune istruzione , quale compita , 
il Segretario di ufficio è passato a leggere i'opinamento della 
Magistratura sii questo argomento. 

La Magistratura lungi dal fare veruna osservazione sulle 
disposizioni 1 che nelle attuali emergenze politiche ha cre- 
duto di adottare il Superiore Governo : avverte soltanto, che 
nel Decreto 29 Deccmbre i848 all' Art. I.® è prescritto u E' 
convocata in Roma un' Assemblea Nazionale b Che con pieni 
poteri 11 rappresenti lo Stato Romano. Nel IT" Articolo si 
legge ancora « L’oggetto della medesima è di prendere tutte 
quelle deliberazioni , che giudicherà opportune per determi- 
nare i modi di dare un regolare compiuto e stabile ordina- 
mento alla cosa pubblica &c. u 

Adunque i Rappresentanti già 'costituiti in Roma fin da 
Febbraro prossimo passato « Con pieni poteri n ciccchè risol- 
vono, o credono risolvere é un risultatOi dell' esercizio d'un 
diritto derivante da un mandato liberamente accordatole dal- 
le Assemblee Popolari fin da quel tempo t- Mandato che noi 
non possiamo limitare, netampoco amoliare; £ per ciò che 
curvi sotto il corso degli affari politici , impotenti egual- 
mente di togliere cóme di piìi concedere , oi rima<'remo sal- 
dissimi nel nostro atto di fede ; cioè di adoperarci indefessi 
e ‘con tutta alacrità per la tutela delle proprietà e ^elle. per- 
sone senza veruna distinzione ; tenendo ferma coiciensa che 
Tà miglior cosa da desiderarsi è la pace ; c che la più bella 
‘libertà stà nell’ ordine. ' ■ ? ■ i 

Invitati poscia ì Cittadini Gonsiglieri ad esternare snTpro- 
pnsiio il loro parere questi approvarono ad unanimità l'opiua- 
mento della Magistratura. 


Digitized by Google 



( 5*7 ) 

Dspo di ciò è stata chiusa la presente seduta il sùddet< 
to giorno , mese , ed anno alle ore dieci e tre quarti anteme- 
ridiane. 

Domenico Marchetti Priore Presidente 
Gaetano Narducoi Anziano 
Giuseppe Lazzarini Anziano 

Angiolo Lazzarini Anziano 
Luigi Andreani Anziano 

Luigi Agostini Segretario Municipale 
.Per copia conforme ad uso d'Ufficio 
Luigi Agostini Sostituto 


PROVINCIA DI MACERATA 
Comune di Urbitaglia 
Num. 4i3. 

Il Municìpio Urbisagìiese ai Cittadini Triumviri. 

La libertà è dono di Dio , ed a niun popolo , a ninna 
nazione , qualunque sia la forma del suo politico reggimen- 
to , fu dato da Esso l’abborrito privilegio di conquiderla , e 
di schiacciarla. I Popoli dello Stato Romano vollero li- 
bere istituzioni , vollero una patria indipendente , e niuno 
poteva opporsi a tal voto , posto ad atto con universalità di 
suffragio , con unanimità d' intendimento , e sostenuto poi 
con meraviglioso accordo , con calma , e tranquillità degna 
di Popoli nelle libere istituzioni già provetti , e maturi. 

(Jrbisaglia, o Cittadini Triumviri, ora piccola terra del Pi- 
ceno grande però e temuta a giorni felici delia Romana gran- 
dezza y anela essa pure a libere , e democratiche istituzio- 
ni , e r amor della patria , dell' onor Nazionale , è il pal- 
pito di ognuno de' suoi abitanti. Mentre adunque concordi 
innalziamo grido di plauso per qu.into adopraste finora on- 
de tutelare i diritti del debole contro la prepotenza dei 
forte , con piena , ed integra fede si stringiamo intorno al 
Vessillo , pronti a cooperare , per qnauto il consentano le 
nostre forze , in tutto cbe tender possa a salvare le liberp 
istituzioni la Patria , 1' onore. 

Votato nella Tornata Consiliare del 3o Aprile 18 .^ 9 . 

Per il Municipio Kiffaele Galanti Anziano. J 

r i ■ * 


Digitized by Googk 



-, 

repubblica bomaka 

fn Nome di Vjq , « del popolo, 

i 

Comune di Sarnano 


. :.i 


„ T"'°£Tr«' nia^ 

"L^pir„rS?S« “e rauppe Fr.»ce« pe- 

nSrate nef Territorio 4ell« Repabblica , m e adunato .1 Con- 
siS Municipale di Samano Provincia d. Macerata dietro 
Zio pfecorrere nel ^ 'ietto per essere inteso, e de, 

^ZTs<^l ‘s^«!%rvati'“;Lnti;griafra.crU^ 

ti Magìstratnra, e Consiglieri 

Venanzio Funari Priore Municipale, 

Dr. Feliziano FeliziaW 1 

pr, Ludovim Zocchi > Aaeiarti. 

Felice Carnicelli J 

Loigi Filippo Kenzelti » 

Pomanico Sie'ti Rosai* 

Biagio B'ttai’elli- ^ , • . 

Boonfiglio Ci marcili* 

• putgi Pasqualctli • 

Odoardo Pasqualelti, r 

Antomo Petetti. < 

Kiccola Rirozzi. . * 

Federico Renzetli. t „ 

Francesco Fortini* 

Innocenzo Santoni. 

Dionisio Renzeiti, 

Costantino Pacetti, 

TVùmei^ STifflciente per la legalità dell’Ainnanza , no^ 
00 W ' terzi dei Consiglieri lulervettuli » pa pmpoi 

’p.rirS=mi,r««srKé,W»K, ^*1 CÌU*JÌ.» vcn». 
tra Pnharf Capo dell» Magistratura con assistenza di me in- 
fraserillo Segretario Miuiieipale, , , . 

Invocato il PiTtno Ajnto rolle solile prect 
h Discussicene, e quindi all' intero Coosislio si c-; fai o P'- 
fese quanto appresso | 


Anziani , 


Digitlzed by Googfe 



C 3^9 ) 

Progetto della Magistratura. 

Visto r atto dell'Assemblea Costituente Ramana del gior* 
no sB. cadente , col quale protesta contro la inattesa inva- 
tione Francese , e dichiara il fermo proposito di resistere ; 

Visto il Decreto dell’ Assemblea stessa del giorno zd, 
detto , col quale si commette al Triumvirato dì salvar la 
Repubblica , e di respingere la forza colla forza . 

11 Consiglio Municipale di Sarnano, dietro maturo esa^* 
me , e previa la dichiarazione di voler salvo l'onore, e l’in- 
coluiuitk della Repubblica , aderisce pienamente al Voto emes-< 
so coi sudetti due Atti dell' Assemblea Romana. 

Ponderato dai Cittadini Consiglieri un simil progetto , 
concordemente ritenuto giusto , si è a viva voce approvato, 
e con generale alzata dai rispettivi loro posti. 

Dopo ciò , non essendovi altro oggetto da discutersi , 
rese le-ben dovute grazie aU’Altissimo si e dimesso, c sciol- 
to il Consiglio. 

Firmato ec. 

Per copia conforme ad uso d'O/ficio. 

D. Zucchi Segretario Municipale. 


REPUBBLICA ROMANA 


In Nome di Dio , e del Popolo. 
MUNICIPIO DI COLMURANO 


Oggi I. Maggio 1849. Pomeridiane. 

Analogamente all’ Art. B 3 . del Decreto 3 i. Gennajo 18^9' 
e della Circolare del Cittadino Preside di Macerata 26 p. p. 
Mese num. 8394 , essendo stati con preventivo avviso invi- 
tati li Cittadini Consiglieri ad intervenire al pubblico Consi- 
glio , si è il med. adunato ai urgenzale sono intervenu- 
ti li cittadini, 

I. Contigiani Francesco ì 

t SPSKr. 1 i-- — 

4 > Seri Domenico ) 

Giovanni Crociani Seg. Manie. 


Digitized by Google 



( 33i ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Comune di Monte Fano 

Nel giorno di Venerdì quattro Maggio Mille ottocento 
quarantanove a termini dell’ Articolo 78. Tit^ IX. del decre- 
to sull'ordinamento dei Municipi previo invito fatto precor- 
rere a ciascun Consigliere ad urgenza si è adunato dopo la 
terza chiamata il Consiglio di questa Comune di Monte 
Fano nella solita Sala a porte aperte alle ore dieci anicme- 
ridiane , quale venne presieduto dal Cittadino Priore , od 
intervennero i seguenti anziani , e Consiglieri 
I. Giuseppe Consoli Priore , e Presidente 

z. Gaudenzio Stramazzi ì 

5 . Filippo Pace ) Anziani 

4 - Annibaie Carbonari ) 

b. Prev. D- Antonio Mazzoni = 6. Dario Urbani = 7. 
Niccola Casanova = 8. iVchille Canonico Volponi = 9. Ales- 
sandro Appolloui = 10. Domenico Margarucci = 11. Anto- 
nio Pdsqualini = 12. Gerardo Volponi = i 3 . Marco lin-. 
tinelli = i 4 - Angelo Carloni = ib. Pasquale Carnevali = man- 
canti otto Consiglieri. 

Dopo ciò premessa 1 ’ • invocazione dei Divini Lumi sì 
procedette alla discusione dell'infrascritto ^-unico oggetto. 

Si da Lettura della Gircol.ire dei zi. perduto Aprile del 
J riunlvirato Roitiano ; Come pure la Lettura del Dispaccio 
del Preside della Provincia , con cui viene ordimta la 
convocazione di que-to Consiglio ad urgenza perchè deliberi 
l’ adunanza in proposito. 

Il Cittadino Annibaie Carbonari emise la presente pro- 
posizione = Se piaccia al Municipio di Monte Fano di aderi- 
re al voto esternato dal Consiglio di Macerata con cui si è 
dichiarato di cooperare per il mantenimento , e guarentigia 
delle Liberali Istituzioni , e per la salvezza dell’ onore Na- 
zionale. 

Mandata a partito la suddetta proposizione fù approvata 
con voti favorevoli dodici , contrari tre. ' ^ 

Fatto , e chiuso il presente atto in Monte Fano alle 
ore dodici meridi.ine firmato dal Cittadino Presidente •‘uni- 
tamente a due Consiglieri nelle persone dei Cittadini Gau- 
denzio Stramazzi , ed Alessandro Appollonj , e dal Segreta- 
rio Comunale. 


' Digitized by Google 



( 33a ) 

) G. Consoli Presici. 

Plrmut! } Stramazzi Anz. 

^ Alessandro Appollonj 
) F. Casanova Segretario 

Per copia conforme per norma d’ Ufficio 

Francesco Casanova Segretario 


IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
PROVINCIA DI MACERATA < 
MUNiaPIO DI SASSOFERRATO 

L'Anno primo della Repubblica Romana, e dell'Era vol- 
gare mille ottocento qnarantanove. 

Nel giorno di Mercoledì due del mese di Maggio si è 
radunato a forma dell' Articolo 89. e seguenti dèi Decreto 
sullo ordinamento dei Municipi del 3 i. Gennaro decorso il 
publico locale comunitativo Consiglio straordinariamente con- 
vocato con biglietto d'invito numero 56 1. di Protocollo, che 
col mezzo del Famiglio Trombetta fecesi avere a ciascun 
Membro fin dal 27. Aprile ultimo per oggi , al quale invi- 
to succedette poi un altro in via di urgenza diramato sotto 
il di 28. col nomerò 566 . , e come sopra distribuito , ed a 
tale publica Adunanza intervennero li Cittadini 

1 Francesco Frasconi Andreoli x. Anziano fl. di Gonfa- 
loniere assente. 

2 Ferretti Pier Francesco ) . • • 

3 Tazzi Luigi ) 

Consiglieri 

4 Angeletti Giuseppe 

5 Albertini Andrea 

6 Zoppi Pietro 

7 Garofoli Luigi < 

8 Romani Arcangelo 

9 Bruschi Luigi 

10 Marj Angelo 


Digìtized by Google 



. C355') 

1 1 Castelucci AnlvP> 5 > , . • T “ 

la Angclucci Antonio • - 

i 5 Ferroni Lorcn»» 

I ♦ Petrucci Orbano 

1 5 Ciccarelli Niccolò 

16 Biaschclit''rVati9espo 

Ippolito Bruschi Segretario Municipale 

Membri difeltvj pen legale inipedimcoto t,. Baldini Lui- 
gi Gonfaloniere è in L''ngiaiio. 

Non intervennero poi li Consiglierr 2. Stram pelli Sante 
i. Parigini Fabio 4 - Bianchi Aldebraudo &. Buratti Giusep- 
pe 6. Armenzani Emidio 7. Luzi Stefano Anziano. 

La Mafiiatfatara inizia ,|e seguenti proposte 

I. Coirinvilo per coadunarvi ad urgenza si disse dover- 
visi o Cittadini , comunicare un Dispaccio pressaniissimo del 
Triumvirato , e da me pubUco Segroiario letto . Questo per 
apposita spedizione fu rimesso ni Cittadino Gonfaloniere dal 
Preside della PróvÌQcia con foglio 26. mese p^rclnto nume- 
ro SSgi. quk pervenuto alle ore sette antimeridiane del gior- 
no ventotto ed anjchc di esso vieti data lei torà. Ora pertan-, 
. to siete invitati a dire cosa opinale in .argoment >, 

Sulla prima insorge H Consigliere D. Garofoli dicendo 
essere di parere che debba protestarsi solennemente contro, 
r invasione Francese , tanto più. che la Nazione non h.a spia- 
• gate il fine del soo itnlervento , e d'altronde i Popoli lian- 
ne diritto da loro stessi accommodare le cose in propri.a ca- 
sa , e non gik Popoli estranei specialmente se non cliiama- 
tr ; ed in vero sarebbe ben duro » e disonor.nue inostrarcaL 
Mondo che i Popoli della Bomaua Hcpnbblica , quasi pupil7 
li , abbisognino di tutore. , 

II Cittadino Presidente ordina la pallollazione dell' Ar-r 
fingo per scrutinio segroto col mezzo di Pallottole , e distri- 
buiti i voti si riuvennerQ favorevoli dieci e contrari sei noi) 
ostanti. 

11 Caiisigliere Armenzani Emidio sopragginnto dopo di? 
scussa la proposta envette la sua piena adesione alla risulta^: 
p» della pallottaziooet 

Pinnati >»-.Emiiiio Armenz.aui 

F. Fi-ascom Artdreoii lT. di GooL ; 


Digitized by Coogle 



(S34). 

Pier France«co Ferretli Ani. 

Luigi Tarli Anz. 

Luigi Garofoli Consiglieri 
Luigi Bruschi Cons. 

L. ® S. 

Ippolito Bruschi Sogr. Comli 

Per copia conforme ad oso d’ufficio 

Sassoferrata 3 Maggio 

11 Segretario Municipali 
Ippolito Bruschi 

Il Circolo Popolare di Sassoferrato inviò allj Triumviri 
la protesta dell’ Assemblea del a8. Aprilo coperta (B 5&o firme. 


PROTESTA 

J>tl Municipio di Monsanmartino 

PROVINCIA DI MACERATA 

Emessa il giorno i. Maggio i8-Ì9- pieno Consiglio , 
convocato ad urgenza , dietro annnnzio della invasione Fra»- 
tese nel Territorio della Romana Repubblica. 

Udito appena sul Mediterraneo la voce Francese , chi 
contro ì propri principi minaccia rovesciare laRepubblica. Rfin 
tnana , il Municipio di Monsanmartino inierpetre del volere 
de’snoi Amministrati protesta solennemente in faccia a Dio, 
e di Mondo contro qnalsiasi attentato che si commettesse • 
danno di questa gloriosa Repubblica , la quale vuole sia sal- 
va , ed incolume nel suo onore , e nella sua dignith , e per 
conservarla andrà superbo poter spendere vita , e avere, g*aOr 
ché la novella Romana Republslice rw»ru sulle ceneri d<9 
Bruti , dei Scipii , dei Fabii , e dei Camilli non può n<^ 
essere la prediletta di ogni leale, ed It-ilitino Cittadino . Di- 
chiara perciò esser qnesta la sola l'orma di Governo, che ae- 
solutamente vuole , siccome quella che più d’ ogni altro ga- 
rantisce la Libertà Individuale, la libertà de' pensieri , lo 
sviluppo delle proprie idee , e che tutta infine è basala sull 
Evangelio di quell' Uinanato che discesf. in lerra, per ron»' 


Digitized by Google 



( 335 ) 

per le Catene di schiaritù , e renderci tutti eguali e Fra^ ■ 
telli. 

La Patria , la Nazionalità , la Republica dopo Dio sono 
e saranno per esso le cose più care 

VIVA ! VIVA ! VIVA SEMPRE LA REPUBBLICA RO- 
MANA ! 

I Rappresentanti del Popolo 

1 

Nunzio Campanari Priore Municipale 
Manilio Urbani Anziano 
Facondo Clementi Anz. 

Arcangelo Clementi Consigliere 
Angelo Palombi Consigliere 
Michele Mazzi Consigliere 
Niccola Palombi Consig. 

Decio Olivieri Consig. 

Antonio Gunsanti Consigliere 


PROVINCIA DI MACERATA 
MUNICIPIO DI FILOTRANO 
CITTADINI TRIUMVIRI 

Quando sapemmo che una Divisione Francese presenta- 
vasi nel Porto di Civitavecchia per violare il Territorio del- 
la Romana Repubblica, espressione solenne della volontà no- 
stra , Noi frememmo dell’ ira e dell’ indegnazione dei Po- 
poli liberi. ^ 

Ogni Cittadino che abbia cuore veramente italiano con- 
siderar deve questa invasione come un attentato alla libertà 
ed alla indipendenza della Nazione Italiana, la più grave of- 
fesa al Diritto delle genti , quale minaccia ad un Governo 
il più legittimo che esista sopra la terra, perchè il piùcoiv- 
forme alla natura dell' uomo , e sorto dalla libera manifesta- 
zione del Popolo Romano. ‘ 

I Rappresentanti del Popolo.del Municipio di Filottrano 
pongono in cima di ogni loro pensiero la Patria, l’onore. 
Essi crederebbero disfare 1’ edificio da loro stessi eretto , es- 
sere traditori, della Patria, disonorarsi in faccia alia medesi- 
ma , all’ Europa, al Mondo intero , se non protestassero so- 
lennemente contro r attentato con tutte le forze dell’ auimo 


( 336 ) 

loro; se non imitassero il generoso esempio delle altre Città, 
dei Circoli , delle Gaardie Nazionali , in una parola di tutti 
i Cittadini delia Romana Repubblica. 

Quindi con ferma coscienza e maturità di consiglio di- 
chiarano la Divisione Francese in Civitavecchia, e cosi ogni 
altro straniero che osasse invadere il loro territorio , nemi- 
ci della Romana Repubblica, violatori del Diritto delle Genti; 
e perciò domandano al Triumvirato che forte del suo Di- 
ritto adempia al sacro dovere di usare di tutti i mezzi per 
mantenere incolume il Territorio della Romana Repubblica. 

VIVA LA REFLEtLlCA R9MAJNA 
Votato in publica sedata dal Municipio di Filotrane 
li So. Aprile 1849- 

1 Rappresentanti del Popolo 
Lorenzo Garampi Gonfaloniere 
Anziani 

Girolamo Biondini 
Giovanni Del Monte Rinaldo Rondini 
Consiglieri 
Primitivo Morlacchi 
Benedetto Bonifazi r . 

Giacomo Sassaroli 
Niccola Rossini 
Raffaele Calcateli! 

Niccola Rondini -, , ; 

Giuseppe Campodonico 
Isidoro Stacchiotti ... r 

Erminio Masi , .. . , ; , - ■> t .‘ ; > 

Mariano Marani ■■■■' ,r; • . ,•> 

Federico Zafani rV, ' .-r-’T ':- . r ' ' 

Vittorio Bellagamba ‘ '.sii! \ : 

Silvi Domenico i.i .- - 

. Perozzi Giovanni -vj'. e-ri'’..' 


‘ / ■ REPDBBUCA romana' "‘'''J: 

• IN NOME DI DIO E DEL POPOLO *.;'c 

PROVINCIA DI MACERATA' ' j"""'’ 

• MUNICIPIO DI MORROVALLÈ a. c cc-noq 
* ‘ •• ' 

'Oggi 3 o. di Aprile 1849. ore ’n. antemeridianp 

' ‘ . * j. 

^ ■ '"D', appresso invito che per là dichiarala , urgenza,, _fh 
spedrtd jeri prima delle ore 9. adtemeridiane , colle vo- 


Digiìl/ed by Google 



Inte uiolulilà, e si è ac*IT+' iolita Sih maggiore adun.ifo il 
C iusigllo del siiddcHo WnitÌLipi j , (? 

C.illa presidenza del Cittadino Priore Dot. Serafino Mar- 
chetti chff diefTtìfò aperta la Seduta fii fifMidtd e' discusso 
guanto appresso , esponendo lo stesso Presidente. 

Il soiortissiim) ed ugni giorno più amato' PresKIO! nostro 
Avv. Dionisio Zannini , con suo pregevole dispaccio s6. ca- 
dente nfiese ói Aprile n. &3gii che iwi gfniWe colf ordinario 
corio postale del a8. è che tì legyo hi cui (di' wi8Ct’H>fi Cir- 
colare del 'l'iitìln» irate y prescrive doversi da Voi ùut coli- ' 
gregali n.amlestara il roto dell.'i Popol.ieiotie die rAfypntire lu- 
tate sullo intervento Francese, . . , 

Gloriatevi, comè io Vi sAotlglùrd f dì Adempiere a quel- 
la si suprema prescrizione con ogni lealtà , ed intanto sap- 
piate die. séiifd A me, dopo letto il n. de' G'ori'nale il 
Contemporaneo , il dnbio sulla ^upeifluiià di tale interpello 
menile sbarcati i Francesi a Cilit.-iveochi* Rubila fratmiiza- 
rono col Popolo , eil inalzato l' albei*» della libertà fecero 
verbale assicurazione della loro simpatia per la causa Italia- 
na , mi rivolsi jeri ttessof con apfMilla epediklortd ^ kd iit- 
■vocare 1’ oracolo sapiente del rilodato Preside , e questi mi 
onorò tosto di suo grazioso riscórìtru che |)ur vi legga Rac- 
cogliendo così che i Francesi prenominati non venisisra al- 
trimenti Amici a sostenere i Fratelli , persisto a provocarvi 
» ben ponderarne il tdndrd | ftd 1 determinare , che il Go- 
verno di Roma , per quanto le difficili ed imponenti cir- 
costanze il {Sertfidthmu , provveda per£bi le dUittà .libere 
istiuizioni , e 1' onore della nosti% Nazione sia salvo „ 

Tutti fecero pieno plduso , ed operatasi la segreta balis 
lottazione fù qitelU proposta sdnzionata a pieniMimi su£» 
fragj. .. 

Dopo di elle fci diohiàrò sciòlta la Seduta ò si ritiraro 
no le firme eoa 

( Serafino Màrchetti Priore Presid. 

Firmàti ( Rocco Laoi'enti (Crisostomi Atta 
( Giuliano Pochini 
{ tàidseppo iiarf 

Omésso eC\ 

• Pe? estratto CbnfOrtrre ad taso ifttWMd'fjKfelb 
Francesco Beneventi Seg. 


‘ DigitizeO-by Google 



( 558 ) 

REPUBBLICA ROMAPfA 


JiV IVOME DI DIO , E DEL POPOLO 
Municipio di Montesanto oggi a8 aprile 184.9. 

Nella Sala del Municipio dietro avvisi diramati ad ur- 
genza adunaronsi i Cittadini componenti il Consiglio a senso 
dell’articolo 90. Titolo nono del Decreto sull’ Ordinamento 
dei Manicipi 3 i. gennaro anno coiTcnte essendovi interve- 
Doti . 

MAGISTRATURA 


PRESENTE 

I. Arezio Gasperini Priore 
a. ZeCTerini Fioretti Anzia- 
no 

3 . Alberto Jacoponi Anzia- 
no 

4. ' Ermenigildo iRoli An- 
' ziano 

CONSI 


ASSENTE . 

1. Ciccolini Pio Anziano 


tf 

fi 

n 


w 

- « 

n 


m 

ìi 

M 

M 


LIBRI 


INTERVENUTI 


ASSENTI 


1. Cardinali Antonio 
'a. Paolucci Felice 
3 . Canaletti Fortunato 
'L Sassetti .Pietro 

5 . Olivieri Erasmo 

6. Gasperini Achille 

7. Canepini Eilippo 

8. Buonaccorsi Filippo 

Fierandrei Pio 

A senso dell’ Articolo 
dino Priore . 


Sm. 


I. Pastocchi Luigi ^ 

-a. Fierandrei Ignazio 

3 . Fierandrei Giovanni 

4. Cipriani Benedetto 
B. Cipriani Francesco 

6 . Ricciardi Avv. D. 
lippo 

7. Carradori Os» 
waldo 

8. Marefoschi Ca- 
millo 

9. Magner Can. D. 

Giovanni 

dal sucitato Decretò il Gitta« 


Fi- 


Decaduti 
a senso 
} del S. 4 ; 
dell' arti- 
colo 87. 


Digitized by Google 



.( 539 ), . 

II Presidente del Consiglio ha dichiarato aperta TAdaDantt 
per trattare la seguente 

PROPOSTA 

* 

Si legge circolare dei Triumviri accompagnata dal fo- 
glio Num. dello scorso giorno s6. del Cittadino Presi- 
de, nella quale si de comunicazione ai Municipali Consigli 
della Avanguardia Francese nelle acque di Civitavecchia . . 

Si da’ lettura ai citati fogli , inseguito di che il Cit- 
tadino Priore ha letto la seguente mozione. 

Al Corpo di Armata della Repubblica Francese 
di spedizione nel Mediterraneo . 

« I ' , 

Si , il vostro Oudinot ve lo ha detto , e noi ve lo ri- 
petiamo 0 Soldati Francesi = Qui sono i monumenti , e le 
ricordanze della gloria = Ma pieni di meraviglia dirsdegno 
vi aggiungiamo ancora : Se punto vi cale il vostro onore , 
non isfpegiate quei monumenti , non violate il terreno cal- 
cato da tanti Eroi, 'non turbate il Sepolcro dove riposa- 
no le ceneri di coloro , che un di vi dettavano Leggi, e 
recavano presso voi i primi sen>i dì civiltà. Il 'nostro popo- 
lo tradito dal Principe , che 1' abbandonava , con libero vo- 
to commetteva ad alcuni suoi figli il provvedere alle fu- 
ture sue sorti — Questi si spirarono a quei monumenti del- 
la glòria , e vocarono dalla Tomba degli avi le venerande 
memorie, e quindi sulla vetta del Campidoglio proclama- 
rono quella foggia di Reggimento, per cui stette un tempo 
la Romana potenza , e Roma fù la Signora del Mondo . Il 
Popolo Con' unanime grido plaudi alla parola de’ suoi invia- ^ 
ti , e a nuova vita parve rinato — La nostra Repubblica , o 
Francesi , è legittima al pari della vostra — Maledizione a 
quanti la dicono opera di Faziosi ! Se il volo universale , 
con cui il Popolo sceglieva' i suoi Rappresentanti , se il suc- 
cessivo consenso, e l’ordine , e la tranquillità , che han 
sempre regnalo presso noi non valgono a testimoniarvi , che 
la nostra Repubblica è il voto della maggioranza , bene vel 
pfovaranno le proteste , che vedrete pervenirvi da quante ab- 
biamo Rappresentanze della pubblica, opinione ; Proteste cui 
noi solennemente in nome di Dio , e del Popolo intendiamo 
di aderire. . * ' 

A che ne venite o figli' dell’ inclita Francia I A che ve- 
lale il fine della vostra venuta con frasi enigmatiche simili 


( ) 

agli Oracoli Sibillini , e con oscure parole improntate di si- 
mulazione , ed inganno retaggio dei Tiranni , a cui abbia- 
mo insieme giurato abbominio ? La democrazia , suona ve" 
ritk; lealtà, e schiettezza sono la divisa del Popolo —Diteci 
francamente a che ne venite. 

Se intendete a liberarci dall’ invasione dei barbari noi 
vi rendiamo grazie del generoso pensiero — Ma se sospinti da 
fanatismo religioso , o illusi dal vostro Governo voi vorrete 
toglierci alcuna delle nostre franchigie , vorrete evocare un 
passato , che nell' obbrobrio abbiamo sepolto , e rialzare la 
Monarchia tanto più odiabile quando viene ricoperta di fal- 
se teocratiche vesti , noi forti de' nostri diritti ci leveremo 
come un sol’ Uomo , e sapremo forse farvi risovvenire del 
nostro antico valore — Che se il destino vorrà , che cedia- 
mo alla forza brutale , alzeremo ben’ alto un grido di ma- 
ledizione , a cui faranno eco quanti sono al Mondo popoli 
liberi . 

La maledizione dei popoli Dìo 1 ’ accoglie , e alla sua ora 
sa riversarla sul capo di Chi l’ha provocata. 

’ Si propone se piace approvare il presente indirizzo con 
dichiarazione espressa , che il Governo della Repubblica è il 
solo Governo voluto dal Popolo , protestando contro Chiunque 
attentasse alla sua forma , ed alla sua libertà. 

In seguito di discussione si è votato ad unanimità per al- 
zata , e seduta il suriportato indirizzo. 

Fatto , chiuso , e firmato come appresso . 

A. Gasperini Priore. 

L. Fioretti Anziano. 

A. Jacoponi Anziano . 

£. Roli Anziano . 

Filippo Buonaccorsi Consigliere . 

Fortunato Canaletti . 

Antonio Cardinali. 

Filippo Canepini Consigliere . 

Felice Paoluccì. 

Pietro Sassetti . 

Erasmo Olivieri Consigliere . 

Achille Gasperini Consigliere. 

Pio Pierandrei Consigliere . 

Montesanto lì a8. Aprile 18Ì9. 

Per copia conforme all'Originale ad oso di Ufficio ec. 

Giuseppe Gasparri Seg. 


Digitized by Google 


( 54 | ) 

. A NOME DI DIO E DEL POPOLC 

Municipio di Fabriano 

'Anno I. Republicano dell* era volgare i 84 g; oggi gior* 
no di Domenica 29 del Mese di Aprile. 

In esecuzione degli ordini Governativi , questo Cittadi- 
no fF. di Gonialoniere con suo invito N. 71 1 in data di 
jeri , a forma dell* Art. 90 del Decreto 3 i Gennajo Anno 
corrente sull'ordinamento dei Municipi, ha convocato ad 
urgenza in questa Comunale Residenza pel giorno d’ oggi 
il nuovo Consiglio , che alle ore 5 pomeridiane si è radu- 
nato con i Cittadini 

Vallemani Rinaldo 
Rossetti Serafino 
Benigni Pietro 
Ancorosctti Gaetano 
Tisi Luigi 
Quagliarini Angelo 
Bigi Romualdo 
Gigli Vincenzo 
Stullnti Andrea 
Crocetti Tito 
Alesandroni Gioacchino 
Zncchi RalTaele 

Mannucci Romualdo , e me infrascritto 
Antonio Ottoni IT. di Segretario 

Siccome dal detto Consiglio non si è ancora procedu- 
to alla nomina della Magistratura ec. , il che deve farsi frà 
breve , come da invito già precorso N. 69^ , cosi per que- 
sta volta la presente Adunanza sarà presieduta dal Cittadino 
Gigli Vincenzo come più Anziano di età frà gl’ intervenuti 
in analogia dell’ Art. 53 del succitato Decreto. 

L.aonde il medesimo nella qualifica di Presidente mi 
ha ordinato di venire all' esposizione dell’ oggetto per cui 
ti è chiamato il Consiglio. 

Proposta ec. 

Se nel breve periodo da che é in vita la nostra Re- 
publica vi fu mai momento solenne e difficile , è quello 
certamente in cui oggi ci troviamo. Una spedizione Nava- 
le Francete minaccia , come avverte il Triumvirato con 

9 


Digitized by Google 



I 


C34i)- 

8 oa Circolare N. in bianco : del 24. cadente , di violare II 
nostro Territorio = Qaall che siano, cosi £sso si esprime , 
X le intenzioni straniere a nostro rignardo , T Assemblea , 
X ed il Governo della Repnbbiica sapraeao compiere il do- 
X vere loro , protestando con la forza contro ogni offesa al 
X diritto , della dignità del Paese. 

X Importa però , che anche le Rappresentanze Manici- 
X pali rispondano degnamente con soieimi manifestazioni al 
X voto del Popolo X. 

Questa Circolare è diretta ai Presidi di ogni Provincia, 
ed il nostro la spediva a questo IF. di Gonfaloniere con l’or- 
dinarttx dell’ altra sera accompagnandola con suo dispaccio 
N. SogX del 26 detto , ingiungendo di convocare per ur- 
genza il Comunale Consiglio , x onde informailo di que- 
X sto avvenimento importantissimo per Italia nostra , il cui 
X onore , Egli dice , vuole si protesti solennemente contro 
X di un aggressione , che mai dovrebbe attendersi da una 
X Nazione Repubblicana ec. x 

Il Presidente qui ha ordinato , che si faccia publica let- 
tura prima della Circolare del Triumvirato , e quindi del 
Dispaccio del Preside , e Circolare del medesimo numero 8408 , 
non che la protesta dello stesso Triumvirato- 

Quindi il Presidente ha proposto che i CoaduiiatI dichia- 
rino se credono urgente il motivo per cui sono stati chia- 
mati, ed hanno risoluto per L' affermativa per acclamazione. 

Poscia lo stesso Presidente ha detto , che si dichiari se 
vuoisi emetter La protesta cui si è trattato in proposta , ed 
anche in ciò per acclamazione si è deciso per 1 ’ affermativa. 

In seguito di che il sudetto Presidente ha proposte di 
far nostro l’atto emesso dall' Assemblea Costituente nella sedu- 
ta publica- ad un ora antimeridiana il 2h cadente , come 
quella che compendia le ragioni , che militano a favore del 
nostro Governo ed esprime il voto generale di questa Popo- 
lazione commossa alla notizia della Francese invasione. 

Anche una tale mozione fu accolta per acclamazione. 

Quindi fu sciolta la sedala. 

Fatto, letto, publicato, e firmato dal Presidente, da due 
Consiglieri, e da me infrascritto Segretario. 

Firmati X Vincenzo Gigli Presidente 
Valleniani Rinaldo Cons. 

Benigni Pietro Consigliere 

Fir. Ant. Ottoni ff. di Segrìo 
Per Copta conf. ad uso d’ uff'. 

Antonio Ottoni ff. di Segrio Com» 


Digitized by Google 



( 5^S ) 

REPUBBLICA ROMANA 

provincia di macerata comune di cingoli 

Li 2 Maggio i84d 

Con invito rimesso il 3o dello scaduto Aprile , dal Capo 
(della Magistratura si devenne alla convocazione del Consiglio 
Comunale d’ adunarsi questa mattina alle ore dieci anteme- 
ridiane , dichiarato avendo , che la riunione doveva aver iuo* 
go ad urgenza. 

Fatto successivamente 1' appello si sono rinvenuti pre* 
senti i 

Cittadini s Castiglioni Giulio Gonfaloniere 
Castiglioni Gio: Stefano 
Simonetti Domenico 
Compagnucci Francesco 
Giannobj Pacifico 

Castiglioni Carlo 
Patta Filippo 

Colocci Bagliani Piersante 
Simonetti Ten.Colonello Ranieri 

In seguito il Cittadino Gonfaloniere Presidente fece da- 
re lettura per me Segretario infrascritto del Dispaccio del 
preside della Provincia del 26 scaduto Aprilo N. Sogv, non 
che della Circolare del Triumvirato del 24 detto. 

Il Segretario legge 

Il Presidente Gonfaloniere = Ha formulato 1’ Atto di pro- 
testa , quale incaricò il Segretario di leggere , e eh' è del 
seguente tenore. 

CITTADINI TRIUMVIRI 

L' inaspettata , ed appena credibile invasione Francese 
della Citt^ di Civitavecchia ha destato stupore , e maraviglia > 
nello Stato tutto della Repubblica Romana. Cingoli ancora 
posta alle falde degli Apennini scorge in quella una mani- 
festa , ed ingiusta lesione dei piti sacri Nazionali diritti. II 
Consiglio Municipale perciò insieme con Voi, Cittadini Trium- 
viri , ha protestato , e solennemente protesta contro la sud- 
detta , ed altra qualunque siasi aggressione nemica. Fida 
$gli nel vostro esempio, e fissi tenendo gli occhj alle lu- 

« z 


Consiglieri 



Digitized by Google 



piinose prove , che voi darete dal Campidoglio , giura frat^ 
tanto seguire fedelmente le tracce, e giura ancora , diesa-! 
rà per mantenere quella dignitosa calma , quella pace > e ♦ 
tranquillità , che non fu interrotta gummai nelle nostre 
Contrade. 

Quale atto fìi applaudito , ed accettato unanimamente. 

Si sciolse quindi la Seduta essendo le ore undici an- 
temeridiane. 

Fimi. = Giulio Castiglioni Gonfaloniere Presidente 
Raniero Simonetti T. Colonnello Consigliere 
Filippo Patta Consigliere ■ 

fer Copia conforme ad uso d’ Uff. 

R. Paiini Segretario Comunale 


REBUBBLICA ROMANA 

fN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Delegazione di Macerata 
MUNICIPIO DI MONTELUPONE 

Nel giorno di Venerdì 27 del Mese di Aprile dell' An-» 
no i 8»9 alle ore 7 pomeridiane Si è adunato in via d’ ur-^ 
genza straordinariamente a seconda di quanto è stato pre- 
scritto con Dispaccio del Cittadino Preside in data 26 andan-r 
te Aprile N. 809Ì previo il solito invito il Consiglio Mu- 
nicipale di Montelupone composto dei seguenti Cittadini 

1. Lodovico Pochini Ap. F. S. di Priore 

2. R naido Tomassini Barbarossa ) y^jj^iani 

3 . Giuseppe Tomassini ) 

CONSIGLIERI municipali 

1. Luigi Tomassini 

2. Giuseppe Cipollari 

3 . Domenico Paci 

4. Giuseppe Giacchini 

5 . D. Antonio Curato Sagripanti 

6. Pietro Bazoftioni 

7. Francesco Gentini . . 

8. Filippo Cingolani di Vincenzo > 

g. Natale De Cupis 


Digitized by Google 



( 345 J 

10. - Alessandro M itteucci di Francesco 

11. Michele Graziani 

Girolamo Borgianelli Segretaria Monicipal* 


Presieduto dal Cittadino Lodovico Pochini Anziano F. F. 
di Priore per discutere sopra il seguente oggetto 

li medesimo Cittadino F. F. di Priore espone come le» 

gue 

11 Cittadino Preside della nostra Provincia ci fece ginn' 
gere per apposito espresso jeri sera circa le ore g e mezzi 
pomeridiane un suo Dispaccio pressantissimo, al quale ve- 
niva inserta una Circolare in data 24 andante del Trium- 
virato della nostra Repubblica prevenendo che l’Avanguar- 
dia di una Divisione Francese trovasi al presente nelle acque 
del Mediterraneo avanti il Porto di Civitavecchia, e siccome 
nessuna commimicazione è stata fatta dal Governo France— 
•e a quello della nostra Repubblica, come pure non cono- 
scendosi le intenzioni Straniere a riguardo della medesima 
nostra Repubblica, incombe a Voi quali Rappresentanti del 
Popolo di cooperare con risoluto animo all’ adempimento 
di quanto con essa Circolare viene prescritto conforme me- 
glio rileverete dalla lettura della medesima ed altresi dal 
Dispaccio pressantissimo del sultodato £illadino Preside 
Firm. Lodovico Pochini Anz. F. F. di Priore 
Alle patrie parole di sopra espresse, tutti i Congregali 
hanno fattoi più risoluti piansi ed unanimemente hanno de- 
cretato la piena adesione alla determinazione adottata dal 
Superiore Governo della nostra Repubblica , affine di difen- 
dere da qualunque straniera invasione la indipendenza , e la 
integrità della nostra Repubblica, confermando amplament» 
la protesta dalli Rappresentanti fatta nell’ Asemblea ultinft.* , 
« già diramata co]Ie stampe. 

Datasi quindi lettura del presente processo Verbale all’ 
Assemblea venne il medesimo sottoscritto dal Cittadino Ca- 
po della Magistratura e da due Consiglieri presenti. 

Lodovico Pochini Anz. FF. di Priore 


Firm. ( Tomassini f^nsig. 

^ Giuseppe Cipollan Consig. 

Dopo di che si é terminata la Sessione , e sciolto il Consiglio. 
Fatto, e chiuso il presente atto in Montelupone nelle 

f 3 


Digitized by Google 



Sala di pubblica a^le or^ «ette* fi ..pwzz^pom eri- 

diane dei sudcUÌ giorno, mese ^ ed aniv?. 

So.tt* Girolamo Brogianclji Segretari» Mtìhicipale 
Per Copia Conforme 'ad oso df Off. 

G. Borgianelli Seg. Mie 


’AIV Assemblea Costituente . ^ 

I Ai XriumTÌri e Ministri ‘ , 

DELLA REPUBBLICA ROMANA ' ! 

IL MUNICIPIO DI SANSEVERINO 

Il Popolo Romano usando degl’ ìmprcscriltlbili diritti 
di sua sovranità proclamò per mezzo vostro, o Cittadini 
Rappresentanti, un libero Goserno. E Voi forti dell’adesio- 
no del Popolo stesso , da cui emanate , fidente in Dio c' 
nella giustizia della nostra causa , giuraste all’ avvicendarsi , 
d«’ d isastri italiani clic la Repubblica sarebbe salva. Questo 
giuramento lo ripeteste in presenza della llottigUa I^'rance.- 
se nel Porto di Ci vitavecebia , e dopo avvenuto lo sbarco 
sotto le più amichevoli apparenze, e protestaste di non tol- 
lerare una pi flagrante violazione del nostro Territorio , c 
di respingere la forza eoa L forza. Questa vostra onorevole 
»Ì5olujjione ha trovato uo'cco unanime nel Municipio di 
Snnseyerinp , che straordinariamente convocato ucU' adunali- 
jtó del f fipfrente a viva voce racclam.iva , e risolveva di 
concoereee ,pon tutti i ntezzi che sono in di lui noterò 
jiereh^ salve siano le libere istituzioni , c fonore de' nomò 
Italiano. ^ 

'Balla Rnsidenza Municipale li a Maggio ^8*3, 

Per il Consiglio Municipale 
piUppp Qacoialnpi Qjivieri Gonlalpniere , 



Digitized by Coogle 



1 ^ 7 ) 


REPUBBLICA ROMANA 

> 

In Tfome di DIO e del Popolo 
TREJA oggi venlotto Aprile mille ottocent? qaerantanoT* 

( 28 Aprile 18^9- ) 

In legaito degli Ordini abbassati dal prestantissimo Preside 
della Nostra Provincia con foglio N. 85 oi del a6 andan- 
te mese, ed analogamente il disposta dell’ Art. 90.de! De- 
creto 3 i Gennaio 1849 suirOrdinamento dei Municipi, si 
è convocato ad urgenza il Consiglio Municipale di questa 
Città per il giorno di oggi alle ore 9 antimeridiane il quale a 
termini del Art. 90. del Decreto sùdetto sarà legalmente a- 
dunato, e potrà deliberare con qnalunqqe numero d' Inter- 
veonti. Aperta quindi la seduta alle ore dieci già sonale, si 
essa trovata camposta dei Cittadini ' 

Carlo Didimi Gonfaloniere Presld, 

Mariano Rainaldi ) 

Luigi Tomassoni ) Anziaqi 

Tobia Pellegrini ) 

COxNSIGLIERI ‘ ' 


fiarbarossa Raffaele 
Maroccchi Basilio 
Crociani Agostino 
Lausdei Francesco 
Nobbili Raniero 
Balcani Giuseppe 
Brogli Ettore • 

Paladini Benedetto 
Fraticelli Pietro 
Mitarelli Francesco 

Il Cittadino Gonfaloniere dapresso lettura fatta tanto 
^ ' Foglio Circolare del 24 Aprile coprente del Triuravire- 
to, quanto della lettera del Nostro Preside della Po vio- 
eia del successivo giorno ventisei N. 8594 * * ba fatto in- 
vito ai Cittadini Consiglieri a proporre quello ebe si cre- 
derà deliberare in argomento. 

• i 


Andreani Adrian* 
Scapigliati Giovanni 
Roberti Damiano 
Testa Pacifico 
' Gizzi Loigi 
Palmieri Verginio 
Carossai Eugenio 
Curai Luigi 
Broglio \^nanaio 
Mostacci Attilio 


Digìtized by Google 



( 34 « ) . 

Prete la parola il Contigliere Cittadino Raffaele Barbe- 
rosta nei ^tnodò che tiegae. ■ Sarei di tento di divenire alle 
tegnente ritoltizione s II Municipio di Treja e ben lontano 
dal sospettare , che la libera Nazione Francese contro il 
diritto delle Genti siasi presentata sulle Acque di Civitavec- 
chia con disegni ostili alla Repubblica Romana ; ma oVe’mai 
fosse altrimenti , il Municipio stesso conferma con quest'at- 
to la sua pienissima adesione al Governo democratico «he 
ora ne regge , non che la sua illimitata fiducia nei Rappre- 
sentanti del Popolo, e nella sapienza del Triumvirato rimet- 
tendosi, e fìduciando assolutamente in quelle misure, che 
Risi meglio a portata di bilanciare le cose giudicheranQ9 op< 
portane , ed al Nostro òtato profìcue 

‘ Fir. Raffaele Barbarossa Consigliere ^ 

Dopo ciò il Cittadino Presidente ordinò , che la sopra 
••pressa Mozione di protesta a votazione segreta per vedere s« 
viene accettata, 

Fir. Carlo Didimi Gonfaloniere Presid. 

Raccolti i Voti , si sono essi trovati favorevoli io un 
nomerò di ventiquattro , contrari nessuno , e perciò accol- 
ta ad unanimità. 

Dopo di che , si ò dichiarata la Sedata , e sciolta il 
Consiglio. 

_ Fatto , letto , e chiuso il presente Processo Verbale in 
Treja nel Palazzo Municipale alle ore dieci e mezza anteme* 
ridiane , e firmato dai Cittadino Gonfaloniere Presidente , 
e dai dne Consiglieri Luigi Curzi , e Damiaqo Roberti. 

( Carlo Didimi Gonfaloniere Presid. 

Firmato ( Luigi Curzi Gonfaloniere 

( Damiano Roberti Consigliere 

Sega. Guglielmo Marconi Segr. Camnnale 

: 

Per copia conforme d’ Ufficio ad oso della Snpcriorità, 
••Ivo Sic, 


Il Segr. Comunale 
G. Marconi 


Digilized by Googlc 



( 349 ) 

CITTADIIMI TRIUMVIRI 
Comune di Sasso 

Al vostro appello la popolazione di Sasso appodiato a 
Serrasanquirico Provincia di Macerata unanime risponde col 
mezzo dei sottoscritti Consiglieri Municipali , e ili solenne 
dichiarazione di non curare sacrifìcj , e vita . L’ onore Na- 
zionale leso dalla invasione di estere truppe , la minaccia di 
■opprimere i nostri diritti , le nostre libertà , la nostra indi- 
pendenza destano nei nostri petti italiani sensi della più alta 
indignazione , e accesi dall' amor di Patria facciamo protesta 
aranti a Dio , ed avanti agli uomini liberi contro l' ingiusto 
attentato , riportandosi in tutto , e per tutto a quelle dispo- 
sizioni che reputerete efficaci a difendere quelle terre , che 
rivendicammo alla libertà. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 

Votato air unanimità per acclamazione nella Tornata del 
12. Maggio 1849. 

Domenico Antognetti Sindaco 
Giuseppe Cavalieri Anziano 

Domenico Cocilove Anziano ' , , 

Agostino Pierelli Consigliere 

Domenico Clementi Consigliere 

Antonio Cavalieri Consigliere 

Crot^ce di Giovanni Paglioni Consigliere Illetterato 







Digitized by Coogle 



( 35 o ) 

IN NOME DI DIO, E DEL POPOLO 
PROVINCIA DI MACERATA 
MUNICIPIO DI GENGA 

L’Anna Ptimo della Repubblica Roman», e dcU’Era volgare 
mille ottocento quarantanove 

Nel giorno di Mercoldl nove ( g ) del mese di Maggio 
si è coadunato a forma dell’ Art. 89, e seguenti del Decreto 
ruH’ordinamento di Municipi del 3 i Gen. decorso nel Lo- 
cale Comunifativo il Public© Consiglio straordinariamente 
ad urgenza convocata con Biglietto d’invito N. 2i5 di Pro. 
tocollo col mezzo del Famiglio fecest avere a ciascun Mem- 
bio fio dal giorno 5 del corrente Maggio per oggi y ed a 
tale publica Adunanza intervennero i Cittadini 
Giuseppe Perelli Priore 
Domenico Lesti Anziano 
Tomasso Saccoccioni Anziano 
Giuseppe Maria Pelei Consigliere 
, Venanzio Meletani Consigliere 
V. Greci Seg. 

Membri difettivi per Legale Impedimento Paladini Do- 
menico 

Non intervennero poi li Consiglieri Nicolò Giovannetti, 
Luigi Mulattieri, Vitale Garofoli, della Genga Antonio Me- 
dardoni Andrea, Agoatinelli Domenico, Vittorio Villorj, Vin- 
cenzo Belli, Venanzio Cecconelli, Ercolanr Giovanni, Taddei 
Domenico. 

La Magistratura inizia le seguenti Proteste 

• i. Coll’Invito per coadunarvi ad Urgenza si disse 

dovervisi Cittadini Comunicare un Dispaccio pressantissimo 
del Triumvirato, e viene da me Pubblico Segretario letto 
questo per apposita spedizione fù rimesso al Cittadino Priore 
dal Preside della Provincia con foglio 26 mese perduto 
N. 8394 qui pervenuto alle ore U del giorno 2g detto, ed 
anche di esso vierie data Lettura. Ora pertanto siete invi- 
tati a dire cosa opinate in argomento. 

Insorse il Con>igliere Cittadino Giuseppe Maria Petri 
dicendo enere di parere, che debba protestarsi solennemeo- 
; ocaulro l’Invasione Francese tanto più, che la Nazione 


Digitized by Coogle 



( o5i ) 

non ha spiegato il fine del suo intervento , ed altronde i 
Popoli hanno dritto da loro stessi accomodare le cose in 
propria Casa, e non già Popoli Estranei specialmente se non 
chiamati, ed in vero sarebbe ben duro, e disonorante mo- 
strare al Mondo , che i Popoli dt^iU Romana Repubblica 
quasi Pupilli abbisognano di Tutore 

Il G'ttadino Presidente ordina la Collettazione delPAr- 
pingo per scrutinio segreto col mezzo di Pallottole , 
e distribuiti i Voti si rinvennero tutti favorevoli in nume- 
ro di cinque e ninno contraria. 

Dopo di che fù chiuso, e firmato il presente Verbale. 
G. Perelli Priore 
T. Saccoccìom’ Anziano 
D. Lesti Anziano 
Giuseppe Maria Retri Consigliere 
Venanzio Meletano Consigliere 
V. Greci Seg. 

Per copia conforme ad uso d’Uffi 
Vincenzo Grega Segretario 
Genga 9 Maggio 1849. 

REPDBBLICA ROMANA 

RAPPRESENTANTI E TRIUMP^IRI 

Voi lo giuraste : e quel giuro- scese nell'intimo petto 
del popolo a rallegrargli la fede del suo avvenire. 

LA REPUBBLICA ROMANA STARA^ 

Le sciagure che^ funestano le fraterne contrade possono 
farci fremere e Jagrirnare , non paventare per la nostra . In 
tanta ira di casi sentiamo anzi ringagliardito il coraggio j 
sentiamo che se anche per noi venisse il di della prova , 
sapremmo alTrcwìtarlo colla serena fermezza dì chi ha nel 
cuore la vittoria . La Terra Romani potrà essere oppressa , 
non vinta ; che non si soggiogano ì voleri come i brandi 
si spezzano ^ e la memoria di questi liberi giorni vegliereb- 
|je custode di quel sagro fuoco , ond*^ ebbero vita , finché 
alimentalo nel ^segreto in più vasto incendio rompesse - Chi 
noeditasse i ceppi al Popolo Romano, chi le franchigie no- 
stre mettesse prezzo alla pace , imprimerebbe d' un nuovo 
finggello il patto di sangue tra la libertà e Toppressione. 

Se il ritorno del passato non è impossibile, impossibile è con 
esso d’averci rassegnati e tranquilli. Credenti nel Dio del Van- 
gelo venerevoli inchineremo Chi tiene da es»o il regno 


C ) 

dello spirito ; ribelleremo , fieramente ribelleremo se tomi 

a impugnare lo scettro* . „ . 

Questo è il voto che da lutti i cuori L-oretani a Voi 
sorge concorde , o primi custodi dei nostri destini; e noi 
ve ne rechiamo il testimonio solenne , perchè vi contorti 
negli alti propositi la costanza incrollabile del popolo che 
reggete , e vi giovi all’ opra il conoscere che di tutto *> 3 ^ 
prLti a fare olocausto alla patria. , purché VIVA Là RE- 
PUBBLICA ROM AW A . „ . . 

Votato all’ unanimità per acclamazione nelle rispettive 
generali adunanze. 

Loreto a. 3 . Aprile 1849. 


Sc^tiono le firme dei Componenti IL COMITA- 
TO DEL CIRCOLO , LA MAGISTRATU- 
RA , IL COMITATO DI PUBBLICA SOR- 
VEGLIANZA, E LO STATO MAGGIORE 
DELLA GUARDIA NAZIONALE. 


FRANCESCO VANNETTI Presidente 

ANTONIO CASTELLI Vice-Presidente 

CARLO FlEZZl Deputato 

ALESSANDRO Doit. BORGHI Deputato 

MARIANO FIORAVANTI Deputato 

GIUSEPPE MORDANINI Deputato 

ANTIOCO Dott. PETRINI Segretario 

GIROLAMO Dott. SOLARI Segretario 

FILIPPO VALERI Gonfaloniere 

VALERIO VALERI Anziano 

MARIANI BERNARDINI Anziano 

BENEDETTO ROSSINI Anziano 

BERNARDO Dott. MENGOZZI Anziano 

ENEA MARINI Segretario Interino 

ANTONIO CASTELLI Presidente 

GIUSEPPE PIGNOITI Deputato 

ALESSANDRO Dott. BORGHI Deputato 

CESARE GIRI Deputalo 

ISIDORO LOVISELLI Deputato 

MARIANO FIORAVANTI Segretario 

BERNARDO SPAGNOLI Tenente Colonnello 

FILIPPO GAUDENTI Maggiore 

MATTIA LANARI Medico Ajutante Maggiore. 

ANTIOCO PE frinì Chirurgo Aiutante Maggiore. 

PACIFICO ROSSI Tenente-Quartiermastro . 

LORENZO GATTI Sotto-Tenente Porta Bandiera 

ERCOLE GRONDONA Ajutante Sotto-Ufficiale. 


Digitizéd by Google 



( 355 ) 

i 

AI CITTADINI TRIUMVIRI 
Éd aiu 

ASSEMBLEA 
DELLA REPUBBLICA ROMANA , 

IL CIRCOLO POPOLARE , IL MUNICIPIO , 

E GUARDIA NAZIONALE DI SANGINESIO 

t 

Al grido di universale indignazione, che muove terri- 
bile da tutte parli del violato territorio della nostra REPDB- 
BLICA 3* alzano come un sol Uomo il Circolo , il Munici- 
pio , e la Guardia Nazionale di Sanginesio , e fa un eco,- 
che non sarà vano. Degni RAPPRESENTANTI DEL PO- 
POLO , BEiXEVIERrn TRIUMVIRI quando da veri ROMA- 
NI fermaste di resistere all’ invasione Straniera , F'oi inter- 
pretaste il voto de’ vostri rappresentanti : Noi pienamente ada* 
riamo alle misure da f^oi- prese per la salvezza della Patria, 
che giuriamo di difendere , o di morire con essa; Vedano da 
ciò I nemici nostri se la REPUBBLICA qui proclamata sia 
j 1 trionfo di una meschina minorità. 

E Voi generosi Figli di Francia degni di una Repub- 
blica di fatto , e non di nome , badate i Luigi-Filippo vi 
•pedi-va in Africa onde non vedeste le infamie eh’ Egli accu- 
mula va sul vostro capo ; Ora Luigi Napoleone vi manda in 
Italia contro Fratelli per compiere liberamente le sue mire 
ambiziose: E quando lordi del nostro sangue tornarete alla 
Terra natia vi troverete sepolta la libertà con tanti sacrifici 
«cquistata. 

VIVA. SEMPRE LA REPUBBLICA ROMANA 

■ ' ■ t ' fc 

4 • « ■ » 

Votato all’ unanimità per acclamazione nelle rispettive' 
Ifenorali Adunanze. 

• » 

'^‘[Sanginesio 3o Aprile^ * 849 . , 

: , ' PER IL CIRCOLO POPOLARE ' 

Dotu Filippo Nobili Presidente 
Giuseppantonìo Migliorelli Vice Presid. 

. Giuseppe Matteucci Vice-Segretario 

‘ I » * . ' • 

• . ^ ^ / 


Digitized byGoogle 


Anziani 


' ' (3S4) 

PER IL MUNICIPIO 

Giuseppe Onofri Priore 
Felice Sabbatini 
Raffaele Buratti 
Emiliano Clementini 
Giuseppe Matteucci 

Raffaele Leopardi Segretario 

PER LA GUARDIA NAZIONALE 

Giovanni Majani Tenènte Colonnello 
Domenico Barbi Capitano Aiutante Maggiore 
Felice Sabbatini Tenente Quartier Mastro 
Dott. Pio Palmucci Ufficiale Sanitario 


ATTO DI ADESIONE 
ALLE PROTESTE 

DELL' ASSEMBLEA ROMANA E TRIUMfIRI 
DA PARTE DEL POPOLO RECANATESE 

Truppe di Francia sono venate sopra Civitavecchia. * Ven- 
nero amici, ovvero nemici? £' mistero ancorai Però questo 
popolo Recanatese coi voti dei suoi Rappresentanti Munici- 
pali, aderendo agli Atti solenni dell'Assemblea Romana e dei 
Triumviri, protestata innanzi a Dio, ed al Mondo civilizzato 
contro la inaspettata invasione: la quale è sempre, quando pu- 
re fosse di amici , violatrice del diritto delle Genti dei diritti 
di un popolo. Perciocché senza il consentimento del popolo , 
a cui s' appartengono , non può mai altro popolo occupare 
Città, e Nolladimeno, o Francesi, se voi veniste amici, i 
Repubblicani dello Stato Romano , vi stendono le destre, co- 
me a Repubblicani fratelli." Se per lo contrario vi fossero oc- 
culti consigli , occulti comandi di guerra, voi Repubblicani, 
combattereste contro una Repubblica ! £ combattereste contro 
Repubblica costituita dai Rappresentanti di tutte le Città pa- 
cificamente eletti, pacificamente deliberanti, con quel diritto 
che era ed è inviolabile. Voi combattereste contro di un po- 
polo che non ha colpe nè verso voi, nè verso altri. Voi com- 
battereste contro di un popolo che presentò Io spettacolo dì 
rivoluzione tutta nuova nella Storia, perché compiuta non 
con le violenze, non colle armi omicide, ma colla calma di- 
gnitosa e con la forza del dritto e del volere. In sul capo 
della Francia stanno ancora le vergogne che v’imprene il 


Digitized by Google 


■("3S5;o 

Regno d’un Luigi Voi idotet(j'ftde^«r3w le armi , 
versare il sangue per eanceUars quello non per 

opprimere i popoli. . ^ . 

Si; il vostro Generale nell’entrata in Civitavecchia dis«e 
che = il Governo della lìepttliiliaaiMh^cese animato da spi- 
rito liberale dichiara dover rispettare il voto della maggio- 
.rama delle pop^Toaiani romane-: «a «Osgé '•cherjl Governo del- 
la Repubblica Francese = è deciso ancora di non imporre a 
queste popolatióni aicàna forma dì Govprdg thè- rtpn sia da 
esso bramato, = Ricordi sempre il Governo di peepeia que- 
ste dichiarazioni che vennero da lui, lo ricordi il fostro Ge- 
nerale, vlcordatele voi, o Soldati: mai divengano cpcnzogne! 
E ricordate tutti cho per la Costituzione del quattri Novem- 
bre 1848 la vostra, Repubblica è sottoposta^ ql dolere di ri- 
spettare = le Nazionalità Straniere ; = al dovere = di non 
imprendere guerra alcuna con t idea di corvjuisfa, al do- 
vere di non adoperar mai = le sue forze contro la libertà 
d alcun popolo !!! - . . 

Approvato ad unanimità dal Consiglio Municipale nell’ 
adunanza del 29 Aprile 184.9. 

E nello ste*o giorno, pure ad unanimità daU’Assemblea 
generale del Creolo Popolare , dallo Stato Maggiore della 
Guardia Nazionale, e dal Gomitato di pubblica sorveglianza. 

IL MUNICIPIO 

Dcmienicq Fontana Gonfaloniere \ [ 

Riccardo Conti ) " . 

Celestino Avv. Giuliani ) Anziani 

Giovanni Rosoni J 

Leonardo Badaloni 1 

Antonio Bianchi ) 

CIRCOLO POPOLARE 
LA DIREZIONE 

Celestino Avv. Giuliani Pretidenéo 
Rosoni Gio. Vice-Presideute . - > 

Conti Riccardo 
PiiHHtroli ILuigi 
Bianchi Antonio ‘ 

Calamini Domenico ' ■ 

^«fnlflianl Vìnccruo : / *' 


S .5 

• r ' ? 



( 356 ) 

Gementi Gemente Economo 
Pascucci Francesco Cassiere 
Storani Wiccola Segret. 

STATO MAGGIORE 


della GUARDIA NAZIONALE 


Carradori Antonio Tenente Colonnello 
Mazzagalli Niccola Maggiore . 

Mazzaialli Ercole Capit. Aitante Maggiore 
Gernemi Clemente Tenente Q«artier Mastro 
Podalirj Sottotenente Vessillifero 
Bettini Pio Aiutante Sotl Ufficiale, 

COMITATO DI PUBBLICA SORVEGLIANZA 


Carradori Antonio Presidente 
Bianchi Antonio 
Quintiliani Vincenzo 
Pascucci Francesco 
Guarnieri Eugenio 

Carancini Luigi Segret. 


^ Deputati 


AI rappresentanti del popolo 
AI TRIUMVIRI E MINISTRI 

della Repubblica Romana 
CiUadini 


Allo annunzio che straniere Falangi . 

.Miri lidi , uno ri « ’”l°do del cuor. 

r^idTr rS’i ! sr BuS d* Juddiu d.i 50,™». 

B>taoL>ll oi pericoli delie cirili fomui , non J»™”" ““ 
poterano rimanere in braccio all’ Anarchia l 1 
ti, a Principe costituzionale senza leggillima «PP™““^“"*» 
tu to ci poncTa nel debito, lutto sancirà il nostro dinllo di 
Noi .le«i. - Figli del V..g.l» . 

Nostri Rappresenlauli la purezza della ragtone democratica , 


Digitized by Coogle 


. .( 3o7 ) . 

(U 5 €verala la collisione dei poteri resero a Dio ciò che é di 
Dio al Popolo quello che è del Popolo ; e preferito un mar- 
tirio di gloria alla abnegazione del proprio mandato ben me- 
ritarono della Patria e della Umanità ; c se avvegna che la 
Patria si risolva in un mucchio di ceneri per prevalenza di 
tirannica forza , dirà la Storia ai tardi IXepoti che , non 
degeneri dagli antichi Quiriti , onoratamente cademmo ! Una 
Bepubblica che manda a mitragliare un’ altra lìcpubblica per 
comprimere Anarchia sognata , e distruggere Governo di fa-, 
zione pretesa , fóra esempio dagli annali del mondo non co- 
tanto aranti , ed è fatto che rivela il prcviso disegno della 
Francia. Noi dunque preda segnata alla ollreinontana rapina? 
Cittadini, noi sorgiamo come un sol uomo c non ultimi alla 
riscossa, perchè il Nome Italiano non suoni più nome di nior 

Matelica 

La Municipale Rappresentanza 
11 Gomitato di Pubblica Sicurezza 
La Milizia Nazionale 
Il Circolo Popolare 


LA GUARDIA NAZIONALE 
ED IL CIRCOLO DI MONTE CUPONE 

La Repubblica Romana inaugurala sotto i splendidi 
auspici del concorde ed unanime volere del Popolo, rac- 
chiude in se stessa i caratteri della legittimità, basa sulla 
giustizia ed il buon dritto. La sua gloria in conseguenza, 
o i suoi pericoli preludiano la durata, o la caduta del 
Popolo istesso. 

Col sogghigno sprezzante di una decisa superiorità la 
guardò la Francia Repubblicana, ed il suo Idinislcro av- 
viluppato nelle ambagi del sofisma politico, apostata da 
suoi principii spedi Armati ad insanguinare il suolo ro- 
mano, e rivolse Pacciaro parricida contro il seno dell’in- 
colpata sua Figlia, Roma però, la Città eterna delle li-* 
membranze, aggredita dalle galliche falangi valorosamente 
le respinse, c nel memorando certame del 30 Aprile più 
pcntinaja di nemici mordevano la polve. Evocate dal vc-^ 


( 558 ) 

tasto sepolcro le venerato ombre del Bruti, degHOraij.o 
delli Scevola, esultarono all’Ecatombe benché impura di 
tali vittime immolate sull’ara del romano riscatto. Torno* 
ranno forse più poderosi al cimento? Attuti Iddìo lo sce- 
lerato loro sdegno. I satelliti del tiranno di Partenope , 
rim uando iVoato anelano anch’ essi alla tua ruina. Tu 
li comuiderai , o Roma, ed i tuoi fijli non han d’uopo 
per debellarli d’ispirarsi ai fitti delle Termapili , alle ge- 
sta de^li eroi di \laratona , rammenteranno il valore dei 
prischi suoi Padri , e dove avvenga mai , che nel dispare 
agone essi debbia soccombere , sorgeranno dalle loro ossa, 
e dal loro sangue i vindici dei manomessi suoi diritti. 
Romani ! 1’ Europa attonita tien fissi su voi gli sguardi. 
Che la vostra gloria non sia un lampo passaggero ! Ecco 
Ijli ardenti nostri voti. 

Viva la Repubblica Romana t 
Mone agl' implacabili suoi nemici ! 

■ 

Monte Cupone 5 Maggio 1849. 

Per la Guardia Nazionale 

Gaspare Desantis Capitano in prima 
Gabrielle Galantara Capitano in seconda 
Rinaldo Tomassini Tenente in prima 
Giuseppe Tomassini Tenente in prima 
Lodovico Pochini Tenente in seconda 
Enrico Emiliani Tenente in seconda 

Pel Circolo Popolare 

Lodovico Pochini Presidente 
Giuseppe Tomassini Vice Presidente 
Gaspare Desantis Deputato 
Francesco Dolt. Clementi Deputato 
Giuseppe Cipollari Deputato 
Tiburzio Pochini Deputato 
Giuseppe Giachini Cassiere 
Piiccola Zitelli Segrelarlo 
Annibaie Giachini Vice Segretario 


Digìtized by Google 



( 5^9 ) 

ALL’ ASSEMBLEA COSTITOENTE 
ROMANA 

Il Battaglione Nazionale di Cingoli 

Il sacro suolo della Patria venira violato , e ne fù in- 
degno il pretesto ! Nella Giuli eterna, i nostri bravi Fratelli 
d’Arnie lo provarono allo Straniero, sorgendo come un Uo- 
mo solo a combatterlo. Padri del nostro Paese, intrepidi 
Senatori della Repubblica ! Non fìi per noi perduto l’esem- 
pio, ed il generoso fremito di sdegno, che partendo da Voi 
ti destava nel loco Cuore, si è pure nel nostro diffuso. Nati 
liberi , oggi che le Catene della schiavitù sono spezzate , 
morremo liberi. Traenti nostra origine da LaLieno, e quin- 
di da un Guerriero Repubblicano , fieri della Nazionalità , 
che ci viene contrastata , fidenti nel Dio degli Eserciti , dal 
quale il fanciullo riceve per giusta causa la forza del Gi- 
gante , vi dichiariamo pur Noi di votarci alle istituzioni , 
che s’ informano dalla natura del Popolo, da cui- aveste il 
mandato , che figli tutti di una stessa Madre sapremo , co- 
me i nostri Commiliti , difenderla ; Che salvaremo cosi , 
anche cadendo, almeno il suo onore.^ 

Votato ad unanimità nel Consiglio generale degli Uffi- 
ciali Sotto Ufficiali, e Caporali tenutosi li 5 Maggio 1849. 

Ranieri Simonetti Tenente Colonnello» 

Antonio Fossa Maggiore 

Luigi Savini Capitano Ajutante Maggiore 

Francesco Olivieri Ufficiale Sanitario Medico 

Giulio Cesare Dott. Ercolaiil Ufficiale Sanitario Chirui^o 

Filippo Pasqualtinr Sotto-Tenente Porta Bandiera 
Gio. Piétro Onori Capitano 
Adeodato Perozzetti Capitano' 

Bernardo Castiglioni Capitano 
Angelo Felici Puccetti Capitano 
Leopoldo Turchi Capitano 
‘Antonio Balducci Capitano- 
Tommaso Cavallini Tenente 
Giuseppe Cavallini Tenente 
Clitofonte Diai Sotto-Tenente 
Federico PerozzeUiSotto-Teueole 


Digitized by Coogle 



( S6o ) 

Gaetano GioTannini Sotto-Tenent« 

Filippo Gi;innobi Sotto-Tenente 
Giuseppe Tamagnini Sotto-Tenente 
* Emidio Piermaiiei Serg. Maggior» 

Egisto Pieri Sergente Maggiore 
Antonio Mareotti Serg, Maggior» 

Salvatore Chiarioiti Sergente 
Emidio Marrocchi Sergente 
Torquato Cavallini Sergente 
Tobia lommasoni Sergente 
Saverio Tantucci Sergente 
Francesco Lippi Sergente 
Tommaso Bultrini Sergente 
Fiersante Colocci Bagliani Sergente ' 

Antonio Cibatti Sergente 
Angelo Cavallini Sergente 
Vincenzo Kocelli Sergente 
Venanzio Mareotti Sergente 
Giovanni Brunori Sergente 
Alessandro Onori Foriere 
Wenceslao Kori Caporale 
Antonio Capomasi Caporale 
Salvatore Rossetti Caporale 
Giacomo Pelagalli Caporale 
Gio. Battista Ducei Caporale 
Giuseppe Piermartini Caporale 
Gaetano Marronari Caporale 
Vincenzo Possenti Caporale 
Raniero Capomasi Caporale 
Agileo Verona Caporale 
Gio. Paolo Poccioni Caporale 
Pacifico Rubisse Caporale 
Luigi Verona Caporale 
Francesco Marcucci Caporale 
Luigi Cipriani Caporale 
Angelo Sanlinelii Caporale . 

L Aiutante Sotto-UlBciale e Segretario del Battaglione 
Venanzio Zucconi 

N. B. Manca il complesso degli Ufficiali, e tolto Uffi- 
ciali perchè le Compagnie ne sono in difetto, e perché ta- 
luni non intervennero estendo assenti , o legittimamente 
impediti. 


Digitized by Google 



( 36t ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Circolo Popolare di Tolentino 

L'annunzio che ci previene di una minacciata occupa 
«ione del nostro Territorio per fatto delle armi Francesi se 
un palpito mosse in noi di una incerta espettazione , un . 
fremito, pur anco accenderebbe di sdegno , ove forse si. ma-, 
nifestassero dirette a danno dei nostri diritti, delle nostre 
libertà. Un Popola redento dalla più abbietta delle schiavitù 
abborre dalle catene, e tanto più quando queste si ribadis- 
sero da chi le volle spezzate per se sola. E in effetto non sì 
era in Noi generato un diritto eguale a quello che svegliò 
l'idea Repubblicana, nella Francia ? Se non che ove il diritto, 
abbiasi a misurare dalla forza dell'oppressione che il can- 
culcava , forse non vi è gente sulla terra, cui ne competes- 
se un maggiore. Noi abbiamo respinto un Governa Castale 
tutto esorbitanza , e privilegi di Signoria. Noi abbiamo fat- 
to sforzi inauditi per uscire da quel minoratico , in cui son 
mantenuti i Popoli, infanti dalle pastoje teocratiche. Noi ab- ' 
biamo. riconosciuto , che se utili riformazioni ci ti erano ri- 
promesse queste non sarebbero state che effìmere , e poco 
sode , e durevoli ; giacché distinto l’uomo dai principi pen-. 
sammo che se talvolta può comparire un'Uomo dolce, e man- 
sueto, defunto quell’ Uomo , rimangono, tuttavia i pessimi 
principi di un odioso regime , e tornano a ricacciare indie- 
tro di qualche secolo, le generazioni ingannate e avvilite. 
Noi abbiamo tutto ciò voluto , concordemente voluto , co- 
stantemente voluto. E per questa volontà nostra alimentata 
di sacrifici , e di speranze. Noi pugneremo piuttosto che 
assistere immobili allo spettacolo nuovo al .Mondo alla Sto- 
ria di vedere un Popolo libero spegner. la libertà nella Pa- 
tria di Bruto antica maestra del Mondo. 

Noi protestiamo contro Peperà della prepotenza. Giiiri.a* 
mo combattere fino allo estremo per le nostre libere isti- 
tuzioni , giuriamo con le nostre sostanze col nostro sangue 
salvare la Patria uniti , e compatti intorno a quei generosi 
a quei saggi che nella Città eterna rappresentano il voto della 
Nazione fermi nel proposito sempre di detestare la fatale 
soggezione al clericale dominio^ 

Approvata per acclamazione in piena adunanza genera- 
le, e sottoscritta dalla Presidenza in Nome di tutti i Socj. 
Gustavo Prof. Costaroli Presidente 

t 


Digitized by Coogle 



( ) . 

j . I^ranceico Giorgini Vice-Presidente 

Giovanni Capoferri Consigliere 
Giuseppe Pascucci Scala Consigliere 
Niccola Rascioni Consigliere 
Venanzio Verdinelli Consigliere Segretario 
Pacifico Silveri S. Seg. 

I sottoscrìtti Ufficiali e Sotto Ufficiali della Guardia 
Nazionale aderendo al fatto del Circolo hanno egualmente 
apposta la di loro firma, 

Niccola Titoni Capitano ff. di Tenente Colonnello 

Giuseppe Bezzi Capitano Aiutante Maggiore 

Dr. Ignazio Bellotti Uff. Sanitario 

Giovanni Rascioni Capitano 

Gio. Battista Cagnaroni Capitano 

Giuseppe Pascucci Scala Tenente 

Giuseppe Miccieni Tenente 

Francesco Catinclli Sotto Tenente 

Filippo Mamiani Comand. la Piazz% 

Cesare Osmanni Sotto Tenente 
Palazìo Palazzesi Sotto Tenente 
Dr. Angelo Sorgoni Uff. Sanitario 
Fidi Domenico Aiutante Sotto-Ufficiale 
Tacci Giuseppe Tenente , 

Gustavo Costaroli Tenente 
Antonio Morichelli Sargente Mag. 

Luigi Costaroli Sargente 
Vincenzo Catinelli idem 
Giovanni Mannucci Sargente Foriere 
David Poccelti Sargente 
Cesaretti Niccola idem 
Palletta Luigi Sarg. Foriea^ 

Antonio Valer) Sarg. 

Niccola Reali Caporale 
Gerardo Bartocci idem 
Raniero Rascioni Sarg. 

Cesare Cesari Caporale 
Vincenzo Moretti idem 
Liviabella Livio idem 
Don>enico Sonni Sarg. 

' Ippolito Fidi Sarg. 

^rangeli Severino Sarg. 

Gaetano Gianfelici Sarg. 

David Serangeli Caporale 
^arlo Garassai Caporale 


Digitized by Google 



( 363 ) 

Pace Pietro Sargente 
Satulli Serafino Caporale 
Morbiducci Filippo Caporale 
Vincenzo Santini Caporale 


CIRCOLO POPOLARE 
DI MACERATA 
Li 27 . Aprile i84g. 

CITTADINI I 

Lo straniero invido sempre di ogni libertà che abbian 
gl’ Italiani conquistata , noi dipinge oppressi dal giogo di 
una fazione che volle a viva forza imporci un Governo dal- 
la maggioranza dei Cittadini , non consentito , anzi abborri- 
to , per cui noi estima in preda alla più spaventevole anar- 
chia alla reazione , alla guerra fraterna. 

Noi , o Cittadini , noi dobbiamo addimostrare ad esso 
che mentisce , che il Popolo con libero voto consentiva al 
Governo Democratico , che le liberali istituzioni anziché il 
risultato di una fazione , sono il desiderio , il sospiro , il bi- 
sogno del popolo intero ; noi dobbiamo ad esso addimostra- 
re , che la creduta reazione , la guerra fraterna non è se 
non un desiderio di pochi vili spregevoli inimici del Popo- 
lo , i quali fin qui svergognati si rimasero nel vedere per il 
buon senso delle moltitudini inevasi i tentativi loro , infrut- 
tuose le loro trame , abborrite le loro inique seduzioni. 

Ai Cittadini Rappresentanti 

Municipali di Macerata 

Noi dobbiamo addimostrare che la calma pih profonda 
regna fra noi , che sommessi a fraterno governo , viviam da 
fratelli in un sol vincolo congiunti d’ Amdk*e,' anelanti ad 
un sol desiderio , il bene della Patria . £ ciò noi faremo 
ogni qualvolta il Triumvirato che con sapiente mano , e con 
conosciuta fede politica regge , e modera la somma del Go- 
verno , noi di un voto di illimitata fiducia circonderemo , 
col quale plaudendo prima a quanto sin qui da esso si è 
adoperato al sostegno , e alla difesa dei nostri diritti iinper- 

t * 



( 36 < ) 

ecnllibili , lo assicureremo che anche per T avvenire il suo 
Tolere sarà pure il nostro , e che pienamente in lui fidan- 
do , sapremo con ogni sforzo coadiuvare , sostenere , e di« 
fendere tutto che riferir si possa alla salvezza della Patria , 
deir Onore , e della Liberta. 

Egli è per questo , o Cittadini , che il Circolo Popolare 
Maceratese , a Voi Uberamente eletti da un Popolo Libero a 
suoi Rappresentanti decretava nella Generale Assemblea dei 
giorni 26. e 27. corrente , s’ inviasse questa fedele espressio- 
ne de' suoi voti , dei suoi dcslderj. 

A Voi Eletti con suffragi universali si spetta giustifica- 
re il popolo dalle atroci accuse di Anarchìa , di Faziosa Ti-- 
rannide di Sovversione. 

Voi che testimoni siete del contegno calmo , e dignito- 
so di questo popolo, voi che profondamente sentite l’amore 
di Patria , di libere e democratiche istituzioni , voi siate gl’ 
interpreti fedeli de’ vostri rappresentati , circondate , come 
dicemmo di vostra fiducia il Triumvirato , che con ogni po- 
tere intenda alla salvezza della patria nostra , ed un grido 
unanime di Maceratesi proclamerà con gioia , che Voi nel 
di del pericolo , e del bisogno , ben meritaste della Patria, 

Salute e Fratellanza 
Il Comitato Provvisorio 

Firmato Cesare Galanti 

Emerico Morichelli 
Carlo Brunelli 

Il Segretario Provv. 

G. Altarocca 


I 


( 365 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

Il Circolo Popolare di Sarnano nella seduta straordinaria 
del giorno »9 Aprile 1849 dietro la not zia ricevuta che mi 
corpo di truppe Francesi abbia ostilmente , e con equivoche 
intenzioni invasoli Territorio della Repubblica Bomana cmi> 
se la seguente 


PROTESTA 

Considerato che una fazione nemica di ogni sociale prò* 
gresso ha calunniato la iioitra Repubblica dipingendo ì Cit- 
tadini della medesima immersi nell’anarchia , e quindi im- 
meritevoli di liberali, e democratiche istituzioni. 

Considerato òhe probabile effetto di tali maligne insinua- 
zioni sia la minaccia che ora le vien latta dal Repubblica- 
no Governo Francese in onta alPArt. 5. della sua Costitu- 
zione. 

Considerato d’altronde che falso • insussistente è quan- 
to si vuol far credere , mentre invece il Popolo nella sua 
piena tranquillità si tìen contento e beato di questa forma di 
Governo, che unicamente può renderlo felice, quindi è 
che il Circolo Popolare di Sarnano 

Dichiara nuovamente, e solennemente di aderire alla 
Repubblica Romana, di .abbracciar come fratelli quanti la 
riconosceranno , e rìspetter.'inno , e di opporsi con tutte le 
forze a qualunque invasore che tentasse mai di rovesciarla. 

Votato aU’unaaimità nel giorno, e mese sudett o. 

Dalla Sala del Circolo ai 3o Aprile i84d 
Pel Circolo 
Il Comitato 

G. N. Cenni Presidente 

Giacomo Canypana Vice-Presidente 

Nazzareno Cerquetti 

Odoardo Pasquiletti 

Vittore Funeri 

Lodovico Zocchi 

t 3 


Digitized by Coogle 



( 366 ) 

L. Filippo Renzetti direttore del Gabiaetto di 
Lettura. 

Giu«eppe Renzetti Cassiere. 

Luigi Polucci Vice-Segretario 


Alt Atsemblea Costituente 
Ai Trimviri e ai Ministri 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 
IL CIRCOLO POPOLARE DI S. SEVERINO 

Il territorio della Repubblica Romana è stato violato , 
c truppe Francesi lo hanno violato. Un sentimento di altis- 
sima meraviglia , un fremito di rabbia e d’ indignazione ha 
risposto ad annunzio cosi inaspettato. La Francia adunque 
Repubblicana vorrà disonorarsi ai segno da opprimere , e 
distruggere in casa altrui quei principi da Lei stabiliti eoa 
tanti sacrifici in casa propria? Sarà adunque per Lei una 
menzogna l’articolo quinto della sna Costituzione , che le 
vieta di portare le armi contro popoli liberi ? Non le ba- 
stava adunque mentire alla solenne promessa data nella me- 
morabile seduta del 2^ Maggio 1848 , di volere cioè la li- 
berazione assoluta d'Italia dal dominio straniero, che ora 
pretende imporci di nuovo un Governo tra cui, e le no- 
stre libertà e benessere non può darsi transazione alcuna ? 
E sarà egli vero che una libera nazione voglia farsi istru- 
menio di tirannide, ed intrecciare di sua mano le catene a 
popoli fratelli. Dio disperda tanta infamia 1 No : non pos- 
siamo crederlo a noi stessi. Ma ove tanto si osasse, voi, o 
Cittadini Riiipresentanti del Popolo , lo avete solennemente 
giurato di voler salvo l’onore e la dignità del nome Italia- 
no , e di essere pronti a respingere la forza colla forza. Gra- 
zie adunque sieno rese a voi , o eletti della Nazione : con 
ciò avete degnamente risposto al mandato affidatovi , avete 
ben meritato della Patria. Ed anche noi fedeli ai procla- 
mati principi di libertà , di moralità , di ordine , di egua- 
glianza e di fraternità , plaudenti rinnoviamo l'adesione no- 
stra al vostro operato , e credenti in Dio e nel progresso 


Digitized by Google 



con roi e di roler prcfc- 
nu alU caduta della patria e allonta del tervaggio la morte 
onorata degli uomini liberù 

„ unaoimiià con prolungati erviva alla Re- 

£”^84*9* generale adunanza del ag. Apri- 


La Dirextone 

Domenico Valentini Presidente 
Francesco Lispi Vice-Presidente 

Consiglieri 

Domenico Sfrappini 
Giovanni Scuriatti 
Angelo Pavoni 
Giuseppe Massoli 

Mariano Giri Economo Cassiere 
Giuseppe Moschetti Segretario 


CIRCOLO POPOLARE 
DI CINGOLI 

Formula adesiva alle Proteste dell' Assemblea Romana^ 

* Triumviri date ad unanimità nell’Adunanza dei 3 Mag~ 

già 1849. 

Legge , c Forza sta scritto nella nostra Bandiera , che 
Dio, e Popolo proteggono. Forza , e Legge , Dio , e Popolo 
non sono elementi di Anarchia. Lo straniero che sopra la 
nostra stessa Terra ardiva farcene ingiusto rimprovero , lo 
impari dalla libera manifestazione dell' assoluta maggioranza 
di Tremilioni d' Uomini , che invano una Fazione di pochi 
Oligarchi ha tentato di travolgere nel disordine. Giuriamo - 
adunque , e lo giuriamo in nome di quel Dio , che abbai.» 
teva il Gigante col Sasso dell' umile Pastore, di quel Popo- 
lo, di cui gli antichi monumenti ricordano la istorica gran- 
dezza, della legge, alla quale confermiamo atto di adesione, 
della Forza in fine figlia della nostra verace fratellanza , che 


( 368 ) 

r attuai forma di Governo costituisce lo spontaneo nostro 
voto, che sapremo difenderlo colla vita , e colle sostanze , e 
che vogliamo esser liberi. Cosi Dio, e Popolo, la forza, e U 
legge trionferanno. 

Per estratto conforme dal verbale della predetta adu-, 
nanza. 

IL COMITATO 

Luigi Dott. Balbucci Presidente 
Luigi Savini Gap. Ajut. Magg. del Batt. Nazion. Vice 
Presidente 

Vincenzo Ferri Gentili 
Paolino Poccioni 
Giovanni Bartolucci 
Antonio Cavallini^ 

Filippo Pasqualini 

Wenceslao Nori Economo Cassiere 
Venanzio Dott. Zucconi Segretario 
. Saverio Serantoni Vice^^sgr etario 


( Consiglieri 
^ ■ 


Digitized by Google 



PBOVmCIA 


DI 


PEUilO 



Digitized by Google 


( 571 ) 

FERMO 


REPUBBLICA ROMANA 
MUNICIPIO DI FERMO 

1 

Cittadini ! t 

j^eirindirizzarvi prima tolta le nostre parole da6'A 
chè fommo rirestiti di ana Rappresentanza di coi ri piacqnò 
onorarci , noi , o Cittadini , proviamo quasi on' orgoglio nel 
doverne trarre argomento dal vostro magnanimo , e gene- 
roso sentire verso la nostra Repùbblica. Si, noi vi leggem* 
mo or' ora sul volto i non equivoci segni dello sdegno , e 
deir ira all’ annunzio , cbe la Bandiera Francese sventolasse 
nell’ acque del Mediterraneo in minacciosa , più cbe amicù 
attitudine. annunzia, che ha più dell’ incredibile 

che dello stravagante ed assurdo, concitava a ragióne i vo- ^ 
stri spiriti ; e mentre noi partecipiamo alla vostra sorpresa^ 
ed all'ira vostra, vogliamo sperare che sia voce maligna 
dei nostri nemici cbe preoccupino coi loro stolti desideri 
la volontà della Grande Nazione. Ah I no , la Bandiera Re- 
pubblicana di Francia non è colà per cuoprirsi di vergogna^ 
e d’ infamia alla faccia del Mondo ! Saria possibile 4 cbe 
volesse macchiare 1 suoi Nazionali colori , vantati simboli 
di affrancamento de’ Popoli , con la nostra schiavitù , col ri* 
tornarci mancipi di un Potere, che non valsero a risnsci^ 
tare le mene de’ vili partigiani , 1 ’ oro dell’ Aristocrazia ^ 
i fulmini del Vaticano ! Può tanto osare la Frància del 
1849. quella Francia, che nominando a suo Capo il Ne- 
pote del grande Uomo, ci dovea stendere invece la sua de* 
stra in pegno di amistà, e di difesa , e compiere l’affran* 
camento d’Italia , che il suo Avo non volle, o non potè j 
risvegliando l’antica Gloria di quel Nome ^ che prima splene 
didamente rifulse su questa Terra ! 

Ma se questo attentato si consumasse in nome di quel 
Popolo , cbe si grida il più libero d’Europa , se come vii» 
lime dovessimo essere immolali sull’Altare sagrilego della 
Diplomazia, c della Politica, erompa dal Vostro» dàl no- 
stro seno una voce che salga al cospetto di Dio , e del* 


Digitized by Google 



( 3 ;* ) 

VEiKopa ta1(a , e protestlario contro questo politico assat^ 
•ìnio , protestiamo coDlro una pretesa destanrazione di un 
Governo , eh' é incompatibile con |o sviluppo delle amano 
intelligenze » co' bisogni de' tempi, colla dignità di un po- 
polo ; protestiamo contro la iniqua violenza di Armi stra- 
niere a danno delle nostre libertà ^ e della Indipendenza 
Italiana, 

Corra la nostra voce per ogni terra ove ignoti , e sprez* 
éati non siano il diritto delle Genti , le politiche libertà 
de' popoli ; e se il nostro braccio non può atterrare i Gi- 
ganti , sia la nostra caduta una nuova , e piò solenne pro- 
testa contro gl’iniqui oppressori. 

Cittadini ! Anche nelle somme sventare bavvi una di> 
gnità che onora , che chiama le simpatie de* generosi , e 
de' Prodi , piucchè l'prgoglioie vittorie della prepotenza , 
e della forza ! 

Nel vostro labbro, nel vostro cuore , nel vostro sen- 
no , e coraggio , questa Terra , e questa Italia può anco* 
ra trovare i veri suoi fìgli, che salvino l’eredità più bel< 
la che abbiano i Popoli , e le Nazioni, e ebe non può ra- 
pire , 0 falsare la violenza e 1 ’ inganno , TONORE. 

Palla Residema Municiirale li .aS Aprile 18^9 
La Magistratura 

NAPOLEONE MARCONI GONFALONIEEB 


Michele Benedetti 
Carlo Papalini 
Paolo Guerrieri 
Cesare Morronj 
Luigi Simoni 


Ansiaul 


bigitized by Google 


( 373 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IL MUNICIPIO QI FERMO 

Nella generale straordinaria adunanza del 28 apri- 
le 1849 ha votata la seguente PROTESTA: 

t, Il Consiglio Municipale di Fermo in nome de’ suoi 
Amministrati ed interprete de’ loro sentimenti , aderendo 
„ pienamente all» Protesta dell’ Assemblea Costituente Ro- 
mana del 25 corrente ed al Programma di questa Msgi- 
stratura del giorno seguente, mentre confida ne’ principi 
„ di patriottismo e di vera libertà proclamati dalla Repub- 
„ blica ed Armata Francese , e nelle loro simpatie verso la 
„ Repubblica Romana , protesta solennemente in nome di 
,, Dio e del Popolo contro qualunque invasione , che mi* 
,, rasse a comprimere la sua libera volontà, e dichiara a tut* 
,, ri la ferma determinazione di non cedere che sotto l’ in- 
„ fluenza di una forza maggiore lesiva del sacro diritto de* 
„ Popoli , e contro la quale fin da ora fa solenne appello 
„ alle (Sivili Nazioni di Europa ,, . 

CITTADINI ! Dimostrate ora, col serbare intatto quel- 
l’ ordine che tanto si addice a* Popoli liberamente costituiti, 
che noi siam degni di libere istituzioni , e smentite solen- 
nemente ogni calunnia che dagli Stranieri si potesse volgere 
a pretesto per opprimere la patria nostra. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 
Fermo dalla Residenza Municipale li 28 Aprile tSÌ9 

II Gonfaloniere 
NAPOLEONE MARCONI 


a 


Digitized by Google 



( 57Ì ) 

ALL’ ASSEMBLEA COSTITUENTE E TRIUMVIRI 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 


IL MUNICIPIO DI MONTERUBBIANO 

II libero e spontaneo voto di un Popolo è sacro al co^' 
spetto di Dioy e degli uomini; e chiama su di se la riprova- 
zione del Cieloy e del mondo chi tenta violentarlo con la pre* 
notenza,e la forza. Il popolo dello Stato Romano, del quale 
noi ci gloriamo di formare sebben piccola parte , con oniver*' 
sale, e volootaria acclamazione si decise per l'attuale forma 
di Democratico Governo. Ninno ha il diritta di opporsi alla 
sua ferma, e risoluta volontà. Bene adnnque risolveste , o 
Voi, «he Padri della Patria, reggete la gloriosa nostra Repub- 
blica, allorché protestaste fermamente di opporvi con la forza 
alle armi straniere, che contro ogni diritto delle genti il Ro- 
mano Territorio invadevano ; e bene della Patria meritaste 
quando apprestaste valide difese, e giustamente diriggendo 
gli sforzi della Eroica Roma, con generosi fatti corrisponde- 
ste alla comune aspettazione, respingendo svergognati coloro, 
che tentavano opprimerci. 

Noi con solenne manifestazione aderiamo unanimemen* 
te alla vostra protesta, esultanti pei gloriosi fatti, che la se- 
guirono, e con tutti ì mezzi, che saranno in nostro potere se- 
conderemo i vostri sforzi diretti a respingere ogni straniera 
invasione, ed a conservare intatti i diritti, e la dignità del 
nostro Paese. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 


Acclamato, e votato ad unanimità dal pubblico Consiglio 
nella straordinaria Seduta del giorno 9 Maggia 18Ì9. 

ALESSANDRO SECRETI PRIORE 
Ferdinando Fanelli ) , • 

Niccolò Garulli ) 


CONSIGLIERI 
Francesco Saverio Secreti 
Wenceslao Falmucci 
Tommaso Luchetti 
Giuseppe Alessandrini 
Ferdinando Mircoli 
Francesco Nobili 
Filippo Franciosi 
Germano Secreti 


Digitized by Google 



( 375 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
MUNICIPIO DI MASSIGNANO 

y, Il Consiglio Municipale di M^ssignano 9 nella cer* 
, tezza di esprimere il voto de* suoi Amministrati, ti reca 
, a debito di aderire senz* alcuna riserva alla PROTESTA 
, deU'Assembiea Costituente Romana del giorno 20 cadente 
, Mese. Facendo quindi eco alla sacra voce dei legittimi 
, Rappresentanti dello Stato Romano , in nome di Dio e 
, del Popolo solennemente protesta contro ogni e qualun- 
, que invasione straniera , che sotto qualsivoglia pretesto , 
, violando il Territorio della Repubblica , tendesse a sof- 
, locare la nascente libertà ed il libero esercizio de* proprj 
, diritti , ed appellando fìn da ora alle Civili Nazioni di 
, Europa dichiara di non cedere se non alla prepotenza 
, delia forza brutale. „ 

Redatto , seduta stinte , e votato per acclamazione in 
pieno Consiglio nella Sala Municipale lì 3 o. Aprile 1849* 

Tassoni Giovanni Priore 
Santini Paulo Bruto Anziano 
Laureti Nicola Consigliere. 

Gervasj Antonio Cons. 

Curj Sante Cons. 

Fontana Gaetano Cons. 

'^aurantonj Pietro Cons. 

\Ieanzi Domenico Cons. 
iterlenghi Luigi Cons. 
larantonj Gervasio Cons. 

J1 Segretario Santini Gioacchino* 


Digitized byGoogle 


( 376 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
IL MUNICIPIO DI FETRITOLI 

Nella generale straordinaria Adinvanza del l. Maggio 
lS .{9 ha votalo la seguente Protesta. 

Lo spirito della nostra Popolazione fu sempre unaniracy 
e concorde a desiderare quelle libere istituzioni , che assi- 
curar potessero V esercizio de* suoi diritti , e 1’ acquisto del- 
la sua Nazionalità. Fù plaiKlente oltre modo alla proclama- 
zione della Romana Repubblica , e ne alzava continui voti 
• per la sua diuturna conservazione. 

Interprete pertanto de’ sentimenti de' suoi Amministra- 
ti trovasi ora questo Municipio in dovere di protestare , 
conforme solennemente protesta a nome di Dioy e del Po- 
polo contro qualunque straniero intervento diretto « lolTo- 
care quel sentimento di libertà, e d’ indipendenza , che re- 
gnò lino ad oggi nei cuori di tutti , ed a portare qualsiasi 
innoTazionc nel nostro reggimento politica. 

Aderendo inoltre alla protesta dell'Assemblea Coslitnen- 
te Romana del ab perduto Aprile dichiara , che oon si de- 
ciderà giammai cedere allo Straniero una porzione anche 
minima de’ suoi diritti , senza che una forza preponderante 
sopprima gli ultimi suoi sforzi. Allora se ai dovrà cedere 
costretti dalla necessità, sarà salvato l’onore. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA I 

Fetritoli dalla Residenza Monicipale il l Maggio 

Lorenzo Mannocchi Priore 
Alessandro Tamanti Anziano 
Filippo Prete Tamanti Consigliere 
Paolo Brunetti Consigliere 
Giovanni Mercorj Consigliere 
Felice Albanesi Consigliere 
Luigi Vitali Cons. 

Magnaguadamio Raffaele Consigliere 


Digitized by Googlf 



( 377 ) 

AI 

RAPPRESENTANTI DEL POPOLO 

IL CONSIGLIO MUNICIPALE 
DI 

CASTELCLEMENTINO 
PROVINCIA DI FERMO 

R APPRESENTANTI DEL POPOLO 

Dopoché il Prete-re ci ebbe an giorno abbandonati , e 
richidtnato , n’ebbe fatto rifiuto , noi vi el<g;;cfnmo a dar- 
ci una forma di Governo. Voi ben conoscendo il volger dei 
tempi e dei bisogni presenti , pienamente rispondeste al man- 
dato che vi affidammo col proclamar la Repubblica. L’eser- 
cito francese , che or percorre il nostro libero suolo , pare 
chead essa avverso si mostri , e voglia ristorare la domina- 
zione chericale negli Stati Romani. Noi non possiamo per- 
suaderci di queste sue intenzioni , che anzi teniamo che le 
armi della Repubblica Francese sieno volte non a danneg- 
gio sibbene a sostegno della sua legittima sorella , la Repub- 
blica Romana. Ma se per mala ventura , che il Cielo ne 
^ol^a , di un tanto disonore volesse ricoprirsi la Francia , 
noi° forti dei nostri sacrosanti diritti e interpreti della volon- 
tà di questa popolazione, in nome di Dio e del Popolo pro- 
testiamo solennemente innanzi a Europa di respingere colla 
forza quella forza, che volesse abbattere la provvida e glo- 
riosa nostra Repubblica sorta dal voto unanime de’Popoli. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 

Votata ad unanimità di sulTragi in Consiglio straordiaa- 
riamcnte convocato il di 3 di Maggio 18(9. 

Giuseppe Bu rocchi Priore Municipale 
RalTaele Gualtieri Anziano 


Digitized by Google 



( 5 : 8 ) 

COMUNE DI MONTEGRANARO 


Delegazione di Fermo 
Li 3 . Maggio 1849* 

Il Cornane di Montegranaro professando i medesimi 
sentimenti che il Municipio di Fermo s Aderisce piena- 
= mente alla Protesta dellaAssemblea Costituente Romana del 
= 2& Aprile, e mentre confida nei principi di patriottismo 
E e di vera Libertà proclamata dalla Repubblica , ed Ar- 
= mata Francese , e nelle loro simpatie verso la Repub- 
s blica Romana protesta solennemente in nome di Dio , c 
s del Popolo contro qualunque invasione che mirasse a 
s comprimere la sua libera volontà , e dichiara a tutti 
s la ferma determinazione di non cedere , che sotto T in- 
e fluenza di una forza maggiore lesiva del sacro diritto dei 
s Popoli , e contro la quale fin da ora fa solenne appello 
s alle Civili Potenze d’Europa, a 

Il Priore Comunale 
Leopoldo Tombolini 
Vincenzo Ercolani Anziano 
Serafino Conti Consigliere 
Domenico Conti Consigliere 
Camillo Manzetti Consigliere 


IL MUNICIPIO DI GROTTAMMARE 
ALL’ ASSEMBLEA COSTITUENTE 

romana 

Onorevoli Rappresentanti 

Quando Voi decretaste, che colla forza dovesse la Ro- 
mana Repubblica respingere la invasione de’ nemici stranieri. 
Voi operaste sapientemente, e come si addiceva a Rappre* 
sentanti di un Popolo, che concorde ha deciso di voler man- 
tenere le sue libertà. , . „ • ,i uà 

I Barbari (e barbar» diventano anche i Francesi allorcbè 
conculcano l’altrui indipendenza ) trovaron la morte sotto 


Digitized by Google 



le mura di Roma. — Questo fu prova che quando i ponoli 
vogliono, la possono anche sopra la forza prepotente ~ 

Lode a Voi, lode alle valorose Milizie repubblicane 1V«: 

interpctr, de’ voti del nostro popolo, vi preghiamo , che 
vogliate segnare anche il nome del Municipio Grottese fra 
qne taii^, che solennemente aderirono a! glorioso Decreto 
u6l di. 2D di Aprile. 

Palla Residenza Municipale di Grottammare 
6 Maggio 1849 

Pietro Ravenna Priore 
Salvatore Marchetti Anziano, 

Ignazio Ravenna Anziano 
Diomede Toni Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 

IN NOxME DI DIO E DEL POPOLO 

SANTELPIDIO oggi Mercoldl 2 Maggio 1849 ore 4 pom. 

con Officio di ieri Num. 5az ad ogni 
S T ‘convocare straordinariamente 

li Consiglio , ed in Comitato segreto stante Toggetto di gra- 
ve momento , per il provvedimenfo ri, ■ ° 

. A I da prendersi presso il 

Proclama del Triumvirato m data del a 5 perduto Aprile, 
rimesso dal Cittadino Governatore col N .557 del 3o d. mese 
01 Aprile. 

dio! alPappelfo, si sono trovati presenti i Citta- 

1 Magnalbò Gaetano Gonf. Pr, 

2 GiacomozziLorenzo Anziano 

3 Tomassoni Luigi Anziano 

4 Baldelli Avv. Valeriano 

5 Bartolucci Gio; Balt. \ 

6 Ciarrocchi Luigi J 

7 Diamanti Elpidio / 

8 Girotti Niccola ICocs. 

$ Guerrieri Filippo [ 

10 Moschini Francesco l 

1 1 Pacini Niccola \ 

1.2 Rìbustini Elpidio / 


Digitized by Google 



( 58o ) 

E datai! per me Segretario lettura al Decreto e foglio 
(del Cittadino Governatore , la Magistratura opinerebbe di 
(emettersi la seguente dicbiarazione=La rappresentanza Mu- 
picipale è compresa dal più vfvo dolore all’idea di una stra* 
pierà invasiqne , di cui non si conosce il preciso scopo. E’ 
|>rima de* suoi voti, che l'onore del iVorne Italiano sia sal- 
irò , e che le libere istituzioni legali non periscanq nel no- 
stro Stato. Ai proprj Concittadini raccomanda stretta con- 
cordia, fusione di ogni parlilo nella ferma ed operativa vo- 
lontà di mantenere l’ordine, e di smentire con prove di fat- 
fo qualunque pretesta a violenta oppressione. 

Dimanda poi all’Adunanza , che siano prescelti dal cor* 
po Consiliare sei Cittadini , i quali a turno di tre in tre per 
pgni Settimana , ed all'occorrenza anche cumulativamente, 
(Coadiuvino la Magistratura medesima durante le attuali stra* 
ordinarie circostanze nella direzione della Pubblica azienda ; 
e ciò tanto più si rpnde necessario, io quanto che due mem- 
bri di essa non si sono posti in esercizio. 

Tutti i pittadini Congregati hanno unanimemstite accia- 
piata la premessa dichiarazione. 

In ordine poi alla dimanda della Magistratura , questa 
osserva che il Cittadino Alessandro Sinibaldi nominalo An- 
ziano ha esibito la motivata rinuncia , ma il Cittadino 
drea Bulgarini altro nominato Anziano non ha mai risposto 
ai diversi inviti inviatigli . Proporrebbe perciò di farsi cor- 
rere al detto Cittadino Bulgarini un nuovo invito ad assu- 
mere il possesso entro tre giorni, scorsi i quali inutilmen- 
te si avesse a portare l’emergente alla deliberazione del Con- 
siglio da convocarsi sollecitamente ; e fino a tanto che la 
Magistratura non sarà completata abbiansia nominare 'quat- 
tro soggetti , invece di sei , perché a turno di due in due 
per ogni settimana cooperino alla buona direzione della pub- 
blica azienda , moderando cosila prima dimanda. 

Nessuna opposizione fattasi dai Congregati, si è posta a 
partito la premessa Proposta della Magistratura, ed ebbe voti 
favor. IO contr. s. 

Approvata cosi U proposta della Magistratura , P Adu- 
nanza ha dichiarato che s’intenderanno prescelti quelli quat- 
tro soggetti , die avranno ottenuto la maggicranza assoluta de’ 
suffragi; e si è fatto Invito a ciascuno de’ Congregati a forma- 
re la scheda. 

Esibitasi da ognuno la scheda si è proceduto dalla Ma- 
gistratura allo spoglio, che lettasi ad una ad una dal Citta- 


Digitized by Google 



. ( 38 i ) 

dino Gonfaloniere, è risultato che la nomina in argomento 
è caduta sopra i Cittadini 

j. Guerrieri Filippo che ha ottenuto «uIFragj Nu« 
mero nove. 

2. Moschini Francesco che ha ottenuto suffragi Nu- 
mero nove. 

3 . Girotti Niccola che ha ottenuto suffragi Nume- 
ro otto. 

i. Bartolucci Gio. Batt. che ha ottenuto suffragi Nu- 
mero sette. 

Atto fatto e Ietto aU’Asscmblea, e sottoscritto dalla Ma- 
gistratura e dai Consiglieri Cittadiui Guerrieri e Moschini e 
da me Segret. Munic. 

Firm. Gaetano Magnalbò Gonfaloniere. 

Lorenzo Giacomozzi Anziano. 

Luigi Tomassoni Anziano 
Filippo Guerrieri Consigliere. 

Francesco Moschini Consigliere. 

Innocenzo Cinagli Segr. Munic. 

Per copia all'Originale conforme per uso d’Uffic'o. 
Innocenzo Cinagli Segr. Munic. 


REPUBBLICA ROMANA 
AL NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

Muoicipio di Marano . Provincia di Fermo 
Oggi 17 Maggio iSig. 

Nella generale , e straordinaria Adunanza 
celebrala sott’ oggi stesso 

Unanimi i Coadunati Cittadini Consiglieri 
componenti il Municipio di Marano 
Udita la proposta 

In nome de’ Popoli da loro Amministrati , e sicuri 
interpetri dei loro fermi , cd irrevocabili sentimenti , ade- 
riscono pienamente alia Protesta dell’Assemblea Costituente 
Romana del 20. dello scaduto Aprile; e solennemente pro- 
testano in nome di Dio, e del Popolo contro ogni qualun- 
que siasi invasione Straniera , ebe sarebbe per tendere ad 

u 


Digitized by Google 



( S8a ) 

impedire 1’ esercizio della sua libera volontii , e fanno for- 
male dichiarazione a tulli della ferma, ed irremovibile de- 
terminazione di desistere , allorquando ima forza impo- 
nente sarà per imporlo , e contro la quale fin dal mo- 
mento fanno appello alle Civili ?iazioni Eurepee. 

Atto fatto , letto , e chiuso il giorno Mese , ed An- 
no sudetto seduta stante , e sottoscritto dai singoli Coadu- 
nati. 

Basso Abbadini Priore 
Emidio Murri Anziano 
Giuseppe Censi Anziano 
Tobia Murri Consigliere 
Luigi Acciaili Consigliere 
Mattia Murri Consigliere 
Valentino Possenti Consigliere 
Antonio Bassotti Consigliere 
Vincenzo Bagaliiii Consigliere 
Basso Bagalini Consigliere 
Emidio Verdeccliia 

Filippo Travaglinì Segr. Cora. 


ALL’ASSEMBLEA COSTITUE^TE TSAZIONALE 
AL TllIlJM Vili AIO, E AL MIMSTEIIO 
DELLA UEPLIIBLICA llOMArSA 

Jl Circolo Democratico Ripano 
Cittadini! 

Gli avvenimenti che s’incalzano sotto il cielo d’Italia, la 
cupa voce che ingigantisce foriera di nuovi mali non spa- 
venta il popolò di Ilipalransono. Fedele questo ai suoi giu- 
ramenti potrà essere dalla forza schiacciato, annichilito, ma 
non retrocederà d’un sol passo. Concorde allo slancio pa- 
triottico che sursc dall’ Assemblea , col fermo projiosito di 
resistere all’invasione francese, anela a quel gran giorno iu 
cui l’Europa potrà persuadersi della potenza di un popolo. 
La Francia ci diè l’esempio di come si riacquistono i pio- 
prj diritti, e riconijuislati come si mantengono. Mente chi 
crede che la Repubblica Francese voglia oggi colle nostre 
mine ccmiprilaro il suo sepolcro, e col mancare a se sle.ssa, 
alle sue leggi coprirsi (Fìnfamia eterna. Mente chi aflcnuii 


Digitized by Google 



r 383 ) 

«he le memorie italiane congiunte alla gloria di Francia non 
esistono che per maggiormente distruggerci. Dio disperda si 
nera calunniai e tacciano quei timidi che con occhio fermo 
non sanno rimirare il principio di una tempesta. Il buon 
Cittadino prende coraggio nelle sventure, lo. soffre, le con- 
lo ViriC'C» 

Fu illusa, giuncata la INazionc Francese qu.indo i figli 
del Dispotismo mostrarongli raiiarchia nei Stati Romani. 
Noi fummo Repubblicani perchè desiderammo questo pnri- 
cinio, e lo fummo quando abbandonati dal Principe avovd. 
mo bisogno di 'un Governo, t’ falsa idea che Ron.a sen/a 
Pontefice non possa governare, mentre Avignone, Modena, 
Panna, Piacenza, Toscana e Sicilia un di ai dominio dei 

Papi ci narrano il contrario. _ , , 

^ Cittadini, nel mentre la nostra fede vi si stringe pm 
d’apprcsso, nel mentre rinnoviamo la nostra adesione al Go- 
verno della Republica, accogliete una parola di conforto 
La Francia rispetterà lo slancio di una popolazione di tiè 
milioni e quando noi sia, contrastando a rivoluzione mo- 
rale cogli anni, e mantenendosi nei secoli, la 1: rancia non 
finirà mai di combatterci. ^ - , 

Vim malia = Viva la nepubblica' Romana 

t 

Votato ad unanimità nella generale adunanza de[ 
A Maggio 1849. . . 

Luigi Carlo Dott. Illuminati Presid. 

Antonio Boccabianca Vice Presid. 

Carlo Filippo Dott. Dc Sanctis ì 
Gaetano Celimi , ) _ 

Francesco Tommasi Spina Segr. 


u 


Digitized by Google 



(380 

ALL’ASSEMBLEA COSTITOENTE ROMANA 
CITTADINI rappresentanti 
G ra»re TÌ Iribuliarao col cuore compreso dal più cal 

cittadini RAp! 

presentanti, del vostro solenoegluro , della vostra ce- 
nerosa protesta contro ogni straniero attentato alla libera cL 
atitii«one del nostro Governo , alle nostre concordi ed uni- 
seriali yolontà. 

Voi meritaste assai bene di noi, corrispondeste nien— 

TinTet P “<>'■ pure in nome del- 

I intero Popolo che rappresentiamo e che fa eco concorde 

alla nostra voce, gmtiamo sull'Altare della Patria di vokr 
iTunVnel^r’’'""^ nostra Repubblica'^ 

•tre ne’ (empi della Repubblica? ^ ^ > ooi dovrà es- 

, Il temere la oppressione dalla tricolore bandicr. di n. „ 
eia «arebbe un assurdo, mia mostpnr^co ; * « F'^***'"* 

lunnia . Esso rispetterà , ne siar«r?i dV *‘>- 

teressi della nostra Repubblica sua SoreUa^ enfu 
le più dolci simpatie, L'Italia è il an«nimd:p^ sl^ingono 
Francia è la speranza Io scudo d* Itali ^ trancia , e la 

glorie e le fatfche gaerHe;?f“f,1iet''Vglorie '' 

iranno mai volgersi a diseiuncere ^ che non po- 

li alleati e fratelli . Il voìfre !Xi.Xa,„ d i.®'’'’"''* ?“<*“- 
za otterrà rispetto e difesa . I?voIer nostro^/ 
non renderemo all’antica oppressione la terra ch^ h”''^' ’ 

non fatta sepolcro de’ nostri cadaveri che baciamo se 

CITTADINI rappresentanti noi «i • • 
voto di piena fidneia , e vi Drech!,m„ j ««P'^'miamo 
cambio. Disponete delle nistre fol„mà'“ d 
1. , dei nostro braccio . qJZ ^ è tn\T7 
80 , e con noi è Dio; U sua «jLir ^ V ' Con es- 

Spada di Francia non ci mancherà nel' dt deh ' 

essa come in amica e sorella noi rmr ^ P**OVa . Iq 

zione a chi tradisse le nostre ferme vpLnze"1)i'oTDerÌ'* P®*’’' 
tile, I inconcepibii sospetto. ^ ^ ° «Perda l mu- 

VIVA IN ETERNO LA ROMANA REPDBRiira 
Acclamata nelle rispettive assemblee del .fi I'^'* 

Fermo li eS Aprile , «Tg. ® corrente 


y 


/ 


Digitized byGoogle 


PIL CIRCOLO POPOLARE 

PREZIOTTI GIACOMO Presidente 
CORSI GIUSEPPE Vice Preiidentc 
MENGHINI ALESSANDRO Censore 
SIMONI LUIGI Segretario 
FIORANI GAETANO Vice Segretario 

PEL CLUB DEMOCRATICO 


GIO. BATTISTA MURRI Presidente 
PASQUALINI FEDERICO 

VESPASIANI GEREMIA ) . 

VESPASIANI GEREMIA ) Pres'dent. 

CASELLINI GIUSEPPE ) 

COLLIVA CESARE ) ^ .... 

SQUARCETTI ANTONIO ) Consiglieri 
FORTI MICHELE ) 

SCOCCIA CESARE ) „ 

COSTANTINI CRISTIANO ) Segretarj 



Digitized by Google 


PROVINCIA 

DI 

ASSOLI 


Digilized by Google 



Digitized by Google 


( 389 ) 

ASCOLT 


PROVIKCIA DI ASCOU 
COMUNE DI LAMA 


Ottimo Cittadino 


OGGETTO 


Non appena giunse il Gov. Circolare N. 605 in data 
di questo stesso giorno, si è riunita sul punto questa Magi- 
stratura, e con essa puranco il corpo Municipale. 

Lettosi il rispettabile Circolare del nostro Triumvirato 
tanto il Magistrato , che detto Corpo, tutti di unanime as- 
senso hanno solennemente manifestato fedeltà , ed attacca - 
mento ai sentimenti esternati dal nominato Triumvirato per 
la difesa della nostra Patria. 

Tanto si deve in replica al citato Circolare c si augura 
ogni bene. 

Di Voi 

Li 27 Aprile 4849 

Umi Dmi Servitori 
Emidio Rosati Anziano 
Eilippo Cherubini Anziano 


u 5 


i 


Digitized by Google 



(' ) 

REPUBBLICA R0MA1NA 


In INoine di Dio e del Popolo 


IL MUMCIPIO DI ACQUASAINTA 
A tulli i Popoli Cinli 


Il drillo a godere la libertà, emanazione di Dio, sondo 
iinprescrillibile , non può essere conculcato da umana po • 
lenza. 11 Popolo che risorge dalla scliiavilù , che si toglie 
dal giogo tirannico nelP aristocrazia , e riprende la sua so- 
vranità , non può, senza ledersi la legge di Dio, e di nata* 
ra essere represso nclP esercizio di quei drilli, che la pre- 
potenza arrogò esclusivi a se. 

Il Popolo Romano non può immaginare , che la Nazio- 
ne Francese prima per civiltà , ed asilo di libertà , voglia 
con un’ intervento armato conculcare nel suo suolo quei 
principii, c quel Governo, che essa conquise scacciando il 
suo despota , a prezzo di tanto sangue , e ripristinare nel 
dominio temporale quel Principe, che Dio istituì a reggere, 
non il governo, ma la morale, e la Religione. Se la Francia , 
(he una vanguardia inviava innanzi Civitavecchia tanto o- 
sasse , sappia che il Popolo Romano saprà difendere il suo 
sacro dritto, e se la fortuna gli venisse meno , Ponta di 
tanta infamia ricadrebbe sugli oppressori. 

Il Municipio di Acquasanta ne protesta innanzi al Mondò 
e Dio punirà i nemici della libertà. • . 

Acquasanta 2T Aprile 18-59 
Giovanni Bellini -Priore - - 

Raimondo Costantini Anziano 


mo- 


li ma comp. 


Giuseppe Arduini Anziano 
Luigi Latini Coiisig. 2’ Ten. della -I. Comp. 
bi lizzala 

Ascenzio -Parlamenti Consigliere e Serg. Foriere del 
la prima comp. sud. 

Luigi Ruflini Consig. e Tenente della pri 
Mobilizzata 
Francesco Pacifici 
Venanzio Masselli 
Giuseppe Masselli 
Luigi Palombi ni 
Marco Antonio Bellini 
Angelo Paniclìi 

Niccola l’ascali , 

Giovanni Notajo Latini Segretario Comunale 


1 




Consiglieri 


DIgitized by Google 


( ) 

REPUBBLICA ROMANA 
In Nome di Dio, e del Popolo 
Il Municipio di Santa Maria in Pvo'nncia tiri scoli 
Alle Nazioni Civili 

La Repubblica Franrese minaccia nel Porto di Civi-' ' 
tavccchia un’ iniervenlo armalo minaccia distruggere la li- 
bertà del Popolo Ilornano. 

‘ Il Municipio (li S. Maria non erede che un Popolo Re- 
pubblicano possa distruggere la libertà da un’ altro popolo 
conquisa : se ciò poless’ essere , ne protesta al Mondo intero 
e dichiara che in difesa de’ suoi drilli , e della libertà 
verserà tuli’ il sangue contro gli oppressori della libertà. 

Santa Maria 27 Aprile 1849 

Vi. Frenceschini Anziano 
G. Volpi Anziano 
D. Marini Anziano 
S. Tosi Anziano 
Kiccola Massetti Consig. 

Giuseppe* Amadio Consig. 

Felice Valenosi Consig. 

Tommaso Ciriaci Consig. 

Achille Corradi Segretario 


Digitized by Google 


( 392 ) 

REPUBBUCA ROxMAINA 
Comune di Rìpaberarda 
In INome di Dio, e del Popolo 

Dietro cognizione del Circolare del 24 Aprile 4 849 emes- 
so dal Triumvirato della Repubblica Romana sulla protesta 
contro Tarbilraria minacciala invasione delle truppeFrancesi, 
anche il sottoscritto Municipio di Ripaberarda in nome pu- 
re del Popolo aderisce alla protesta suenunciata, ed è pronto 
a fare tutti i sacrifìcj per la salute e l'onore del nome Ita- 
liano , e Patria comune. 

Dalia Residenza del Municipio li 28 Aprile 4849. 

11 Priore Municipale 
Michele Galicelli 
Emidio Cecchini Anziano 
Cro^cce di Luigi Merletti Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 
In Nome di DI O e del Popolo 
PROVINCIA DI ASCOLI GOVERNO DI OFFIDA 
Caslorano questo di tre Maggio 4 849. 

In seguito dell’invito partecipato ad ogni Consigliere 
sotto il giorno 28 testò spirato Aprile N. 423 si è a (orma 
dei §.4 2 3 c 4. del Titolo IX. del decreto sull’Ordinamen- 
to de’ Municipi 31 Gennajo I849. adunato il Consiglio del- 
la sudetta Comunità, composto dei Signori 
Consiglieri Presenti 
Giovanni Luciani Pro Presid. 

Antonio Ciccoli Anziano 
Giovanni Ficcadenti Anziano 
Pietro Mariani Consigliere 
Luigi Cimaroli id. 

Luigi Catalini id. 

Andrea Panichi id. 


Digitized by Google 



- , 

Saverìo Capriollì Cena. . ’ • 

Luigi Gabatlooì id. 

Emidio Bernabei id. 

Assenti 

Emidio Gregorj ^ 

Vincenzo >Laiaspìna 
Serafino Mancini 

Emidio Orazj Segretario Com. 

Presieduto dal Capo della Magistratura Signor Giovan- 
ni Luciani, il quale riconosciuta legale la riunione, percliè 
imposta di IN. tre membri della Magistratura , c di IN. 
sette Consiglieri dopo il primo invito fatto precorrere a 
forma deirart.^9 del succitato decreto, ha dichiarato aperta 
la sessione. Quindi invocato Ì1 divino ajuto, ha ordinato, 
che si devenisse alia discussione dei seguenti oggetti. 

A. Approvazione del Conto Consuntivo 4848. 

2. Deiilierazione snU'tDterveulo francese avanti il Porlo 
di Civitavecchia. 

5. Elezione di tre lUporiitori per la classificazione delle 
tasse Comunali de! corrente esercizio 

Discussione della 2. proposta 

Il Cittadino Priore Presidente Giovanni Luciani parteci- 
pa,’ che gli egregi Triumviri con loro ossequiala circolare 
dei 24 testé spiralo mese dì Aprile, trascritta, nel pregiato fo- 
glio del Cittadino Governatore di ()ffida dei 27 sudello mese 
tS.60.5. manifestano, che la Yaiiguaixlia della Divisione Fran- 
cese -trovasi dirimpetto al Porto di Civitavecchia senza che il 
Governo Francese abbia fatta alcuna coiuinuoicazione a quel- 
lo della Bepubblica Romana, e che perciò l' Assemblea ed il 
Governo della Repubblù a protestano colla forza contro ogni 
offesa al diritto c dignità dei Paese. Più viene prescritto dal 
sudelto foglio dal Guadino Governatore di Offida , che to- 
sto si riunisca il Corpo Consiliare come rappresentante del 
Popolo, affinchè esterni il suo sentimento , e decida a qual 
partito creda meglio appigliarsi intorno allMntervento Fran- 
cese. ^ . 

Il Consigliere Sìg. Luigi Ciabattoni è di subordinato pa- 
rere, che il Corpo Consigliare a nome del Popolo, da cui ven- 
ne nominato debba far solenne manifestazione in favoi‘e dei 
generosi sentimenti espressi dal Triumvirato nel sudetto 
Circolai'e. 


Digitized by Google 



( 394 ) 

Il Guadino Presidente della sessione sentita la della pro' 
. 'posta, ha ordinato, che la medesima sia posta a ballottazione, 
ed aperto il bussolo si ebbero voti favorevoli N . nove e con- 
trario uno. 

Fatto, letto, chiuso e firmato il presente processo verba- 
le nel sudetto giorno, mese ed anno, e sottoscritto nel modo 
voluto dalTarticolo 86 Titolo IX. delTEditto sull'ordinamento 
de' Municipi 51 Gennajo •1849. 

Firmati • G. Luciani Priore Fresid. 

Luigi Ciabattoni Consigliere 
Pietro Mariani Cons. 

Luigi Cimaroli Cons. — 

Emidio Orazj Segretario Comic 

Per copia conforme 
Emidio Orazj Seg. Comle 


REPUBBIJCA ROMANA 
In Nome di Dio^ e del Popolo 
Prksideitza di Ascou Governo di Ofeida 
COMUNE DI PAGLIARE 
Oggi 4 Maggio 4849. 

In seguito dell'invito diramato ad ogni Consigliere a for- 
ma dell'Art. 89 del Decreto sull’ordiaameuto de' Municipi 
34 . Gennaro 4849. si è adunato il Consiglio Comunale com- 
posto dai Cittadini Consiglieri 

Presenti 

Francesco Guerrieri Priore 
Domenico Morganti Anziano 
Vincenzo Passaroni Cons. 

Giuseppe Cosenza 
Lodovico Pagnoni 
Teodoro Cosenza 
Luigi Morganti 
Giuseppe Damiani 
Francesco Agostini 
Mauro Calvaresi 


Digitìzed by Googl 


(305):) 

Assenti ’ 

Giovanni Collina Anziano 

Pieranlozzi Liìigi ambi Senza motivò 

Baldassarre Saladini in esercizio militare volontario 

' ’ - ' ‘ I. , w. / . , ■ ' 1 

Preseduto dal Cittadino Priore , il quale riconosciuta 
legale la riunione perchè composta dal Magistrato e di IN. 8. 
Consiglieri dopo il secondo invito ha dichiarata aperta la 
seduta. 

Quindi il Magistrato da lettura del Superiore ordine 
del Triumvirato datato li 24 Aprile p.p. communicato dal 
Cittadino Governatore di OUìda con loglio dei 27 Amile 
detto !N. 60?>. I 

Conosciuto dall’ Assemblea il tenore della lettera, qùc 
sta unanime ha espresso la qui iniziativa. : . 

Qupto Magistrato, e Consiglieri, di cui nella loro e- ' 
lezione il Popolo ha avuto parte aderi.scono ai sentimenti 
esternati dal Triumvirato, onde sia salvo l’onore del -No- 
me Italiano, e contro ogni offesa al diritto, e alla dignità 
del Paese. 

Posta la suddetta dichiarazione a partito si sono rin- 
venuti Voti f. IN. 9. cont. rS. 1. t 

Alto fatto, letto, chiuso, il giorno mese ed anno sudd. 
F. (iuerrieri Priore 
Domenico Morganti Anziano 
Francesco Agostini Cons. 

Mauro Calvaresi id. 

Vincenzo Passaroni id. 

Giuseppe Damiani id. 

Morganti Luigi id. 

Cosenza Giuseppe id. ■ i ! 

Teodoro Cosenza id. , 

Segno di Crocce di Lodovico Pagnoni illtt. 


Digitized by Coogle 



(39«) 

REPUBBUCA ROMANA 
Nel Nome di DIO e del Popolo 
COMUNE DI OFFIDA GOVERNO DI OFFIDA 

Prooincia di Ascoli 
Oggi giorno di Lunedi 30 Aprile 4849. 


In seguito dell'invito diramato ad ogni Consigliere il gior- 
no di jeri a senso dell’Articolo 90 del Decreto del 34 Gennajo 
decorso sull’Ordinamento de’ Municipi, si è adunato il Consi- 
glio delia sudetla Comunità composto de’ seguenti Cittadini 

Presenti' 

Pietro Tacconi Gonfaloniere 
Giuseppe Cavicchia Anziano 
Giovanni Caponi 

Giacomo Michelangeli y, 

Silvestro Ciancia . , _ . 

Filippo Jozzi . . • 

Achille Braiidimarte 
Niccola Orlenzj 
D. Giacinto Fiordi 

Assenti 

Giuseppe Micheli ) 

ErrigoTilli ) Anziani 

Luigi Grilli ) 

Ferdinando Palmucci 
Giuseppe Vannicola 
Raffaele Castelli 
O. Antonio Ciabattoni 
Vincenzo Cemilli 
Luigi Foriini 
Salvatore Ser^acomi 
Pietro Terrani 
Domenico D. Curti 
Giacomo Braccetti 
Filippo Amurri 


Digitized by Google 



(397) 

Pre^e<luto dal Ciltadino Pietro Tacconi Gonfaloniere il 

J oale riconosciuta legale la riunione quantunque composta 
i num. 2. membri della Magistratura e di num. 7. G)nsi- 
glieri, pure ha dichiarato aperta la seduta a termini delT Ar- 
ticolo 90. del Citato Decreto, trattandosi di cosa urgente rile- 
Tata nell’invito, per doversi subito, e senza ritardo dare eva- 
sione al foglio di questo Governo dei 27 cadente IN. 605. 
Quindi, invocato il divino ajuto, ha ordinato che si dìa let- 
tura della seguente proposta. 

Riferta di una Circolare della Superiorità. 

La magistratura espone che da questo Cittadino Gover- 
natore con sua circolare dei 27. cadente IN. 60S fu comunica- 
to un Dispaccio Circolare del Triumvirato del 21 d. con cui 
si ordina che le rappresentanze municipali debbano rispon^ 
dere degnamente con solenni manifestazioni ai volo dei Po- 
poli, onde sìa salvo P onore del nome Italiano , come meglio 
alia lettura di detta Circolare e Dispaccio. 

Essa Magistratura ha credulo sentirvi il volo di questo 
rispettabile Consesso, ed è nella lusinga che sarà per unifor- 
marsi a quanto si richiede dal Superiore Governo. 

Il Cittadino Presidente avendo inteso i Congregali che la 
presente proposta sìa approvata mediante levata , ha aderito 
ai desideri verbalmente esternati, e quindi tutti gli stessi con- 
gregati si levarono in piedi acclamando la Proposta, ed ade- 
rendo ai sentimenti esternali dal Triumvirato, onde resti sal- 
vo l’onore del Governo Italiano. 

Fatto, letto, chiuso e fmnato dai Cittadini Pietro Tacco- 
ni Presidente, e INiccola Orlenzi, e Giacomo Michelangeli Con- 
siglieri, e da me Segretario 

Pietro Tacconi Gonf. ' . ' 

INiccola Ortenzi Cons. ' . 

Giacomo Michelangeli Cons, 

INiccolò Foriini Segretario > 

Per copia conforme ad uso d’ Uff 
INiccolò Forlinì Segr. 


( 398 ) 

AL TRIUMVIRATO ED ALL’ASSEMBLEA KAZIONAIX 

PEI.LA--. , '• 

BEPCBBtlCA "romana . - 

' ,it BAONICIPIO DI AIONTESÀNPOLO^ ’ 

Cittadini . 

• * *• Unni? rirposlanzc DOi abbiamo crcoulo 

Nelle graj.ss.m. alla ah c rcoslan^^ 

èiiere nostro dovere . jl^piOi' giusto perchè il più 

DO Repubblicano che rie morale fra i concetti politici; 

legale , che a ^ 

Questa ^'^''“1^5,0 immaginare in contrario ; serva a 

que nostri fragili , che anche fra queste 

palesare aperlamenle ai nos r . ’ Rg, 

valli ed alpestri "“^'^ ciò gridiamo concordi e ri- 

■ PBBBLici Romaka , cil iQ prova ui 5 . 

peliamo ' . . 

' VIVA LA repubblica ROMANA. 

• " ‘ ‘'tIYA l’unione K la FBATEULANZA 

* ; t ' * 

iìónle S. Polo. s. Maggio i84,9- 

/ ■ » 

M. Pacifici Priore 
C. Luisini Anz. . •. 

S. Marini Anz. , ‘ ' , 

V. Lucchini Cons. 

P. PiselH Cons. • • . ^ ' 

G» Pacifici Seg. Pubb» 


< ■ • . : . t 


Digitized byGoogle 


( 399 ) 

REPUBBLICA ROMAMA 

Anno Primo 

* 

In Noma di Di» e del Popolo 
PROVINCIA DI ASCOLI 
Governo di Arquata 
Comune di Montegallo 


Oggi trenta Aprile 18^9 

Coerentemente al prescritto nelP ossequiato D.'spr.^jlia 
dell' Illustre Cittadino Preside di questa Provincia in 
ta aj. spirante Mese N. 3 ( 6 . Sezione Speciale , dietro re- 
golare invito fattosi precorrere a tutti- i buoni di questo Cs- 
poluogo , ed a quelli delle Ville annesse sonosì stanune 
radunati in questa Residenza Commissariale i sottoscritti e 
respettivamente cra.esegnati Cittadini. 

1. Alessandro Lancioni Comis. 

2. Dr. Lorenzo Sarte 

3. Cosmo Porfirj 

4 - Arcangelo Rossi Brunorj 

5. Francesco Fclìcelli 

6 . Angelo Cappanna 

7. Paolo Antonio Gezzi 

8 . Luigi Caffarini 

9. Pietro Brandimarti 

10. Luigi Ventura 
ri. Angelo Vannucci 

12. Giuseppe Migliarelli 

1 3 . Bernardino Lancellotti 

14. Domenico Natali 
iB. Pietro Fioravanti 

16. Angelo Antonio Conti 

17. Pietro Vannucci 

18. Vito Cristofori 

19. Francesco Galli 

20. Carlo Serafini 


Digitized by Google 



( 400 ) 

al. Pietro Rovedi 

2«. Paolo Deluca 

23 . Palmilj Giuseppe 

24.. Michele Tranquilli Segretr 

2D. Antonio Guerrieri 

26. Giuseppe Parenti 

27. Pietro Cardarelli 

28. Migliorelli Filippo 

L’oggetto pressante della riunione è stato quello 'di 
emettere voti e proteste reclamate dal Popolo contro ogni 
pllesa straniera al diritto e dignità del sacro Nome Italia- 
no a tramite del disposto nel Circolare Dispaccio del Tri- 
umvirato del giorno 24.. mese suddetto. ^ 

Eseguitasi dal Scgretirio la lettura ad alta ed infelli- 
gibile voce del prelato Circolare Dispaccio del Triumvira- 'y 
to si sono dal Cittadino Commissario ( in rappresentanza 
del Mnnicip 0 dichiarolo sciolto dal benemerito Cittadino 
Preside con Decreto dei 23 Cidulo mese ) invitati tutti gli ■ 
Astanti ad esternare liberamente i loro voti diletti a garan- 
tire l’onore del nome italiano. 

Quindi di universale consenso si è eniessa la presente 
solenne 

PROTESTA 

* 

Del Comune di Montcgallo rappresentato dai più No- 
tabili del paese contro l’ occupazione del Territorio della 
Repubblica Romana minacciata dal Governo Francese nel 
Porto di Civitavecchia e diretta ai Cittadini 'Irirnviri della 
prelodata Repubblica. 

Iddio creava l’Uomo libero. L’Uomo riunitosi in So- 
cietà 1 beramente sceglieva quella forma di Governo , die 
più atta credeva ai tempi ed alle circostanze. Cosi il Po- 
polo Ebreo, che reggevasi sotto forma di Repubblica ; 
che pregava Samuele loro capo per avere un Ré, e Iddio 
per punire 1 ’ incostanza di quel popolo concedeva il Rè. 

Oh! ....... qtieslo nume che costò tante la- 
crime all’ umanità , e ta.oto sangue alla Religione potesse 
pur cancellarsi per sempre dagli Annali delle Nazioni. 

Noi compiemmo una rivoluzione mantenendo l’ordine 
e la Religione, rivoluzione necessaria, perchè voluta dai 
tempi , miracolosa , per il modo , come fu cominciata , 
esemplare , e forse unica al Mondo per il modo come fu 
compiuta. Tale sarà il giudizio , che dovrà darne l’ Euro- 
pa, quando calmate le passioni ragionerasse nella Storia 
(Iella rigenerazione d’Italia. 


Digitized by Google 



( 401 ) 

Ma Chi il crederebbe ? La Repubblica Francese, quella 
che noi esultavamo nel chiamare sorella è divenuta Pemis^ 
■aria dei Re , la liberticida dei popoli y e mÌDaccia di oc<« 
capare il Porto di Civitavecchia senza alcuna comunicazio- 
ne al Nostro Governo. Imitatori dei Vandali si vantano 
Capi della civiltà moderna ? Ma qual diritto hanno Essi 
di immischiarsi negli affari nostri ? La Religionel L'ordine! 
Un guardo a Parigi e l’altro a Roma! La religione ? Men- 
titori anch’ Essi si formano un velo della Religione ? Ma 
che giova il tacerlo: L’eroe di Strasburgo e di Bonlogné 
poteva mutarsi mai in un sincero Repubblicano ? Egli ha 
quattro anni dì lavoro per salire al Trono ma noi vedrà 
per Dio ! Nè verrà a Lui di comprare la parola dei Thiers, 
dei Barrot e consorti addivenuta ornai dispreggevole all* 
Universale poiché segnava la umiliazione di Francia. 0 Thiers 
la spedizione di Civitavecchia è stata dunque di tua sod- 
disbizione ? Ma non dicevi tu che l’onore di Francia non 
comportava il suo intervento a prò di una sola Città a prò 
dell’ernica ed infelice Venezia? Che l’intervento in Pie- 
monte trascinava la Patria tua in una guerra contro l'Au- 
stria , che a tutti i patti non ppteva intraprendere man- 
cando alla Francia eserciti da controporre ? Parole da bru- 
ciarsi nella pubblica Piazza per mano del Boja come la 
più impura bestemmia! Onore impotenza per ajutare Io slan- 
cio dei Popoli a libertà nome che tacciono poi quando si 
tratta dì comprimere ì diritti di una Nazione. Non più ! 

Noi sottoscritti e rispettivamente crocesegnati confor- 
tiamo il Governo a far salvo l’onore del nome Italiano 
col respingere la forza colla forza offrendo vita e sostanze 
in difesa delia Patria comune e dei diritti internazionali 
minacciati dal Governo Fsancese." Protestiamo io‘ oltre nel 
più valido modo chiamando quel Governo altamente Re- 
sponsabile di qualunque danno potesse derivarne’ alla no- 
stra Repubblica ed all’Italia in generale. Ci appelliamo in 
fine a qne puri Repubblicani della montagna che intre- 
pidi si assidono nelle Camere di Parigi; alle intelligenti ba- 
jonelle Francesi; alle Nazioni ipeivilite di Europa; ed - 
tatti i Popoli liberi invocando da essi consiglio e soccora 
so contro la più ingiusta delle invasioni. Sia concorde il 
grido. 

« Viva la Repubblica Romana 
Viva l'Italia 
Fuori lo Straniero 



( m ) 

Dopo di ehe si è terminata la sedata e si' é redatto 
il presente verbale in duplice originale Bottoscritto e TÌspet" 
tivaxnenle soUocrcsegnatg alla presenza dei descrìtti Testi>^ 
moni da tutti gli Intervenuti. 

Atto iat;n lettor e chioso a chiara ed intelligibile vo» 
ce in Moategallo nella Residenza del Commissariato sot» 
lo questo stesso giorno mese ed anno sudetto. 

Alessandro Lancioni Commissario dì Montegallo 
Dott. Lorenzo Parlù di Bologna medico condot» 
tu Montegallo 
Cosimo Porfidi 
Arcangelo Rossi Brunoni 
Francesco Ferliulll 
Angelo Cappanna 
Paolo Antonio Gezai 
Luigi Cafforìni 
Pietro Brand imarte 
Segno- di Cr^o f ce di Luigi Ventura 
Segno di Czo f ce di Angelo Vannucci 
Giuseppe Migliarelli 
Bernardino Lancellotti 
Domenico -Nata)? 

Cro ce di Pietro Fforavanti 
Angelo Antonio Conif 
! Pietro Vannucci ' ‘ 

Vito CristofanI' ■ ‘ 

Francesco Galli 

SegtKi di Cro di Carlo Serafini 
Segno di Cro f ce di Pietro Rovedi 
• . .1 Paolo Delnoa 

Antonio Guerrieri 
Giuseppe Parenti ' 

Pietro Cadarefli ‘ 

Filippo Migliorelli 

Palmilj Giuseppe f[ di Comand. il Dist. de' Carab. 
i Pateniano Paoletti Testirnohio alle firme e al se- 
!gno di Croce. ' 

, piccole Bronconi Testirrìonro come' sopra 

Michele Tranquilli Segretario 


(. ’ , V i' 


Digitized by Google 



(*®3), 

REPUBBLICA ROMANA 

. In nome Di jpio e del Papale 

MUNiaPIO DI MONTROPOH 

Oggi giorno di Sabbato a$ Aprile >849 

la pronta adesione di quanto si richiede dal Cilhidino 
Governatore di Oftida col presente dispaccio di jeri N. 6o5. 
ed in seguito dell'Invito diramato ad ogni Componente que- 
sto Municipio in via di urgenza nel detto giorno di jeri ; si 
sono riuniti nella sala di questo Municipio li Cittadini 

Consiglieri 

Presenti 

ì Pietro Costantini ff. di Priore 
« Gio: Battista Pagliaroni Anziano 

3 Francesco Leoni 

4 Fortunato Ispelti 
b Picrantooio Ulisse 

6 Ermenegildo Polidori 

7 Gio: Miilteo Campanelli 

. 8 Francesca Biani 

9 Niccola Gaetani Franchini 
le Carlo Latini 

Assenti 

Il Giuseppe hicci Priore 
is Francesco Arcangeli 

13 Vincenzo Pagliaroni 

14 Orazio Piccolomini 

15 Giovanni Balestra 

16 Luigi Marutili 

17 Giacomo Biani 

Costanzo Tonzi Seg. Municipale 

Presieduti dal Cittadino Pietro Costantini Anziano in as- 
senza del Cittadino Giuseppe Ricci Priore, il quale ricono- 
scinta legale la Riunione quantunque non composta di due 
terzi di Consiglieri, perchè convocata ad urgenza come vieo 

. » a 


Digitized by Google 



( ^ 0 ^ ) 

dichiarato dall’art. 90 del Decreto Si pp. Gennaro sali* or- 
dinamento de* Muoicipii ha ordinato la lettura del citato 
dispaccio in cui si trascrive il risp. Circolare del Trium- 
virato 2.( cadente senza Numero, non che l’ Indirizzo in 
■stampa fatto dall'Assemblea Costituente ai Governi, ed ai 
Parlamenti di Francia e dTnghillerra in data dell’18 sudetto 
e che il Governo a questo desidera l'adesione delle Popola- 
zioni, e perciò ha dichiarata aperta la seduta. 

Levatosi quindi dal suo posto il Cittadino Niccola Gae- 
tani Tamburini ha esternato il suo parere leggendo un fo- 
glio di raggioni che lo hanno spinto a formolure un pro- 
getto d'indirizzo che ritraesse fedele sembianza dello spirito 
del nostro Popolo: ed ha chiesto che sia allegato originai- 
mente al presente Atto, didietro che ha letto in altro Foglio 
separato l’Indirizzo stesso diretto ai Triumviri, ed ai deputati 
dell’Assemblea Costituente, che ha chiesto pure sia inserito 
come in fitti. 

II Cittadino Presidente ha decretato siano allegati li su- 
detti fogli come sono siali presentali, e quindi si proceda 
a scrutinio segreto, mediante le Palle, all’approvazione del 
sudetto Indirizzo, e quante le volte sarà ammesso, sia fede! 
mente copiato e sotioscritio dai componenti la presente se- 
duta per quindi inviarsi a chi è diretto per la trafila del 
Governo di Offidi che ne fece requisitoria. 

Dati e raccolti li voti, si sono trovati tutti fivorevoli nel 
numero di nove essendosi astenuto dal volare il Cittadino 
iViccola Gaetani Tamburini come Autore dell’Indirizzo. 

Per non esservi altro da discutere, il Cittadino Presiden- 
te ha dicliiarata sciolia la seduta, e (|uindi si è firmato il 
presente da Esso Presidente, e da tutti i Componenti il con- 
siglio. 

Fatto letto c chiuso il giorno mese ed anno sud. 

Pel Priore assenie 

L’Anziano P. Costantini 
Fortunato Ispelti ConsigHere 
Niccola Gaetani Tainbrini id. 

Francese» Tironi id. 

Pietro Ulisse Consigliere 
Gio: Battista Paglinoni Anziano 
, Carlo Latini Consigliere 

Ermenegildo Polidori id. 

Francesco Biani id. 

Giammatteo Campanelli id. 

Costanzo Tonzj Segretario Municipale 


■ Digilized by Google 



( i 05 ) ^ 

. i ■ ■ ! * 

repubblica romana 

Anno I. 

Tornata del 4 Maggio 

Presidenza del Cittadino Benvenuto De>Cesari Priore 
Municipale in Monte Fortino 

Alle ore 1 1 antinncridiane il detto Presidente ha dichia- 
rato aperta la Seduta, e valida con qualunque numero , 
eisendo oggi la terza chiamata , riuscite senza elTetto le due, 
precedenti. 

Premessa l’invocazione del Divino Ajuto colle solita' 
preci, si è proceduto all'appello nominale, dal che risnlla, 
che i presenti si trovano essere i seguenti. 

I. Francesco Antonini ) 

u, Giuseppe Amorosi ) 

Consiglieri 

3 . Gio. Francesco Spagnoli 

4. Giovanni Marsìlj 

&. Luigi Denti 

6 . Gaetano Pompon! 

Non sono intervenuti i. Domenico Secchi a. France- 
sco Duranti 3 . Giuseppe Rosetti 4 > Antonio Geminiani 5 . 
Carlo Clementi 6 . Emiliano Manardi 7. Gaetano Spagnoli 
8. Carlo Felicelli 9. Giambattista Andreozzi 10. Filippo Spa- 
gnoli. 

Proposta della Magistratura s Vigile sempre il Trium- 
virato per la salvezza della Repubblica , appena conobbe 
che l'avanguardia di una Divisione Francese era in faccia 
al Porto di Civitavecchia , emanava fra le altre disposizio- 
ni , la Circolare, che or sentirete leggere. La sostanza di 
essa è che il Governo vuol compiere il dover suo , prote- 
stando contro ogni offesa al diritto , e alla dignità del Pae- 
se. Imporla a tuttociò che le Rappresentanze Municipali 
rispondano degnamente con solenni maniiestazioni ai voto 
de* Popoli. Questo adunque è Io scopo , pel quale oggi sia- 
mo qui convocati in conformità alle disposizioni del Pre- 
side , secondo l’aitra Circolare , che pur si legge. 

Concittadini Consiglieri 

Conscia la Magistratnra de’ vostri buoni e leali tcnli- 
mtoli non ha d’uopo di commenti, perchè ad unanimilà 

V S 


( 406 ) 

lia adattato il richiesto atto , onde tatti uniti protestiamo 
a nome del Popolo che ci ha eletti contro qualsiasi inva- 
sione straniera , che tenda a sovvertire l’ordine pubblico , 
e la comune tranquillità | spargendo fra IVoi anarchia , e 
guerra civile. 

Dopo letta da me Segretario la presente mozione in un 
alle due Circolari , delle qu^li si è fatto cenno , il Presi- 
dente ha invitato ciascun dei Consiglieri ad esternare i proprj 
sentimenti. 

Il Consigliere Gio. Francesco Spagnoli applaudendo la 
proposta, dice che* non vi trova alcuna cosa d’aggiungere. 

Niun’altro avendo preso la parola , lo stesso Presidente 
ha ordinato che si ponesse a partito Li proposta , ma tutti 
i Congregati concordemente han dichiarato di ammetterla , 
,ed approvarla senza procedere allo scrutinio segreto. 

Letto il presente Verbale è stato parinieuii approvato 
dall’intera Adunanza , che si è sciolta dopo rese le dovute 
grazie all’Altissimo. 

Fatto , e chiuso il presente atio nella Residenza Comu- 
nale di Monte Fortino, ed in (ode viene firmato dalla Ma- 
gistratura, e da tutti i Consiglieri intervenuti , maio dei 
iVIarsilj illetterato. 

( Benvenuto De-Cesari Benvenuti Priore 
( Francesco Antonini Anziano 
Firmati ( Giuseppe Amorosi Anziano 
( Luigi Denti Consigliere 
( Gaetano Pompon! Consigliere 
( Gio. Francesco Spagnoli Consigliere 
Luigi Prosperi Segretario 

Per Copia conforme ad uso d’ulT. 

Il sudetto Prosperi Segretario 

Per copia conforme salvo &c. in fede &c. 

Ugo Calindri 


Digitized by Google 



( *07 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

In Nome di Dio e del Popolo 
COMUNE DI CASSIGNANO 

Avendo avuta cognizione dal Triumvirato che è in pre- 
senza del Porlo di Civitavecchia 1’ avanguardia di una Di- 
visione Francese senza essersi fatta alcuna comunicazione 
dal Governo Francese a quello della Repubblica Romana ; 
e che P Assemblea, ed il Governo sono disposti quali che 
siano le intenzioni straniere a nostro riguardo di fare il lo- 
ro dovere, protestando colla forza contro ogni offesa al 
diritto, e dignità del Paese, non può il Municipio facen- 
dosi interpetre dei voti di questa popolazione, che applau- 
dire , ed aderire ai sopra esternati sentimenti del nostro 
Governo. 

Dalla Residenza comunitativa questo dì 28 Aprile 1849 

Paolo Cuneo Priore 
Alessandro Paiosi Anziano 
Antonio Tonni Anziano 
Stefano Totti Anziano 
P. De Carolis Gilizaini Anziano 

9 4 


Digilized by Google 


( 408 ) 

REPUBBUCA ROMANA 
In Nome di Dio , e del Popolo 
Jffonleprandone dalla Residenza Municipale li 29 Aprile 18-19 

All’ effetto , che il nostro presente Governo conosca 
segnatamente nelle attuali circostinzc quali siano i sentimen- 
ti che questo Popolo coltiva a prò della sempre augusta Rc- 

S ubblica i qui sottoscritti suoi Rappresentanti riuniti in se- 
nta ed interpetri della sua mente nel modo il più solen- 
ne vengono a manifestarli. 

E’ quindi , che quali figli degni, e non degeneri della 
Repubblica istessa , c veri Italiani ci vediamo nel più sacro 
dovere di dichiarare colla più manifesta sincerità dei nostri 
animi, senz’ombra alcuna di timore in nome del Popolo al 
Governo istesso , che il medesimo anche per qualunque 
strano accidente non si confonderà vilmente col numero dei 
tristi, maforte ed immutabile nel suo attuale divisamento non 
lascierà intentata ogni via per promuoverne i vantaggi, e 'co- 
operare nobilmente con ogni possa onde sia salvo dalli sfor- 
zi degl’lnvidi il Glorioso Nome del Governo Italiano. 

Giuseppe Polidori Priore Municipale 
Giuseppe Cappella Anziano 
Flaminio Palmaroli Anziano 
Giuseppe Santoni Anziano 


Digilized by Google 



( 409 ) 

REPUBBLICA ROMANA , 

In Nome di Dio e del Popolo 

COMUNITÀ’ DI S. BENEDETTO 
PROVINCIA DI ASCOH 

oggi giorno di Venerdì 27 Aprile 1849. 

Riunitasi oggi questa pub. rappresentanza per Poggelfo 
di cui ha relazione il Circolare Dispaccio del nostro Trium- 
■virato in data dei 24 andante mese N. . . con cui si annun- 
cia che r avanguardia di un^ divisione Francese trovasi in 
presenza del Porto di Civitavecchia, senza che fosse precorsa 
per parte del Governo Francese alcuna comunicazione a quel- 
lo della Repubblica Romana, e senza ebe si conoscano quali 
siano le intenzioni straniere a nostro riguardo, penetrata dalla 
importanza della propria missione, a nome di questo Popo- 
lo, delle di cui intenzioni, e voti Essa è fedele interpetre , 
coro’ è leggittima rappresentante, tutta unisona ha dichiarato 
conforme solennemente dichiara di essere pienamente concor- 
de ai sentimenti espressi dal Triumvirato nel dispaccio sul- 
lodato, per modo che sia salvo 1’ onor nazionale , e siano 
conservate le liberali nostre Istituzioni. 

Fatto, letto, chiuso, c iirmato il presente verbale il gior- 
no mese ed anno sud. 

Giovanni Arcangeli Priore 
Anastasio Fiorani Anziano 
Antonio Pottatornì Anziano 
Guglielmo Neroni Anziano 
Leonardo Cerri Anziano 

Mattia Lieo Seg. Corale. 


V o 


Digitized by Coogle 



(4i0 ) 

REPUBBUCA ROMANA 

In Nome di DIO e del Popolo, 

PROVINCIA DI ASCOLt 
Municipio dì Mallignano. ST /Iprite i 849. 

Tostochè i Municipali Rapptresciitanli di questa Terra Ten- 
gono in cognizione della solenne Protesta emessa dal Trium- 
Tirato Sovrano sull’arbitrario apparecchio d’invasione per 
parte delle Truppe Francesi , che ora guardano il Porto di 
Civitavecchia, siccome viene annunzialo dalla Insigne Circo- 
lare del 24. andante Aprile, in nome del Popolo Maltigna- 
nesc aderiscono pienamente ai scnlimenli della Protesta stes- 
sa ; per conseguenza intendono di difendere i Diritti Palriì 
contro qualunque violenza sti’anicra, che dchh’csscre respinta 
con ogni mezzo di forza sino alla consumazione di tutti i 
sacrifizj , per i quali si salvino l’Onore d’Italia, la Vangelica 
I.ibertà , Pintcresse comune. 

In prova di che i sottoscritti depositano l’atto presente 
da ratificarsi anche con giuramento nelle mani degrilluslri 
Cittadini-Ascolani Professore Orsini Antonio , Silvestro An- 
tonio e Coppellanti Desiderio deputali all’uopo dal Chiaris- 
simo Preside Dottor Ugo Calindri ; e così ec. 

Antonio Silvestri Priore 

Flaminj Luigi Anziano 

Pio Palaferri Consigliere 

Patrizio Fanini Nazionale 

Angelo Flammini Nazionale 

Serafino Falcioni Consigliere 

Fanini Giuseppe Nazionale 

Michele Capriotti Nazionale 

Niccola Fazzini Segr. Comunale e Ten. Nazionale 


Digitized by Google 



( ) 

ItEPUBBUCA ROMAISA 


In Nome di DIO e del Popolo, 

PROVIINCIA DI ascoli 
COMUNE DI COMUNANZA 

Oggi giorno di Domenica vciitinov^e del mese di Aprile 
anno 4 849. ore dicci anlenicridianc.. 

Dietro pressante invito diramato col giorno di jeri si 
sono riuniti nella solita Residenza Comunale li Cittadini 
Membri della Magistratura, e Consiglieri. 

Viene presieduta cjuesta pubblica Rappresentanza dal 
Cittadino Niccola Sforza, come Priore di delta Comune, com- 
posta di N. 4 2. Individui. 

Visto il numero legale, ha dichiarato aperta la Seduta 
a porle aperte. Quindi invocalo il Divino ajulo , ha manit 
feslatoal pubblico Conscs.so la Circolare dei Cittadini Trium- 
viri del 24 spirante diretta al Preside della Provincia, coi» 
cui partecipa , che PAvanguardia di una Divisione Francese 
è in presenza del Porlo di Civitavecchia senza conoscerne 
quali sieno le intenzioni di quelle Truppe Straniere a no- 
stro riguardo. Propone pertanto, che si faccia in tale emer- 
genza a nome, di questa Popolazione una solenne manife- 
stazione in favore dei sentimenti espressi dal Triumvirato 
'stesso , onde siano garantiti i nostri interessi , e sia salvo 
Tenore del Nome Italiano. 

Postasi a partito una tale proposizione è stata approvata 
a pluralità de’voli , cioè favorevoli dieci , contrarj due. 

Rese le grazie alTAltissimo si è sciolta la Seduta , cd‘ 
ha ordinato , che copia del presente Verbale si rimetta al 
Cittadino Preside della Provincia, ed altra al Cittadino Gover- 
natore di Amandola. 

Fatto ^ letto, e chiuso il presente Verbale questo di, me- 
se, ed anno suddetti. 

Niccola Sforza Priore 
llarione Piroli 
Zenofonte VirgiI) 

Alessandro Rocchi Segr. Ini. 


Digitized by Google 



(*!») 

PRESIDENZA DI ASCOLI 
REPUBLICA ROMANA — ANNO PRIMO 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
li Preside agli Ascolani 

CiftadiaU Perigliosissimi (empi rcDgoao per noi : il sentirne 
immuni da disastri dipende da voi stessi. Intrepido rimango al 
mio posto deciso di lutto affrontare per il bene e la tranquil- 
lità di questa Città e Provincia, cni fui destinato a governare. 
Tutte le poche mie forze fisiche e morali le impegnerò fino 
all' estremo per allontanare ogni sciagura e calamità. Sono in 
mezzo a Voi, e tutte le mio cure .son per Voi, Tutto il mio 
Battaglione Mobilizzato è qui intento a proteggervi. Una intera 
Compagnia di bravi ed animosi Carabinieri guidati da esperti 
e patriottici Ufficiali sono pronti a spendere anco la vita per 
garantire le Vostre famiglie, e le Vostre sostanze. Se io ogni 
tempo i buoni Cittadini deono stringersi concordi ed unanimi 
intorno a chi regge la cosa pubblica molto più vi sono astretti 
nell’imperiosità de' tempi attuali, c nell' incertezza degli avve- 
nimenti più o meno disastrosi. Lo scopo, ebe mi prefiggo è la 
sicurezza pubblica e privata, l’ordine e la tranquillità generale. 
Ma che potrei io solo, se lutti Voi non corrispondeste stringen- 
domi la mano, che vi porgo per operare di cònscnso al pub- 
blico bene? Animo dunque, Cittadini, vegliamo tutti contro i 
Perturbatori della quiete , siamo inesorabili contro di essi , c 
mostriamo agli Estranei, che armonìa e pace sono il nostro 
conforto, e ninno oserà turbarci. Tranquilli attendiamo i nostri 
destini, di cui non potremo mai deplorare le conseguenze fu- 
neste, quando il CORAGGIO, la FORZA e 1’ UNIONE avranno 
conservato fra noi il buon’ORDINE, la CONCORDIA, c la PACK, 
che io Vi auguro e ebe ad ogni costo voglio qui manteunla. 

In Ascoli nella Residenza Governativa della REPUBBLICA 
il I.* maggio jlUg. 


Il Preside 

Dottor UGO CALINDRI 


Digitized by Google 


( 413 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Ai Triumviri, 

Ai Deputati deW Assemblea Costituente 
Il Municipio di Monsanpolo nella Provincia di Ascoli 
CITTADINI ! 

Quando il Popolo nostro elesse i suoi Deputati ben 
comprese che Voi dovevate compiere il mandato del Paese 
col proclamare il Governo della Repubblica, c se ciò non 
fosse per Voi avvenuto questo Popolo alto avrebbe alzato 
la voce per fare intendere eh’ Esso non poteva accettare 
un regime di Governo per il quale innanzi alle Nazioni 
libere si addimostrasse non coscienzioso delia propria di- 
gnità. 

Ora che avete data la Repubblica abbiatevi la benedi- 
zione nostra c la ferma volontà di difenderla con ogni so- 
lennità di sagrificio; imperciocché è in nostra coscienza di 
non potere transigere in niun modo col Papato senza por- 
tare onta e nuove ferite alla nostra veneranda Madre Italia. ' 
Il Papato terribile nemico non solo è della Italiana poli- 
tica Unità, ma di tutte quelle Nazioni che nella parola di 
Dio hanno intelletto di libertà, ed affetto di fratellanza : 
questo Sacerdozio per il regno di questa Terra ha rin- 
negato i dolori , il martirio, il civile costume di Cristo 
facendosi ora il patricida ora il fratricida delle Nazioni. 
Voi eccelsi Triumviri e Deputati avete proclamato la Re- 
pubblica asilo e propugnacolo dalla italiana Libertà, ave- 
te giurato sulla vetta del Campidoglio innanzi a Dio colle 
parole di' un Popolo libero, eh’ Essa nè cederà nè transi- 
gerà giammai. Tal giuramento rimandiamo noi a Voi nè 
alcune Potenze di diplomazia nè nemicizia di fortuna po- 
trà di Esso farvi mancare. 

Dite all’Europa che la nostra Repubblica non si spe- 
gno se non nel sangue di tre milioni di Uomini e di 
mille e mille generazioni : squarciate i misteri della Di- 
plomazia e francamente avvertite i Popoli che nel Deici- 
dio della Repubblica Romana stà il sicuro servaggio che 


Digitized by Google 



( 414 ) 

in nome di Dio riporranno immancabilmente su Popoli 
lìberi i rè vacillanti e detronizzali. 

La nostra redenzione non è Fopra di un giorno, 
non di una mano di Uomini, è il lavoro de secoli , è 
il fatto delle generazioni, che martiri hanno scritto una 
storia d'infelicità e di sciagure affinchè e noi Popolo di 
tradizioni il Papato non ci facesse dimenticare esser Ita- 
lia Teterna conservatrice ed iniziatrice di quei veri ideoli 
che un giorno ( e ciò non è lungi ) dovranno redimere 
I Popoli alla naturale uguaglianza e stringerli fra loro di 
fratellanza Cristiana. 

Viva la Repubblica Romana 

Dalla Sala del Municipio 28 Aprile 1 849 

L’Anziano ff. di Priore 

Pietro Costantini 
Fortunato Tasselli Consigliere 
Nicola Gaetani Tamburini idem 
Francesco Jaconi idem 
Pietro Alissi idem 
Gio: Ballista Pagliaroni Anziano 
Carlo Latini Consigliere 
Ermenegildo Polidori idem 
Francesco Binni idem 
Giammattco Campanelli idem 

Costanzo Tanzj Segretario 
Per copia conforme 

Il Segretario Municipale 
Costanzo Tanzj 


Digitized by Google 



(4<5 ) 

/li Triumviri ed ai Deputati 
della Costituente liomana 


CITTADINI ! 

• 

Uno è il volo di questo Popolo , o Illustri Triumviri e 
Deputati, ed è clic l’ infausto potere Clericale non più venga 
a rattristare queste belle contrade. 

Repubblica da Voi proclamala è stata il vero adem- 
pimento di un mandato non solo di tre milioni d’ uomini, 
non solo dcUTtalia del Popolo ma dell’ intera Europa del 
Popolo; c questo regime di Governo noi per nostra parte 
sosterremo italianamente, e fortemente : impeixiochè abbia- 
mo in coscienza che la compiuta redenzione d’Italia non 
può venire ne da Rè , ne da Papi. 

INei giorni dell’amnistia il grido della gratitudine unim- 
mo con quello della redenzione, e Pio IX mostrandosi sensi- 
bile del suo fatto sanzionò il nostro giuramento colla lìe- 
nediiione eritalia , in tal modo scriveva una pagine d’isto- 
ria per il papato che sembri all’ Europa attonita una mara- 
viglia, ma il Papa Cittadino, ma il Papa italiano fece stret- 
ta alleanza coll’Austria e scrisse l’enciclica del 29 aprile la 
quale fu per noi il vero programma della decadenza del po- 
tere temporale de’ papi, e per i rè quello dell’imminente 
lotta coi Popoli : sù combattiamo se non vogliamo la taccia 
di avere aderito al tradimento dei nostri Fratelli Lombardi. 

In noi sta Iddio, coi rè Satana. 

Il Popolo sotto il governo papale , sappia ciò la Fran- 
cia e l’Inghilterra, si voleva servo da una casta che in ogni 
momento , e colla libidine del potere , e coll’ ingordigia 
dell’Oro faceva credere che l’assolutismo era un leggitimo 
corollario dei principj eterni ed immutabili della Natura di 
Cristo , e delle Nazioni. 

Per il papato l’Evangelo stava sulle note del gabinet- 
to d’Austria e dei ministri di Luigi Filippo, come ora sono 
i misteri della diplomazia ed i fraticidj voleri del bom- 
bardatore. 

Il Popolo d’Italia ha chiesto a Dio una Italia del Po- 
polo , e Dio provvidentissimo ha suscitato in Europa un mo- 
vimento democratico si forte, si progressivo che non è dato 


Digilized by Google 



, ( 4W ì 

« tona umana ritenerlo per le ne de’ suoi Trionfi , Voi ne 
aTfte raccolti i principi , ed in Roma nel cuor dell’ lulia 
Il >^|c riuniti, e fatti palpitare di civile esistenza. 

INiuna transazione si ha il dovere di ammettere. 

. V*. decadenza del papato è fatto che vi ha aderito tre 
milioni di Uomini nel mentre che il potere temporale era 
una usurpazione guarentita dalla Diplomazia a propugnacolo 
«etl Assolutismo. 

Forti o Illustri Triumviri e Deputati; in Roma si de- 
*1 n L’Italia, in Roma è proclamata la redenzione 

uetla Umanità, in Roma ha il trionfo il martirio di Cristo. 

Viva l'Italia libera ed Una 

Viva la Republica Romana 

Monsampolo dalla Sala del Circolo ^8 Aprile i849. 

Gianfilip|M Tasseti! Presidente 

Pietro Ulisse Vice- Presidente 

F rancesco Jaconi Magiore Nazionale 

Giuseppe Gaetani Tamburrinì Tenente Nazionale 

Gio. Battista Pagliaroni 

Niccola Binni 

Fortunato Neroni 

Pietro Pagliaroni 

Giammatteo Campanellli 

Francesco Topetti 

Gistanzo Tansi 

Clemente IMigliogi 

Nicola Gaetani lamburrini Segretario 


Digitized by Google 



( 417 ) 

Al Municipio di Monsanpolo 
Cittadini ! 

Se la Patria non è per noi una Religione, 
io non intendo che sia. 

Mazzini 

Son lieto ledervi qui riuniti, a mostrare al Popolo vo- 
stro che vi ha eletti a depositar) di libertà e di senno Ita- 
liano quanta coscienza di patrio intelletto è in esso e in noi. 

11 Municipio in questa adunanza con civile sentimento 
Compie il suo dovere ricordandosi che nei Padri nostri la 
campana dt-1 Comune chiamava a richiesta il Popolo e lo 
armava contro chi ardiva rinegare e calunniare la santa in- 
tegrità iVazion.ilc. 

Oggi sentiamo il palpilo onnipotente del Popolo fatto 
in noi coscienza, ci fa ardili dichiarare che la Repubblica 
é l’ atto legittimo dell’ esistenza di rjuesto Popolo è la viri- 
le moralità del suo civile costu ne è pagine di gloria e di 
libertà dì questa nostra miracolosa generazione mandate a 
testamento ai pm tardi iVepoli. 

Questo Fop^ posto per suo Sovrano per carità d’ Italia 
a sedere puro eJ incontaminato nel convivio della natu- 
rale uguaglianza protesti p. r noi contro chiunque ardisca 
disconoscere di avere esercitato il diritto dì costituirsi a 
seconda l’ immutabile sua indole la virile c'viltà di Europa 
la chiamata di Dio ponendosi por quella via per quella 
pienezza di libertà a cui è solo dato di rovesciare i troni 
tutti del Mondo. 

Sono altero presentare onorevoli Colleghi un proget- 
to d’indirizzo o per meglio dire la fede politica del Po- 
polo nostro raccolta e tradotta in un vero allo politico. 

Quest’ atto dice come siano Repubblicani c come in- 
tendiamo che questo Governo di elczzione venga .da noi 
sostenuto e reso a venerazione da tutti imperciocché fum- 
mo abbastanza sacrestani e servitori de’ Papi e non pos- 
siamo ritornare ad esser tali se pria non dichiariamo vo- 
ler rinegare il dono divino della ragione e i veri pi’incipj 
derni dell’Evangelo. 

Finche l’Uomo dal martirio Giuseppe Mazzini è posto 
ad essere senno e palpito del Triumvirato non è lecito du- 
bitare della causa santa : con quest’ Uomo la Repubblica è 
salva , e Dio lo ha detto , e la parola di Dio non è parola 


Digitized by Google 



( 4 , 8 ) 

di Rè ; con quc.srUomo si (a fedele traduzione la Repub- 
blica dagli ìncùucussi priucipj dì Dio. 

Nei giorni del comune dolore e qui francamente la 
dico per me la vostra Gioventù si è aducata negli scritti 
nciresilio e nel martirio di venti anni che ebbe ad avere 
il Mazzini affuicbè i priucìpi eterni della Sovranità Po- 
polare fossero promulgali in ogni parte dell’Europa: per 
questa incarnazione de’ principi la nostra Gioventù bene 
rispose all’appello della grande battaglia del Popolo ed 
armata sla fervita d’ispirazione cd ardente di ardimento 
ed onnipotente di Italianità. 

Altra riflessione o Colleglti, ci fa sentire il dovere 
di sostenere la Repubblica ad ogni costo e di non tran» 
sigcrc con niun potere che non venga del Popolo: ed è 
il pericolo di riporre la Patria nostra in dissidio e fran- 
gere questa Unità che ha disperso le calunnie cd ha im- 
portato di robusta svegliatezza la fronte del Popolo la 
quale lo ha fatto impavido innanzi ai Croati di INapoli: 
siano maledetti questi che per parteggiare collo Straniero 
ha armato di pugnale la mano santa del Sacerdozio ! 

Non ci illudiamo f o Colleglli , la causa de’ Popoli non 
può perire ; ed a conforta di Voi dirò il pensiero dell’ani- 
ma mia toho della meditazione che di «rtrminuo mi occu- 
pa il movimento de’ Popoli in Europa. 

Non è lungi la proclamazione di una Costituente Eu- 
ropea in Roma ed in tal modo la causa dei Pincipati tro- 
verà r ultimo crollo. Aspettiamo con alterezza questo su- 
premo momento , ed allora non solo avremmo fratellanza 
da lutti i Popoli , ma addiverremo i loro salvatori. 

Eccovi Putto politico che depongo alle vostre conside* 
razioni j se esso rinverrà accettazione di compinimento 
questo giorno mi farete il più bello della mia sventHrala 
giovinezza. 

Viva la Repubblica Italiana 
Niccara Gaelanl Tambriiii Consig. 


Digitized by Coogle 


ALL’ ASSEMBLEA COSTITOENTE A’AZIOXaLE 
AL TRIUMVIRATO 

E AL MtKISTERO DELLA REPUBBLICA ROMANA 

IL CIRCOLO POPOLARE DI S. BEÌNEDET 1 0 
AL TRONTO 

Roma giammai sarà serra. L’ ora di sua Redenzione 
SDonò il 9 Febbraio dalla vetta del Campidoglio , e Dio 
registrò quel giorno mi Libro Eterno. A gloria del Popolo 
Romano venga segnato nilleperpetue pagini il combattimento 
del 3o Aprile, c a voi Cittadini Rappresentanti che vi addos- 
saste la nobile missione nel regolare e manifestare i desideri! 
del Popolo, a voi spetta di farlo. Accogliete le sincere parole 
di amore e di nostra gratitudine per l’adempimento del 
comune desiderio: lauimentate ancora una volta, che lo liber'ù 
del nostra bel Paese, la nazionalità italiana non possiamo 
conquistare che con le armi , I' unica speranza , l’ nuica via 
di salvezza non dobbiamo trovare che nelle armi. La nostra 
Repubblica deve essere il Palladio della libertà de’ Popoli , essa 
deve tar guerra al perfido straniero , e noi pronti ad ogni 
modo di sagriRc) vogliamo guerra disperata tino all’ ultima 
stilla di sangue. Tutti perire vogliamo anzi che rimanere 
nuovamente schiavi de’ Preti , e scherniti in faccia alle Nazio- 
ni. I vincoli di unione , di concordia e di vera amicizia siano 
sempre più stretti fra noi con un sol legame , e smentiamo 
per Dio ! Smentiamo la calunnia dei barbari invasori che 
noi non abbiamo armi ed armati , che non abbiamo uornini 
grandi in Italia. Ricordino i nostri nemici che nelle véne 
dei Romani scorre il sangue di quei Prodi che diedero Leg< 
gi e costumi alle nazioni , ricordino che l’ Italia ó destinata 
da Dio a riprendere 11 suo seggio ncirEuropa r nel Mondo. 
Se la tirannia ci rese disuniti , la lilrcrtà et tu Rnalraente 
ricongiunti. Voi Cittadini Rappresentanti diceste che queste 
libertà è ormai cosa nostra, perchè si è. provato oli’ Europa 
come sappiamo difenderla. Ebbene uiMone< coraggioi e l’onore 
Italiano, l'onore della nostra Rep.ujoblica ancorai sprà salvo.^ 
fi 5o Aprile ha gettato per sempre nql fango Ujgoveroo' dei 
RonlefiqirRe , e il decoro délliAi^Jaaioae .S^aiwese. i . . 



( 420 ) 

Po?sa quel giorno di gloria rammentare a tutti i Popoli 
della Penisola che nacquero Italiaoi. 

VIVA IDDIO LA REPUBLICA E IL POPOLO ROMANO 

Acclamalo ai unanimità nella Generale e straordinaria 
Adunanza dei 8 Maggio 18^9 

PER IL CIRCOLO 

PIETRO ROCCHI VICE-PRESIDENTE 
GUGLIELMO NERONI PRIMO DEPUTATO 

SAVERIO GRISEI SEGRETARIO 
ANTONIO D. PANSADORO VICE-SEGRETARIO 


AL GENERALE OUDINOT 
Comandante la spedizione Francese in Italia 

IL CIRCOLO POPOLARE DI S. BENEDETTO 
AL TRONTO 

Generale siete voi Francese? Siete voi soldato Repubbli- 
cano? Onella bandiera che spiegate ostilmente in faccia a Ro- 
ma Repubblicana non é quella stessa bandiera ebe dalla Na- 
zione Francese fu inaugurata riscattatrice della schiavitù dei 
Popoli? Perché dunque i Repubblicani della Senna vengono 
Con mano omicida a spegnere ani Tebro la santa favilla di 
libertà ed a combattere per il dispotismo e la tirannide? Que- 
sta é un’onta al nome Francese, questo è un marchio d’ in- 
famia che voi per fatto del Governo di Francia imprimete in 
fronte a quel popolo generoso: questo è un delitto che oscura 
il Gallico nome, e pesa orribilmente sulla coscienza di quei 
che furono complici di si alto tradimento. Contro di questi 
noi protestiamo in faccia al mondo, e ci appelliamo al gin* 
dizio della Francia come libera Nazione, e non della Fran- 
cia diplomatica , sulla quale sola ricade 1’ infamia di tanto 
fratricidio ; il Popolo di Parigi ne farà rendere strettissimo 
conto agli antori del barbaro attentato compiuto sul suolo 
Romano a vituperio del quinto articolo della Costituzione 


Dìgitized by Google 



(421) 

Francese, c del saciosanlo diritto delle genti. ÌN'ò la Fran- 
cia non smentirà se stessa , e veiitliclierà UoFna che col 
■uo coraggio vi accusa di si abbominevole poiTilia, c sa- 
crilegio: ove mai si vide 1’ onorato soIJ.ito correre in ajuto 
dello sgherro, e dell’ assassinio ? 

Generale voi tradiste la Francia propugnatrice ovun- 
que di libertà. Dess.i spedisce coraggiosi ed intrepidi apo- 
•toli ad infiammarci di liberali sentimenti , e voi venite a 
mano armala a troncare la vita di uo democratico Gover- 
no a soffocare, conquidere, e distruggere quelle liberali 
istituzioni ebe sul vostro esempio , mi con mezzi pm le- 
gali ed umani il coraggioso popolo Romano risorto all’ an- 
tico valore fondava rivendicando i propri diritti. Eh ! via 
ricacciate nel fodero la vostra spala un di gloriosa ora di- 
aonorata e lorda di sangue fraterno che Romani e France- 
•ì sono fratelli per identità di governo, e di principii , Voi 
non dovevate sguainarla che per difesa, giammai per e ler- 
minio di un Popolo libero. Generale ! fidiamo nel vostro 
onore militare, e ci auguriamo “ che detestando il passato 
errore, vorrete ora sostenere !• diritti di un Popolo che non 
è una fazione , come i nostri nemici si studiano larvi cre- 
dere , il quale con insuperabile costanza cd unione infran- 
gibile vuole ad ogni costo la sua libertà , c giurò di sep- 
pellirsi piuttosto sotto le rovine delle città che tornare »He 
antiche catene. 

Rammentatevi che coloro per i quali fpugnastc han 
sempre fino al giorno innanzi congiurato a danno della 
Francia. Leggete le storie, e non dimenticatelo mai più. 

Vira la Repobblica Romana-Viva la Nazione Francese 

Acclamato ad unanimità nella generale e straordinaria 
adunanza dei 8 Maggio i849* 

PER IL CIRCOLO 
Pietro Rocchi Vice-Presidente 
Guglielmo Neroni^Primo deputato 
Saverio Grisei Segretaria 
Antonio Doti. Paniadoro Vice-Segretario 

X 


Digitized by Google 



Digitized by Google 


PROVIIVCIA 

D I 

CAHERIiVO 


Digitized by Google 



Digitized by Googli 


( ) 


C A M E RINO 


AL TRIUxM VIRATO 

ALL’ ASSEMBLEA NAZIONALE 
ED 

AI MINISTRI DELLA REPUBBLICA ROMANA 
IL MUNICIPIO DI CAMERLNO. 

Cittadini l 

n fatto grandissimo venne testé consnmalo: La Najlo- 
ne Francese che ha vanto di generosità , che per identità di 
principii e per ogni altro rispetto dovea esserci amica, co- 
me spesso e recentemente con soleani parole lo aveva pro- 
messo , ha violato il santo territorio della Nostra Repub- 
blica r Voi avete energicamente protestato , e alle parole 
pronti sono accorsi vigorosissimi r fatti. Noi figli del Po- 
polo, noi eletti spontaneamente dal Popolo non possiamo 
per niun modo tradirne la causa , e perciA con ogni cal- 
dezza di sentimento, con ogni risoluzione di opere intorno 
a Voi ci uniamo, ci stringiamo intorno al Palladio della 
liomana Libertà. 

Si, noi vogliamo esser liberi , perchè Dio tali cI ha 
fatto, perchè troppo Inngamonte abbiamo sperimentato i 
mali del Dispotismo, perchè questo è il fermo proposito di 
tutti che sentono l’amar della Patria. Fra le vecchie istitu- 
zioni, e le novelle non è luogo a transazione : Vi s'inalza 
una tremenda barriera, e forza d’uomo non è potente a di- 
struggerla. Veneriamo lealmente il Pontefice perchè Catto- 
lici, intimamente amlam la Repubblica perciiè Cittadini; 
ecco la nostra professione di Fede. 

X 3 




Digitized by Google 



( ia6 ) 

Cittadini, il nostro Voto non si smentirà finché avre- 
mo lena nel cuore, forza nel braccio. II di che la Repub- 
blica fosse minacciata di cadere sarebbe giorno di terribi- 
lissima lotta. In nome di DIO, e del POPOLO Noi lo giu- 
riamo ! 

.Camerino 28 ^Iprite i 84 g- 

Firmati s Filippo Bellocchi Gonfaloniere. 

' Odoardo Giacliesi ) 

Panfilo Fusconi ) Anziani 

Francesco Rianchini ) 


Marino Cicconi ) 

Saverio Bruschetti ) 

Filippo Avv. Marsilj ) 

Pietro Gaudi ) 

Giambattista Fabbri ) 

Tommaso Ing. Trebbi ) 

Giammario Pallotta ) 

Francesco Avv.. Marsili ) 

Romolo Conforti 
Gianfrancesco Muzi ) ®*^**S* 

Filippo Morelli ) 

Ulisse Napolioni ) 

Filippo Sabbietti ) 

Serafino Macchiati ) 

Luigi Franci ) 

Pietro Gabrielli ) 

Luigi Malpeli ) 

F>'3Dce8co Vannucci ) 


iV. B- Mancano le firme di un ^nzianoy e di 6 Consiglieri 
non intervenuti all' Adunanza come legittimamente 
impediti 0 per giustificala malattia, o per assenza. 


Digitized by Google 



■ ( 4*7 ) . .. , _ 

La Città dì Camerino inoltre invio al. Goyerno una co- 
pia della protetta dell* Astenablea emanala il so. Aprile 
ricoperta dei tegnenti nomi 

REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO , E DEL PDPOLO 

I sottoscrìtti Cittadini Camerinesi aderiscono pienamente 
alla Protesta dell' Assendflea Romana 

Vincenzo Emiliani Capor. 

Francesco Bartoloni Sarg. 

Rutulini Teodoro ff. d’ Ispett di Polizia 
Micoui Filippo 
Oreste Angeìucci 
' Giuseppe Benedetti 

Mariano Mironi 
Paride Santolini 
Roberto Manelani Serg. Naz. 

Niccola Sabbatini 
Vincenzo Ferretti 
Settimio Marsil) 

Enrico Bettacchi 
Consalvo Valentini 
Luigi Milasu 
Aniceto Bonelli 
Ansterio Scalebretti 
Camillo Angelini 
Filippo Lamponi 
Panfilo Fusconi Cap. 

Domenico Bufalini 
Gagliardi Giacomo 
Filippo Bettacchi 
Luigi Aogeletti 

Annibale Sabbatini’ ' 

Giovanni Santini 
Giuseppe Rinaldi 
Capuani Giuseppe 
. Emidio Ricci 
Giuseppe Vissani 
Giminiani Innocenzo 
Paolo Mancini 
Raffaelle Tabelli 

.r 4 



.( ) 

Leonida Scacchi 
Ferranti Pietro 
Bettacchi Raffaele 
Giacinto Palmucci 
Antonio Angelini 
Vincenzo Apriani 
Piiccola Zampini 
Giuseppe Massi 
Anacleto Sarti 

fiatali Miconi Sotto Tenente 

Francesco Luzzi 

Marchetti Vincenzo 

Francesco Aleandri 

Pasquale Falzi Caporale 

Betti Luigi Serg. Magg. de’ Tiragliori 

Mariano Piataloui Sarg. Foriere 

Maurizio Maurizj 

Remigio Ripari 

Oliviero Muzj 

Vitali Vincenzo 

Vincioni Domenico 

Domenico Mazzetti 

Pietro Valentini 

Stefano Cicognani Repoblic. 

Vincenzo Jannncci 
Efidio Mochi 
Ermanno Grifoni 
Vincenzo Albarigi 
Domenico ]\'icolanti 
Gio. Francesco Angelini 
Pasquale Curesi 
Torquato Torquati 
Vincenzo Salvetti 
Giacomo Lucarelli 
Raffaele Angelucci Sarg. For. 

David Fiaccarini 
Achille Galli 

Alessandro Valenti Tenente Q. M. della Guardia 
Nazionale 
Luigi Tronci 
Emidio Doncecchi 
Luigi Garam pi 
Fioretti Severino 
Francesco Conti 


Digitìzed by Google 



^ .( 4 * 9 ) 

Tommaso Gianni 
Santerini Antonio 
Francesco Pelagalli 
Carlo danni 
Giuseppe Fidanza 
Micliele Rotti 
Enrico Barteri 
Claudi Mariano 
Feliciani Carlo 
Niccola Fessa 

Emidio Tesca Sotto Tenente Compagnia Uni' 
versitaria de’ Bersaglieri 
Gelosio Simoncini 
Monaldi Fedeli Sarg, de Tiragli®^* 

Lodovico Feliciangeli 
Emidio Benvenuti 
Alberto Mazzoni 
Luigi Vincentini Istruttore 
Amai) tini Zoa 
Domenico Piergentili 
Ettore iVlarsilj Caporale dei Tiragliori 
Paride Ruffini 
Girolamo Fiaccarini 
Passini Leonardo 
Antonio Bonomi 
Alessandro Angeletti 
Filippo Sabiati 
Dionisio CaralTa 
Alessandro Massarotti 
Vincenzo Gasparini 
Benedetti Mercurio 
Antonio Bertucci 
Luigi Ciascliini 
Francesco Ceccarelli 
Pacifico Rami 
Filippo Fiaccarini 
Nazzareno Zonghi 
Cesare Mariandi 
Alessandro Fabiani 
Giuseppe Marchetti 
Pietro Lorenzetti 
Pacifico Marmcchi 
Angelo Pasini 
.Venanzio Maccarì 
xxxS 



( i3o ) 

Veccbiarelii Carlo 

Alberto Primavera Ajut. Solt. Ufficiale 
Filippo Corazzini Caporale de’ Bers. Unirera. 
Eugenio Maculari 
l^tiigi Bernabei 
Lorenzo $ensii)i 

Francesco Vallari Caporale de* TiragUori 

Arcangelo Natili 

Giovanni Deangelis 

Elcomcne Salvi 

Albino Cupini 

Luigi Giuseppetti 

Giuseppe Malpeli 

Vargo Michele 

Filippo Ribechi 

Filippo Amigi 

Felicianì Pietro 

Sa vini Girolamo 

Carlo Gradetti 

Antonio Mataloni 

Vincenzo piletti 

Fazziui Gelusio 

Cesi re Castelli 

Costanzo Lattanzi 

Fabbri Giambattista 

Tommaso Righini 

Gregorio Comi ^ 

Gajani Mariano 
Gizio Faricelli 
Filippo Santini 
David Monti 
D. Vincenzo Pecca 
Leopoldo Betti 
Risaliti Domenico 
Fazzini Domenico 
Palmieri Francesco 
Nemesio Fabrunj 
Venanzo Cemani 
Emidio Moretti Sarg. Maggioro 
Vincenzo Ribecht Tenente 
Domenico Bettaccbi 
Francesco Sensini 
Morlacchi Antonio 
Vincenzo Macchiati TenenU 


Digitized by Google 



Luigi Pierluigi * 

Giuseppe Cicconi 
Agostini Terenzo 
Mariani Giuseppe 
Francesco Federici 
Giuseppe Federici 
Carlo Gazzella 
Aniceto Muzzi 
Michele Bonomi 
Valeriano Segatori 
Filippo Ferretti 
Mario Gregorj 
Murj G. Francesco 
Filippo Angelè 
Bernardi Girolamo 
Grottini Pasquale 
Tommaso Pandolfi 
Natale Marchetti 
Giuseppe Paggi 
Salvatore Santieri 
Agoslmo Savini 
Filippo Serarcangeli 
Palmieri Filippo Sargtntc 
Casimirro Vannucci 
Vincenzo Puccisanti 
Melchiori Venanzo 
Alessandro Spagnoli 
Giuslino Bettiicchi 
Venanzio Marsìlj 
Serafino Broglio 
Giuseppe Ricci 
Gio. Battista Micooi 
Luigi Petrini 
Conforti Romolo Capitano 
Farsarei li Vincenzo 
Carlo Ribechi 
Damaso Vissani 
Giovanni Condona Valentia! 
Sabbieti Gherardo 
Emidio Zticchi 
Antonio Pignotti 
Valentino Corami 
Fabbri Norberto 
Felice Frnschetti 


Digitized by Coogle 



Edoardo Giacchesi 
Vincenzo Fabrosis 
Giuseppe Angelici 
Tommaso Bonlìglio 
Pietro Bufuli 
Eraclio Maggi 
Agostino Cardellini 
Francesco Bendandi 
Pietro Feliciani 
Vincenzo Viole 
Morlacchi Stefano 
Carlo Accica 
Casalini Domenico 
Luigi Rossetti 
Venanzo Bottaccbi 
Cittadino Saviui Pietro 
Filippo Negri 
Francesco Geraldini 
Vincenzo Caraffa 
Giuseppe Miconi 
Vespertino Mariani 
Vincenzo Leonelli 
Vincenzo Tagliaccenti 
Giovanni Marsilj 
Emilio Buratti 
Giuseppe Cavadischio 
Giovanni Ciani 
Domenico Sabbieli 
Luigi Compagni 
Nicola Maurizi 
Venanzo Cardellini 
Venanzo Manerni 
Luigi Bornia 
Giuseppe Mcrenzi 
Pacifico Baroni 
Antonio Menichellì 
Io Pacifico Turchetto 
Ubaldo Cugini ' 
Francesco Liberati 
Giuseppe Scudiatti 
Ant. Bonafé 
Domenico Mnzj 
Francesco Ricci 
Gervasio Fazzini 



Gìornnnì Paggi 
Giovanni Toppi 
Pietro Mar«il] 

L. Valeri 
Alessandro Betti 
Eusebio Contilj 
Filippo Marsilj 
Odoardo Lazi 


(^ 35 ) 


S. Belli Capitano 
Gio. Batt. Biondini 
Giuseppe Biondini 
Alessandro Bernini 
Pacifico Faricelli 
Luigi Morieno 
Bedenetti Vincenzo 
A. Bartoloni 
Fiorindo Ferretti 
Giuseppe Ferretti 
Luca Clacedi 
Equizi Munzio 
Bernardino Savelli 
Gaetano Ovidj 
IVIacchiati Luigi 
\y. Righi 
Giuseppe Cottini 
Angelo Miglioretti 
Giuseppe Mancini 
Giuseppe Paolelti 
Arcangelo Lorenzini 
Domenico Sensini 
Luigi Conti 
Ulisse Napolioni 
Domenico Matte! 
Gioacchino Malaccfaiari 
Patrizio Mazzoni 
Marsilj Giuseppe 
Ferretti Giovanni 
Vincenzo IMebbia 
Girolamo Casarotta 
Ulisse Pecci 
Andrea Paoli 
Giovanni Malpeli 
Filippo Mainardi 
Francesco Fazzioi 


Digitized by Google 



( i54 > 

Pietro Conforti 

FilippoMorelli lotto Tenente Naz. 

Romualdtf Mariani 

Luigi Malpeli 

Raffaele Macchiati 

Raffaele Primavera 

Vincenzo Orazj 

O. Robbi 

Giulio Robbi 

L. Valeuti 

Luigi Lorenzini 

Andrea De Angelii 

INiccola Ricci 

Mariano Schiavi 

Poggi Angelo 

Bottacchiari Vincenzo Procorat. 

Antonio Moriconi 

Pacifico Oltavioli 

Luigi Feliciani 

Io Giosafat Ercolani 

Vincenzo Miconi 

Ruggiero Spagnoli 

Odoardo Tanini 

Giuseppe Castellani 

Ferdinando Francalani 

IVicola Castelli 

Girolamo Venzoli 

Terenzio Aspri . 

Leonida Sarti 

Ercole Fabronj 

Pietro Pasini 

Luigi Massarotti 

Antonio Bernardi 

Picrgentili Colombo 

Alessandro Bernardi 

Giulio Cugini 

Luigi Stella 

Antonio Macchiati 

Domenico Malpeli _ 

Luigi Tassini Redace Milite 

Paolo Marsilj 

Giovanni Vargas 

Giuseppe Marchi 

Domenico Miconi 



( 455 ) 

Annibaie Miconi 
Francesco Fidanza 
Venanzio Ciccarini . 

Luigi Mattel 
Egidio Marchi 
Ercole Giti 
Francesco Giti 
Lorenzo Falzi 
Alessandro Miconi 
Io Odoardo Maggi 
dito Morelli 
Settimio Aloisi 
Tanini Paride 
Mattia Serafini 
Pio Roital 
Antonio Buratti 
Vincenzo Bartolooi 
Niccola Canavari 
Domenico Rocchi 
Leonardo Nicolai * 

Francesco Laurenzi 
Rizzerio Osani 
-Sandacchi Federico 
Giovanni Righini 
Leone Farabegoli 
Vincenzo Vespignani 
Pacifico Amici 

Pietro Vannucci sottosag. del Duomo di Cam. 

Antonio Bandagiati 

Francesco Porciatti 

Pietro Mariani 

Bonaventura Vargas 

Ambrogio Miconi 

Massarotti Patrizio 

Pietro Casini v 

Filippo Nebbia 

Giuseppe Fulvi 

Giorgio Mazzoleai 

Filippo Castelli 

Giuseppe Cagnacci 

Angelo Carducci 

Venanzio Feldrini 

Raffaele Nicola} 

Venanzio Ortolani 


Dìgitized by Google 



( 436 ) 


Serafino Falij 
Pelagaggi Pompeo 
Venanzio Vitali 
Vincenzo Farroni 
Mariano Graziani 
Francesco Zampini 
Lazi Filippo 
Mariani Luigi 
Cesare Toloraei 
Mariani Pacifico 
Francesco Scnsini 
Viscani Antonio 
Venanzio Marchetti 
Germano Umani 
Enrico Aspri 
Pietro Lupaccliini 
Luigi Varani 
Giuseppe Tomassetti 
Nicola Napoleoni 
Giuseppe Paggi 
Leopoldo Zoppi 
Domenico Berenadi 
Pietro Marsilj 
Claudi Clemente 
Giuseppe Alberto Sbriccoli 
Pietro Santoni 
Angelo Moriconi 
Ignazio Pelagaggi 
Antonio Ponzi 
Biagio Antolini 
Vincenzo Subbiti 
Viri Quirino 
Federico Cecchini 
Francesco Tnzi 
Augusto Folcini 
Io Hentigerno jSabbieti 
Moriconi Tito 
Domenico Mariani 
Filippo Toderi 
Vincenzo Baldini 
Tito Scudacchi 
CiufTetti Venanzio 
Giovanni Carducci 
Vincenzo Bomprezzi 


Digitized by Google 



c <57 ) 

Venanzo Angeletti 
Belinbarba Francesco 
Ignazio Feliciangeli 
Venanzo BaIHucci 
Secondo Farabulini 
Pietro Fraticelli 
Emiliano Bernabei 
Emilio Ambroselti 
Francesco Mingazoni 
Vincenzo Angeletti 
Cugini Filippo 
Tito Lazzeri 
Domenico Casini 
Domenico Gapora 
Pierluigi Ulisse 
Filippella Luigi 
Sbriccoli Daniele 
Lodovico Morlacchi 
Luigi Corvini 
Angelo Rosselli 
Onerino Morluchi 
RalTaele Tomasetti 
Egisto Neri 
RalTaele Prndenzi 
Venanzo Mengliini 
Giovanni Albini 
Giovanni Lotti 
Porfirio Labbretti ' 

Oreste Savini 
Giacomo IVlarini 
Paolo Paolucci 
Romolo Alleva 
Francesco Alleva 
Luigi Decini 
Sante Marconi 
Basileo Venanzini 
Raffaele Perini 
Io Tommaso Fidani 
Io Augusto Primavera 
Raffaele Verdarellt 
Domenico Micozzi i 

Cesare Grasselli 
Giovanni Gabrielli 
Vincenao Santarelli 


Digitized by Google 



G. M. Pallolta 
Giovanni Tuaro 
Angelo Crastrico 
Io Franceaco Loszi 
Vincenzo Gabrielli 
Venanzo Valentin! 
Vincenzo Pericoli 
Io Giuseppe Gloria ^ 
Tommaso Tronchr 
Vincenzo Malpeli 
Antonio Petrejli 
Desiderio Pittoni 
Lucio Cicconi 
Io Domenico Medici 
Mariano Bonacucina 
Antonio Bileggi 
Filesio Pallani 
Daniele Nicolaj 
Diamante Ricci 
Boldrini Luigi 
A. Meth 
Giorgia Felici 
Giovanni Mori 
Giovanni Vitalini 
Serafino Felici 
Giuseppe Berti 
Giaccbesi Ernesto 
El pidio Carducci 
M. Cicconi 
Claudi Pietro 
Luigi Sabbieti 
Luigi Saracini 
Benedetto Gentili 
Luigi Mercuri 
Giustino Trinci 
Giovanni Bufalini 
Pacifico Vissani 
Angelo Ferretti 
Filippo Ferretti 
Antonio Bernabei 
Felice Mori 
Matteo Ortolani 
Guglielmo Diletti 
Francesco Scotenni 


Digitized by Coogle 


I^abatlno Ramndòrt 
.Vincenzo Rinaldi 
Antonio Tagliaventi 


Caraffa Felice ^ 
Giovanni Carpiceci 
Luigi Ruffìni 
Giuseppa Faricelli 
Lucarini Giuseppe 
^Tazzarenó Paggi 
Luigi Salvatori 
Carlo Santini 
Vincenzo Casoni 
Venanzo Toccafusd 
Gio. Bat. Buccoli ni . 
Venanzo Bùccolinì . 
Nazzareno Buccolini 
Giovanni Ciciano 
Francesco Buccolini 
IVIontefiore Emidid 
Flaminio Amici 
Giuseppe Casoni 
Carlo À'Jirlucio 
Camillo Passini 
Domenico Moroni 
Rotino Fattinànzi 
Domenico Rè 
Benedetto Marulld 
Enrico Giovannini 
Colletto Testa 
Bernardino Angcletti 
Francesco Gianni 
Francesco Viisari 
Nicola Cardellini 
Venanzo GloCid 
Alfonso Vitali 
Francesco Piccinini 
Giovanni Gasparri 
Vincenzo Aspri 
Luigi Fabbri 
Giacinto Morselli 
Carlo Tonnarelli 
Mariano Pandolfi 
Giovanni Bartoloni 
Io Antonio Falltrotil 


( 44o ) 


Pietro Rè 
Antonio Cicconi 
Angelo Marj 
Andrea Moscolini 
Venanxo Massarotii 
Marcantonio Varcai 
Severino Amiconi 
Olito Ferri 
Giovanni Scusini 
Venanxo Milani 
Pacifico Brugnola 
Anaatasj David 
Antonini Domenico 
Giuseppe Mariotti 
Stefano Sabbatini 
Pietro Morichelli 
G. Bernabei 
F. Av. Marlin 
Gio. Battista Colarli 
Angelo Pescolloni 
Domenico Piermattei 
Alessandro Cipelli 
Enrico Rota 
Giacomo Marsilj 
Pietro Gabrielli 
R. Bianchini 
Cirillo Bernardi 
Emidio Piccioni 
Domenico Santaroni 

Camerino 3 o. Aprile 18(9. 

Visto il Preside ’ 
G- peroni 



■( 4(i ) 

IL MUNICIPIO DI CASTELRAIIVIONDO 
AL TRIUMVIRATO 
delia 

REPUBBLICA ROMANA 

Scosso ha gli animi l’annunzio dei Francesi a C/vila- 
vecchia. Rìvesliti noi della Rappresentanza Municipale , ed 
ìiìterpetri del voto dei nostri Amministrati altamente di- 
chiariamo , che la Romana Repubblica troverà , anche nel- 
le ristrette forze di questo Popolo , i leali difensori contro 
di chi osasse turbarne resistenza , geloso essendo e risolu- 
to di mantenere perenni i diritti di quella libertà, che aggiun- 
ije gloria a Roma iniziatrice , ed a quanti la secondano, 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 

Dato li 28 Aprile 1849 

Pietro Paolo Sensini Priore 
Pi.r Domenico Torchi ) 

Ludovico Morlacchi ) ' 

. CONSIGLIERI 

Giuseppe Mancelli ^ 

Venanzo Piergeniili 
Giuseppe Turchi 
Niccola Rossetti 
Mariano Matalohi ' 

Isaia Antonozzi 
Pietro Bonacucina 
Camillo Gaoni 

M, Gasparri S^^r, pud» 


r 


DIgitized by Google 


( ii‘ ) 

REPnBBUCA ROMANA 

» « • 

IN NOME DI DIO E DFX POPOLO 
IL MUNICIPIO DI PIORACO 

Nei sopremi e perigliosi fììomentì , che incalzano , e 
compromettono le nostre libertà , c’ incombe per s^cro do- 
«vere dì Cittadino , di mostrarci forti dei nostri diritti in 
sostegno della Romana Repubblica , a cui fin dal s.io na- 
scere, ed ora nuovamente prestiamo solenne adesione pro- 
mettendolo soU'ara stessa del Nume Salvatore del Popolo 
Italiano. Il Popolo abbandonalo a se stesso si scelse mi le- 
gittimo Governo per mezzo de’ suoi legittimi Rappresen- 
tanti. L’impudenza di una casta di Uomini clericali lo disse 
Tenuto alla luce sotto la protezione dì una mano’di faziosi , 
ci disse anarchici , e procurò di ribadire le nostre catene colP 
opera della diplomazìa e delle baionette straniere. Onta eter- 
na a questi nemici della libertà I II loro operato e loro ca- 
lunnie non faranno che ripiombare sul loro capo , e rico- 
prirlo d’un aureola d’ ìnfamia.Noi fummo giulivi in quel gior- 
no in cui l’Aquila Repubblicana incominciò a ricoprire dal 
Campidoglio co* suoi vanni le nostre franchigie. SI lo ripe- 
tiamo fummo giulivi , ed ora , quando il nostro Governo 
spieghi la sua bellicosa Bandiera , Noi fotti di quella fede , 
che impronta le anime grandi , e le magnanime imprese , 
impavidi la seguiremo , dovunque gli piaccia inalberarla , 
come Vessillo di gloria e di libertà non peritura. 

Fioraco i Maggio 18X9 

GIOVANNI MILHNI Priore 
Antonio Cesini ) 

Antonio Tamagnini ) Anziani 
Francesco Mataloni ) 

CONSIGLIERI 
Antonio Mariani 
Venanzo Censì 
Giuseppe Marchetti 
Luigi Tamagnini 
Sante Spitoni 
Agostino Cibaldi 
Pietro Paolo Fornarini 
Cro)^ce di Marini Giuseppe 

.Francesco Gastrica Segrif. 


(; 45 ) 

ALL’ assemblea NAZIONALE 
COSTITUENTE 
AL TRIUMVIRATO 
ED AI MINISTRI 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 
LA MAGISTRATURA DEL MUNICIPIO 
DI ACQUACANINA 
CITTADINI ! 

Coir essersi mai sempre mantenato l'Ordine Publico la 
questo Coninne dopo la proclamazione della REPUBBLI- 
CA ROMANA hanno apertamente questi Popolani fatto 
conoscere esser di loro più che piena sodisfazione I’ attuale 
forma di Governo ^ tanto col mantenimento del sudetto 
Ordine Publico , quanto col dare pronta , ed esatta e« 
TBsione agli ordini abbassati dall’ Assemblea , e suoi Mi- 
nistri , e con l’ acclamare le provvide Leggi emanate. 

Serva tale genuina dichiarazione , o Cittadini , a smen- 
tire l’Opinione invalsa in qualcuno che la tanto acclamata 
REPUBBLICA ROMANA non riscuota le simpatie delle Pro- 
vincie. 

Acquacanina 3 o Aprile 18^9 
Vincenzo Ansovini Priore 

Ansiaoi 


Bernardino Valentìai 
Antonio Gennari 
V. Faricalli Seg, 


r • 


Digilized by Googlc 



( iU ) 

ALV assemblea costituente nazionale 

AL TRIUMVIRATO 
E AL MINISTERO 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 
IL MUNICIPIO DI SERRAPETRONA 
■cittadini! 

Dalle notizie chp ci porgete « siam fatti certi ohe una 
diviiione Francese si é presentata nella Capitale Roma per per> 
turbare i sacri diritti della Nostp^ Repubblica consenti* 
ta dal yoto universale , mediante missione di deputiti co- 
me ()a noi, cosi da tutti 9 riva voce approvati i quali dal 
Campidoglio con piena facoltà del Popolò proqlamava testé 
r Assemblea Costituente. Voi a tutto questo avete operato 
lenza |l più piccalo inganno , rendendoci avvisati di tutti i 
fatti, pd il mandato delle Provincie non è statq gradito . . 
Viva tlunqne la REPUBBLICA ROMANA ! 

Senza pertanto intertenerci con eleganti ngionanipnti 
iatendiapio col presente di rinnovare il volo di fiducia più 
caldo ^ l’alto più leale , e saldo di adesione al Governo Re* 
})ubblicanQ, cuf tanto nobilniente , e con ineriarr^bile prò* 
Etto presiedete. 

Accettate «questi sentimenti di fedele, e costante attacea? 
mento alla Nostra Repubblica, e siate sicuri che niente lascia^ 
remo intentato per la difesa di Essa contro phiunque osaste 
di violarne i diritti. 

Tatti concordi adunque ripetiamo qui coq enfasi s V^iva* 
• riva sempre la REPUBBLICA ROMANA ! 

Votato li 4 Maggio 

Antonio Giacinti Priore 

Gio: Batta Natalini 
Paolo Claudi 
Giovanni Vitali 
Sante Pioli 
Antonio Sereni 
Lorenzo Natalini 
Ansovlno Cìcconi 


) 

)Anaian| 

) 

) 

) CoDsiglifrj 
) 


Digitized by Google 



( Wo ) 


REF.UBULICa ROMA^'A 

V 

IN NOME or oro E:OIiL POPOLO 
ALL’ ASSEMBLEA NAÌ.IÓÌN' ALE 
AL TRIOMVIRATO 
IL MtrVIClPlO DI PIEVETORINA 

Cittadini I La Magistratura ed il (Consiglio di Pieve- 
fòrihà eletti spontàneamehfe dal Pupòlo con ogni solennità 
Vi dichiarano che èssi prestano U più piena adesione all* 
attuale Governo REPUBBLICANO e che il Popolo intende di 
dOnservàr integri i sudi diritti di Libertà concessigli da Dio. 
Protestano poi di èssóré RepiibbliCanl , perché nel Vangelo 
bóno àtàti proclaniàti Repnbiilicani principi . Venerano nel 
Pontefice la p()te»t?i spirittiale , nell’ atto stesso che amaiu» 
la Repubblica Romana come fonte di benèficii, come convc* 
niènte ai principi di Patriottismo Italiana. 

Questo è il loro voto , e questo vogliono a Voi con ogni 
pnblicità mariifestato. 

Votato per acclamazlode ne! Generale Consiglio del 5 o 
Api*ile 1849. 

Antonio CiccarelU Prióre 

Pilippd Castellàoi ) 

Giuseppe Massaria . ) . .. 

Giovanni Felicia'ngeli 
Domenico Carurci 
Angelo Qnintiliani 
Domenico Giacchinl 
Angelo Cristallini 
- AnsuvìOO Bodei 

Emidio Pompei Sindaco di Torricchio 
Antonio Pompei Anziano . 

Vincenzo Angelici Consigliere . 

P. Marchetti Segretario 

X 3 . 


) 

)• . 

I Consiglieri 
) 

) . - 


ì 


Digitized byGoogle 


( 446 ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUErrTE NAZIONALE 
AL TRIUMVIRATO 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 
LA MAGISTRATURA DI PIASTRA 
NELLA PROVINCIA DI CAMERINO 
Cittadini ! 

L’alba del giorno 87, che piti brillante, e para ione ad< 
indorare inostri Appennini fu pernoiNoozio di giofa in prima 
ignota, perché foriera di novella, che l’ànitno riassicurava del- 
la Repubblica Romaaa. L’ingresso delle troppe Francesi nel< 
nostro suolo era caparra immancabile di lor patrocinio, e ve- 
demmo in esse le braccia di ft*atel li protese a lor fratelli; ma- 
ho quanto passeggierà fu la dolce illiisione ! Il giuro solenne,' 
che Voi, o Deputati e Triumviri, pronunciaste di respingere' 
con la forza rimbombò nelle Valli, 'e ripetuto dall’eco di que-' 
•ti Appennini manifestò lo inganno. L’ animo si riscosse, e 
e comprese, che un Popolo indipendente, una Nazione demo- 
cratica, rinnegando i suoi principi si dichiarava nemica giu- 
rata della libertà italiana, e la sfida gettava di guerra fratrici- 
da. Noi, Noi sentivamo il bisogna delle istituzioni liberali, le 
ricevemmo e le abbiamo comprese. Nelle gravi vicende, nei 
■apremi momenti ci conservammo tranquilli, e dignitosa fu 
la nostra calma. Non una offesa nella persona, nonna detto, 
non una inginria. Fummo fratelli , lo siamo, e sempre il sa- 
remo. 

La nostra protesta é solenne s Mai ci faremo istramenti a 
ribadire le catene di servitù - 

VIVA LA REPUBLICA ROMANA 

Acclamato ad nnanimità nell’.Adanaaaa del di So Apri- 
le 1849* 


La Magistratura 
Andrea Msfferri Priore 
Girolamo Conti ) 
Antonio Sestili 1 ) 


Anziani 

Francesco Conti Segretario 


Digitized by Google 



( 44r ) 

AL CITTADINO PRESIDE 
NELLA 

PROVINCIA DI CAMERINO 
LA MAGISTRATURA E CONSIGLIO 
DI PIEVEBOVIGLIANA 

Quando giunse da Roma nel Febrajo testé decorso U 
notizia sulla proclamata istituzione del Governo Repubbli- 
cano , anche in questa contrada la commozione degli animi 
in senso di gioja fu universale, vivissima, nè mancò il pian* 
to di gaudio a fecondare le rinascenti speranze della Italiana 
Libertà. Dalla natura, e carattere dei primi sensi, riesce fa- 
cile il dedurre quanto imponente, e generale sia qui scop- 
piato il fremito di sdegno all’udire come il Ministero di Frau- 
' eia si accinga ora a distruggere tra noi l’idolatrato Regime, 
impiegando alPiiopo quelle armi medesime destinate a ga- 
rantire nel Suolo Francese la rialzata Repubblica , e come 
un Popolo liberalissimo si proponga di comprimere i ge- 
nerosi slanci di altro Popolo Fratello per ricondurlo al pas- 
sato. Laonde con ogni alacrità veniamo a dichiarare, che la 
REPUBBLICA ROM AN A deve contare per ora, e per sempre 
sul nostro sussidio a rispingere gli attacchi dei comuni 
nemici, e sapere che il nostro concorso a mantenerla salda, 
ed inoppugoata non verrà meno aH’appello reso ormai ne- 
cessario dall’attitudine dei Repubblicani fratricidi, che la 
minacciano. Questa determinazione sarà, Io speriamo, con- 
corde anche per volontà dei Popoli di ogni altro angolo 
dello Stato, e come la Repubblica nostra valuterà conve- 
nientemente le rinnovate Proteste, cosi giova che gl’instan- 
cabili nemici conoscano la immutabilità dei nostri prin- 
cipi. 

Finalmente siete pregato Voi, CITTADINO PRESIDE, 
di commnnicare al Supcriore' Governo gli espressi senti- 
rnenti, che avranno anche maggior credito ove siano rac- 
comandali dalla vostra parola. 

Y 4 


Digitized by Google 



^ .«nlansi in sedata pub- 

r.„., .a •PP'0«« 

A.V.«rn1^ loxQ* 


bUca uai>- 

di i. Maggw 


Ansovioo bucarelli Friort 


F. Bianchi Anaiao® 

G. Cicconi ) 

L. Liberti ) 

p, Vincioni ) 

S. Lucarelli ) 

E. Fioretti ) 

T. Gianni ) 

V. Bareca ) 

G. Fiergentili ) 

A. Orasi ) 

G. Gianni Lucarelli Segr. 


GODSÌ|iÌ®f"'* 


f 


Digitized by Google 


( ) 

rfpdbblica romana 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE 
ED AI TRIUMVIRI 

LA MAGISTRATURA DI SEFRO 

Cittadini Deputati e Triumviri ! 

Voi imprimeste nelle menti più rozze l’idea dell i vera 
liberta, e le opere vostre secondano la vostra missione. 
Voi l’esiglio, la carcere, il dolore e tutto provaste nel 
tempo del dispotismo e con rassegnazione degna dei se- 
guaci dell’Evangelo consagraste i vostri stenti per la felicità 
dei popoli. Voi ora a nome di tutti volgete le sorti politi- 
che , e vi affaticate con lena instancabile per attuare quel 
meglio comune che serbavate nel cuore - E non dovremo 
confidare sù voi ? Chi oserà di attentare alla propria liber- 
tà ? Chi vorrà cacciarle un ferro nel seno c rendersi sui- 
cida ? E’ un miserabile che aberra la meta , od un traviato 
che si snatura colui che* vorrebbe distruggere il democra- 
tico Governo dilla Città eterna dei Bruti e dei Cam illi. 

Questo suolo comunale non ha che pochi abitanti : 
ma dessi vi benedicono , siatene certi. La piccola Comune 
di Selro non è l'ultima fra le italiane della Camerinese Pro- 
vincia. Anche nelle campagne e nei villaggi, anche fra que- 
sti monti stanno i cultori di Cittadine virtù. 

Conservi il Cielo la Repubblicana Reggenza la quale , 
proclamando uguaglianza , verità cd amore , rompe con 
mano amica le catene della servitù , distrugge i privilegi di 
alcune classi , ascolta le querele degli oppressi , toglie ed 
attenna i più gravosi tributi e ritorna l'uomo al suo natu- 
rale diritto. 

Questo é il Governo di Roma , questi, o Cittadino Gen. 
Oudiiiot , sono gii atti dei nostri Rappresentanti. 

Votato ad unanimità nella pubblica Sala a di l Mag- 
gio 1849. 

FRANCESCO MORETTI Priore. 

PIETRO GRILLI Anziano. 

' Biagio Santini Anziano. 

LUIGI Doti. SCARDACCI Segretario. 

r 5 


Digitized by Google 



( 45o ) 

IL MUNICIPIO DI GAGLIOLE 
AL 

TRIUMVIRATO DELLA REPUBBLICA ROMANA 

Scosso ha gli animi l’annunzio dei Francesi a Civita- 
vecchia. Rivestili noi della Rappresentanza Municipale , ed 
interpeiri del voto dei nostri Amministrati dichiariamo , 
che la Romana Repubblica troverà, come ci sembra an- 
che nelle ristrette forze di questo popolo i leali difensori 
contro chi osasse turbare la sua esistenza geloso essendo di 
mantenere perenni i diritti di quella libertà > che aggiunge 
gloria a Roma iniziatrice , ed a quanti la secondano. 

Viva la Repubblica Romana 

Dato li 3 o. Aprile 1849 

Federico Pierangeli Priore 
A. Pagnotta Anz. 

Francesco G. Calisti Anz. > 

Francesco Brocchi Anz. • . • * 

Per copia conforme io uso d’Ufficio 

L. Ricci Segret, PubbL 


Digitized by Google 



( 4:ì«- ) 

REPUBBLICA 11051A.W 
In Nome di Dìo e del Popolo 

Ai Ciltadini rappresentanti la Repubblica lloinana 
Il 3Iunicipto ed i Consiglieri di Fiordimonlc. 

Noi per dimostrare la nostra fedeltà verso la Piopubblica 
Romana , sentiamo il dovere di assicurare alla medesima, in 
nome anche dell’intero Popolo, che amministriamo, Palla de- 
vozione pel di Lei Governo, ed il vivo desiderio, che si lia, 
non solo perchè sempre più vengano a consolidarsi le di-po- 
sizioni prese dai valenti Uomini , che la rappresentano come 
basate sui prìncipj della nostra S. Religione, che da veri 
Cattolici con tutto il rispetto noi protestiamo di venerare in 
ogni tempo, ma perchè pure vadano a perpetuarsi quelle , 
che si adotteranno io avvenire , specialmente per salvare la 
libertà , e la patria nostra. 

Chiunque osasse turbarla, perchè dataci da Dio, ben ro- 
lonlieri ci uniremo coi fratelli comuni per allontanare i ne- 
mici dell’ordine. 

Queste sono le proteste che intendiamo di fare come in- 
lerpeiri della volontà del pubblico , che ci elesse all' Ufficio, 
in cui ci troviamo , c queste ripeteremo sempre in nome di 
Dio , e del Popolo. 

VIVA L’ ITALIA , VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 

Fatto , ed approvato all’ unanimità in pubblica seduta 
dalla Magistratura , e Consiglio di Fioidimonte li 1 7 Alag- 
gio i84g. 

G. Chiumenli Priore Presidente 
G. Bonanni Anziano^ 

A. Sori Cons. , * 

A. Galassi Cons. 

A. Conti Cons. 

G. Leonelli Cons. 

L. Ferrucci Cons. 

P. Alorelli Gong. 

L. Alariotti Cons, 

F. Subrizi 

C. Lucarelli Seg. Pub. 


. Digitized by Google 



( i5a ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Iq Nome di Dio , e del Popolo 
Assemblea Nazionale 
Ed al Triumvirato 
IL MUNICIPIO DI PIEVETORINA 

Cittadini - L’ invasione Francese è nn fatto solenne ; 
un offesa apertissima al diritto delle Genti. Voi avete prò* 
testato con la forza , e noi pienamente ci aderiamo al pa- 
trio vostro operato. 

Nè i diritti del popolo sono inviolabili perche da Dio 
solo concessi . Noi siamo Repubblicani perchè nel Vangelo 
son proclamati principi repubblicani . Nel Pontefice Noi ve- 
neriam altamente la potestà Spiritoale : nella Repubblica 
troviam la vera garanzia della Libertà . Questo è il voto 
del Popolo che legittimamente rappresentiamo , questo è il 
Toto che solennemente vogliamo manifesto all’ inclito at- 
uale Governo. 

Viva la Bepnbbliea Romana 
Pievetorina 3o Aprile l84o. 

Il Priore 

Antonio Ciccarelli 

Filippo Castellani Anziano. ' ' ” 

Giuseppe Massacca Anziano- i ~ 

Giovanni Filiciangeli Cons. > • i . <> 

Domenico Carncci Cons. 

Angelo Quintiliani Cons. 

Domenico Giacchiai Cors. 

Angelo Cristallini. 

Antonio Bocci Cons. 

Emidio Pompei Sindaco di Torriccbio - • 

Antonio Pompei Ans. 

Vincenzo Angelini Cons. 

Ferdinando Marchetti Seg. Comunale. 

Per copia conforme 
Il Preside 
G. Neroni 


Digitized by Google 



( iS5) 

REPUBBLICA. RQMANA 
IN NOME DI DI9 , E DEL POPOLO 

La MagUtratnra di FIUMINATA conviata che il Gorer» 
no Repobblicana può felicitare la Popolazione che rappre- 
senta esterna voti di gratitudine per i Benefici g>lt ricevuti 
anche per parte della Popolazione istem , che si mantie- 
ne tranquilla , sebbene composta tutta di agricoltori. La Ma- 
gistratura particolarmente prega l'almo Triumvirato ad ac- 
cogliere la sincerità di questi sensi , che anche male espres- 
si sono l’eco della verità. 

- Dalla Residenza Municipale di Fiuminata questo di 3 » 
Aprile 1849. 


a Firmati a 

Costantino Mariani Priore 
Luigi Flamini Anziano 
Giovanni Barboni Anziano 
Bartolomeo Bartocci Seg. Comunale 
Per copia coofarme io uso d'Uflìcio 

n Freaide 

G. Neretti 



( T4 ) 

COMUNE DI SERRAVALLE 
Processo Verbale 

La Rappresentanza Municipale della Comune di Ser- 
ra vallo Provincia di Camerino gelosa costode del mandato 
ricevuto dal suo Popolo altamente protesta contro la stra- 
niera invasione , e rinnuova la più ferma , ed eiìergica 
edesione al Governo della Repubblica Romana essendo ap- 
punto quella forma di Governo in cui il popolo riconosce 
la propria sovranità , ritiene il supremo esercizio , si eleg- 
ge liberamente, e di comune consentinicnto i suoi Magi- 
strati , detta a se stesso le leggi , si crea i suoi rappresen- 
tanti , ed i snoi Ministri , e il Governo dipende in nna 
parola dalla volontà assolata della ragione , unico miglior 
modello , e più esatto esemplare che rintracciar possiamo 
nel Sacrosanto Codice dell'Evangelo , e nei diritti, e do- 
veri della Civile Società. 

Di questa verità ci assicurano , e ci persuadono i sa- 
cri annali , nei quali ovunque vediamo sanzionati i diritti 
del Popolo , riconosciuta la sua sovranità , e il suo vole- 
re rispettato nelle faccende politiche di maggiore impor- 
la n za. 

Dichiariamo inoltre che le basi del nostro Governo po- 
polare sono la libertà, la virtù, Pegiiaglianza. Dna liber- 
tà scevra da ogni servitù esente però sempre dal libertinag- 
gio , e dalla licenza , una libertà di pensieri , di discorsi , 
di azioni che l’ordine pubblico non offendono , sono idirit- 
ti di una Repubblica. 

La virtù si è l’altra base sù cui poggia il Gove-no de- 
mocratico. 

Il terrore, la forza, la violenza, nn vile e vergognoso 
servaggio sono il gran mobile , ed il sostegno della mo- 
narchia , e del dispotismo nemico dei diritti sociali, e na- 
turali dell’ uomo , e della Religione. Ce ne appelliamo in 
conferma di ciò ad un Governo sotto cui ella conta fin dal 
suo nascere per il lasso di quasi tre secoli le più atroci 
persecuzioni, le profanazioni le più sacrileghe , le più bar- 
bare vessazioni , le più m-iligne calunnie sotto il governo 
dei Calligoli , Massimini , Erculei , Uiocleziani , Decj , o- 
mettendo tanti altri mostri piuttostoché nomini , la Reli- 
gione vide profanare turpemente il suo Santnario , inon- 
dare i Tempi di sangue innocente , trucidare i suoi Sacer- 
doti. (Questo fu il retaggio dei proseliti della Religione sot- 


Digilized by Googlc 



( 455 ) 

to il crudele dispotismo della Romana monarchia. I De- 
spoti della Cina , e del Giappone preséntano a noi in tempi 
più recenti un quadro egnale ri’ intollerenza , di crudeltà , 
e di barbarie. La sola virtù adunque crea , e mantiene la 
nostra Repubblica , questa virtù c’insegna i doveri della so- 
cietà , ci addita le regole della nostra morale condotta, e 
ci istruisce di quanto dobbiamo a noi stessi , e ai nostri si- 
mili , e comandaci una vita costumata , modesta , frugale, 
attiva , condanna la viltà dell’ozio , il fasto dell’antbizione , 
a licenza del libertinaggio , che furono sempre il soglio del 
dispotismo. Finalmente Tesser tutti eguali in Cecia alla leg- 
ge è obbligante indistintamente ogni persona , e vcgllante 
sulla condotta del ricco, egualmente che del povero , dei 
Magistrati , e del Popolo. 

L’aver tutti' per origine un’eguale diritto alle Magistra- 
ture , alle pubbliche Civili , e Militari funaionì il solo uni- 
co merito dovendo discernere fra concorrenti , e decidere 
.'s||a scelta, e il^ non conoscere eziandio il Governo Popo- 
lare persone pe^ nascita , o per fortuna privilegiate, e T es- 
sere in una parola' Popolo , e Cittadini , godendo tutti di 
egual diritto nelle elezioni , e nelle assemblee ci costituisce 
ciò che chiamasi democratica eguaglianza, che la Religio- 
ne comanda , la legge di natura , e i diritti delle Genti ci 
reclamano. La Religione ce ne persuade col dirci , che essa 
non conosce l’uomo che come semplice creatura in faccia 
al Creatore. 

Ogn' altro rango, ogn' altra distinzione è a lei intera- 
mente sconosciuta , ed ignota. Essa risguarda gli uomini 
di qualunque classe nel delubro della Religione un sol Po- 
polo , che goda d'ei medesimi diritti , ed astretto dai mede- 
timi doVefi. L*a legge di natura c’ inculca che avendo gli 
nomini sOrlitò da essa un'eguaglianza di facoltà si morali 
che fìsiche, dei medesimi bisogni , proporzioni , e tenden- 
ze , tutti debbono fruire nello stato sociale delle stesse gua- 
rentigie civili , e'sottòporsi alle medesime obbligazioni. 

Serra valle' li Aprile 1849. 

II Priore a'V. Cipfiani 
L. Rbsa AA^iàno' 

DoAslinfco Atit. Pilccf 
D. Cola Gens. 

F.' Cardiindlli CoAs,' 

L. Mancini Seg; 

Per copia conforme 
Il Preside 
G- Neroni 


Digitized by Google 



( 45^6 5 

RHrUEBLlCA KUVIAINA 
AI POPOLI 

della CITTA’ n PIIOVIIVCIA 
DI C AM GRIDIO 


IL PRESIDE 
CAMERIJSHSl ! 

Strsoidinaiie m-vclle , impro\i.‘ì avvenimenti Iiantio 
ntiituo in questi iiliimi giorni P animo vostió. Fate cuore 
perù, la c.iu*t dei diritti del Popolo e della ^agione , non 
che averci perduto, si viene an^i ogni di nieglio afforziui- 
do, e a Noi sta .iffi et l.irne il completo glorioso trionfo. 

Unione, Co«c tritai Ecco le »rmi Onde Una N«*ione Ci- 
vile giunge a vitto ia- lecco le armi onde la Repubblica 
Romana vuol venir grandci 

Unioiie, concordia sia il metto d’ordidé d’ ogni buon 
Cittadino , sia ’o scopo U’ ogni desiderio ^ siu il principio 
d’ogni azione. 'U uil odio, non nn l'aiicórei ma Uh gene- 
rale accordo fiaitruo stringa tulli iu Ulta sola Famiglia^ 

Saceriluli del Dio dell.» Pace, a Voi incombe peouliac- 
inentc U sanl.t Mission.e. I principi che reggono il nostro 
Governo sono principj dell’ Evangelo, perciò devono L.sSvirt 
i vostri. Le vostre operò siano leali, la tolleranza^ I» buo- 
na tede d bb'essere reciproca CIO’ CHE A TE NON PIA- 
CE NON VOLERE CHE AD ALTRI SIA INATTO i Ecco 
la base del gran Codice della Repubblica, SI la Repubbli- 
ca di Roma mai non lederà la supremazia religiosa del 
Pontefice. La libertà di quella non sarà ostacolo alla indi- 
pendenza di qitesto. Il motto - Santa Romana Chiesa e 
Repubbica Romana = non è nuovo nelle storie della Civil* 
tà, e della Religione, e a noi è riserbato tradurre gloriosa- 
mente ad atto il pensiere di mille Savj il desiderio di mil- 
le Buoni, il volere di quanti Credodo all’ umana perfet- 
tibilità. 

Camerinesi ! Voi sapete che un invasione francese ha 
violato il noslro itrritorio. Non v’é ignoto il vile pretesto 


Digitized by Google 



( 45 ? ) 

onde I nemici del Popolo hanno apinto i goldali di quella 
generosa fazione ad oflcndere i nostri più sagri diritti. E** 
si loro hanno detto. Ou'é che il popolo spontaneo plnudisca 
alla Repubblica del Campidoglio ? rodete che il ferro mi- 
naccia la vita del Cittadino ? redole l'insulto che rattrista 
la quiete dell’uomo tranquillo e prudente ? Orsù soldati di 
Francia^ sorgete, siate i redentori di tre miglioni d' Uomi- 
ni strascinati a ruind. 

Stranissimo degli aTTenimenti !*Dn Bonaparfe ha fìr- 
- mato la sentenza deH’inginitissinna invasione ! yn ^ona- 
parle ha segnalo il Decreto della difesa più disperala ! Ma 
nò, non sono le armi sole onde npi dobbiamo respìngere 
Taggressione straniera. Il dirò altra volta, con Tunione e con la 
concordia noi dobbiamo smentire Tempia cagione, che Tha 
provocata, Dimentichiamo ogni privato dispetto ; tutto dee 
cedere alla s;ilute della Patria! Conquistiamo i nostri nemici 
con^ la potenza deU’amore; costringiamoli a confessarsi ingan<> 
nati} a chiederci un amplesso leale ! 

LA RELIGlOiVE SIA NOSTRO PRIMO PENSIERO; 
Si conservi (' ordine pubblico , e la vittoria della nostra 
■anta Causa sar|i assicurata | 

Buoni Camerinesi ! Di cortesia, dì gentilezza voi sem- 
pre portaste vanto grandissimo. Ecco il momento di rin*- 
novaroe le prove più chiare : ecco |1 momento di dar no- 
vello saggio di moderazione , e di amore. I traviati nostri 
fratelli ci faranno giustizia col riunirsi per sempre con noi 
col gridare insieme con noi DIO E POPOLO: UNIONE E 
TOLLERANZA: RELIGIONE E LIBERTA’. 

VIVA ROMA REPUBBLICANA 

>. 

Caoierino So Aprile iS^, 


Il Preside 

GIUSEPPE NERONJ 


O 



( ili ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITDBPITB 
PP AI TRIUMVIRI 

PILLA 

IlEPUBBLICA ROMANA 
fyt Guardia Uniy$r»itaria pd |I Battaglione Nasionale 
DI camerino 

Quando Voi proclamaite la Romana Repubblica , Voi 
pon faceite che mettere in atto il Volere- de} Popolo che 
fn suoi rappresentanti eletti vi aveva con legittimo, ine- 
|uttabilt>> P pieno mao^ato. Un popola che si vede ab- 
bandonato dal suo Principe , cui tante prove date aveva 
di afTetto e di fedeltà per quanti non erano stati non che 
j giorni) gl'istanti del suo regnare ; un popolo che in 
quel fatale sconsigliato abbandono ayeya ad esso protes# 
|e braccia pregando , iscongiuyandolo a tutta foga di amo- 
re pprchò tornasse alla dolce unione , al pacifico trono . ai 
tuoi figli I un popolo che aveva veduto (^ues'a sua piìi che 
preghiera adorazione respinta dagP infam* sgherri che il 
radre gli ayeyano rapilo, e che iniquamente il celavano 
pome un prigioniero nelle tenebre impenetrabili d’ iniquis- 
aima corte ; un popolo che alla sua amorevole supplica** 
lione aenii darsi per tutta risposta la suprema dpllp ma- 
ledizioni j questo popolo si scosse , indignossi f pensò a sp 
atesso. Egli senti la sua dignità , e conobbe che solo in 
se stesso, e nel Dio di tutti i popoli doveva fidare. Fù al- 
lora che sollevata la fronte del grave pensiero , questo 
popolo col tremendo ruggito di un leone , con una voce 
pomposta di tre mil|ionisi fece altissima , fortissima, da com- 
moverne il c|elo , gridò innanzi a Dio ed agli Domini - io vo- 
glio - io posso - io devo essere libero , io sono repubbli- 
cano - £ perchè in Campidoglio stà I’ Ara immortale del- 
la più gloriosa delle repubbliche, al. Campidoglio Voi fo- 
ste inviati , affinchè per le vostre mani il sacro fuoco di 
libertà , di gloria , di vita , e di vera vita , pon letargica e 
inferma, si riaccendesse una volta sfavillante e creatore di 
luce ; e Vui faceste aecondo il vostro mandato : Voi riac- 
pende>te ^uel fuoco, ed allo splendore di sua fiamma su- 


Digitized by Google 


blime giuraste innnnti (ulto T ii.dipcndeivsa d'Italia » e 
dal santo giuro d' indipendenza traeste il grido solenne di 
>» VIVA LA REPUBBLICA BOVIAIVA n Or vengano quan* 
ti sono gli uomini abitatori dell’ Universo » vengano, e sa 
il possono pensatamente impugnino pare la ro.illà de’ no- 
stri diritti , la ragione del nostro operato. Voi lo sosterrete 
con la santità de' principi che I' unmn genere ha sancito 
sin da quando ha conosciuto dii è I' uomo. Noi lo soster- 
remo con r armi nostre , con le nostre braccia , coi nostri 
petti. E se Francia Repubblicana, ciò che non può en- 
trarci ancora in pensiero , se Francia Kcpubblicanu ten- 
tasse infrangere questi nostri diritti, se volesse venire a Lr 
con noi le parti dell’Austria, Voi griderete ai Soldati Fran- 
cesi in nostro nome , che mal si con viene ai gloriosi ves- 
sMii di libertà farsi seguali di oppressione, e di stragge ver- 
so i proprj fratelli ; che il nome francete , m ii sempre 
grande e corissimo a o|uanti popoli si conoscono da libe- 
ra vita , diverrebbe ora esacralo a quanti sentono onore » 
e coscienza degli umani doveri ; che i Francesi hanno da- 
to solenne promessa di amorevole fratellanza innanzi a tut- 
ta Europa a qualsia libero popolo : dite loro, che Francia 
ha pure dei debiti , e sacri e innegabili a prò dell’ Italia : 
che le sue bandiere , i suoi più nobili trotei sono ancora 
spruzzati, e rosteggiana.di sangue l'jliaiio : che infamo si 
rerde al cospetto dell’ universo la nazione che rende cate- 
ne per vittorie, serraggio per libertà, morte per vita , igno- 
minia per gloria : che la macchia d’ingrata è più pesante 
e più nera di quella di codarda ; ella è più maledetta da 
Dio e dagli uomini di cuor generoso , che non la tiran- 
nide stessa. .Aggiungete ancora che se Francia Repubblica- 
ila per proprio interesse concepito .avesse il desio di scan- 
nare sull’ ara del dispotismo Roma Repubblicana , gridereb- 
bero tutte le istorie che mai ver.ameute Repubblicana Fran- 
cia non fu ; che i suoi soldati non eran soldati , ma si- 
cari di re : griderebbero all’ assasunio , al fratricidio ; e il 
nome loro tramanderebbero instilo alle nliinic generazio- 
ni degli uomini come quello di traditori , di sgherri , e 
d’ imbecilli che nou sauuo quel che si facciano , che pro- 
clamando libertà prestano il b"accio alla tirannide , che 
invitano i popoli a spezzar lei catene, per poi trucidarli ap- 
pena disciulti. Direte ancora che queste cose noi mandia- 
mo dicendo solo per amor Icro , solo perchè vogliamo ' 

che un popolo repubblicano , a noi per sacri principi fra* 
teilo, nou sia cesi alroceoieute briiltalo di tanta ignoiui- 


Digitized by Google 



( ) .... 

nla • e che d’altronde noi siam pronli ad Ogni «.remo; 
nerchà d’ogni estremo è per noi peggiore la perdita della 
Sr»Ua liberfà. Se noi sapcnio nn giorno vincere, e mo- 
rire per Francia, sapremmo pnr oggi pugnare , e morire 
fprt P«a Ma dell ’ che un tanto scandalo non iaccu 
rCsn... '. n.11;or p.r.e d’ C.irop. : che i R. no,, 
esnftino alla strage di liberi gncrruri , che 
no a dire con infernale sarcasmo ; ecco il bel frutto , il 
trionfo della libertà; questo è il fine a che vanno i po- 
poli scatenati , questo r abisso m che li sommerge il 
foro delirio. Alla perfine direte che se verrar.no essi co- 
fratelli , apriremo al loro amplesso le bracca , col 
Materno saluto , e col santo bacio di pace sincera ; se poi 
fraterno appanno a farla con disperati nemici, che si 

SeUn" sirlo «omo , sino all’ ultima stilla di 

«ngue : terra gentile add.vverrehbe o .1 no- 

sJro® o il loro sepolcro; pensino pero che sul nostro seri- 
•verebbero i posteri pietosamente la lode dei forti , sul loro 
la maledizione , e l’ infamia. 

SAVERIO BRDCCHETTI Tenente Colonnello Coman- 
dante la piazza. . . . o a 

FILIPPO BETTACCHJ M aggiore in Seconda. 
ODOARDO GIACHESI Capitana Aiutante Maggiore. 
ALESSANDRO VALENTI Tenente Quartier-.Vlastro. 
FILIPPO MORELLI Sotto Tenente Porta Bandiera. 
L. PROF. BETTI Ufficiale Sanitario. 

GIAMBATTISA EBBRI Ufficiale Sanitario. 

ALBERTO PRIMAVERA AjuUnle Solto-UIRciale. 

Compagnia isolata dei Tiragliori 
TTniversatarì di Camerino 


Belli Serafino Capitano 
Lamponi Filippo Tenente 
Angelini Camillo Sotto-Tenente 
Rosa Emidio 

Betti Luigi Sergente Maggiore 
Santini Filippo Sergente Foriere 
Corazzini Vincenzo Sergente 
Galli Achille 
Lattanzi Lattanzio 
Monachesi Fedele 
Bernardi Girolamo Caporale 


Digitized by Google 



Coraz2ioi Filippo 
Fabroni Nemetio 
Fidanza Giuseppe 
Marsilj Ettore 
IVicolanli Domenico 
Falmucci Giacinto 
T.aliaù Francesco 
Claudio Clemente Zappatore 
Claudio Mariano 
Accica Carlo Comuni 
Agostini Terenzio 
Amantini Zoa 
Angelini Gio : Francesco 
Antonini Domenico 
Antonino Dee io 
Borboni Antinore 
Benvenuti Emidio 
Bernabei Luigi 
Bettacebi Enrico 
Baiagi Raffaele 
Bocci Casimiro 
Boldrino Luigi 
Borioni David 
Caraffa Carlo 
Cavalieri Achille 
Cicconi Lucio 
Curj Francesco 
Fabri Norberto 
Farricelli Girio 
Fazzini Disma 
Federici Giuseppe 
Feliciangeli Lodovico 
Feliciano Carlo 
Felcinei Augusto 
Ferretti Vincenzo 
Fiaccarini David 
Ferretti Aniceto 
Garamb} Luigi 
Gasparini Vincenzo 
Gregorj Mario 
Giaohesi Ernesto 
Girotti Raffaele 
Lupacchini Pietro 
Malpeli Vincenzo 



Marchetti Vìnceazo * 

Marsili Settimio 
Mazzoni Alberto 
Muzj Aniceto 
ISatalini Lorenzo 
Walìli Arcangelo 
Palmieri Francesco 
^ Paolucci Paosto 
Passini Filippo 
Petrìni Luigi 
Piccioni Torqoato 
Piermarini Pellegrini 
PiUoni Desiderio 
Recchi Filippo 
Ricci Diamante 
Ricci Didio 
Ricci Nicola 
Rinaldi Francesco 
Ruffìni Paride 
Salvi Cleomene 
Salvatori Gìsleo 
Santoni Seleuco 
Sarti Leonida 
Schiavi Mariano 
Simonetti Egidio 
Tanini Odoardo 
Toderi Filippo 
Tonnarelli Carlo 
Torquati Torquato 
Turchi Francesco 
Umani Germano 
Vecchiarelli Carlo 
Vissani Damaso 
Vissani RafTaeTe 
Zampini Nicola 

Prima Compagnia dd RattaglioiJC 
Nazionale di Camerino 

Ferretti Angelo Tenente 
Ribechi Vincenzo < 

Fedeli Francesco Sotto«TeofiQto 
Manriz} Maurizio 
Mazzetti Domenico Serfietó* 


'( 'X6S ) 

Ribechi Filippo 
Sabtelli Filippo 
Aogeletli Luigi 
Antognetti Pietro 
Emil iani Vincenzo 
Mochi Egidio 
Ribectii Carlo 
Sabbìeti Porfirio 
Savini Agostino 
Vissani Venanzio 
Vissani Daraaso 
Vissani Antonio 
Angeletti Vincenzo 
Antognetti Pacifico 
Allevi Pacifico 
A minori Pacifico 
Benedetti Vincenzo 
Cardellini Venanzio 
Ciccognani Stefano 
Colonnelli Giuseppe 
Ferri Giacomo 
Ferri dito 
Farfarelli Ganltiero 
Farfarelli Vincenzo 
Fucili Niccola 
Fossa IViccola 
Farfarelli Venanzio 
Francalancia Ferdinando 
Francalancia Feliziano 
Gagliardi Giacomo 
Gabrielli Pietro 
Caviglia Venanzio 
Luzi Odoardo 
Mercnrj Giuseppe 
Mercuri Venanzio 
Malpeli Nazzareno 
Mariani Luigi i. 

Mariani Luigi t. 

Mariani Carlo 
Moriconi Tito 
Mollajoli Alessandra 
Merloni Giuseppe 
Moscoioni Giuseppe 
Maurizi Niccolo 


Digitized by Google 



( 464 ) . 

Melchiorri Giovanni 
Palombi Venaoaio 
Parisse Giuseppe 
paggi Luigi 
Faggi Giovaoui 
Paggi Giuseppe 
Poeta Giovanni 
Rimatori Venanyio 
Rimatori Angelo 
Rimatori Pietro 
Roraaldi Abele 
Rinaldi Giuseppe 
Santini Giovanni 
Santini Ansovino 
Santini Celestino 
Santini Valentino 
Sabbatini Annibaie 
Savini Girolamo 
Sto ti Erasmo 
Santarelli Mariano 
Scnterini Antonio 
Scuterini Sante 
Santolini Paride 
Sabbietti Luigi 
Sensini Giovanni 
Sabbietti Gherardo 
Sabbietli Hendìgerno 
Santarelli Giovanni 
Saiitacchi Cflesiiuo 
Torricelli Giuseppe 
Trudi Giuseppe 
Tolomei Cesare 
Vannucci Casimiro 
Vissani Giuseppe 
Vissani Remigio 
Vitali Vincenso 
pampini Andrea 

Seconda Compagnia 

Conforti Romolo Capitano 
Aotolini Riagio Tenente 



( aGo ) 

Feliciani Luigi 

Castellini Filippo Sotto Tenente 
JVliconi Natale 

Castellini Niccola Sarg. Foriere 
Claudi Pietro Sargente 
Topi Leopoldo « 

Maculani Roberto • 

Ricci Francesco _ • 

Bottachiari Venanzio Caporale 
Buonprezzi Vincenzo w 
Felicioni Pietro ” 

Ferranti Pietro ** 

Fazzini Gervasio « 

Toppi Giovanni »» 

Bettacchì Domenico Comuni 
Binni Giacomo 

Binni Gaetano i j *- • 

Barterri Enrico 
Boccolini Angelo • 

Bentivoglio Mattia 
Bettacclii Venanzio 
Bonomi Michele . 

Bentivoglio Venanzio 
Camoni Venanzio 
Ciccarelli Francesco' 

Castelli Cesare • ' 

Claudi Leopoldo l ■. 

Cardini Domenico 
Cardini Benedetto 
Cordona Giovanni . / 

'Luzj Anacleto i . ' 

Luzj Francesco < 

Lucarini Giuseppe 
Lorenzini Carlo 
Laurenzi Francesco .< 

Maculani Eugenio 
Marchetti Salustio 
Mariani Pacifico 
Mancini Vincenzo 
Malpeli Luigi 
Muzi Gianfradcesco 
Marchetti Angelo 
Moneta Pietro 
Marchetti Natale 

z 3 



( 466 ) 

Macchiati Antonia 
Miconi Mariana 
Mortili Clilo 
Miro ni Venanzio 
Mica ni Vincenzo , • . . 

INisi Quirino 
Ottavioli Pacifico 
Oitaviani Venanzio 
Olivieri Alessandro 
Pirami Valentino 
Pandolfi Tommaso 
Pelagaggi Pompeo 
Petrelli Antonio 
Primavera Raffaele 
Pescoioni Armogesto 
Righini Giovanni 
Risaliti Domenico 
Simoncini Gelasio 
Comi Gregorio 
Deangelis Giovanni 
Deangelis Andrea 
Diletti Giuseppe 
Ercolani Giuseppe 
Ercolani Giosafat 
Fiaccarini Girolamo ; . ! . 

Fazzini Gervasio , ■ . 

Filippella Luigi 
Lebboroni Antonio 
Sabbattini Piccola i 

Serafini Mattia . I 

Santacchj Federico 
Santacchi Tito 
Troiani Amadio 
Tanini Paride 
Topi Nazzareno 
Vargas Gabrielle , 

Zampini Francesco 

Terza Compagnia 

Panfilo Fusconi Capitano 
Betti Alessandro Tenente 
Angeletti Alessandro Sotto-Ten. 
Bianchini Francesco 
Morettf Emidio Serg. Mag. 



Cunavari Nicola Foriere 
, Bartoloni Francesco Sergente 
Miconi Annibaie 
Serarcangeli Filippo 
Macchiati Raffaele Caporale 
Miconi Giuseppe 
Valentini Consalvo 
Miconi Alessandro Caporale 
Alleva Francesco Comnni 
Angeletti Venanzio 
Angeletti Niccola 
Albini Giovanni 
Alleva Romolo 
Bernardi Antonio 
Bernardi AlessandrQ 
Bileggi Antonio 
Berti Giuseppe 
Bonfìgli Tommaso 
Broglia Serafino 
Benedetti Giuseppe 
Conti Francesco 
Corvini Antonio 
Ciccarini Venanzio 
Fabj Serafino 
Fucili Tommaso 
Fclicidngeli Ignazio 
Grassetti Carlo 
Lorenzini Arcangelo 
Milani Luigi 
Marsili Pietro 
Marsili Giuseppe 
Napoleoni Ulisse 
Negri Filippo 
Nebbia Pompeo 
Ponzi Antonio 
Pesci Ulisse 
Pierluigi Ulisse 
Pierluigi Luigi 
Puccisanli Vincenzo 
Pasini Luigi 
Pignoni Antonio 
Paoli Andrea 
Rocchi Domenico 
Romagnoli Filippo 
Rinaldi Vincenzo 

* i 


Digitized by Google 



( 468 ) 


Ricci Emidio 
Ricci Giuseppe 
Sensini Lorenzo 
Saracini Luigi 
Santaroni Domenico 
Salvetti Vincenzo 
Tronchi Tommaso 
Valenti Lodovico 
Valentini Venanzio 
Vannncci Vincenzo 
Vargas Bonaventura 
Ambrosetti Emilio • 

Zonchi Nazzareno 
Miconi Filippo 
Buratti Venanzio 
Bufalini Domenico 
Pericoli Vincenzo 
IMinnozzi Domenico 
Alinozzi Venanzio 
Scacchi Leonida 

Quarta Compagnia 

j\Iacchidti Vincenzo Tenente 

Malpeli Domenico Sotto-Ten. 

Fabroni Vincenzo Serg. Foriere 

Palmieri Filippo Sergente 

Sbriccjli Daniele 

Macchiati Luigi 

Luzi Filippo Caporale 

Marsili Venanzo 

Bufali Pietro 

Cugini Filippo 

Ciani Giovanni 

Mattei Luigi 

Berti Angelo Comuni 

riicolai Raffaele 

Pasini Pietro 

Poggi Angelo 

Pelagatti Francesco 

Sensini Francesco 

Giovanni Cngini 

Mattei Domenico 

Schiavi Giuseppe Alberto 

Bendandi Francesco 


Digitized by Google 



Castellani Giaseppe 
Cecchini Federico 
CiafFetti Venanzio 
Geraldini Francesco ] 

IMariani Giuseppe 
Leonelii Vincenzo; 

Passini Leonardo 
Falzi Lorenzo 
IViccoIai Leonardo 
Migliorelli Arcangelo 
Angelici Giuseppe 
Manci Luigi 
Menichelli Antonio 
Aquili Giuseppe 
Sarti Anacleto 
Coltioi Giuseppe 
Testa Colletto 
Segatori Valeriano 
Scarponi Francesco 
Tagliaventi Antonio 
Carducci Cherubino^ 

Mancini Venanzio 
Massarotti Andrea 
Fabroni Èrcole 
Ciaschini Luigi 
Gili Ercole 
Mazzoli Giorgio 
Bernabei Antonio 
Giacobelli Luigi 
Marchi Egidio 
Aloisi Settimio 
Passini Filippo 
Fidanza Francesco 
Giuseppetta Pacifico 
Diletti Vincenzo 
Paoli Venanzio 
Bernardi Cirillo 
Micozzi Domenico 
Felici Giorgio 
Wicolai Daniele 

Antonio Bartolini Segretario del Battaglione. 

B. Mancano le firme delle Guardie Nazionali delle quat- 
tro Compagnie di questo Circondario che non si 
sono potute avere per la ristrettezza del tempo, 
come pure quelle di molti UlEciali, e Sotto-DIB- 
ciali assenti. 

X S 


Digitized by Google 



(■ 47 ».)' 

all’ assemblea costituente , 

ED AI TRIUMVIRI 

della 

REPUBBLICA ROMANA 

IL BATTAGLIONE NAZIONALE DI PIEVETORINA 

PROVINCIA DI CAMERINO 

Mentre gli Stati Romani erano in un’era novella , e. 
gli abitanti dèll’Italia centrale godevano dei frutti del Go- 
verno Democratico proclamato sulle vette del Campidoglio 
da’siioi legittimi Rappresentanti , sentiamo che questo Ter- 
ritorio è invaso da Soldati Francesi sotto il pretesto di re- 
stituirvi l'ordine e di schiacciar l’anarchia. Inganna! Sap- 
pia la Francia che i nostri Rappresentanti nel proclamare 
la REPUBBLICA espressero i nostri voti , giacché a (Questo 
fine , ed alla ricupera dell’Indipendenza luron sempre di- 
retti i nostri stuclj , i nostri sforzi. Noi siamo persuasi al 
pari de’ francesi essere impossibile . conciliarcela causa dei re 
con quella dei Popoli j Sì , noi ne siamo intimamente con- 
vinti , e perciò siamo REPUBBLICANI. E se l’attuazione 
dì questo principio avesse potuto ancora restar sospesa , 
l’avrebbe soltantìa occasionato quel Principe che ci avesse 
fatto Indipendenti. Ma poiché un PonteSce nel più bello 
della nostra opera ci abbandonò rifugiandosi presso -del più 
giurato nostro nemico, poiché un re nei campi ove do- 
vea decidersi la santa causa ci tradì sagrifìcando la miglior 
parte del suo esercito , ci si rese esecrabile fino all’eccesso 
il nome dei re ; Noi ad essi giurammo odio eterno , e 

Noi lo serberemo. 

Fermi nell’osservanza'di tali gìuranienTtl slamo pronti 
rispondere all’appello a cui ci provocasse lo straniero . Si , 
se la grande Nazione Francese dimentica della sua gratitu- 
dine verso Italia , in onta alla sua Costituzione calpestar 
volesse il nostro Governo, e tarpar le ali al genio Italiano 
nel momento che spiega il suo volo , noi sorgeremo dalle 
nostre Ville come un sol uomo per difendere i nostri sa- 
cri diritti , e cosi almeno se fortuna vorrà che noi soccom- 
biamo alla prepotente forza di una Nazione che infame- 


Digitized by Google 



( ) 

mente ci* aggredisce , noi soccomberemo ma onorati, da 
VERI ITALIANI . 

ALESSANDRO FRANCESCHI TENENTE CO- 
LONELLO 

Giovanni Feliciangeli Maggiore 

Giovanni Graziani Capitano Aiutante Maggiore 

Gregorio Comi IJISc. Sanitario 

Antonio Robbi Uffìc. Sanitario 

Vincenzo Cipriani SottoTenente Porta Bandiera 

Urbano Ciccarelli Aiutante SottoUfRciale * 

Antonio Ciccarelli Capitano 
Gaudenzio Conti 
Filippo Trotti 
Francesco Carininelli 
Vincenzo Farricelli 
Ansovino Marchetti 
Domenico Piselli 
Filippo Sestili Tenente 
Luigi Simonetti 
Pietro Ooncccchi 
Francesco Rosa ^ 

RalTaele Ciccarelli Sotto Tenente 

Francesco Danti 

Vincenzo Calidoni 

Enrico Benedetti 

Giuseppe Pacifici 

Fausto Sesti Sergente Maggiore 

Romualdo Morbiducci 

Francesco Conti 

Alessandro Sesti Sergente Foriere 
• Giovanni Conti 

RalTtele Angelucci 
Marini Arcangelo 
Luigi Mancini Sergente 
Giovanni Lipperini 
Vincenzo Rutili 
Domenico Sensini 
Orazio Angeli 
Luigi Bonelli 
Domenico Mariani 
Vincenzo Frasca 

Giuseppe Massi ^ 

Giovanni Farricelli 


Digitized by Coogle 



n • p > 

Domenico Pompei 

Luigi Marsìli Caporale 

Domenico Carminalli 

Vincenzo Cardelli 

Domenico Cola 

Paolo Monaldi 

Mariano Sborici Caporale 

Paolo Marini 

Pacifico Scoccia 

Lnigi Calcabrina 

Oreste Berti 

Alessandro Micacei 

Ignazio Crnciani 

Geremia l'cliziani 

Pietro Antonelli 

Vincenzo Bartolomei 

Vincenzo Mettali 

Raffaele Tabelli 

Dionisio Fedeli ) _ 

Ettore Fedeli ) Comuni 

Domenico Angelucci 

Innocenzo Gimiliani 

Rizzerio Calidoni 

Domenico Lucarelli 

Giambattista Fedeli 

Giuseppe Santarelli 

Giulio Rosa 

Ercole Simonetli 

Ferdinando Fedeli 

Filippo Bonelli 

Cherubino Bettacchi 

Antonio Cioli 

Raffaele Bettacchi 

Pellegrino Rosa 

Andrea Manganelli 

Pietro Aloisj 

Giacomo Lucarelli 

Domenico Lucarellf 

Domenico Giordani 

Giuseppe Cerqueti 

Antonio Bettacchi 

Giovanni Croci 

Sante Marinozzi 

Mariano Alfonsi 



( ^73 ) 

Giuseppe Monaldi 
Feliziano Bettacchi 
Pacifico Micacei 
Giovanni Piermallei 
Vincenzo Topini 
Aurelio Fedeli 
Giovanni Topini 
Domenico Lucarini 
Simone Mariotti 
Venanzo Bianchi 
Sante Antonelli 
Venanzo Fedeli 
Francesco Antonelli 
Raffaele Vergar! 
Valerio Pintucci 
Marzio Bocci 
Angelo Blasi 
Francesco Albini 
Vincenzo Cancellieri 
Matteo Marchetti 
Arcangelo Bellabarba 
Girolamo Conti 
Giuseppe Biagj 
Ruffino Maccari 
Alessandro Palombi 
Luigi Franconi 
Clemente Fiori 
Natale Braca 
Giuseppe Mancia 
Gregorio Basili 
Niccola Desantis 
Giuseppe Zecchini 
Wiccola Agostini 
Angelo Maraviglia 
Tommaso Lucarelli 
Giuseppe Calcabrini 
Vincenzo Nebbia 
Felice Conti 
Sante Nebbia 


Domenico Antonio Valefj' 
Gregorio Felicioli 
Vincenzo Costantini 
Porfirio Valentini 
Saverio Cicchitelli 


Digilized by Coogle 



( 474 ) 

Luigi Catoliai 
Giuseppe Campanari 
Domenico Pantaleoni 
Anielmmo Bucci 
Luigi Berti 
Agapito Capacci 
Luigi Mbzi 
Aniceto Capacci 
Giuseppe Berti 
riiccola Mariani 
Girio Faricelli 
Venanzo Zingarini 
Gioseppe Falzetti 
Geremia Monaldi 
Egidio Bittozzi 
Luigi Cardelli 
Andrea Ederli 
Cesare Mengoli 
Niccola Mazzocchi 
Antonio Farinelli 
Massimo Maggi 
Venanzo Olivieri 
Giovanni Testoni 
Angelo Morlacchi 
Mariano Benedetti 
Dott. Antonio Ricci 
Arcangelo Cambriani 
Giuseppe Varani 
Angelo Bertini 
Domenico Lorenzetti 

Ferdinando Marchetti 

Segretario del Battaglione 

Pievetorina 3 Maggio 


Digitized by Googk 



( 475 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

m NOME DI DIO, E DEL POPOLO 

Caldarola 28 Aprile Anno Primo Repubblicano 

I sottoscritti intendono aderire e pienamente fare eco 
alla nobile Protesta dell’ Assemblea Nazionale Romana, co- 
me qui Ovanti si le^ge. 

Vincenzo Grifi Primo Tenente Nazionale 
Carlo Dott. Pier Luigi 
RafTaele Berardi Tenente Colonnello 
P. Betti 

F. Amici 

C. Gentilucci 

G. Gentilncci Anziano 
Gaspare Gentilucci 
Francesco Fabbri 
Marcellino Lucchetti 
Crescentino Annibali 
Catani Domenico Nazionale 

Guido Gentilncci Capitano Aiutante Maggiore 
Angela Lucatelli Tenente Quartier Mastro Nazionale 
Niccola Corcioi Nazionale 
Odoardo Mazzetti Nazionale 
L. Barlesi 

Bulbino Casini Nazionale 
, Francesco Sabbatini 

Costantino Fabbri 
Girolamo Ricci 

Vecchi Bernardo i , 

Venanzio Corvini , 

Ermete Piersanti 

Telesforo Misci 

Mantovani Aristide 

RafTaele Manzoni 

Ignazio Gentilncci 

Io Tommaso Marchetti 

Michele Claddini 

Niccola Gentilucci Sarg. Magg 

Marinelli Fortunato 

Cesare Briscini 

Angelo Casini 

Lorenzo Moretti 

Giovanni Caldarellt 


Digitizcd by Google 




( 4?6 ) 

Giuseppe Dott. Manotti 
Fiorenzo Grifi Tenenle Nazionale 
Gaetano MarioUi 
R. PifToni _ ' 4 ! 

Vincenzo Salvucci 
Giuseppe Felici 
Romualdo Amici 
Michele Gudili 
Conzalvo Cassini 
Francesco Doboloni 

Filippo Dott. Onesti 
Settimio Badesi 
T. Rocchi 
Io Giuseppe lanata 
Benedetto Vincioni 
P. Casini Cortesi 
Pietro Tonelli 
Martino Bertanza 

Giulio Grifi 

Passavanti Angelo 
Giovanni Minucci 
Angelo Ribechi 
Pietro Lucentini 

Niccola Ribechi Notare i l . ^ 

Io Biagio di Luca - - 

Pietro Paolo Amici ' , ' 

Raffaele Deluca . 

Adauto Roccetti -■ I 

Io Martino Lucentini •' ' 

Vitaliano Briscini i. " 

Cardarelli Antonio • • ’’ 

Giuseppe Clodi • ' 

Girolamo Moretti • 

Passerini Settimio 
Raffaele Calabrini 
Giovanni Corvini \ 

Domenico Lucentini Milite Naz. 
Crocce di Francesco Bocci_ 

Cro)§(ce di Angelo Manconi 
Cro)J(ce di Domenico Persichini 
Croj^ce di NIccola Persichini 
Crocce di Filippo Talamonli 
Cro)^ce di Ciriaco Manconi, !■;•-■ ; 

Vincenzo Grifi Testimònio alle ere 
commissione 

Niccola Gentilucci Test, alle Croci 


;i e scrissi di 


Digitized by Google 


pomcmco Mancorii 
Daniele pab^m^ 

Caterbo Falcioni 

Martino Corvini^ 

Elpidio Gasparini 

Arcangelo Moretti 

Giuseppe Moretti 

Gregorio Mariioll 

Pasnuale Onori 
Giuseppe Sbardellati 
liuigi Rapagnani 
Io Giovanni Taffi ^ 

Antonio Misantom 
Filippo Marzioli 
Pugnaioni Luigi 
Pucciarelli Giuliano 
Gironi piccola 
Rossi Serafino 
Ciavoletti Saverio 
Spalvieri Carlo 

Selvi Francesco 

Venanzio Moretti 
Contili Filippo 
Furiassi Benedetto 
Gentili Venanzio 
Migliorelli Pacifico 
Moretti Venanzio 
Meschini Sante 
Roselli Pietro 
Raffaele Minnici 
Antonio SparvoU 
pesaresi Simone 

piatti Giuseppe protcìtp come f p 
persicorosso Giuseppe Ange 9 
Francesconi Pietro 
Cortesi Francesco 
Pietro Antonio Cardon^ 
paletti Domenico 

Carfagna Sante 

Caterve Cevorim 

Caiani Emidio ^ 

pposte firme. 

In fede &c* V 

Raffaele Beiti 


( 478 ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE NAZIONALE 
AL TRIUMVIRATO 

E AL MINISTERO DELLA REPUBBLICA ROMANA 
IL CIRCOLO POPOLARE CAMERINESE 
Cittadini ! 

Voi ci avete annunzialo che l’avanguardia d’ una di- 
visione Francese era in presenza del forte di Civitavecchia. 
Un grido Italiano, un fremito Patriottico 6 sono dall’ As- 
semblea e in nome di Dio e d i Popolo è stato sancito il 
fermo proposito di resistere. Voi avete operato lealmente ; 
il mandato delle Provincie non è stato tradito s Viva sem- 
pre la Bepiibblica Romana ! 

I generosi Soldati di Francia non ismcnliranno i prin- 
cipi pei quali hanno solìerto 6o anni di disperatissima lot- 
ta. I figli della grande armata non si faranno sgherri del 
dispotismo. La nazione gloriosi non si coprirà rlell’infainia 
e del tradimento ! E che ? Potrà Essa dimenticare i geli 
del settentrione , l'abbandono di tutti gli alleati , la costan- 
za de'soli Italiani nella micidiale battaglia? Scorderà Essa 
le campagne Spagnole ave la sola nostra fede fu salda , il 
solo nostro braccio tenne la spada ? Le mura di Terrago- 
na a»rian veduto sven'olare il vessillo Francese se mano 
italiana fra una grandine di palle non ve l’avesse piantato ? 
A che dunque le lacrime, a che le mutue promesse nel- 
l’addio di Mantova si commovente? Ah no che Francia e 
Italia sono sorelle ! 

E’ un vile calunniatore chi ha detto = La Repubblica 
Francese ha stretto alleanza con l'Austria e la Russia. Essa 
si è latta prostituta dei re ; essa ha rotto la guerra ai po- 
poli liberi. Tre volle calunniatore ! La Francia non può 
mentire a se stessa. Il grido solenne del Maggio non può 
essere revocato , chè Dio lo ha scritto nel gran volume del- 
le Nazioni t 

Noi sappiamo che venduti giornali nostri e stranieri han- 
no sparso voce che il Governo di Roma era governo di fa- 
zione : che l’anarchia martoriava le province , che i popoli 
dello Stato a malincuore piegavansi alle ordinanze della Re- 


Digilìzed by Google 



pubblica ! Infami! Le arti tenebroìe del dispotismo ci sono 
ben note. Noi siamo Repubblicani perchè seguaci deU’im- 
macolata Vangelo , perché PEvangeio ha proclamato la li- 
bertà e r eguaglianz.) ! Abbandonati dai Principe , tornati 
vani i messaggi y noi avevamo bisogno di un Governo ; e 
usando degli imprescrittibili diritti, libeeameate eleggemmo 
i nostri Rappresentanti. I nostri pensieri sono In essi com- 
penetrati. Èssi hanno gridato. Viva la Republica,~e questa 
parola è risuonata benedetta e concorde nelle nostre contra- 
de ; e noi ci siamo sentiti Repubblicani davvero! 

Come cosa di cielo, come pegno ineffabile di predile- 
zione divina noi veneriamo, nui facciain segno di amore 
r inclito Vicario del Cristo. L’indipendenza de'suoi diritti 
la volemmo solennemente garantita perché volemmo 1’ in- 
dipendenza della Chiesa. Ma guai a chi cercasse nuovamen- 
te brot'arla nelle cure politiche ! Fra terra e sole non è 
tanta distanza quanta noi t>» vogliamo fra i due poteri. Ad 
evitare questo giuramento non basteranno milioni di baio- 
nette straniere. Periranno ad uno ad uno i difensori , ma 
la forza delP idea, la potenza del convincimento non po- 
trà abbattersi per invasione di eserciti. 

Cittadini, in questi supremi momenti noi abbiamo cre- 
duto nostro debito rinnovare il voto di fiducia piìi caldo , 
l’atto più leale di adesione al Governo Repubblicano cui si 
nobilmente presiedete. Noi il ripetiamo. La Francia non 
vorrà chiamarsi in capo la maledizione di tre milioni di 
uomini liberi. Stimiamo sante le intenzioni della Francia ; 
ma Ella deve sapere che con i Popoli sì tratta a fronte sco- 
perta : che gli eserciti del Primo Console non si gitlavano 
improviso alle spalle , e che 1’ ultima pietra delle nostre 
città sarebbe colpo di morte all'ultimo soldato invasore. 

Votato ad unanimità con ripetuti Viva la Repubblica 
Romana nella generale Adunanza del 27 Aprile 18Ì9. 

La Direzione 

Stefana Avv. Sabbalini Presidente 

Vice Presidenti 

Marino Prof. Cicconi 
Filippo .Avv. Marsili 


Digitized by Google 



I Configlieri 

Saverio Braschetti Ten. Colonnello 

Mariano Prof. Gajani 

Pietro Claudi 

Francesco Peisgalli 

Odoardo Giacbesi 

Vincenzo Vannocci • 

Filippo Serarcangeli 

I Segretari 

Filippo Lamponi 
Camillo Angelini 
Eusebio Conti 
Achille Galli 



PBOVIIVCIA 

D I 

PERUGIA 


Digitized by Google 





Digitized by Google 


( 485 ) 


PERUGIA 


MUNICIPIO DI PERUGIA 
Cittadiai TrioniTiri 


uesto Municipio ha sentito col più profondo ramina^ 
rico la Francese invasione, la ingiusta taccia di anarchia 
data ai popoli della Repubblica , la minaccia di ripristinare 
il dominio Clericale. Convocato ad urgenza jeri ha preso la 
de terminazione che leggerete nella copia di atto che acclu- 
do. In pari tempo spedisco I’ Indirizzo del Municipio al 
Preside di Civitavecchia perchè al Generale Francese lo fac- 
cia presentare sollecitamente. 

Aggradite il mio sincero augurio di felicità alla Repub- 
blica , ed a voi , Cittadini Triumviri , e la espressioae os- 
sequiosa della mia stima. 

So Aprile 1849 

Il Gonfaloniere 
Luigi Donini 

Ai Triumviri 
della Repubblica Romana 

Roma 


’ ' aa* 

V 


Digitized by Google 



< 484 ) 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 


L'anno primo della Repubblica Romana y dell’Era voi* 
fare Milleottocentoquarantaooye il giorno di Domenica ven- 
ti nove Aprile. 

In seguito di unico invito trasmesso Rn dal giorno di 
jeri a tuWi i componenti il Consiglio per deliberare ad ur- 
genza presso la richiesta di dieci Consiglieri sull’ indirizzo 
da inviarsi al Generale Comandante la spedizione Francese 
per protestare contro la occupazione del Territorio della Re- 
Dubblica e contro il ristabilimento del dominio Papale , al- 
le ore undici e mezza antimeridiane nella Sala del Palazzo 
Municipale detta de’Notari destinata alle riunioni Consiliari 
ed aperta al Pubblico, si è riuniso il detto Consiglio essendo 
presenti i Cittadini 

Donini Luigi Gonfaloniere Presidente 
Monti Alessandro * 

Picellcr Epitetto 

Waddington Evclino Anziani 

Massini Lorenzo 
Monaldi Giotto 
Angeloni Giuseppe 
Gnardabassi Francesco 
Giamboiìi Raffaele 
Ticcliioni Pasquale 
Sereni Gio. Battista inter- 
venuto dopo la I. vo- 
tazione 

Rotondi Domenico 
Santarelli Natale 
Giannini Giuseppe 
Adriani Pompeo 

Pasqua Alessandro Consiglieri 

Tei Bernardino 

Pucci Boncambj Federico 

Danzetta Niccola 

Cesarci Antonio 

Monti Cesare 

Mondragoni Domenico 

Trinci Cesare 

Tarocchi Camillo 

Barbanera Emilio 

Milletti ManW 


Digitized by Google 



( 485 ) 


Rossi Aorelio 
Raldesclii Ubaldo 
Sereni Luciano 
Torelli Domenico 
Ver",i Luigi 
R.inieii fliiggcro 
Orlis Luigi 
Danini Pietro 
Tavolacci Francesco 


Consiglieri 


lìrìzj Luigi 
Laudi Alessandro 
Rossi V'incenzo 
Danini Alfaiii Francesco 
RagnoUi Cesare 
Vecclii Aiiiìibaie 
Rossi l'rancesco 

coslilucnli ia tulio il numero di quarantadue votanti. 


Compiuto l’appello nominale dal Segrelario il riunfa’o-» 
niere Presidente ha dicbiaialo aperta l’Adimati/.a , e l ha ordi- 
nato al Segretario di leggere il Dispaccio ÌN’nin 6j6 del 26 di- 
retto al Magistrato dal Preside della Provincia per comunicare 
la circolare dei Triumviri della Repubblica in data 2^ di que- 
sto mese colla quale si aununcia la presenza deirAvanguar- 
-dia di una divisione Francese al Porto di Civitavecchia, e 
si fà insito alle rappresentanze Alunicipali perché rispomla- 
no degnamente con solenni manifestazioni al Voto citi Po- 

f ioli ; la istanza del Circolo Popolare acciò sian fatte palesi 
e intenzioni del Municipio ; c la richiesta filmala da dieci 
Consiglieri per la convocazione ad urgenza del Municipale 
consesso perchè ad esempio della Capitalo c di Civitavecchia 
sia dichiarato agli Stranieri non valer noi soggiacei e ad un 
dominio Clericale, da cui intcndeinmo cd intendiamo eman- 
ciparci a prezzo di sacrifici anche supremi, il Segretario ha 
dato lef.uPa degli Atti sopra enunciali, e quindi ail ist.nì- 
za di alcuni de’ Consiglieri ha letto la protesta del Miini- 
■ cipio di Civitavecchia , accolta con unanimi «applausi dai 
Consiglieri e dal Popolo. Compiuta tale lettura il Consi- 
gliere Ragnotti ha invitato FAssemblea a ritlelteie che P 
Indirizzo del Municipio di Civitavecchia è stato dettato al 
cospetto della Divisione Francese. 

Presso i.t commissione del Magistrato il Segrcl.ario ha 
di poi formulato la proposizione ,, Se piace che il Cou- 
„ sigilo Municipale di Perugia in nome del Popolo protc- 

a a 3 


Digitized by Google 



( 486 ) _ , 

iti Bolennemente contro f la taccia dì Anarchia data alla 
” popolazione dello iSlalo Romano nei ptoclanii del Gene- 

* ral Comandante la spedizione Francese -, contro la occn- 
** pazione del l errilorio «Iella RepuhMica Romana, c con - 

* tro il minacci ito ristabilimento del «lotninio temporale 
** dei Papi 11 • RaK^colti i voti e scoperti, si é veduta la 
proposizione a m nesso con quaranta voti blanjlii favorevo- 
li opposti ad uno nero contrario. 

A questo punto è sopravvenuto nellWssemblea il Consi- 
gliere Gio: Batta Sereni. 

Il Segretario, ha quindi letta la dìcliiarazìone dell’An- 
ziano Fabio Marcarelli , il quale essendo assente per cause 
di malattia comunica per iscritto il suo volo di pienissima 
adesione aU'indirizzo proposto di protestare cioè contro il 
ristabilimento del dominio Papale , e contro la violazione 
Francese del nostro territorio. r.>l<; dichiarazione è stata 
accolla dall’unanime applauso dell’Assemblea. 

Il Presidente ha quindi dicbiaiato esser conveniente 
che il Consiglio nomini nel seno una Commissione inca- 
ricata di redigere l’indirizzo ; eJ è stata formulata la pro- 
posizione seguente ,, Se piace nominare una commissione 
„ di tre Consiglieri unitamente al Segretaiio Municipale 
,, per la redazione , seduta stante, della protesta sulle ba- 
li si della precedente proposiziane deliberata „ 

Raccolti i voti sortosi rinvenuti tutti qiiarant.idue una- 
nimi nell’approvare la proposizione. 

Ciascuno dei Congregati ha scritto di poi in una sche- 
da i nomi dei tre che intende di proporre per la red.vzio- 
ne della protesta, e raccolte le schede il Presidente ne ha 
tatto lo spoglio che ha dato il risultalo della maggioranza 
pei Consiglieri Raffaclle Giamboni nominalo in 'i-entanove 
schede; Gio: Batta Avv. Sereni nominato in trentadue, Ce- 
sare Ragnolti nominato in ventidne scliede. 

Questi , unitamente al Segretario sonosi riiirali in una 
Camera degli Officj Municipali , c dopo qualche tempo so- 
no rientrati nella Sda dell’Assemblea. Ripetuto d’ordine del 
Presidente l’appello nominale, si é veiitìcata l’assenza del 
solo Consigliere Annibaie Vecchi 

Il Segretario ba dato lettura del seguente progetto d’ 
Indirizzo 


Digitized by Google 



(4^7 ) 


AL GENERALE OODINOT 

Com^ndaate la spedizione Militare Francese 
Nel Mediteraneo 
Il Municipio di Perugia 


,, L’ordine e la tranquilliti regnava in questa Popolazio» 

„ ne che costituita in liberti giammai trascese in licenza; 

„ quando è pervenuto l'annuncio che una parte dell* Ar- 
„ mata Francese da voi comandata occupando Civitavec- 
„ chia minacciava d’invadere il Territorio dello Stato Ro- 
„ mano, e di muovere sopra la Capitale col pretesto di fa- 
„ cintare io stabilimento di un ordine di cose nel paese 
,, stesso che supponevate in questi ultimi tempi in preda ^ 
,, all’Anarchia. Anarchico un Popolo che abbandonato a se 
,, c reiette ne* suoi tentativi di conciliazione ha saputo con* 

,, servare ovunque l'ordine e la obbedienza alle Leggi ! 

,, Noi protestiamo solennemente contro questo rimprovero 
,, mai meritato. L’onore vostro e la nostra condotta esigo- 
„ no che l’amarissima taccia venga da voi smentita in fac- 
,, eia airiìuropa ed al vostro Governo. Protestiamo, quindi 
„ in nome del Popolo ed avanti a Dio contro roccapazio* 

„ ne del Territorio eh’ è nostro ; occupazione che il vo- 
„ stro governo ordinava. , postergando i principi del- 
„ la Costituzione dal Popolo Francese proclamata 
,, Protestiamo in fine contro ogni intendimento di ristalji- 
„ lire il Governo Clericale che per sua indole inconcilia- 
„ bile con ogni civile progresso , invece di ricondurre 
,, quella pace e tranquillità, scopo delle azioni del vostro 
,, Governo e della vostra spedizione, sarebbe anzi per cer» 

,, lo stimolo perpetuo ad agitazioni interne capaci di com- 
,, promettere in un culla nostra la tranquillità della Peni- 
,, sola e deH’Enropa intera, e ci sospingerebbe a quell’auar- 
,, chia che oggi è calunnia „ 

„ Crediamo, Generale , che la generosa e grande Vo- 
,, stra Nazione, centro, c speranza della civiltà Europea uoii 
,, vorrà abusare la forza per arrestare il progresso di un 
j. Popolo che ha, come voi, per divisa a Ordine nella li- 
„ bertà „ 

Vivi applausi Dell'Assemblea e del Popolo hanno ac- 
colto il progetto. .Molti Consiglieri hanno proposto di ap- 
provarlo per acclamazione e per levata. Richiamata però 
|3 disposizione di Legge che pcnncite nuesto molo di \o- 
j azione soltanto ne’easi di non grave entità > il Presi 

0 0 4 


Digitized byCoogle 


( 488 ) 

ha dichiarato che sull'approvazione del progetto debba de-« 
liberarci per votazione segreta. 

h’ slato proposto pertanto = se piace di approvare il 
tenore dell’Indirizzo già Ietto = Raccolti i voti e nume- 
rati, aonosi veduti tutti unanimi nel numero di quarantu- 
Bo per l’approvazione. 

Il Consiglio quindi è stato di unanime consentimento 
che debbasr dare alle stampe con a fronte la traduzione 
Francese , e che a diligenza del Magistrato sia trasmesso 
sollecitamente a tutti i Municipi dello Stato. 

Il Gonfaloniere Presidente ha dichiarato sciolta l’adu- 
nanza alle ore due e mezza pomeridiane del giorno, me- 
se ed anno suddetti , ordinando all’ infrascritto Segretario 
la redazione del presente Verbale che è stato Ietto 
nel susseguente giorno di Lunedi trenta Aprile alle ,ore 
nove, e mezza anlemeridiane nella Sala medesima, e quin- 
di firmato dal Gonfaloniere, Presidente, Anziani e Consi- 
glieri infrascritti. ' ^ 

( Seguono le Firme ) 

Per copia conforme all’originale per uso d’olfìcio 
Perugia 3 o Aprile 1849- 

Gius. Porta Segr. Municipale 


CITTADINI RAPPRESENTANTI 
CITTADINI TRIUMVIRI 

La Repubblica salvò la Francia nel 1789 e nel 184,8; 
non può essa quindi avversare al principio democratico pu- 
ro in Italia senza contradire a se stessa , senza tradi- 
re 1 ’ interesse proprio , e quello delle Nazioni sorelle. 
L’ invasione adunque Francese nel Territorio della Repub- 
blica Romana , non provocata dalla condotta rie’ popoli, 
senza preventiva communicazione é un fatto nuovo nella 
storia, è un suicidio e fratricidio ad un tempo, è un 
tradimento inaudito - Voi pertanto Cittadini Rappresentanti, 
Cittadini Triumviri, bene meritaste della patria colla vo- 
stra solenne protesta contro tale invasione - La pubblica 
Rappresentanza di Spello interprete dell’ unanime volo di 
questo popolo, didiiara essere pronta a sostenere con tutte 
le foize il l’rincipìo, che solo può salvare l’Italia dai ne- 
mici interni ed esterni qualunque siansi - 11 grido di Re- 
pubblica sarto dal Campidoglio non fu già espressione di 


Digitized by Google 



(iSg) 

pochi, ma quella dell' uni versale consentimento - Sappia 
ftdunqne la Francia, che non dessa a Combattere con- 
tro una fazione di pochi , mi con un popolo che sorgerà 
come un sol’ uomo per sostenere i sacrosanti diritti di na- 
zionalità , e d’ indipendenza. 

\^Utoto il atl dt \^Otl noi 

pubblico Consiglio di Spello il giorno ay Aprile 1849. Anno 
primo della Repubblica Komana. 

DOT. BIAGIO GOARDDCCI Gonf. 

CARLO GIACHETTI 
GABRIELE SALMAKIÌGGI . . . 

VENANZIO SALMAREGGI 
DOMENICO ANTISERI 


CITTADINI DELL’ ASSEMBLE A COSTITUENTE 
CITTADINI TRIUMVIRI 

Protestando voi contro la minacciata invasione Francese 
nel territorio della Repubblica , non faceste che esprimere il 
voto unanime del popolo, ed adempiere all’alto manditi 
eh’ egli vi conferì. Il Municipio di Fultgno pertanto non 
può noi! far plauso , ed aderire pienamente a quanto voi 
operaste- Guai a chi osasse di transigere mìnimamente sul 
principio fondamentale della Nazionalità ed Indipendenza 
d’Italia ! Viva la Repubblica! Sappia la Francia, sappia il 
Mondo intiero , che noi siamo pronti per difenderla a 
versare fino 1’ ultima stilla di Sangue, e molto più contro 
coloro, che tentassero compiere il maggiore frà i fratricidi. 
Le gesta Siciliane del 1282 rammentino al Cittadino Ge- 
narale Oudinot che parto furono di cuore Italiano. 

Votato il presente indirizzo ad unanimità della pub- 
blica Rappresentanza di Fuligoo il' 37 Aprile 1849. 

GIOVANNI BEDUINI Gonl- 

RAFFAELE CASALI 
VINCENZO LUIGI MANCINI 
FRANCESCO MARZIANI Anrfani 

STANISLAO ERCOLI 
LEONARDO RONCALLI 
ANTONIO BUCCIOLI 

GIUSEPPE FILIPPINI SegreUrio 
a ab 



X 


( 49 ® ) 

ALL’ASSEMBLEA COSTITUENTE 

ED AI cittadini TRIUMVIRI 
nF.r.I.A RKPPRRIJftA ROMANA 

Il Municipio di Gualdo Tadino 

Fremito e itaporc ci assalse alla notiiia della France> 
■ce invasione. Frememmo perclié nel mentre tra la pace y e 
l'ordine noi cominciavamo a gustare i dolci fratti della conqui- 
stata libertà mentre stretti in nodo di fratellevola concor- 
dia ci davamo alacremente e consolidare tutti j più sacri 
diritti che emanano dal regime del popolo* la biTronte di- 
plomazia di uii Governo straniero osa alzare imperiosa la 
voce con un nucleo di armati, onde farci tornare alle ca- 
tene del dispotismo. Stupimmo perché 1 ’ insulto e la sfida- 
ci vénnc da quella Nazione che unita a noi nei sentimen- 
ti , nelle speranze , fra le barricate , ed il sangui proclamò 
quella libertà che pura ed illibata surse tra noi , e che fù 
invocata ddl libero ed unanime consentimento di tré inil- 
lionS di schiavi. Voi protestaste, e coraggiosi decideste di 
respingere la fsrza colla forza. Sia lo le alla vostra protesta 
al vostro coraggio. Dio è con noi ! Se cadremo , cadremo 
cnorati. 

Noi pure adunque, noi pure protestiamo. Protestiamo 
contro la violazione del Territorio della Repubblica! pro- 
testiamo conlro rinsulto dello Straniero che ci crede , e 
ci dà il titolo di anarchici: protestiamo contro qualunque 
intendimento di restaurazione. Intatte vogliamo le conqui- 
Itate libertà, intatte le Leggi nostre, i sacro^anl! diritti del 
popolo. L' arbitrio ed il dispotismo debbono esser Caduti 
per sempre. 

Viva la Repubblica 
Viva rindipendenza d’ Italia. 

Votato ad unajiiraità il presente indirizzo dalla pula- 
iblica rappresentanza di Gualdo Tadino il giorno 3 Mag- 
gio 1849. 

Angelo Alton! f.T. di Goni. 

Nicola Gaiiunzi Anz. 

^ Emiliano Fiorciighi Anz. 

Giuseppe Mattioli Segr. Mao. 


Digilized by Google 



) 

REPDèBLICA ROMANA 
CONSIGLIO MUNICIPALE Di TÒftilE! 

***^*** Francese nel «uoló dèlia RèpiiÌ- 


IN NOME DI DIO E DEL ROPÓLÒ 

Oggi giorno di Domenica Sgdel tncie di Aprilé dell'an- 
no 1849' in «eguito della prima ciiiamata per discntere m 
Tia d urgenza su l’oggetto éortiunicato hèll’ invito di jeri ù 
è adunalo il CousìgI io Municipale dalla Terra di Torre com- 
posto dei Cittadini 


N. dell’Albo MAGISTRATORA 

* Carlo Comedini Priore 

* RaflToele Ceppetelli Anziano 

S Angelo Ortensil An2Ìano 

CONSIGLIÈRI 


N.degl’Irit 

1 

à 

5 


i 

■i 

J 

4 

b 

e 

7 

8 

9 

10 


Lenti Mariano • 

Ortensi Ferdinando 
Arcàngèletti Giovanni 
Simoncclli Camillo 
Rebecchini Luigi 
Romiti Vitale 
Ceppetelli Emidio 
Marchetti Giovanni 
Cefquèti Luigi 
Sithoricelli Carlo del q. 


Non ìnL 

i 

Assente 
Non int. 
Assente 
Assente 
Assente 
Assente 
& 

Girolamo Non ini. 


Sibbene il numèro dògli Adunati non fosse ìegale, pure 
jsttesd 1 ufgòtizd fi Présidehte dichiarò potersi risolvere Sulla 
urgente unica Proposta. 

La Presidenza di Drblno ^ e Pesaro con Circolare delU 
afl càdente Mése Nundecol 4^26 fa cònòsÉére, che J’integrità 
del sùokf Repubblicano è minacciata da un intervento Sti a- 
Diérò I e che l’onore , e gl’ interessi Nazionali rimarreLhct «1 
Aitaotsaie offesi se dai caùlo hostro non si Cacesie ogni jjo>- 


Digitized by Google 



•( per salvarli , e difen.Icrli. Il GoTerno molto si ripromette 
dall’amor patria dei Rappretentanti Municipali eletti dal voto 
del Popolo. Già il rriiim virato vi ha chiamata a cooperare 
con animo risoluto airaiempiraento della missione conauoe- 
Fafe adun-ine o Cittadini che 1’ espressioni e risoluzioni 
Vostre siano quelle clje adotter anno tutti » buoni onde la Re* 
pubblica trovi ima , Jogua ricaraiione y c cosi degnamente 
risponderet» “• volo del Popolo . Intatito la Magislratara vi 
partecipa la Circuì ire del rriumvipato in data sv spirante 
me<e diretta al Prende della Provincia, ( Fu letto il foglio. ) 

Il Priore Comunale Carlo Comodini prese la parola, e 
disse 3 

C I T 1 A D I N I . 

L'avanguardia , come avete inteso , di nna Divisione 
,, Francese è in presenza del Porto di Civitavecchia , e 
ff minaccia il Territorio delia nostra Rcpublalica. L'Assemblea 
„ non ha mancalo a se stessa. Votò, c spedi formale pro>^ 
„ testa al Comandante Francese per la inattesa , e non mai 
,, per quella parte creduta ostilità. L’Assemblea stessa siede 
,, io permanenza, ed il Triumvirdto compirà il proprio 
„ mandato con ima ferma resistenza. Tocca ora a noi cor- 
j» rispondere degnamente al voto del Popolo , e unirci eoa 
,y l'Assemblea, col Triumvirato, con tutti i boni per so- 
„ stenere e salvare l’onore del nome Italiano e della Patria. 
«> Già io a nome di questa Popol.izione di Torre che rap- 
„ presento chiamata dal volo universale , mi unisco con i 
,, Difensori della Repubblica, protesto in Nome di Dio, e 
,, del Popolo Contro l'inattesa invasione Francese se contraria 
,t alla Repubblica , e dichiaro di combattere e resistere 
M Contro chi temerli abbattere il nostro Governo , quale 
,, difenderò fìno all’ altimo sangue , e finché le rovine delle 
tt nostre Città e Paesi non mi avrann) ricoperto. Voi Rap- 
SI presentanti del Popolo di questa Tena secondatemi , e 
„ mostrate alla Francia , ed al Popolo , ed al Muo io intero, 
„ che siamo veri Italiani , e che senza offendere la Reii- 
„ gione che vogliamo rispettare , e clie sia rispettata, a-ip' 
„ pianto sostenere i nostri diritti, che le Potenze estere 
,, vorrebbero ora conculcare. “ 

A viva voce , e per alzala, venne approvata la Protesta 
del Cittadino Priore , e tutti gli Adunati dichiararono e pro- 
testarono contro qualunque intervento che valesse abbattete 
la Repubblica Romana, pronti tutti a difenderla insieme 
■ai diritti del Popolo , che vive nel presente Governo i.i per- 


Digitized by Google 



( 493 ) 

fetta quiete, nx>n vessato, c lungi dall'anarchia voluta far 
credere dai nemici della Patria. 

Viva PAssemblea ! Viva il Triumvirato ! 

Viva la Repubblica Romana ! ! ! 

« 

Non essendovi altro a trattare sì resero le dovute grazie 
a Dio, e si sciolse TAdunanza. 

Fatto, letto, chiuso , e firmato il presente Atto Consi- 
gliare nella solita sala Municipale dì Torre nel giorno mese, 
ed anno sudetti alle ore 21. 

f • 

( Carlo Comedini Priore 
( Raffaele CeppetelliAoz* 

Firmati = ( Angelo Ortensi Anz. 

( Ferdinando Ortensi Cons. 

( Luigi Cerquetì 

* Così è Clemente Fiorani Seg- 

/ 

Copia Conforme. , In fede ec. 

Clemente Fiorani Seg. 


Perugia 


( Ì9i ) 

Ano Consigliare del Comune di Scapoli appodiato 
di Puligno. 

IN «NOME DI DIO E DEL POPOLO 

L’anno primo della Repubblica Romana, deU’EraroI' 
gare ibì:Ì3, questo di 29 Aprile. 

Il Cittadino V'aitale Serpolli, Sindaco di qaesto Appo- 
diato, ricevuta appena per mezzo del Cittadino Gonfalonie- 
re di Fuligno la Circolare del Triumvirato della Repnbbli* 
ca con la quale si protesta contro 1 ’ intervento Francese nel 
territorio della medesima, ha subito convocato ad urgenza, 
per dargliene comunicazione, il Consiglia di questa stesso 
Appodiato, il quale si è immediatamente congregato oggi 
alle ore tb nella solita sala comunale. 

Fatto l’appello nominale si sono trovati presenti tutti 
li sette individui componenti il Municipio, cioè i Cit-> 
ladini ec. 

Vitale Serpolli Sindaco. 

Francesco Rocchetti ) 

Gio. Maria Foglietta ) Anziani 
Pietro Petrini ) 

Francesco Peirini ) 

Antonio Venanzi ) Consiglieri ' 

Camillo Egidi ■) 

Dichiarata pertanto legittima P adunanza Consigliare * 
anche a norma dell’ articolo 90 del Decreto sull’ordina- 
mento dei Municipi, e assunlanè la Presidenza dal Sindaco 
Vitale Serpolli , si fece lettura della enunciata Circolare , 
della lettera del Cittadino Gonfaloniere che P accompagna, 
della risol nzij'.ie del Circolo Popolare di Fuligno del 26, non 
che dell’ indirizzo votato ad uiianimitìi dalla pubblica Rap- 
presentanza di Fuligno il giorno 27 corrente: e quinJi dallo 
stesso Sindaco furono invitali i Congregati ad emettere il 
proprio voto. E i medesimi senza alcuna discussione e una- 
nimemente per alzata hanno aderito ai sentimenti espressi 
negli atti di cui han sentito lettura; dicbiaraiidbsì pronti ad 
incontrare qualunque sagrifizio per mantenere il diritto e la 
dignità della Repubblica, e per conservare in questa popo- 
lazione 1 ordine e 1’ unione; onde smentire col fitto le ac- 
cuse di anarchia prese a pretesto dagli stranieri per invade- 
re Il nostro Stalo. 

E a conferma di tali dichiarazioni piacque ai medeslnji 
di sottoscriversi tutti unitamente a me ec. 

( Seguono le firme sopraindicate ) 


Digitized by Google 



^ 95 ) 

ALL’ ASSEMBLEA COSTITUENTE ROMANA 
ED AI TRIUMVIRI 

IL MUNICIPIO DI CITTA’ DI CASTELLO 

Il Soldato della Repubblica Francese calpesta nemico 
il suolo della Romana Repubblica ! Un governo apostata e 
bsrticida , im Governo, che ha giurato il disonore e l’av- 
Tilimcnlo della generosa nazione dì Francia , ve lo sospin- 
te onde riporre sul trono un Pontefice ! Or bene sappia 
quel governo , e con esso la Diplomazia tutta, che noi a- 
miamo e veneriamo sempre 1’ Angusto Capo della nostra Re- 
ligione. Ma che non minore di questo amore è l’odio che 
serbiamo pei Rè, de’ quali sjslenemmo abbastanza per lun- 
ghi secoli il retrogrado regime. Che il principio fra noi tan- 
to dignitosamente attuato è principio insegnato da quel Cri- 
sto di cui i Papi si appellali V’icarj ! Che la forza prepoten- 
te delle bjjouetle potià per uu momento conquiderlo e ri- 
condurre al Vaticano per nn sentiero di sangue il Capo 
d’ una religione di pace e libertà; ma quel principio ci sta 
sculto nel cuore, e forza umana non varrà a distruggerlo- 
A quel principio educheremo i nostri figli, e ad essi, noi 
vinti, serberemo la gioja della vendetta. 

Cittadini Deputati, Cittadini Triumviri! la Vostra no- 
bile e dignitosa Protesta contro la Francese invasione, il 
vostro maraviglioso coraggio nell' apprestare la difesa della 
Patria , furono 1’ espressione del uostro voto , furono 1' a- 
dempimenlo del sacro mandato che vi conferimmo. Voi 
ben meritaste della Repubblica ! Sul vostro capo veneralo 
scendano le benedizioni di tutti i popoli liberi ! Quell' as- 
semblea e quel potere che ci appellano anarchici , che il 
nostro governo credono una fazione demagogica, arrossi- 
scano per tanto insulto , c abbandonino per sempre quel 
popolo generoso , che resero schiavo dello stupido croato , 
e del barbara cosacco , pria che 1’ ira , già troppo com- 
pressa , non erompa dal petto degli eroi di Febrajo. 

Cittadini Deputati , Cittadini Triumviri ! coraggio , e 
perseveranza ! Dio e il Popolo sono con Voi ! Noi giuria- 
mo per essi di sostenere e difendere il governo della Re- 
pubblica , quel governo che noi desiammo , e che voi sa- 
viamente ci deste. 

Evviva la Repubblica 
Evviva P Assemblea Costituente 
Evviva i Triumviri 


Digitized by Google 



Votato ea J approvato nell’ Adnnanaa Municipale del 
ai 3 . Maggio 1849. alle ore la. meridiane. 


Amilcare Matliaccì Gonfaloniere 
Annibaie Mancini 
Raffaele Trace 
Gio. Batt. Gnonì 
Domenico De Michelis 
Giosuè Palazzeschi 


Luigi Boriosi 
Francesco Illuminati 
Giuseppe Baldeschi 
Lodovico Corbacci^ 
Antonio Becherucci 
Orazio Alìppi 
Giuseppe Pasqui 
Filippo Bofalini 
Luigi Dragoni 
Lorenzo Alippi 
Vincenzo Celestini 
Luigi Ricci 
Oderico Costarelli 
Demetrio Bocchi 
Domenico Ciucci ^ 
Gio. Balt. Fagotti^ 
Giuseppe Gagliardi 
Xommaso Lignani- 
Luigi Leoraazzi^ 
Giuseppe Borrani 


) 

) 

) 

) 

) 


Anziani 


) 

) 

ì 

) 

) 

) 

) 

) 

) Consiglieri 

) 

) 

) 

) 

) 

' ) 

) 

) 

) 


Dorram ^ / 

Vincenzo Baldesci Pro-Seg. Prov. 


DIgitized by Google 


> ( Ì97) 

ALLA COSTITUENTE ROMANA 
E 

AL GENERALE DELLE TRUPPE FRANCESI 
OUDINOT 

IL MUNICIPIO DI ASSISI 

Pertaata del suo destino, avvilita ed oppressa la libertà 
Romana, dormiva il sonno dei morti, quando scossa da 
quella voce , che sola può penetr.ire sepolcri, dalla voce del 
Pontehcc , lieta sollevò la dignitosa fronte, e sorta accorse 
ove per lei ferveva la pugna : respinta però d’ ogni parte , 
tentò rifuggirsi, e stringersi presso colui che l’aveva destata, 
ma ciò fu vano ; noi trovò più. Il Pontefice avea lasciato 
la terra di Komolo , avea abbandonato costantemente il suo 
posto. Ristette allora, noi segni già, che libertà sdegna se- 
guire chi fngge , ma invitata dal Popolo Romano , che 
aveva raccolto lo scettro gettato da lui che ne aveva il 
deposito , si restituì al seggio antico . Roma felice , tu 
sola in Italia sei oggi Parbitradi testessa! Ma che? la più 
nera calunnia ti minaccia. Straniero armato inaspettatamente 
venuto a calcare il tuo suolo, ti accusa di anarchia. 

Rappresentanti del Popolo, Voi assicurate quel Governo 
deH’ordiue che regna nello Stato in genere. Voi assicuratelo 
delfordiuc delle singole Città: Noi ne facciamo testimonianza 
in quanto alla nostra. 

Soldati Francesi ! Generale ! Il piantar le vostre ban- 
diere sul territorio ( son vostre parole )è un attestato della 
vostra simpatia per noi. Dunque venite amici! Muse amici, 
sebbene non chiamati, vi basti di difenderci dogli esterni 
pericoli, nd vi date peno (l'inaltrarc ìi passo nel centro: esso 
è quieto , esso è tranquillo, e qualunque pericolo il minac* 
ciasse sarà il respingerlo di quella truppa nazionale , che 
appena afferrato il fucile con inesperta mano, seppe mante- 
ner la calma contro i primi sforzi dei nemici della libertà. 
Che se al contrario, col pretesto di metter l’ordine dove dite 
anarchia, foste comandati di fare innovazioni , ed usar la 
forza, Soldati Francesi, Generale non è eper.t da Voi ! Non 
é , perchè Uomini di un principio noi potete disapprovare in 
altri. Non è, perchè uomini di lealtà, non polendo disconfeiiare 


Digitized-by Google 



(.498 ) 

in TOStra cotcienzaqneirordine che Tedete, tì manca la ragione 
di agire. Non é, perchè Uomini di una iatessa fieligione siete 
vietati di usar Tarmi ingiustamente . Non è , perchè Colai 
che vorreste rendere al Trono abbandonato noi consente ; 
né Egli che fece il grand’atto d’ iniziare la libertà d'Italia , 
che benedl le armi le quali movevano a sostenerla , e non 
resse poi a permetterne T uso contro i Barbari , non può 
consentire che s’impugnino contro glTtaliani, nò: Egli spon- 
taneo abbandonò il soglio , non ebbe in pensiero di tornarci 
al tuono del cannone al lampo dell’ acciaro liberticida , al 
lagno del moribondo, ed imprimendo Torme su di una stra- 
da coperta di sangue, e ingombra di cadaveri; nò , il suo 
cuore lo rifugge , il suo carattere sacerdotale ne lo vieta . 
Che se ciechi all’ evidenza , sordi a qualunque ragione vo- 
leste attentare ai nostri diritti, abbiatene le piiò alte proteste, 
e rammentate , che se oggi un comando v’impone di com- 
piere quest’atto illegale, inumano sopra di IVoi , non appena 
seguita la nostra necessaria si, ma onorata caduta, vincitori 
ma col rimorso della vittoria, un simile comando vi astrin- 
gerà a rivolgere il ferro ancor grondante di sangue italiano, 
contro i vostri stessi fratelli , e nel suolo paterno. 

Il Cielo tenga lontana sì grande sciagura , la simpatìa 
che confessate, vi persuada a cambiar le armi fratricide in 
armi di difesa, e vivano 

Là REPUBBLICA ROMANA E LA REPUBBLICA 
FRAINCESE 

Votato all'unanimità nell’Adunanza Consigliare del 
a Maggio 1849 «Ile ore ore sette pomeridiane. 


Firmati airOrìgtnale 

ANTONIO SERMANETTEI GOi^FALONIERE PRE- 


SIDENTE. 

Lorenzo Carpinelli 
Giacomo Bini 
Carlo Rossi 

Filippo Cotoloni 
Aurelio Reali 
Alessandro Barili 
Gabriele Piatti 
Alessio Gobbio! 


0 

) 

) Anziani 
) 

) 

) 

) Consiglieri 
) 

) 


Digitized by Googl 



Girolamo Mazzichi ) 

Giovanni Bindangoli ) 

Alessandro Pucci ) 

Francesco Loccalelli ) 

Giuseppe Fiumi ) 

Luigi Bernahei ) 

Antonio Stefanetli ) 

Giovanni Sbaraglini ) 

Francesco Bianchi ) 

Gioacch. Cannotti Sgariglia ) 
Aldebrando Ragozzi ) 

Domenico Landiui ) 

Tommaso Tini ) 


Consigi ieri 


Carlo Beddini Segretario Municipale 


REPUBBLICA ROMANA 


IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Folignano 27 Aprile i 8 ig 

Dietro cognizione della Circolare dei ai Aprile 1849 
emessa dal I riumvirato della Repubblica Romana con pro- 
testa contro l’arbitraria minacciata invasione delle Truppe 
Francesi , anche il Municipio di Folignano istesso a nome 
ancora del Popolo aderisce alla protesta succennata , ed è 
pronto a fare tutti i sacrihcj per salvare P onore del nome 
italiano, e Patria comune. 


Latino Latini Priore 
Giuseppe Culunti Anr. 
Pacifìco Pizj Anz. 


Francesco Agostini Seg. 



( &00 ) 

ALL’ assemblea COSTITUENTB 


AL TRIUMVIRATO 
DELLA REPUBBLICA ROMANA 

IL MUNIlIPIO di TODI 

Sta in latto per dichiarazione del Pontefice Pio IX. che 
le istituzioni libere introdotte di recente nei Stiti Romani 
altro non sono che le umiche franchigie rinnorate, e adat' 
tate alla condizione de’ tempi, (i) 

Stà in fallo che lo stesso Pontefice per la mutata con- 
dizione de' tempi cioè per il progresso dell’ incivilimento 
de’ popoli riconoscesse dessi c-ipaci di esercitare il diritto 
di far Lcg!;i anziché concorrere soltanto considtivamente al- 
l’ Amministrazione dello Stato, e che. mentre in antico i 
singoli Comuni si eran governati con Leggi proprie, la 
nuova civiltà esigge ora che un ordinamento generale uni- 
sca e non separi come il passato l’un Comune dal consor- 
zio d.cl l'altro.. 

Sta in fatto che Pio IX. dopo avere cosi esplicitamen- 
te riconosciuto nel Popolo il diritta già altra volta eserci- 
tato di ordinare le Leggi , e dichiarata che menta per lo 
suo incivilimeuto di essere restituito alle medesime prero- 
gative , abbandonasse improvvisamente Roma e lo Stato 
per andare in altra Città d’ Italia goverudta da ua Monar** 
ca spergiuro. 

Stà in fatto che , conosciutosi il luogo di sua dimora, 
ai spedissero Incaricati a chiedere il di lui ritorno , ma che 
fossero respinti inascoltati. 

Stà in diritto che il Popolo Legislatore nella mancan- 
za del Reggitore della pubblica cosa proclamasse una Leg- 
ge analoga ai proprj bisogni, alla propria condizione e po- 
sizione politica affidando la Rappresentanza dello Stato a 
chi potesse di fatto e di presenza con lenità esercitarla, sul 
timore che i popoli cadessero in preda all’ Anarchia. 

Stà in diritto, espresso ancora nei Canoni fa) che il 
potere temporale è , e debbe essere distinto dallo ipiritua- 
le , anzi ebe cumular non si possa senza detrimento del- 


(0 Statuto Fondamentale. 

fa) Diit. X. Can. 8. - Diat. XCVI. C. 6- 


Digitized by Google 



^ ) . 

Peccleilastica diiciplinii» Lo Straniera iostiene all’ incontra 
non potersi disgiungere il temporale dallo spiritaale dorai» 
dìo , ma per esser vero questo paradosso bisognerebbe 
provare. 

1. Che i primi Pontefici onorati poi sogli Altari i quali 
non impugnarono lo Scettro temporale non abbiano potato 
professare, propagare» e sostenere le verità religiose. — La 
Storia risponda. 

2- Che dai tempi in cui i Papi assunsero il dominio 
temporale, la Chiesa giammai abbia sofferto Scismi dinen» 
'sioni, eresie. La Francia I' Inghilterra e la Germania pria» 
cipalmente lo attcstano. 

3. Che niun Governo di qualunque forma abbia potu- 
to reggersi e prosperarsi negli ordinamenti politici se non 
ebbe a Ke un Sacerdote. — I Governi stessi io mostrino. 

4. Che Gesù Cristo nel pioclauiare > il suo Regno non 
essere io questo mondo n abbia fallato , ed abbisognasse 
dell' opera umana e Spesso di persone anche detestabili co- 
me la fVmigerata Contessa Matilde , e Io Spurio di Ales- 
sandro VI. per possedere un Regno temporale. — I veri 
Cattolici lo affermino. 

In, considerazione de* (jiiali esposti motivi dì fatto e 
di diritto il Cansiglio Municipale dì Todi legalmente con- 
vocato ad urgenza ha dichiarato in questo giorno a Mag- 
gio jSqnaraiitanove. 

1. La convocazione e riunione dell* Assemblea Costi- 
tuente in Roma fa una estrema urgente necessità onde non 
soi'g'rsse r anarchia che il solo buon senso, e la moralità 
del Popolo aVta saputo evitare. 

2. L’ Assemblea eletta a suffragio universale , e però 
espressione della maggioranza , esercitò legalmente il suo 
pieno diritto costituendo la forma del .Governo che come 
un fatto compiuta deve essere rispettata e mantenuta. 

In sequela di che il Consiglio medesimo in iVome del 
Popolo e avanti a Dio solennemente protesta contro P in- 
vasione Straniera come attentatrice ai diritti imprescrittibili 
dell' nomo e delle Nazioni , e dichiara che userà di tutti i 
mezzi possibili per resistere ad essa e per sostenere le deli- 
berazioni prese dai Rappresentanti del Popolo. 

Di questo atto sarà data comunicazione al Triumvirato, 
alI'Assetnblea , e a chi di ragione. 

potato all' unanimiià alle ore i i pomeridiane del gior^ 
no » Maggio suddetto, 

bb 


Digitized by Google 



' ■ 'Puhhlìcùto dalla Direzione dcì Cltcolp Popolare Tu der* 

• té al Battaglione della Guardia ISazlonale , ed al Popolo 
' HOnito' nella Piaj^za grande restò approvato per^ 
ne universale. Il Notaro Dottor Rosala Luci si rogo deli 
' tà relativo ove fa inserta Copia autentica della presente 

soluzione Consiliarei • t i 

■ Kappresentanti popolo ! Cittadini Triiii'nviii . la 

volontà di questo Municipio è espressa. Se è vero che la 
i Francia non voglia irpporrejuna forma di Governo ma ser- 
bate quanto. sia nei, voti della maggioranza , uniamo « 0 - 
' tehe I nostri a quelli degli altri Municipi e C‘r<?oli tutti del- 
Iq Stato della Repubblica.' 

• ' Todi li 3 Maggio 1849. Aqno I, Repubblicano. 

VINCRWZO POTTOR MELCHIORRE Gonfalon. 
FARIO DQTTOR PICCIONI > 

ÌENOBIO gorelli ) Anziani 

GIACINTO MASSEI ) 

Innocenzo IV^ariani Segr. Com. lot. 

La Direzione * del Circolo 

LUIGI BOVALINI Cons. £L di Presidente 
. FILIPPO SABATINI Consigliere 
SCIPIONE PICCIONI Consigliere 
GIACOMO PIERALLI Segr. degli Atti 
FERDINANDO BIANCHINI Segr.’ delle Cofrisp. 
POSTANTÌNO COLAGIGCÙI Cassiere 

I . • per la Guardia Nazionale 

' f*, PRANCISCI tE^. GOLONNRLLQ 


i 

c. 


Digitized byGoogle 


( 5o3 ) 

COMANDO SUPERIORE 
IL BATTAGLIONE NAZIONALE ■ 

DI FULIGNO 

Ordine del giorno ag Aprile 1849 

Tradito il Piemonte , caduta Genova > cieca Firen- 
ze per la Casa di Lorena , Ja Scintilla Repubblicana , 
la vera Libertà, or più non regna che nella eroica Ve- 
nezia , e nella Terra dei Camilli e dei Bruti. 

, La Nazione Francese minaccia di attentare alla no- 
stra Indipendenza alla nostra Libertà. Ma Roma , la 
Città eterna ha giurato di resistere a tati’ uomo, pri- 
ma che ricadere sotto I* abborrito dispotismo. 

I nostri oppressori , riaprendo il cuore a colpevoli 
speranze , tentano di eccitarci alla guerra civile. San- 
no ben essi che la nostra Causa è santa, e che a per- 
derla quella sola è la via. 

Unione dunque , e concordia , 0 Militi Cittadini, 
siano la nostra divisa, le nostre ispirazioni ! Calma di- 
gnitosa propria di un popolo libero ci distingua in questi 
supremi momenti ! Bando agli antichi rancori, e il 
nostro alito non spiri che fratellanza e fiducia ! 

Gareggiando in zelo , ed attività per il buon or- 
dine, e per la tranquillità interna salveremo la Patria, 
e con essa 1* Italia. 

Con voi mi troverò unito nei giorni di pericolo, 
nei giorni di trionfo. Con voi difenderò fino all’ ulti- 
mo sangue la Causa dei Popoli , e se soperchiati dalla 
forza brutale cadremo , cadremo almeno onorati, com- 
piami , ma non derisi dagli altri Popoli, 'non male- 
detti dai nostri figli. 

£ pari in valore ai nostri antichi Padri , appren- 
derà pure la Francia , che quando un Popolo non te- 
me il morire, la Libertà non si uccide !! 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA ! 

Il Tenente Cdonnello 
INSOCEiNZO MANCINI 
b b z 


Digitized by Google 



( 5 o 4 ) 

PROTESTA DELLA GUARDIA NAZIONALE 
DEL BATTAGLIONE DEL CIRCONDARIO DI ASISI 
GENERALE 

L* invasione delle troppe Francesi è un fatto per se 
stesso si iniquo ed illegale che non ha bisogno di commen- 
ti : E Voi, c Chi vi mandane conoscete meglio d> noi l'in- 
giustizia, Imperocché l’ intervento delle vostre truppe lede 
1 * Articolo B. della Costituzione Francese, è contrario al di* 
ritto delle Genti, ed è solamente basato sulla ragione del 
più forte. La Storia giudicherà fra la Repubblica Romana 
e la Francese. Noi intanto protestiamo altamente contro si 
enorme prepotenza , e dichiariamo questo intervento ingiu- 
■to , illegale , e lesivo i diritti della nostra Repubblica , e 
rendiamo garante la Repubblica Francese di quanto sarà 
per accadere dietro tale invasione. In ogni modo noi non 
mancheremo allo appello, che ci farà la nostra Patria. 

Asisi a. Maggio 1849 

Per i militi del Battaglione 
Giuseppe Fiumi Tenente Colonnello 


Digitized by Google 


( 5o5 ) 

AL generale comandante 

; 

LA SPEDIZIONE MILITARE DI FRANCIA 
IL CIRCOLO POPOLARE 
DI RETTONA 

Fino che l'Italia confidava sul valore e sulla fedeltà 
de’siioi Figli, sicura di vincere i suoi nemici , ringraziò 
la Francia de’ suoi ajiiti . Ma allorché la nera diplo- 
mazia implacabile nemica dello libertà , la frode e il 
tradimento prevalsero , rivolse ad essa le braccia , ed 
agognava il vostro ajuto , o Generale , che indifferen- 
te vi vedea passeggiare la sommità delle alpi. E seb- 
bene non correste ad ajutarla , pure pensava avere nel- 
la Francia sempre un’amica, e le sue baionette giiar> 
dava ancora con amore. Ora queste ci fanno racca- 
priccio, e sdegno ! Una Nazione che ha rovesciato un 
trono potente , che ha sempre combattuto contro i 
stessi suoi figli per assicurarsi la libertà , è impossibi- 
le voglia oggi col nome , e colla forza prepotente ve- 
nirci a togliere quella libertà che col mezzo di Rap- 
presentanti del Popolo a voto di Popolo eletti , ci sce- 
gliemmo ! I Popoli sono contenti del loro operato : voi 
lo vedete, o Generale, mentre qui regna l’ordine, 1’ 
obbedienza , e non 1’ anarchia , come i nostri nemici 
hanno fatto credere al vostro Governo. 

Ritornate ad Esso, e riferitegli la tranquillità del no- 
stro paese. Fatto sicuro dalle vostre parole , ei vi dirà : 
» Non fìa mai che il Vessillo Sacro di Libertà , che si 
é rifugiato nella Città Eterna , siccome a Venezia , sia 
svelto dal Campidoglio da mano Francese; non sia mai 
che la Francia calpestando i principi , da se stessa pro- 
clamati, divenga in un sol punto spergiura in faccia al 
mondo intero m. Questo Popolo intanto protesta contro 
roccop'izionc del suo Paese, occupazione diretta soltan- 
to a distruggere le sue acquistate libertà. 

Generale ! Solddti Francesi ! Se 1’ opera vostra sa- 
rà consentanea ai nostri desideri , allora vi stringere- 
mo al nostro seno siccome amici , e fratelli. 

Dio protegga la Vostra e la Repubblica Romana. 

bb Z 


Digilized by Googlf 



( 5o6) 

Dalle Camere del Circolo Popolare di Bettoaa i 
Maggio i 849- Votato ad ananimità dall* intero Cir- 
colo. — 


LA DIREZIONE 


PIACERI GIROLAMO Presidente 
PENNACCHI FABRIZIO Vice-Presidente 
CENSI RAFFAELE ) 

ONOFRI DOMENICO ) 

FRANCESCO CERNETTI Segretario 
CHETANO TERENZI Segretario Provisorio 


Consiglieri 


IL CIRCOLO POPOLARE 
DI ASSISI 
ALL’ ANNUNZIO 
dello SBARCO FRANCESE 
IN CIVITAVECCHIA 

Francesi ! a che calcale il snolo dell’ insanguinata 
Italia ? qnal consiglio ri guida ? siete forse altrettanti 
Teutoni mascherati in gallica divisa ? Amici venite , 

0 spcgnitori del sacro fuoco di liberli!i ? Se amici , e 
perchè non valicaste le Alpi allorché per dne volle il 
suono guerriero della tromba Sabauda annunziò all’ 
Europa i generosi canati dell’ italica indipendenza ? 
Se nemici , mal v’ apponeste , sperando co’ vostri na- 
vigli rimorchiare il passato che ci ric;oida catene e 
schiavitù : la vostra nefanda missione vi concilierebbe 
l’odio eterno de’ popoli italiani > ed il biasimo de’ vo* 
stri Concittadini. 

Ma pur troppo i vostri Foiicher , i vostri Barrot, 

1 vostri Falloux , e sovra tutto le inaudite ostilità con- 
sumate nel territorio dei Fabj e dei Scipioni ci disco- 
versero un vero incredibile > mostruoso. Voi Soldati 
Repubblicani foste scelti all’ infamia del fratricidio « 


Digitized by Coogle 


(■[> 07 ) 

SU via 0 prodi di Fr. noia ! porgete al mondo incÌTÌIi- 
to spettacolo nuovo : svenale col pugnale repubblicano 
la Repubblica di Roma, e ciò die di libertà potè scam- 
pare dagli artigli del Proconsole austriaco sia da voi 
spento e distrutto. Intanto udite. 

Rappresentanti dell t Romana Repubblica! o fran- 
cese o tedesco, o repubblicano, o assolutista , o debole 
o potente,, noi reputiamo nemico quel popolo che in- 
vade i nostri lidi senza trattati , senza accordi y senz» 
convenzioni , e Noi vi diamo ampio solenne manda- 
to di respingerlo fin dove è possibile colla forza ; ed 
è perciò che protestiamo in faccia a Dio ed agli uomi- 
ni contro la prepotenza del Napoleonico ministero che 
fuor d’ ogni diritto , colla spada in pugno ed in 
nome della liber'à , che disconosce e bestemmia j ten- 
ta rapirci per mezzo di nequizie diplomatiche la glo- 
ria di- vivere liberi , ed indipendenti. 

Rappresentanti ! la fuggitiva libertà italiana sot- 
tratta da spaventevoli uragani ripara ora con Voi sotto 
F aquila latina: custoditela con fierezza con costanza. 
Ess i sanerà le sue ferite : ma se mai volesse acerbq. 
destino che nell' antica sua culla spirar dovesse l’ ulti- 
mo suo anelito , ah I fate che riceva il mortai colpo 
dalla lancia croata , piuttosto che sofIVire 1’ insulto di 
di vederla trafitta per la mano giudaica di repubbli- 
cani fratelli ; la sua caduta apparirà più consona y lot 
scherno men vile. 


VIVA LA ROMANA REPUBBLICA 
Velato ad unanimità nella seduta i.. Maggio iSig. 



Il Ttibuno del Popol» 
ALESSANDRO PUCCI 

LORENZO CARPINELLI Fice-Tribuno, 


GIUSEPPE FIUMI 
GIOVANNI BINOANGOLI 
CARLO ROSSI 
GAETANO CARMELLINI 


IV. VIRI 


DOTTOR ANTIGONO ZAPPOLI ) 
ASCANIO LOCCATELLI } 

bb i 


Segretari 


( EoS ) 


ALL’ASSEMBLEA COSTITDE?^TE ^ . 

I SOCJ DEL GABINETTO LETTERAIUO 
DI GOALDO TADINO 

La nostra RcpnbLlica, sorta ed inaugurata dal voto di 
tutti i Popoli Romani, ha dichiarato, che la Francia con 
un improvviso intervento armato, non richiesto, nè provo- 
cato dalla nostra condotta, ha violato nel nostro Territo- 
rio dell) Repubblica Romana, il diritto delle Genti, rine> 
gando ai suoi principi) di voler per se l’ indipendenza, e 
tentare intanto di abbatter quella di un Popolo pacifico. Ha 
dichiarato inoltre dì esser ferniainente pronta alla difesa, 
ed in line ha prutesialo di voler respingere la forza con la 
forza, contro l'operato dei Governanti la Francia, in offesa 
alla digni’à di nn Popolo libero. Ond’ è che noi in adesio* 
ne unanime all’ Assemblea medesima ed al Triumvirato, 
protestiamo contro la illegale, ed ingiusta invasione, dichia- 
rando lo stabile proposito di resistere con tutti i mezzi' di 
cui siamo in potere, rendendo mallevadrice la Francia di 
tutte le Conseguenze, essendo nostra decisa volontà, di non 
sottostare più mai aH’abborrito Governo, che il Popolo ha 
rovesciato, e con quest’atto smentire la- bugiarda calunnia 
di anarchia. 

Chi anela alla libertà saprà superare ogni ostacolo, il 
tentativo di pochi, il tradimento di molti. Alle parole cor- 
risponderanno i fatti, ed i reazionarii assolutisti impareran- 
no quanta è la potenza di un Popolo che volle e vuole la 
propria libertà, che ha proclamato solennemente la propria 
indipendenza e che abbandonato a se stesso ha conservato 
mirabilmente l’ordine, e la tranquillità. 

DIO, e Popolo è la nostra divisa. In Lai fiducia, in que- 
sto la forza. 

Gualdo Tadino 29 Aprile 1849 ore 7 pomeridiane. 
Leopoldo Avvocato Quadri 
Pietro Ferrari 
Tommaso Tini 
Angelo Ottoni 
Angelo Felizianetti 
Angelo Sergiacoroi 
Michele Granella 
Orazio Pericoli 


Digitized by Google 



( ) 

Muzio Sinibaidì 
Enrico Ottoni t 

Emiliano Giorenghi 
Liborio Pericoli 
Fabio Bartolomei 
Giuseppe Minelli 
Ciriaco Angeli 
Vincenzo Sergiacomi 
.Luigi Amoni , 

Vincenzo Guerrieri 
Marco Gherardi 
' Raffaele Scatena 
Gìo. Battista Angeli 
Valeriano Roma 
Pietro Amoni 
Giuseppe Angeletti 
Giuseppe Lucantooj 
Luigi Petrozai 
Achille Ottani 

Angelo Moretti < 

Giuseppe Scatena 
Luigi Angeli 
Antonio Morosini 
Girolamo Righi 
Pietro Teodori 
Giuseppe Maria Travaglia 
Vincenzo Rensini 
Gaetano Coppari 
Andrea Vénturi 
Engenio Pignani 
Alessandro Colbassani • 

. Alessandro Sergiacomi 
Pasqaale Bassetti 
Agostino Pierotti 
Giuseppe Stinchi 
Giusenpe Barnaba Panunzi 
Raffaele Pericoli 
Giuseppe Angeletti di Ang. \\ 
V incenzo Lorcti 
Giovanni Dolfi 
Domenico Arduini i 
.Lorenzo Scaccia , 

Paolo Premoli 
Giuseppe iVIahcinelIi 

bis 



l . 

Francesco PreDioli 
VenaniioSilTtni * 

Gio. Angelo Fantaìei 
Francesco Donnini 
Plicola Felizianetti 
Luigi Loreti 
Vincenzo Ribaccht 

Visto per copia conforme airorigmale ritenuto dalla So» 
cietà del Gabinetto Letterario di Gualdo Tadino. Il l. Mag- 
gio 1849. 

n Governatore 

LEOPOLDO AVV. QUADRI 


CIRCOLO POPOLARE 
DI OTTA’ DI CASTELLO 
Topolo Tifemate^ 

LA PATRIA IN PEIRICOLO I Questo toaglco grido 
■ommovea un giorno fin sulle tombe l F>gli dei Broli e degli 
Scrpioni , ed animava a difendere la minacciata liberti 1 II 
guerriero di Roma a quella voce tremenda sorgeva fbrmida* 
bile gigante contro Io straniero oppressore. La donna romana 
si spogliava de’snoi preziosi monili ed offrirali in saeriScio 
sull’ Altare della Patria. Il Popolo tutto , come un sol uomo 
t’ apprestava alla gran lotta con quella diguili e Rerczza che 
la coscienza dui diritto ispira ad un Popolo Sovrano — La 
virtù di quel popolo , pel lungo volger dt secoli , per le turpi 
esigenze del dispotismo , e per le mene infernali della dìpio* 
mazia non si spensero ne' suoi discendenti. Il So d’ Aprile 
sarà eterno documento di questo vero. II So d* Aprile ciaono* 
da due grandi epoche nella storia di un Popolo , cui and ri 
il Mondo debitore di due reali Civillà ! — SI : la Repubbli- 
ca Romana è chiamata sull^ terra a compiere quella nùssioue 
che i Ministri d’ un altra ^epnbblrca hanno vilmente rinnega- 
ta : la Repubblica Romana sorgerà grande e potente sulle ro- 
vine dei troni per ricondurre ira gli uomini la bella libertà, 
la vera uguaglianza , la fratellcvole concordia. 

MA LA REPUBBLICA ROMANA E’ IH PERICOLO ! De«- 
aa reclama il soccorso di quel Popolo da cui surse gloriosa : 
chiede braccia armi e deaero , onde poter respingere gli 


Digitized by Google 



(Kii ) 

sgherri della tirannide , i ladroni amati del Carnencc di S!« 
cilia, compri da Colui che nello scorso anno non polca far 
la guerra al barbaro e sacrilego Croato , ma che oggi avren- 
ia le baionette di tutta Europa contro un Popolo che av (3 
potuto credergli , area saputo adorarlo ! — La Città Elerna 
ha compiuto il suo sacrifìcio : tocca ora alle Proriocie l’opra- 
re altretlaolo : tocca a noi I’ adempire allo giurale promessa 
di vita e sostanze per la salvezza della Patria. — I tigli del 
Popolo accorrono amtnosi ed in gran numero alla difesa della 
Repubblica : dessi non possono offrire che la vita , e la vita 
esibiscono : ma chi non offre la vita eoa qual sacrifìcio pa» 
reggierà quell’ offerta , se pur la è pareggiabile ? •• Orsù 
dunque : chi non dà la vita , dia le sostanze ; ma il dono 
sia un sacrificio non la offerta di ciò che arvanza , perchè 
dessa sarebbe troppo inferiOTe al dono che offrono i figli del 
Popolo. 

Cittadini Tirernali 1 II momenlo della prova è giunto : 
chi non ba un obolo per la Madre che invoca soccorso da' 
suoi figli non è degno di respirare queste libere aure j di 
calcare questa (erra ^ di cui ogni zolla ci ricorda un eroe 1 
Chi si rimarrà sordo allo appello della Patria fugga da noi ; 
egli è nn parricida t egli ha sul capo la maledizione di Dio 
e del Popolo 1 1 

Cittadini Tifernati I il Circolo non dubita del Vostro pa- 
triottismo ^ e della Vostra gene rosi là : la Repubblica avrà c.»- 
Tu dal povero anche il dono de’ suoi miseri cencL II Circolo 
registrerà a perpetua memoria i nomi dei Cittadini generosi. 
Ne'le sue Sale accoglierà le offerte ; ed una Commissiofle di 
gentili Ciltadioe e di egregi palrioUi sarà incaricata di rice- 
verle , ed anche di recarsi alle Vostre- abilazioui per vieme- 
glio riuscire nel nobile intento. 

La Commissione è composta dello GtlaJìne /tmalmta Bu~ 
Jalwii , Maria Sediari e Ttreaa /ilipoi ; e dei Cittadini 
Antonio Beccherucci^ Oiuaeppe Gagliardi e Fincenzo Cclesluu. 

felice il Pepalo Tifernale , se potrà offrire alla Repub- 
blica on dono degno di Lei » , degno di «è t 

Votato eli' unanimi. à oeh' Adnnanza ad irrgenza te- 
mila dal Circolo Popolare di Ci (là dì Costello U sera del 
9 Maggio i84^. Anno I. Repubblicanow 

La Diftiìana dal Cii co!» 

LODOYIC: CORBBCCI PRESIDEMPE 



( Bla ) 


) ConsigHeri 


Giuseppe Gagliardi ) 

Gio?cppe Beliucci ) 

Vincenzo Baldeschi 
Bartolomeo Lensi ) 

Giosuè Palazzeschi ) 

Giuseppe Baldeschi ) 

Annibaie Mancini Economo Cassiere 
Filotcllc Corbucci Segretario degli Alti 


AI ROMANI 

IL CIRCOLO POPOLARE DI PERUGIA 
Fratelli di Roma ! 

A Toi , ultimi sulla breccia a comballere per P Ita- 
liana libertà, a toì rinnovatori delle antiche TÌrlii, noi man- 
diamo esultando una parola d'entusiasmo e d’affetto. Fratelli 
di sventure c di speranze, noi assistiamo maravigliati alla lot- 
ta che sostenete, noi sentiamo al vostro esempio crescerci nel 
cuore l’orgoglio del nome Italiano. Ormai possiam dire cLc 
la gloria non è solo per Pltalia una tradizione consegnata ai 
inounnicnti, ma è potenza efficace di risurrezione e di vita. 

Romani, Dio ci tia chiamali a resistere soli contro l’ur- 
to di tutta l’Curnpa principesca c cattolica; Dio ci ha dato 
la missione di propugnare per lulli il principio della libertà 
contro l’Aiitorità incarnala in Roma nella ibrida istituzioni 
pontificale. Voi mostraste d’aver compreso l’altezza dell’opera 
vostra, voi la compilo degnamente. Il mondo imparerà da voi 
con quali sacrificj si comperi l'emancipazione dei popoli, ci! 
vostro coraggio sarà benedetto dalla libera posterità. 

Noi raccogliamo palpitando ogni vostro alto, ogni vostro 
parola. Grandi nel comhaltimciilo, voi ci sembrate più grandi 
ancora nel perdono. Voi mostraste con nobile esempio alla 
Francia, come tra i popoli non v’è guerra, c coine'basti 
agrilliìsi r onta d’aver combatliilo per la causa del dispo- 
li' mo ; voi , usciti ora a respingere i satelliti del Borbone, 
siete preparali ad accogliere con fraterno abbraccio i vinti, e 
ricordare ci Iraviùlì qual dilferenza corra tra la bandiera dei 
|.o[ioli c quella dei re. Più magnanimi ancora dei vostri avi, 
\oi non solo sapete vincere il nemico, ma sapete amarlo. 


Digitized by Google 



(•>''' 

E il fniUo della rnslra maunn:i!:nilà non andrà pardulo. 
Se i pericoli ingrossano runlru di noi; se la crociala dei Irò- 
ni sIrcUi intorno al seggio poni (ìralu minaccia nuove anni e 
nuove violenze, voi, forli del voslio diritto, forti della vosira 
fede repuljblicana, sarele lialiiardo insuperabile contro le ba- 
ionette dei barbari, da (jiiaintiqnc pnr^e irrompano , e la vo- 
glia difesa additerà ali’Jlalia, dove sia scritto il suo destino. 
Il nome di Roma si stamperà nel cuore d'ogni Italiano, sim- 
bolo della passala e futura grandezza, e sarà parola die rac- 
coglierà iu un solo coDcetlo le divise credenze dei popoli. 

Romani, gli ocelli di tutta l'Europa stanno sopra di voi, 
è r elle vostre mura ove si ccmballc la suprema battaglia. ^ìon 
è duopo elle a voi già due volle viiicilori, noi diciamo : co- 
raggio. \ oi avete giuralo, anziché cedere, di seppellirvi sollo 
le rovine di Roma, e voi manlerrcie, siam certi, la promes- 
sa. E sar.à spettacolo nnic» al mondo il vedere un popolo , 
infeudalo per violenza d’inicpin doUrina alla libertà della Chie- 
sa, come se la Chiesa per esser I bera avesse bisogno d’ un 
popolo di schiavi, il vcdcilo distruggere di sua mano quella 
grandezza che cousarra la sua scliiavilù. 

Durale, o Iratelli, durale coraggiosi a resistere. So an- 
che l’Europa dovesse assistere impassibile alla lotta , la sola 
resistenza è già per voi e per lutti una vittoria. Voi potrete 
cadere ; ma un pontefice clic rizza il suo trono sui cadaveri, 
che mercanteggia coi carnefici la sua podestà temporale , ha 
abdicale per sempre. Il regno del vicario di Dio s’annunzia 
coll’amore c non colle stragi, e dal sangue non può germo- 
gliare che la libertà. 

Votalo air unanimità la sera del dì ii Maggio 1^49» 
'jdnno /. liepuòliccuio^ 

La direzione 


Massini Lorenzo fT. di Preridenle 
Rossi Francesco 
Verga Luigi 
Ra'gnolti Cesare 
Trinci Cesare 
Waddingtou Evelyn Economo Cassiere 
fiondi Almandro ff. di Segtrel. delle Comipoadeoi» 


Consiglieri 


Digitized by Google 



^ ) 

CIRCOLO POPOLARE DI FULIGNQ 
Cittadini Triumviri 

Forlì de’noslri diriili, ferrai in quei Santi Repubblicani pria* 
fipi che ci hanno animalo, e che maggior spirilo o’ infondo-. 
PO ne’ presenti pericoli, questo Circolo Popolare, plaudendo a 
quanto Bgislc in vantaggio della nostra Causa, e della Nostra 
Ri-pubblicn, c di quanto sarete per operare, ha nominala già 
una Dcputa?ioue incaricata per rinvenire denaro ed altro per 
aver uomini in ajuto della minacciala Capitale. 

Noi fidiamo in Yoi Cittadini Triumviri, nel vostro cono-. 
Bciulp reio e patriottismo. Noi fidiamo in Pio, nella giustizia 
della Nostra Causa, 

Mentre replichiamo al vostro foglio del a8 Aprilo corr, 
yi auguriamo salute, vi protestiamo fratellanza. 

Per la Direzione 
Alessandro 'frascialli Priore 

Pip Valer] Segr, Qqor, 


REPUBBLICA ROMANA 
la Nome dì PIO e del Popolo 


O^gi 29 Aprile I8-J9 alle ore cinque e mezzo po-. 
ini ridiane nella Piazza Repubblicana il Popolo di Perugia 
convocalo in Generale Assemblea per deliberazione del Cir- 
colo Popolare, onde esternare il suo voto sulle deliberazioni* 
del Governo e dal Municipio addottale per l’invasione 
francese, accorre in numero di ollro tremila Cittadini. 

La direzione del Circolo composto dei CiUadini 

Lorenzo Massimi ff. di Presidente perchè è mala- 
to il Vice Presidente Gio, Battista Sereni 
Luigi Verga 
Cesare Ragnotti 
Francesco Rossi 
Evclin Waddin 
Francesco Ortis pel Vice Segretario degli Atti 
Alessandro Tantini Vice Seg. delle Corrispondenze, 
Va 4 d oepupare provvisoriamente il seggio della Presidenza: 


Consiglieri 


[ton Economo Cassiere 


Digitized by Coogle 



( 5i5 ) 

e dichiarata aperta l’Assemblea Generale del Popolo-, il ff. di 
Presidente lo invita ad eleggere un Pivsidente cinque Ve- 
dutali, ed un Segretario, e ninno del popolo rispose alT 
invito. 

Si propone perciò se piace eleggere a Presidente di . 
questa solenne Assemblea il Cittadino Francesco Guarda- 
bassi » un fragoroso applauso, un grido universale « SI » 
risponde alla proposta. Egli è proclamato Presidente dell’ 
Assemblea Generale del Popolo. 

Per egual modq sono proposti accettati c proclamati 
deputati di questa ragunanza i Cittadini > Francesco Donisi 
c Antonio Cesarei » Raffale Giamboni » Aurelio Rossi » 
Andrcini Cerrini » Per. Segretario è acclamato Alessandro 
Fantini. 

" Allora fatti ricercare i suddetti individui, si sono a 
intervalli presentati, e fatti intesi della nomina data dal 
Popolo hanno preso i loro rispettivi posti. Il Presidente 
dichiara la seduta aperta, ed il Segretario chiesta la pa- 
rola al Presidente pronunzia un discorso, dove annuncia 
che una divisione Francese minaccia le nostre riconqui- 
state libertà, e ci fa sovrastare il pericolo di tornare alla 
dominazione del governo Clericale. Allo levasi un « no » 
iieH’Assemblea « non mai » , avvi perfino chi dice » me- 
glio la morie che il governo Clericale. » E quando vien 
•letto che la restaurazione di questo sarebbe il sommo dei 
mali per noi per gli esempi del passato, universale si ma- 
nifesta la disapprovazione, ed è proferito il giuro solenne 
di non ricader più vivi sotto quel dispotismo. Perciò, pro- 
siegue il Segretario, foste o Cittadini, qui convocati ; que- 
sta volontà che noi siamo presti a sagramentare col sangue, 
stima la diplomazia Francese la volontà di una fazione degl’ 
anarchisti ; a rintuzzare si atroce ingiuria siete invitati a 
rispondere, a dichiarare una seconda volta che la volontà 
dell’Assemblea Koniana è la vostra» è letta la protesta dell’ 
Assemblea contro Pinvasionc Francese » voi pure protestate 
contro quell’atto ingiusto , unite ai voti dell’ Assemblea i 
vostri, sappia così lo straniero che quei faziosi quegli anar- 
chisli sono tutti che popolano gli stati delia Repubblica 
Romana » manifesti segni di universale adesione ; si grida 
protestiamo tulli. Ai voli dell’Assemblea Romana assente il 
nostro Municipio, e degnamente risponde all’imponenza de' 
fatti » è letto l’indirizzo del Municipio « applausi » Il voto 
del Municipio vada anch’esso al Generale Francese accom- 
pagnato dalla vostra universale spontanea approvazione > 


Digitized by Coogle 



f ) 

seguono applausi prolungati « è posta nei seguenti termini 
la proposizione » Chi di voi sentì in cuore la forza di secon- 
dare i voli deirAsscmhlea e del Municipio, levi alto la 
mano destra. « Tulli aderiscono » Questo .segno di spon- 
tanea adesione dice aH’unisono la nostra ferma volontà dice 
il voglio di un po|)olo, ed il eoglh del Popolo ò il fiat 
Onnipotente die creò runiverso c che lo conserva » ap- 
plausi j> li Cittadino IlagnoUi leva pur’esso la sua voce , 
e con calde generose |»arole appella il popolo a convali- 
dare coU’opera il santo proposito, la .salute della Piepub- 
hlica vuol soldati c danaro, per voi s’abhiano offerte d’uo- 
mini, per voi s’ahliiano i mezzi con che sopperire agl’ ur- 
genti bisogni. 

11 Segretario annuncia che nelle sale del Circolo sono 
aperti i ruoli pelle soscrizioni volontarie, i registri per le 
otTerte di oggetti e danaro. 

Sono le sette pomeridiane la seduta è levala, il Presi- 
dente dichiara sciolta l’Assemblea Popolare. 

F. (ìesumbalennj Presidente 
Francesco Asfea Doniad 

Andrea Cerrini chiamato dal Popolo 
Francesco Rosi 

G. INaddiastri 
Cesare Ragnolti 
A. Cesare] 

A. Rossi 
Lorenzo Massini 
Raffaele Giamboni 

s Alessandro Tantini Segrel. 

Cesare Trinci Consigliere del Circolo sebbene as- 
sente all’atto approva la protesta 

Francesco Osici pel Vice Seg. degl’Alli. 


Digitfzed by Google 


( 5>7 ) 

ALL’ASSEMBLEA' COSI ITUlìNTE ROMANA 

ED AI TRIUMVIRI 

IL CIRCOLO POPOLARE ED IL POPOLO 
DI CITTA' DI CASTELLO 

Il preveduto icbbene Incredibile attcalaio alle nostre 
libertà con incancellabile vergogna commesso or’ora dal Go- 
verno di Francia , in onta alle sue antiche e recenti pro- 
raesse , in onta alla sua Costituzione, in onta al diritto' 
delle genti, ha destato in questo Popolo un vivo sentimen- 
to di stupore e d’indignazione ; lia riscosso i timidi , ha 
invaso d’ira magnanima i forti; lia sollevato le reminiscen- 
ze della dignità italiana: tutti hanno giurato per lo Dio de- 
gli Eserciti che vuol liberi i Popoli , e per la Repubblica 
Romana cbe a quel volere ubbidisce, di combattere fino 
all’ultima stilla di sangue per sostenere quel Governo che 
surse dal voti del Popolo e dalla voce di Dio , e eh’ è il 
solo conveniente agli Umani , l'unico accettevole alla Di- 
vinità. SI ; ogni altro Governo , che si osasse colla forza 
prepotente d’ imporci , sarebbe illegittimo e iniquo, odia- 
to sempre e mal fermo. Onde racquistare le nostre libertà 
abbiamo tollerato per secoli una serie indelìnibile disagrì- 
Ezj y e di tratto in tratto sofferenti e muti abbiamo dovu- 
to suggellarli col sangue. Oh ! dunque senza tanghi sagri- 
fizj , senza sangue non ce le ritorrà giammai nè chi è ne- 
mico d’Italia , nè chi del suo bello ai rai par cbe si strug- 
ga; eppur la slìda a morte. 

Cittadini Deputati , Cittadini Triumviri ! la Vostra ener- 
gia , la Vostra coraggiosa costanza nel sostenere e compire 
il sagro mandato che vi affidò il Popolo ; la Vostra pron- 
ta e dignitosa protesta contro l’invasione straniera ci solle- 
via l’anima , ci commuove il cuore, c’inspira nobili sen- 
timenti , affetti sublimi : ci rende orgogliosi di avervi a no- 
stri Rappresentanti , a nostri Reggitori. Voi avete ben me- 
ritato della Repubblica , dell Italia , dell’Europa , del Mon- 
do ! Noi appoggiamo espressamente la Vostra Protesta del 
ab spirante: giuriamo solennemente di sostenerla; e sul 
capo liberticida del Governo Francese , di quel Governo che 
nel nascere istesso dimentico di sua origine , con meretri- 
cia impudenza ha rinnegato tutti i principi di giustizia e di 
verità , invochiamo i fulmini terribili delÉira di Dio e del 
Popolo per questa e per tutte le generazioni. 


Digitized by Google 



( ) 

Proseguite, Cittadini Deputati , Cittadini Triumviri ^ 
neU’intrapreso cammino , o siate certi che il vostro Popol o 
ti mostrerà degno di Voi , risponderà nobilmente di se stes- 
so ; saprà vincere le arti perverse della Camarilla di Gaeta, 
o dTnferno che sia , e saprà svergognare le stomachevoli e 
vili calunnie che gli si lanciano in viso dalla perfida Di- 
plomazia nemica impudente' c giurata degli UQmini e di 
Pio. -—Costanza !! Unione M 

EVVIVA I RAPPRESENTANTI DEL POPOLO! 

EVVIVA I TRIUMVIRI ! 

EVVIVA LA REPUBBLICA ROMANA ! 

Votato per acclamazione e per la stampa nell' Adunan- 
za pubblica e generale tenuta dal Circolo e dal Popolo di 
Città di Castello la sera del 29 Aprile 1849. 

La Direzione del Circolo 

LODOVICO CORRUCCI Vice-Presidente 

Consiglieri 

GIUSEPPE GAGLIARDI 
GIUSEPPE BELLUCCI 
BARTOLOMEO LENSI 
VINCENZO BALDESCHI 
GIOSUÈ’ PALAZZESCHI 
GIUSEPPE BALDESCHI 
ANNIBALE MANCINI Economo Cassiere. 
FILOTTETE CORBUCCI 5 egr. degli Atti. 


\ 


Digitized by Google 



( 5>9 ) 

CIRCOLO POPOLARE 
DI FOLIGNO 


SEDDTA STRAORDINARIA DEL GIORNO a6 CORRENTE 

Sallq notizia, che nna Flottiglia Francese si è presentata 
innanzi il porto di Civitavecchia con intenzioni ostili ad nna' 
nimità ha risoluto : 

Che si debba rispondere alla forza colla forza e che sap« 
piamo farci uccidere prima di coprirci di obbrobrio , e rica* 
dere vergognosamente sotto l’abborrito dispotismo. 

La Direzione 

Alessandro Trasciatti Presidente 
> RaRaele Casali Vice Presidente 


Francesco Marziani ) 

Antonio Serafini ) 

Salvatore Cardarelli ) 

Ferrante Ferri Pasoalini ) 
Cesare Fiumi ' ) 

Pio Valeri ) 

Pesare Gentili ) SegreUrt 


Consiglieri 


4 


Digitized by Coogle 




Digitized by Google 


PROVINCIA 

D I 

SPOLETO 


Digitized by Coogle 



I 


/ 




! 



I 

I 

■\ 


r 

I 

I 

I 

1 

•I 

I 

\ 

I 

I 



1 

I 


DIgitized byGoogle 


I 


( 52 ?) 

SPOLETO 


REPUBBLICA ROMANA 


IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Municipio di Castel V occhio 

giorno ^ Domenica 29 del mese di Aprile i 846 y pre- 
vio avviso in iscritto fatto precadere nel giorno avanti, ed il suo- 
no della Campana maggiore, si è adunato ad urgenza il generale 
Consiglio di questo Comune a cui sono intervenuti i seguenti Coo- 
siglieri, 

1. Fabbri Girolamo Sindaco 

2. Paolinr Antonio Anziano 

3. Montanari Taddeo Anz. 

4. Cerqnini Francesco ) 

5. Polverari Sante ) Consiglieri 

6 . Belbusti Niccola ) 

Ghiandoni Camillo ) 

Masetti Luigi Segretario 

PROPOSIZIONE 


Il Cittadino Sindaco di lettura del Dispaccio Circolare di 
questa Presidenza in data 2 S corrente num. 4926 e successiva- 
mente di altro del Triumvirato in data *4 detto con i quali 
si annuncia che Pintegrltìi del suolo della Repubblica è minac- 
ciata: fa conoscere quindi che Passemblea ed il Governo della 
Repubblica sapraniro compiere il dover loro protestando colla 
forza contro ogni offesa al diritto e alla dignità del Paese. 

Domanda in seguito ai Cittadini adunati quali mezzi potreb- 
be Il nostro Comune somministrare a sostegno della nazionale in- 
dipendenza; quali risoluzioni potrebbe prendere per cooperare 
alladempimento della missione comune, e dare al Governo stes- 
so una prova convincente dell’adesione di questa Popolazione e 
dei sentimenti dai quali è animata in favore del presente ordine 
di cose. 

Dopo varie discussioni i membri componenti il Consiglio , 
vista Pimpossibilità di provvedere al momento con mezzi mate- 

CC2 


Digitized by Google 


riall al bisogno, hanno yotuto ad unanlmitk e per acclamazione U 
seguente protesta. 

1. Piena ed inalterabile adesione al Governo della Repub* 
bllca a nome dell’ intera Popolazione del Comune di cui esii 
sono j Rappresentanti. ^ 

a. Risoluzione dì difendere con tutti I mezzi che sono in 

suo potere l’integrità del suolo della Repubblica, prestandosi con 
alacrità a tutti gli ordini che sarà per ricevere. ' 

3. Ordine alla Guardia Nazionale di tenersi pronta con le 
armi e munizioni di cui si trova in possesso. | 

Duplicata relazione coi Municipj circonvicini all’oggetto di 
sapere con sollecitudine cosa verrà da essi stabilito in vantaggio T 
della causa comune per uniformarvisi. _ ’ 

b. Assumono essi Rappresentanti Municipali la missione di * 

tenere la Popolazione tranquilla e di animarla a secondare le mire ^ 
e le intenzioni del Governo della Repubblica, e prestarsi con tutti ^ 
i mezzi morali e materiali che sono in loro potere e che saranno * 
dalle attuali circostanze richiesti. !' 

6. In ultimo il Consiglio si dichiara in permanenza pronto ^ 
ad adunarsi dietro semplice invito ogni qual volta lo richiedesse 
il bisogno. V 

Dopo di ciò la seduta si è sciolta e tatti hanno firmato il pre> 
sente verbale 

G. Fabbri Sindaco 
Taddeo Montanari Anz. 

Antonio Paolini Anz. 

Polverari Sante ) 

Belbusti Nicola ) Cons* 

Camillo Ghiandoni ) , 

h. Masetti Segret. | 

Per copia conforme all’ Originale 
L. Masetti Segretario 


Digitized by Google | 


I 



( 5 * 5 ) 

,J REPUBBLICA ROMAICA 

% IN NOME DI DIO , E DEL POPOLO 

” fi Consiglio Comunale di SANT’ANGELO IN LIZZOLA « 
sorpreso da quella tanto inaspettata , quanto ingiusta inTssio*’ 
IfVe della Repubblica Rquiaiia , che si tenta da qn Corpo t 
di Armata spedito dalla Repubblica Francese , e nella cer- 
^^lezza , che un tale ìqlerveutu anziché apportare la pace , 
ordine, la concjiiazione , e la vera libertà, invece lede • 
il più sacro diritto delle Genti, viola i vincoli di una na'» 
^turale Fratellanza , eccita P anarchia, frastorna la concordia 
,^dei Cittadini, e toglie ad Essi l’act^nistata libertà, e le al- 
'ijluali guarentigie ; lo alesso Consiglio prqtesta contro il ci« ; 
lutato arbitrario intervento dei Francesi, dichiara di resìstere: 
con tatti quei mezzi , che possono essere in suo potere , > 
j e rende malevadrice la Francia di tutte le conseguenze. 1 
^ Fallo a Saqt’ Angela |i 7 Maggio 184.9. 


Pel Consiglio t 

PIETRO BAR IOLI Priore ; 

Pasquale Pascucci Anziano 

Giecomp Venturi Consigliere 

Ubaldo Giovanelli Cons. e Capitano della Naiìohale 

Terenpio Gii) Consigliere 

Biagio Geili ^egr. Comle. 



Digìtized by Google 


( > 

AI CITTADIPrr DELL' ASSEMBLÈA COSTITUENTE 
ED AI CITTADINI TRIUMVIRI 

// ConsigJìo Municipale di Bevogna 

Mot ciìftodi.dei ^acrt diritti dei nostri concittadini; noi 
rappresentanti legittimi del nostro popolo, interpreti dei suoi 
bisogni, dei suoi voti sentiamo il dovere di ringraziarvi 
di quanto operaste per l'onore nazionale , e per le nosti • 
libertà Contro la prepotenza del governo l'rancese , che mi« 
neccia ribadire colla forza le infrante nostre catene. Non 
dubitate, Generasi, dell’adesione universale. Se voi credere^ 
te t cadremdio tutti con voi. Ma stilla nostra tomba sede-^ 
rà orgoglioso 1’ onore nazionale incolaniinato ; I' infamia pe^ 
serà incubo inesorabile sulla coscenza dei vincitori; e di noi 
sarà scrìtto *■ furono infelici, traditi, ma caddero da forti'J 
Si resista con coragg'o , che le nazioni non muojono , e 
r avvenire è dei Popoli , perchè Dio » « I’ eterna giustizia 
sono con noi. Iddio salvi Voi, e la Repubblica ; e I' onore 
nazionale ! Disponete delle nostre persone , e delle nostre 
fortune per la salute'della Patria -» VIVA LA LIBERTA’! 

Votato il presente indirizzo dal Consiglio, e dalla Rap- 
presentanza MUNICIPALE DI BEVAGNA all’unaniinità per al- 
zata , il giorno primo' di Maggio i84$i Anno primo Repu« 

La Magistratura 

GIROLAMO PIERGILI Gonfaloniese 

GIACOMO ANGELI NIERI 
ANTONIO ANGELI Anziani 

FILIPPO ZAMPETTI 

ANTONIO BABUCCI Segretario 


Digitized by Google 




( 52; ) 

repubblica romana 


IN NOM£ DI DIO E DEL POPOLO 
COMUNITÀ’ DI MORDANO 
OgSii primo Maggio 18^9 

iriornn HI pubblica, dietro ÌnTÌto diramalo nei 

fordinam'ro^„rManic?pi sTceLtTo^Vp/t/ CoS^ ?? 

naie nel numero dei seguenti Cittadini ^ Comn- 


vjciinajo 

naie nel numero dei seguenti Cittadini. 

PRESENTI 




1 Gjo: Bornioli Crocetti Priore 

2 Giorgio Cavallazzi Anziano 

3 Domco Folli Berzantini Anz. 


ASSENTI 


S 1 

•a» 

<A . 

00 _ 

JH 3 


1 

2 

3 

i 

5 

6 

I 

9 

10 

I I 
1 » 
j3 

»4 


Francesco Capozvi 
Giuseppe Brunori 
Giovanni Checcoli 
Pietro Poletii 
Giovanni 2(la(teueci 


u 

’ftb 

f/i 

a 

o 

U 


3 

5 ~ 

6 Matteo Mazzotti 

7 Antonio Arcin. Biffi 

8 Biagio Vecchi 

9 Michele Monti 

10 Pietro Parrcco Santi 
I J Giovanni Peiinazzi 

12 Giuseppe Scarabelli 

13 Giovanni Avv. Tamburini 
H Uiuieppe Dott. Masi 

Leopoldo Battellani Segretari# 


cc 4 


DIgitized byGoogle 


( 528 ) 

PrG^ieiIiits dii Cittadii^'^ Giovanni Bornioli Crocciti Prinrcj 
il fin ile co i*i<ler.ito che l’adunjnzi è in via di urgenza 5 per 
cui è valido qualunque numero d’intervenuti, e invocato il divino 

ajuto, ha (licliiarata aperta la discussione sulla proposta. 

Rispondere con manifestazione solenne al voto dei po poli , 
dietro il seguilo intervento delle Armi francesi a Civitavecchia 

Discussione della Proposta 

ESPOSIZIONE DI FATTO 

, Il Segretario Comunale ha esposto alPappogglo della posi- 
*ione posta sottocchio deH’adunanza che il Triumvirato della 
Repubblica con Circolare del 2+ Aprilo pp. jeri ricevuta ha rife- 
rito importare, d’appresso all’intervento di una Divisione Fran- 
cese a Civilavecchia , che le Rappresentanze Comunali risj on- 
dano degnamente con solenni manifestazioni al voto dei popoli. 
Oltre a cò il Prende di Ravenna con Circolare del 29 detto 
jeri del pari ricevuta alle ore tre ]pomeridiane) mentre premura 
in oggetto, significa di attendere l'analogo atto Consigliare , tra- 
scrivenJo per norma la manifestazione fatta in proposito dal Mu- 
nicipio di Ravenna. 

DEDUZIONI DELLA MAGISTRATURA 

Considerata l'importanza dell’oggetto , U Magistratura ha 
ritenuto convcn'ente di promuovere per urgenza la presente 
adunanza , avvisando che sia opportunamente motivata atermioi 
deipari. 90 delia legge municipale. 

DELIBERAZIONI CONSIGLIAR! 

Ritenuta l’urgenza dedotta, il Consiglio penetrato dall’al- 
tezza dell’ oggetto, e rispondendo al voto di questo Municipio 
ha dichiarato di riconoscere come inopportuno Pintervento fran- 
cese nel Territorio della Repubblica, e di protestare per l’inco- 
lumità dei diritti costituiti attualmente colle appresso parole, det- 
tato di un Consigliere,, L'intervento della Francia armata negli 
„ Stati Romani è a riguardarsi avversario ai nostri costituiti 
,, dir Iti, e come tale da doverse le richiamare, e protestare al 
,, cospetto di tutte le civili nazioni: primo perchè con parole 
„ vaghe si cercò da quel Ministero di velare all'assemblea in 
„ Parigi lo] scopo vero di questa missione; poi perchè avendo 
avuto luogo tale iatervento in una parte d'Italia , ove il 


• Digitized by Google 



Tede^o non ha ad abusare di alcuna ottenuta vittoria , mostra 
con ciò la Francia che fu solo na pretesto quello della sua 
,, necessaria presenza per frenare il vittorioso austriaco nernico, 
s> C porre in salvo la minacoìata italiana libortà, e» di chcdalu 
„ luogo allo sqnittinio secreto colla dichiarazione che chi con- 
viene nella proposta dia il voto bianco, e chi disconvenisse 
,, lo dia nero, si ebbero voti favorevoli sci n. 6 e contrarj n. 2 due 
Fatto, e letto il giorno, mese, ed anno suddetto alle ore 
cinque meno un quarto, dal merìggio. 

Sottoscritti 

Giovanni Bornio)! Crocciti Priore Preiid. 

Francesco Capozzì Consigliere 
Giuseppe Brunori Consigliere 
Leopoldo Battellani Segretario 

Mordano i Maggio 1849 
Per estratto conforme ad uso di Ufficio 
Leopoldo Battellani Segr. 


anPUBBLICA ROMANA 
PROVÌNCIA Dì SPOLETO 
municipio di BEVAGNA 

Lì 17 Maggio 1849. 

Al Cittadino Direttore del Monitore Romano 

Come degl altri, e non degl' ultimi questo Municipio vo- 
to nella generale adunanza del primo corrente all’unanimità un 
Indrizzo all' Assemblea Costituente , ed al Triumvirato , rin- 
graziandoli di ciò che avevano operato per 1’ onore nazionale , 
e per le nostre libertà , non che la nostra adesione , e coopc- 
razione in quanto è in noi a tutto quello che pel bene della 
ratna sarebbero per di?porré, 

^ Diversi esemplari di esso indirizzo hai detti la premura d’in- 
>ure ai Cittadini Presidente delPAisemblea , al Triumvirato, 


Digitized by Google 



( 53 o ) 

ed ai Ministri degl’Esteri ,, Interno , Guerra , e Marina j ed 
allorché riddi trascritti nel Monitore eguali indirizzi dei Mu' 
nicipj , Ascoli , e Guardie Nazionali credeva scorgervi anche 
quello del uustro Munioipio. Non solo fino ad ora non vi è stato 
notato y ma di più nell' elenco de’ Municipi che hanno ain. 
messo tali atti portalo al Numero 99 del Monitore è egualmente 
trasandato Bevagna. 

Senza inlerressarmi degl’ incidenti che avranno dato luogo 
ad una tuie involontaria mancanza ne rimetto una copia del 
indirizzo sopracitalo con preghiera di unirlo agl’ altri sia nella 
pubblicazione sia in tutto ciò che stimerete opportuno della 
circostanza. 

Spero dalla vostra gentilezza di esser fornito mentre vi 
saluto colla più distinta stima. 

Il Gonfaloniere 
G. Piergilj 


REPUBBLICA ROMANA 

IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
MUNICIPIO DI CARTOCETO 

Nel giorno di Domenica 29. Aprile iS^Q. fatti precedere 
i soliti biglietti di chiamata a tutti gli attuali Consiglieri , si 
è in quest'oggi in via d’ urgenza radunato il Consiglio Muni- 
cipale composto dei Cittadini 

Alessandro Oltaviani Bertozzi Priore 
Serafino Innocenzi Anziano 

1 Lorenzo Agostini 

2 Giuseppe Ginesì 

3 Angelo Biagini 

4 Mariano Bonci 

5 Sabbatino Mencarini 

6 Bartolomeo Ravaglj 

7 Stefano Costantini 

8 Antonio Rondine 

9 Angelo Bonini 

10 Francesco Ambrodni 

11 Vincenzo Ghiandoni 

12 Marco Garlucci 


Digitized by Google 



( 53i ) 

L’onore della Presidenza fu dato aU’esercenie Priore AIes« 
Sandro Ottaviani Pertozzi. Quindi fu aperta la Pubblica seduta, 
ore si trattò quaiìto siegue. 

Proposta unica = Il Cittadino Preside con Circolare 
Dispaccio n. 49^6 addliucstrato, che l’integrità del Suolo 

Repubblicano ò minacciata, ond’é dell’onore, c dell’interesse 
di tutti fare ogni sforzo per salvarla , e difenderla. Mi rimette 
in pari tempo un Ordine Circolare del Triumvirato, dove si 
addimostra, che 1’ Avanguardia di una Divisione Francese è in 
presenza del Porto di Ci vilavecchia, che il forte è apparecchiato 
a difesa: che nessuna comunicazione è stata fatta dal Governo 
Francese a quello della Kepubblica: Che quali che siano le in- 
tenzioni Straniere a nostro riguardo , l’Assemblea , ed il Go- 
verno della Repubblica sapranno compiere il loro dovere , 
protestando anche colla forza, contro ogni offesa al diritto, ed 
alia dignità del Paese, e che incombe a tutti di cooperare con 
stiimo risoluto all’ adempimento "della missione comune . 
Quindi fu data leltura della Circolare del Preside in data 26 
corr. , dell’O. dine del Triumvirato a4 detto, della protesta del- 
l’Assemblea Roma.ja 20 Aprile, e di una lettera del Circolo Po- 
polare Fanesc n, 69 del ay corrente. 

In seguita il Cittadino Priore progredì in questi termini» 
Roma, o Cittadini, nello spazio di 2 ^ ore riunì il volo dell’Assem- 
blea, de! Governo, della Guardia Nazionale , del Popolo, ed 
espresse questo voto con ogni calma, soUnniià, e dignità propria 
del Popolo Romano. Tocca ora a Noi tutti seguire Pesempio 
dell’Eterna CilU'i per far vedere, che siamo degni di portare il 
nome Italiano — Chiunque rifiutasse di prestare adesione all’at- 
tual forma di Governo, tradirebbe certamente quel solenne man- 
dato, che gli venne affidalo dal Popolo, qnaiuio lo elesse a Pub* 
bl ico Municipale Rappresentante. Noi pure, che all’alto dell’As- 
semblea Costituente per la nomina dei Rappresentanti abbiamo 
dato un documento pratico della nostra fede politica, oggi siamo 
chiamali a rispondere degnamente, e con libere espressioni al 
voto del Popolo. Quindi invito voi lutti o Cittadini a fare la 
manifestazione solenne del vostro voto, che deve essere degno 
di un vero Ituliano; e in tale occasione desidererei d’interpellare 
subito questa Compagnia Nazionale, e per Essa il suo Coman- 
dante, onde assieme con Noi suirc'empio dì Roma solennemen- 
te esprima la sua volontà di adesione verso il Governo della 
Repubblica per difesa della Patria, degli Stati Romani, e della 
nostra liberti In tutto ciò vengono pregati ad esporre il loro 
parere tutti i Congregati, perchè io possa formulare la relativa 
proposta. 


( 5:^a ) ^ 

11 Guadino Lorenzo A;;ostÌDÌ prese parola nei seguenti 
termini o :ìe lo scopo deirintervenlo Fiancese è diretto a ri- 
pristinare il Cove' no temporale Chiericale, io protesto formai^ 
menta contro questo iniervento. 

Stefano Cusiantini domandò la parola, e dichiarò di nni- 
formarsi intieramente airopinione esternata dal Priore, nel cui 
sentimento convennero tutti i Congregati per cui il Cittadino 
Priore fù invitato a formulare ia Proposta , che espresse in 
questi termini c Se piaccia o nò di aderire alla protesta 
messa dalP Assemblea Romana, ed essere pronti con ogni for- 
za morale, e matei tale per quanto è in nostro potere a difen- 
dere la indipendenza pel suesposto pericolo d’invasione , e fa: 
re qualunque sfoizo per sostenete fa nostra libertà , ed i di- 
ritti del Popolo. 

La Proposizione venne approvala con acclamazione, e per 
levala generale. 

Il Popolo intervenuto applaudì clamorosamente, e frà gli 
evviva alla Repubblica Romana si allontanò dalla Sala. 

Dopo ciò si è terminata la sessione, e sciolto il Consiglio. , 

Fatto, Ietto, e chiuso il presente atto in Cartoceto alle Ore I 

20 del giorno mese ed anno suddetto 

A. Oltaviani Priore Cap. della G. Pf. 

S. Inuocenzi Anziano 
Marco Cariucci Consigliere 
Mariano Bone! Consigliere 

Per Copia conforme d’Dff. 

A- Ottaviani Priore e Capitano della Guardia Itazinale: o ] 



Digitized by Googic 


{ &33 ) 

RFiPUBBLICA IIO.MA^'A 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 

Proics ter contro V ialcrvento dello Straniero votata per 
(generale acclamazione nei Coniizj Apirani dei io 
Maggio iSi^. 

Non sazio mai lo Straniero d' invicll.irci quella luce di 
Cielo « questa uberlà di cainiii , queste ricche Città , non 
mai sazio di gettarci in faccia lo schenu e le più atroci ca- 
lunnie» al presente ci minaccia tutta quella serie di mali, 
di sciagure , di vergogne , che incvitab hnénte precedono , 
accompagnano, e tengo:» dietro all» guerra. — Anche una 
volta svergognati Briganti , illusi Repubblicani , malconsi- 
gliati Realisti si lancian contro Petorua Roma. Quale è lo 
scopo di costoro ? — 'Qualunque des»o si«a , orrende saran- 
no le traccie cl\e lascerà il loro passaggio , le loro ven- 
dette. 

Ben meritarono dunque della Patria quei Buoni, quei 
Generosi che solennemente protest, iro.io innanzi a Dio , e 
innanzi al Popolo contro lo Str.iniero che non provocato , 
da nemico ca^esta il suolo della Patria nostra. E noi pie- 
namente aderendo a loro esempio, dicliiariamo nemico di 
Dio e della Patria chi profana gli .Altari , chi vilmente 
schernisce il debole e l’oppresso , chi suscitando la guerra 
civile , aizza il fratello contro il fratello , chi gP immerge 
nel seno un ferro omicida. 

Per evitare mali si orrendi tutti qu’i quanti siamo , ci 
adoprererao a tuli’ uomo a conservare puro ed illeso l’o- 
nore della augustissima nostri P».eligione e della Patria no- 
stra , a mantener tra noi 1’ ordine e la tranquillità pubblica, 
a fare rispettare come cosa sacra l’onore, le sostanze e la 
vita dei Fratelli nostri. Che Iddio ajuti il suo Popolo pre- 
diletto ! ' . 

A. FOSLA Priore 


Digitized by Google 



( 534 ) 

AL GEPfERALE OUDIlSOT 


comandante la spedizione francese 

IN ITALIA 

IL POPOLO DI SPOLETO 
Cittadino Generale ! 

Quando talpaste da Maraiglia per toccare il nostro ter» 
reno non vi tornò al pensiero Roma» l'antica capitale del- 
rUniverso e della Repubblica? Non vi ricordaste che noi 
eravamo nn popolo che traeva dal suo glorioso passato le 
ispirazioni d’un avvenire solenne , e che gl'infortnn), le lu- 
singhe e prepotenze stranierei e le subdole arti d’ una di- 
plomazia fiaccatrice del libero sviluppo civile, non potevano 
levarci dal profondo del cuore l’amore coscienziosa tradi- 
zionale -della Nazionalità della Repubblica ? 

Cittadino Generale! E quando prendevate la terra d'uno 
Stato libero, non ripensaste al fremito generoso che si sa- 
rebbe destato nella vostra Nazione, se una Potenza Straniera 
avesse violato il sacro suolo dei Padri vostri ? 

Ma perché Voi veniste, Cittadino Generale, e ci getta- 
ste sul volto un'accuta immeritata, noi vi ricorderemo che 
avemmo sofferenza dopo un abbandono vigliacco, di richia- 
mare tra noi piò volte quel Pontefice, che come fu segno 
di invidia nc'giorni delle esultanze, ora é scudo di tiranni- 
de, e lo si aggira c palleggia sotto colore di religione, da 
quelli che pur seppero darci antiche prove di riverenza alle 
Sante Chiavi. 

Non a nostra giustificazione ( ma a vergogna ed infa- 
mia de’ sovvertitori malevoli e bugiardi ) vi diremo ancora, 
Cittadino Generale, che si volle accendere tra noi la guerra 
fraterna, che si prodigarono armi, danaro, che si fece mer- 
cato inverecondo delle pietose e. religiose affezioni , che ci 
si levò l’oro, ci si lanciarono maledizioni e scritture anti- 
cristiane dai cristianissimi, e pure il Popolo, tutto il Popo- 
lo degli Stati Romani, stette saldo nei suoi concetti politici, 
elesse i suoi Rappresentanti, e sorse dì suo consentimento 
l’Assemblea Costituente, e questa creò la Repubblica -'O Ge- 
nerale Cittadino ! 

Ai Croati non faremmo proteste, non daremmo parola: 
-Anche domati dalla forza, costretti nelle catene, vergheg- 

i 


V 


Digitized by Googlc 


( 535 ) 

giati\ terberemmo tempre quella nobile e fiera alteiie che 
è propria dei popoli che hanno coscienza, onore e principii 
intemerati} ma a Voi, Cittadino Generale, pure a Voi ne 
pesa Tanimo dover ridire quello che sta scritto tulle eterne 
pagine del diritto pubblico, quello che le nazioni libere non 
discutono ma sentono, quello che è vergato sulla Vostra 
vCustituzione e crebbe col battesimo di sangue nelle votXm 
gloriose giornale. 

Cittadino Generale! Voi non eravate con noi nei gior- 
ni deiragonic, nei giorni che il cuore sanguinava e la pa- 
rola e fino il respiro erano ricacciati dolorosamente entro 
la strozza, Voi non avete sofferto i lunghi strazìi, le immo- 
rali sevizie d’un potere temporale lerocratico, Voi, forse 
entusiasta d'un nome, d'ua uomo, d'un tfpo, non ricordaste 
che i mortali soccombono, che le dolcezze d^un potere -so- 
no fomite di tirannide pe‘ successori, che le rivoluzionila^ 
compiute sono la rovina degli Stati, e che un Popolo noti 
deve mai indietréggiure, che le triste consuetudini, i viziati 
principii bisogna rornpere, diradicare. 

Ora che siete tra noi, dornandate a questa giovine ge- 
nerazione, che con animo fraterno e sorrisi d) speranze ge- 
nerose vi salutava colla fantasia sulla vetta delle Alpi , do- 
mandatele qual fu il suo rammaricato dolore , la sua sde- 
gnosa maraviglia, quando sen^l m-iramplesso, non la corri- 
spondenza d'atfetti, non le esultanze, le sitnpaùe repubbli- 
cane, ma racuta punta d'un brando fratrie! ia. 

No, Cittadino Generale! Non doveva fa Prancia, non deve 
combattere un Popolo che difende i suoi diritti: non do- 
veva vituperarci con menzogne, e dire all’Europa che reguz 
ne* nostri Stati l’anarchia, per non dire eh* essa offro la ma- 
no al potente e rinnega la carità dignitosa alPoppresso.' Ma 
perchè siamo pochi , forse non abbiamo braccia, sangue 
nelle vene ? Forti della nostra coscienza dei postri diritti 
opporremo forza alia forza, E soccomberemo forse , tiia i 
• generosi della Vostra Nazione quando sapranno che difen- 
devamo Ponore , l'inviolabilità del suolo della Repubblica 
ci compiangeranno , e forse dal nostro sangue sorgerà il 
sangue della vendetta e della giustizia» 

Ma prima di combattere, Cittadino Generale, assicurate 
il vostro Governo che negli Stati Romani non v* é anarchia, 
che non è una fazione, ma un popolo maturo che vuol U 
Repubblica, e dite che il Municipio Spoletino, le Autorità, 
la Guardia Nazionale, il Circolo, il Popolo, PArma d*ogoÌ 
sorta echeggia d*evviva e di piamo al suo Governo Rtpuh» 


I 


'( ) 

btlcanó. Dite al Toslro che noi riconosciamo nei Deputati 
dell’ Assernhlfi'» Inveri nostri rapprosenlatitii che tnt o qutl- 
|o statuirono, lo staluinitiro pnc npi, e elle serberemo a lei 
ed al l'iiumyirato eterna {iraliiiidine per il contegno die ha 
tenuto con voi, Cittadino Generale, con i Cominissirj Vostri, 
Ma i iiosiri saranno vani liiyori, la p-otesta che fac- 
ciamo contro rinterveiito Fmicesc , la novella adesione al 
Governo Repubblicano, forse tutto andeià perduto negli 
amplessi di due popoli nati non per osteggia sì , ma per 
amarsi. Soldati che altra volta combatter ino per noi, con 
noi per l’istessa fede, per gl’ istcssi prìocipii , Soldati che 
danzarono esultanti intorno all’viMiero della liberih, vorrau- 
110 ora farsi strumento di tirannide, abbattere il sacro Ves- 
tillo, la Croce misteriosa della democrazia? 

Oh nò ! Il Popolo Francese, la Nazione dell’onore, del-' 
la Cavalleria non saprebbe e non vorrebbe cader s) basso. 

Vot ilo ad unanimità in Spoleto nella generale straordi- 
naria Assemblea del 28 Aprile Anno I. Repiibblicano- 

Pubblicato al Battaglione Nazionale, e 1 al Popolo riunito 
nella Piazza de| Goyerno Repubblicano venne con universale 
acclamazione approvato. 

II Presidente della Provincia GIUSEPPE CARAMELLI 
il Vice-Presidente del Circolo Popolare G- LRONCILLI 
GIUSEPPE SORGHI 'Tenente Colpnnello della Guardia 
Nazionale 
GAETANO POLI 

Capitano armari Comandante la Piazza 
Il Comandante la Guarnigione D^ -LEONI Capitano 
Per il Tribunale CARLO MARTELLI Giudice 
B. Capitano SOLDATINI Comandante la Darsena 
Il Comandante il Deposito di Artiglieria MARIOTTI 
Serg. Magg. 

Il Capitano dei Carabinieri FRANCESCO TOPINI 


\ 


Digitized by Google 



( 537 ) 

^ Governanti 

LA REPUBBLICA ROMANA 


Il Municipio^ la Guardia Nazionale , e il Circolo 
Popolare di Acquasparta. 

Cittadini Triumviri. 


Commossi per la inattesa ìoyasione del Territorio del- 
la Repubblica , ma confortati dall' attitudine ferma e di- 
gnitosa del Governo i sottoscritti come Rappresentanti le- 
gittioii di questa Popolaziorte aderiscono pienamente alle 
decisioni dell’ Assemblea Costituente Romana , che ricono- 
scono quale espressione libera , e spontanea del suffragio 
nniversale ; e protestano altamente contro la violazione del 
diritto imprescrittibile di ogni Popolo di costituirsi la pro- 
pria forma Governativa minacciata dal non Repubblicano 
Governo della Repubblica Francese con esemp/o obbrobrio- 
so ed affatto nuovo nella storia dei Popoli. Dichiarano inol- 
tre solennemente che il Regime Repubblicano è il solo che 
convenga allo Stato Romano , e che per conservarlo si ter- 
ranno pronti a qualunque sacrificio , offrendo al Governo le 
proprie vite e le proprie sostanze. 

Approvato ad unanimità y ed applaudito con lunghi e 
ripetuti riyaa//a Repubblica dal Popolo Acquaspartano con- 
venuto a tal uopo in gran numero nella Piazza Repubbli- 
cana alle ore sei pomeridiane del 29 Aprile 1849 I. Repub- • 


PER IL MUNICIPIO 

I 

Luigi Mimmi Anziano 
Odissea Montani Am. 

Paolo Sordoni Anz. 

Pietro Forti ) 

Crisostomo Plana ) 

Giovanni Laurenti) Consiglieri 
Filippo Lantici ' ) 

Filippo Trusca ) 


Digitized by Google 



( 538 ) 


PER LA GUARDIA NAZIONALE 

Giuseppe Mimmi Capitano Comandante 
Anacleto Tiana Tenente 
Salvatore Salvatori Tenente 
Francesco OlivelU Sotto 'Tenente 
erisamo Catti Sotto-Tenente 

PER IL CIRCOLO 

Fincenzo Froslnini ff. di Presidente 
Francesco Diana Dep. 

Tommaso Moriottini Deputato 
Arcangelo Rossi Dep. 

Marcello Olivelli Dep. 

Vincenzo Canonico Sordani Segretario^ 


REPUBBLICA ROMANA 

CITTADINI DELL’ASSEMBLEA COSTITUENTE 
CITTADINI TRIUMVIRI 

n (angue Romana è versata con molta gloria , E per 
opera di Clii ? Di quella Francia superba un tempo d’orgo- 
glio per avere abbattuto l’ alterigia dei Regnanti , procla- 
mate i principi progressivi del Secolo, che dopo l’espulsio- 
ne dei suoi Rè si costituì in odierna vigente Repubblica: di 
quella Francia che nei 1798 innestò armata FEra- Republi- 
cana dello Stato Romano, i di cui Figli commisti ai Suoi 
non ismentirono l’antico valore, pugnarono da forti, e con- 
tribuirono in ogni tempo nei Campi di Spagna, di Germa- 
nia e d’Italia alla sua sicurezza ed elevazione : di quella 
Francia a cui fin dall’esordio delle attuali politiche commo- 
zioni si rivolgevano i sospiri di tutti i cuori Italiani, e eh* 

Essa accoglieva con mentita sembianza di patrocinio e di 
simpatia. < 

Quale inconcepibile e strano cambiamento I Una Na- 
zione Generosa , Maestra di civiltà, aspirante a cavalleresca 
gentilezza, proclamatrice di libertà , di sostegno agli Op- 
pressi , annunziatasi Autrice e Conservatrice di principi de- 


Digitized by Google 


mocratici Tiene , ed in isiatu di Repubblica ad immergere 
nel seno della Germana il pugnale Fratricida. So/a ed uni- 
ca ligia a tenebrose macchinazioni, sotto apparenze di pa- 
cificazione, usando il misterioso linguaggio delTingannevoIe 
Diplomazia, simulando amicizia ed interessamento , occupa 
il nostro suolo per quindi coll'ombra di fiducia imbrandi- 
re il ferro omicida e spingerlo a desolazione, a repressione, 
a morte s Oh quale pagina di futura Istoria! Oh come la 
Francia si discolperà da un tratto si inumano ed inconse- 
guente avanti la stessa sua Nazione ed ai Posteri ! Se aa 
Ministero serviente ancora a'I’idea di una Reggenza d’Or- 
leans la trascina e sconvolge, che si tolga almeno la ma- 
schera, palesi il suo Programma, si ponga in linea cogli 
Oppressori, e non versi sui Popoli disordini, e calamità mi- 
rando a restaurazione di assolutismo, senza ostentare il Pa- 
ladino di Libertà. 

Cittadini Deputati dcH’Assemblea , Cittadini Triumvi- 
ri > nell’avversità abbisogna costanza, e la Città di Amelia 
ammira quella già addimostrata ndl’ultinio luttuoso ed inat- 
teso frangente. Volarono già a vostro soccorso i nostri Mi- 
liti che saranno presso di Voi l’espressione de’nostrì senti- 
menti di ammirazione, e di attaccamento alla Causa com* 
mune. 

Votato il presente Indirizzo ad unanimità dalla 
pubblica Rappresentanza di Amelia il a. Mag- 
gio 1849. 

Antonio Assettati Gonfaloniere. 

Francesco Franchi Anziano. 

Adamo Colonna Anziano. 

Stefano Guazzaroni Anziano. 

Gio. Rosa Anziano. 

Giovanni Ciatti Segretario. 




Digitized by Google 



( 5^0 ) 

AI 

CITrADINl TRIUMVIRI 
E DEPUTATI ALLA COSTITUENTE ROMANA 

N 

IL POPOLO E MUNICIPIO DI TERNI 

E TUTTE LE AUTORITÀ’ E RAPPRESENTANZE 
CIVILI E MILITARI QUIVI ESISTENTI 

Un* Armala di Nazione Straniera viene a posarsi sui 
suolo inviolabile della REPUBBLICA ROMANA ! . . . £ 
di qual Nazione !.. Di quella che piantò in questa bella 
Penisola le Repubblicane Insegne sul fìne del decorso Se- 
colo , che gl' infrenabili moli di libertà inspirò dipoi col 
suo esempio e protesse ne’ popoli d'Italia e della Europa 
intera : della Nazione Francese , che con generoso ar- 
dimento , distrutte tre dinastie con tre rivoluzioni dì 
sangue , potè segnare alla perline nelle pagini della sua 
istoria il soleunè fatto delle conquistale Repubblicane Isti- 
tuzioni ; che ai fè sacramento per suo fondamentale 
statuto di proteggere amica e con fraterna ^alleanza tutti i 
Popoli liberi ! Ed ora questa Nazionè , nè invitata > nè 
provocata, lancia sulle nostre sponde del Mediterraneo, 
comechè con studiate blandizie ed artificiose espressioni di 
amistade, un’armata vigorosa , attrezzi, ed equipaggi da 
Guerra, el accenna alla Capitale della Romana Repubblica, 
sotto mentito pretesto di ristabilirvi l’ordine e di sbandirvi 
P anarchia ! 0 sono leali coleste espressioni, e nel mentre 
palesa con esse di esser tratta vilmente in inganno dal 
Potere che la spinge , Noi siamo disonorati e calunniati 
da iniquo supposto : Perocché non l’anarchia è fra noi, ma 
regna l'ordine il più perfetto e concorde , e quella tran- 
quillità che è la vita di un libero popolo ; o son’ esse men* 
daci , e noi non siamo un’ orda dissennata di fanciulli per 
esser presi da bugiarda frode , come non pur siamo una 
banda di vili faziosi , e di sconsigliati utopisti , che ci 
reggiamo a disordine e ad immoralità , e che il rimorso 
ad un’ostile incontro ci cacci in fuga codarda ; ma siamo 
l'espressione di una Nazione intera , la quale intolleraate 


Digitized by Google 



/ 


( 5ii ) 

degli* antichi mali, ( e del più grave fra tutti che la Satìtissiniià 
Heligione de* Padri nostri sia fatta strumento alla politica dei 
tc) vuole restaurarsi e rigenerarsi alla sua dignità primeva# 
ed a quella libertà civile e religiosa , bandita dall’Evangelio 
di Cristo, Bene quindi opera, e ottimamente meritò della Patria 
it senno ed il coraggio dei nostri Triumviri, della Costituente# 
del Popolo Bomano, che fidenti ncinostii inviolabili diritti ia 
faccia ad Europa intera , al Tribunale incontaminato del sacro 
diritto delie Genti , ed alla istessa Nazione Francese ( che non 
intendiamo confondere col suo sleale Ministero # da cui é 
disonorata e tradita ne’ suoi principi) si protestano solenne- 
mente Contro codcslo enorme allentato ; che alla immeritata 
\'olenza, rispondono coraggiosi colle armi, e con energico con- 
tegno si adoperano a difendere con tutte le forze l’incolamìtà 
della nostra Repubblica e l' onor nazionale , che infine si mo- 
strano allo straniero di non esser degeneri Nepolì dei Fabj , dei 
Camini, dei Scipioni, 

Il Popolo ecl il Municipio dì Terni pertanto, e quante qui 
hanno Autorità e Rappresentanze Civili e Militari prestano 
piena ed unanime adesione col presente Indirizzo al magnani- 
mo contegno ed al dignitoso operato del Governo della Romana 
Repubblica, pronti anche a sostenerla col fatto e colla propria 
cooperazione, ove gli ordini di esso ed il bisogno il richiegga t 
comechè siam Noi d’avviso , che P onore della gentile e libera 
Nazione Francese , il suo solenne Giuro per l’ osservanza dei 
propri statuti , non consentirà mai che sia dato al móndo 
civilizzato il miserando spettacolo, che le onorate insegne della 
sue armate tornino nel suolo Repubblicano Francese bruttate 
dal sangue di un popolo libero , che combatte com’essa pei* la 
propria libertà , e che si lasci pesare sul capo l* enorme delitto 
di fratricidio, consumato orrendamente contro una Repubblica 
sorella. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 
Terni li 3o Aprile iHè 

LA magistratura 


Massatufiói Giuseppe Gonfaloniere 


Silvestri Lodovico 
Pustici P’incen&ù 
JSicoletti Giuseppe 
Manni Luigi 
Pier felici Paolo 


) 


) 

) 


Anziani 


dà 


DIgitized byGoogle 


COMITATO DI PUBBLICA SICUREZZA ^ - 


Metaxd Avvocato Francesco Governatore 

Caraciotti Pietro 

Borzacchini Gaspare 

Petrilli Lodovico 

Ascoli Abramo 

BATTAGLIONE DELLA GUARDIA NAZIONALE 
DI TERNI 


Manassei Giovanni Tenente Colonnello 
Rustici Vincenzo Maggiore 
Fongoli Antonio Ajutanie Maggiore 
jyi’icoletti Giuseppe 
Pressio Colonnesi Diego ) 

Faustini Bernardino ) 

Caraciotti Stanislao ) 

Fiviani Silvestro Quar. Mastro 
Pacelli Francesco Porta Bandiera 


Capitani 


t 

I 


COMANDO DI PIAZZA DEL BATTAGLIONE 
CANNONIERI 


E DEL PRIMO E SECONDO REGGIMENTO DI LINEA 
STANZIATI IN TERNI 

Mancurtì Costantino Maggiore 
Guglielmotti Luigi Comandante 
Covelli Cesare Tenente 
Frezzolini Domenico Capitano 

Per il Primo Reggimento 

Conti F- ) 

Antiaori Stefano ) Capitani 

Feoli Filippo ) .... ' 

Per il Secondo Reggimento 

Sculteis Saverio Maggiore 
Broglio Capitano Aiutante Maggiore 
Granati Giovanni Cappellano 


( 543 ) 

PER IL CIRCOLO POPOLARE MAZIOXALE 
LA DIREZIONE 


JSicoletti Giuseppe Presidenfe 
■Aquilini Stefano f^ice Presidente 


Silvettri Lodovico ) 

Caraciotti Stanislao ) 

Colonnesi Diego ) 

6r«zfam ) Consiglieri 

rratticcntoli Fincenzo ) > “ 

Caraciotli Pietro ) 

Borzacchini Gaspare ) 

Peroni Diego ) 

Galassi Carlo ) 


Manni Luigi Cassiere 
Fiviani Silvestro Ècoràomo 
Garofoli Paolo ) 

Silvestri Antonio ) „ , . 

Fratini Augusto ) Segretari ^ 

Consili Odoardo ) 


t 


IV.B.Si omettono per brevità le altre moltissime firme di 
tutti i Graduati e Comuni della Guardia Nazionale, de’Graduati 
de’corpi di Artiglieria e di Linea, di tutti i Sacj del Circolo e di 
altri molti Cittadini, quali sono state apposte ullroneamentenea 
MS. originale cheti conserva. Di questo datasi lettura ad alti 
voce nella Piazza Maggiore della Città circa il mezzo giorno di 
quest'oggi fra un'immenso popolo, è stato a viva vooe solenne* 
mente acclamato ed approvato alla unanimità in mezzo ai 
replicati EVVIVA ALLA ROMANA REPUBBLICA , AL 
TRIUMVIRATO , ALLA COSIi rUENTE edalle più com- 
moventi dichiarazioni e proteste di tutti e speciàlmente degli 
animosi Battaglioni delle iVf ilizieNazìooali e di Linea di volersi 
difendere fino all’ ultimo respiro contro qualunque straniera 
invasione , e di anelare gli ordini del Governo , che li chiami 
a nobile prova del loro coraggio ed attaepamento elle Repub- 
blicane Bandiere ! 


VIVA LA REPUBBLICA ROMANA ! VIVA ITALIA 
LIBERA ! 

* VIVA LA MAGNANIMA ROMA ! . . . 

' ' dd a '' 



i Hi ) 

COMUNE PI NARNt 

n MliPÌcIpìo, li Guardia IVazIonalei la Truppa di Guar* 
cigion^i non qoe I) Circolo Popolato facendo eco alla pro- 
testa omessa dalpAssemltlea Romana fatta in seduta pubblica 
j| venticinque Aprile 1849 ora una antimeridiana, contro la 
minaccia c invasione del Territorio della Repubblica per fat- 
te di una spedizione navale Francese nelle acque di Civita- 
Toochia, solenuementf aderisce a quella protesta colle seguen- 
ti firme, dichiamndo non volere riconoscere altra forma di 
Goyemp che il Repubblicano sanzionato dal voto generalo 
del Popplo dello Stato Romano. 

Patto, letto, c Ormato nelle sale del Circolo Popolare di 
Piami in seduta straordinaria del giorno ventisei Aprile mille 
pttocenfo quarantanpve anno primo della Repubblica Romana. 

Seguono le firme 

I (fatile Lolli Gonfaloniere , e Vice-Presidente del 

Circolo, e Capitano Nazionale 
u Giuseppe Paterni presidente del Circolo ^ 

5 Giuseppe Booanni Consigliere del Circolo, e pre- 
sidente del comitato di pubblica sorveglianza. 

4 I<>uigl Roq Anziano del Municipio, Consigliere de 

Circolo, e Capitano della Nazionale 

5 Giuseppe M« Rappaint Consigliere del Circolo, e 

del Municipio 

S Giuseppe D. Quarantotti Segretario del Circolo 

7 Urbani Costanzo Socio del Circolo 

8 li Comandante la Piazza Hess Capitano 

9 G. Maccari Capitano di Linea Comandante la 
, Guarnigione, tanto a nome proprio, che de'auui 

Militi 

to ManetnetU Ten. Colonello del Battaglione Na« 
zidriale di Naroi, Consigliere del Municipio , e 
Socio del Circolo. 

II Paradisi Pietro Tenente di Linea 
la V* Torelli Capitano di Linea 

F. Serazaoi Tenente di Linea 
li J. Cotlaii Tenente di Linea 
Prandi Sotto Tenente di Linea 
16 Giovanni Eroli A oziano, e Socio del Circola 
37 Vincenzo Jacobelli Sargetuè Mag. 


18 Gius. Malliangeli Socio del Circolo 

19 C»rlo Battistclli Socio del Circolo 

20 Liborio P. Lolonua Nazionale • e Membro del 
. Circolo 

«1 Gio. Antonio Mei Socio del Circolo 
»it Mariano Desideri Socio del Circolo 
a'S Cesare Signorini Tenente Nazionale^ e Sociodel 
Circolo 

ti Niccola Lnghi socio del Circolo 
stb Valentelli Lrnesio socio del Circolo 

26 Federico Martello’ti socio del Circolo 

27 Giuseppe Taddei socio del Circolo 

28 Francesco Mattel socio del Circolo 
€29 Felice Stinchelli socio del Circolo 

3 o Alessandro Ottaviaiii socio del Circolo » e mem- 
bro di pubblica sorveglianza 
5 i Giovanni Trasanini socio del Circolo , e Se- 
gretario 

32 Luigi Fortunati socio del Circolo 

33 Nazzareno Signorini Sotto Tenente della Nazio- 

nale , e Consigliere del Municipio , e Socio 
del Circolo 

34 Girolamo Torti socio del Circolo 

35 Mariano Storari socio del Circolo 

36 Vincenzo Fani socio del Circolo 

37 Salvatore Silori Consigliere, e socio del Circolo, 

e sargente della Nazionale 

38 Mariano Canali socio del Circolo 

39 Carlo Eonanoi segietario del Circola , e Sargente 

Nasionale 

io Ralfaete Stame Consigliere del Municipio , so- 
cio del Circolo , e Capitana Aiutante Maggiore 
Nazionale 

4 1 Pasquale Sampieri 

42 Antonio Battislelli socio del Circolo , e Nazio- 

nale 

43 Domenico Brunelli socio del Circolo, e sargente 

della Nazionale 

44 Alessandro Latini Comune della Nazioiiale 

45 Carlo Costa Consig. del Municipio ; e socio del 

Circolo 

46 Giuseppe Orsi Popolano ^ 

47 Paolo Cardinali Popolano 

48 Pietro Moretti socio del Circolo 

ddS 


Digitized by Google 



( H6 ) 

^9 Giuseppe Matteini IVazional« 

5 o Gaelaao Regi» NazionaU 
G> Giubilei Irrazionale 
5 a Francetco Martucci Nazionale 
53 V. jDeiaiicliz 

G. Tenente Moretti 

55 Rlippo Valli Tenente, e iocio del Circolo 

56 Marcello Sciamanna Nazionale 

67 Giovarmi Brunotli «odo del Circolo 
SS Giuseppe Valli Caporale della Nazionale 
5 g Adamo FicarelU Nazionale 

60 Stefano Terrenri Quantier M^atro della Nazio> 

naie 

61 Gioacchino Mandò Caporale Nazionale, c socio 

del Circolo 

61 A. Erodi Tenente della Nazionale 
63 F. Moriclii socio del Circolo 
6 i Egisto Colonna 

65 Giuseppe Naziala faUzzesi 

66 Romolo Rjjssi sargeuXe foriere Nazionale, c io- 

<cio ddl Circolo 

67 Giuieppe Righini Cittadino 
6 S Paolo Chernbini Cittadino 

69 Croj^ce di Cdestino GerLlli Cittadino 

70 Annibale Perelli Cittadino ^ e Testimonio alla 

Croce 

7» Antonio CarJoli Segretario del Circolo, e Testi- 
monio c, s. 

72 Forlanl Giuseppe Nazionale 

73 B. Borgogna Nazionale 
74 - Pacifico Pacini 

"yb Curzio Ridolfi /Nazionale, e socio del Circolo 

76 Francesco Taddoi Nazionale 

77 Tommaso Bonanni Nazionale 

,78 Crocce di Giovanni Falconi Nazionale 
79 Cro)^cc di Giuseppe Leocci Nazionale 
So Erasmo Forniaroll socio del Circolo, e Test, ai 
segni di Croce 

Antonio Ubaldi Nazionale e Test, ai segni di 
Croce 

82 Croyjtce di Angelo Fani Nazionale 

85 Carlo Scost» .Nazionale, e Test, al segno di Croco 

84 Giuseppe Tuimani Nazionale^ c Xest.c, .s. 

85 Giuseppe Tausi Ciltadioo 


Digilized by Google 



X Un r . . 

tS Francesco Domiziani Cittadino 
«7 Pacetti Carlo IMazìonale 

88 Lorenzo’ FigareUi socio del Circolo' 

89 Pietro Nati Nazionale ' 

QO M. Valentelli Nazionale 

91 Pietro Cipolletti Aiutante sotto Ufficiale deli» 
Nazionale, e socio del Circolo^ 

02 Crocce di Antonio Menichelli popolano 
93 Crocce di Domenico Margotti popolano 
q 4 Crocce di Gio. Battista Canali ^ . 

q 5 Giovanni Scosta sargente della prima Legione 
Romana e test, ai sud. segni di Croce 
96 Giuseppe Menichelli Cittadino , e Test* come 
sopra • ' 

07 Ermenegildo Mei Nazionale - 

98 Domenico Chiodi Caporale Nazionale 

99 Angelo Battislelli Nazionale 

100 Liverani Filippo socio del Circolo 

101 Crocce di Angelo Magoni' 

102 Pepnazza Domenico Nazionale e Test, al segno* 

di Croce 

10 3 Giuseppe Bugliani socio del Circolo 

loi Pietro Laurenti Nazionale - , • 

10 5 Domenico Zampini Tenente Nazionale 

106 Egidio Mechini Nazionale 

107 Girolamo S. Croce Nazionale 

108 Giovanni Popolano Paradisi 

109 Giovanni Lauri Popolano --■ 

110 Filippo Pàiinnzi Nazionale 

111 Gaetano Fagioli Cittadino 

112 Sante Orsi Popolano 

11 3 Biagio Lauri Nazionale 
Iti G. Battista Scarelli Popolano' 

11 5 Sante Corsi Popolano 

116 Alessandro Magari^ Nazionale: 

117 Felice Magari Nazionale 

118 Giovenale Boccini 

119 Angelo Gelosi 

120 Carlo Brunelli Nazionale 

121 Giuseppe Brunelli Nazionale: 

122 Antonio Domiziani ■ < ' 

123 Domenico Santucci Caporale Nazionale’ ' 
i2i Antonio Sàntncci Nazionale 

120 Gio. Batt. Potenziani CafTèttiere 

dai 


( 54 « 0 ' 

ia6 Settinaio Foriani Caff. ? , , 

1x7 Giuseppe àVJagnri Caporale NaxioData 
128 Fejrdinafldo Rossi Kdzìot\al4 
IS9 Saverio Fagioli M<>zioiial« 

|’ 3 a Curzio PiiieIJi Nazionalo 
i 3 i Michelangelo Traiapiai 
} 3 a Luigi Pigiizzi 

1 33 Giuseppe Pignoli 

1 34 Gioacchino fioiiaoni Nazionale, « accio 4 «i 
Circolo 

i 3 B Baroai Giacomo 
z 36 Giuseppe Valeiitelli 
^37 Arcangelo Varazzi 
i 38 Tommaso Varaazi 

I ’39 Giuseppe Truìl) socio del Circolo, « Sargente 
Maggiore della Fìazionale 
l 4 o Sabatino Paminzi Popolaao 
aii Luigi Desaniit 
aie G iuseppe Arichi Nazionale 

143 F rancesco Moroiii Nazionale 

144 Giosafdt Orsi Cittadino 
a 4 b Angelo Brunaccioli 

1 46 Alessandro Oiuviaoì per commÌMÌoae di Fi- 
lippo Lanori 

147 Nazzareno Sliocheili Nazionale • aocio dei 
Circolo 

148 Eugeiijo Federici 

149 Wenciilao Rossi Nazionale • e socio del Cir- 
colo . 

1 5 0 Antonio Fiaichini 

ibi Andrea Canonico Pezzetti 
i 5 e Achille Guarnieri Nazionale 
iS 3 Veneroni Angelo Nazionale 

164 Niccola Balestra 
ibb Alessia Manni 

165 Raflàele Marzapane 
1&7 Gaspare Lupacchioit 
ibS Francesco Focianì 
1&9 Girolamo Brogt 
i6b Antonio Bruni 

161 Fraeceico Lauri 
tSa Fg'dio Bruni 
iiiiS Domenico Uotniziaoi 
164 Vincenzo firunotti 


'Digitized by Google 



( ^9 l 

‘i 65 E. Ferrari 

166 G. Illuminati 

167 Feliziano Raffaelli 

-168 Felice Sforza Nazionale 

169 Famiano Carlini Cittadino 

170 Gio: Batta Bonaqni 

171 Niccola Martellotti 

172 Niccola Margotti 

173 Giuteppe Arrighi Nazionale 

174 Giuseppe Coni Naz, 

J7& Giosuè Martellotti Naz. 

176 Oomeoico Bunanni Naz. 

177 Cassio Neri 

178 Antonio Trombetti Naz. 

179 Francesco Mercuri Naz. 

180 Sebastiano Conti 

181 Vincenzo Arrighi 

182 Innocenzo Cotogni 

1 83 Angustino Curii 

} 8 i Gemine Ragozzi Farmacista 
18.5 Francesco Rossi Nazionale 
)86 Eusebio Bonanni Nazionale 

187 Filippo Caterini Nazionale 

188 Valentino Paterni 

189 Alessandro Paterni 

190 Pietro Fociani 

191 Domenico Riccetti 

192 Luigi Lauri 

193 Gio. Belardo Sopranzi 
jgi Filippo Nati 

196 Domenico Pasqnini Naz, 
igS Giovanni Sparroli 

197 Domenico Fontani 

198 Antonio Nati Nazionale 
1^^ Liborio Corsi Nazionale 
aoo Francesco Panonzi 

201 Settimio Mandò Nazionale , g socio del Cir- 
colo. 

SOI Gaspare Raffinonl 
so 4 Desantis Agostino 
204 Antonio Giudici 
sob Luigi Ricci 
S06 Malta Domenico 
207 Marini Giacomo 

ddB 


Digitized by Google 



( 55o ) 

208 Alicgrelti Luigi 

209 Ponti Carlo 

210 Gennari Augusto 
2H Mazzoli Felice 

Per copia conforme all’ Originale esibitomi dalla Dire- 
zione del Circolo di iMarni, che è depositato nell’ Archivio del 
medesimo. 

Dalla Residenza Municipale di Narni li 29 Aprile 18Ì9. 

lì Gonfaloniere 
IM. COLLI 


REPUBBLICA ROMANA 
Cittadini 

Una spedizione navale Francese minaccia di violare il 
nostro terrilorio. Per {[iianto inattesa ci venga un' osiililh da 
quella parte, voi già sapevate e sapete, che i grandi princi- 
iiii non si conquistano nè si mantengono senza rendersene 
degni colla pi'rscvcranz.i . L’ Assemblea non mancherà certo 
a se sl<--.sa , nò a voi , ed ha intanto volata c spedita al co- 
mandante Francese la seguente Protesta . 

L’ Assemblea Romana commossa dalla minaccia d’ inva- 
sione del Terrilorio della Kcpnblica , conscia che questa in- 
vasione non pi’ovocat I dalla c indotta della Repubblica verso 
1 ' Estero , non iireccdnta da comimiiiicazione alcuna da par- 
te del Governo Francese , eccitatrice di 'anarchia in un paese 
die tranquillo e ordinato , riposa nella coscienza dei pivpri 
diritti e nella concordia de' cittadini, viola a un tempo il di- 
ritto delle genti , gli obblighi assunti dalla nazione Francese 
nella sua Costitnzioiìe e i vincoli di fratellanza che dovreb- 
liero naturalmente annodare le due Repubbliche, protesta in 
nome di Dio e del Popolo contro la inattesa invasione , di- 
chiara il SL'O FERMO PROPOSITO DI RESISTERE, e ren- 
de mallevadrice la Francia di tutte le conseguenze . 

Roma 2&. Aprile 1 Siig- 
li Prcsidento dell' Assemblea 
A. Saliceti 


Digitized by Google 



f 55i ) 

I Segretari 
Fabbrelti 
Cocchi 
Pennacchi 

Seguono le firme di quelli che fanno piena adesione alla 
presente Protesta dell’ Assemblea Costituente . 

BEVAGNA 26. Aprile 

IL MUNICIPIO 

Girolamo Piergllj Gonfaloniere 
G. Angeli Nieri Anziano 
Antonio Angeli Anziano 
Giuseppe Pascoli Anziano 

Circolo Popolare 

Ferrante Ferri Pasolini Presidente 

Antonio Angeli Consigliere 

G. Angeli Pieri Consigliere 

Pirro Nobili Consigliere 

Raffaelle Nalli Consigliere 

Carlo Dragoni 

Domenico Reali 

Severino Silvestri 

Filippo Fani 

Francesco Pagliochini - 

Angelo Gasparrini j 

Matteo Sideri 

Filippo Mulini 

Giovanni Rastelli 

Luigi Capobianco 

Domenico Forcatura , 

Raffaelle Ponzi 
Domenico Pericoli 
Giuseppe Sideri 
Antimo Arcangerelli 
Luigi Pagliochini 
Giacomo Benincasa 
Pagliochini Ercole 
Gabrielle Pagliochini 
Giuseppe Arcangere 
Mancini Francesco 


Digitized by Google 



( 55a ) 

Menghini Domenico 
Gravieri Mario 
Scorsoni Filippo ^ 

Tommaso Bartoli 
F'upizJ Giuseppe 
Della Spina Giacomo 
Francesco Maria Marini 
Testa Giacomo 
Mondi Luigi 
Lupizj Francesco 
Grazieri Antonio 
Luigi Mattoli 

Agostino Mattoli Segretario ^ 

Ercole Castreca Vice Segretario 
Achille Presenzini 
Luigi Silvestri 
Giovanni Silvestri 
Pietro Santi • 

Giacomo Reali 
Luciano Pagliochini 
Vincenzo Gasparini ' 

Vincenzo Modesti 
Filippo Pagliochini 
Vincenzo Pericoli 
Giuseppe Valcntini 
Francesco Spozia^ 

Felice Gasparroni 
Francesco Testa 
Alessandro Tosi 

Luigi Reali . _ 

Salvatore Perugini Padre con cinque figli 

Domenico Nardi 

Agostino Sacchi 

Pietro Ottavi 

Giuseppe Costantini 

Giuseppe Natili 

Tommaso Reali 

Giovanni Pagliochini 

Giuseppe Sabbati 

Domenico Pagliochini 

Angelo Felicelti 

RalTaelle Angeli 

Luigi Martinageli 

Antonio Natili Studente 



(. 5 - 3 ) 

' Giuseppe. Bartolini Stndente 
RafTaelle Reali Studente 
Oreste Agostini Studente 
Francesco Benincasa Studente 
Angeli Vincenzo Studente 
Diotallevi Vincenzo Studente 
Angelo Pagllocbini Studente 
Francesco Natilj Studente 
Francesco Cresci m beni Studente 
Cortese Bartoli Studente 
Orazio Mancini Liberati Studente 
Biagio ideili Studente 
Domenico Trabalza Studente 
Carolina Pagliocbini 
Oiacomo Bicciarelli 
Francesco Capobianco 
Angelo Mancini Studente 
Giacomo Saccbi Studente 
Filippo Diotallevi 
Diotallevi Salvatore Studente 
Giacomo Ottavi 
Angelico Angeli 
Micchele Angeli 
Antonio Marrone 
Tommaso Eupizj 
Gesualdo Ottavi 
Giuseppe Ubaldi 
Donato Felice 
Giovanni TognolC 
Aristide Mattoli 
Angelo Reali 
Giuseppe Benincaia 
Adone Pucciatta 
Carlo Reali 
S. Ottavi 
Giacomo Masei 
Domenico Testa 
?itcco|a Menchini 
Luigi Damiani 
Francesco Bindangeli 
Girolamo Marini 
Gesualdo Filiziani 
Pietro Mancini 
Filippo Pagliocbini 


Digitized by Google 



. 'c 55<> 

Giuseppe Reali 
Agostiao Ubaldi , 

Giuseppe Gasparint 

Cro)^ce di Giacomo Milza 

Crocce di Pietro Riccio 

Croi^ce di FeUziano Rossi 

Cro)J(ce di Ponti Carlo 

Crot^ce di Sante Morlupi 

Croi^ce^^'Antonio Pistoni 

Crocce di Serafino Ottavi 

Crot^ce di Alesnndro Milza 

CroJ$fce di Filippo Renzi 

Crot^ce di Salvatore Olivelli 

Croi^ce di Saverio Bartoli 

Croi^ce di Luciano Cecchetti 

Cro)J(ce di Paolo Mcnghini 

Crot^ce di Ignazio Cecchetti 

Crocce di Francesco Cocciarelli 

Crocce dt Gabrielle Santascani 

Crocce di Saverio Bini 

Crocce di Antonio Spaziani 

Cro)ì(ce di Domenico Benedetti 

Crotjtce di Vincenzo Torti 

Crocce di Antonio Riccio 

Cro)J<ce di Luigi Mondi 

Croi^ce dì Ercolano Venti 

Crot^ee di Luigi Spaziani 

Crot^ce di Lorenzo Crìsanti 

Croi^ce di Feliziano Cechetti 

Crocce di Luigi Cechetti 

Crocce di Francesco Bertini 

CroJjtce di Francesco Cechetti 

Crocce di Maria Masìni 

Crocce di Barbara Bacchettoni 

Crocce di Pasquale Còccietta 

Crot^tce di Giuseppe Coccella 

Crocce di Agostino Ubaldi 

Crocce di Domenico Slrappini 

Croì^ce di Antonio Meneconi 

Crocce di Pio Menghini 

Croijtce di Francesco Menghini 

Giacomo Benincasa testimonio alle sudd. Croci 

Ercole Pagliochini testimonio come sopra 

Gabrielle Pagliochini testimonio come sopra 


Digilized by Google 



( ) 

aiTADmi TRIU.VIVIRf ^ . 

'* Corniralo fU Publ.Iica Si- 
manif.st.ao a Vof , CJTTADLVt 

II.- J «“lesione a quanto opertat* ana- 

d?fVa!elh- *R •»'-anie« opwaS per mani, 

non ^ !h ~ •“. slancio proserà 

0 ad E*si , ma a tulto il Mando ancapa* £he llOMA 

clr2 S Sraodezze , e che non ah iisailiani a'ri- 

cevcr Leggi da qualunque Potenza. -, lauoi Fi'di tMw T’ab- 

iunzia Proreranno yero ciii cbe voi prò; 

unzia»te dal CampidogT.o. — Prima obc ì nostri invidi ne- 

Dato dalla Residenza del Comitato di Pubblica Sicurcz- 

za di Serrasanquirico oggi g Maggio ì849. 

// Corniiato di Pubblica Sicurezza 
I Pietro Trionzelli Priore 
Oiulio Mane! Aiuiane 

Clemente Marcellini Maggiore in a. ‘ 

Florido Romei Segretario. 


CITTADINI DELL'.ASSEMBLEA COSTITUENTE 

CITTADILVI TRIUMVIRI 

All universale fremito disdegno ner l’m«Mi. • 
oh. ,d ,ec 

no francese, vi alternano le benedizioni di un i ^ 

. V.i oh. Su/X' 

della forra .con dignitosa protesti, « colle appiestate^difese 

Qm/I rostro corego, che salva l'onore di im in “ " oal^ 

incontro una s.mpail.,,ed un eco 1n tutti cuoi ì T.: 

piasti da esoso interesse, non abbrutiti da ,chi!va viUi 

Voi dunque avete con voi tutti . che • 

degni di appartenere airtiniana famiglia, iriVt!banTn“"‘^°‘'‘* 

che apprezzano l’ indipendenza , e fa I berià 

inviolabile patrimonio d’ ogni ci tadiL • . ^ • 

genti di vir"ù, di prosperiti di' ‘O'- 

e » prosperità, di decoro «azionale; che 


Digitized by Google 



( 556 ) 

notano d! viltà chi le rinnega, o non Ir difende da tirannia; 
d’infdmìa chi le abnsa , le comprime , le tradisce al de> 
spola, allo straniero . Confortatevi pure nella santa impresa 
deiradeaione , e delP appoggio di tutto un popolo che giura 
di vincere, o di cader con voi; che consacra alla difesa 
della Patria , vita , e fortune ; che non teme di provarti eoa 
una forza mille volte maggiore, forte del suo buou dritto ; 
sicuro di poter esser vinto per violenza , ma disonorata 
giammai; sciente che solo viltà, ed infamia possono uccidere 
un popolo nella vera vita delle nazioni ! 

VIVA LA REPDBBLICA - VIVALA GDERRA CHE 
DIFENDE L’ONORE , E LA LIBERTÀ’ DEL POPOLO! 

Votato il presente indirizzo ad unanimità dal Circolo 
Popolare di Bevagna nella seduta straordinaria del 3o Aprile 
i 849> Anno primo Repoblicano, 

La Direzione 


FERRANTE FERRI PASOLINI Presidente 


ALNTONIO ANGELI 
RAFFAELE NALLI 
PIRRO NOBILI 
GIACOMO ANGELI NIERI 


Consiglieri 


AGOSTINO MATTOLI ) 
ERCOLE CASTRECA ) 


Al Comitato centrale dei Circoli di Roma . 

Il Circolo di Bevagna. 

La invasione francese del territorio della Repubblica non 
poteva non commuovere questo Circolo , che unanimemen- 
te ha voluto firmare la protesta dell’ Assemblea Romana . 
II Magistrato volenteroso ha domandato concorrervi , e vi 
li è firmato primo e ad ese.mpio . In seguito non hanno 
mancato di accedervi quanti si sono rinvenuti in giornata 
consapevoli di avere una Patria , e dei doveri , che incom- 
bono di difenderla . 

Salate e fratellanza . 

Bevagna 29. Aprile 1849. 

Il Presidente del Circolo 
Ferrante Ferri Pasolini. 

, ) Agostino Mattoli 

I 5 Ercole Castreca. 


Digitized by Google 



( 557 ) 


AI CIUCOLI 

BHLLO STATO nOMA?fO 


IL CIRCOLO POPOLARE DI NARNI 


Non appena il Cointtato di puhljUca Sorvegliansa di 
Roma fece tenere a questo Circolo Popolare la Protesta e- 
mesta dalla Romana Assemblea li 20 Apule >S 49 contro la 
minaccia d’invasione del Terriiorio del'a nostra Republili* 
ca per fatto di una Spedizione ÌNavale i'r.mtese nelle Acque 
di Civitavecchia , e tosto sotto qiies’o Circolo Popolare si 
fece un dovere lo invitare nelle sue Sale il Municipio, la 
tìuardia Nazionale , gli Ufficidli della Truppa di Gtiarni- 
gione ed i Cittadini tutti per comunicargli V anzidetta Pro-' 
testa. 

In buon nnmero i Cittadini ne accorsero , e non ap« 
rena vennero al giorno di quanto dallo spergiuro Ministero 
Francese a danno nostro operavasi- cl^e tutti a sì fatta pro' 
lesta aderirono , ed unanimi protestarono non volere altra 
forma di Governo conoscere che il REPUBBLICANO , san» 
zionato dal voto generale del Popolo dello Stato Romano. 

In seguito a ciò venne aperto un Registro o>e i Cit-' 
tadini lotti, compreso il Municipio, la Guardia Nazionale, 
gli CfBciali di Guarnigione la Loro firma ne apposero , e 
che in copia autentica rimesso ne venne al Comitato di pub* 
blica Sorveglianza in Roma, 


Narni >7 Aprile 1849 Anno I, Repubblicano 
Per il Circolo Popolare di N'.irni 
LA DIREZIONE 


GIUSEPPE DOTT. PATI-RYl Presidente 
NATALI LOLLI Vice presid. 


GIUSEPPE BONANM ) 
GIUS. M. R APPAIAI ) 

LUIGI ROlJ ) 

ANGELO FELIZIAXETTI) 


Consiglieri 


Giuseppe (Quarantotti Segr. 









DIgitized byGoogle 






Digitized by Google 



(I6i ) 

IL CIRCOLO DEMOCRATICO DI RIUTI 

ALL’ ASSEMBLEA NAZIONALE ROMANA 
Cittadini Rappresentanti 


La I\cpul)blica Romana fu il voto dei Reatini appena il 
Pontefice, vinto dalla pertinacia di vecchi malvaggi, ebbe 
compromossa la libertà del popolo. £ salutarono giulivi 
l’aquila gloriosa, che un giorno aveva traspoi'tata la vitto- 
ria per l'universo, quando voi la richiamaste all’asilo natio. 
Fu sincera la gioja, fu unanime il plauso ; e l’aura novel- 
la di libertà divenne aura vitale per tutti. 

Dopo quei giorni di liete speranze i Reatini non sono 
mutati, nell’ora del pericolo non sono minori di se stessi, 
e vi promettono di cooperare a rendere efbcace coi falli la 
vostra generosa protesta contro l’intervento straniero. 

Ai soldati di Francia, cui la giovine Europa riguarda- 
- va con affetto, come agli amici della libertà , se vengono 
restauratori del dispotismo , i Reatini , quanto ogni altra 
popolazione dello Stato Romano, dimostreranno : che la no- 
stra libertà è fondata nell’ordine più che essi non credono, 
che siamo lungi da reazioni più che essi non sperano , e 
che la loro bandiera dovrà macchiarsi di sangue prima 
d’agitarsi sulle rovine della nostra Repubblica. 

VU'a la Repubblica Romana 

Approvato ad unanimità nell’adunanza numerosissima 
del 27 Aprile 18-19. 


Direttore I/>dovico Petrini 


e e 


Digitized by Google 



(b6ij 

/ componenti il consìglio di Direzione 

Paolo Simeoni 
Bartolomeo’ Vecchiarelli 
Pietro Vinccntini 
Filippo Carocci 
Luigi Micheli 
Antonio Trinchi 
Luigi Savi 
Gaetano Vincentini 
Francesco Marcolulli 
Cjriaco Montanari 
Domenico Pelrini 
Carlo Piccadori 
Francesco Flavoni 
Francesco Bcrtarelli 
Pietro Savi 
Giovanni Mazzetti 
Gaetano Serri 

Michele Michaeli, c Marcellino Antonini Segretari 




Digitized by Googit- 


( 563 ) 

rtlìPUBBLlCA ROMANA 
IN NOME DI DIO E DEL POPOLO 
Municipio di Monte Fonia 

Nel giornq di Djmenica 29 del mese di Aprile 18(9 , 
previo avviso iij iscritto fatto precedere nel giorno avanti , 
ed il suono della Campana maggiore, si è adunato ad ur- 
genza il Generale Consiglio di questo Connine a cui sono in- 
tervenuti i seguenti Consiglieri, 

1. Di VIonlevecchio Francesco Priore 

2. Kidolfi Leopoldo Anziano 

3 . Gnidi Domenico Anziano 
Paolini Tommaso 

5 . Maggiuli Michele 

6. Polverari Giuseppe 

7. Polverari Luigi 

8 . Molatesi Girolamo 

g. Annibalini Giuseppe 

IO. 'l'ommasini Onofrio 

]i. Sampaoli Giovanni 

Non sono intervenuti perchè assenti i Cittadini Erman-* 
no Montevecchio e 'fausti Biagio. 

PROPOSIZIONE 

Il Cittadino Priore Comunale dà lettura del Dispaccio 
Circolare di questa Presidenza in data 26 corr. N. 4926 e 
successivamente di altro del Triumvirato in data zi detto 
con i quali si annuncia che l’integrità del suolo della Ke- 
ptrbbhca è minacciata; fà conoscere quindi che P Assemblea 
ed il Governo della Repubblica sapranno compiere il dover 
loro protestando colla forza contro ogni offesa di diritto, ed 
alla dignità del Paese. 

Domanda in seguito ai Cittadini adunati quali mezzi 
potrebbe il nostro Municipio somministrare a sostegno della 
Nazionale Indipendenza , quali risoluzioni potrebbe prende- 
re per cooperare all' adempimento della missione comune , 
e dare al Governo stesso una prova convincente dell' adesio- 

99* 


Digilized by Google 



( òfto 

ne di questa Popolazione c dei sentimen!i dai quali è aiil- 
niala in favore del presente ordine di cose. 

Dopo varie discussioni i membri componenti il Consi- 
glio , vista 1' impossibilità di provvedere al momento con 
naczzi materiali al bisogno hanno votato ad unanimità e per 
acclariìuzione la seguente protesta. 

1. Piena td inalterabile adesione al Governo della Re- 
pubblica a nome dell' intera Popolazione del Comune di cui 
essi sono i Rappresentanti. 

2 . Risoluzione di difendere con tutti i mezzi possìbili 
P integrità del suolo della Repubblica , prestandosi con ala- 
crità a tutti gli ordini che sarà per ricevere. 

3. Ordine alla Guardia Nazionale di tenersi pronta con 
le armi c munizioni di cui si trova in possesso. 

4 . Duplicata relazione coi Comuni circonvicini all’ogget- 
to di sapere con sollecitudine cosa verrà da essi stabilito in 
vantaggio della c.iusa presente per .uniformarvisi. 

b. Assumono essi Rappresentanti Municipali la missione 
di tenere la popolazione tranquilla e di animarla a seconda- 
re le intenzioni del Governo della Repubblica e prestarsi con 
tutti i mezzi morali e materiali che sono in loro potere , 
e che saranno dalle attuali circostanze richiesti. 

6. In ultimo il Consiglio si dichiara in permanenza pron- 
to di adunarsi dietro semplice invito ogni qualvolta lo cre- 
desse opportuno. 

Dopo di ciò la Seduta si è sciolta e tutti hanno firmato 
il presente Verbale. 

Francesco di Montevecebio Priore 

L. Ridolfi Anziano 

D. Guidi Anziano 

M. Maggioli 

T. Paolini 

Giuseppe Polverari 

Luigi Polverari 

Onofrio Tommasinì 

Crocce di Giuseppe Annibalini 

G. Sampaoli 

L. Maselti Segret. 

Per copia conforme 

L. Masctii* Segref. 


Digitized by Google 


PBOVIIKCIA 

DI 

VITERBO 


Digitized by Google 



DIgitIzed byGoogle 


( 567 ) 


VITERBO 


^1 Municipio di Viterbo protesta contro l’intervento Fran- 
cese , se ostile , e tendente a distruggere le libere istituzioni 
degli Stati Romani , e farà ogni sforzo per sostenere queste 
ultime. 

Dal Palazzo Municipale di Viterbo li 26 Aprile 18Ì9. 

Domenico Polidpri Goolalonie"" 

G. Marucci Anz. 

Gio. Ludovisi Anz. 

' Raffaele Gasperoli Anz. 

Francesco Mazzetti Anz. 

Agostino Polidori Anz. 

RafF. Polidori Anz. 

Si certificano vere le firme del Magistrato Viterbese 

Dalla Residenza Governativa 27 Aprile iSij 

Il Preside 

Ricci 


* « 4 


Digitized by Google 



( B68 ) 

EEFUBBLICA ROMANA 

•» 

Comune di Viterbo li Aprile 1 84^ 

Noi sottoscritte dichiariamo di aderire pienamente alia 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qn.iliin jue 
ostile intervento-straniero , e di sostejiere con tutte le lìostre 
forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costituente 
dei 9 Febbraio anno corrente. 

Teresa Ruggieri. 

' Orsola Serpieri. 

Anna Sanli. 

Rosa Sauli, 

Angela Pescitelli. 

Clotilde Rnggeri, 

Maria Roggeri 
Giustina Ferrari. 

Vittoria Neri. 

Maria Carlini. 

Angelina Neri, 

Rosa Carlini. 

Rosa Papiri i. 

Prusilla Bardi. 

Maria Carolina Bardi, 

Nazzarena Bardi. 

Rosa Marinozzi. 

Luigia Oddi. 

Geltrude Oddi. 

Caterina Oddi. 

Lucia Oddi, 

Francesca Saveri, 

Teresa Vanni, 

Rosa Tondi. 

Adelaide Tomati) 


a 


/ V 


DIgitized byGoogle 


C 559 ) 

REPCBPLICA ROMANA 
Comune di F'iterbo li iS Aprile 

Noi sottoscritte dic'iiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nosiri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di'soslenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fotuiamentale dell’Assemblea Costituen- 
te dei 9 Febbraio anno corrente. 

Felice Petroni 

Felice Petti. 

Angelica Oe-Magistris. 

Lucia Spada. 

Maria Anna Spada. 

Teresa Fratellini. 

Caterina Guerrini. 


REPDBRLICA ROM.ANA 

Comune di f^iterho li 26 Aprile 

Noi sottoscritte dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Aiiemblea Costt- 
.tuente dei g Febbrajo anno corrente. 

Fanny Piani 
Giulia Beranger 
Amalia Strigelli 
Maria Strigelli 
Anna Vanni 
Rosa Vanni 
Teresa Vanni 
Veronica Torrioli 
Elena Torrioli 
Marianna Torrioli 
Laura Gasparoli 
Amalia Gasparoli 

« c B 


Digitized by Google 



C ^7® ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Viterbo li *6 Aprile 1849 

Noi sottoscritte dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Orsola Temali 
Angela Casirossi 
Clelia Balducci 
Maria Marzi Marzetti 
Barbara Barozzi 
Anna Marzi 
Virginia Balducci 
Franjesca Clementi 
Anna Adriani 
Vittoria Gazzani 
Rosa Ipinedi Filetti 
Maddalena Filetti 
Anna Filetti 
, Alovisa Filetti 

Caterina Majochi 
Angela Portoni 
Isabella Pintoni 
Bernardina Fedele 
Brigida Zagretti 
Caterina Fortuna 
Anna Zagretti 

Teresa Marianni - ' 

Cesarina Stefanucci 
Francesca Fanti 
Fortunata Meucci 
Anna Capri Rossi 


Digitized by Google 


( 571 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Viterbo li 26 j4prile 18^9 

Noi goltoscrilte dlchlariiimo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento strani» ro, c di sostenere con tutte le no- 
atre foizc il Decreto Fondamentale dell’Assemblea Costi- 
tuente dei 2 Febbrajo anno corrente. 

Nazzarena Bardi 
Maria Carolina Bardi 
Drusilla Bardi 
Rosa Marinozzi 
Anna Ravicini 
Anna Farri 
Caterina Ginstini 
Giuseppa Giustioi 
Vincenza Ravicini 
Favola Cotozzoni 
Maria Gomaciari 
Domenica Anaceti 
Teresa Moscatelli 
Madalena Piari 
Clelia Pasquali Balducci 
Francesca Grotti 
Rosa Grotti 
Luisa Grotti 
Giacinta Grotti 
Teresa Grotti. 

Ottavia Altibrandi 
Emilia Covati 
Maria Scargiali 
Clotilde Fontana ~ 

Filomena Fontana 
Agnese Doria 
Orsola Serpierì 
Maria Mauri 
Adelaide Manri 
Elisabetta Marcuccì 
Ersilia Marcucci 
Luigia Arebiluzzi 


Digitized by Google 



( ^ 1 » ) 
Marietta Arcbiluzzi 
Elena Tempesti 
Francesca Maceroni 
Rosa Deci 
Caterina Simoncini 
IVIaria Celestini 
Lilia Celestini 
Vittoria Celestini 
Giuseppa Celestini 
Teresa Pieri 
Isabella Losa 
Fortunata Pieri 
Ersilia Loja 
Vittoria Pieri 
Antonia Pieri 
Elena Pieri 
Anna Ricci 
Augusta Ricci 
Ester Bardi 
Enrichetta Bardi 
Costanza Mazzetti 
Francesca Mazzetti 
Teresa Fiorelli 
Costanzina Serpieri 
Drusilla Serpieri 
Eugenia Serpieri 
Gaetana Serpieri 
Caterina Ranucci 
Cecilia Vestri 
Caterina Selli 
Lucia Morlacchi 
Teresa Luciani 
Maria Deprosperi 
Rosa Mansanti 
Chiara Mansanti 
Fermioa Sargerì 



( ^73 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di FUerho li z6. Aprile .8ig, 

Noi sottoscrìtte dicIii.iri.inio di .idcrire pien.imcnfe alla 
protesta emessa dai nostri H.ij)|ire'eiuai>li contro qiiilniiqne 
«stile intervento straniero, e di sostenere con latte le nostre ' 
forze il Decreto fondamentale dell’Assemblea Coi.'titaeuIe dei 
§ Febbraio anno corrente. 

Vittoria Arcangeli. 

Caterina Lelli. 

Geltrude Zaorchìni. 

Eufemia Vaccari. 

Agata Gramatico. 

Chiara Marsctti. 

Maria Carletti. 

Veronica Quintanelli. 

Anna Rosa Lista. 

Anna Zaorchini. 

Giacinta Zaorchini. 

Rosa Zaorchini. 

Orsola Balestra. 

Nicotina Balestra 

Lucia Cipoletta. , 

Luisa Borghesi. 

Rosa Borghesi. 

Nazarena Borghesi. 

Maria Borghesi. 

Domenica Borghesi. 

Caterina Ancreti. 

Vincenza Bonagente. 

Anna Parentati. 

Candida Vincenaini. . 

Maria Bnstelli. 

Paolina Bustei li. 


Digitized by Google 



( 574 ) 


repubblica romana 


Comune di Viterbo li 26 Aprile ' 84^ 


Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le no- 
stre for?e il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Lo»U- 
tuente dei ^ Febbrajo anno corrente. 


Gioacchino Granati 
Orlandini Luigi 
Giuseppe Fransini 
Giovanni Tabbaumi 
Domenico Boero 
Agostino Cuchclla 
Cammino Cammilletti 
Carlo Bellatrccia 
Camillo Balestra 
Antonio Amici 
Paolo Borghieri 
Giovanni Borghieri 
Vincenzo Doria 
Francesco Polidori 
Domenico Arcangeli 
Michele Sguluppa 
Vincenzo Pracoci 
Rizzìni Luigi 
Domenico Schiena 
Luigi Cugini 
Secondiaco Venarei 
Giuseppe Oddi 
Silvestro Pigazzi 
Bonaventura Yalletti 
Pietro Miniasi 
Sante Serafini 
p. Falcioai 


Digitized by Google 



( Bt^) 

REPDBBLICA ROMANA 
Comune di F’iterbo li a 6 Aprile 18X9 


Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente -alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere coq tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell'Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbrajo anno corrente. 


Ulisse Santi . 

Carlo Caprini 
F. Lucidi 
Luigi Boccalini 
Nestore Santi 
Onofrio Bioebeti 
Telemaco Santi 
Bonagente Crispino 
Ales. Epeco 
Paolo Calanco 
Luigi Ricci ' /, 

Francesco Petroselli 
Giuseppe Tosoni 
Alessandro Ferrari 
Luigi Croce 
Benigno Baltigalli 
Luigi Tancioni 
Scipione Mercati 
Salvatore Carosi 
Eugenio Ferroni 
Domenico Neri 
Gioacchino Monti 
Vincenzo Calcagnini 
Giovanni Vanni 
Antonio Tancioni 
Cammino Rondini 
Alesa. Alessandroni 
Giuseppe Séfafiai 
.Giacinto Savvi 
Elpidio Fontani 
Alfredo Fontani ^ 

Gì ostino Ginstioi 
Morosini Ud. ff. del Trible 


Digitized by Google 



( 57 ^ )■ 

REPUBBLICA ROMANA 

Viterbo a di 26 . Aprile i845* ‘ 

Noi protestiamo altamente innanzi a Dio ed al Po- 
))olo contro ogni intervento qualunque, e giuriamo di vck 
lere l’attuale Gorerno, la gloriosa nostra Repubblica, perla 
qnale combatteremo a tutta oltranza. Sì abbiamo noi fer-' 
mo di resistere controle armi Francesi e rendiamo malleva- 
drice la Francia di tutte le conseguenze. 

Lucchesi Vincenzo. 

Calanco Paolo 

Gio Batta. Ranocchiari Paimarini. 

Filetti Vincenzo. 

Venerando Tiburzi. 

Antonio Poscia. 

Farri Alessandro. 

Orazio Pieruzzi. 

Giuseppe Schiera. 

Sebastiano Giusti. • ' 

Lorenzo Cinotti. 

Valentino Zeo. 

Giuseppe Andrcucci. 

Francesco Antonini. 

Giuseppe Punti. ^ 

Gio. Batta. Giannelli. ’ 

Francesco Sconti. 

' Guiducci Giuseppe. 

Carlo Cartoni. 

Giuseppe Bruni. *' 

Pietro Inimi. ' 

Luigi Serpieri. 

Cesare Mercati. 

Giuseppe Nezzesi. 

Gaetano Cocchella. 

Carlo Frànzeno. 

1 Virginio Mocenni. ’ 

Silvestro Mentalleri. 

Gio. Mcnzoni. 

C. Cataldi. 

Domenico Arcangeli. 

Pietro Paolo Marchesi. 

Antonio Zelli. 

Venanzio Frittelli. 

Ferrari Gio. Battista. 


Digitized by Google 



( ^77 ) 

Pietro T elli. 

Pieii'o Alcrflli. 
Domenico Orlandini. 
Giu. Biiltlsla Carloni, 
Martinelli Franccico, 
Salvatore Natalini. 
Spadini RalTaele 
Filippo Tandi. 
Tosoni Luigi. 

Florido Matteucci, 
Giuseppe Galli, 

Savini Luigi. 


REPUBBLICA ROMANA 
Filerbo a di 26 Aprile 1849 

Noi protestiamo altamente innanzi a Dio , ed al Popo- 
lo contro ogni intervento qualunque , e giuriamo di volere 
l'attuale Governo , la gloriosa nostra Repubblica^ per la quale 
combatteremo a tutta oltranza. Si noi abbiamo fermo di re* 
sistere contro le Armi Francesi , e rendiamo mallevadpi'’a 
la Francia di tutte le conseguenze. 

Eduardo Bardi 

Odoardo d'Aragona Lomcllino. 

Venanzo Morlacchi. 

G. D’Aragona Lomellino Col, .. 

C. D. Aragona Lomellino. 

Mariano Minisi. 

Giacomo Balestra. 

Lorenzo Monzecchi. 

L. De Magistris. 

Andrea Andrencci. 

Stanislao Grispigni. .... 

M. Tamberlich 
L. Selli. 

Vincenzo Grotti. 

F. , Grotti. ... 

Luigi Desantis. . 

Gabriele Carnevalini. 

Luigi Ippoliti. 

G. Bertarelli. ...... . - 

Gio. Bati. Renzi. . . . . . .- 

Geraldini Deodato. 


Digitized by Googl 


( 578 ) 


Nicola rirnni. 

P. Paolo Cassani. 

V, Berni, 

G. Sandoletti. 

Grispigni Adriano. 

Cesare Bertarelli. 

Gio. Righi Com. la Fjazitaf 
Giovanni Grispigni. 

Luigi Grispigni. 

Agostino Volpi. 
Vincenzo Grispigni. 
Filippo Dari. 

Antonio Spoleti, 

Fedele Giacci. 

Giuseppe Cataldi, 

Fortini Luigi. 

Giuseppe Lati. 

Domenico Marzi. 

Fortini Andrej. 

R. And reucci. 

Gio. MarzeUi. 

Paoio Austini. 

Gioacchino Borghesi. 
Vincenzo Lehinardi. 
Salvatore Bellucci. 
Domenico Sonzi. 

Giuliano Bortoni. 
Giuseppe Graziotti. 
Nazzareno Aqujlant|. 
Francesco Fontana. 
Antonio Ippoliti. 

Antonio Civildtti. 
Gioacchino Fiorano, 
Francesco Quadrani, 
Fortini Domenico, 

Paolo Marzetti. 

Archilazzi Rugenio. 
Francesco Topicchia, 
Giuseppe Battiloro. 
Gaetano Rezzesi. 

Angelo Casa. 

LodoTÌco Ludo risi. 
Grispigni Agostino. 
Gioacchino Battigalli, 

G. Foinpei. 



Selli Prospero di Luigi. 
Placido Neri. 

Filippo Neri. 

Francesco Brogiotti. 
Cesare Guidacci. 

Scopieri Angelo. 

Stefano Celestini. 

C. Guerra. 

F. Guerra. 

Luigi Rosale. 

Vincenzo Petrucci. 
Innocenzo Sensini. 

Rossi Stefano. 

Tondi EJtnenegildo 
Fausto Folcili. 

Alessandro Belli Spreca. 
Giacomo Saveri. 
Vincenzo Celestini. 
Frane. Frambonini. 
Francesco Tosaroni. 
Carlo Monsechi. 

Gius. Capoliani. 
Francesco Trebacchetti. 
Cammino Trippetta. 
Giovanni Gruciani. 
Giuseppe Male. 

Luigi Fratti. 

Antonio Pelroni Giud« 
Domenico Calcagoini. 
Frane. Tiralerra. 
Sebastiano Spada Giud. 
A. Orlandi. 

Pietro De Magistris. 
Biagio PalTeui. 

S. I.upi. 

RalTaele Archiluzzi Cane. 
Francesco Zagretti. 

Pietro Marcuccì, 

Pietro Panatla. 

Valerio Tedeschi. 

Angelo Venturini. 
Liberato Liberali, 

P. Zellini. 

A* Fontana. 

Carlo Caprini. 


image 

not 

available 



( 5ti ) 

Sairatore Balestra. 

Pinzi Stefano. 

Croce di Salvatore Bizzarri. " 
Carlo Caprini. 

Cro ce di Lorenzo Maaini. 
Giovanni Ribeba. 

Giovanni Tibiirzi. 

Croce di Gaspero Guidobaldì. 
Gioacchino Fontirdro. 

Antonio Bastianini. 
riazzareno Manzi. 

Domenico Foglietti. 

Vincenzo Fonti. 

Giuseppe Torti. 

Gregorio Ciatti. 

Kngenio Barretta. 

Giuseppe Urbani. 

Croce di Valentino Porparont. 
Croce di Filippo Marzi. 
Valenti Bancone. 

Luigi Morgantini. 

Alessandro Bonanni. 

Luigi Ricci. 

Giuseppe Pantore. 

Croce di Paolo Starna. 

Luigi Danna. 

Francesco Grispigni. 

Antonio Pasqui. 

Giuseppe De Alexandris. 

Croce di Pasquale Vighi. 
Giuseppe Ajelli. 

Giuseppe Gensili. 

Leopoldo Baldassari. 

Felice Capoccelti. 

Lorenzo Giorne. 

Giuseppe Arduini. 



REPDBBLICA ROMANA 

Comune di Fiterbo li 27. Aprile i 8 ig. 

Noi lottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell'Assemblea Costituente dei 
gé Febbraio anno corrente. 

Temistocle Lelli. 

Simone Medichini. 

Angela Franciosoni. 

Angelo Martucci. 

Luigi Ranocchiari. 

Luigi Feruggi. 

Luigi Giochetti. 

Cristoforo Calucci. 

Sinibaldi Pietro. 

Giuseppe Benedetti. 

Carlo Polidori. 

Luca Falzacappa. 

Girolamo Guiducci. 

Pietro Signorelli. 

Giuseppe Bambacioni. 

Giovanni Mascini. 

Giacomo Cecchini. 

Giuseppe Contucci. 

Marìaiio Fontecedro. 

Edmondo Martucci. 

Licurgo Raveggi. 

Enrico Moretti. 

Pietro Grispigni. 


Digitized by Google 



' (^ 83 ») • 

t ‘ , REPOBBUCA ROMANA 

JN NOME W DIO E del popolo 
■ : . PROCLAMA 

L’amore deila patria cotanto da tutti predicato deve 
ora tradursi io atto. E' vicino il momento di atteggiarsi a 
quella difesa che sà ispirare al popolo il tremendo suono 
della campana a stormo, quella difesa per cui Roma si è re- 
sa immortale f emulando i furti fatti della Roma di Bruto. 

Un esercito repubblicano trascinato all’assassinio de’ Ira-* 
tclli da un perfido Governo , è stato respinto dal Campido- 
glio. L’invitto soldato d’Africa ha dovuto colla vergogna 
della sconfitta ^ritirarsi' dall’eterna Città. La Repubblica ha 
rilasciato i prigionieri f ha. stefto amica la mano ai Repub- 
blicani di Francia caduti in suo potere ; essi l’avevano ri- 
cambiata col giuramento di fratellanza , ma il loro Con- 
dottiero, temendo che que’ generosi spingessero i loro com- 
pagni d’armi ad amicarsi con npi, li ha rimandati sul marci 
e si è nuovamente portato alla vista di Roma. 

L'ha trovata pe< ò qua(e doveva essere: parata a ributtarlo 
un’altru volta d'^tle sue barricate. 

Egli ha temuto, ed è retrocesso, accennando all'iiiva- 
sione della nostra Provincia* Il nostro popolo deve sorgere 
unanime, feroce, implacabile, giurando di vincere , o di 
morire. Ljosurrezipne dev'es*crc degna di Repubblicani t 
de v*cssere tremenda! . ? . t 

Qual è quella casa, dove non sia un fucile da Caccia? 
Ebbene si requisiscano , e se ne armino i volentérosi. Or- 
ganizzati in compagnie vengano intorno al Cupo luogo, che 
si accinge a difesa , e molesiino con fuoco ben nutrito dal- 
le alture te schière nemiche. 1 generosi campagnoli iiKlori- 
ti nelle onorate Ltiohe dfU’ Agricoltura , i cacciatori eserci- 
tati alle nijrcie , ed al tiro prendano il loro archibugio, e 
vengano. 

Ogni Comune provveda al loro soldo giornaliero , e 
non si rimanga da qualunque sacrifizio per difendere la li- 
bertà della Patria. 

Maledizione a chi resta neghittoso nel di del pericolo f 
maledizione ed inlamia a chi reagisse. Ma tremino per Dio! 
tremino i scellerati. I primi a cadere saranno essi : cadran- 
no tutti. fft 



1 


POPOLO torg? come leone ferito ! sorgilo nome di 
Dio^j e eolia joTincibil Ina forza struggi .ed annienta gl’ipo* 
oriti oppressori y che II hanno immiserito y e che vorrebbe* 
ro tornarti airinfamia della schiavitù. Sorgi in massa , sorgi 
tremendo, ineadrahUe come la giustizia Divina ! É innan» 
** * te qnel nemico che nel 1799. respingesti dalle tue mu< 
^a. Egli non .è d'allora più forte; è facile anzi la vittoria 
sa lui, perchè si è disonorato in faccia alla storia , ed ha 
perduto cosi Io slancio del forte. Sorgiy oombatti y ,e vinci» 

/ VIVA LA REPDBBLICA » - 

Viterbo dalla Residenza dover. >4 Maggio 154^ 

Il Preside 
P. RICCI 

Il Segretario denenile 
•A. Bencivenga 


REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Viterbo li vj /iprdé iS 4 q, 

Noi sottoscritti dichiariamo '.di aderire piénoroenfe alla 
protesta emessa dai noatri Rappresentanti contro qualunqu e 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le nostre 

forze il Decreto Fondaraentale dell’Assemblea Costituente dei 

9. Febbraio .anno .corrente. <’ 

' " Ricci Preside ; ' t ‘ 

A. Especo' Cons. Gov. ) ' ’ '’■■■'■ 

Biagio Pussetti ) Consultori Governativi 

■ Giuseppe Batliloro ) • 

' Alessandro Beooivenga Segretario Generale il quale 
eartìRca la legalità delle firme. - 



Digitized by Goògle 



( 585 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Grotta S. Stefano li * 7 . Aprile l849* 

Noi lottoscritti dichiariamo di aderire pienamente al- 
la protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun- 
que ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte 
le nostre forre il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Co- 
stituente dei 9 . Febbraio auno corrente. 


Luigi Corinti 
Vincenzo Santangeli 
Giuseppe Cicchetti 
Domenico Sensi 
Placido Placidi 
Vincenzo Sensi 
Demetrio Argentini 
Giuseppe Moretti 
Luigi Rovella 
Giuseppe Canullo 
Felice Fabbi 
Alessandro Sensi 
Andrea Coccia 
Giuseppe Pacifici 
Croce di Giacomo Curii 
Giuseppe Natali 
Pietro Valeri 
Luigi Argentini 
Domenico Corsi 
Croce dì Domenico Cioccolo 
Gio. Batt. Guancini 
Croce di Tommaso Rosetti 
Croce di Pietro Spacca 
Valentino Pacifici 
Lazzaro Simonetti 
Felice Sensi 
Rocco Stella 
Tommaso Corsi 
Luigi Manganelli 
Maddalena Santangeli 
Croee di Vincenzo Rosi 
Francesco Sensi 
Croce di Rosa Corsi 
Croce di Giovanni Capelli 
Croce di Vincenzo Adami 


Digilized by Google 



( m ). 


Lnfgl Pompei 
Croce di Angelo Storci- 
Cr®ce di Paolina Storce 

REPUBBLICA ROMANA 

Còmunff di Boccaluccce li Aprile 

NoL sottoncrUti' dichiaria mo< di' aderire pienatnente alla: 
protesta emessa dai noatrt Rappresentanti contro* quakinquet 
, ostile, intervento straniero, e di sostenere con tutte le no* 
•tre forze-^ il Decreto fondamentale dell* Assemblea Costi», 
tuente- dei Febbrajp anno corrente*^ 

Ermenegildo' Ventauri dichiaro come- sopfai 
Luigi Andoifì^ mi dichiaro come- sopra 
Bonaventura- Rossi dichiaro come sopra 
Cro)^ce di Paolo C'asciooi iiietterato 
Crocce di Salvatore Castani illetterato^ 

Cro)5^ce' di; Luigi Scipinotti illetterato 
Pietro^ Massini; dichiaro come sopra. 

P; Mujacchii 

Paolo Viola dichiaro* come; sopra* 

Vincenzo Sonni dichiaro come sopra* 

Giuseppe Niggi dichiaro come sopra 
Crocce di. Francesept Arcangeli illetterato- 
Crocce dì Margherita* Arcangeli illetterata^ 

<Cro)^ce di Vincenzo Alliarì illellerato 
Crocce di Saverino Alliari illetterato 
Cro)5^ce di Luigi Cancellotti illetterato 
Crocce dì: Atanasio Wigì- illetterato' 

Cro)^ce di Francescangelo Bonelli illetteraiO' 
Cro)^ce di Filippo- Viola illetterato- 
Cro^jgce dii Giuseppe Viola, illet tesato 
Fraocesco* Misrgheri dichiaro,- come sopra 
• Angelo- Massini' dichiaro come sopra 

Crocce di: Venanzio Tobocchia illetterato-. 

Cro)^ce di Domenico Bonuli illetterato 
Sìro^ce dL Maria. Patta Masini- illetterata 
CrojJtce di Giacomo Fedeli; illetterato 
Crocce di Costanza Cancelietti illetterata. 

Giovanni- Viola dich^arop come- sopra- 
Bonaventura- Savignoni dichiaro- conte topréi 
Agostino- acciari dichiaro come sopra* 

CrojJtce di: Luigi Mestala illetterató, 

Crocce di: Leone Parmigiani illeiteratcu 


Digitized byGoogle 


c 5^7 ) 

Crocce di Arcangelo Arcangeli illeticralo 
Cro)Jjce di Franceso V^alenti illetterato 
Croijtce di Pietro Parmigiani illetterato 
Crocce di Luigi Nigi illetterato 
Crot^ce di Cecilia Nigi illetterata 
Angelo Acciari dichiaro come sopra 
Croi^ce di Tommaso Bartocci illetterata 
Emidio Acciari dichiaro come sopra 
Crocce di Antonia Masini illetterato 
Crot^ce di Angelo Bonelli illetterato 
Crocce di Rocco Lotici illetterato 
Crotjtce di llario Vittori illetterato 
Crocce di Niccolo Acciari illetterato 
Crocce di Nicodcmo Divizione illetterato 
Crocce di Luigi Frezza illetterato 
Crotjtce di Paolo Bonelli illetterato 
► Cro)$tce di Pastinale Carmi illetterato 
Crocce di Vincenzo Frezza illetterato 
Crocce di Stefano Bnfoloni illetterato 
Crocce di Luigi Boco illetterato 
Crocce di Anna Maria Bufoloni illetterata 
Settimio Liviziani dichiaro come sopra 
Crot^ce di Andrea Rìcci illetterato 
Crocce di Giuseppe Poncrazzi illetterata 
Crocce di Giuseppe Bartocci illetterato 
Crocce di Giovanni Micci illetterato 
Mamiano Diviziani dichiaro come sopra 
Gabriele Frezza confermo come sopra 
Giuseppe D’Antoni dichiaro come sopra 
Croìjtce di Angel’Anlonio Neri illetterato 
Angelo Valenti dichiaro come sopra 
Crocce di Gio. Maria Cerquate illetterato 
Nicola Scipinotti dichiaro come sopra 
Crocce di Giuseppe Aureli illetterato 
Crocce di Rocco Acciari illetterato 
Cro)^ce dì Marco Ondotti illetterato 
Croce di Gio. Batt. Scipinotti illetterato 
Pierdomenico Andalzi dichiaro come sopra 
Francesco Acciari dichiaro come sopra 
Crocce di Barlam Storelli illetterato 
Cro)^ce di Donato Bonelli illetterato 
Giuseppe Tosi dichiaro come sopra 
Crocce di Gio. Andrea Scipinotti illetterate 
Crocce di Margherita Rossetti illetterata 
Crotjtoe di Paolo Pallicci illetterato 
Antonio Diuziani dichiaro come sopra 

ffi 



( 588 ) 

Palmarosa Daiziani dichiaro come lopra 
Croj^ce di Gio. Paolo Scipinotti illetterato 
woijtce di Gaspere Andolfi illetterato -• 

Crocce di Gio. Batt. Bonelli illetterato 
t<ro^ce di Pietro Fedeli illetterato 

Il Capitano della Guardia Civica di Rocc'Alvecce 
I. Cornata etti. 

VITERBO 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Bagnorea^ Aprile li dell' anno 1849 

erotta* aderire pienamente alla 

OOP t** ***' oortn Rappresentanti contro qaalnn- 

nostre far straniero , e di sostenere con tutte le 

Hitient? dp- ' *‘®«damentale dell’ Assemblea Co- 

stituente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Vincenzo Gada Anz. 

Pietro Agati 

Luigi V enturia Gonfaloniere 
Luigi Placidi 
Saverio Pompej 
■ Carlo Franzoni 
Eusebio Lelli 
Gius. Tranquilli 
Gius. Marciooi 
Andrea Zitelli 
Pietro Andolfi Anziano 
Vincenzo Pompei 
Antonio Tomassetti- 
Domenico Golini 
Bonaventura Franzzoli 
Cro*^ di Ildebrando Capranari 
Man Giacomo sostituto di Bagnorea 
nonaventura Marcioni 
Anzano Fabi 
Gio. Gaddi 
Caterina Gaddi 
Maria Gaddi 

Vincenzo Toccafondi Gonfaloniere 
Giovanni Golini 

Innocenzo Tomassetti Capit. 


Digitized by Coogl 



(58s) 

Umiltà Marcioni 
Giulia Papini nei Venturini 
Vincenza Capranera 
Innocenza Macchioni 
LudoTÌco Pompei 
Francesco Chiavari 
Clarissa in Chiavari 
Costanza in Marcioni 
Ginlia Alberici in Ventnrini 
Bonaventura Capocaccia 
Francesco Dellunzi 
Domenica Segatore 
Angelo Prete Caddi 
Antonio Prete Fabi 
Luigi Golini 

Visto per 1 * identità delle suddette Ihrme^ 
Vincenzo Caddi Anz. 


REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Castel Celhse li a 8 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta, emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero > e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente 
Vincenzo Cocciola 

Gio Battista Cent < 

Francesco Bianchi ' • . • 

Girolamo Lanci . , ' 

CrojJcce di Domenico Pece! 

Gius. Cocciola' ^ »... ; 

Crocce dì Antonio Troscia . ^ 

Giuseppe Appitito .0 ' ;; <• 

CroJ^ce di Tomasso Troscia 
Croj^ce di Luigi Pecci < . 

Croj^rce di Domenico, Ceccarelli ”i • - « 
Domenico Rossi ’ ' • 

Croj^ce di Battella Vinc. , j 

Croj^ce di Salvatore Calànga * 

Cro)^ce Pietro Palmaci ' 

Crocce di Francesco Natalizi' 

Vioceazo Bianchi 

//5 


( 590 ) 

REPOBBUCA ROMANA ^ 

Comune di Valterana li aj Aprile 18^9 ‘ 

Noi soUoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell’Assemblea Costi'uente dei 
9. Febbrajo anno corrente. 

Felice Ercoli ff. di Priore 

Luigi Narduzzi Segret. Municipale 

Augusto Floridi 

Giuseppe Allestini 

Pietro Orlandi 

Vittori Antonio Narducci Consigliere 
Raimondo Fabrucci 
Raffaele Pelegrini 
Angelo Brani • 

Ferdinando Piccioni 
Pasquale Fatc-vcchini 
Giuseppe Antouozzi 
Orsino Spreca 

Achille Fabrucci Consigliere 
Beniamino Floridi 
Angelo Allegrini 
CamiHo Ercoli 
Cesare Floridi 

Francesco Gneguo di Caporale 
Pasquale Paolani 
Federico Ercole 

Leopoldo Nisiiii Sargente e Consigliere 

Antonio Nisini Cancegliere 

Nazzareno Otlovioni 

Giuseppe Lelli 

Florido Floridi 

Gregorio Piccioni 

Angelo Piccioni 

Vittore Floridi 

Luigi Golinelli 

Costanzo Capii. Paesani Consiglitgre 
Luigi Mantini Caporale 
Raimondo Marfrcdi Caporale • • '* 

Paolo Tiratelli < . 

Giuseppe Floridi . ! . 


Digitized by Google 


( ) 

Ginstino MinelU Caporale 
Francesco Piccioni 
Pietro Felice AUegorini 
Micchelangelo To^oiani 
Fedele Ottavianelli 
Domenico Purchianoni 
Carlo Maggi 
Rosa IVarduzzi 


Cro^tee di 
Cro>ì(ce di 
Croijtce di 
Crot^ce di 
Crocce di 
Croì^ce di 
Croìjtce d 
Cro)Jtce d 
Cro)ì(ce d 
Cro>j(ce d 
Cro)J(ce d 
Crocce d 
CroJjtce d 
Croi^tee d 
Cro)J(ce d 
Cro)J<ce d 
Cro)J<ce d 
Cro)J(ce d 
Cro»J<ce d 
Crocce d 
Cro)ì(ce d 
CroJ^tee d 
Crocce d 
Crocce d 
Cro)J(ce d 
Croijtce d 
Crocce d 
Croì^ce d 
Cro>I<ce d 


Francesco Ercole qnondam Antonio 
Francesco Ercole illett. 

Vittore Ercole illett. 

Innocenzo Silvani illett. 

Loreto Paesani illett. 

Pietro Ercole illet. 

Valentino Antonozzi illett. 

Vittore Antonozzi illett. 

Luigi Antonozzi illett. 

Andrea Ottavianelli illett. 

Eufresino Paesani illett. 

Serafino Paesani illett. 

Gabriele Quadrani illett. 

Gio; Battista Quadrani illett. 
Rinaldo Quadrani illett. 

Domenico Gregorj illett. 

Simone Paesani illett. 

Michel Angelo Patacchini 
Costanzo Patacchini illett. 
Sebastiano Ferirti illett. 

Giovanni Forliti illett. 

Emidio Floriani illetterato 
Nazzareno Floriani illett 
Rocco IVarduzzi illett. 

Gregorio Narduzzi illett. 

Vittore Mastro Gregorio illett. 
Nazzareno Purchianoni illett. 
Francesco Rapiti illett. 

Vittore Orlandi illett. 


Aurelia Floridi 


Cesarina Floridi 


Giovanni Tiraterra 



Augusto Floridi Testimonio ai suddetti Segni di Croce 
Pietro Orlandi Test, ai snd. segni di Croce 
Florido Florido test, ai sud. segni di croce 
Giovanni Faluschi Ten. Nazionale , e Consigliere ec« 
Giuseppe Minelli Consigliere 


DIgitized by Google 



( Bga ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Sìpiviano li s6 Aprile l8^g 

Noi sottocritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costituente 
dei Q Febbrajo anno corrente. 

Emanuele Tassare 
Steiano Bellacanzone 
Domenico Rosati 
Giuseppe Costantini 
Luigi Capelli 
Ermenegildo Terenziani 
Severino Lamoratta 
Agostino Morganti 
Pietro Paolo Lamoratta 
Luigi Dominici 
Massimo Corinti 
Tommaso Scarponi 
Sante Morgante 
Evangelista Lamoratta 
Domenico Sabatini 
Venanzio Scarponi 
Domenico Fiocchetti 
Bonifazio Fiocchetti 
Giuseppe Fiocchetti 
Lorengo Barbetta 
Giovanni Canale 
Lorenzo Terenziani 
Salvatore Terenziani 
Antonio Fiocchetti 
Carlo Fiocchetti 

Gaetano Bernabncci ' ' ’ : 

Domenico Lasci 

Felice Celletti 

Olimpiade Lasci 

Giuseppe Filipponi 

^ Paolo Terenziani i : ' . 

Gerardo Boncompagni ' "i ' > ' • = ‘ - 

Cosimo Boncompagni - 
Stanislao Bianchetti ì'j I ! ' 

Sarafino Serafini .-.i 

Sante Serafini 


Digitized by Google 



Laigi Brizi ^ ^ 

Giaseppe Beaedetti 
Corintio Floridi 
Fio Corinti 
Domenico Patrizi 
Giovanni Morganti 
Girolamo Fabbronci 
Francesco Battella 
Bonifazio Serafini 
Gio. Batt. Barbetta 
Engenio Boncompagnì 
Sabatino Barbetta 
Gradigliano Corinti 
Anseimo Bianchi 
Antonio Lancha 
Angelo Sili 
Angelo Bellacanzone 

Crocce di Pasquale Canali Sotto Tenente nazionale 
Loigi Olimpieri 


Cons. Gabrielle Sconocchia 
Carlo Signoretti Con. 

Gassodini Giovanni 
Cro ^ ce di Pietro Bonelli 
Cro ce di Gregorio Bianchi 
Cro 3^ ce di Vincenzo Trippetti 
Angelo Novelli 

Giaseppe Ossorio Sostituto Cancell. 

Cro )^ce di Maisiniino Bagnasconi 

Cro 3 ^ ce di Egidio Sconocchia 

Paolo Signoretti 

Giovanni Baldassarini 

Cro ^ ce di Antonio Ciocchetti 

Cro 3^ ce di Olimpiade del qo. Olimpiade 

Pasquale Canali 

Cro3^ce di Luigi Ciocchetti 

Crocce dì Angelo Ralli 

Crocce di Egidio Orlandi 

Cro)^ce di Crespino Castri 

Cro3^ce di Antonio Paris 

Cro ^ce di Girolamo Sabatini 

Niccola Mattei 

Luigi Mattei 

Cro ^ ce di Francesco Olimpieri 
Cro ® ce di Giuseppe Bianchi 
Achille Cavaceppi Medico 
Gaetano Cianlio 


. Digitized by Google 



Cro)55(ce di Egidio Piacentini 
Cro )J< ce di Domenico Trippetti 
Crocce di Filippo Sconocchia 
Cro ce di Francesco Trippetti . 
Cro )Ìc cedi Egidio Trippetti 
Cro ce di Luigi Trippetti 
Croj^ce (li Giuliano Macedoni 
Lorenzo Abbilini 
Cro)j5Ccedi Giuseppe Palozzi 
Crocce di Vincenzo Fabrizi 
Crocce di Carlo Cardarelli 
Cro)^(ce di Domenico Longhi 
Crocce di Giuseppe Poletti 
Luigi Vecchierelli Consigliere 
Giuseppe Gìovanneiti 
Cro ^ ce di Francesco Giovannetti 
Cesare Sacchetti 
Egidio V'ecchiarelli 
Cro® ce di Salvatore Canali 
Martino Sega 

Cro ^ ce di Giuliano Scapigliati 
Nicola Olimpieri 
Adamo Castri ' ’ 

Giovanni Castri 
Lorenzo Brugiotti Consigl. 

Michel Angelo Andreazzi Consig* 
Paolo Pasqninangeli Consigl. 

Cro ce di Angelo Panzetta 
Luigi Dr. Ubaldi Chirurgo 
Giovanni Biglietti 
Gabrielle Vecchiarelli 
Giuseppe Montanucci 
Vincenzo' Brugiotti 
Cro ® ce di Sante Sconocchia 
Cro ^ ce di Loreto Giovannetti 
Crocce di Vincenzo Baldassarini 
Nicola Bersioni 
Luigi Pasquinangeli 
Cro>5J(ce di Giuseppe Pasqoini 

Raffaele Ralli Consigliere : 

Camillo Vitali Consig. 

Vincenzo Monti Caporale 
Pasquale Lupi 
Giuliano Halli 


Digitizéd by Coogic 





(SgS) 

REEDBBLICA ROMANA 

Comune' di' Cdprarela jdprile 1 849' 

J^oi sotloscriiti dichiariamo' di aderire pienamente alla pro^' 
tes ta omessa' dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero'ye di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decréto Fondamentale deW Asscdìbloa Costi- * 
tuente dei 9 .- Febbraio anno corrente • 

Gius. Fantini Cipiiano .- 
Slef. tjarzani Gap. in seconda»' 

Stanislao Dottore Aurei) Ten» 

PielVo' Caprinozzi Serg. 

Francesco' Cinstòforì Serg. 

'A’ntonio' Caprinozzi Sérg» 

Francesco Ciardi. • 

Angelo Brunetti Serg, 

Vincenzo Simeoni Caporale •' 

Lnigi? Monti^ 

Caprinozzi- Clemente 
Achille- Salvatori'. 

Francesco' Antonio Ricci • 

Giuseppe Sciianca 

Gioacchino Rofini .r ' v 

• Filìppo-Lapartor,- 
David Tedéschi ,• 

Filippo Salvatori Tirolese •«. 

Luigi Landei ’ 

Francesco Màscdgnà Consigi; 
p. Ant.- Sanfihelli Consigliere * 

Il priore « Camillo Totonelli* •'* ' 

Gli' ANZIANI' Serafino Capotondis 
«^Nicola' N|colai. 

,, Giuseppe if’iermattei. 

Luigi Stelani» 

PI ■ Nàtili Ségjaftario coiiltlhitat} ?o.. 

Alfieri Carlo .• 

Francesco' Rosa' 

Antónió' Simeoni . 

Sàntinellit Giuseppe ,- 
Nicolò'Màriangeli •! \ 

De Carolis Fili])Fd . 

Antonio Ferrari .- 
Luigi Tàparini .. 
a«afiaelé Ciardi.. 


DIgItized byGoogle 


(^ 96 ) 

Pietro Grazigraris . 

Domenico Fannoni . 

Cro)J<ce di Francesco Nireielli . 

Cro ce di Francesco Mastreccht . 

Ant. Catolli Testim. 

Francesco Majoti . 

Antonio Catoni . 

Loigi Brunori . 

Cro ce di Giuseppe Totonelli 
Luigi Orioli Civico 
Enrico Blati . 

Eogenio Fazielli . 

Cro ce di Filippo Passini. 

Ant. Catalli- Test- 

Pietro Grazigraris Test, al segno di Croce . 
Crocce di Loigi Sentinelli IHet. 

Luigi Lundei Testimonio al segno di Croce 
Francesco De Carolis . 

Cro)jgCce di Giuseppe Passini. 

Antonio Catelli Test. 

Resini Vincenzo . 

Raffaele Monti . 

Giuseppe Graziani • 

Egidio Mechiili . '' ' ’ 

Domenica Prò . • • ■ ' 

Francesco De Paolis . 

Crojjgce di Lorenzo Ranieri 
Canale Giuseppe . 

'Luigi Borgna. 

Loppi Silvestro. • - ‘ 

Cro ■{■ ce di Ferdinando Borgna ^ 

Cro t ce di Francesco Stoppini . 

Domenico Balestra . • . • » 

Cro ^ ce di Ferrari Paolo . ' 

Pietro Sbarra . ‘ ‘ 

Francesco Moretti . 

Francesco Puzilli « 

Cro ^ ce di Giuseppe Cusoli . 

Filippo Ricci . 

Giuseppe Polozzi . 

Giuseppe Cristofori . 

Domenico Borgna . 

Giuseppe Toparini . . 

Cro)55^ce di Francesco Chiossi . 

Giacomo Giardi . 

Giuseppe Cecchini . 


Digitized by Googlc 



Luigi IfapdonI Cap. Waziohalei 
Vincenzo Capotondi , 

Nicola Fantini , 

Franceico^ Fabrizi Sebaatiani» 

Nicola Minichincberi . 

Gioranni Grazianì Caporale . 

Salvatori Domenico . 

Crocce di Giovanni Gulcinelli illel, 
Pietro Grazigraris Test, al Segno di Crdc«4 
Cro ce di Francetco Borgua illetl. 
Domenico Salvatori Testimonio . 

Francesco Trifogli. 

Pietro Blasi. 

Cro ^ ce di Giacomo Parmieri « 

Gioseppe Gnziani . 

Pietro Nardooi , 

Giuseppe Nardoni . x 

Cro* ce di Giuseppe Nardi* 

Girolamo Fantini . 

Gioacchino Brunetti . 

Croce di Michele Fabrizi • 

Luigi dntioelli. 

Giacomo Beni . 

Gaspare Graziani . 

Meloni Giuseppe . 

Nardoni Francesco , 

Fantini Mariano . 

Domenico Baldi . 

Egidio Baldi. 

Ulisse Salvatori . 4 i 

Giuliano Giardi , ! . .c 

L. Salvatori . . . 

Stefano Gesuaidì Rufi)« 



( 598 ) 

, f 

repobblica romana 


Comune ài RonciglioneU Aprile 1849- 


l:TlTe*o?è» Ml'AmmbU. C«..Uoea.. dei 

9. Febbraio anno corrente. 

Antonio Natili Sotto Tenente della Nazionale 
Carlo Bramini Sergente della Nazionale. 

Fabio Ginlietti Gap. «teli» Naz. ^ 

Felice Manetti Guardia Nazionale . ; 

Pietro Benedetti Id. . ' ' 

Nicola Ceccherini Guardia Nazionale 

Domenico Jacopinì " 

Mattia Manetti 

Luigi Ranncci 

Lnigi Jacopinì ^ i 

Francesco Ranucci . ' - ■ 

Francesco Gerajdini • . * , ^ 

£ Vincenzo Pozzi ^ , ' 

Giuseppe Beipassi 

^ Carlo Gentili _ • * , . / 

Ottariano Carabini ' „ 

f Odoardo Getati ' , . 

Achille Bartoloni • ’ 

‘ Giuseppe Piccadi ^ • 

Cro^ice di Luigi Goritti* Antonio Natili di Commissione 
rr^tantn Ranucci Caporale 


Galati Gioacchino 

Prof. Antonio De Camillis - 

L. Firmanf. 

Francesco Ripi _ . . . 

Crocce di Giuseppe Rossi - Antonio Natili di Conv 

missione 
Eugenio Birmani 
Francesco Gelati 
Ginseppe Antonio Bngliucci 
Già. Battista Cangioli 
A. Gentili 
Luigi Lambusier 
Trontarelli Luigi Repubblicjno 
Gioacchino Jacoppìni 
Vincenzo Beipassi - 


Digiiized by Google 



• ( ) ’ • *. 

iVTcola Natili 
Maria Marchetti in Natili 
Maria Verducht 
Filomena Barloloccl 

Francesca Verdiichi ^ 

Felice Mccacici 

Francesco Geraldesi 

Maria Antonini 

Vincenzo Camussi 

Antonio Bartolocci 

prancesco Camussi 

Alessandro Sillani 

Agostino Sillani Mezzanghera 

REPDBBLICA ROMANA 

Governo di- Bagnorea 

Comune dì Graffignano li sg Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo dì aderire pienamente 
alla protesta emesssa dai nostri Rappresentanti contro 
qualun iue ostile intervento straniero, e di sostenere con 
tutte le nostre forze il Decreto Fondamentale dell’ As- 
semblea Costituente dei 9 Febbrajo anno corrente. 

Filippo Sacerdote Honelli 
Crocce di Francescesco Morì illett. 

Croce di Paolo Orfei illelt. 

Crocce di Pietro Bernardini illett. 

Cro)^ce di Tommaso Tardani nazionale illet. 
Cro;j 5 (ce di Giovacchinu Fard.ini nazionale illett. 
Crocce di Felippo Tardassi Nazionale illett. 

. Cro)j 5 <ce di Lorenzo Gorini illett. 

CroJ^ce di Pietro lUanrizi illett. 

Crocce di Fulgenzio l ardaui illett 
Croì^ce di Luigi Jiaurizj di Donico illett. 

Cro)j 5 <ce di Domenico Manrizj illett. 

Cro)j 5 (ce di Egidio Biadati illett. 

Cro)J^ce di Domenico Cardani di Agostino illett. 
Cro)^ce di Domenico Tardani di Carlo illelt. 
CroJ^ce di Stefano Fatigoni illett. 

CroJ^ce di Bonaventura I ardani‘illett. 

Cro)^ce di Pietro Tardani di Franco illelt. 

Crot^ce di Francesco Tardani di Pietro illett., 
Croj^ce di Alessio Tardani illelt. 


Digitized by Google 



l $00 ) 

Ceoifliet di Andrea Bardani di Vlncenio illett. 
Cro)^ie di Michele Tardani illett. 

Cro)^ce dì Crescenziano Turdacci illett. 

Cro)^ce di Domenica Piletti illett. 

Cro)^ce di Filippo Laureati illett. ■ 

Crc)$(ce di Lorenzo Lanrentì illett. 

Cru)^ce di Giuntino Ridoliì illett. 

Crn)J(cedi Bernardino Curselti illett. 

Crocce di Vincenzo Padroni illett. 

Crofcc di Antonio Grossi illett. 

Crofce di Filippo Calanco illett. 

Luigi Cori Tenente Nazionale Comandante la «ad. 

Girolamo Paparelli Poi iere Nazionale 

Michele Cori Sergente Nazionale 

Pietro Donnini òporale Nazionale 

Vincenzo Gorini Caporale Nazionale 

G. Grossivice caporale rtìazionale 

Giuseppe Saranni Nazionale 

Filippo Gori caporale Nazionale 

Francesco Tardani vice caporale Naz' 

Domenico Politi vice caporale Nazi. 

Paolo Tardoni Nazionale 

Francesco Donoini Nazionale 

Gabrielle Tardani Nazionale 

Giuseppe Cori Nazionale 

Bonaventura Morucci Nazionale 

Filippo Marucci Nazionale di Doajco 

Lorenza Persi Nazionale 

Antonio Trifoni Nazionale 

Settimio Tardoni Nazionale 

Crofce di Francesco Sdi Nazionale illett. 

Crofce di Giuseppe Tardacci Nazionale illett. 
Crofce di LuÌ£Ì Laurenti Nazionale illett. 

Crofce di Filippo Romanini Nazionale illett. 
Crofce di Domenico Gregorj Nazionale illett, 
Crofce di Felice S. Croce Nazionale illett. 

Crofce di Filippo Padroni Nazionale illett. 

Crofce di Paolo Sberna Nazionale illett. 

Crofce di Paolo Berntrdini Nazionale illett. 

Crofce di Francesco Gorini di Bernardo Naz. illett. 
Crofce di Bonaventura Calanca Nazionale illett. 
Crofce di Giuseppe del Setie Nazionale illett. 
Crofce di Serafino Polverini Nazionale illett. 
Crofce di Filippo Tardani di Franco Nazionale illett 
Crofce di Filippo Tardani comime nazionale illett. 
Franceico Gorini di Lorenzo 


Digitized by Google 


( 6tn ) 


Angela Mari 
Laerczia Ridolfì 
Anatolia Cori 
GioTanni Manarellì 
Vincenzo Maciarellì 
Paolo Maiiareilì 
Ginaeppe Siti 
Benedetto Corsetti 
Francesco Fortunati 
Lorenzo Marj 
Giacomo T^iabar 0 
Angela Cori 
Pietro Cori di Andre» 

Domenico G^ioi 
Vincenzo Focili 
Carlo Calane» 

Domenico Tardaoi 
Dionisio Cori 
Nicola Fioravanti 
Girolamo Temperini 

Sante Gregori 
Lorenzo Grossi 
Angelo Galanti 
Grossi Filippo 
Filippo Vagnozi 
Giuseppe Balestra 
Filippo Morseci 
Lnigi Tardani 
Antonio Cori 
Carlo Angelncci 
• G. Battista Tardani 
Silvio Grossi 
Luigi Tardani di Andrea 
Rosa Cori 
Giovagli Ceeeotri 
Gio. Angelo «idolfidi Franca 
Filippo Qelli 

Crofee di Luigi Faacinari iHeti, 

. Grofee di Filippo Fasoinari illetr. 
Crofeo di Vincenzo Marucci illet. 
Crofee di Serafini Bonelli illeir. 
Crofee di Bernardino Bonalli Iflett. 
CrotcBdfGfloraimiAel Sette aiett* 
Crofee di Gsteriaa Sbeotu iUett. 
Crofee di Marcò Polverini illelt. 
Crofee di Idrato PU«Ui fliett. 



( 6o2 ) 

Crotce di Mapiangola Natali illclt. ' 

Crofcedi Antonia Natali illett. 

Crotce di Felice Biribilli illett. 

Crotce di Rosa Biribilli illett. 

Crotce di Margerila Biribilli illet. 

Crotce di Maria Biribilli illett. 

Crotce di Giovanni Natali illett. 

Crotce di Domenico Natali di Angelo illett. 

Crotce di Rosa Natili illett. 

Crotce di Clemente Ridolfi illett. 

Crotce di Giaseppe Ridolfi illett, 

Crotce di Ferdinando Ridolfi illett. 

Crotce di Fiorenza Ridolfi illett. 

Crotce di Francesco Trifoni illett. 

Crotce di Rosa Gasparrini illett, 

Crotce di Giaseppe Padroni illett. 

Crotce di Antonio Trifoni di Francesco illett. 
Crotce di Pietro Trifoni illett. 

Crotce di Domenico Corsi illett. 

Crotce di Lorenzo Paciosi illett. 

Crofce di Domenica Calaoca illett. 

Crotce di Francesco TarJanidi Domcosud. illet. 
Crotce di FilippoTardaoi di Franco illett. 

Crotce di Chiesadel Sette illett. 

Crotce di Michele Cori di Cesare illett. 

Crotce di Carolina Cori illett. 

Crotce dì Barbara Cori di Cesare illett. 

Crotce di Domenica Cori di Cesare illett. 

Crotce di Pietro Del Sette illett. 

Crotce di CarolinaTardanì illett. 

Crotce di Domenica Angela Laureati illett. 
Crotce di Amanzio Galli illett.^ 

Crotce di Angela Rosa Galli illett. 

Crotce di Serafina Gorìni illett 
Crotce di Domenica Tardacci illett. 

Crotce di Geltrude Trifoni illett. 

Crotce di Giuseppe Serafini illett. 

Crotce di Rosa Serafini ilUtt.' ^ 

Crotce di. Filippo Serafini di Giuseppe illett. 
Crotce di Maddalena Trifoni illett. 

Crotce di Rosa Trifoni illett. 

Crotce di Maria Saccarelli illett. 

Crotce di Francesco Saccavelli illett. 

Crotce di Giaseppe Vagnozzi illett. 

Crotce di LociaVagnozzi illètt. 

Crete® d> Maria Fatigoni illett. 


Digilized by Google 


( 6u3 ) 

Croce dì Alessandro T»rdani illett. 

Croce di Maddalena Cori illett. 

Croce di Cesare Cori illett. 

Croce di Veronica Cori illett. 

Croce di Pietro Mori illett. 

Croce di Filippo Pitirini illett. 

Croce di Margarita Giuliani illett. 

Croce di Rosa Polverini illett. 

Croce Pietro Giugliani illett. 

Croce di Domenico Natali illett. 

Croce di Francesco Natali illett. 

Croce di Pietro Volpi illett. 

Croce di Giuseppe Temperini illett. 

Croce di Camillo Gregorini Giugliani illett. 
Croce di Nicodemo Calanca illett. 

Croce di Vincenzo Padroni illett. 

Croce di Gio. Angelo Ridolfi di Giuseppe illett. 
Croce di Agostino Mori illeit. 

Croce di .Angelo Temperini illett. 

Croce di Giuseppe Bamlfa illett. 

Croce di Franco Placidi illett. 

Croce di Leonardo Aniceto illett. 

Croce di Luigi Gregori illett. 

Croce di Lorenzo Manni illett. 

Croce di Luigi Donnini illett. 

Croce di Domenico Cecotti illett. 

Croce di Luigi Cosini illett. 

Croce di Antonio Placidi illett. 

Croce di Antonio Maggio illett. 

Croce di Pietro Lanrenti illett. 

Croce di Filippo Piselli illett. 

Croce di Francesco Bernardini illett. 

Croce di Luigi Tardani di Giuseppe illett. 

Croce di Domenico Pasi illett. 

Croce di Luigi Maurizj illett. 

Croce di Angelo Natali illett. 

Croce di Filippo Tardani di Giuseppe illett. 
Croce di Camillo Cori illett. 

Croce di Vincenzo Cori illett. 

Croce di Fortunato del Sette illett. 

Croce di Domenico D'amico illett. 

Croce di Angela D’Amico illett. 

Croce di Giuseppe Padroni illett. 

Croce di Luigi Gaccavclli illett. 

Croce di Antonini Ridolfi illett. 

Croce di Andrea Tardarti di Pietro illett. 
Croce di Angelo Tardani di Pietro illett.. 

iS * 


Digitized by Google 



Croce di Angelo Tardani di Giuseppe illett. 

Croce di Filippo Serafini Illett. 

Croce di Maddalena Tardani illett. 

Croce di Tommaso Balanca illett. 

Croce di Domenico Calanca illett. 

Croce di Arcangelo Giuseppini illett. 

Croce di Filippo Giuseppini illett. 

Croce di Martino Tardani illett- 
Croce di Pietro Bruciati illett. 

Croce di Pietro Corpi illett. 

Croce di Giovita Maurizi illett. 

Croce di Vincenzo Politi illett. 

Croce di Domenico Morucci illett. 

Croce di Aniceto Ceccotti illett. 

Croce di Biaggio Ceccotti illett. 

Croce di Bonaventura Biribilli illett. 

Croce di Pietro Cori di Franco illett. 

Croce di Giacomo Corsi illett. 

Croce di Antonio Corsi illett. 

Croce di Rosa Corsi illett. 

Croce di Francesco Corsi illett. 

Croce di Luigi Bernardini illett. 

Croce di Domenico Bernardini illelt. 

Croce di Pietro Calanco illett. 

Croce di Anseimo Tardani illett. 

Croce dì Francesco Tardani di Anseimo illett. 

Croce di Gio. Battista Casciani illett. 

Croce di Francesco Casciani illett. 

Croce di Luigi Gregorj di Antonio illett. 

Croce di Francesco Tardani di Domenico Antonio 
illett. 

Croce di Giovanni Patacchini illett. 

Croce di Vincenzo Patacchini illett. 

Croce di Anselmo Patacchini illett. 

Croce di Domenico Maurizj illett. 

Croce di Luigi Patacchini illelt. 

Croce di Luigi Marcucci illett. 

Croce di Teresa Baruffa illett. 

Croce di Paolo Baruffa illett. 

Croce di Maria Grossi illett. 

Croce di Angela Grossi illett. 

Croce di Teresa Cori illett. 

Croce di Margherita Cori illett. 

Croce di Teresa Tardani illett. 

Croce di Ludovico Cori illelt. 

Croce di Anastasia Cori illelt. 

Croce di Giovanni Tardani illett. 


Digitized by Google 


C6o5) 

Croce di Luigi Tardani di Paolo illetf. 

Croce di Luigi Giaseppini illett. 

Croce di Anna Giuseppini illelti 
Croce di Felice Giuseppini illcit. 

Croce di Maria Gin«eppini illett. 

Croce di Angela Giuseppini illett. 

Croce di Domenica Giuseppini ili. 

Croce di Giacinta Giuseppini illett. 

Croce di Filippo Giuseppini illett. di ArcaUglo. 
Croce di Maria Marcncci illett. 

Croce di Anna Grossi illett. 

Croce di Domenica Grossi illett. 

Croce di Marianna 'Cardani illett. 

Croce di Domenico Alfonsi illett. 

Croce di Maria AU)>nsi illett. 

Croce di Andrea Alfonsi illett. 

Crocedi B.irtolonico Alfonsi illett. 

Croce di Vinceoro M inrizj illett. 

Crocedi Margherita Maurizi illeltt 
Croce di Uosa Maur zj illett. 

Croce di Rosa Fucili illett. 

Croce di Domenica Faligoni illett. 

Crocedi Maria Tarclani illett. 

Croce di Domenica Tardani illett. di PietptJ. 
Croce di Maddalena Innocensi illett. 

Croce di Maria Innocensi illett, 

Crocedi Maddalena Seratigcli illett. 

Croce di Luigi Aniceli illett. 

Crocedi Maddalena Morncci ili. 

Croce di Mariorsola Fatigoni ili. 

Croce di Ortensia Morncci illett. 

Croce di EIeonor.i Tardani illett. 

Croce di Bernardino Tardani iti. 

Crocedi Pietro Tardani di Luigi illetf. 

Croce di Paola Tardani illett. 

Croce di Giacinta Cori illett. 

Croce di Rosa Cori illet. di Giuseppe. 

Croce di Barbara Sii} illett. 

Crocedi Angela Battisti illett. 

Croce di Maria Battisti illett. 

Crocedi Anna Battisti illett. 

Croco di Barbara Grossi illett. 

Croce di .Maria Ceccotti illett. 

Croce di Dolce Ceccotti illett. 

Croce di Dooieniea Ceccotti illetf. 

S » 


Digitized by Google 



( 6o6 ) 

Croce di Domenico Franccschini ili. * 
Croce di Rosa Fraoceschiiii illtU. 

Croce di Luigi Romanini illeit. 

Croce di Nazzarena Romanini illett. 

Croce di Maria Romanini illett. 

Croce 'di Lucia Romanini illett. 

Croce di Chiara Romanini illett. 

Croce di Domenico Cori illett. 

Croce di Maria Cori illett. 

Croce di Filippo Cori ili. di Domenico 
Croce di Anastasia Domi ini illett. 

Croce di Micchele Donnini illett. 

Croce di Carolina Tardani illett. 

Croce di Maddalena Tareani di Francesco illctl. 
Croce di Pietro Cssciani illett. 

Croce di Martina Politi illett. 

Croce di Olimpia Politi illett. 

Croce di Rosa Cerei illett. 

Croce diJLnigi Monlenero illett. 

Croce, \di) Cristina Cerci illett. 

Croce di Pietro Cerci illett. 

Croce di Caterina Persi illett. 

Croce di Pietro Martini illett. 

Croce di Rosa Placidi illett. 

Croce di Maria Agostina Placidi illett. 

Croce di Marianna Martini illett. 

Croce di Vincenza Martini illett. 

Croce di Maria Gregori illett. 

Croce di Anna Maria Romanini illetterata 
Croce di Domenica Fortunati illett. 

Croce di Colomba Fortunati illett. 

Croce di Ciriaco Fortunati illett. 

Croce di Simone Fortunati illett. 

Croce di Albino Fortamati illett. 

Croce di Maria del Signore illett. 

Croce di Bernardina Bernardini illett. 

Croce di Luigi Bernardini illett. 

Croce] di Maddalena Gasparrini illett. 

Croce di Cicilia Balestra illett. 

Croce di Angela Marcucci illett. 

Croce di Filippo Marcucci illett. 

Croce di Rosa Marcucci illett. 

Croce di Domenica Cori di Pietro illett. 

Croce di Barbara Cori illett. 

Croce di Luigi Cori di Pietro illett. 

Croce di Maria Paola Cori illett. 


Digitized by Googl 



. ( ) 

Croce di Maria Cori di Filippo illelf» 

Croce di Cecilia Serafini illett. 

Croce di Benedetto Serafini illett. 

Croce di Filippo Serafini di Franco illett. 

Croce di Carolina Volpi illett. 

Croce di Chiara Volpi illett. 

Croce di Maddalena Biribilli illett. 

Croce di Anna Lucìa Cori illett. 

Croce di Agostino Orogbetti illett. 

Croce di Serafina Gregori illett. 

Croce di Giacinto Manni illett. 

Croce di Carolina Baruffa illett. 

Croce di Maria Polverini illett. 

Croce di Maria Polverini di Pietro illett. 

Croce di Rosa Baruffa illett. 

Croce di Loreto Polverini illett. 

Croce di Innocenzo Gregorj illett. 

Croce di Coronato Lucarini illett. 

Croce di Andrea Lncarinì illett. 

Croce di Eufrazia Lucafini illett- 
Croce di Domenica Del Sette illett. 

Croce di Giuseppe Del Sette illett. 

Croce di Vittoria Tardani illett. 

Croce di Bartolomeo Tardani illett. 

Croce di Francesco Marj illett. 

Cróce di Luigi Padroni illett. 

Croco di Giuseppe Laurenti illett. 

Croce di David Grossi illett. 

Noi sottoscritto Priore di Graffignano dichiariamo 
che le sopra apposto firme, e spacchi d» croce sono sta- 
ti tali fatti alla nostra presenza nei luoghi di Risidenza 
Comunale anche alla presenza dei qui firmati come 
testimonj, e che inoltre fuori di queste Sale si è riunito 
tutto il popolo di qualunque sesso, stato, età, condizio- 
ne cho ad una voce esclama - f^iua la repubblica^ vo- 
ghamo la Repubblica^ Fioa il popolo^ viaa la libertà. 

In fede ec. 

Dalla residenza Comle giorno ed adito (ad. 

Luigi Cori Testimodio • - 
Giovanni Audrea Grossi Testìm. 

A, Booelli Priore 

gg i 


Digitized by Google 



( 6o8 ) - 

T\EPCBBLICA ROMANA 

^Comune di Acquapendente li «8 Aprile 18^9 

Jvoi soUoscritli dicliiariamo dì aderire -pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qaalonqae 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tut^e le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

aUGOLO POPOLARE 

. . Cesare Paoletti Tribuno del Circolo Popolare. 
C. Poschini Consi 

ScrmìniL. Consig. Capit; Ajut. Maggiore. 
Chierici Gio.Batt. Consig. 

Eugenio Bucci Cons. Tenente 
- Alessandro Vidaù Consig. 

Aless. Anlonanali Consig. 

.Luigi Bonifaz) Segr. del Cir. Pop. 

MUNICIPIO 

'Gius. Falzacappa 'Gonfaloniere 
Carlo Falzacappa Aoz. 

Angelo Rocchi Anziano 
Cesare Costantini Tenente 
Leale Leali 

• • Giuseppe Galletti Alfiere • ' ' " 

Quintino Bacchetti Aiutante oolt. Un. 

Gìo: Batt. Gini Sottotenente 
Luigi Musini Serg. Maggiore 
Girella Gaspare Serg. Mag.^ 

Tommaso Squarcia'Serg.For. 

Francesco Vidoni Serg. 

Giuseppe Barberini Serg. 

Antonio Baldi Caporale 
* Luigi Rocchi Sergente 
Pietro Sinì Caporale 

Giuseppe Masinì guardia'JJfaz. 

Ignazio Fiora vanti .Idem ; " 

Vincenzo'Vìnaccìoni 

vGio^ Vidaù Gnard. Naz. 


DIgitized 


Gio: Salimb«ni 
Caporale Vincenzo Falnélta.* 
Giuseppo-Bfozet Otiar. Nai.' 
Giaseppe Crisantì G, N. 
Antonio Marinelli Sarg. 
Federico Gini G. N. 
CrisaasoCrieanti idem 
Giuseppe Colombo idem 
G. Chiodo Caporale 
Monaci Gio vacchino G. N. 
Raffaele Fidi Caporale 
Gio: Ba41a Biondi G. N. 
Caprasecca Giovanni idem’ 
Gelsomini Angelo idem 
Pieri Giegorio idem 
Marinelli Giovanni idem ' 
nicola Onesti idem 
Danielle Franceschini idem ’ 
Giuseppe AiitenaroU idem 
Moìsè Bemporad idem 
Rocchi Ginseppeidem 
Flaminio Bemporad idem 
Paólettl Vincenao idem • 
Giuseppe Massami idem 
Paolo Chiodo ’ 

Pietro Corti G. N. 

Giaseppe Costantini G. N. 
Pompeo Masini 
AtOSsandro Taurelli IVaz.' 
Secondo Bacchetti Naz. 
Fasqaaté Cammini Naz. 

Gio: Batta. Cinquini idem ^ 
Carlo Geleomini 
Antonio Fusi Caporale 
Ermenegildo PivergnoU Csp. 
Flavóo&csgosé ' 

Angiolo Antonanai! Gap. 
Barberini Tommaso Naz. 
Bernardini Luigi G. Naz. 
Cervini Federico iJem 
Aveneria Pifferi come sopra > 
Giuseppe Santini Naz. 

Nicola Crisantì Naz. 

Luigi Gerlini G. Naz, 

Consoli. Sai valore Tambnr.N. 
Domenico Fiani 



.( «>•’) 

iRaffa^lle Boni G. 

Domenico Pal.vani 
Emete iVlangini,G<.]^f»> 

Antonio Vaali idem 
Rocchi Giuseppe idem 
Gini Ermete idem 
Pellegrini Baldassarre idem 
Egidio Marziali idem 
> Luigi Golini Caporale 

Adelaide Masini 
Rocca Oneti G. Naz. 

Alfonso «Quaranta G. Naz. 

Pasquale Rocchi G. IVaz. 

Francesca Vagnolini in Vidaù 
Margherita Falzacappa in Barber ini 
Domenico Antonio Sirella 
Ulderico Galletti G. N. ^ 

Antonio Puggi G. N. 

^medio Mariocchi G.N. L 


REPDBBLICA ROMANA 
COMUNE DI GROTTE DI CASTRO 
Li 39 Aprile ì 84 q 

Noi aottoscritti dichiari;»mo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale deU’ Aeeemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Domenico fìrzi Priore 
Vittorio .Ruspantini Anziano 
Pietro Mancini AazÌMip 


Digitized by Googl 



(«Ili 

HEPOBBLICA ROMANA 
COMUNE DI ONANO 
lÀ i Maggio 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta 'emessa d.ii nostri Rappresentanti contro qualunque 
«sctile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costi- 
tuente del 9 Febbraio anno corrente. 

Giuseppe Grottanelli Priore 
Giovanni Canuzzi Anziano 
Francesco Rubbi Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 
COMUNE DI CASTEL S. ELIA 
Lì 5 Maggio 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qnalunque 
ostile intervento straniero, c di sostenere con tutte le no* 
«tre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costi- 
Inente dei 9 Febbraio anno corrente. 

1 P. Paolncci Priore 
a Vincenzo llosarini Anziano 
5 Giuseppe Cosimi Anz. 

4 Filippo Paparclti f^siglrere 
b Lazaro Gdllclli Consigliere 
(> Giuseppe Lieto Consig. 

7 Francesco Uarida Cons^ 

8 Ginseppe VIorìsagna CofSsig. 

9 Giovanni Coromiatr Cons* 

10 Marco Desantit Consigliere 

11 Giuseppe Ma rat la Consig* 
la Anastasio Muzi Consig. 

Il Cittadino Segr«t«i» Comunale 
G irolanvo iUicAifi 


Digitized by Coogle 



(^6 i « )) 

REPUBBLICA' ROMAN A ^ 


COMUNE DI CORCHIANO ! 


Li 4 Maggio 1 * 49 - 

> 

Noi sottoicritti dichiariamo di^ aderire pienameatÉ alla 
protesta p'mrssa dai nostri Rappresentanti contro qnalanque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con lotte le no» 
stp# for*e U. Decreto Fondamentale dell’Assemblea Costi* 
tuente dei 9 Febbrajo anno corrente# . 


1 Lorenzo Marcucci Priore * 

2 Pasgrazio Mozzicarelli Anziano 

3 Antonio- Pearucci- Anziano 

4 Francesco Mozzini Consigliere 

5 Valerio Leonori Attuario 

6 Mirabelli Giuseppe 

7 Alessandro Petr-ucciTenonte in seconda 

8 Salvatore Giovannelti 

9 NicCola Mòzzmi Uditore Legille Int. 

10 Domenico Prosperi 

11 Francesco Campana • 

12 Tomasso Mattia 

i 5 Domenico Ridotfì ^ 

]4<Innocenzo Anselmt 
li Francesco Cinelli 

>6. Io Sabatino Bionani ' 

17 Luca Paolini di vero coore- > 

18 Francesco Clericasti , 

19 Domenico Lunidei 

20 -Luigi Mozzini 

21 Domenico Antonia Ridolft 

22 Francesco Prosperi 

23 Lanno Petruccì 

24 Antonio Celcrioetti 

26 Lnigi.PelPueci 
2r^ Antonio Lattanzi 

27 Eugenio Clericotti > 

28 Vlpoeneo lUstro 

29 Giecaoni 

3 0 Angela Aleseandrini 

6i Francesco RidolA Consigliere 
3 a .Qiueeppc Buj 
33 ilippo Jana 


Digitized by Google 



oi Paolo Mattia 

55 Biagio Silvestrini Consigliere 

36 Bernardino Crinzi 

07 Vincenzo Molfelli 

5S Angelo Crescenzi 

09 Aleioni Angelo 

40 Carlo Alessandrini Tenente 

41 Eutizio Meaicacci 
4a Luigi Ginclli 

45 Giuseppe D’ Amò 

44 Gio. Domenica Gilea 

45 Andrea Zieco 
4.6 Vincenzo Pozzi 

47 G iuseppe Tazza Consiglieri 

48 Antonio Prosperi 

49 Francesco Pozzi 

50 Isanti Giovanni 
5t Isanti Giuseppe 

5a BelardinoPerricino 

53 Giuseppe Mambrini 

54 Pietro Bui 

55 Liborio Prosperi 

56 Meconi Lorenzo 

57 Sigismondo Ridolfì 

58 Giovanni Marcncci Capitanco 

59 Leunidi Giuseppe 

60 Silvestrini Domenica 

61 Giocondo Cianca 
6a Innocenzo Ginstini 

.63 Giuseppe Balli Consigliera 
64 Pietro Olfrandioi 



C^»4) 

REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Sipìcciano tì 29 'Jprile 184^ 

^<ittoscritti dichiariamo di aderire pienamente alia 
p ofc«/a emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e dì sostenere con tutte le no^ 

n.t Fondamentale deW Assemblea Costi^ 

tuente dei g Febbraio anno corrente. 


Giuseppe Costantini Sindaco 
Emanuelle Tarara ConsiV. 
Domenico Rosati Anziano 
Bonifazio Fiochetti Consiglieri 
Luigi Copelli Anziano 
Crofce di Salratore Terenziani 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di S. Lorenzo li 3 Maggio 1S49 

ZVoi sottoscritti dichiariamo dì aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contri» qualunque 
ostile mt^vento straniero, e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale delt Assemblea Costituente dei 
9 Febbraio anno corrente, 

Enrico Luti Priore Comte 
Francesco Gentili Anziano * 

REPUBBLICA ROMANA 


Comune di Proceno li 29 Aprile 1849 

iVoi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla, 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
astile intervento ^ramerò, e di sostenere con tutte le nostre 
forze il decreto Fondamentale dell'Assemblea Costituente dei 
9 reoorajQ anno corrente. 


Il Priore, ed Anziani 
Giuseppe Falchiasselti 
Girolamo Pellegrini Anziano 
Domenico Jnamoni Anziano 


Digitized by Coogle 



( 6 i 5 ) 

REPUBBLICA ROMANA. 

Comune di Bagnaja li 5 o Aprile 18Ì9 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente {al- 
la protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun*' 
que ostile intervento str.inierio , c di sostcnerL' contntte'le 
nostre forze il Decreto Fondamentale deU’Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. ' 

Muzio Darj Priore 

Filippo Moiioni Primo Anziano 

Arcangelo Caroncs Anziano 

Francesco (Quadrucci Seg. 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di S. Martino li 27 Aprile 18^9 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti con ro qnalntKjue 
ostila intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale deH'Asse:nhlea Costituen* 
te dei 9 Febbraio anno corrente. 

F. Poletti Priore ec. 

F. Pierotti Anziano 
D. Cesariui Anziano. 


Digitized by Google 



' (6i6) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Grotte S. Stefano li 37 jdprile t849 

Noi iotloscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresenianli contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sosienete con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamcniale dell’Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio, anno corrente. 

Giovanni Sensi Priore Comunale 
Vincenzo Paolangeli Anziano 
Domenico Valeri Anziano 
Visto per la legalità delle firme 

11 Segretario Comunale 

Demetrio Argentini • 


repubblica R0M.\NA ' . 

Comune di Canepina li 37 Aprile i849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente aliti 
protesta emessa dai nostri Rapprescntaoli contro quah.oqoa 
ostile intervento straniero , c di sostenere con tutte le no*- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbrojo anno corrente» 

Pel priore Assente 
Zeffirino Zaftirì Anziano 
Gio. Angelo Foglietta Anziano 
Gio. Battista Ferri Anziano 


Digitized bv Google 



( 6i7 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
PRESIDENZA DI VITERBO 
Comune di Fallerano 

Interpreti dei sentimenti di questi nostri Amministra- 
ti , non cGe dell’ intiero Corpo Civico aderiamo pienamen- 
te alla protesta emessa dai Cittadini Deputati , dai Citta-, 
dini Triumviri rappresentanti l’attuale nostro Repubblica- 
no Governo di respingere cioè colla forza qualunque siasi 
intervento Straniero , ebe venisse a turbare la nostra pace , 
e che intendesse di abbattere la nostra libertà , e la nostra 
iadipenclenza. Anche questo Comune dal canto suo , e per 
quanto il comporteranno le proprie forze non trascurerà 
ogni mezzo per mantenere , e difendere la felicissima no- 
stra Repubblica. 

Dalla Residenza Municipale di Vallerano 7 Maggio 1849. 

I Cittadini Anziani 

Felice Ercoli ff. di Priore . 

Daniele Ricciardi Anziano 

Luigi Narduzzi Seg. 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Fignanello li 27 Aprile 1849 ^ 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’Assemblea Costitueu- 
te dei 9 Febbraio anno corrente. 

Lanno Tedeschini Anziano ff. di Priore 
Biagio Fiorenlii'.i Anziano 
Gregorio Marini Anziano 


Digitized by Google 



( 6i8 ) 

REPDBBLICA ROMANA 
Comune di Bamarzo il i Maggio i 84 g 

Noi lottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Gio. Batt. Populi priore 
Benedetto Mopanali Anziano 
Giacinto Fasci Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Bieda li 28 Aprile 1 849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun qus 
ostile intervento straniero , e di sostenere non tutte le no- 
tre forze il Decreto Fondamentale dell’Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Per il Priore Antonio Alberti Anziano 
Angelo Giliotti Anz. 

Vere le firme 
Ricci Preside 




Digitized by Google 


( 619 ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Comunt di Bagnorea li 3 o. Aprile 1849* 

Noi ■oltoscritti dichiariamo di aderire pienamente al- 
la protesta emessa dai nostri rappresentanti contro qualun- 
que ostile interrento straniero , e di sostenere con tutte 
le nostre forze il Decreto Fondamentale dell’Assemblea Co- 
stituente dei 9. Febbraio anno corrente. ‘ 

. Luigi Venturini Gonfaloniere 
Vincenzo Gaddì Anz. 

Pietro Andolfì Anz. 

L Comasietti Segr. 

Visto per la legalità ec. 

Joccafondi Gor. 


repubblica romana 

Comune di Nepi li trenta 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto fondamentale dell’ Assemblea Costituen- 
te dei 9. Febbrajo Anno corrente 

G. Viterlini Anz. ff. di Gonf. 

Giovanni Zampalletta Anz. 

% Luigi Astolfi Segrio Com. 


Digitized by Google 



(62^) 

RErUBBLICA ROMANA 

Comune di Bastanello il i Maggio i849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente- alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque' 
ostile interreoto straniero , e di sostenere con tolte le no- 
stre forse il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Greg. Celesti Priore 
Niccola Mariani Ans. 

Filippo Scarelli Anz. 

Virardo Mariani 
Andrea Forcbiaroni 
Àlascellino Scapali i 
Libriano X^ibfiani 
Silvestro Fiaschi 
Giovanni Porri 
Mariano Mariani 
Angelo Perini 
Lanno Andiooio Ricci 
JLuijgi Chiodi Segretario 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Battano li So Aprile 1849 

Noi aotloscritli dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri rappresentanti contro qualunqoe 
ostile intervento straniero « e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il decreta Fondsmenitale dell’ A¥emt>lea Costituen- 
te dei 9. Febbraio anno corrente. 

Miche)' Ag. Andreuzzi Priore 
Gio. Giacomo Bernardini Anziano 
Gioacchino Perugini Anziano 


) 

) 

) 

) 

} Consiglieri 

) 

) 

) 

) 


Digitized by Google 



» 


( ) 

REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Gallese Ui Maggio 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e eli sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale delFAsseinLlca Costituente 
te dei g. Febbraio anno corrente. 

Vincenzo Pescctelli Gonf. 

Pietro Celli Anziano 
Pietro Lattanzi Anziano 
Fainiano Conti Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune dì Celierei Pianianoli 5 o Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con toltele no- 
stre forze II Decreto Fondamentale dell' Assemblea Costituen- 
te dei 9. Febrajo anno corrente. 

Vincenzo Brnnori Priore 
Giuseppe Raspanti Anziano 

Gius. Luciani primo Consigliere in mancanza del se- 
condo Anziano 
F. Mazzariggi Consigliere 
Giovanni Luciani Consigliere 
Paolo Cencioni Consigliere 
Giovanni Morettini Consigliere 
Giuseppe Ricci Consigliere 

Vere le firme 
Il Preside 
Ricci 


h h 


Digitized by Coogle 



( ) 

REPOBBLICA RO.VIANA 
Comune di Barbavano li 2 Maggio 1 849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alfa 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le no^ 
atre for^e il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costituen- 
te dei 9. Febbraio anno corrente. 

La Magistratura 
Giuliano Berretto Priore 
Domenico Fiaschetti Ansiano 
Luigi Boselli Anziano 

Vere le firme 
Ricci Preside 


REPOBBLIGA ROMANA 
Comunt di Fabtióa li 28 AprìU 1 84 g 

Nói sottoscritti dioHKariakno di aderire pienamente alle 
protesti edaesta dai bofetK Rapprèsentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , ó di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondaoìèntaie dell* Assemblea Costituen- 
te dei 9 Febbraio anno corrente. 

B. Baidassi Priore 
Nicola Pacelli Anziano 
Marciano Ponti Attiano 

Vere le firme 
Rìcci Freaide 



Digitized by Google 



) 623 ) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Montefiascone 1/ 27 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qaalanoue 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
sire forze ilDecreto Fondamentale dell’ Assemblea Costituente 

dei 9. Febbrajo anno corrente. 

Colombano Cernitori Pres. la Cornane Amm. ec. 
Domenico Tassoni Depui, dell* Amm. Prov. 
Massimo Olivieri Dep. 

Domenico Fappedue Deput. 

Carlo Jacopinì Deput. 

Silvano Cernitori Deput. 

Francesco Zampanì Seg. Provv. 

Vere le Reme 
Ricci Preside 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Sangiovanni li 28 Aprile i8<(9 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero^ e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale deW Assemblea Costituente dei 
9 Febbrajo anno corrente» 

\ 

Domenico Medichini Priore ' 

Giuseppe Parise anziano 

Si certificano vere le suddette firme, e qualifiche 
Vetralla 28 Aprile i 84 g 
Ran» Laparelli Cam, 

hh 2 


Digitized byGoogle 


( 62Ì ) 

REPUBBLICA ROMANA 

• Comune di Civita Castellana li 29 Aprile |849« 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero ; e di sostenere con tutte ie no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costitu- 
ente dei 9 Febbrajo anno corrente, 

’ Filippo Cicuti Gonfaloniere 
Carlo Tozzi Anziano 
Edmondo Morelli Anziano . 

Giuseppe Petrini Anz. . 

G. Franci Anz. 

Francesco Lepori Segretario Municipale 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Capodimonte li 27 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun- 
que ostile intervento straniero e di sostenere con tutte le 
nostre forze il Decreto Fondamentale' delV Assemblea Costi- 
tuente dei 9 Febbrajo anno corrente 

Il Priore 

^ 

Sebastiano Faina 

Carlo Anallatti Anziano 

Francesco Sanppolli Anziano 

Per le firme 
Marini Preside 


DIgitized byGoogle 


< 6*5 5 ' 

REPOBBLICA ROMANA 
Comune di detraila li 28 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell' Assemblea Costitu- 
ente dei 9 Febbraio anno corrente. 

La Magistratura 

Gio. Pietro Moretti ff. di Gonfaloniere 
F. Gacc.i Anziano 

• G. Màtiias Anz. 

Vincenzo Anseimi Anz. 

Si certificano vere le suddette firme, e qualifiche 
Vetralla 28 Aprile 1849 
Ben. LapareUi Cane. ^ 


REPOBBLICA ROMANA . > 

Comune di Caprarora li 29 Aprile 18+9 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qnalunijue 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell' Assemblea Costi- 
tuente dei 9. Febbraio anno corrente. 

II Priore 

Camillo Totonelli ■ . . 

Gii Anziani 
Serafino Capofondi 
Nicola Nicolai 

-Giuseppa Piermattei Anzian* 

Lnigi Stefani Anziano 

Per le firme 
Ricci Presidente 

hh 5 


Digitized by Google 



( Sa6 ) 

REPOBBLICA ROMANA 

Comune di RondgUone il i Maggio 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun- 
que ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le 
nortre forze il Decreto Fondamentale dell' Assemblea Gosti- 
taente dei 9 Febbrajo anno corrente» 

Paolo Ricciotti If. di Gonfaloniere 
Felice Alligieri Anz. 

Marco Vannucci Anz. 

Domenico Pozzi Anz. 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Graffignano li aS jiprile tSig 

Noi sottoscritti a nome di questa intera popolazione 
dichiariamo di aderire pienamente alla protesta emessa dai 
nostri Rappresentanti contro qualunque intervento stranie- 
ro , e di sostenere con tutte le nostre forze il Decreto 
Fondamentale dell' Assemblea Costituente dei 9. Febbrajo 
anno corrente. 

Dalla Residenza Comunale giorno , ed anno sudetto. 

La Magistratura Municipale 
A. Bonclli Priore 
Vincenza Gorini primo Anziano. 

Gabrielle Tardani secoudo Anziano 
Per le firme 
Kicci Preside 


Digitized by Google 



( 6t? ) , 

REPUBBLICA ROMANA * . 

Comune di Soriano li xSjdprile 1849 ’ 

Noi sottoicritti dlcbiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualnnque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con latte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale deU’Asseroblea Costitaente dei 
9 Febbraio anno corrente, I 

Per il GonLloniere assente 

Domenico Giannotti Anz. \ 

Angelo M. Curii Anz. ^ 

Domenico Corsi Segretario 

\ 

___ ( 

'■ i 

REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Soriano li ag Aprile l 849 

I 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla | 

protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qnalanque | 

ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le nost re ! 

forze il Decreto Fondamentale deir Assemblea Costituente d ei ^ 

9 Febbraio anno corrente. 

Lnigi Colacci Gonf. 

Angelo M. Filippini Anz. 


hh i 


X . 


Digitized by Google 


( 528 )' 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Orlo li 5 o Aprile 1849 

Noi iottoscritti dichiariamo di aderire pienamente 11 

eme... d.i no.tri R.ppr^smZf ”rS 1“ '* 
ostile intervento Afr»niAt*/\ a ^ ^i^slonQne 

noMre “ 

Co.li,a.nio dei j. Febbraio anno corrente 
Avvocato Francesco Barbieri Governatore 

F. Vettori Anz. ff. di Gonf. 

Ge Novelli Anz. 

Giuseppe Sacchetti Cons. ^ ' 

Gio. Tonni Cons. 

Pietro Ribaldi 

Giovanni Bedeiti Maestro di Musica 
Antonio Guarimoni 

G. Colonna ^ • > 

Domenico De-Angeli» 

Rinaldo PuCciarmati ' ' 

Alessandro Brogiotti 

Luigi Sacchetti Alunno 

Costantino Cianchi 
Francesco Sacchetti 
Domenico Mariani 
Girolamo B.ildassari 

Luigi Bianchi Cursore ^ 

Egidio Baldini 
Vincenzo Mattel 

Lenti Luigi , 

Leopoldo Lega Sost. Cane. 

Telesforo Novelli 
Carlo De-Angelis 
Antonio Milanesi 
Egidio Sacchetti Consigliere 
Antonio Nocella 

Vincenzo De-Angelis Consigliere 

Egidio Crispoldi 

Salvatore Alercnrj Consigliere 

Luigi Fabri Consigliere 

Fortunato Bellioni 

Luigi Sconocchia 

Giuseppe Palsoni 

Croce di Giuliano Baccinetti 


Digitized by Google 


Croce di Fiutò Pan^raifo 
Croce di Giuseppe TinercUi 
Giuseppe Cìniaroti 
i^éoedetto Trioni 




ftEPOBBLlCA' RÒM ANÀ 

Comune di t'iìoreffìdno li Aprile iSig 


No! sottoscrìtti dichiariamo di-' aderirò pienamente alia 
protesta emessa dai nostri Rappresentantt contro 

ostìle intervento straniero , è di ««'«"O/® 

otre forze il Decreto fondamentale dell Assemblea Costituea 


te dei 9 Febbraro andò' òoi^rente. 

Bernardino Siracusa Governatore 
Francescò Matliuccì Civico 
Vere le firme 

Mina 


repubblica romana 


Comune di Vilorchiano {iaj Aprile 18(9 


Noi sottoscritti dichiariatrtd di adccire pienamente a-la 
protesta dei nostri Rappresentanti contro qualunttue o^tle 
intervento, e di sostenere con tulle le. nostre fora» il De- 
creto fondamentale dell'Assemblea Geslitnenle deij.FebraJe 


anno corrente. - 

Bernardino Siracusa Govetfnatpre 
Francesco Bucciarellì Cattòelli^c 
Clemente Aquilanti Curiale, e Fro-Fiscale 
Vere le firme 
M, Musiie 


hit ì» 


Digitized byGoogle 


( 63o ) - 


REPOBBUCA ROMANA 

Connine di Vìtorchiano li 2, Maggio iS 49 

$ 

Noi solloscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero, e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costituente 
, dei 9 Febrajo anno corrente, 

Filippo Borani Priore Comunale 
Agapito Presuli Anziano 
Agapito Tifiani Anziano 


REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Canino li 27 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
■protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualuniiue 
ostile intervento straniero» e- di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costi— 
tuet'.le dei 9 Febbrajo anno corrente. 

Costantino De Andrei Priore Comunale 
Luigi Paoletti Anz. 

Liicantonio Miccinate Anz. 

Giuseppe Canonico Pala 
Antonio Pala 
Vincenzo Tienforte 
Giovanni Toscani 
Carmine Doti. Gacciavillani 
Giuseppe Pamani 
Francesco Mancini 

Luigi Marini •' . . 

Tordìni Giacomo 
Francesco Ferroni 
Giovanni Cipolletti 
Giovanni Ceccarelli 
Giovanni Evangelisti 
Massimiliano Costantini 
Fabiano Fontana 
Mariano Di Pietro 
Domenico Janni 


( 65i ) 


Antonio Pinoli 
Francesco Capcccia 
Paolo Cipollelii 
Gaetano Torci Ini 
Giuseppe Torilini 
Giambattista Marini 
Giuseppe Fabiani Attuario 
Domenico Puccilli 
Carlo Ovidi 
Domenico Caratelli 
Luigi Pompei 
Giuseppe Pomponj 
Francesco Marini 
Antonio Marinacci 
Gifotii Pietro 
Marcoaldi Marco 
Pietro Canco. Fabiani 
Sebastiano Giorgi 
Antonio Gasperini 
E. Ricciotti 
Giuseppe Comanclini 
Filippo Scaglioni Re 
Venanzio Donati 
Giacomo Ruvapiole 
Giovanni Volpini 
Angelo Melcorsi 
Paolo Bonaparte 
Tomasso Raschionì 
Marcello Scaglioni 
Girolamo Donati 
Domenico De Carolis 
Giuseppe Brascors 
Pietro Poggi 
Gregorio Rosati 
Giuseppe Donati 
Pietro Cipolletti 
Luigi Amadei 
Francesco Canco. Pala 
Francesco Tortolioi 
Luigi Frittelli 
Giuseppe Cocci 
Pio Catena 
Pietro Spaccar! 

Giuseppe Melazzi 
Fabrizio Brizi 



( 63 . )' 


Giuseppe Bravi 

Crespino Bravi . .. 

Domenico fonghini di Viterb» 

Carlo Conti di Giuseppe 
l’ìetro Donati 

; Secondiano Sgaviei^ 

Francesco Raschioni 
; Angelo Perfetti ^ 

Domenico Cocci 
Paolo Grotti 
Giuseppe Donnini 

Giuseppe Olsuderi ..... ^ , , 

Viste, e certificate vere le firnie tutte contenuta nel 
presente foglio in numero di sattantasette. ^ 

^ Pai Paluzio Cgmunale di Canino li *8 Aprile toss- 
ii Priore, Comuoaje 
C. De AndreT 


REPUBBLICA RÒMANÀ 

Comune iti Canino li 27 1849 

Noi sottccroce segnati dichiaria^io^ di aderire piena- 
mente alla protesta emessa dai nostri Rappresentanti con- 
tro qualunque ostile intervento straniero , e, di sostenere 

con tutte le nostre forze il Decreto Fondamentale dell As- 
semblee Co^ituente dei 9 Febbrajo gnòo corrente. 

Croce di Pietro Venturini 

Croce di Luigi Gratti 

Croce di Vincenzo Fabbiani 

Croce di Angelo Lucentini 

Croce di Francesco Tintra 

Croce di Giuliano Landi ^ > 

Croce di Domenico Vincenti 
Croce di Antonio Montagna . 

Croce di Domenico Sinóonetti 
Croce di Nazareno Romagnoli 
Croce di Biaggio Fanale 
Croce di Giovanni Giuliani 
Croce di Serafino Poopigli , 

Gio. Batt. Mancini TestinaÓQÌc 
Giuseppe Pala Testimonio 


Digitized by Google 



{ 633 ) , . .. . 

Visto per la legalità delle firme dei due testimonii ai 
crocesegna i di questo terzo appendice alla protesta ec. 

Canino 5 o. Aprile iSsg. 

; Il Priore Municipale 

C. De Andrei 


REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Canino li 28 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costituente 
dei 9 Febbraio anno corrente- 
Carlo Bonifazi 
Angelo Brizi 
Abramo Spagnoletto 
Pietro Tocchelli 
Giuseppe Datnde 
Liberato Fabiani 
Flavio Donati 
Andrea Fontana 
Lorenzo Galeotti 
Francesco Martellacci ^ 

Biagio Soanini ‘ 

Gaetano Marini 
Carlo Conti di Filippo 
Niccola Francesebetti 
Giuseppe Bachini 
Antonio Donati 
G. B.itt. Conti 

Visto per la legalità di numero 17 firme in appendice ad 
altro loglio già inviato. 

Canino 3 o Aprile 1849* 

' Il Priore Comunale 

C. De Andrei 


Digitized by Google 



( 634 ) 

repubblica romana 

Comune di Canino li gg jprih ,8^g 

tro qualunque osHle intervento con- 

con tutte le nostr. for^n[ DecretrS” ’ ® 


Croce di 
Croce di 
Croce di 
Croce di 
Croce di 
Croce di 
Croce di 
Croce di 


Pio Farolfì 
Francesco Pefri 
Clementi Bellomo 
Gaetano Ginsli 
Antonio D’ Andrei 
aante Amadei 
Cuigi Fanali 
Ciò. Maria Angelini 


Canino 3o Aprile j84*^, " 

Jl Priore Municrpafo 
C. De Andrei 


Digilized by Google 



( 635 ) 

REPUBBLICA ROMANA 


Comune di Soriano li Aprile J 8:{9. 


Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente al* 
la protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qua<» 
luncjoe ostile intervento straniero, e di sosiencre con tutte 
le iiosire forze il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Co-^ 
•tituet.te dei 9 Febbraio anno corren*"'. 


G. Pistoni Gov. 

Agg. Martelli 

Francesco Pennazza Sostituto CanO> 

Raimondo C.dcagna Alunno 

Cesare Cesari ni Cursore 

Antonio Gnidi Cursore 

giovanili Troili 

Ant, Spazza Difensor de* Rei 

Giacinto Capaccini 

Car'o Zolla Caporale 

Catalani Carlo 

Niccola Calcagna 

Domenico Pannnzì 

Cirnillo Bertolini 

Francesco Gregorj 

Antonio Angelini 

Giuseppe Vecchìarelli 

Giuseppe Zolla 

Luigi Parsi 

Niccola Pampana 

Carlo Boari Sacerdote Agostiniano 

Luigi Vincenzotti 

Zaccharia Pallotta 

Achille Razzini 

Arcangelo Casodi 

Niccola Garosi 

Nicola Protìlì 

Dottor Pietro Bellingami 

Carlo Urbani 

Francesco Angelo Moroni 
Giovan Battista Parsi 
Pietro Vecchiarelli 
Giovanni Pampana 
Giovtnai David . 


Digitized byGoogle 


( 636 ) 

Cecchini Angelo 
Andrea Curti 
Antonino Moroni 
Lodovico Sommaini 
Angelo Ronelli 
Giuseppe Siena 
Francesco Petti 
Domenico Urbani 
Giuseppe Centosante 
Giuseppe Paodemiglio 
Fr. Agostino Quanaroli 
Pietro Gregorj ^ 

Bazzicheili Civico Sargente 
Salvatore Delfrate 
Io Leopoldo Ricagolì 
Luigi Malaguti 
Giuseppe Ciarloni 
Giacomo Gasparini 
Angelo Panuzi 
Giuliano Urbani 
Tommaso Nardaggi .Civico 
Giovanm Decarolis 
Angelo Ubalducci 
Domenico Reali 
Domenico Centofanti 
Giuseppe Trasarti 
Giuseppe Lioni 
Alessandro Corsi reduce dalle campagne Vcnet"" 
Giuseppe Battistoni 
Nicola Benigni 
Gaetano Pandinaighi 
Nicola Zolla 
Nicola Troili 
Domenico Fontana 
Domenico Battistoni 
Giovanni Moroni 
Giovanni Sommaini 
Giorgio Scarpone 
Ponti Filippo Gap. 

Vincenzo Decarolis 
Paolo Zolla figlio di Santi 
Vecchiarelli Angelo 
Jurenio Borghesi 
Mei Fortunato 
Federici Gio: Antonio 


( 637 ) 


Nobili Eutizio 
Bonaventura Torsi 
Giuseppe .Benigni 
Niccola Trasarti 
Euliano Galisti 
Giuseppe Battistoni 
Francesco Galisti . 

Antonio Sinibaldi 

Paolo Pampana Alunno 

Giovanni Filisatti decima Carabinieri 

Francesco Galisti 

Benedetto Micci 

Petronio Grali 

Galfìzio Porri 

Croce di Vindenzo Zoco illetterato 

Croce di Giovanni Fornaciari illetterato 

Carlo Zolla di Commissione 

Antonio Quintarelli illetterato 

Domenico Fanano illetterato 

Alessandro Corsi di Commissione 

Giovanni Parsi 

Giacomo Garosi 

Giuseppe Fanti 

Pasquale Casciani 

Giuseppe Mastro Muratore 

Sante Mastrorosato 

Forlivesi Giusepper 

Luigi Fanti C. Zolla di Commissione 

Innocenzo Gragnardo 

Luigi Micci 

Francesco Fanta 

Angelo Grugnardi 

Enrico Morroni 

Antonio Zolla 

Gregorio Sperandio^ 

Vincenzo Lepri 
Antonio Cìucciarelli 
Francesco DeCarolis 
Berti Francesco 
Francesco Calcagna 
Luigi Federici 
Domenico Grazi 
Pietro Bazzicbelli 
Alesandro Mor 

Giuseppe Cherubini illetterato 


( 658 ) 

Alessandro Corsi di Commistione 
Croce Niccola illetterato 
Luigi Parsi illetterato 
Luigi Chiodo illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Girolamo Corti 
Francesco Ameriti 
Giuseppe Caponero 
Gio: Proietti 

Corsi Alessandro di Commissione 
Giovanni Corsi 
Angelo Perugini 
Antonio Perugini 
Carlo Zalla di Commissione 
Domenico Pdllolta Chierico 
Beniamino Bonelli Chierico 
Giuseppe Felici Caporale 
Luigi Valeri 
Giovanni Dbalducci 
Giuseppe Sommaini 
Domenico Ferrnzi 
Domenico Savi illetterata 
Domenica Rempicci 
Luigi Ercole illetterato 
Bartolomeo Caponero illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Campita Domenico illetterato 
Eutizio Civattini 
Carlo Zolla di Commissione 
Giuseppe Rica 

Giuseppe Vincenzoni illetterato 
Salvatore Belfanti di Commistione 
Valeri Pacifico 
Famiano Urbani illetterato 
Valeri di Commissione 
Scarpone Bernardino Illetterato 
Giuseppe Savi Illetterato 
?licoIa Chiari Illetterato 
Arcangelo Lnniddi Illetterato 
Sante Centofanne Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Barlolomeo Ciucciarelli Illetterato 
Pietro Savi Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Spazza Bernardino 



Mei Angelo Andrea 
Domenico Neri a Giuseppe Projetti 
Felice Storre Illetterato 
Paolo Centofanti Illetterato ■ 

Carlo Zolla di Commisaione 
Laìgi Palletta 

Francesco Clementi Illetterato 
Domenico Scarpone Illetterato 
Carlo Zolla di Commissions 
Angelo Morbelli Illetterato 
Domenico Romagnoli 
Nicola Luzzctti Illetterato 
Giuseppe Liberati Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Gio: Battista Fiorentini Illetterato 
Antonio Zolla di Commissions 
Domenico Federici 
Angelo Ranucci 
Francesco Reali 
Domenico Giaunotti 
Nicola Fanti 
Giulio Tazza 
Vincenzo Lanti Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Luigi Casciani 
Giuseppe Luzzetti Illetterato 
Francesco Profi// ///etterato 
Entizio Marini il/eft erato 
Benedetto Projetti Illetterato 
G|o: Angelo Qiiintarelli Illetterato 
Giuseppe Battistoni di Commissioae 
Domenico Grazi 
Luigi Proietti Illetterato 
Domenico Petti Illetterato 
Giuseppe Battistoni di commissions 
Nicola Lippici 

Antonio Pesciaroli Illetterato 
Eutizio Parsi Illetterato 
Giuseppe Battistoni di Commissione 
Giuseppe Federici 
Nicola Canziani 
Eug. Pardirniglio 
Vincenzo Santini Illetterato 
Carlo Zolla di Commissions 
Entizio Petti Illetterato 


Digitized by Google 



( 640 ) 

Carlo Zolla di Commissione 
Raniero Bedini 
Eniizio Fante 
Nicola Riva Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Eulizio Reali Illetterato 
Costantino Casodi Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 
Raffaele Pampana 
Luigi Nard lizzi 
Vincenzo Pandoraiglio 
Pietro Zoniddi 

Vincenzo Pandimiglio di Comm* did. Luniddi 
Gio: Giarclli Illetterato 
Carlo Zolla di Comm, 

Gio: Pandimiglio Illetterato 
Giuseppe Leonzi Illetterato 
Carlo Zolla di Comm. 

Angelo Leonzi 
Tarenio Arriga Illetterato 
Benedetto Patenza Illetterato 
Carlo Zolla diComm. 

Gio: Maria Croce Illetterato 
Lorenzo Parsi Illetterato 
Carlo Zolla di Commissione 


Dìgitized by Google 



( 6ii ) 

RiìPUBBUCA ROMAJXA 
COMUNE DI SORIANO 
Li s8 Aprile 1849 

Noi lottoscritli dichiariamo di aderire pienamente alf* 
protetta emessa dai nottri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le no- 
stre forze il Decreto Fondamentale deH’Astemblea Costituen- 
te dei ^ Febbrajo anno corrente, 

Francesco Micci 
Maria Capaccini 
Filomena Pallotta 
Luigi Mencarelli 
Entizio Pallotta 
Alberto Toparsi 
Maria Sabatini 
Croi^ce di Adelaide Pallotta 
Giuseppe Neri 
Arcangelo Monti Illetterato 
Fece scrivere di commissione 
Maria Antonia Vecchiarelli 
Filomena Vecchiarelli 
Cecilia Sperandio 
Vincenzo Pallotta 
Crocce di Pacifico Canale 
Eutrezio Fanti Lorenzo 
Giovanni Piccioni 
Pietro Fantini 
Antonio Zolla di comm^ 

Lavinia Sillani Pistoni 
Maddalena Fontana 
Cecilia Fontana 
Francesca Fontana 
Chiara Fontana Puzzini 
Rosa Corsi 

Rosa Franchi ' 

Maria Franchi 
Giacomo Franchi 

Giacinto Garosi tcrisii di Commissione 
Rosa Paqunzi 

II 


Digitìzed by Google 



f 6^0 , . 

Cfoijcce di Francesca Paoiocoi 
Cro)3^ce di Rosa Mei . 
Francesco CentofoDti 
Adelaide Corsi 
Marianna Corsi 
Annamaria Sentori 
Marianna Pallotta 
Giuliano Borghese 
Carlo Zolla di Comne 
Tarenio Storre Illetterato 
Vincenzo Gregori Illetterato 
Carlo Zolla di comra. 

Alessandro Borghese 
Per Madalena Moroni Ant. Marito 
Ferdiqando Olii 
Giuseppe Catalucci Illet, 

Carlo Zolla di comm 
Lorenzo Fante 
Guido Ubaldo Cbalducci 
Giovanni Gaspari Illet. 

Carlo Zolla di comm. 

Eutiziangelo Berti Illet, 

Carlo Zolla di comm, 

Fabbio MinicacQi 
Rosa Zolla 
Domenico Nuli 
Giuseppe Zolla di Com, 

Giuseppe Garosi 
Giuseppe Zolla di Com, 

Giacinta Zolla 
Rosalo Mestro Rosato 
Antonio Projelti Illet. 

Giuseppe Zolla di comm. 

Gaetanu Gurti Ilict. 

Alessandro Corsi di comm. 

Per Vincenzo Fanti Antonio 
Moroni di comm, • - 

Angela Manzotti 
Cro)^ce di Giuseppe Crescentini 
Cro)^ce di Orazio Graziella 
Crocce di Daniele Zolla 
Cro^^ce di Marianna Zolla 
Carlo Zolla di comm. 



( 64 ?) 

REPUBBLICA ROMANA 

Comune di Soriano li 28 Aprile 1849 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla prò* 
testa emessa dai nostri Rappresentanti contro qualun- 
que ostile intervento straniero , e di sostenere con tut- 
te le nostre forze il Decreto Fondamentale dell* Assem- 
blea Costituente dei 9 Febbraio anno corrente. 

Francesco Angelo Corsi 
Domenico Marini 
Giovanni Bonelli 
Crispino B.onelli 
Domenico Giannetti 
Alessandro Patrizi 
Domenico Regno III. 

Domenico Savi 111 . 

Giovanni Delfrate Illetterato 
Carlo Zolla di Comoe. 

Benedetto Fanunzi 
Paolo Gragnardi III, 

Carlo inolia di Comne. 

Quirino Cialcetti 

Niccola Fabbì 

Niccola Fontana 

Niccola Corsi 

Giuseppe Mei 

Paolo Corsi 

Giovanni Canviniglio 

Francesco Antonio Casodi 

Io Antonio Lenzi 

Crocce di Antonio Panacci III. 

Cro}j^ce di Antonio Siena 111 . 

Crocce di Francesco Luniddi 
Carlo Zolla di Comne. 

Crocce di Francesco Casciani 
Crojj^ce di Niccola Tamburini 
Crocce di Pasquale Proietto 
Croljce di Niccola Calisti 
Cro)j^ce di Vincenzo Lodoi 
Croli^ce di Salvatore Santini 
Cro)j^ce di Lorenzo Spaziani 
Croi^ice di Ottavio Taddei 
Croce di Domenico Micci 

i i 2 


Digitized by Google 



(6U ) 

Croce di Lorenzo Virgili 
Croce di Kiccola Loniddi 
Carlo Zolla di Cerane. 

Paolo Pampana Testimonio 
Croce di Giacomo Clarioni 
Croce di Giovanni Paziani 
Croce di Nazzareno Liberati 
Paolo Pampana di Com. 
Giovanni Gilicetto Testimonio 
Croce di Giuseppe Risoluti 
Croce di Serafino Nicolani 
Paolo Pampana di Com. 
Giovanni Micci 
Croce di Eutizio Calisti 
Croce di Domenico Clementi 
Paolo Pampana di Coin. 

Croce di Laono Sabatini 
Croce di Antonio Deangclis 
Croce di Luigi Franchi 
Croce di Angelo Parsi 
Croce di Giovanni Torroni 
Croce di Famiaoo Urbani 
Alessandro Corsi test. 

Paolo Pampana di Com. 

Croce di Vincenzo 'Burralti 
Croce di Fortunato Borghesi 
Croce di Orazio Olivieri 
Croce di Angelo Giondella 
Croce di Domenico Fuggi 
Croce di Vitaliano Moretti 
Croce di Vincenzo Sabatini 
Croce di Eutizio Fiorentini 
Croce di Gianni Berti 
Croce di Eutizio Quintarelli 
Croce di Giuseppe Borghese 
Croce di Benvenuto Corvi 
Croce di Francesco Casodi 
Giovanni Filitatti testimonio 
Carlo Zolla di Comne. 

Croce di Giuseppe Santini 
Croce di Agostino Floriani 
Croce di Giovanni D’ Andrea 
Croce di Niccola Borghese 
Croce di Giovanni Mosciatiì 
Croce di Agostino Chiodo 
Giacinto Garosi testimonio 



( ^45 )' 

Carlo Zolla di Comne 

Croce di Francesco PÌTeri 

Croce di Eutizio Proietti 

Croce di Filippo Mattei 

Croce di Clemente Battistoni 

Luigi SiniLaldi 

Domenico Pampana 

Onofi'io Reali 

Carlo Sommaini 

Eutizio Croce 

Croce di Tizio Taddei 

Giovanni Petti 

Croce di Giovanni Buttinelli 

Pietro Ranucci 

Salvatore Mezzalancia di Fuligno 
Antonio Siena ® 

Mario Curii 
Alaria Mezzalancia 
Alessandro Menzzalancia Figlio 
Croce di Luigi Barratti 
Croce di Giovanni Battistoni 
Croce di Giuseppe Barratti 
Croce di Antonio Scarpone 
Croce di Giuseppe Medori 
Croce di Giuseppe Parzi 
Croce di Niccola Curti 
Croce di Agostino Gioanoangelo 
Carlo Zolla di Come ^ 
Luigi Torre 

Croce di Curai Francesco 
Croce di Coaccioli Pietro 
Croce di Luigi Arriga 
Croce di Gregori Bernardino 
Croce di Francesco Marini 
Carlo Zolla di Compe 
A, Fiscacci 

Croce di Matteo Porta 
Croce di Tommaso Pistoiese 
Croce di Giuseppe Pistoiese 
Croce di Antonio Pistoiese 
Croce di Filippo Ciancarone 
Domenica Baldoni inGibisalti 
Vincenzo Parsi 
Croce di Agostino Valentini 
Croce di Egidjo Perazza 
Croce di Giuseppe Perazza 


iiS 


Digitized by Google 



(€i6 ) ' 

Croce di Paolo Zolla 
Carlo Zolla di Comn. 
piccola Grazi 
Croce di Stefano Trcsarti 
Croce di Giuseppe Projetto 
Croce di Giacomo Fcrrueii 
Croce di Giovanni Arrida 
Croce di Kiccola Ferri 
Croce di Francesco Pannnai ^ 
Croce di Vincenzo Saiitocchi# 
Croce di Luigi Foroaciari 
Carlo Zolla di Comna» 

• Olimpia Pampana ' 

Luigi Montenerg 
Croce di Luigi Ar«*i 
Croce di Bernardino Delfrate 

• Croce di Giovanni Urbani 
Carlo Zolla di Comn* 

Io Niccola Fanapo 
Croce di Luigi Siena 
Croce di Vincenzo Pannacci 
Croce di Giuseppe Clarioni 
Carlo Zolla di Commissione. 

' Francesco Panzimjgiio 
Croce di Giuseppe Parsi 
Croce di Francesco Coaccioli 
Croce di Paolo Puleggi 
Croce di Angelo Maria Gentili 
Croce di Andrea Politello 
Croce di Giovanni Pelliccia 
Lorenao Fontaga 



REPUBBLICA ROMANA 
Comune di Soriano li 28 Aprile. iS'vg 

Noi sottoscritti dichiariamo di aderire pienamente alla 
protesta emessa dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile intervento straniero , e di sostenere con tutte le nostre 
forze il Decreto Fondamentale dell* Assemblea Costituente 
d ei 9 Febbraio anno corrente. 

Bartolomeo Ciacciarelli 
Giuseppe Ubalducci 
Tommaso Tazza 
Maddalena Tazza 
Eutizio Fanti illetterato 
Gregorio Spcrandiodi Com« 

Luigi Angelini 
Tommaso David 
Girolanao Fracasi Erevio 
Rocco Neri 

Croce di Orazio Panunzi illeL 
Carlo Zolla di Comne 
Croce di Niccola Gregorì 
Croce di Luigi Liberati 
Croce di Antonio Trasanti 
Croce di Benedetto Proietti 
Croce di Giuseppé Scarpone 
Croce di Clemènte Salta la macchiik 
Croce di Girolamo, Pace 
Croce di Felice Panfìli 
Croce di Niccola Battinelli 
Croce di Domenico Morbelli 
Croce di Pietro Paolo Inchiota 
Croce di Eutizio Mìcci di Ber^ 

Paolo Pampana Tul. ' 

Antonio Zolli di Com.. 

Giuseppe Berti 
Croce di Pietro Siena 
Croce di Filippo Crescentini; 

Croce dì Turenio Ferri 
Croce di Marco Gregori. 

Alessandro Corsi di com^ ai sud. fìrmati 

Croce di Eutìziangelo Persi 

Croce di Angelo Febbi 

Croce di Carlo Arriga 

Alessandro Corsi di comni; 


* * i 


( 648 ) 

Camillo di Bertellini 
Croce di Giuseppe Arrig» 
Pietro Mene 
Antonio Grispigni 
Paolo Pallotta 
Croce di Gioseppa Persi 
Croce di Angelo Parsi 
Croce di Stefano Castellani 
Croce di Nicola Caponero 
Croce di Vincenzo Caponero 
Alessandro Corsi Test. 

Carlo Zolla di Conara. 
Domenico Mannini 
Benedetto CeccarelU 
Caravalle Luca ^ 

Bernardino Lupimonti 
Emidio Campana 
Luigi Pangnazj _ 

Giuseppe Bracci 
prospero Campana 
Ferminio Minella 
Pietro Paolo CeccarelU 
Luca Carava di Comm. 
Luca Caravallo di ComnSt 
Pietro Paolo Lelli 
Biagio Annesi 
Innocenzo Poleggi 
De Pretis Pastore 
Vincenzo Calvanelli 
Biagio Rasselli 
Mariano Stefani 
Biagio Grasselli di Com^ 
Costanzo Gap. Paesani 
Francesco Rita 
Ferdinando Piccioni 
Francesco Grugnardi 
Orsino Spreca 
Croce di Egidio Calisti^ 
Croce di Gio: Batt. Projetti 
Croce di Domenico Projetti 
Croce di Pietro Paleggi 
Carlo Zolla di Comm, 
Rinaldo PignanoUi 



C«<9) 

AL POPOLO ROMANO 
IL CIP.COLO POPOLARE DI VITERBO 


Tn fosti , tu sei il grandissimo dei popoli ; e tale ti 
dirà r istoria indipendentemente dall’ evento ; imperocché 
ninno negherà che grandissimo fa Catone altimo dei Re- 
pubblicani ; e minimo Cesare primo dei tiranni. Ma per la 
fede , che noi ti professammo , teniam certo che in te sta 
il germe ed il centro della emancipazione d* Italia ; qain- 
dì alle armi ed agli armati « che t' inviammo, noi siam 
presti ad aggiungere ogni genere di ajuti , e di sacrifiz). * 
Cosi la santa causa trionfi. 

E poi che siamo giunti a quella vera felicità di tempi 
in cui si può sentire come si vuole , e dire quel che si 
sente , liberamente ti diremo che l’euergi.i delle tue forze 
la devi tutta alla eliminazione di ogni natura di principato, 
e che se il grido sorto dalle tue barricate cui altamente noi 
ripetiamo, non pià regno y non più triregno sivh difeso al- 
l’ultimo sangue ; la diplomazia non ha tranelli per noi , e 
la Repubblica è salva. 

VIVA LA REPUBBLICA ROMANA 
FUORI LO STRANIERO 

Dalla Residenza li 3 . Maggio 1849. 

Pel Tribuno Assente 
DOMENICO REZZESI Cons. 

Scipione Massarelli ) 

Carlo Bardi ) 

Vincenzo Oddi ) 

Carlo Borghesi ) Consiglieri 

Vincenzo Ludovisi ) 

Pietro Mascini ) 

Francesco Frelz 

II Segretario prov. 

Domenico Fornari 


I I 5 


Digitized by Google 



( 65o ) 

CIRCOLO popolare DI VITERBO 


]\oi protestiamo altamente contro ogni intervento di 
truppa straniera , che tentasse distruggere le libere istitu- 
zioni della nosti;a gloriosa Repubblica. Giuriamo inoltre di 
.difenderla fino airuUima goccia di .sangue. 

Il Tribuno 

,G. Pagliacci 

1 Consiglieri 

Francesco Freto 
« Clito Sabatini 

Vincenzo Oddi 
Mazzarelli Scipione 
Vincenzo Ludovisì 
Carlo Bardi 
Carlo Borghesi 
Pietro Mascini 
Domenico Rezzesi 

Il Segretario 
Filippo Angeli 

I 

' t 

/ 


DIgitized by Google 


( 6ÓI ) 

repubblica romana 

Viterbo li 26 jlprile 1849 

Woj protestiamo altamente innanzi a Dio , ed al Popolo 
(Contro ogni intervento qualunque ostile , e giuriamo di vole- 
re l’attuale Governo, la gloriosa nostra Repubblica , per la qua- 
le combatteremo a tutta oltranza; il noi abbiamo fermo di 
resisterete rendiamo mallevadrice la Francia di tutte le con- 
seguenze. 

Prospero M^Selli Aiutante nel Batt. Naz. 

Fabio Girini legale 

Crispino Marcucci Seg. della Comne Prov. 
Domenico Ruggeri 
Giuseppe Sanli 
Francesco Furia 

Francesco MassaroIIi ' 

P. Felici Papini 
Vincenzo Sonnucelli 
LnigiCinquini 
MuccorelliGio. Batta milite 
Naz. Tomaso Calarco 
Francesco Minervini 
Santoioni Sansone 
Giuseppe Ravicini 
Giulio di Gentili 
Francesco Segala 
Ulisse Santi 
Cesare Bcrfarclli 
Mancinelli Giacomo 
Luigi Ta orchini 
Stefano Costantini 
Valentino Bovani ^ 

Gregaria Orlandini 
Vincenzo Bondoni 
Croce Antonio 
Spinedi Giuseppe 
Dicchiarelli Vincenzo 
Oliva Domenico 
Carlo Caprini 
Vincenzo Ludo vi si 

P. Balducci Giud. del Trib. . . 

Luigi Ferrajoli 
Gaspare Tamberlich 
Paolo Canonico Pagliacci 


Digitized by Google 



( 6&a ) 

Giaieppe Cecchini 
Luigi Pangraz) 

G. Filetti 
Papini Luigi 
Tomassucci Giuseppe 
Carlo Bertarelli 
Francesco Salili 
RalFaelle Prada 
Filippo Tondi 
Giuseppe Ragonesi 
Andrea Pizzini 
Luigi Saveni 
Lorenzo Granati , e figli 
Frane. Canavari 
Croce Camillo 
Costa Gio. 

Fontanarosa Giacomo 
Francesco Desanti 
Costa Alessandro 
Gio. Fransero 
Agostino Neri 
Carlo Bardi Prore Naz. 
Francesco Capocci 
Leonangelo Bucciglioni 
Vincenzo Fontani 
Giuseppe Trastrulli 
Gio. Granfi 
Pio Muti -Bussi 
Gio. Garante 
Alessandro Especo 
Pietro Fratellini 
Luigi Minervini 
Lorenzo Bardi 
Antonio Pranzerò 
Bernardino Marcucci 
Valentino Centofanti 
Angusto Della Vida 
Lorenza Bianchi 
Stefano Finsi 
Vincenzo Marini 
Luigi Toni 
Francesco Costantini 
Vincenzo Grispigni 
Giuseppe Minervini 
Luigi Federici 
Francesco Simeoni 



( 653 ) 


Griscio Grisci 
Giuseppe Fortini 
Vincenzo Pizzini 
piccola Latilla 
Crispino Moretti 
Schiavoni Giuseppa 
Luigi Pranzerò 

C. Falzacappa 

D. Pietro Serpieri 
Giuseppe Galiani 
Gaetano Aloisi Cane. Soit, 

S* Ciofi 

Cleto Pedrelli 
Baviera Cap. 

Boni Erasmo 
Saverj Alessandro 
Cesare Molajoni 
Giuseppe Nari 
Luigi Barbacci 
Luigi Bianchi 
Antonio Rossi 
Francesco Field 
Francesco Papini 
Cesare Oini 

Gaetano Serafini RepuMicano 
Fortunato Gaucci 
Bartolomeo Cinquini Imp. 

Emidio Radicchi 

Alessandro Bencivenga Seg. Gnle Repub. 

Luigi Tancioni Republicano 

Gaetano Ricciardi Republicano 

Angelo Marcucci 

Francesco Saveri 

FrancescoTaheioni 

Niccola Pieruzzi 

Lodovico Foglietta 

Zamponari Asses. legale 

Gaetano Cantoni 

Gio. Guidobaldi 

D. Fortunato Fanelli Sacerdoto 

Francesco Cola 

Domenico Mecocci 

Francesco Federici 

Alessandro Nottolini 

Crispino Grippini 

Francesco Ferrari 


) 

) 

) 

) 

) 

) 

) 

) 


rs 


0 > 

u 




CJ 


M 


Digitized by Google 



(6^4) 

Gio. Batta Barbucoi 
Galjriele Carneyalini 
Faolucci Luigi 
Tommaao Inciampicacigli 
Giuseppe Maracci Curiale 
Nicola Avv.Gimtini 
Filippo Rampicci 
Fnraboschi Vincenao 
Francesco Lucchetti 
Braconcini Luciano 
Antonio Groisi 
Acchille Bendia 
I.uigi Cola 
Pietro Lnciardini 
Filippo Renai 
Francesco Rusca 
Raffaele Proietti di Niccola 
Luigi Borgassi Argucci 
Angelo Pescitelli 

Ignazio Frontini Canc.delP Assessorato 

Vincenzo Petruqci Scrittore dell’ Assessorati) 

Secondino Garzonatti 

Carlo Bracci 

Francesco Cappettj 

C. Maria Viterulli Sost, 

Giulio Bianconi 
G. Marze! ti 
Pjetro Orlatidini 
Antonio Fortini 
Vincenzo Grazini 
Domenico Peroni 
Sante Bencini 

Ercole Brqnellj • 

^jCti Carli) ' 


Digitized by Google 



REPUBBUCA ROMAWA 
Titcrbo Aprile iS4^ 

Ifoi protestiamo altamente innanzi • Dio» ed al Popo- 
lo contro ogni intervento qualunque « e giuriamo di volere 
l’attuale Governo la gloriosa nostra Repubblica* per la qua- 
le combatteremo a tutta possanza. Si, noi abbiamo fermo 
di resistere contro le armi francesi e rendiamo mallevadri^ 
ca la Francia di tutte le conseguenaat 
Paolo Oddi 
Luigi Tini 
Antonio Moscioni 
Flaviano Polidori 
Gio. Masntalli 
Jannuccelli Fedele 
Giulio Piattarucia 
Giacci Domenico 
Girolamo Donati 
Vincenzo Beretta 
Paolo Neri 
Nicola Giansanti 
Luigi Bazzicbeili 
Nicodemo Cecchini 
Luigi Rapinesi 
Torquati Domenico 
Vincenzo Federici 
Giovanni Bambacioni 
Eugenio Ciarelli 
Valentino Romanelli 
Francesco della Morta 
Pietro Neri 
Ermenegildo Frontini 
Paolo Signorini 
Silvestro Tornioli 
Gio. Finanai 
N. Pentita 
Dall’Agata 
G. Sereua 
D. Molini 
Mesti Alessandro 
Pietro Rossi 
Agostino Piacentini 
Domenico Bizzarri 
Pieri Pietro 
Paragini Leopoldo 


Digitized by Google 



' ( 656 

Domenico Bordoni 
Giovanni Bizarri 
Fedele Ginstini 
Francesco Colane» 
Francesco Bordoni 
Giovanni Acciaresì 
Vincenzo Smeraldi 
Pietro Quatrini 
Giuseppe Giovannini 
Paratri Pietro 
Erasmo PeUinetta 
Giovanni Rutili sac. 
Giuseppe Blasi 
Guido Giovannini Sac# 
Vincenzo Sabatini 
Vincenzo Giacci 
M. Angelo Filipponi 
Giuseppe Polidori 
Tommaso Bruscagli 
Tobia Rastelli 
riicola Federici 
Emidio Poppi 
P. Petroselti 
Ferdinando Ricciardi 
Giacomo Materni 
Mattia Orioli 
Giacomo Agnezatti 
Antonio Spinedi 
Beliucci Nicola 
Selmoni Carl’Anlonio 
Bonanni Giovanni 
Magalli Giuliano 
Luigi Meloni 
Luigi Ribeca 
Angelo Ancenti 
Crispino Mazzetti 
Policarpo Migliorati 
Domenico Gorelti 
Lnigi Federici 
Pietro Piattarneia 
Filippo Serpieri 
Antonio Foglietta 
Arcangeli Francesco 
Carlo Borgassi 
FrancescoBuzzichelli 
Vincenao Saveij 



( 657 ) 

Nicola Marcacci 
Domenico Mencarini 
Massanelli Scipione 
Antonio Biaggi 
Gaetano Spadini 

Alessandro Polidori Capitano della Guardia Nazionale 
Alessandro De Paolis. 

Cuore Costa 
Pietro P. Muzzi 
Angelo Peroni 
Sante Creonte Patri nj 
Domenico Rozzari 
Tommaso Coccio 
Luigi Vanni 
Francesco Rispoli 
Luigi Petrini ' 

Francesco Baccherro 
D. Patrizi 
Luigi Contucci 
Luigi Mencaldi 
G. B. Camini 
Felice Battaglia 


REPUBBLICA ROMANA 
Viterbo lì a6 Aprile 1849 

t 

Noi protestiamo altamente innanzi a Dio, ed al Popo- 
lo contro ogni intervento qualunque, e giuriamo di vole- 
re l’ attuale Governo , la gloriosa nostra Repubblica , per 
la quale combatteremo a tutta possanza; Si noi abbiamo fer- 
mo di resistere, e rendiamo malie vadrice la Francia di tut- 
te le conseguenze ec. 

Domenico Fornari Sac. 

Pietro Costa 
Gio. Batt. Bianconi 
Pasquale Bocci 
Pietro Sabbatini 
Fortunato Baragatti 
Crispino Perugini 
Biagio Piacentini 
Francesco Cavarischi 
Alessandro Tosi 
Giovanni Santini 



( 658 

Fortunato Bracencioi 
Giuseppe Tassella 
Alessandro Capotondi 
Filippo Saveri 
Antonio Cuccodoro 
Giuseppe Patrizi 
IVazareno Smeraldi 
Domenico Palara 
Nicola Liguori 
Antonio Ragonesi 
Luigi Smeraldi 
Domenico Smeraldi 
Domenico Maggi 
Crispino Trojani 
Bart. Orioli 
Settimio iXeri 
Fanelli Francesco 
Proietti Pietro 
Tesi Francesco 
Everardo Bruscagli 
Pietro Bevilaccjua 
Francesco Balestra 
Vincenzo Ansuini 
Luigi Mercanti 
Vincenzo Pieri 
Giuseppe Masini 
Filippo Ferucci 
Laonardo Pizzini 
Salvatore D’ Alessandr 
Luigi Filippo Saveri 
Camillo Tosoni 
Francesco Tosoni 
Pietro Acciaresi 
Pietro Tabarrini 
Bartolomeo Papini 
Paolo Perugini 
Paolo Marcucci 
Giacomo Sìnori 
Giuseppe Giace! 
Vincenzo Bianchi 
Francesco Patera 
Filippo Patara 
Pietro Luigi Patara 
Carlo Borghesi 
Giuseppe Sorrini 



Romualdo Cleri 
Alessandro iVotari 
Luigi Giacci 
Marcello Fiorucci , 
Angelo Rossi 
Ruggiero Massarelli 
Lazzaro Rosi 
Giacomo Selmoni 
Raffaele Sermarini 
Ladi Cesare 
Giovanni Pittiroisi 
Barnaba Mastrautonì 
Gio. Magrini 
Già. Calanca 
Giustini Luigi 
Ferdinando FongoU 
Fedele Linai 
Pietro Sarbini 
Bartolomeo Olita 
Filippo Garinei 
Pietro Garinei 
Massimiliano Mora 
Federigo Tornassi 
Giuseppe Serfìlippi 
Gius. Laparclli , 
Lorenzo Fonteccdro 
Gregorio Antinori 
Antonio Antinori 
Antonio Rossi 
Antonio Moretti 
R. Monarchi 
Antonio Donati 
Comparozzi Napoleone 
Tommasso Tornassi 
Casanova Ernesto 
Giovanni 'Ferrioli 
Domenico Pezzini 
Macario Spioedi 
Luigi Soinedi 
Bartolomeo Borghesi 
Alessandro Mazzi 
Luigi Cecchini 
Mariano Mozzi 
0. Cartelli 
C. Carletti 
Calano Gerardo 



( 66o ) 


5«veri Nicola ^ 

Stanislao Primi 
Saverio Rempiccl 
Francesco Schinardi 
G. Pozzicbilji 
Antonio Pati 
Venanzio Caporioni 
Giuseppe Dotti Garosi 
Bernardino Borghesi 
Michele Parri 
Filippo Troiani 
Salvatore Tannqnccllj 
De Ricci Stefano 
Augusto Della Vid» 

Giovanni Bordes 
Eugenio Rufini romano 
Spinelli Vincenzo 
Gio. Batt. Cardosi 

Gio.Batt.Foscolo di Venezia per me e 
famiglia 
Moladini 
Giuseppe Tulli 
Fietro Costantini 
Cesare Neri 
Bartolomeo Bonanni 
Francesco Tosi 
Vincenzo Balestra 
Èuigi Grani 
Gaetano Primi 
Nardini Eliseo 
Salvatore Prosperi 
Albino Bianconi 
Benedetto Tosi 
pietre yincenzini 


Digitized by Google 



(66i ) 

V ASSOCIAZIONE CASTRENSE 
AI SOLDATI FRANCESI 
SBARCATI IN CIVITAVECCHIA 
CONTRO LA REPUBBLICA ROMANA 

FRANCAIS i 

Il fòt DII temps Idriqde toD» lea fyrans p^unls Voold- 
pent imposer à tos diicètrei le gOuvernement monarchi- 
que, que la France se lePa cordme un seul homme poui* 
se défendre contre lea envahisaeurs, et elle mit tant de zèlo 
à reitiplir cette tàche générease qu'elle eùt la gioire d’abat- 
tre aea enneniia^ éerivant ainsi la plus belle page de lod 
histofre. , 

Sefa-t-il VraJ que maintenànt la gderrè noda loitde- 
ciarde par ce noble peuple francala ad moment méme que 
nous Imiiona aon ezeraple ? Bien que lea apparences soient 
contre veda, et qde notre tefrifoire ddjà viole atfeste de 
rhostilité de voa intentions^ nona ne podvona nous faire 
à l’idéei de Voda voir grossir , od fopmer vous seula , lea 
ranga de noa endemia ; voiia aoldats d*une république issue 
corame la nòire dn aein d’une revolution populaire ! 

Dana cet eapolr qui ne peut étre trompeur nods VOdé 
tendons une maio amie, et notre voix a’élèvc pour voua 
convier à la défendre d’dne canae qui nona est Coramunej 
la cause de la liberté ! Mais s’il dAt étre trai que la Ré- 
publique Francala voniAt ensanglanter ses maids dans une 
guerre fratricide, et nòus imposer un gouvefneraent ^au 
quel nous ne voulons à aucun prix nona souraèttre } 1 ai- 
sociation da pays de Castro — Associazione Castrense **• 
proteste solenneliraent contre Cet attentai à rindépendaO- 
ce de son pays, et elle sé déclare prète à soutenir, lea ar- 
mes à la main, la solennité de ses parolcs. Francais I l’as- 
sociation du pays de Castro prend son nom d’une ancienne 
ville d’Italie qui rappelle un dea actes les plus barbares du 
despotisrae sacerdotal, et c’est debout sur les ruines pal- 
pitantes de cette raalheureuse cité que nous élevona aujourd 
hai au ciel rios mains librees de tonte entrave, pour for- 
niuler un serment solennel •— Deme dene jamaia rentrer sona 
le jourg clérical dùt-il nous en couter la viet la tnort n’est 
pas bien regrettable pour un people destiné à l’esclavage. 

Ce sermant nous serons préta à le maintenir par tona 
lesle moyens. 

Sur lea ruines de la Ville de Castro cc ag Avril 1849 
1. Année de la République. 

k k 


Digitized by Google 



.( 66i ) 

FRAKCESI f 


Quanto i tiranni tutti si collcgavano nel secolo scorso 
per imporre ai rostri padri la monarchia , la Francia iri- 
sorse come un sol uomo a difendersi dagl'invasori, e tan> 
to fu il «alore, con cui ne rintuzzò la potenza, che è 
quella appunto la piu bella , I.i più gloriosa pagina della 
storici vostra. Sarà ora possibile, che guerra ci venga da un 
popolo, di cui togliamo ad imitore gli esempi ? Benché 
tutte le apparenze del vostro arrivo fieno ostili ^ benché 
il territorio nostro sia stato già violato, pure noi speriamo 
ancora di non vedere tra le file de’ nostri nemici i soldati 
dì una Repubblica figlia della rivoluzione come la nostra. 
E' in questa lusinga, che noi veniamo, o Francesi, a dar- 
tri la mano di ami:i, ad invitarvi alla difesa di una cau- 
ta, che ci é comune. Ma se pur fosse vero, die la onora* 
fa milizia Francese dovesse lordarsi in una guerra diretta 
à soffocare la libertà di un popolo amico, e ad imporci un 
governo, che a nessun costo vogliamo, l'.Associazione Cistren- 
60 protesta solennemente contro questo utteniato alla indi- 
pendenza del paese, e si dichiara pronta a sostenere la pro- 
testa colle armic Francesi! l’Associazione nostra prende no- 
me da Una città , che rammenta mio degli atti più bar- 
bari del governo sacerdotale. Ebbene I Rinnùi oggi su quel* 
le tuitle noi rinnnoviamo il giuramento di non aver mai 
paèn con quel governo, e di affrontare la morte prima che 
perdere la libertà. Siate certi : noi sapremo mantenerlo. 

Dalle mine dì Castro li ag Aprile 184^. Anno 1, del- 
la tlepobbiica Romana. 

i 

Per l’Associazione Caitrenso 
Costantino De Andrei# Presidente 

Giuseppe Pala Segrttarh , 


Digilized by Google 



PBOVIIVCIA 

D I ' 

CIVITAVECCHIA 


Digitized by Google 




Digitized by Google 



( 665 ) 

CIVITAVECCHIA 


AL GENERALE 

COM àNDANtE LA SPEDIZIONE MILITARE DI FRANCIA 
NELMEDITERRANEO 

Il Municipio di CivitaTecchia 

^^iorni di felicità, o di speranze sorgevano non ha gua- 
ri per l'Italia , ed i popoli , perchè oppressi da lunga ser- 
TÌtù fidenti nei Principi, sorgevano, e combattevano al 
tanto grido rì'Jndifjendenza Nazionale, sicché il sangue dei 
generosi spenti dall’ armi della tirannide santificava fra 
iioi l’ardente voto di un popolo, quello di vivere indi- 
pendente, e libero nella propria terra. 

Quei giorni di felicità svanirono: il tradimento, e la 
frode fecero ogni opra per ricondurre l’ Italia a nuova 
abjezione, e ad umiliante disdoro. 

Pio IX, che avevamo adoralo Angelo rigeneratore d’Ita- 
lia, abbandonata dippoi la causa del Popolo, seguendo l« 
orme de'suoi Predecessori nel temporale dominio, sorgeva 
prima cagione di cotinta sventura. Patria , onore , vita , 
interessi, avvenire, grandezza, tutto eraci rapito per Esso 
che vittima fatale dell’arti della Casta Sacerdotale, face- 
vasi l’ardente allealo dei nostri persecutori. 

Cittadini di Francia! Generale, e Soldati della Re- 
pubblica ! Voi che immolandovi all'Altare della libertà ne 
Santificaste da tanti anni il principio , schiaccerete noi, 
che cospersi di sangue, e col seno aperto ancora di non 
rimarginate ferite consacrammo i nostri affetti alla Liber- 
tà, alla Indipendenza? 

Abbandonati dal Principe , il quale la causa di nostra 
nazionalità aveva condotta a ruinaj liberi nel nostro dirit- 
to, eleggemmo con nniversale, e . numeroso sulTiaggio di 
Popolo , come Voi, i nostri Rappresentanti all’ Assemblea 
Costituente Romana, ed Essi interpetri del voto del Po- 
polo, proclamarono fra noi il pih utile dei reggimenti 
politici, il Governo Repubblicano. Generale, e Soldati 
della Repubblica, Voi non calpesterete una gente in che 

He 3 


Digitized by Google 



( 666 ) 

•oU oggi sì concentra il fuoco sacro della libertà, spenta 
ovunque dalla preponente fona delle armi Croate, e Bor- 
boniche in quest» terra inlsUce. 

Soldati di Francia t Noi vi protendiamo fraternamen- 
te le braccia , perchè un popolo libero non può arrecare 
catene ad un popolo che tenta sorgere a libertà, perché 
nelle vostre mani non è il ferro parricida della nostra Re- 
pubblica , ma Tarmi che voi imlrrandiste sono a tutela del 
diritto della giusti?ia , sono guarentigia del debole, e dell’ 
oppresso. 

Noi fummo oppressi o Generale ; ed il Papato pri- 
ma sorgente delle sventure d’Italia non interrotte da se- 
coli nò, viva Dio, non sarà ripristinalo da voi se memori 
dell’antica gloria, delle tradizioni della fede -dei Padri, ri 
rammenterete che se soccorrere gli oppressi è 'debito più 
che virtù, Topprimere i deboli è infamia più che iradi- 

, * _i rt t ' wm. '* 

^ Il Municipio di Civitavecchia, prima dclu Città Ro- 
inane in ehe sventolerà il vessillo di Francia , rappresen- 
tando legittimamente il voto della Popolazione fa * Voi 
protesta di ano fede politica»- Fra Noi 1 ordine regna , e non 
Pamreh»: qui ha rispetto U legge. Alle aspirazioni di li- 
bertà svegliavasi il nostro Popolo, e saprà raggiungerla se 
nn crnflele destino non vorrà che quivi per opra dei fra- 
telli soccomba il fuoco di libertà che ci anima , e che ci 
Fende fedeli alla Repubblica Romania , la quale sosterremo 
costanti cosi nei giorni della gloria , se questi sorgeranno 
per noi , come nei tempi della sventura se essa (tolgalo Id- 
dio) pur ne colgori 

Generale! Sianvi espressione questi voti del sentire del- 
le nostre Popolazioni, che Voi, e la vostra armata benedi- 
ranno- se a noi sarete fratelli che ci soccorrono negli istanti 
di sventura ; fidenti che giammai potrà sorgere il giorna 
in che Italia abbia ad esecrare, e additare all.» infamia dei 
Posteri l’onorato nome di quella Francia , al fianco de’ cui 
prodi combattevano i Nostri Padri nei giorni felici di sua, 
gloria , da coi si dividevano con giur.jiiiento di fratellanza 
alloraquando una grave sventura pur colpiva la vostra PatrÙL, 
Accogliete Generale l’amplesso di amore che per noi 
v’offre questa Popolazione fidente nella ncbiltà ft nell’ onore 
dalla Naaione Francese., 

Piva la Repubblica Franeest 
E Dio salvi e la Francia y 
E la Repubblica Romana 


Digitized by Google 



Votato ad imanimilà dulia piena Adunanza Municipal* 
qucito di 25 Aprile 1849 ore 6 antimeridiane. 

i Rappresentanti del Popolo 

Giuseppe Boscaini Gonfaloniere 

Domenico Bartolini Anzieno ^ . , 

Attilio Brauzzi Anziano ■ . . 

Gaetano Lanata Anziano ‘ ‘ 

Felice Guglielmi Anziano „ * . 

Antonio Baghclti Consigliere 

Giuseppe Brnzzesi Consigliere 

Settimio Sposito Consigliere 

Antonio Gasparri Consigliere 

Giuseppe Ferri Consigliere 

Luigi Alibrandi Consigliere 

Gio. Battista Fraticelli Consigliere 

Luigi Freddi Consigliere ^ ' • 

Antonino Ceccarelli Consigliere 

Giovanni Bartoli Consigliere 

Pietro Marchetti Consigliere 

Francesco Cacciottola Consigliere . 

Filippo Albert Consigliere 

Antonio Albert Consigliere . 

Andrea Bregoli Consigliere 
Salvatore Marinelli Consigliere ^ 

Luigi Galli Consigliere 


kki 


Digilized by Google 



( 668 ) 

repubblica romana 

Comune di Monlallo di Castro nella Provincia 
di Civita Vecchia li * Maggio 18*9 


Noi iottoicrltti dichiariamo di aderire pienamente alle 
protetta emetta dai nostri Rappresentanti contro qualunque 
ostile interrento straniero, e di sostenere cou tutte le ii<-ttte 
forre il Decreto Fondamentale dell’ Assemblea Costituente 
dei 9 Febbrajo anuo corrente, 

Gio. Biasi Priore Comunale 
Luigi Bissi 

Bernardino Ferri Anzi^tuo 

Giacomo dott. VVanstienchist Med. Condotto 

Pietro Coleine Se". Municipale 

Saverio Brngnoli Sergente di Finanza 

Cesare Cesarini 

Achille Ferretti 

Gioacchino Funi 

Pietro Alessandrini 

Giuseppe De Santis 

Giuseppe Soldi • 

Egidio Alessi . . N . 

Domenico Paolinì - - 

Giuseppe Vallerani - 

Giuseppe Fortunati „ - 

Pietro Desantis 

Crofee di Ermenigildo Bianchi 
Luigi Velletti 
Giuseppe Capotonoi 
Crocce di Serafìiro Regolis 
Domeoico Cesarini 
Francesco Brozzetti 
Eugenio Cupidi 
Camillo Cupidi 
Antonio Ortenzi 
Palombi Filippo 
Casimirro Desantis 
Francesco Trita 


Digitized by G* -ogle 



( 663 ) 


Gio. Lagnani 
Crofce di Paolo Sccrpini 
Dott. Benedetto Baldassarri Romano 
Domenico Matelli 
Tommaso Tommasi 
Salvatore Grani 
Luigi Cerasa 
/Antonio Governatori 
Crofce di Angelo Lordi 
Rituendo Escrini 
Alfonso Maria Grispini 
Carlo Valentini 

Benvenuti Ercole G. Doganale 
Crofce di Agostino Oitavianelli 
Crofce di Antonio Cardarelli 
Crofce di Tommaso Carmignaiii 
Crofce di Pasquale Marchetti 
Quirino De Sanctis 
F. Pasqualini 

Darpìni Pietro Soldato di Finanza . 
Domenico Scorzolini idem 
Gregorio Secchi 
Corintia Polidori Biasi 
Paolina Biasi Culeine 
Teresa Uevvitten Baldassari, 

Maria Antonia Valleranì 
Lucia Sbarna 

Caterina Legnani Costantini 
M. Teresa Pasqualini 
Rosa Foschi Villotti 
Felice Curii Ferretti 
Teresa Governatori 
Crofce di Francesca Lordi 

Vi>fo per la legalità delle firme 

Il Priore Comunale •> Gio. filasi 


Digitizod'by Google 



DIgitIzed byGoogle 


PKOVIIVCIA 

DI 

Olì VIETO 


Digitized by Google 



1 






Digitized by Google 



( ; . 

.0 ,.R V: .. 


m 


cittadini 

‘lì . M- «T\ 3 f'' 


della 


r:v ib b'o'cc- .•»; >3‘T’ 


/.T 
1 . 


REPUBBLICA liOMAISA*- ? : o j 1' .^.xv . jld 

I i I ■ , .1 > •' . ■ 


'cr--Ti 


• cccq isti 

. -, jg 


•■ Ai Rappresentami della nostra Provincia' , Peli! Àisetft*^ 
lilea CosiilueVtt'c di nóTlva'(|tìandb della elezióne del 'GQyèt'-^'i' 

no che più convenisse agli Stali Romani Iraìtadasì Y ped 
nifzzo del Ciicolo Popolare <ju est a Città espresse^ apcrlp il 
voto silo perchè' tidéllò'RcpiiHblieanb tscrusìvamc^ 
nissc prescello. n ... .... .. 

Oggi che i Francesi contro ogni diritto , e con mani- 
festa violazione delle loro Leggi intendono distruggere la 
Romana ItepuhMica , non possiamo non sentirci scossi da 
freniiio , da indignazione alla sola idea, che Voglia com- 
piersi u;i alto così contrario ai nostri pensieri , si lenti ri- 
gettarci in quello stalo di abiezione dal quale ci trasse 
straordinaria serie di fatti. 

Quindi è che innanzi a Dio , agli uomini, alle Nazio- 
ni c Popoli liberi protestiamo contro Toffesa che sentimmo 
nel prolondo dell’animo , come quella che ne percuote nell’ 
onore , e ne uccide civilmente , c dichiariamo che raltifi- 
cando lutto quanto ha deciso in proposito l’Assemblea Co- 
stituente Romana , intendiamo voler ad ogni patto sacri» ed 
illesi i rivendicali nostri diritti. 

Orvieto 3 Maggio tSIO. 


Mallio De Angelis Preside 

Giuseppe Frczzolini Gonfaloniere per il HDinicipìo 
Alessandro Alessandroni Prc-^idenle del Tribunale 
Giuseppe Tomassoni Assessore 
Odoardo Ravizza Tenente Colonnello e Comandan- 
te la Piazza per la Guardia Nazionale 
Alessandro Biancnini Vice - Direttore pel Circolò 
Popolare 

Gio. Battista Barbi Capitano Comandante la Guar- 
dia di pubblica sicurezza 


Digitized by Googl 



I STO 

La RipprfMQtanta Municipale e il Circolo Popolare 
DI SANTO GEMINI 
Unanimemente 

per U parola di voi Cittadini Triumviri e dell' Assem- 
blea Costituente mandano alla Francia dicendo che i diritti 
dei popoli sendo imperscrittibili per tutti , male colla forxa 
•i conculca il debole e che il Soldato Francese lerendo il 
petto di Repubblicano Romano , Sgherro dell' Anstria ne por- 
ta r esecrazione. 

Seguono le firme dei Rappresentanti del Municipio , e 
dei Sk/ del Circolo Popolare, 


Digitized by Google 



S, B, GH atti consiliari di molti {dunicipj della 
Provincia di Bologna di cui parlò la Gazzetta bologn»* 
ae , e il Monitore Romano ^ non ci giunsero a tempo » 
per le gravi circostanze phe sopravvennero a quella 
sventurata contrada. 


Digitized by Google 



Digitized by Googl 


INDICE 

DEL PROTOCOLLO 




A 

Acquacanina — pag. 445. 
Acqualagna— £6^ 
Acquapcndcnte-^08. 
Acquasanta — 390^ 

. Acquasparta — 53T. 

Alfonsine — tOO. 

Amelia— 858. 

Ancona — 24 t . 288> 

Idem Console Francese — 24 1 . 
Apiro — 333. 

Arcevia — 257. 507. 

Argenta — 54. 79. 

Ascoi ì — 4t2. 

Assisi — 497. .504. 806. 

B 


Bagnaja — 6t5. 

Ba^ara — 93. 

Bagiiacavallo — 73. 80. 86. 87. 
Bagnorea — 388. 64~^ 

Barbara — 248. 

Barbarano — 622. 

Sarchi — 202. 

Bassanello — 020. 

Bassano — 620. 

Beiforte di Macerata — 5t5. 
Belvedere di Ancona — 280. 
Bettona — 303. 


Digitized by Google 


Bevagna— 526. K2à. 660 . BS6. 
Bieda — 6<». 

Bologna — 2^ . 25. 26. 27. 28. 
Bomarzo — 618. 

^ndeno — 42. 

Brisighclla— Ì07. 

Budrio — ^ 


C 


figli — ne. 249. 

Caldarola^47.5. 

CamcraLi — 27f>, 

Camerino— 423. 456. 4S8. 478 . 
Candelara — 209. 
fincpina — 64 C. 

Canino — 630. 
fipodimontc — 624 . 
fiprarola — 395. 623. 

Cartoccto — 24 4. 24 5. 3.‘4o. 
Castelbianco — 283. 

Castel Bellino — 340. 

Castel Bolognese — 4 06, 

Castel Cellese— 589. 

Castel dementino — 377. 
Gistclfidanlo — 233 . 290. 

Castel Leone — 252. 

Castel Planio — 249. 283. 

Castel Raimondo — 444. 

Castel S. Elia — 6 4 4 . 

Castel Vecchio — 325. 

Castiglione — 240. 

Castignano — 407. 

Castorano — 592. 

Castro {Associazione) — 664. 
Cellere c Pianiano — 624 . 

Cervia — 98. 

Cesena — 4 34 . 

Chiaravalle — 282. 294 . 
dngoli— 343. 339. 367. 

Civita Casl^aha^6577 ~ 

Civita Vecchia— 663. 


CodÌRoro — 45. 

Città di Castello— 495. ^ 3i7. 
Col Murano — 529. 

Comacchio— 47. 

Comunanza — 41 4 . 

Consei ice — 85. 504 . 

Coppa ro — 39. 

Corchiano — 612. 

Corinaldo — 254. 

Copiano — 4 25. 

Cori — 6. 

Costacciaro — 4 58. 

Cotignola — 65. 


Fabrìca — 622. 

Fabriano — 34 1 . 

Faenza — 92. 95. 4 15. 4 44. 

Idem i Romagnoli — 4 44. 147. 
Fano— 4 64. 236" 

Fermo— 374. 584. 

Fermignano — 4 67. 

Ferrara— 55. §4. 

Fiastra — 446. 

Filo — 57. 

• Filotlrano — 335. 

Finigli — 4 66. 

Fiordimonlc^454. 

Firenzuola — 4 83. 

Fiuminata — 455. 

Folignano — 499. 

Fossombrone— 4 53. 4 75. 220. 
Forlì- 4 24. 429. 430. 454. 
Foligno— 489. ^ S44. 519. 
Fussignano — 62. 


F 



Gabicc-— 94. 

'' liole — 450. 
lese — 624 . 



Digilized by Google 


Genga — 350. 

Ginestreto — 204 . 

Gradara — ^84♦ 

Graffignano — 599. 62C. 
Grotta di Castro-^6t0. 
Grotlammare — 57S. 

Grotte S. Stefano — 6ifL 
Gualdo Tadino — 490. 508. 


Macerata — 565. 
Mainarda — 52. 

Ma jolati— 272.^510. 

Macerata Feltrìa ^ 8i . 
Magliano — 5. 

Mài tignano — 44 0. 

Marano — 581 . 

Massaccio — 224. 309. 

Massa Lombarda — 33. 83. 84. 
Massi gnano — 57 5 . 

Matei ìca— -356. 

Mesola^ — 74. 82. 

Migliaro — 67. 

Minerbio — 50, - 
Mombaroccio — ^ 64 . 

Monda vip — 4 95. 22^ . 
Mondolfo— ISO. 179. 


S 


Jesi— 27^ . 306. 


Isola — 178. 


L 


Lagosanto-r-71. 
Lama — 58^ 
Lunano — 1 69. 
Loreto— 317. 551. 



1 


Monsempolo— 5. 44S. 417» 
JMontalboddo — 29f. 299. 

Jlonle Ciccardo — 201 . 
Montallo di Castro — GOS. 
Monte Fano — 3.91 . 

Monte Fiascone— 623. 

Monte Fortino — 406. 

Monte Callo — .399. 

Monte Granaro — 378. 

Monte Cupone — 344. 567. 
Monte Mas^iore — 24 0. 

Monte IMarciano — 276. 287. 
Monte Milonc — 526. 

Monte IN uovo — 244. 

Monf Olmo — 3 1 9, 


Monte Prandonc — 408. 

Monte Roberto — 259. 268. 510. 
Monte Rubbiano — 574. 

Monte San Martino — 534. 

IMontc San Polo — 398. 

]\Ioutc Santo — 538. 

Slonte San Vito — 236. 302. 308. 
Montropoli — i03. 

Mordano— 627. • 

Morrovallc— 336. 

Mosciano — 263. 


Monte Porzio — 563 



Karni — 644 . 551 
Nepi — 6t9. 
INidastore— 234. 
ISovilare — 463. 



Offida— 596. 
Onano — 64 L, 
Olle- 628. 


Digitized by Google 


Ortesano — 2S$. 
Orvieto — 673. 
Osimo — 255. 
Osteilato — 69. 


P 


Pagliare — 394. 

Pergola — tOO. 223. 

Perugia — 483. 487. 342. 
Pesaro— 207. 246. 247. 
Petritoli — 376. 

Piaggia — 4 47. 

Piandimiieto — 1 55. 

Pianiano e Celierc — 624. 
Pieve — 54 . 

Pieve Bovigliana — 447. 

Pieve Torina — 443 . 452 . 4 70. 
Pioraco— 442. 

Poggio Renatico — 25. 
Pontelagoscuro — 67. 

Porto Maggiore — 36. 

Proceno — 644. 



Qoartesana — 53. 


R 

Ravenna — 94. 409. 442, 

Recanati — 354. 

Ripaberarda — 392. 

Ripatransone — 382. 

Ridi— 364 . 

Roma— 5. 4. 44. 43. 44. 45. 

Idem i Francesi residenti — 42. 
Roccalvecce — 586. 

Ronciglione — 598. 626. 

Rossi — 408. 448. 


s 


• Saltara — ^88. 

San Gemini — 674. 

SanTA^ata — 85. 

Sant’Angelo in Liezzola — 525. 
Sant’Angelo in Pontano— 264 . 3<6. 
Sant’Angelo in Vado — 2^ 
Sant’Arcangelo — \ 22. 

San lìenedeito— 409. 419, 420. 

San Costanzo — 448. 4 54 . 

San Ginesio — 3ì>3. 

San Giovanni — 623. 

San Giorgio — 96. 

San Leo— -4 8^ 

San Lorenzo — 644. 

San Lorenzo in Campo — 205. 235. 
San Marcello — 284. 

San Martino — {Vilerbó) 64 S. 

San TNiccolò — 24 . 

San Severino — 346. 366. 

San Stefano — 585. 

Sant’Elpidio — 379 
Santa Maria — 394 . 

Sai-nano— 328. 565. 

Sarsina — 4 24 . 

Sasso — 349. 

Sasso Fellrio — 4 70. 

Sassoferrato — 332. 

Savignano — 4 33 ~4 35. 

Scapoli — 494. 

Schieggia — 4 52. 

Sefri — 449. 

Senigallia — 4 98. 233. 

Serrapetrona — 444 . 

Serravalle — 434. 

Serra de’Conti— 266. 

Serra S. Quirico — 555. 

Sipiviano — 392. 644. 

Solarolo — 4 03. 

Soriano — 627. 635. 

Spello— 488. 


Digitized by Google 


Spoleto — >534 . 
Slaffolo— 278. S04, 



Temi — 1)40. 

Todi — 300. 

Tolentino — 522.* 56t . 
Torre — 49t . 

Treja — 347. 


U 

Universitari ( Circoli ) — 7 . 
Urbania — 4 36. 214. 
Urbino— 4 93. 248. 
Urbisaglia — 327. 


V 

Vallerano — 590. 647. 
Vetralla — 625. 

Vigarano — 52. 

Vignanello — 64 7 . 
Viterbo— 367. 383. 649, 
V itor chiane — 6 2 9 . 
Voghicra — 49. 




Digitized by Google 



Digitized by Google 



Digiiized by Google